Altri Economisti » Selezione della Settimana

Come Biden può ripristinare in modo unilaterale il multilateralismo, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 31 dicembre 2020)

 

Dec 31, 2020

How Biden Can Restore Multilateralism Unilaterally

JOSEPH E. STIGLITZ

Conférence given by Joseph E. Stiglitz Nobel prize in economics / Ecole polytechnique, 16 octobre 2019

NEW YORK – There is so much to celebrate with the new year. The arrival of safe, effective COVID-19 vaccines means that there is light at the end of the pandemic tunnel (though the next few months will be horrific). Equally important, America’s mendacious, incompetent, mean-spirited president will be replaced by his polar opposite: a man of decency, honesty, and professionalism.

But we should harbor no illusions about what President-elect Joe Biden will face in office. There will be deep scars left from the Trump presidency, and from a pandemic that the outgoing administration did so little to fight. The economic trauma will not heal overnight, and without comprehensive assistance at this critical time of need – including support for cash-strapped state and local governments – the pain will be prolonged.

America’s long-term allies, of course, will welcome the return of a world where the United States stands up for democracy and human rights, and cooperates internationally to address global problems like pandemics and climate change. But, again, it would be foolish to pretend that the world has not changed fundamentally. The US, after all, has shown itself to be an untrustworthy ally.

True, the US Constitution and those of its 50 states survived and protected American democracy from the worst of Trump’s malign impulses. But the fact that 74 million Americans voted for another four years of his grotesque misrule leaves a chill. What might the next election bring? Why should others trust a country that might repudiate everything it stands for just four years from now?

The world needs more than Trump’s narrow transactional approach; so does the US. The only way forward is through true multilateralism, in which American exceptionalism is genuinely subordinated to common interests and values, international institutions, and a form of rule of law from which the US is not exemptThis would represent a major shift for the US, from a position of longstanding hegemony to one built on partnerships.

Such an approach would not be unprecedented. After World War II, the US found that ceding some influence to international organizations like the World Bank and the International Monetary Fund was actually in its own interests. The problem is that America didn’t go far enough. While John Maynard Keynes wisely called for the creation of a global currency – an idea later manifested in the IMF’s Special Drawing Rights (SDRs) – the US demanded veto power at the IMF, and didn’t vest the Fund with as much power as it should have.

In any case, much of what Biden will be able to do in office depends on the outcomes of run-off elections for Georgia’s two US Senate seats on January 5. But even without a willing partner in the Senate, the president has enormous sway over international affairs. There is plenty that Biden will be able to do on his own, starting immediately.

One obvious priority will be the post-pandemic recovery, which will not be strong anywhere until it’s strong everywhere. We cannot count on China to play as pronounced a role in driving global demand this time around as it did in the aftermath of the 2008 financial crisis. Moreover, developing and emerging economies lack the resources for the massive stimulus programs that the US and Europe have provided to their economies. What is needed, as IMF Managing Director Kristalina Georgieva has pointed out, is a massive issuance of SDRs. Some $500 billion of this global “money” could be issued overnight if only the US Secretary of the Treasury would approve.

Whereas the Trump administration has been blocking an SDR issuance, Biden could give it the green light, while also endorsing existing congressional proposals to expand the size of the issuance substantially. The US could then join the other wealthy countries that have already agreed to donate or lend their allocation to countries in need.

The Biden administration can also help lead the push for sovereign-debt restructuring. Several developing countries and emerging markets are already facing debt crises, and many more may soon follow. If there was ever a time when the US had an interest in global debt restructuring, it is now.

For the past four years, the Trump administration has denied basic science and flouted the rule of law. Restoring Enlightenment norms is thus another top priority. International rule of law, no less than science, is as important to the US’s own prosperity as it is to the functioning of the global economy.

On trade, the World Trade Organization offers a foundation upon which to rebuild. As of now, the WTO order is shaped too much by power politics and neoliberal ideology; but that can change. There is a growing consensus in support of Ngozi Okonjo-Iweala’s candidacy to serve as the next director-general of the WTO. A distinguished former Nigerian finance minister and former vice-president of the World Bank, Okonjo-Iweala’s appointment has been held up only by the Trump administration.

No trade system can function without a method of adjudicating disputes. By refusing to approve any new judges to the WTO’s dispute-settlement mechanism to succeed those whose terms have retired, the Trump administration has left the institution inquorate and paralyzed. Nonetheless, while Trump has done everything he can to undermine international institutions and the rule of law, he also has unwittingly opened the door for improving US trade policy.

