Altri Economisti » Selezione della Settimana

Biden fa le cose in grande, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 1 febbraio 2021)

 

Feb 1, 2021

Biden Goes Big

JOSEPH E. STIGLITZ

Conférence given by Joseph E. Stiglitz Nobel prize in economics / Ecole polytechnique, 16 octobre 2019

NEW YORK – US President Joe Biden has proposed a $1.9 trillion rescue plan to help the American economy recover from the pandemic. Many Republicans oppose it, suddenly consumed with the fiscal religion they unceremoniously abandon whenever their party controls the White House. The massive tax cuts the GOP bestowed on billionaires and corporations in 2017 resulted in the highest US fiscal deficits on record, outside of a deep recession or war. But the promised investment and growth never materialized.

By contrast, Biden’s proposed spending plan is urgently needed. Recently released data show a slowdown in America’s recovery both in terms of GDP and employment. There is overwhelming evidence that the recovery package will provide enormous stimulus to the economy, and that economic growth will generate substantial tax revenues, not just for the federal government but also for the states and municipalities that are now starved of the funds they need to provide essential services.

Opponents of the Biden plan also disingenuously warn against inflation – that lurking bogeyman that is more fantasy than real threat nowadays. Indeed, some data suggest that wages may be falling in parts of the economy. But if inflation does emerge, the US has ample monetary and fiscal tools at the ready.

The economy would, of course, be better off without zero interest rates. It would also be better if policymakers raised taxes by imposing levies on pollution and restoring greater progressivity to the tax system. There is no valid reason why the richest Americans should pay lower taxes as a percentage of their income than those who are far less well off. Given that wealthy Americans have been the least affected, medically or economically, by the coronavirus pandemic, America’s regressive tax system has never looked uglier.

We have seen how the pandemic has ravaged some sectors of the economy, leading to high rates of firm closure, especially among small businesses. There is a real risk that not passing a large recovery package will do enormous, and possibly long-lasting, damage. This is because poor economic performance heightens economic anxiety (compounding the anxiety induced by the pandemic itself), leading to a downward spiral in which precautionary behavior lowers consumption and investment, further weakening the economy.

Indeed, whatever the cause, weak balance sheets and business failures fuel a contagion that will infect the entire economy, with powerful hysteresis effects coming into play. After all, firms that have gone bankrupt in the pandemic will not un-bankrupt themselves when COVID-19 is brought under control.

The fact that COVID-19 is a pandemic – global in scope – makes matters worse. While the best available data suggests that many developing countries and emerging markets have not been hit as badly as people feared they would be a year ago, the global economy’s unprecedented slowdown implies softening demand for US exports.

Poorer countries don’t have the resources to support their economies that developed countries do. China played a big role in the recovery from the 2008 global financial crisis; but even though it was the only large economy to grow in 2020, its recovery was markedly weaker than in the aftermath of that 2008 crisis (when annual GDP growth exceeded 9% and 10% in 2009 and 2010, respectively). China is also now allowing its trade surpluses to grow, providing less impetus to global growth.

Because the Biden plan incorporates the key features of what must be done, it promises to yield large returns. A first priority is to ensure that funds are available to fight the pandemic, to enable children to return to school, and to allow states and localities to continue to provide the health, education, and other services that people depend on. Extending unemployment insurance will not only help the vulnerable. By providing reassurance, it will lead to an increase in spending, with economy-wide benefits.

The moratorium on evictions through March 31 and assistance to low-income families will also encourage spending. More generally, it is well established that the poor have a high propensity to consume, so a package directed at increasing incomes at the bottom (including an increase in the minimum wage, child credits, and the earned income tax credit) will help revive the economy.

Under President Donald Trump, the programs that focused on small businesses were not as effective as they could or should have been – partly because too much of the money went to businesses that were not really small, and partly because of a rash of administrative problems. It appears that the Biden administration is fixing those problems. If so, expanding aid to businesses will not only help in the short run, but will also put the economy in good stead as the pandemic wanes.

