Altri Economisti » Selezione della Settimana

Chi ha paura della Teoria Monetaria Moderna? Di James K. Galbraith (da Project Syndicate, 3 dicembre 2020)

 

Dec 3, 2020

Who’s Afraid of MMT?

JAMES K. GALBRAITH

zzz 72

AUSTIN – As anyone who has ever been responsible for legislative oversight of central bankers knows, they do not like to have their authority challenged. Most of all, they will defend their mystique – that magical aura that hovers over their words, shrouding a slushy mix of banality and baloney in a mist of power and jargon.

As a result, tormenting central bankers is great fun. John Maynard Keynes famously tormented Montagu Norman, Governor of the Bank of England (BOE) from 1920 to 1944. Wright Patman and Henry Reuss, two US congressmen who chaired the House Banking Committee in the 1970s, did the same to Federal Reserve Chair Arthur Burns. I know that Reuss enjoyed it; I assisted him at the time.

In our day, the voices of Modern Monetary Theory perturb the sleep not only of present central bankers, but even of those retired from the role. They prowl the corridors like Lady Macbeth, shouting “Out damn spot!”

Two fresh cases are Raghuram G. Rajan, a former governor of the Reserve Bank of India, and Mervyn King, a former governor of the BOE. In recently publishedcommentaries, each combines bluster and condescension (in roughly equal measure) in a statement of trite truths with which one can, for the most part, hardly disagree.

But Rajan and King each confront MMT only in the abstract. Neither cites or quotes from a single source, and neither names a single person associated with MMT.

For example, King begins, “If you can’t explain something, try an abbreviation. The latest in economics is MMT – Modern Monetary Theory or, in other words, a magic money tree.” Does King mention that there are whole books explaining MMT, including The Deficit Myth, a current bestseller by a fully credentialed economics professor, Stephanie Kelton? He does not. Nor does Rajan mention books by Pavlina R. Tcherneva of Bard College or L. Randall Wray of the Levy Institute, to mention just three prominent exponents of the MMT school.

The inconvenient fact that two leading advocates of MMT are women will perhaps have caught the reader’s notice. Especially given the record of modern mainstream economics with respect to its female practitioners, it would be too generous to attribute the omission of names to a misplaced chivalry. One rather suspects that King and Rajan know very well who Kelton and Tcherneva are. Both are forceful and formidable foes, of exactly the type that central bankers tend to fear.

King and Rajan characterize MMT as an argument about the low cost of “printing money.” In King’s description, the thinking is that money created by the central bank can “be given to the public … to enable people to spend more, so raising output and employment.” He then claims that such an approach has already been tried, “from Roman emperors through Henry VIII and the Weimar Republic to present-day Zimbabwe and Venezuela.” That does sound pretty bad.

But those with long enough memories may recall the turbulent spring of the year 2020, when in the face of the COVID-19 collapse, the United States disbursed $2.2 trillion in fresh money to the public to enable people to spend more, thereby raising output and employment. The US economy did not have a great year in 2020; but it did not experience runaway inflation. It did not become Zimbabwe, Venezuela, or the Weimar Republic. Is it possible that King did not notice this? Rajan, to his credit, does not push quite so hard on the Zimbabwe string.

King and Rajan both complain that MMT is not new, and this is a sure “tell” that neither has done his homework. MMT advocates do not claim novelty. Unlike their critics, they understand that “modern” and “new” are not precise synonyms. The word “modern” in MMT is deployed in the precise sense used by Keynes in his 1930 Treatise on Money, in which he describes the nation-state’s prerogative to define what money is for those subject to its laws: “This right is claimed by all modern states, and has been so claimed for some four thousand years at least.” It is a bit sad – even shocking – that King, one of my contemporaries at King’s College, Cambridge, has so thoroughly forgotten his Keynes.

What, then, is MMT? Contrary to the claims of King and Rajan, it is not a policy slogan. Rather, it is a body of theory in Keynes’s monetary tradition, which includes such eminent thinkers as the American economist Hyman Minsky and Wynne Godley of the UK Treasury and the University of Cambridge. MMT describes how “modern” governments and central banks actually work, and how changes in their balance sheets are mirrored by changes in the balance sheets of the public – an application of double-entry bookkeeping to economic thought. Thus, as Kelton writes in the plainest English, the deficit of the government is the surplus of the private sector, and vice versa.

