Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il Texas congelato deliberatamente, di James K. Galbraith (da Project Syndicate, 22 febbraio 2021)

 

Feb 22, 2021

Texas Froze by Design

JAMES K. GALBRAITH

zzz 72

AUSTIN – Harvard Kennedy School’s William Hogan is credited with designing the Texas energy market. As Texans froze and their water pipes burst, he reportedly remarked that the state’s energy market has functioned as designed.

Hogan is right, which says a lot about how some economists think.

For years, electric utilities were a stable, dull business. To counter the effects of monopoly, utility commissions set and stabilized prices, and companies got a rate of return on their investment that was (in principle) enough to cover construction, maintenance, and a fair profit.

But economists complained: utilities had an incentive to over-invest. The bigger their operations and the higher their total costs, the more they could extract from the rate-setters.

Electricity is the ultimate standard product, every jolt exactly like every other. Texas had a self-enclosed energy grid, cut off from interstate commerce and thus exempt from federal regulations. What better place, what better product, to prove the virtues of a competitive, deregulated system?

So, economists proposed a free market: let generating companies compete to deliver power to consumers through the common electrical grid. Freely chosen contracts would govern the terms and the price. Competition would maximize efficiency, and prices would reflect fuel costs and the smallest possible profit margin.

The state’s role would be to manage the common power grid linking producers to consumers. In times of shortage, prices might rise, but those who did not wish to pay could flip their switches off.

In 2002, under Governor Rick Perry (later President Donald Trump’s secretary of energy), Texas deregulated its electricity system and established a free market, managed by a non-profit called the Electric Reliability Council of Texas (ERCOT), with roughly 70 providers. While a few cities – including Austin – kept their old-fashioned public power, they, too, were tied to the state system.

The problem is that electricity demand is inelastic: it doesn’t respond much to price, but it does respond to weather. In times of extreme heat or cold, demand becomes even more inelastic. And, unlike in an ordinary market, supply must equal demand every minute of every day. If it doesn’t, the entire system can fail.

The Texas system had three vulnerabilities. First, cut-throat competition to provide power in the cheapest possible way meant that machinery, wells, meters, pipes, and windmills were not insulated against extreme cold – rare but not unknown here. Second, while wholesale prices were free to fluctuate, retail prices depended on whatever contract the consumer had signed. Third, prices would rise the most at moments when demand for power was greatest – and would not fall.

The new system did work most of the time. Prices rose and fell. Customers who didn’t sign long-term contracts faced some risk. One provider, called Griddy, had a special model: for a $9.99 monthly membership fee, you could get your power at the wholesale price. Most of the time, that was cheap.

But people don’t need electricity “most of the time”; they need it all the timeAnd, at least by 2011, when Texas experienced a short, severe freeze, the state’s leaders knew that the system was radically unstable in extreme weather. The system’s architects knew it as well, whatever they say now.

Yet Texas politicians did nothing. Texas energy providers, a rich source of campaign donations, didn’t want to be required to invest in weatherization that was not needed most of the time. In 2020, even voluntary inspections were suspended, owing to COVID-19.

Enter the deep freeze of 2021. Water vapor in the natural gas froze at the wells, in pipes, and at generating plants. Non-weatherized windmills went offline, but they were a small part of the story. Because the Texas grid is disconnected from the rest of the country, no reserves could be imported; and, given the cold everywhere, none would have been available anyway. In the small hours of February 15, demand so outstripped supply that the entire grid reportedly came within minutes of a meltdown.

As this happened, the price mechanism failed completely. Wholesale prices rose a hundred-fold – but retail prices, under contract, did not rise that much, except for customers of Griddy, who got socked with bills for thousands of dollars a day. Demand rose as supply collapsed.

ERCOT was forced to cut power, which might have been tolerable, had it happened on a rolling basis across neighborhoods throughout the state. But this was impossible: you can’t cut power to hospitals, fire stations, and other critical facilities, or to high-rise apartments reliant on elevators. So, lights stayed on in some areas, and stayed off – for days – in others.