Economists no doubt will argue about every feature of the program’s design – how much money should go here or there; what the threshold should be for receiving cash benefits; and the optimal triggers for scaling down the unemployment insurance program. Reasonable people can disagree about these details. Adjusting them is part of the stuff of which political compromise is made.

But where there should be no disagreement is that large amounts of money are needed urgently, and that opposition to it is both heartless and dangerously short-sighted.

 

Biden fa le cose in grande,

di Joseph E. Stiglitz

 

NEW YORK – Il Presidente Joe Biden ha proposto un piano di salvataggio di 1.900 miliardi di dollari per aiutare l’economia americana a riprendersi dalla pandemia. Molti repubblicani si oppongono, all’improvviso divorati dalla religione della finanza pubblica che senza tante cerimonie abbandonano ogni qual volta il loro partito si installa alla Casa Bianca. Il massiccio sgravio fiscale che il Partito Repubblicano regalò ai miliardari ed alle società nel 2017 si concluse con i più alti deficit della finanza pubblica statunitense della storia, a parte le gravi recessioni o le guerre. Ma gli investimenti e la crescita promessi non si sono mai realizzati.

Al contrario, Biden ha proposto un programma di spesa che è urgentemente necessario. I dati recentemente pubblicati mostrano un rallentamento della ripresa dell’America sia in termini di PIL che di occupazione. È molto evidente che il pacchetto degli aiuti fornirà un enorme stimolo all’economia e che la crescita economica produrrà rilevanti entrate fiscali, non solo per il Governo federale ma anche per gli Stati e le municipalità che adesso sono prive dei fondi di cui hanno bisogno per fornire i servizi essenziali.

Gli avversari del piano di Biden stanno anche in malafede mettendo in guardia per l’inflazione – quel nascosto uomo nero che ai nostri giorni è più una fantasia che una minaccia reale. In effetti, alcuni dati indicano che in settori dell’economia i salari è possibile che siano in calo [1]. Ma se emergesse inflazione, gli Stati Uniti hanno ampi strumenti monetari e di finanza pubblica a disposizione.

Ovviamente, l’economia andrebbe meglio senza i tassi di interesse a zero. Andrebbe anche meglio se le autorità alzassero le tasse imponendo imposte sull’inquinamento e restituendo una maggiore progressività al sistema fiscale. Non c’è alcuna valida ragione per la quale gli americani più ricchi debbano pagare tasse più basse in percentuale sui loro redditi rispetto a coloro che sono di gran lunga meno benestanti. Dato che gli americani ricchi sono stati i meno colpiti, sanitariamente ed economicamente, dalla pandemia del coronavirus, il sistema fiscale regressivo americano non è mai sembrato più preoccupante.

Abbiamo constatato come la pandemia abbia devastato alcuni settori dell’economia, portando a tassi elevati di chiusura delle imprese, in particolare tra le piccole imprese. C’è un rischio reale che la non approvazione di un ampio pacchetto per la ripresa farebbe un danno enorme, e forse di lunga durata. Questo perché una modesta prestazione dell’economia accresce l’ansietà economica (aggravando l’ansietà indotta dalla stessa pandemia), portando ad una spirale verso il basso nella quale il comportamento cautelare abbassa i consumi e gli investimenti, indebolendo ulteriormente l’economia.

In effetti, qualsiasi sia la ragione, gli equilibri patrimoniali deboli e i fallimenti delle imprese alimentano un contagio che finisce con l’infettare l’intera economia, con potenti effetti di isteresi che entrano in gioco. Dopo tutto, le imprese che sono fallite durante la pandemia non usciranno dai fallimenti quando il Covid-19 sarà messo sotto controllo.