MMT shares Keynes’s view that a proper goal of economic policy in a sovereign and developed country is to achieve full employment, buttressed by a guarantee of jobs to all who may need them. This is a goal that I helped write into law in the US under the Humphrey-Hawkins Full Employment and Balanced Growth Act of 1978, along with balanced growth and reasonable price stability. With occasional successes in practice, this policy objective, known as the “dual mandate,” has been the law of the land in the US ever since.

In short, as an example of good economics made popular, accessible, and democratic, MMT represents what central bankers have always feared – as well they might.

 

Chi ha paura della Teoria Monetaria Moderna?

Di James K. Galbraith

 

AUSTIN – Come sa chiunque sia stato responsabile per la supervisione legislativa dei banchieri centrali, essi non gradiscono che la loro autorità venga sfidata. Soprattutto, non smetteranno mai di difendere il loro alone di mistero – quell’aura magica che aleggia sulle loro parole, velando una stucchevole combinazione di banalità e di sciocchezze in una nebbia di potere e di espressioni gergali.

Di conseguenza, infastidire i banchieri centrali è un gran divertimento. Notoriamente John Maynard Keynes faceva disperare Montagu Norman, Governatore della Banca di Inghilterra (BOE) dal 1920 al 1944. Fecero lo stesso nei confronti del Presidente della Federal Reserve Arthur Burns, Wright Patman ed Henry Reuss, i due congressisti statunitensi che presiedettero la Commissione Bancaria della Camera dei Rappresentanti negli anni ’70. So bene che Reuss ci godeva; all’epoca era suo assistente.

Ai nostri giorni, le voci della Teoria Monetaria Moderna (MMT) turbano i sonni non solo dei banchieri centrali attuali, ma persino di quelli in pensione. Si aggirano per i corridoi come Lady Mavbeth, urlando “Via, maledetta macchia!”

Due casi recenti sono Raghuram G. Rajan, un passato Governatore della Reserve Bank dell’India, e Marvyn King, un passato Governatore delle Banca di Inghilterra. Ambedue, in recenti commenti pubblici, mescolano sbruffonate e aria di sufficienza (in quasi eguale misura) nel dichiarare verità banali con le quali, per la massima parte, difficilmente si può non essere d’accordo.

Ma sia Rajan che King affrontano la Teoria Monetaria Moderna solo in astratto. Nessuno dei due menziona o cita da un fonte precisa, e nessuno dei due nomina una singola persona associata alla MMT.

Ad esempio, questo è l’esordio di King: “Se non potete spiegare qualcosa, provate con una abbreviazione. In economia, il caso più recente è la MMT – Teoria Monetaria Moderna o, in altre parole, l’albero della moneta magica [1].” Forse che King riferisce che vi sono libri interi che spiegano la MMT, compreso Il mito del deficit, l’attuale bestseller di Stephanie Kelton, una professoressa di economia che gode di indiscusso credito [2]? Non lo fa. Né Rajan cita i libri di Pavlina R. Tcherneva del Bard College o di L. Randall Wray del Levy Insitute, per ricordare soltanto tre eminenti esponenti della Teoria Monetaria Moderna.

Il fatto sconveniente che due dei principali sostenitori della MMT siano donne forse avrà catturato l’attenzione del lettore? Particolarmente considerato il record dell’odierna economia convenzionale nei confronti delle sue praticanti femmine, sarebbe troppo generoso attribuire l’omissione dei nomi ad una mal riposta cavalleria. Viene piuttosto il sospetto che Rajan e King sappiano molto bene chi siano la Kelton e la Tcherneva. Sono entrambe energiche e formidabili avversarie, esattamente del genere di cui i banchieri centrali tendono ad aver paura.

