Altri Economisti » Selezione della Settimana

I sette segreti del 2020, di Yanis Varoufakis (da Project Syndicate, 28 dicembre 2020)

 

Dec 28, 2020

The Seven Secrets of 2020

YANIS VAROUFAKIS

zz 609

ATHENS – A house of cards. A set of lies we have unconsciously accepted. That’s what our certainties seem like during profound crises. Such episodes shock us into recognizing how unsafe our assumptions are. That is why this year has resembled a rapidly receding tide, forcing us to confront submerged truths.

We used to think, with good reason, that globalization had defanged national governments. Presidents cowered before the bond markets. Prime ministers ignored their country’s poor but never Standard & Poor’s. Finance ministers behaved like Goldman Sachs’s knaves and the International Monetary Fund’s satraps. Media moguls, oil men, and financiers, no less than left-wing critics of globalized capitalism, agreed that governments were no longer in control.

Then the pandemic struck. Overnight, governments grew claws and bared sharpened teeth. They closed borders and grounded planes, imposed draconian curfews on our cities, shut down our theatres and museums, and forbade us from comforting our dying parents. They even did what no one thought possible before the Apocalypse: they canceled sporting events.

The first secret was thus exposed: Governments retain inexorable power. What we discovered in 2020 is that governments had been choosing not to exercise their enormous powers so that those whom globalization had enriched could exercise their own.

The second truth is one that many people suspected but were too timid to call out: the money-tree is real. Governments that proclaimed their impecunity whenever called upon to pay for a hospital here or a school there suddenly discovered oodles of cash to pay for furlough wages, nationalize railways, take over airlines, support carmakers, and even prop up gyms and hairdressers.

Those who normally protest that money does not grow on trees, that governments must let the chips fall where they may, held their tongue. Financial markets celebrated, instead of throwing a fit at the state’s spending spree.

Greece is a perfect case study of the third truth revealed this year: Solvency is a political decision, at least in the rich West. Back in 2015, Greece’s public debt of €320 billion ($392 billion) towered over a national income of only €176 billion. The country’s troubles were front page news around the world, and Europe’s leaders lamented our insolvency.

Today, in the midst of a pandemic that has made a bad economy worse, Greece is not an issue, even though our public debt is €33 billion higher, and our income €13 billion lower, than in 2015. Europe’s powers that be decided that a decade of dealing with Greece’s bankruptcy was enough, so they chose to declare Greece solvent. As long as Greeks elect governments that consistently transfer to the borderless oligarchy whatever (public or private) wealth is left, the European Central Bank will do whatever it takes – buy as many Greek government bonds as necessary – to keep the country’s insolvency out of the spotlight.

The fourth secret that 2020 brought into the open was that the mountains of concentrated private wealth we observe have very little to do with entrepreneurship. I have no doubt that Jeff Bezos, Elon Musk, or Warren Buffett have a knack for making money and cornering markets. But only a tiny percentage of their accumulated loot is the result of the creation of value.

Consider the stupendous increase since mid-March in the wealth of America’s 614 billionaires. The additional $931 billion they amassed did not result from any innovation or ingenuity that generated additional profits. They got richer in their sleep, so to speak, as central banks flooded the financial system with manufactured money that caused asset prices, and thus billionaires’ wealth, to skyrocket.

With the record-fast development, testing, approval, and rollout of COVID-19 vaccines, a fifth secret was revealed: science depends on state aid, and its effectiveness is oblivious to its public standing. Many commentators have waxed lyrical about markets’ capacity to respond quickly to humanity’s needs. But the irony should be lost on no one: the administration of the most anti-science US president ever – a president who ignored, intimidated, and mocked experts even during the worst pandemic in a century – allocated $10 billion to ensure that scientists had the resources they needed.

But there is a broader secret: While 2020 was a banner year for capitalists, capitalism is no more. How is that possible? How can capitalists flourish as capitalism evolves into something else?

Easily. Capitalism’s greatest apostles, like Adam Smith, emphasized its unintended consequences: precisely because profit-seeking individuals have no regard for anyone else, they end up serving society. The key to converting private vice into public virtue is competition, which impels capitalists to pursue activities that maximize their profits. In a competitive market, that serves the common good by boosting the range and quality of available goods and services while constantly lowering prices.

