Altri Economisti » Selezione della Settimana

Quello che deve fare la Yellen, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 2 dicembre 2020)

 

Dec 2, 2020

What Yellen Must Do

JOSEPH E. STIGLITZ

Conférence given by Joseph E. Stiglitz Nobel prize in economics / Ecole polytechnique, 16 octobre 2019

NEW YORK – US President-elect Joe Biden’s decision to appoint Janet Yellen as the next Secretary of the Treasury is good news for America and the world. The United States has survived four years under a mendacious president who has no understanding of, let alone respect for, the rule of law, the principles undergirding democracy and the market economy, or even basic human decency. Not only has Donald Trump spent the weeks since the presidential election spewing lies about non-existent voter fraud; he has also convinced a large majority of his party to embrace these lies, thus revealing the frailty of American democracy.

Undoing the damage will not be easy, especially with the COVID-19 pandemic compounding America’s problems. Fortunately, no one is better equipped – in intellect, experience, values, and interpersonal skills – to deal with today’s economic challenges than Yellen, whom I first met when she was a graduate student at Yale University in the 1960s.

First on the agenda will be recovery from the pandemic. With multiple vaccines in sight, the immediate task is to build a bridge from here to the post-crisis economy. It is too late for a “V-shaped recovery.” Many businesses have gone bankrupt, and many more will do so in the coming weeks and months; household and firm balance sheets are being eviscerated. Worse, headline figures may belie the depth of the crisis. The pandemic has taken a massive toll at the bottom of the income and wealth distribution. Those who have availed themselves of policies to prevent evictions and foreclosures are nonetheless falling deeper into debt, and could soon face a reckoning.

The current outlook would have been much better if only we had had a president and Congress that recognized back in May that COVID-19 would not just disappear on its own. Strong initial support programs that needed to be extended were not, resulting in avoidable economic damage that will now be hard to reverse.

The devastation of the restaurant and travel industries has received plenty of attention, but this may be merely the tip of the iceberg. Educational institutions, especially many colleges and universities, have been hit badly. And state and local governments constrained by balanced-budget laws now face plummeting revenues. Without federal aid, they will have to make deep cuts to employment and public programs, which will weaken the broader economy.

The US desperately needs large rescue programs targeted specifically at the most vulnerable households and sectors. The resulting debt from increased spending should not be viewed as a hindrance, given the enormous cost of doing too little. Besides, with interest rates near zero and likely to stay there for years to come, the costs of servicing new debt are exceedingly low.

Moreover, many of the necessary recovery programs can be designed to serve multiple goals, by putting the economy on a more sustainable, resilient, and knowledge-based footing. Much will depend on Congress, but the economic case for providing more support is clear, and Yellen is well equipped to articulate it.

Much will depend on the global recovery as well. Here, the new administration will have more room to maneuver. There is already strong global support for a massive $500 billion issuance of Special Drawing Rights, the supranational currency overseen by the International Monetary Fund, which would go a long way toward supporting many struggling economies. Trump and Indian Prime Minister Narendra Modi blocked this option. It should now be at the top of the agenda.

Moreover, with many countries soon to be unable to meet their debt obligations, a quick and deep restructuring would help enormously. To move that process forward, the Biden administration should state clearly that it is in America’s own national interest to uphold the basic principle of sovereign immunity, as endorsed by the overwhelming majority of United Nations member states in 2015. Debt restructuring is necessary for the global recovery and is the humanitarian thing to do. If there was ever a time when the principle of force majeure should apply, it is now.

Restoring multilateralism would help, too. For the past four years, innumerable conflicts between the US and everyone else has cast a pall of uncertainty over the global economy. It should go without saying that uncertainty is bad for business and bad for investment. A return to normalcy on the part of the US – rejoining the Paris climate agreement and the World Health Organization, for example, and re-engaging with the World Trade Organization (and allowing judges to be appointed to its Appellate Body) – would thus go a long way toward restoring confidence.

But a return to normalcy must not mean a return to neoliberalism. On trade and many other aspects of the twenty-first-century economic framework, policy agendas need to be revisited and reformed. It is unclear how far Biden will go down this road. But we can at least be confident that the new administration won’t embrace the zero-sum logic that underpinned Trump’s approach to everything.