For example, the Trump administration’s renegotiation of the North American Free Trade Agreement with Mexico and Canada largely did away with the investment provisions that had become among the most noxious aspects of international economic relations. And now, Trump’s Trade Representative, Robert Lighthizer, is using the time he has left in office to call for “anti-dumping” sanctions against countries that give their companies an advantage by ignoring global environmental standards. Considering that I included a similar proposal in my 2006 book, Making Globalization Work, there now seem to be ample grounds for a new bipartisan consensus on trade.

Most of the actions I have described do not require congressional action and can be carried out in Biden’s first days in office. Pursuing them would go a long way toward reaffirming America’s commitment to multilateralism and putting the disaster of the past four years behind us.

 

Come Biden può ripristinare in modo unilaterale il multilateralismo,

di Joseph E. Stiglitz

 

NEW YORK – Con l’arrivo dell’anno nuovo c’è tanto da festeggiare. L’arrivo di vaccini per il Covid-19 sicuri ed efficaci significa che c’è una luce in fondo al tunnel della pandemia (sebbene i prossimi mesi saranno terribili). Egualmente importante, un Presidente americano menzognero, incompetente e meschino verrà sostituito da una persona diametralmente opposta: con il senso della dignità, onesto e competente.

Ma non dovremmo nutrire alcuna illusione su ciò che il Presidente eletto Joe Biden affronterà nella sua carica. Ci saranno cicatrici profonde lasciate dalla presidenza Trump, e da una pandemia che l’Amministrazione uscente ha fatto così poco per combattere. Il trauma economico non si rimarginerà da un momento all’altro, e senza una assistenza esauriente in quest’epoca difficile di bisogni – incluso il sostegno agli Stati ed ai governi locali in difficoltà finanziaria – la sofferenza si allungherà.

Gli alleati a lungo termine dell’America, naturalmente, saluteranno con soddisfazione il ritorno in un mondo dove gli Stati Uniti prendono posizione per la democrazia e i diritti umani e collaborano su scala internazionale per affrontare problemi globali come la pandemia e il cambiamento climatico. Ma, ancora, sarebbe sciocco fingere che il mondo non sia fondamentalmente cambiato. Dopo tutto, gli Stati Uniti si sono dimostrati essi stessi un alleato non meritevole di fiducia.

È vero, la Costituzione statunitense e quelle dei 50 Stati sono sopravvissute ed hanno protetto la democrazia americana dai peggiori istinti malefici di Trump. Ma il fatto che 74 milioni di americani abbiano votato per quattro altri anni del suo malgoverno ci lascia con un brivido. Cosa potrebbero portare le prossime elezioni? Perché gli altri dovrebbero aver fiducia in un paese che potrebbe ripudiare tra soli quattro anni tutto ciò per cui si batte?

Il mondo ha bisogno di qualcosa di più del ristretto approccio bottegaio di Trump, e ne hanno bisogno gli Stati Uniti. Il solo modo di andare avanti è attraverso un vero multilateralismo, nel quale l’eccezionalismo americano sia effettivamente subordinato agli interessi ed ai valori comuni, alle istituzioni internazionali e ad una forma di Stato di diritto dalla quale neanche gli Stati Uniti sono dispensati. Questo rappresenterebbe un importante cambiamento per gli Stati Uniti, da una posizione di egemonismo di vecchia data ad una posizione costruita sulla cooperazione.

Un approccio del genere non sarebbe senza precedenti. Dopo la Seconda Guerra Mondiale gli Stati Uniti scoprirono che cedere qualche influenza alle organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale era effettivamente nei loro stessi interessi. Il problema fu che l’America non si spinse abbastanza avanti. Mentre John Maynard Keynes si pronunciava saggiamente per la creazione di una valuta globale – un’idea che in seguito si riaffacciò nei Diritti Speciali di Prelievo (SDR) del FMI – gli Stati Uniti chiesero il potere di veto al FMI, e non fornirono al Fondo il potere che avrebbe dovuto avere.

In ogni caso, molto di quello che Biden sarà capace di fare dipenderà dai risultati degli spareggi elettorali per i due seggi senatoriali della Georgia del 5 gennaio. Eppure, anche senza avere nel Senato un partner disponibile, il Presidente ha una enorme influenza sugli affari internazionali. C’è molto che Biden potrà fare per suo conto, a partire da adesso.

