Altri Economisti » Selezione della Settimana

Come perdere un paese europeo, di Yanis Varoufakis (da Project Syndicate, 30 novembre 2020)

 

Nov 30, 2020

How to Lose a European Country

YANIS VAROUFAKIS

zz 609

ATHENS – “This is no time for sadness, we are too pissed off,” the head of an intensive care unit at a hospital in my Thessaloniki constituency told me recently. Along with his staff of dedicated doctors and nurses, he had not slept the previous night, which he evocatively described as “our Night of St. Bartholomew.” I asked why he was fuming. “I lost a 43-year-old who could have been saved,” he replied angrily, adding: “But it is the lies, the damned lies, and the propaganda that drive me mad.”

Greece had a good first wave of COVID-19, but the second wave caught the government utterly unprepared. Insiders at hospitals in northern Greece, like the ICU chief I spoke to, now compare their situation to northern Italy’s in early spring.

But little information about the current horrors seeps into the public domain. One reason is that government-appointed hospital managers threaten staff with nasty repercussions if they speak to the media. Another is that during the pandemic, the media have become fully dependent on large grants that the Ministry of Information (Orwell lives!) dispenses at the minister’s whim.

In recent weeks, the police have begun investigating medical personnel who had announced small symbolic strikes to protest staff shortages. As November 17, the 47th anniversary of an anti-fascist student uprising – and a focal point for protesters in Greece every year – approached, the police issued a four-day nationwide ban on outdoor gatherings of more than four people. The pandemic was the excuse; stamping out dissent was the reason.

MeRA25, the party I lead, had a long internal debate on how to respond to the draconian decree. We opted for a moderate response. We would call on members of the public, our party, and our youth wing to stay away, respecting the restrictions against the virus’s transmission.

But to challenge the weaponization of the pandemic to ban all protest, especially by medical staff, seven of our members of parliament would walk along the traditional march route, complete with masks and ample social distancing. As the Constitution guarantees freedom of movement to parliamentarians, our decision was both responsible and legal.

During our symbolic march, hundreds of young policemen and policewomen, defying all social distancing rules, tried to impede our seven MPs. As we were approaching the end of our route, we were caged in by a human chain of more than a thousand police. Meanwhile, the prime minister, the president, and another 20 people strolled down the road toward the Athens Polytechnic to lay a wreath.

Seven hours later, our MPs were still caged in by a huge police force, even after the road was opened to normal traffic and people going about their business. The message was clear: Opposition MPs’ constitutional rights have been annulled de facto.

Proof that this was no accident came in the next few days. On November 25, International Day for the Elimination of Violence against Women, while MPs paid lip service to the issue, police outside arrested nine prominent, socially distanced feminists for daring to demonstrate in support of the very same cause. Meanwhile, the district prosecutor’s office announced that opposition MPs, including me, were being investigated for violating movement restrictions which, according to the Constitution, do not apply to us.

Now the government has used its parliamentary majority to dispel all remaining doubt about its anti-democratic intentions, voting to strip one of our MPs’ parliamentary immunity and drag her through the courts for something she said in the chamber. And her words happened to be true, in addition to being protected: police provocateurs, hooded and dressed as anarchists, have been recorded blending in with demonstrators and occasionally inciting violence. Not even in the tumultuous 1960s was an MP stripped of legal immunity for words spoken on the floor of our parliament.

Only a year ago I was reading Ece Temelkuran’s book How to Lose a Country: The 7 Steps from Democracy to Dictatorship, a heart-wrenching account of Turkey’s descent into a parliamentary dictatorship. Little did I know then that, a year later, her book would resonate like a documentary of developments here in Greece. The signs began to appear soon after the conservative New Democracy government took office, well before the pandemic.

Riot police invaded university campuses to please the right wing of the governing party. Almost every TV and radio station peddled slavishly the line that the new government would “make Greece great again.” Wretched refugees were referred to by government ministers as “illegal invaders,” precipitating the illegal and murderous order given to Greece’s Coast Guard to repel into stormy seas flimsy vessels overladen with desperate men, women, and children.