It is not hard to see that capitalists can do much better with less competition. This is the sixth secret that 2020 exposed. Liberated from competition, colossal platform companies like Amazon did astonishingly well from capitalism’s demise and its replacement by something resembling techno-feudalism.

But the seventh secret that this year revealed represents a silver lining. While bringing about radical change is never easy, it is now abundantly clear that everything could be different. There is no longer any reason why we should accept things as they are. On the contrary, the most important truth of 2020 is captured in Bertolt Brecht’s apt and elegant aphorism: “Because things are the way they are, things will not remain the way they are.”

I can think of no greater source of hope than this revelation, delivered in a year most would prefer to forget.

 

I sette segreti del 2020,

di Yanis Varoufakis

 

ATENE – Un castello di carte. Una serie di bugie che abbiamo inconsciamente accettato. Tali sembrano le nostre certezze durante le crisi profonde. Episodi del genere ci impressionano sino a farci riconoscere quanto siano insicuri i nostri assunti. È in questo modo che quest’anno è parso come una marea che rapidamente si ritira, costringendoci a fare i conti con verità sommerse.

Siamo abituati a pensare, a buona ragione, che la globalizzazione abbia reso inoffensivi i Governi nazionali. I Presidenti si sono fatti piccoli piccoli davanti ai mercati dei bond. I Primi Ministri hanno ignorato i poveri dei loro paesi ma mai Standard&Poor’s. I Ministri delle Finanze si sono comportati come i bricconi di Goldman Sachs e come i satrapi del Fondo Monetario Internazionale. I magnati dei media, i petrolieri e gli uomini delle finanze, non meno dei critici di sinistra del capitalismo globalizzato, hanno convenuto che i Governi non avevano più il controllo.

Poi la pandemia ha colpito. Da un momento all’altro i Governi hanno messo gli artigli ed hanno mostrato denti affilati. Hanno chiuso i confini e messo a terra gli aeroplani, hanno imposto coprifuoco draconiani alle nostre città, chiuso i nostri teatri e musei e ci hanno impedito di dare conforto ai nostri genitori che morivano. Hanno persino fatto quello che nessuno pensava possibile prima dell’Apocalisse: cancellato gli eventi sportivi.

È stato dunque svelato il primo segreto: i Governi mantengono un potere inesorabile. Quello che abbiamo scoperto nel 2020 è che i Governi avevano scelto di non esercitare i loro enormi poteri in modo tale che coloro che erano stati arricchiti dalla globalizzazione potessero esercitare i propri.

La seconda verità è quella che molte persone sospettavano ma erano troppo timide per dire apertamente: l’albero dei soldi esiste davvero. I Governi che proclamavano la loro incapienza ogni qual volta venivano richiesti di finanziare un ospedale o una scuola, all’improvviso hanno scoperto mucchi di soldi contanti per pagare stipendi in congedo, per nazionalizzare ferrovie, per prendere il controllo di linee aeree, per sostenere le case automobilistiche e persino le palestre e le parrucchiere.

Coloro che normalmente asseriscono che il denaro non cresce sugli alberi, che i Governi debbono lasciar cadere gli scarti dove possono, si sono morsi la lingua. I mercati finanziari hanno festeggiato, anziché perdere le staffe per la baldoria di spesa pubblica.

La Grecia è un perfetto esempio di ciò che la terza verità ha rivelato in quest’anno: la solvibilità è una decisione politica, almeno nel ricco Occidente. Nel passato 2015, il debito pubblico della Grecia di 320 miliardi di euro (392 miliardi di dollari) svettava su un reddito nazionale di soli 176 miliardi. I guai del paese erano in tutto il mondo notizie da prima pagina, e i dirigenti europei lamentavano la nostra insolvibilità.