Una priorità ovvia sarà la ripresa post pandemica, che non sarà forte ovunque finché non è forte in ogni luogo. In questa occasione non potremo contare sulla Cina per giocare un ruolo così pronunciato nel guidare la domanda globale come facemmo dopo la crisi finanziaria del 2008. Inoltre, alle economie in via di sviluppo ed emergenti mancano le risorse per massicci programmi di stimolo che gli Stati Uniti e l’Europa hanno fornito alle loro economie. Quello che è necessario, come ha evidenziato la direttrice gestionale del FMI Kristalina Georgieva, è una emissione massiccia di Diritti Speciali di Prelievo. Circa 500 miliardi di questa moneta “globale” potrebbero essere emessi da un momento all’altro, solo che il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti lo approvasse.

Mentre l’Amministrazione Trump ha bloccato ogni emissione dei SDR, Biden potrebbe dare luce verde, anche appoggiando proposte esistenti da parte del Congresso per aumentare sostanzialmente la quantità delle emissioni. Gli Stati Uniti potrebbero inoltre unirsi ad altri paesi ricchi che hanno già concordato di donare o dare in prestito le loro quote ai paesi che ne hanno bisogno.

L’Amministrazione Biden potrebbe anche contribuire a guidare la spinta per una ristrutturazione dei debiti sovrani. Vari paesi in via di sviluppo e mercati emergenti stanno già affrontando crisi di debito, e presto ne seguiranno molte altre. Se c’è mai stata un’epoca nella quale gli Stati Uniti hanno avuto interesse ad una ristrutturazione globale del debito, è quella attuale.

Nei quattro anni passati, l’Amministrazione Trump ha negato la scienza fondamentale ed ha sbeffeggiato lo Stato di diritto. Un’altra massima priorità è dunque il ripristino delle norme dell’Illuminismo. Lo Stato di diritto internazionale, non meno della scienza, è altrettanto importante per la stessa prosperità degli Stati Uniti come per il funzionamento dell’economia globale.

Sul commerci, l’Organizzazione Mondiale del Commercio offre un fondamento sul quale ricostruire. In questo momento, l’ordine del WTO è troppo dipendente dalle politiche di potenza e dall’ideologia neoliberista; ma può cambiare. C’è un consenso crescente a sostegno della candidatura di Ngozi Okonjo-Iweala come prossimo direttore generale del WTO. Come apprezzato passato Ministro nigeriano delle Finanze e passato Vice Presidente della Banca Mondiale, la nomina di Okojoio-Iweala è stata ostacolata soltanto dalla Amministrazione Trump.

Nessun sistema commerciale può funzionare senza un metodo per decidere sulle dispute. Ma rifiutando di approvare ogni nuovo giudice al meccanismo di risoluzione delle dispute per succedere a coloro i cui mandati sono scaduti, l’Amministrazione Trump ha lasciato che l’istituzione non raggiungesse il quorum e si paralizzasse. Ciononostante, mentre Trump ha fatto tutto il possibile per mettere a repentaglio le istituzioni internazionali e lo Stato di diritto, egli ha anche involontariamente aperto la porta ad un miglioramento della politica commerciale statunitense.

Ad esempio, la rinegoziazione da parte della Amministrazione Trump dell’Accordo Nordamericano di Libero Commercio con il Messico e il Canada ha in gran parte eliminato le disposizioni sugli investimenti che erano diventate gli aspetti più nocivi delle relazioni economiche internazionali [1]. E adesso, il Rappresentante Commerciale di Trump, Robert Lightizer, sta usando il tempo che ha perso mentre era in carica per chiedere sanzioni “anti dumping”  contro i paesi che danno alle loro società vantaggi ignorando gli standard ambientali globali. Considerando che avevo incluso una proposta simile nel mio libro del 2006, Far funzionare la globalizzazione, sembra che adesso ci siano ampie basi per un nuovo consenso bipartisan sul commercio.

La maggioranza delle iniziative che ho descritto non richiedono l’intervento del Congresso e possono essere portate a termine nei primi giorni del mandato di Biden. Perseguirle farebbe fare una lunga strada verso la riaffermazione dell’impegno al multilateralismo dell’America e il metterci alle spalle il disastro dei quattro anni passati.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Da quanto comprendo, la novità sarebbe consistita nel sottrarre buona parte delle disposizioni sugli investimenti agli accordi bilaterali, semplificarle, renderle automatiche ed inserirle in un vasto accordo di area.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"