Altri Economisti » Selezione della Settimana

La radicalizzazione dei media negli Stati Uniti e nel Regno Unito, Di Simon Wren Lewis (dal blog Mainly Macro, 8 febbraio 2021)

 

Monday, 8 February 2021

Media radicalisation in the US and UK

Simon Wren Lewis

zzz 88

Perhaps many people outside the United States do not realise how dangerous the attack on the United States Capitol was. The views from outside the Capitol, which is all the media could immediately show, seemed harmless enough. The reality was very different. Five people died, including one policeman. As one Republican described, seeing the faces of those trying to force their way through a police barricade to get into the House Chamber

“I saw this crowd of people banging on that glass screaming. Looking at their faces, it occurred to me, these aren’t protesters. These are people who want to do harm. What I saw in front of me was basically home-grown fascism, out of control.”

We now know that this was a well organised attempt to capture leading politicians. We don’t yet know, as some Democrats have alleged, whether the attackers had inside help from some Republican politicians. What we do know is that the attackers believed that the elections had been stolen from them, and these claims were repeated and acted on by a majority of the Republican politicians even after the Capitol attack. As there is not a shred of evidence that Biden’s election was illegitimate, those Republican members of Congress are guilty of supporting a democratic destroying lie that was behind the attack on Congress.

There are a minority among Republican politicians that would like to break from Trump. Liz Cheney, the House Republican Conference Chair, said

“There’s no question the president formed the mob, the president incited the mob, the president addressed the mob. He lit the flame”.

But only 10 Republicans in the House voted to impeach Trump, while the remaining 201 abstained or voted against. It is very unlikely that enough Republican senators will find him guilty in the Senate. A key question is why.

It should be in the interests of Republicans to impeach Trump, because that is the only certain way to stop him running again in 2024. Republicans shouldn’t want Trump to run again because his behaviour has put off a minority of Republican voters. That was true before the election (Trump did worse than the party in Senate and House races) and it is even more true as a result of his behaviour since. The two seats in Georgia, which looked like going Republican, voted Democrat after the events at the Capitol and Trump campaigned there. Immediately after the attack on the Capitol many Republican politicians disowned Trump.

But then the Republican base fought back. The reason why Republican politicians will not impeach him is the support he still enjoys among Republican voters, and particularly Republican activists. 64% of Republicans support Trump’s recent behaviour, and 57% want him to run again in 2024. As many Republican voters approved the attack on the Capitol as opposed it. There is a history of extreme Republican candidates defeating moderate candidates in primaries, so few Republicans want to upset the Republican base by opposing Trump, even after the attack on the Capitol. Trump himself is ready to finance campaigns against his critics in the Republican party.

So the Republican party are trapped by their pro-Trump base, and there is no obvious way out for those who oppose Trump. The Republican party therefore remains the party that does not respect democracy. A key question for the future of democracy in the United States will be whether voters understand that when they vote in two and four years time. Do they understand that a vote for the Republicans could be the last time they get a real choice in who governs them? As I argued some time ago, the only way you can rescue right wing political parties from the extreme place they have got to in the US and UK is to defeat them time and time again, or to change what is keeping extremism going.

Academic analysis of how the media influences people has normally focused on elections, and all of the studies I have seen suggest a strong influence on voters. I think their influence on party activists on the right is just as important. The traditional and respectable media in the US was clear that there was no evidence of fraud in the 2020 election, and that Biden won fairly. It was the extreme right wing media, including Murdoch’s Fox News but also One America News, Ros Limbaugh and numerous social media outlets, that pushed the idea that Trump had really won.

This media is crucial in allowing many Republicans to believe what Trump was telling them. I think this is the key difference between now and when the last Republican president was impeached. For a long time voters were reluctant to have Nixon impeached, but eventually they agreed it should be done. But back then there was no significant media pretending it was all a giant conspiracy. Back then there were no significant people or organisations with money threatening to bring down any politicians who voted to have Nixon impeached.

I doubt if Biden has the votes to curtail the ability of Fox News and others to continue to radicalise the Republican base, even if he was minded to do so. We therefore have to hope that voters will continue to vote against this Republican party. The danger is that the mainstream media begins to normalise the Republican party once again, and a President with a Senate that blocks many of his reforms finds his popularity falling, and ends up in the position Obama was for six of his eight years.

