Altri Economisti » Selezione della Settimana

La sfida sui vaccini di Biden, di Michael Spence (da Project Syndicate, 25 gennaio 2021)

 

Jan 25, 2021

Biden’s Vaccine Challenge

MICHAEL SPENCE

zz 632

MILAN – US President Joe Biden’s plan for ending the COVID-19 pandemic and hastening the economic recovery is well designed and comprehensive, with clear objectives and priorities. But implementing it will not be easy, not least because it depends on rapid vaccine deployment.

The damage the pandemic has wrought has been far-reaching. In October, Lawrence H. Summers and David M. Cutler estimated that its cumulative financial costs (including lost output and health reduction) in the United States exceed $16 trillion – about 90% of annual GDP. For a family of four, the estimated loss – including income and the costs of a shorter and less healthy life – amounts to nearly $200,000.

But these costs are not being borne equally. Those in the bottom 50% of the income and wealth distribution have suffered the most, exacerbating already-high economic inequality.

Moreover, the pandemic has produced a major shock to education, especially for the very young. It is not yet possible to know the long-term consequences of school closures and remote learning for young people’s cognitive and social development. But it is safe to assume that the longer the disruption continues, the more serious they are likely to be.

Fortunately, Biden’s plan recognizes all of this. It also recognizes that the only way to achieve a full economic recovery (and get students back in school) is to get COVID-19 under control – and fast.

Many of the sectors most vulnerable to plummeting demand during the COVID-19 crisis – including travel, tourism, hospitality, sports, museums, and live entertainment – are labor-intensive. As long as they are struggling, employment cannot recover. And they will stop struggling only when public-health measures can be safely rolled back.

The good news is that, judging by the experience of the Asian economies that have managed to contain the virus, once economic activity can resume fully, the rebound will be sharp. As Biden’s plan also recognizes, well-targeted fiscal programs that limit additional damage to household and business finances will reinforce this outcome.

If one views containing and eliminating COVID-19 as an investment in economic recovery, the rate of return is huge. The OECD’s high-frequency data tracking suggests that, in the US, the recovery has stalled at a contracted level of close to 8-10% of GDP, or $1.9 trillion per year. But rapid vaccine deployment (within 6-9 months) would bring economic benefits worth at least $1 trillion. In other words, an effective vaccination program that costs the federal government $500 billion would have an annual rate of return of 100% (not counting the lives saved and other benefits).

And make no mistake: large-scale vaccine deployment is the only way the US can credibly hope to contain the COVID-19 outbreak. That much has become clear over the past year, as the vast majority of countries (with a few exceptions in Asia) have failed to bring the coronavirus under control by other means.

Will Biden’s vaccination plan work? Although the plan has been shaped by scientific experts, rapid vaccine deployment poses massive implementation challenges. Meeting them will require Biden to approach the COVID-19 pandemic much as he would a war.

In wartime, civilian leaders set military objectives, and identify what is needed – in terms of materiel, manufacturing, and logistics – to meet them. Then the economy’s resources are redeployed accordingly, even if it causes disruptions and shortages in affected sectors. Rationing is instituted, with price controls ensuring that supply constraints don’t fuel inflation.

In many ways, the US is at war against COVID-19. But the existing systems – both public and private – for delivering what is needed to win are weak, fragmented, and, especially, uncoordinated. The Biden administration has inherited a chaotic, disorganized, and decentralized mess. They will rely on expansive and authoritative federal leadership, backed by public funding, to overcome these shortcomings. That is a good start. But the outcome will depend on how federal leadership is exercised.

For starters, Biden must enlist the help of managers with experience in operations, logistics, and service delivery, and who can work with private-sector partners to create the right incentives. This is not typically government’s strong suit. The military, however, is adept in this area; its expertise should be tapped.

With the help of such experts, the federal government must secure adequate supply to meet ambitious vaccination targets. It may also need to establish new distribution channels to supplement existing ones.

At the same time, the federal government must decide how to prioritize access to the vaccine, and ensure that the system is consistent at all levels. Otherwise, states, municipalities, and health-care providers will continue to act independently – with economically (and morally) perverse consequences. For example, conflicting policies among various levels of government and other participants have already led to unused doses being thrown away, while others struggle to meet the demand.