Ensuring global stability will require deep cooperation in combating climate change, pandemics, and many other threats. The challenge will be to find ways to do so while remaining fully and vocally committed to our values. While Trump severely undermined the international political and economic order, its fissures were long evident before he arrived.

After all, the 2008 financial crisis discredited neoliberalism, with its belief in unfettered deregulation; and the subsequent euro crisis demonstrated that austerity under such conditions does not work. It is clear that neoliberalism has led to lower growth, higher inequality, and all of the social and political consequences that we have seen in recent years. Now, the pandemic has put the final nail in neoliberalism’s coffin, revealing an economy utterly lacking in resilience and a state left incapable of responding effectively to a crisis.

Yellen can help to provide the leadership necessary to build a better post-pandemic world. To succeed, an ideology that serves the few at the expense of the many must give way to one based on democratic values and shared prosperity.

 

Quello che deve fare la Yellen,

di Joseph E. Stiglitz

 

NEW YORK – La decisione del Presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden di nominare Janet Yellen come prossima Segretaria al Tesoro è una buona notizia per l’America e per il mondo. Gli Stati Uniti sono sopravvissuti quattro anni con un presidente menzognero che non aveva alcuna comprensione, per non dire rispetto, per lo stato di diritto, per i principi che sorreggono la democrazia, e neanche per un elementare decoro. Non solo Donald Trump ha passato le settimane del momento delle elezioni presidenziali vomitando bugie su un frode elettorale inesistente¸ ha anche convinto una larga maggioranza del suo partito a far proprie queste bugie, con ciò rivelando la fragilità della democrazia americana.

Non sarà facile rimediare al danno, specialmente con la pandemia del Covid-19 che aggrava i problemi dell’America. Fortunatamente, nessuno è meglio attrezzato – nell’intelligenza, nell’esperienza, nei valori e nella capacità di relazioni – a misurarsi con le sfide economiche odierne di Janet Yellen, che io incontrai a prima volta quando era dottoranda alla Yale University negli anni ’60.

Al primo posto dell’agenda ci sarà la ripresa dalla pandemia.  Con vari vaccini in vista, l’obbiettivo immediato è costruire un ponte da qua alla economia successiva alla crisi. È troppo tardi per una “ripresa a forma di V”. Molte imprese sono fallite, e molte altre falliranno nelle prossime settimane e mesi; gli equilibri patrimoniali delle famiglie e delle imprese sono stati sventrati. Peggio ancora, i dati principali possono nascondere la profondità della crisi. La pandemia ha imposto un tributo massiccio a coloro che sono più in basso nella distribuzione del reddito e della ricchezza. Coloro che si sono avvalsi di misure per impedire sfratti e pignoramenti nondimeno sono caduti più in basso dal punto di vista del debito, e presto potrebbero trovarsi di fronte ad un regolamento dei conti.

Le prospettive attuali sarebbero state molto migliori se solo avessimo avuto un Presidente ed un Congresso che nel maggio passato avessero riconosciuto che il Covid-19 non sarebbe scomparso da solo. I forti programmi di sostegno iniziali che avevano bisogno di essere prorogati non lo sono stati, risolvendosi in un evitabile danno economico che adesso sarà difficile invertire.

La devastazione dei ristoranti e delle società di viaggi hanno ricevuto grande attenzione, ma questa può essere semplicemente la punta dell’iceberg. Le istituzioni educative, specialmente molti college e università, sono state colpite duramente. E gli Stati ed i governi locali costretti da leggi sui pareggi dei bilanci adesso sono dinanzi al crollo delle entrate. Senza l’aiuto federale, dovranno fare tagli profondi all’occupazione ed ai programmi pubblici, che indeboliranno l’economia più generale.

Gli Stati Uniti hanno disperatamente bisogno di ampi programmi di salvataggio rivolti particolarmente alle famiglie ed ai settori più vulnerabili. Il debito conseguente ad una spesa accresciuta non dovrebbe essere considerato come un impedimento, dato il costo enorme del fare troppo poco. Inoltre, con i tassi di interesse prossimi allo zero e con la probabilità che essi restino tali per anni, i costi del servizio del nuovo debito sono straordinariamente bassi.

