Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il grande esordio di Biden, di James K. Galbraith (da Project Syndicate, 27 gennaio 2021)

 

Jan 27, 2021

Biden’s Grand Opening

JAMES K. GALBRAITH

zzz 72

AUSTIN – In the space of less than three months, events have conspired to transform the American political scene. First, the COVID-19 pandemic defeated Donald Trump – not because public sentiment in this deeply polarized country changed, but rather because the virus forced open the gates of ballot access. Owing to a vast upsurge of early voting and mail-in ballots, the 2020 election’s turnout surpassed that of 2016 by 20 million votes, and featured a greater share of the electorate than any US presidential election since 1900.

Second, thanks to ten years of local organizing by voting-rights activists led by Stacey Abrams, Georgia replaced both of its Republican senators with Democrats in the January 5 runoff elections, thus handing narrow control of the US Senate to President Joe Biden’s Democratic Party.

Finally, Trump and some of his fellow Republicans incited a rabble to ransack the US Capitol. That catastrophic political miscalculation resulted in the death of five people (including a police officer), Trump’s second impeachment, and the lasting disgrace of the defeated president’s most aggressive would-be successors, Senators Josh Hawley of Missouri and Ted Cruz of Texas.

The moment was ripe for Biden to tell the country about his own economic plans. And when he spoke, it was with focus, precision, and a clear sense of the scale and range of action that the situation requires.

Biden has proposed a rescue plan that will advance a number of urgent objectives at once. His first priority is public health, a long-neglected issue that can be met in part by creating community vaccination centers and medical clinics, and by training and employing at least 100,000 new public-health workers in the basics of epidemic control. Essential elements of this plan will reach into low-income and minority communities, as well as into prisons and jails.

A second goal of the Biden plan is income support, which will take the form of extra cash for households below a certain threshold, extended and expanded unemployment insurance, emergency paid leave, grants to renters and small businesses, and tax credits for childcare costs.

Third, the Biden plan aims to stabilize federalism with some $350 billion in support for state and local governments whose tax bases have imploded. Such funding is urgently needed to keep teachers, firefighters, police, and other essential public servants on the job – as is the additional $20 billion that would go to keep public transit operating through the crisis.

Finally, the Biden plan has a fair-play element, proposing a long-overdue increase of the federal minimum wage to $15 per hour, which would raise wages for some 30% of all American workers.

Biden has correctly billed his plan an “American Rescue Plan,” rather than as a “recovery” or “stimulus” program. If successful, the package will stem the pandemic, stave off a variety of social calamities, and prevent the collapse of state and local government services. Economic reconstruction is important; but it is a separate objective that can be advanced in a second package. Biden has made sure to acknowledge this point: once the rescue plan has been implemented, the reconstruction can begin, with an emphasis on infrastructure, energy, and climate policy.

Among other things, this second phase can be used to put America’s advanced sectors back to work in the service of public purpose and social need.

This sequencing is crucial, because these sectors will not simply revive and return to their previous positions in the economy. Now that the pandemic has upended aerospace, commercial and retail construction, the energy sector, and much else, a wide array of skills and resources will need to be reallocated. A second-phase economic program can guide the way.

Most important, Biden’s plan made no mention of Wall Street shibboleths about budget deficits or the national debt. It does not propose merely temporary measures that will be reversed later, nor does it appeal to economic forecasts to cover a gap between the program’s outlays and results. Given the orthodox cast of Biden’s economic team, this is especially encouraging to see. Having committed to an ambitious agenda at the outset, it will be somewhat more difficult for his people to backslide later on.

Still, three things that are missing from the Biden package will need to be taken up in due course. First, neither the public-health programs nor the infrastructure, energy, and climate initiatives will provide enough jobs to offset the losses in America’s vast services sector. Following the inevitable decline of office and retail work and the disappearance of a wide range of in-person services that could not survive the pandemic, middle-class Americans have retreated into their suburban homes. It is already clear that, sooner or later, a guaranteed public or non-profit jobs program will need to be put on the table.

