Altri Economisti » Selezione della Settimana

Cosa c’è di diverso nella bolla di GameStop? Di Jeffrey Frankel (da Project Syndicate, 3 febbraio 2021)

 

Feb 3, 2021

What’s Different About the GameStop Bubble?

JEFFREY FRANKEL

zz 711

CAMBRIDGE – In the last week of January, the price of stock in GameStop – an ailing brick-and-mortar video-game retailer – soared 323% for the week and 1,700% for the month. Nothing happened within the company to drive the increase; its fundamentals remain unchanged. It was a speculative bubble – but with a twist.

With any bubble, investors who get in and out at the right moment make a lot of money, while those who get in too late or stay too long suffer large losses. Participating in a speculative bubble is thus like playing roulette in a casino, with the financial-services companies (like Charles Schwab) and retail-investment platforms (like Robinhood) acting as the “house.”

But the GameStop bubble is unusual, because it challenges both of the most common interpretations of financial markets. The first interpretation is that financial markets efficiently allocate capital to enterprises that have strong economic fundamentals and away from those that do not. The second is that big Wall Street traders speculate in ways that destabilize markets, making unseemly profits at the expense of the little guy.

The investors who purchased all those GameStop shares – often young, mostly amateur traders coordinating on message boards such as Reddit’s WallStreetBets – seem to subscribe to the latter interpretation. In their view, by conspiring to drive up struggling companies’ stock prices, the little guy was beating Wall Street at its own game. And, indeed, the hedge funds that had been short-selling GameStop have swallowed massive losses.

But this David-versus-Goliath narrative has serious flaws. In fact, there are no clear-cut heroes or villains in the GameStop story. For starters, both sides used the same tool: options trading. The hedge funds bought put options (“selling short”), betting the stock would fall. The small traders then bought call options (“going long”), betting it would rise. They did the same with other struggling companies, such as the movie-theater chain AMC Entertainment and the mobile-device manufacturer BlackBerry.

Short-sellers tend to generate more hostility than those who go long, but there is nothing inherently nefarious in their approach. On the contrary, they often fulfill a useful economic function. By betting against what they view as an overvalued stock, hedge funds drive the price closer to what a company’s fundamentals warrant. This practice can help to slow down the growth of price bubbles, whose implosion can be devastating – as the 2008 global financial crisis showed. Short-sellers also brought attention to dubious sales schemes in the nutritional-supplements industry in 2015 and dishonest accounting practices at the German company Wirecard last year.

The small GameStop investors are not villains, either. True, no one claims to believe that GameStop is actually worth $325 per share. Their motive for continuing to buy appears to be either to ride the speculative wave – much as casino habitués gamble for fun – or to inflict pain on the hedge funds as a sort of populist political message. They are within their rights to do both.

To be sure, had a few big hedge funds colluded in the way the Reddit traders did, they could well have faced prosecution for illegal market manipulation. But this doesn’t apply to the GameStop investors, who were small, numerous, and open about what they were trying to do.

Moreover, at a time of extreme wealth inequality, the GameStop investors are far more sympathetic figures, with everyone from US Representative Alexandria Ocasio-Cortez of New York (on the left) to US Senator Ted Cruz of Texas (on the right) taking their side. Despite incurring huge losses, the hedge funds remain wealthy.

But some traders will suffer mightily. The novices who jumped on the GameStop bandwagon after the price had already begun rising and are keeping their shares to the bitter end – an approach known as “holding on with diamond hands” – will probably end up losing most of the money they invested. Many of these investors probably would not have invested without the urging of the social-media campaign and in some cases can ill afford the losses.

Complicating the story further, on January 29, Robinhood imposed restrictions on trading in 50 companies, including those on which the Redditors were betting – a move that caused GameStop and other stocks to nosedive and attracted the ire of Ocasio-Cortez and Cruz. (It has since narrowed the restrictions to just eight Reddit favorites.)