Moreover, different prioritization schemes undermine perceptions of fairness and lead to a disorderly scramble to get vaccinated sooner. Vaccine tourism is already reported to be in full swing. The last thing a deeply divided and unequal US needs is for secondary markets to emerge, enabling people to buy their way to the front of the line.

In fact, the Biden administration should ensure that all vaccine doses are provided free of charge. And its strategy must address the impact of lack of universal health insurance, as well as local residency requirements, on people’s ability to get vaccinated.

Finally, the government must ensure that vaccine-administration systems are reliable, regardless of how many users flock to them. We cannot continue to repeat the experience of last spring, when many state unemployment systems proved unable to handle the sudden surge in applications.

The crises that Biden confronts as he begins his presidency are not of his making. And he has already promised to avoid many of his predecessor’s mistakes – beginning by building his pandemic strategy on scientific expertise, and restoring the federal government’s central role. But now the government needs to mount a massive delivery program, enlisting adequate management and operations expertise. Without that, even Biden’s best-laid plans may go awry.

 

La sfida sui vaccini di Biden,

di Michael Spence

 

MILANO – Il piano del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden per porre termine alla pandemia del Covid-19 ed affrettare la ripresa economica è ben concepito e organico, con obbiettivi e priorità chiare. Ma realizzarlo non sarà facile, non da ultimo perché esso dipende da un rapido dispiegamento del vaccino.

Il danno che la pandemia ha inflitto è stato di vasta portata. In ottobre, Lawrence W. Summers e David M. Cutler hanno stimato che i suoi complessivi costi finanziari negli Stati Uniti (incluse la perdita di produzione e la riduzione della salute) superano i 16  mila miliardi di dollari – circa il 90% del PIL annuale. Per una famiglia di quattro persone, le perdite stimate – compreso il reddito e i costi di una vita più breve e meno sana – ammontano a circa 200.000 dollari.

Ma questi costi non vengono sopportati equamente. Coloro che sono nel 50% inferiore della distribuzione del reddito e della ricchezza ne hanno subito la maggior parte, esacerbando una ineguaglianza economica già elevata.

Inoltre, la pandemia ha prodotto un trauma importante all’educazione, particolarmente per i giovanissimi. Non è ancora possibile conoscere le conseguenze a lungo termine della chiusura delle scuole e dell’apprendimento da remoto sullo sviluppo cognitivo e sociale dei giovani. Ma si può certo considerare che più a lungo prosegue l‘interruzione, più serie saranno le conseguenze.

Fortunatamente, il piano di Biden riconosce tutto questo. Riconosce anche che l’unico modo per realizzare una piena ripresa economica (e riportare gli studenti a scuola) è mettere sotto controllo il Covid-19 – e rapidamente.

Molti dei settori più vulnerabili al crollo della domanda durante la crisi del Covid-19 – inclusi i viaggi, il turismo, l’accoglienza, gli sport, i musei e gli spettacoli dal vivo – sono ad alta intensità di lavoro. Finché sono in difficoltà, l’occupazione non può riprendere. Ed essi finiranno di essere in difficoltà solo quando le misure di sanità pubblica non saranno ridotte.

La buona notizia è che, a giudicare dalla esperienza delle economie asiatiche che sono riuscite a contenere il virus, una volta che l’attività economica potrà riprendere pienamente, il recupero sarà netto. Come riconosce anche il piano di Biden, programmi di finanza pubblica ben mirati che limitino il danno aggiuntivo alle finanze delle famiglie e delle imprese rafforzeranno questo risultato.

Se si considera il contenimento e l’eliminazione del Covid-19 come un investimento nella ripresa economica, il tasso di rendimento è elevato. Il ricorrente rilevamento dei dati  dell’OCSE indica che, negli Stati Uniti, la ripresa ha ristagnato ad un livello ridotto prossimo al valore dell’8-10 per cento del PIL, ovvero 1.900 miliardi di dollari all’anno. Ma una diffusione rapida dei vaccini (entro i sei-nove mesi) porterebbe il valore economico dei sussidi almeno a 1000 miliardi di dollari. In altre parole, un programma efficace di vaccinazioni che costi al Governo Federale 500 miliardi di dollari, avrebbe un tasso di rendimento annuo del 100% (non considerando le vite salvate e altri benefici).