Second, in order to return to viability, many services and small businesses will need to move to new ownership and cost-sharing arrangements, which can best be achieved through cooperative structures with appropriate local oversight and financing. And similar arrangements will be needed to sustain the work of artists, actors, musicians, and writers. As in the New Deal, America’s creative people need (and deserve) support that the commercial economy will not be able to provide.

Lastly, once the immediate crisis has passed, emergency measures to defer rent, mortgages, health bills, and student loans will need to be submitted to a system that can write down, cancel, or settle unpayable debts in a fair and orderly fashion.

These later steps presuppose the earlier ones. But following a magnificent inauguration, we are already seeing the first rays of coherent, qualified, dedicated, and serious leadership. Biden is certainly capable of meeting the emergency at hand, and he has already seized the moment. The country now must demand that Congress approve his program immediately.

 

Il grande esordio di Biden,

di James K. Galbraith

 

AUSTIN – Nello spazio di meno di tre mesi, gli eventi si sono coalizzati per trasformare la scena politica americana. Prima, la pandemia del Covid-19 ha sconfitto Trump – non perché i sentimenti dell’opinione pubblica in questo paese profondamente polarizzato siano cambiati, ma piuttosto perché il virus ha costretto ad aprire i cancelli dell’accesso al voto. A seguito di un vasto brusco aumento delle votazioni anticipate e dei voti per posta, la partecipazione alle elezioni del 2020 ha sorpassato di 20 milioni di voti quella del 2016, ed ha incluso una quota dell’elettorato statunitense più elevata di ogni altra elezione presidenziale degli Stati Uniti dal 1900.

In secondo luogo, grazie alla organizzazione decennale da parte degli attivisti sui diritti di voto guidati da Stacey Abrams, la Georgia ha sostituito entrambi i suoi Senatori repubblicani con i democratici negli spareggi alle elezioni del 5 gennaio, consegnando quindi un controllo di misura del Senato statunitense al Partito Democratico di Joe Biden.

Infine, Trump e qualche suo collega repubblicano hanno incitato una marmaglia a saccheggiare il Campidoglio degli Stati Uniti. Quel catastrofico errore di calcolo politico si è concluso con la morte di cinque persone (incluso un ufficiale di polizia), con la seconda messa in stato d’accusa di Trump, e con la disgrazia per i più aggressivi pretendenti alla successione del Presidente sconfitto, i Senatori Josh Hawley del Missouri e Ted Cruz del Texas.

Il momento era maturo per Biden per parlare al paese dei suoi programmi economici. E quando ha parlato, lo ha fatto con concentrazione, con precisione e con un chiaro senso della dimensione e della varietà di iniziative che la situazione richiede.

Biden ha proposto immediatamente un piano di salvataggio che promuove un certo numero di obbiettivi urgenti. La sua prima priorità è la salute pubblica, un tema a lungo negletto che può essere affrontato in parte creando centri di vaccinazione di comunità e ambulatori medici, e formando almeno 100.000 nuovi operatori della sanità pubblica nel controllo di base dell’epidemia. Elementi essenziali di questo piano interesseranno le comunità a basso reddito e delle minoranze, così come le carceri per pene detentive brevi o lunghe [1].

Un secondo obbiettivo del piano di Biden è il sostegno al reddito, che assumerà la forma di aiuti aggiuntivi in contante alle famiglie al di sotto di una certa soglia, di una assicurazione di disoccupazione prolungata e più ampia, di congedi pagati per l’emergenza, di finanziamenti agli affittuari ed alle piccole imprese e di detrazioni fiscali per i costi della assistenza ai bambini.

In terzo luogo, il piano di Biden ha l’obbiettivo di stabilizzare il federalismo con qualcosa come 350 miliardi di dollari in sostegno ai governi degli Stati e delle comunità locali le cui basi fiscali sono implose. Tale finanziamento è urgentemente necessario per mantenere al lavoro insegnanti, pompieri, poliziotti ed altri ufficiali pubblici essenziali – così come lo saranno i 20 miliardi di dollari aggiuntivi per mantenere operativo il trasporto pubblico durante la crisi.