Per di più, molti dei necessari programmi di ripresa possono essere concepiti per servire obbiettivi molteplici, mettendo l’economia in una posizione più sostenibile, resiliente e più basata sulla conoscenza. Molto dipenderà dal Congresso, ma l’argomento economico a favore di una maggiore sostegno è chiaro, e la Yellen è ben attrezzata per esprimerlo.

Molto dipenderà anche dalla ripresa globale. In questo caso, la nuova Amministrazione avrà maggiore spazio di manovra. C’è già un forte sostegno globale per una massiccia emissione di 500 miliardi di dollari di Diritti Speciali di Prelievo, la valuta sovranazionale alla quale sovrintende il Fondo Monetario Internazionale, che potrebbe far molto per sostenere molte economie in difficoltà. Trump e il Primo Ministro indiano Narendra Modi hanno bloccato questa possibilità. Adesso essa dovrebbe essere in cima all’agenda.

Inoltre, con molti paesi che presto saranno incapaci di onorare le loro obbligazioni sul debito, una ristrutturazione del debito rapida e profonda aiuterebbe enormemente. Per spostare in avanti quel processo, l’Amministrazione Biden dovrebbe affermare chiaramente che è nello stesso interesse nazionale dell’America sostenere il principio fondamentale della “immunità sovrana”, come approvato dalla schiacciante maggioranza degli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015. La ristrutturazione del debito è necessaria per la ripresa globale ed è la soluzione umanitaria da adottare. Se mai c’è stato un periodo nel quale applicare il principio della forza maggiore, esso è oggi.

Anche ripristinare il multilateralismo aiuterebbe. Nei quattro anni passati, innumerevoli conflitti tra gli Stati Uniti e tutti gli altri hanno gettato una coltre di incertezza sull’economia globale. Non dovrebbe essere il caso di dire che l’incertezza è negativa per le imprese e per gli investimenti. Un ritorno alla normalità da parte degli Stati Uniti – tornando ad aderire all’accordo di Parigi sul clima ed alla Organizzazione Mondiale della Sanità, ad esempio, e tornando ad impegnarsi con l’Organizzazione Mondiale del Commercio (e consentendo che i giudici siano nominati nel suo Organo di Appello) –  sarebbe dunque un considerevole contributo verso il ripristino della fiducia.

Ma un ritorno alla normalità non deve significare un ritorno al neoliberismo. Sul commercio e su molti altri aspetti del modello economico di questo ventunesimo secolo, le agende politiche debbono essere rivisitate e riformate. Non è chiaro come Biden procederà su questa strada. Ma possiamo almeno essere fiduciosi che la nuova Amministrazione non abbraccerà la logica a somma zero che ha sorretto l’approccio di Trump verso ogni cosa.

Assicurare la stabilità globale richiederà profonda cooperazione nel combattere il cambiamento climatico, le pandemie, e molte altre minacce. La sfida sarà trovare i modi per farlo restando pienamente ed energicamente impegnati nei nostri valori. Se Trump ha gravemente messo a repentaglio l’ordine politico internazionale e quello economico, le sue spaccature erano da tempo evidenti prima che arrivasse.

Dopo tutto, la crisi finanziaria del 2008 screditò il neoliberismo, con il suo convincimento di una illimitata deregolamentazione; e la successiva crisi dell’euro dimostrò che in tali condizioni l’austerità non funziona. È chiaro che il neoliberismo ha portato ad una crescita minore, ad una ineguaglianza più elevata e a tutte le conseguenze sociali e politiche che abbiamo visto negli anni recenti. Ora, la pandemia ha messo il chiodo definitivo sulla bara del neoliberismo, mettendo in evidenza un’economia completamente priva di resilienza e uno stato lasciato incapace di rispondere con efficacia alle crisi.

La Yellen può dare un contributo a fornire la leadership per costruire un mondo post pandemico migliore. Per avere successo, una ideologia al servizio di pochi e a spese di molti deve lasciare il posto ad una ideologia basata sui valori democratici e sulla prosperità condivisa.  

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"