E non si facciano errori: la diffusione dei vaccini su larga scala è l’unico modo nel quale gli Stati Uniti possono credibilmente sperare di contenere l’epidemia del Covid-19. Ciò è diventato chiaro nel corso dell’anno passato, quando la grande maggioranza dei paesi (con qualche eccezione in Asia) non sono riusciti a portare sotto controllo il coronavirus in altri modi.

Funzionerà il programma delle vaccinazioni di Biden? Sebbene esso sia stato predisposto da scienziati esperti, una rapido dispiegamento dei vaccini pone massicce sfide di realizzazione. Affrontarle richiederà a Biden un approccio all’epidemia del Covid-19 come se si trattasse di una guerra.

In tempi di guerra, leader civili stabiliscono gli obbiettivi militari e identificano ciò che è necessario – in termini di materiali, di attività manifatturiere e di logistica – per soddisfarli. Poi le risorse dell’economa vengono redistribuite di conseguenza, anche se ciò provoca disfunzionalità e carenze nei settori interessati. Si istituisce il razionamento, con controlli dei prezzi che assicurano che i limiti dell’offerta non alimentino l’inflazione.

Sotto molti punti di vista, gli Stati Uniti sono in guerra con il Covid-19. Ma i sistemi esistenti – sia pubblici che privati – sono deboli per fornire quello che è necessario per vincere, sono frammentati e, in particolare, scoordinati. L’Amministrazione Biden ha ereditato un disordine caotico, disorganizzato e decentralizzato. Per superare questi difetti, si baserà su una guida federale estesa e autorevole, seguita da finanziamenti pubblici. Questa è una buona partenza. Ma il risultato dipenderà da come la direzione federale viene esercitata.

Per cominciare, Biden deve affidarsi all’aiuto di dirgenti che hanno esperienza nelle procedure, nella logistica e nella fornitura di servizi, e che possono lavorare con i partner del settore privato per creare i giusti incentivi. Questi non sono tipicamente punti di forza del Governo. Tuttavia, l’esercito è esperto in quest’area; la sua esperienza dovrebbe essere sfruttata.

Con l’aiuto di tali esperti, il Governo federale deve assicurare un’offerta adeguata per soddisfare ambiziosi obbiettivi di vaccinazione. Esso potrà anche avere bisogno di istituire nuovi canali di distribuzione per integrare quelli esistenti.

Nello stesso tempo, il Governo federale deve decidere le priorità d’accesso al vaccino, e garantire che il sistema sia coerente a tutti i livelli. Altrimenti gli Stati, le municipalità e i fornitori della assistenza sanitaria continueranno ad agire indipendentemente – con conseguenze economiche (ed anche morali) perverse. Ad esempio, le contrastanti politiche tra i vari livelli del governo ed altri partecipanti hanno già comportato che dosi inutilizzate vengano gettate via, mentre altri faticano a soddisfare la domanda.

Inoltre, modelli diversi nelle priorità minano la percezione di giustizia e portano ad una corsa disordinata per essere vaccinati prima. Già viene riferito che il turismo per i vaccini è in pieno svolgimento. L’ultima cosa di cui hanno bisogno gli Stati Uniti profondamente divisi e ineguali è che si affermino mercati secondari, che consentano alle persone di acquistare una soluzione personale per stare in cima alla fila.

Nei fatti, l’Amministrazione Biden dovrebbe garantire che tutte le dosi del vaccino siano fornite senza oneri. E la sua strategia deve affrontare l’ostacolo al diritto delle persone ad essere vaccinate costituito dalla mancanza di una assicurazione sanitaria universalistica, così come dai requisiti relativi al luogo di residenza.

Infine, il Governo deve assicurare che i sistemi di amministrazione del vaccino siano affidabili, a prescindere da quanti utilizzatori vi affluiscono.  Non possiamo ripetere l’esperienza della scorsa primavera, quando molti sistemi della disoccupazione degli Stati si sono dimostrati incapaci di gestire una improvvisa impennata delle domande.

Le crisi con le quali Biden si misura entrando in carica non sono state create da lui. Ed egli ha già promesso di evitare molti errori dei suoi predecessori – cominciando col costruire le sua strategia pandemica sulla base della competenza scientifica e ripristinando il ruolo centrale del Governo Federale. Ma adesso il Governo ha bisogno di organizzare un massiccio programma di forniture, affidandosi ad una adeguata competenza gestionale e organizzativa. Senza di essa, anche i programmi meglio concepiti possono andare a monte.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"