Freezing water was the next phase of the calamity. Pipes burst, and the water supply could not keep up with demand. Across Texas, water pressure fell or failed. Hospitals could not generate steam, and therefore heat, and some had to be evacuated. All of this, Hogan accurately tells us, was according to design.

Power is now coming back in Texas; water supplies will take some extra days. Food is scarce, and damaged homes will take months to repair. Millions of Texans have suffered the effects of a design, invented by economists, aided by a myth, that served the fossil fuel industry and the politicians it funds. One of these politicians, US Senator Ted Cruz, acted in perfect keeping with the system’s free-market logic by decamping to Cancún.

Perry says that we Texans are prepared to sacrifice ourselves to avoid the curse of socialism. But if socialism means entrusting life-and-death technical matters to engineers and others who know their stuff, and not to ideologues, hacks, and consultants, then many shivering Texans might prefer that curse to the one we’re living with right now.

 

Il Texas congelato deliberatamente,

di James K. Galbraith

 

AUSTIN – A William Hogan della Kennedy School di Harvard, viene attribuita la progettazione del mercato dell’energia del Texas. Mentre i texani congelavano e le loro condutture dell’acqua scoppiavano, secondo quanto viene riferito egli sottolineava che il mercato dell’energia dello Stato aveva funzionato secondo i progetti.

Hogan ha ragione, la qual cosa ci dice molto su come ragionano alcuni economisti.

Per anni i servizi elettrici sono stati una attività stabile, monotona. Per contrastare gli effetti del monopolio, le commissioni degli utenti stabilivano e stabilizzavano i prezzi, e le società avevano un tasso di rendimento sui loro investimenti che era (in linea di principio) sufficiente a coprire la costruzione, a manutenzione e un giusto profitto.

Ma gli economisti si lamentavano: i servizi avevano un incentivo a investire in eccesso. Più grandi erano le loro attività e più elevati i loro costi totali, più essi potevano spremere da coloro che stabilivano i tassi.

L’elettricità è il non plus ultra dei prodotti standardizzati, ogni scarica elettrica è esattamente come tutte le altre. Il Texas aveva una rete energetica chiusa in se stessa, tagliata fuori dal commercio interstatale e quindi esente dai regolamenti federali. Quale posto migliore, quale prodotto migliore, per dimostrare le virtù di un sistema competitivo e deregolamentato?

Dunque, gli economisti proposero un mercato libero: si permetta alle società che producono di fornire elettricità ai consumatori attraverso la rete elettrica comune. I contratti liberamente scelti avrebbero stabilito i termini e il prezzo. La competizione avrebbe massimizzato l’efficienza, e i prezzi avrebbero riflettuto il costo del combustibile e il margine di profitto più piccolo possibile.

Il ruolo dello Stato sarebbe stato gestire le rete elettrica comune collegando i produttori ai consumatori. In tempi di scarsità i prezzi potevano salire, ma coloro che non volevano pagare potevano girare i loro interruttori.

Nel 2002, con il Governatore Rick Perry (ultimo Segretario all’Energia del Presidente Donald Trump), il Texas deregolamentò il suo sistema elettrico e stabilì il libero mercato, gestito da un organismo non a fini di lucro denominato Comitato della Affidabilità Elettrica del Texas (ERCOT), con circa 70 fornitori. Mentre alcune città – compresa Austin – mantenevano la loro elettricità pubblica dei tempi andati, anche esse furono collegate con il sistema statale.

Il problema è che la domanda di elettricità è anelastica: non risponde granché al prezzo, ma di sicuro risponde al clima. In tempi di caldo o di freddo estremo, la domanda diventa persino più anelastica. E, diversamente da un mercato ordinario, l’offerta deve eguagliare la domanda ogni minuto di ogni giorno. Se non lo fa, l’intero sistema può andare in crisi.

Il sistema del Texas aveva tre vulnerabilità. La prima, la accanita competizione per fornire elettricità nel modo più economico possibile comportava che i macchinari, i pozzi, i contatori, le tubazioni e le turbine a vento non fossero isolate contro l’estremo gelo – che qua è raro ma non ignoto.  La seconda, mentre i prezzi all’ingrosso erano liberi di fluttuare, quelli al dettaglio dipendevano da qualsiasi contratto il consumatore avesse sottoscritto. La terza, i prezzi sarebbero saliti nei momenti nei quali la domanda di elettricità fosse stata maggiore – anziché scendere.