One duty of financial regulation is to protect people who may not know what they are getting into from losing everything. So, the Securities and Exchange Commission released a statement announcing an investigation into the “regulated entities” – not the roulette players, but the house – to ensure that they “uphold their obligations to protect investors and to identify and pursue potential wrongdoing.”

This is not the first time Robinhood has come under SEC scrutiny. In December, the company was fined $65 million for misleading customers about how it makes its money. (Robinhood led customers to believe they were getting the best price for their orders, but actually gave orders to firms that generated higher revenues for the company.)

During the GameStop episode, Robinhood’s problem was that it had been operating with too thin a margin. When faced with both regulatory constraints (in the form of capital requirements) and demands from its market-clearing house that it put up more deposits to back its trading, it faced the prospect of being unable to pay off customers who had won their bets.

Robinhood has been able to raise more capital, and will survive, albeit possibly in a diminished form. But a capable regulator like Gary Gensler, if he is confirmed as the SEC’s new chair, might decide to tighten the regulations that led Robinhood to restrict trading – say, by raising capital requirements.

Robinhood’s customers have already concluded that the platform – supposedly created to democratize finance – stands exposed as a component of the financial establishment. But evidently they still believe in Reddit’s WallStreetBets. They are reminiscent of victims of past Ponzi schemes, who sometimes blame their losses not on the con artist behind the scheme, but on the authorities who shut it down.

 

Cosa c’è di diverso nella bolla di GameStop?

Di Jeffrey Frankel

 

CAMBRIDGE – Nell’ultima settimana di gennaio, il prezzo dell’azione di GameStop – una serie di punti vendita di videogiochi in difficoltà – è schizzata in alto del 323% in una settimana e del 1.700% su base mansile. Non era accaduto niente alla società che provocasse l’aumento; i suoi fondamentali restavano immutati. Era una bolla speculativa – ma con un colpo di scena.

Come in ogni bolla, gli investitori che acquistano e vendono al momento giusto fanno un sacco di soldi, mentre quelli che acquistano troppo tardi o restano fermi troppo a lungo patiscono grandi pedite. Partecipare ad una bolla speculativa è quindi come giocare ad una roulette in un casinò, con le società dei servizi finanziari (come Charles Schwab) e le piattaforme al dettaglio degli investimenti (come Robinhood) [1] che operano come “banco”.

Ma la bolla di GameStop è inusuale, perché sfida entrambe le più comuni interpretazioni dei mercati finanziari. La prima interpretazione è che i mercati finanziari collocano efficientemente il capitale sulle imprese che hanno forti fondamentali economici e li tolgono da quelle che non li hanno. La seconda è che i grandi agenti di borsa di Wall Street speculano in modi che destabilizzano i mercati, rendendo improbabili i guadagni a spese dei piccoli operatori.

Gli investitori che hanno acquistato tutte quelle quote di Wall Street – spesso giovani, in massima parte amatori degli operatori che coordinano i forum come WallStreetBets di Reddit [2] – sembrano calzare alla seconda interpretazione. Dal loro punto di vista, coalizzandosi per rialzare i prezzi delle azioni di società in difficoltà,  i piccoli operatori stavano battendo Wall Street nel suo stesso gioco. E, in effetti, i fondi speculativi che avevano venduto allo scoperto [3] GameStop hanno dovuto ingoiare perdite massicce.

Ma questo racconto del David contro Golia ha seri difetti. Di fatto, nella storia di GameStop non ci sono eroi o cattivi soggetti così chiari. Per cominciare, entrambi gli schieramenti hanno usato gli stessi strumenti: la negoziazione di opzioni. I fondi speculativi hanno acquistato le opzioni (“vendita allo scoperto”) scommettendo che il titolo sarebbe caduto. I piccoli operatori poi hanno acquistato le opzioni ‘di chiamata’ (“rialziste”), scommettendo che sarebbe salito [4]. Hanno fatto lo stesso con altre società in difficoltà, come la catena cinematografica-teatrale AMC Entertainment e le manifatture dei dispositivi mobili BlackBerry.