King e Rajan definiscono definiscono la MMT come una tesi sul basso costo dello “stampare moneta”. Nella descrizione di King, il ragionamento è che la moneta creata dalla banca centrale può “essere data alla popolazione … per consentire alle persone di spendere di più, in tal modo aumentando la produzione e l’occupazione”. Poi egli sostiene che un tale approccio è già stato provato, “dagli imperatori romani a Enrico VIII alla Repubbica di Weimar allo Zimbabwe e al Venezuela nei giorni presenti”. Il che sembra piuttosto negativo.

Ma quelli che hanno una memoria sufficientemente lunga possono rammentare la primavera turbolenta dell’anno 2020, quando di fronte al collasso del Covid-19,  gli Stati Uniti sborsarono 2.200 miliardi di dollari di denaro fresco alla popolazione, per consentire alla gente di spendere di più, in tal modo aumentando la produzione e l’occupazione. L’economia statunitense non ha avuto una grande annata nel 2020; ma non ha conosciuto una inflazione fuori controllo. Non siamo diventati lo Zimbabwe, il Venezuela o la Repubblica di Weimar. È possibile che King non si sia accorto di questa notizia? A suo merito, Rajan non ha spinto così avanti la litania dello Zimbabwe.

Sia King che Rajan si lamentano che la MMT non è una novità, e questo è un “indizio” sicuro che non se lo sono studiato. I sostenitori della MMT non rivendicano novità. Diversamente dai loro critici, essi comprendono che “moderno” e “nuovo” non sono esattamente dei sinonimi. Nella MMT la parola “moderno” viene impiegata precisamente nel senso in cui la utilizzava Keynes nel suo Trattato sulla moneta del 1930, nel quale egli descrive la prerogativa dello Stato-nazione per definire che cosa sia la moneta per coloro che sono soggetti alle sue leggi: “Questo diritto è rivendicato da tutti gli Stati moderni, ed è stato rivendicato in quanto tale per qualcosa come almeno quattrocento anni”. È un po’ triste – persino impressionante – che King, uno dei miei coetanei al King’s College di Cambridge, abbia così completamente dimenticato il suo Keynes.

Che cose è, allora, la Teoria Monetaria Moderna? All’opposto di ciò che sostengono King e Rajan, essa non è uno slogan politico. Piuttosto, è un corpo di teorie nella tradizione monetaria keynesiana, che include eminenti penatori come l’economista americano Hyman Minsky e Wynne Godely, del Tesoro britannico e della Università di Cambridge. La MMT descrive come i Governi “moderni” e le banche centrali in effetti operano, e come i cambiamenti nei loro equilibri patrimoniali siano rispecchiati dai cambiamenti negli equilibri patrimoniali del pubblico – una applicazione al pensiero economico della contabilità a duplice entrata. Quindi, come scrive la Kelton in un linguaggio semplicissimo, il deficit del Governo è il surplus del settore privato, e viceversa.

La Teoria Monetaria Moderna condivide il punto di vista di Keynes secondo il quale un obbiettivo corretto della politica economica in un paese sovrano e sviluppato è realizzare la piena occupazione, sostenuta da una garanzia di posti di lavoro per tutti coloro che ne hanno bisogno. Questo è l’obbiettivo che io contribuii a inserire nella norma statunitense della Legge sulla Piena Occupazione e la Crescita Equilibrata  di Humphrey-Hawkins del 1978, associando alla crescita equilibrata una ragionevole stabilità dei prezzi. Da allora, con occasionali successi nella pratica, questo obbiettivo politico noto come “duplice mandato”, è stato legge dello Stato negli Stati Uniti.

In breve, come esempio di buona economia reso popolare, accessibile e democratico, la Teoria Monetaria Moderna rappresenta quello che i banchieri centrali hanno sempre temuto – come in effetti era logico che temessero.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Le cui iniziali in inglese sarebbero anch’esse ‘mmt’.

[2] Stephanie Bell Kelton (10 ottobre 1969) è un’economista statunitense, tra i principali autori della Teoria della Moneta Moderna e attualmente economista capo presso la minoranza Democratica della commissione bilancio del Senato USA. Nei mesi recenti ha collaborato con Bernie Sanders nelle primarie democratiche e successivamente ha fatto parte del gruppo che ha lavorato sul programma di Joe Biden.

zzz 71

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"