Il fatto che il Covid-19 sia una pandemia – di ambito globale – rende le cose peggiori. Mentre i migliori dati disponibili indicano che molti paesi in via di sviluppo e mercati emergenti non sono stati colpiti così duramente [2] come le persone temevano un anno fa, il rallentamento senza precedenti dell’economia globale comporta una attenuazione della domanda per le esportazioni statunitensi.

I paesi più poveri non hanno le risorse che hanno i paesi sviluppati per sostenere le loro economie. La Cina ebbe un grande ruolo nella ripresa dalla crisi finanziaria del 2008; ma anche se essa è stata l’unica ampia economia a crescere nel 2020, la sua ripresa è stata distintamente più debole di quella successiva alla crisi del 2008 (quando la crescita del PIL annuale superò il 9% e il 10%, rispettivamente nel 2009 e nel 2010). La Cina sta adesso peraltro agendo in modo che i suoi surplus commerciali crescano, fornendo uno slancio minore alla crescita globale.

Poiché il programma di Biden incorpora i tratti salienti di quello che deve essere fatto, promette di generare ampi rendimenti. Una prima priorità è garantire che siano disponibili i finanziamenti per combattere la pandemia, per permettere ai bambini di tornare a scuola, e consentire agli Stati ed alle comunità locali di continuare a fornire l’assistenza sanitaria, l’istruzione e gli altri servizi dai quali le persone dipendono. Prorogare l’assicurazione di disoccupazione non aiuterà soltanto le persone vulnerabili. Fornirne la garanzia, porterà ad un aumento della spesa, con benefici per l’intera economia.

Anche la moratoria degli sfratti sino al 31 marzo e l’assistenza alle famiglie con basso reddito incoraggerà la spesa. Più in generale, è ben chiaro che i poveri hanno una elevata propensione al consumo [3], cosicché un pacchetto diretto ad accrescere i redditi più bassi (incluso un aumento del salario minimo, i crediti sui figli e il credito di imposta sui redditi da lavoro) aiuterà a ravvivare l’economia.

Con il Presidente Donald Trump, i programmi che si concentravano sulle piccole imprese non erano così efficaci come avrebbero potuto e dovuto essere – in parte perché troppo soldi andavano ad imprese che non erano realmente piccole, e in parte per una ondata di problemi amministrativi. Sembra che l’Amministrazione Biden stia ponendo rimedio a quei problemi. Se così fosse, ampliare gli aiuti alle imprese non solo aiuterà nel breve periodo, ma collocherà anche l’economia in una buona posizione al momento in cui la pandemia si allontana.

Senza dubbio gli economisti discuteranno di ogni aspetto del progetto di programma – quanti soldi dovrebbero essere allocati in una soluzione o nell’altra; quale soglia dovrebbe essere fissata per ricevere i sussidi in contante; i fattori ottimali per innescare una riduzione del programma di assicurazione della disoccupazione. Le persone ragionevoli possono non concordare su questi dettagli. Correggerli è un aspetto della materia di cui è fatto il compromesso politico.

Ma non dovrebbe esserci alcun disaccordo sul fatto che ampie quantità di denaro siano necessarie con urgenza e che opporsi ad esse è al tempo stesso crudele e pericolosamente miope.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Nel testo inglese una connessione con un articolo comparso sul blog di Brookings, che riferisce di alcuni studi sul carattere della attuale situazione economica americana. Tra l’altro, uno di quegli studi riferisce che i datori di lavoro stanno tagliando l’11 per cento dei salari dei lavoratori e non aumentano altri salari secondo quanto era programmato. La riduzione dei salari sarebbe circa doppia di quella che si era verificata nella recessione del 2007-2009.

[2] La connessione è con uno studio della Banca Mondiale del’8 giugno 2020.

[3] Nel senso che ogni dollaro di aiuti alle persone povere produce normalmente una spesa diretta, perché i consumi dei poveri sono contratti anche per le necessità più urgenti; nel caso dei benestanti i sussidi pubblici o gli sgravi fiscali finiscono più probabilmente nei risparmi che nei consumi.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"