I venditori allo scoperto tendono a generare maggiore ostilità di coloro che puntano al rialzo, ma nel loro approccio non c’è niente di intrinsecamente nefando. Al contrario, spesso adempiono ad una funzione economica utile. Scommettendo contro quello che secondo loro è un titolo sopravvalutato, i fondi speculativi spingono il prezzo più vicino a quanto giustificano i fondamentali della società. Questa pratica può aiutare a rallentare la crescita delle bolle dei prezzi, le cui implosioni possono essere devastanti – come mostrò la crisi finanziaria globale del 2008. Peraltro, i venditori allo scoperto portarono l’attenzione su dubbi modelli di vendite nel settore degli integratori alimentari nel 2015 e, l’anno passato, su disoneste pratiche di contabilità della società tedesca Wirecard.

Neanche i piccoli investitori di GameStop sono i cattivi soggetti. È vero, nessuno dichiara di credere che il valore di GameStop sia effettivamente di 325 dollari per azione. La loro giustificazione per continuare a comprare sembra essere sia cavalcare l’ondata speculativa – molti frequentatori assidui dei casinò scommettono per divertimento – oppure di infliggere una sofferenza ai fondi speculativi in una sorta di messaggio politico populista. Hanno diritto a fare entrambe le cose.

Di sicuro, se alcuni grandi fondi speculativi fossero collusi nel modo in cui lo sono stati gli operatori di Reddit, essi potrebbero ben fare i conti con l’accusa di manipolazione illegale del mercato. Ma questo non vale per gli investitori di GameStop, che erano piccoli, numerosi ed espliciti su quello che cercavano di fare.

Inoltre, in un epoca di estreme ineguaglianze nella ricchezza, gli investitori di GameStop sono personaggi che ispirano simpatia, con tutti che si schierano dalla loro parte, dalla Congressista statunitense di New York Alexandria Ocasio-Cortez (alla sinistra) al Senatore del Texas Ted Cruz (alla destra). Nonostante abbiano subito vaste perdite, i fondi speculativi restano ricchi.

Ma alcuni operatori avranno pesanti sofferenze. I principianti che hanno seguito la moda di GameStop dopo che il prezzo era già cominciato a salire e stanno tenendosi le loro azioni sino ad un amaro finale – un approccio conosciuto come “tenersi stretti in mano i diamanti” – probabilmente finiranno col perdere la maggior parte dei soldi che avevano investito. Molti di questi investitori probabilmente, senza la pressione della campagna dei social media, non avrebbero investito e in alcuni casi potranno a mala pena permettersi le perdite.

A complicare la storia ulteriormente, il 9 gennaio Robinhood ha imposto restrizioni sulle operazioni in 50 società, comprese quelle sulle quali i frequentatori di Reddit stavano scommettendo – una mossa che ha provocato il tonfo di GameStop ed ha attirato le ire della Ocasio-Cortez e di Cruz (da quel momento essa ha limitato le restrizioni solo a otto favoriti di Reddit).

Un dovere dei regolamenti finanziari è proteggere le persone che possono non conoscere in cosa vengono coinvolti al punto da perdere tutto. Dunque, la Commissione sui Titoli e gli Scambi (SEC) ha pubblicato una dichiarazione che annuncia una indagine sugli “organi regolamentati” – non i giocatori alla roulette, ma il banco – per assicurare che essi “si attengano ai loro doveri di proteggere gli investitori e per identificare e perseguire eventuali malefatte”.

Non è la prima volta che Robinhood finisce al vaglio della SEC. A dicembre la società venne multata di 65 milioni di dollari per aver fuorviato i clienti sui modi nei quali faceva soldi (Robinhood induceva i clienti a credere che stessero ottenendo il prezzo migliore sui loro ordinativi, ma in effetti passava gli ordinativi ad imprese che generavano entrate maggiori per la società).