In the UK we do not have primaries, so the direct power of the Conservative Party base is much less. The way the authoritarian right was able to win power in the UK was through a new party of the right that threatened the hegemony of the Conservative party, and through a referendum. Yet voters still had to be convinced to vote for a Prime Minister that illegally suspended parliament. That happened in part because the media landscape in the UK is much worse than in the US. I thought otherwise when I first started this blog, but that was before the Conservative party started turning the screws on the BBC. While in the US both the Trump supporting press and broadcast media are in a minority, in the UK the right wing press is a majority of the printed media and the BBC finds it difficult to deviate from the lines pushed by the government and that press.

However the situation in the UK may be about to get a lot worse, with GB News headed by Andrew Neil and the Murdoch owned News UK TV. Both new channels look like they are pitching to a right wing audience, and both are funded by people or organisations that have funded other right wing endeavours. Ofcom is supposed to ensure balance in broadcasting, which is why Sky News has never become Fox News. But with comment rather than news outlets like LBC and Talk Radio, Ofcom has taken a less strict view about what balance is.

The danger is that the two new TV channels will try and push that boundary further to the right. This is the context in which totally unfit Paul Dacre’s rumoured chairmanship of Ofcom should be seen. The danger is the creation of a right wing media bubble, where people who read the right wing press do not watch BBC News but one of these two new channels. Coupled with a FPTP system which favours social conservatives, and a Conservative party that exploits that and a social liberal vote which is divided among many parties, if these new media outlets are successful such a right wing bubble could ensure Conservative governments for a very long time.

 

La radicalizzazione dei media negli Stati Uniti e nel Regno Unito,

Di Simon Wren Lewis

 

Forse molte persone fuori dagli Stati Uniti non capiscono quanto sia stato pericoloso l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti. Le immagini del Campidoglio dall’esterno, che era quello che i media sul momento potevano mostrare, parevano abbastanza innocue. La realtà era molto diversa. Sono morte cinque persone, compreso un poliziotto. Come ha descritto un repubblicano [1], guardando in faccia coloro che cercavano di forzare l’accesso attraverso le barricate della polizia per entrare nell’aula della Camera:

“Ho visto questa folla di individui che batteva urlando su quel vetro. Guardandoli in faccia, ho pensato che non erano dei semplici manifestanti. Era gente che voleva far del male. Quello che avevo di fronte era fondamentalmente un fascismo casalingo, fuori controllo.”

Sappiamo adesso che si è trattato di un tentativo ben organizzato di catturare leader politici. Non sappiamo ancora se, come hanno sostenuto alcuni democratici, gli attaccanti abbiano avuto aiuto dall’interno da parte di alcuni politici repubblicani. Quello che sappiamo è che gli attaccanti credevano che le elezioni gli fossero state rubate, e che queste pretese sono state ripetute e riprese da una maggioranza dei politici repubblicani anche dopo l’assalto al Campidoglio. Dato che non c’è neanche un briciolo di prova che l’elezione di Biden sia stata illegittima, quei repubblicani membri del Congresso sono colpevoli di sostenere una menzogna con effetti distruttivi della democrazia, che ha dato origine all’assalto al Congresso.

Tra i politici repubblicani, c’è una minoranza che avrebbe voluto rompere con Trump. Liz Cheney, la presidentessa della Conferenza repubblicana alla Camera, ha detto:

“Non c’è dubbio che il Presidente abbia dato sostanza all’assalto, il Presidente ha incitato all’assalto, si è rivolto alla folla degli assalitori. Ha acceso le fiamme.”

Ma soltanto 10 repubbilcani alla Camera hanno votato la messa in stato d’accusa di Trump, mentre I restanti 201 si sono astenuti o hanno votato contro. É molto improbabile che un numero sufficiente di senatori repubblicani lo giudicherà colpevole al Senato. Una domanda cruciale è perché.

Dovrebbe essere nell’interesse dei repubblicani mettere in stato d’accusa Trump, perché quello è il solo modo certo per impedire che corra ancora nel 2024. I repubblicani non dovrebbero volere che Trump sia ancora in corsa perché il suo comportamento ha disgustato una minoranza degli elettori repubblicani. Ciò era vero prima delle elezioni (Trump è andato peggio del partito nelle competizioni al Senato e alla Camera) ed è anche più vero in conseguenza della sua condotta a partire da allora. I due collegi in Georgia, che sembrava probabile andassero ai repubblicani, hanno votato democratico dopo i fatti del Campidoglio e la campagna elettorale di Trump in quei posti. Immediatamente dopo l’assalto del Campidoglio molti politici repubblicani hanno ripudiato Trump.