Il nuovo sistema funzionò per la maggior parte del tempo. I prezzi salirono e scesero. Gli utenti che non sottoscrivevano contratti a lungo termine andavano incontro a qualche rischio. Un fornitore, denominato Griddy, aveva un modello speciale: per 9,99 dollari di contributo associativo mensile, si poteva avere l’elettricità al prezzo all’ingrosso. Per la maggior parte del tempo, era economico.

Ma la gente non ha bisogno dell’elettricità “per la maggior parte del tempo”, ne ha bisogno per tutto il tempo. E, almeno dal 2011, quando il Texas si trovò dinanzi ad un breve, grave gelo, le autorità dello Stato sapevano che il sistema, in condizioni climatiche estreme, era radicalmente instabile. Lo sapevano anche gli architetti del sistema, qualsiasi cosa dicano adesso.

Tuttavia i politici del Texas non fecero niente. I fornitori di energia del Texas, una ricca fonte di donazioni elettorali, non volevano che venisse loro richiesto di investire  in una coibentazione che, per la maggior parte del tempo, non era necessaria.

Si arriva così al grande gelo del 2021. Il vapore acqueo nel gas naturale era congelato nei pozzi, nelle tubazioni e nelle centrali elettriche. Le turbine a vento non coibentate erano rimaste disconnesse, ma esse sono state una parte trascurabile del racconto. Dato che la rete del Texas è disconnessa da resto del paese, non si poteva importare alcuna riserva; e, dato il freddo dappertutto, in ogni caso nessuno l’avrebbe messa a disposizione. Alle ore piccole del 15 febbraio, la domanda aveva talmente ecceduto l’offerta che l’intera rete elettrica, da quanto viene riferito, in pochi minuti entrò in collasso.

Come questo accadde, ci fu un completo fallimento del meccanismo del prezzo. I prezzi all’ingrosso crebbero di un centinaio di volte – ma i prezzi al dettaglio non crebbero così tanto, ad eccezione dei clienti di Griddy, che finirono sotto i colpi di bollette di migliaia di dollari al giorno. La domanda cresceva mentre l’offerta collassava.

ERCOT fu costretta a tagliare l’elettricità, il che poteva essere tollerabile, se fosse accaduto in modi graduali nelle periferie in tutto lo Stato. Ma non fu possibile: non si può staccare l’elettricità agli ospedali, alle caserme dei pompieri e ad altre strutture fondamentali, o agli appartamenti dei piani alti che si basano sugli ascensori. Dunque le luci rimasero accese in alcune aree, e rimasero spente – per giorni – in altre.

Il congelamento dell’acqua fu la fase successiva della calamità. Scoppiarono le tubazioni e l’offerta di acqua non potè tenere il passo con la domanda. In tutto il Texas la pressione dell’acqua calò o si interruppe. Gli ospedali non potevano generare vapore, e di conseguenza calore, e alcuni dovettero essere evacuati. Tutto questo, ci ha raccontato accuratamente Hogan, era secondo i progetti.

L’elettricità adesso sta tornando nel Texas; per l’offerta di acqua ci vorranno ancora alcuni giorni. Gli alimenti sono scarsi e ci vorranno mesi per riparare le case danneggiate. Milioni di texani hanno patito gli effetti di un progetto, inventato dagli economisti, alimentato da un mito, che era al servizio del settore dei combustibili fossili e dei politici che esso finanzia. Uno di questi, il Senatore statunitense Te Cruz, ha agito in perfetta aderenza alla logica del libero mercato andandosene a Cancún.

Perry dice che i texani sono pronti a sacrificarsi per evitare la sventura del socialismo.  Ma se il socialismo significa affidare le questioni tecniche di vita e di morte agli ingegneri e agli altri che conoscono la loro materia, e non agli ideologhi, ai ciarlatani e ai consulenti, allora molti texani che battono i denti potrebbero preferire quella sventura a quella in cui stanno vivendo in questo momento.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"