Meanwhile, ill winds are blowing in the justice system. At the beginning of 2020, the president’s term expired. The government, having succeeded in amending the Constitution so that it could elect the new president with a simple parliamentary majority, selected as its candidate the acting president of the Council of State. In effect, the message to top judges, who face compulsory retirement at age 67, was: Refrain from ruling against the government and a cushy job awaits you.

At a time when liberal Europe is fretting over Hungary and Poland, which are vetoing the EU’s budget in defense of their illiberal regimes, no one seems to be noticing that other EU member states, like Greece, are taking after them. Back in 2015, I commented that tanks were no longer necessary to overthrow Greek democracy. Bank closures sufficed.

Five years later, the transition to postmodern parliamentary dictatorship is well advanced. A few days ago, on Armed Forces Day, an image of a tank, along with fighter planes and missiles, was projected against the façade of Greece’s Parliament. There, in front of Syntagma Square, traditionally the site of both pro-democracy demonstrations and the tank parades that repeatedly marked the suspension of democracy, the writing was on the wall.

 

Come perdere un paese europeo,

di Yanis Varoufakis

 

ATENE – “Questo non è il momento per la tristezza, ci girano troppo le scatole”, mi ha detto di recente il capo di una unità di terapia intensiva in un ospedale della mia circoscrizione in Tessalonica. Assieme alla sua squadra di impegnati dottori e infermieri, non aveva dormito la notte precedente, che descriveva suggestivamente come “la nostra notte di San Bartolomeo”. Gli avevo chiesto perché fosse arrabbiato. “Ho perso una persona di 43 anni che avrebbe potuto essere salvata”, mi aveva risposto nervosamente, aggiungendo “Ma sono le bugie, le dannate bugie, e la propaganda che mi rendono furioso”.

La Grecia aveva avuto una prima ondata di Covid-19 passabile, ma la seconda ondata ha preso il Governo completamente impreparato. Gli addetti ai lavori negli ospedali nella Grecia settentrionale, come il capo delle unità di terapia intensiva con il quale ho parlato, adesso paragonano la loro situazione al Nord Italia agli inizi della primavera.

Ma poca informazione sugli orrori in corso trapela nella sfera pubblica. Una ragione è che i manager nominati dal Governo minacciano gli staff di odiose ripercussioni se parlano con i media. Un’altra è che durante la pandemia, i media sono diventati pienamente dipendenti da ampi sussidi che il Ministro dell’Informazione dispensa a capriccio del Ministero (Orwell vive!).

Nelle settimane recenti, la polizia ha cominciato a indagare sul personale medico che aveva annunciato piccoli scioperi simbolici per protestare per le carenze di personale. Nel mentre si avvicinava il 17 novembre, il 47° anniversario di una rivolta antifascista degli studenti –  e ogni anno, in Grecia, una occasione di incontro dei manifestanti – la polizia ha emesso una proibizione per quattro giorni in tutto il paese di assembramenti pubblici di più di quattro persone. La pandemia è stata la scusa; la ragione era sradicare il dissenso.

Il Fronte Europeo della Disobbedienza Realistica (MeRA25), il partito che io dirigo, ha avuto un lungo dibattito su come reagire al decreto draconiano. Abbiamo scelto una risposta moderata. Avremmo lanciato un appello all’opinione pubblica, al nostro partito e al nostro settore giovanile per tenersi alla larga, rispettando le restrizioni contro la trasmissione del virus.

Ma per sfidare l’uso delle pandemia come arma per proibire tutte le proteste, particolarmente da parte degli operatori sanitari, sette dei nostri membri del Parlamento avrebbero sfilato lungo il percorso tradizionale della marcia, forniti di mascherine e con un ampio distanziamento sociale. Dato che la Costituzione garantisce la libertà di movimento ai parlamentari, la nostra decisione era sia responsabile che legale.

Durante la nostra marcia simbolica, centinaia di giovani poliziotti e poliziotte, sfidando tutte le regole di distanziamento sociale, hanno cercato di ostacolare i nostri sette parlamentari. Mentre ci stavamo avvicinando alla fine del nostro percorso, siamo stati ingabbiati da una catena umana di più di un migliaio di poliziotti. Nel frattempo, il Primo Ministro, il Presidente e un’altra ventina di persone passeggiavano sulla strada dinanzi al Politecnico di Atene per deporre una corona di fiori. Il messaggio è stato chiaro: nei fatti i diritti costituzionali dei parlamentari dell’opposizione sono stati annullati.