Oggi, nel mezzo di una pandemia che ha peggiorato una economia precaria, la Grecia non è un problema, anche se il nostro debito pubblico è di 33 miliardi di euro più elevato, e il nostro reddito di 13 miliardi di euro più basso del 2015. I poteri europei hanno deciso che un decennio di patimenti con la bancarotta greca era abbastanza, così hanno scelto di dichiarare la Grecia solvibile. A patto che i Governi eletti dei greci costantemente trasferiscano alle oligarchie senza confini qualsiasi (pubblica o privata) ricchezza residua, la Banca Centrale Europea farà tutto quello che serve – acquistare tutte le obbligazioni dei Governi greci che sono necessarie – per mantenere l’insolvibilità del paese fuori dai riflettori.

Il quarto segreto che il 2020 ha portato allo scoperto è che le montagne della concentrata ricchezza privata che abbiamo sotto gli occhi hanno molto poco a che fare con l’imprenditoria. Non ho dubbi che Jeff Bezos, Elon Musk  o Warren Buffet abbiano metodo nel far soldi e nel monopolizzare i mercati. Ma solo una minuscola percentuale del loro malloppo accumulato è il risultato della creazione di valore.

Si consideri l’eccezionale incremento dalla metà di marzo della ricchezza dei 614 miliardari americani. I 931 miliardi di dollari in più che hanno accumulato non derivano da alcuna innovazione o ingegnosità che abbia generato profitti aggiuntivi. Sono diventati più ricchi, per così dire, in sonno, mentre le banche centrali inondavano il sistema finanziario con denaro di nuovo conio che ha fatto salire alle stelle i prezzi degli asset, e quindi la ricchezza dei miliardari.

Con lo sviluppo in tempi da record, i test, le approvazioni e il lancio dei vaccini del Covid-19, è stato rivelato un quinto segreto: la scienza dipende dall’aiuto statale, e la sua efficacia è indifferente alla sua reputazione pubblica. Molti commentatori hanno elevato lodi sperticate sulla capacità dei mercati nel rispondere ai bisogni dell’umanità. Ma l’ironia non dovrebbe essere sfuggita a nessuno: l’Amministrazione del Presidente più ostile che mai alla scienza – un Presidente che ha ignorato, intimidito e preso in giro gli esperti durante la peggiore pandemia del secolo – ha allocato dieci miliardi di dollari per garantire che gli scienziati avessero le risorse di cui avevano bisogno.

Ma c’è un segreto maggiore: mentre il 2020 è stato un anno eccezionale per i capitalisti, il capitalismo non esiste più. Come è possibile? Come possono prosperare i capitalisti mentre i capitalismo si trasforma in qualcosa di diverso?

È facile. I maggiori apostoli del capitalismo, come Adam Smith, enfatizzavano le sue conseguenze non volute: proprio perché gli individui in cerca di profitti non hanno considerazione per nessun altro, essi finiscono per essere al servizio della società. La chiave per convertire i vizi privati in pubbliche virtù è la competizione, che costringe i capitalisti a perseguire attività che massimizzano i loro profitti. In un mercato competitivo, ciò è al servizio del bene comune in quanto incoraggia la gamma e la qualità dei beni e dei servizi al tempo stesso abbassando costantemente i prezzi.

Non è difficile capire che i capitalisti possono fare molto meglio con minore competizione. È questo il sesto segreto che ha mostrato il 2020. Liberate dalla competizione, colossali piattaforme societarie come Amazon hanno tratto stupefacenti vantaggi dalla scomparsa del capitalismo e dalla sua sostituzione con qualcosa che assomiglia ad un tecno feudalesimo.

Ma il settimo segreto che quest’anno ha svelato rappresenta l’altra faccia della medaglia. Se determinare cambiamenti radicali non è mai facile, adesso è chiaro in abbondanza che ogni cosa potrebbe essere diversa. Non c’è più alcuna ragione per la quale dovremmo accettare le cose come sono. Al contrario, la verità più importante del 2020 venne colta in un acuto ed elegante aforisma di Bertold Brecht: “Dato che le cose sono quelle che sono, le cose non rimarranno quelle che sono”.

Non posso pensare a nessuna fonte maggiore di speranza di questa rivelazione, che ci è stata consegnata in un anno che i più preferirebbero dimenticare.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"