Ma poi la base repubblicana ha reagito. La ragione per la quale i repubblicani non lo metteranno in stato d’accusa è il sostegno di cui egli ancora gode tra gli elettori repubblicani, e in particolare tra gli attivisti repubblicani. Il 64% dei repubblicani ancora sostiene la recente condotta di Trump e il 57% vuole che sia ancora in corsa nel 2024. Hanno approvato l’assalto al Campidoglio altrettanti elettori repubblicani di quelli che si sono opposti. C’è una lunga serie di candidati estremisti repubblicani che hanno sconfitto i candidati moderati nelle primarie, al punto che pochi repubblicani vogliono turbare la base opponendosi a Trump, anche dopo l’assalto al Campidoglio. Trump stesso è pronto a finanziare campagne contro i suoi critici nel Partito Repubblicano.

Dunque, il Partito Repubblicano è ostaggio della propria base e non c’è alcuna chiara via d’uscita per coloro che si oppongono a Trump. Di conseguenza il Partito Repubblicano resta il partito che non rispetta la democrazia. Una domanda cruciale per il futuro della democrazia negli Stati Uniti sarà se gli elettori lo capiranno quando voteranno tra due o quattro anni. Capiranno che un voto ai repubblicani potrebbe essere l’ultima occasione nella quale scelgono chi li governa? Come ho sostenuto un po’ di tempo fa, l’unico modo nel quale si possono salvare i partiti politici della destra dalla collocazione estrema nella quale sono finiti negli Stati Uniti e nel Regno Unito, è sconfiggerli più volte, oppure modificare cosa ha provocato l’estremismo.

L’analisi accademica di come i media influenzano le persone si è normalmente concentrata sulle elezioni, e tutti gli studi che ho visto indicano una forte influenza sugli elettori. Io penso che la loro influenza sugli attivisti del partito di destra sia proprio così importante. Per I media tradizionali e rispettabili negli Stati Uniti era chiaro che non c’era alcuna prova di frode nelle elezioni del 2020, e che Biden aveva vinto onestamente. Sono stati i media dell’estrema destra, compreso Fox News di Murdoch ma anche One America News, Ros Limbaugh e numerose agenzie dei social media, che hanno spinto l’idea che Trump avesse realmente vinto.

Questi media sono stati fondamentali nel permettere che molti repubblicani credessero a quello che Trump stave loro raccontando. Penso che questa sia la differenza cruciale tra adesso e l’ultima volta in cui un Presidente repubblicano vene messo in stato d’accusa. Per molto tempo gli elettori furono riluttanti ad accettare la messa in stato d’accusa di Nixon, ma alla fine furono d’accordo che si dovesse fare. Ma a quei tempi  non c’era alcun media significativo che pretendeva che fosse una cospirazione gigantesca. Allora non c’era alcuna persona o organizzazione significativa provvista di soldi che minacciava di abbattere ogni politico che votasse per la messa in stato d’accusa di Nixon.

Dubito che Biden abbia i voti per ridimensionare la capacità di Fox News e di altri di continuare a radicalizzare la base repubblicana, se anche fosse intenzionato a farlo.  Di conseguenza dobbiamo sperare che gli elettori continuino a votare contro questo Partito Repubblicano. Il pericolo è che i media comincino ancora una volta a considerare normale il Partito Repubblicano, e che un Presidente con un Senato che blocca molte delle sue riforme scopra un calo della sua popolarità, e finisca nella posizione nella quale Obama è stato per sei dei suoi otto anni.