Infine, il piano di Biden ha un elemento di maggiore giustizia, proponendo un aumento da tempo necessario del salario federale minimo a 15 dollari all’ora, il che accrescerebbe il salario per circa il 30% di tutti i lavoratori americani.

Biden ha correttamente definito il suo piano come “piano americano di salvataggio”, piuttosto che come un programma per una “ripresa” o di “stimolo”. Se avrà successo, il pacchetto arresterà la pandemia, ed eviterà il collasso dei servizi degli Stati e dei governi locali. La ricostruzione economica è importante; ma è un obiettivo separato che può essere promosso con un secondo pacchetto. Biden ha messo in chiaro di riconoscere questo punto: una volta che il programma di salvataggio sarà messo in atto, la ricostruzione potrà avere inizio, mettendo l’accento sulle infrastrutture, sull’energia e sulla politica per il clima.

Tra le altre cose, questa seconda fase potrà essere utilizzata per rimettere i settori avanzati dell’America al servizio degli obbiettivi pubblici e dei bisogni sociali.

Questa sequenza è fondamentale, perché questi settori non riprenderanno semplicemente e non torneranno alle loro precedenti collocazioni nell’economia. Ora che la pandemia ha sovvertito il settore aereospaziale, delle costruzioni commerciali e al dettaglio, dell’energia, e molto altro, sarà necessario riallocare una vasta gamma di competenze e di risorse. Un programma economico della seconda fase potrà guidare il percorso.

Ancora più importante, il programma di Biden non fa alcun cenno ai dogmi di Wall Street sui deficit di bilancio o sul debito nazionale. Esso non propone misure meramente temporanee che possono essere rovesciate in seguito, né fa appello alle previsioni economiche per coprire un divario tra le spese ed i risultati del programma. Questo è particolarmente incoraggiante da constatare, considerata la mentalità ortodossa della squadra economica di Biden. Essendosi impegnate dall’inizio su una agenda ambiziosa, per queste persone sarà in qualche modo più difficile tornare in seguito alle precedenti abitudini.

Eppure, di tre cose che si stanno trascurando nel pacchetto di Biden sarà necessario occuparsi a tempo debito. La prima: né i programmi per la salute pubblica né le iniziative sulle infrastrutture, sull’energia e sul clima offriranno sufficienti posti di lavoro per compensare le perdite nel vasto settore dei servizi dell’America. A seguito dell’inevitabile declino del lavoro di ufficio e del commercio al dettaglio e della scomparsa di una vasta gamma di servizi individuali che non potranno sopravvivere alla pandemia, gli americani di classe media sono ripiegati nelle loro abitazioni di periferia. È già chiaro che ci sarà bisogno di mettere sul tavolo, prima o poi, un programma di posti di lavoro garantiti dal pubblico o non a scopo di lucro.

La seconda, allo scopo di garantirne la sopravvivenza, molti servizi e piccole imprese dovranno spostarsi verso nuove soluzioni proprietarie e di condivisione dei costi, che potranno essere realizzate nel migliore dei modi attraverso strutture cooperativistiche con appropriata vigilanza e finanziamenti locali. E soluzioni simili saranno necessarie per sostenere il lavoro degli artisti, degli attori, dei musicisti e degli scrittori. Come durante il New Deal, le persone creative dell’America hanno bisogno (e meritano) quel sostegno che l’economia commerciale non sarà capace di fornire.

Infine, una volta che la crisi immediata sarà passata, saranno necessarie misure di emergenza per differire affitti, mutui, conti sanitari e prestiti agli studenti, al fine di sottoporli ad un sistema che possa ridurre i debiti, cancellare o trovare soluzioni a debiti impossibili da restituire, in una maniera giusta e ordinata.

Questi passi successivi presuppongono quelli precedenti. Ma sulla base di un avvio eccellente, stiamo già vedendo i primi segni di una guida coerente, qualificata, impegnata e seria. Il paese adesso deve chiedere che il Congresso approvi immediatamente il suo programma.

 

 

 

 

 

 

[1] Questa sembra la differenza tra “prison” e “jail” (vedi Hinative).

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"