La prova che questo non era stato un incidente è venuta pochi giorni dopo. Il 25 novembre, la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, mentre i membri del Parlamento a parole celebravano l’evento, all’esterno la polizia arrestava nove note femministe, socialmente distanziate, per aver osato dimostrare a favore delle medesima causa. Nel frattempo, l’ufficio della Procura distrettuale annunciava che i parlamentari d’opposizione, incluso il sottoscritto, erano indagati per aver violato le restrizioni di movimento che, secondo la Costituzione, non si applicano ai parlamentari.

Adesso il Governo ha utilizzato la sua maggioranza parlamentare per dissipare ogni dubbio residuo sulle sue intenzioni antidemocratiche, votando per spogliare dell’immunità una delle nostre parlamentari e trascinarla nei tribunali per qualcosa che ella ha detto nella assemblea. E si dà il caso che le sue parole, oltre ad essere tutelate, fossero vere: provocatori della polizia, incappucciati e travestiti come anarchici, sono stati registrati mentre si mescolavano con i dimostranti e di tanto in tanto incitavano alla violenza. Neppure nei tumultuosi anni ’60 un parlamentare venne spogliato dell’immunità parlamentare per parole pronunciate nell’aula del nostro parlamento.

Solo un anno fa stavo leggendo il libro di Ece Tamelkuran Come perdere un paese: i sette passi dalla democrazia alla dittatura, un racconto struggente della discesa della Turchia in una dittatura parlamentare. Allora ignoravo che, un anno dopo, il suo libro avrebbe vibrato come un documentario degli sviluppi qua il Grecia. I segnali hanno cominciato a manifestarsi dopo che il Governo conservatore di Nuova Democrazia  è entrato in carica, ben prima della pandemia.

Squadre antisommossa hanno invaso i campus universitari per compiacere la destra del partito di governo. Quasi tutte le televisioni e le radio hanno servilmente propagandato la storiella seconda la quale il nuovo governo avrebbe “reso la Grecia di nuovo grande”. I ministri del governo si sono riferiti a disgraziati rifugiati come “invasori illegali”, sino alla avventata ordinanza, illegale e omicida, alla Guardia Costiera greca di respingere in mari tempestosi fragili vascelli sovraccarichi di uomini, di donne e di bambini disperati.

Nello stesso tempo, venti cattivi soffiano sul sistema giudiziario. Agli inizi del 2020, il mandato del Presidente è andato in scadenza. Il Governo, essendo riuscito ad emendare la Costituzione in modo tale da poter eleggere un nuovo Presidente con una maggioranza parlamentare semplice, ha scelto come suo candidato il Presidente provvisorio del Consiglio di Stato. In sostanza, il messaggio ai giudici di grado più elevato, che sono di fronte al pensionamento obbligatorio  67 ani,  è stato: astenetevi dal prendere decisioni contro il Governo e vi aspetta un lavoro comodo.

In un periodo nel quale l’Europa sta agitandosi per l’Ungheria e la Polonia, che in difesa dei loro regimi illiberali stanno mettendo il veto sul bilancio dell’Unione Europea, nessuno sembra accorgersi che altri Stati membri dell’UE, come la Grecia, stanno seguendoli. Nel passato 2015, commentai che i carri armati non erano più necessari  per rovesciare la democrazia greca. Era sufficiente la chiusura delle banche.

Cinque anni dopo, la transizione alla dittatura parlamentare post moderna è andata ben avanti. Pochi giorni fa, nella giornata delle Forze Armate, un immagine di un carro armato, assieme ad aerei caccia e a missili, venne proiettata sulla facciata del Parlamento greco. Là, di fronte a Piazza Sintagma, tradizionalmente il luogo sia delle dimostrazioni a favore della democrazia che delle parate di carri armati che ripetutamente hanno segnato la sospensione della democrazia, il messaggio era sul muro.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"