Nel Regno Unito non abbiamo le primarie, cosicché il potere diretto della base del Partito Conservatore è molto inferiore. Il modo in cui la destra autoritaria è stata capace di conquistare il potere nel Regno Unito è stato attraverso un nuovo partito di destra che ha minacciato l’egemonia del Partito Conservatore, e attraverso un referendum. Tuttavia gli elettori si sono stati ancora una volta persuasi a votare per un primo Ministro che aveva sciolto illegalmente il Parlamento [2]. Questo in parte è avvenuto perchè nel Regno Unito il paesaggio dei media è molto peggiore che negli Stati Uniti. La pensavo diversamente quando avviai questo blog, ma ciò avveniva prima che il Partito Conservatore cominciasse a mettere sotto pressione la BBC. Mentre negli Stati Uniti sia la stampa che i media radiotelevisivi  che sostengono Trump sono una minoranza, nel Regno Unito i media di destra sono in maggioranza tra i giornali stampati e per la BBC è difficile deviare dalle linee imposte dal Governo e da quella stampa.

Tuttavia la situazione nel Regno Unito può essere prossima a diventare assai peggiore, con GB News diretta da Andrew Neil [3] e la New UK TV di proprietà di Murdoch. Entrambi I nuovi canali sembra puntino ad ottenere un pubblico di destra, ed entrambi sono finanziati da persone ed organizzazioni che hanno finanziato altre imprese della destra. Si suppone che Ofcome [4] garantisca equilibrio nel settore radiotelevisivo, che è la ragione per la quale Sky News non è mai diventata Fox News. Ma con i commenti, anziché le notizie di agenzia, come LBC e Talk Radio, Ofcom ha assunto un punto di vista meno rigido su cosa sia l’equilibrio.

Il pericolo è che questi due nuovi canali proveranno a spingere quel confine ancora più a destra. É questo il contesto nel quale dovrebbe essere considerata la presidenza totalmente inappropriata di Paul Dacre [5] a Ofcom.  Il pericolo è la creazione di una bolla mediatica della destra, dove le persone che leggono la stampa di destra non guardano I notiziari della BBC, ma uno di questi due canali. Assieme ad un sistema elettorale uninominale secco (FPTP) [6] che favorisce i conservatori sociali ed un Partito Conservatore che lo sfrutta, mentre il voto dei progressisti sociali è diviso tra tanti partiti, se queste due agenzie mediatiche avranno successo, una tale bolla di destra potrebbe garantire ai Governi conservatori lunghissima vita.

 

 

 

 

 

[1] Il congressista Jim McGovern, del collegio elettorale del Massachusetts, secondo quanto riporta un articolo su AP News dell’11 gennaio (“L’assalto al Campidoglio, un attacco più minaccioso di quanto è apparso in un primo tempo”).

[2] Il riferimento è all’ultima schiacciante vittoria elettorale di Boris Johnson nel 2019, che avvenne nonostante un precedente scioglimento del Parlamento da parte di Johnson che venne giudicato “illegale” dalla Corte Suprema britannica. Dopo la grave crisi istituzionale, che aveva persino provocato una lesione al potere della Regina, alla fine le nuove elezioni si tennero il 12 dicembre del 2019, giacché Johnson convinse in quel senso il Partito Laburista. Come è noto, i conservatori ebbero la maggioranza assoluta dei seggi.

[3] Andrew Ferguson Neil è un giornalista ed emittente scozzese. È il presidente del canale di notizie televisive GB News, che verrà lanciato nel 2021. Neil è stato nominato editore del The Sunday Times da Rupert Murdoch e ha ricoperto questa posizione dal 1983 al 1994.

[4] Ofcom è l’autorità competente e regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito.

[5] Paul Michael Dacre è un giornalista inglese ed ex redattore di lunga data del tabloid britannico di destra Daily Mail. È redattore capo di DMG Media, che pubblica il Daily Mail, The Mail on Sunday, il tabloid quotidiano gratuito Metro, il sito Web Mailonline e altri titoli. Adesso, per l’appunto, è in predicato di divenire direttore della agenzia di regolazione.

[6] Il FPTP, in italiano sistema uninominale secco o semplicemente uninominale secca, è un sistema elettorale a maggioranza relativa in collegi uninominali a turno unico. Il temine acronimo deriva da “first-past-the-post”, espressione così spiegata su Wikipedia:

“L’espressione “first-past-the-post” significa letteralmente “il primo oltre il palo” ed è stata coniata in analogia al mondo dell’ippica, nelle cui corse il vincitore è il primo cavallo che oltrepassa un particolare punto della pista, mentre tutti gli altri cavalli perdono. Il sistema è conosciuto anche come the winner takes all, ovvero “il vincitore prende tutto”.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"