Durante l’episodio di GameStop, il problema di Robinhood è stato che essa stava operando con un margine troppo ristretto. Quando ha dovuto misurarsi sia con limiti regolamentari (nella forma di requisiti di capitale) che con richieste da parte del suo organo di vigilanza, si è trovata di fronte alla prospettiva di non essere nelle condizioni di pagare i clienti che avevano vinto le loro scommesse.

Robinhood è stata capace di accrescere il capitale, e sopravviverà, sebbene probabilmente in una forma ridotta. Ma un regolatore esperto come Gary Gensler, se fosse confermato alla nuova Presidenza della SEC, potrebbe decidere di restringere le regole che hanno portato Robinhood a restringere gli scambi – ad esempio, elevando i requisiti di capitale.

I clienti di Robinhood hanno già tratto le loro conclusioni, secondo le quali la piattaforma – che si supponeva fosse stata creata per democratizzare le finanze – si colloca apertamente dalla parte dei gruppi dirigenti finanziari. Ma evidentemente essi credono ancora a WallStreetBets di Reddit. Ricordano le vittime dei passati ‘schemi Ponzi’ [5], che talvolta danno la colpa delle loro perdite non ai geni della truffa che stanno dietro gli schemi, ma alle autorità che li interrompono.  

 

 

 

 

 

 

 

[1] La Charles Schwab Corporation è una società multinazionale americana di servizi finanziari fondata a San Francisco, in California. Con sede a Westlake, in Texas, Charles Schwab è il 13 ° istituto bancario più grande degli Stati Uniti con oltre 3,3 trilioni di dollari in asset dei clienti. Wikipedia

Robinhood Markets Inc, normalmente Robinhood, è un’azienda statunitense che offre servizi finanziari online, con quartier generale a Menlo Park, California. Wikipedia

[2] Reddit è un social news aggregator, un misto di piattaforma di discussione e distributore di link, diviso in forum, i cosiddetti subreddit. Gli utenti, i redditor, sono creatori di contenuti, consumatori e curatori. Utilizzando un sistema a punti composto da upvotes e downvotes, la comunità determina quali contenuti e discussioni sono importanti: questi verranno visualizzati nella parte superiore del feed. La piattaforma è in gran parte autogestita, i moderatori fungono da guardie del forum. (Da Ionos)

WallStreetBets è uno dei principali forum di Reddit.

[3] La vendita allo scoperto, chiamata anche vendita a nudo (in lingua inglese short selling, o semplicemente short), è un’operazione finanziaria che consiste nella vendita di titoli non direttamente posseduti dal venditore, ma presi in prestito dietro il versamento di un corrispettivo, con l’intento di ottenere un profitto a seguito di un movimento ribassista in una borsa valori. Wikpedia

[4] Credo significhi che gli uni e gli altri non hanno usato mezzi propri, ma preso a prestito finanziamenti da utilizzare – con finalità opposte – nelle operazioni per indebolire o rafforzare il valore delle azioni in oggetto e ovviamente da restituire al termine delle scommesse.

[5] Gli ‘schemi Ponzi’ si riferiscono alle malefatte finanziarie di un italo americano di nome Charles Ponzi.

Charles Ponzi era un signore italo americano – nasce a Lugo di Romagna, trascorre l’adolescenza a Parma, trova lavoro alle Poste, si iscrive alla Sapienza di Roma e poi emigra a Boston – che agli inizi  del secolo scorso, negli Stati Uniti, concepì una vasta – come spesso si chiama – ‘catena di S. Antonio’, inducendo molte persone  a versare soldi con la promessa di trarne successivamente un vantaggio. In realtà la sua storia è abbastanza complessa – si snoda tra il Canada, gli Usa, varie galere, la Florida, il ritorno in Italia, il Brasile – e per averne un’idea si può leggere la voce su Wikipedia.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"