Altri Economisti » Selezione della Settimana

Le sorprese di Joe Biden, di Elizabeth Drew (da Project Syndicate, 29 gennaio 2021)

 

Jan 29, 2021

Joe Biden’s Surprises

ELIZABETH DREW

zz 188

WASHINGTON, DC – Joe Biden knows enough about the US presidency to understand that the first few weeks are the easiest and most pleasant. There inevitably will be setbacks and crises, particularly for a president who took office amidst a raging pandemic, economic collapse, and a climate crisis near to a tipping point.

In the early weeks a new president can accomplish a lot through executive orders, reversing previous administration policies and signaling a commitment to certain values without interference from Congress. Biden can use the powers of his office unilaterally to push his first priority: controlling the pandemic.

The new president also has a pretty free hand in naming his cabinet. When he first announced his choices to fill many top advisory and cabinet positions, many observers worried that Biden was turning to yesterday’s names to handle today’s most demanding jobs. Biden is gambling on experience as his key to success.

In any case, the Biden team’s hyper-emphasis on cabinet diversity has sometimes made it seem that it was more important to be able to say that a nominee was “the first” of something, rather than that he or she was the best for the job. Nonetheless, Biden selected a competent cabinet overall; only after the usual shaking-out period will we really know which picks succeed.

The nomination of US Federal Appeals Court judge Merrick Garland to be attorney general seemed at first to be primarily an “up-yours” to Republican Senate leader Mitch McConnell, who refused even to allow hearings for Garland when Barack Obama tapped him to fill a Supreme Court vacancy. To those who know Garland, however, he is an excellent choice: brilliant, calm, and fair – just the person to restore integrity and morale to a Justice Department battered by Donald Trump.

Similarly, Biden’s chief-of-staff, Ron Klain, is almost as experienced as his boss, having served as chief-of-staff to Biden during his vice presidency and to Vice President Al Gore before that. This comfortable working relationship has helped Biden not put a foot wrong thus far.

The historical truth is that fresh faces in the Oval Office might be exciting, but they come with risks. Within three months of taking office, the relatively inexperienced John F. Kennedy, widely adored for his looks, charm, and eloquence, landed up in the disastrous Bay of Pigs invasion of Cuba.

George W. Bush, the son of a president and two-term governor of Texas, was probably the most experienced of recent incoming White House occupants. Nonetheless, he presided over two avoidable calamities early on: the terrorist attacks of September 11, 2001 (numerous warnings and clues went unheeded), and the invasion of Iraq (which, like Lyndon Johnson’s Vietnam War, was based publicly on a lie).

Presidents Jimmy Carter and Bill Clinton, both former southern governors, were smart men with limited Washington experience. They, too, stumbled early on. And Obama had served for only three years in the US Senate before being elected; he neither enjoyed dealing with Congress nor had much of a feel for it.

Biden’s relationship with Obama and his legacy are more complicated than appearances suggest. Whereas Obama frustrated many Capitol Hill Democrats with his innate caution and readiness to compromise with Republicans (liberal Democrats referred to him privately as “Mr. 50-yard line”), Biden deliberately describes his own proposals as “bold.” His immigration proposals contradict Obama’s policy of pursuing substantial deportations of illegal immigrants. The message seems to be that Biden will no longer dwell in Obama’s shadow.

After serving four decades in the Senate before becoming vice president, Biden has a feel for Congress unmatched since Johnson. Still, it won’t be long before we know if all of his talk about working with the Republicans is based on nostalgic naivete or is a clever way of setting up Republicans for obloquy if they try to obstruct his proposals.

And obstruction seems likely. McConnell may have seen eventually that Trump’s denial of losing the election wasn’t doing the Republican party any good, but that doesn’t mean he’s become a less fierce partisan.

Biden is also playing a sophisticated game with his party’s left. He managed to form a government without giving jobs to Senators Elizabeth Warren or Bernie Sanders, both of whom sought to join his cabinet. Sanders’s followers even threatened Biden if he didn’t give the Vermont senator the job he wanted. Biden has explained his actions away by noting – conveniently but not unreasonably – that the Democrats’ margins in Congress are too slim to risk a single open seat, although he did select three House members from relatively safe Democratic districts for top jobs.

Sanders didn’t take long before carping at Biden’s policy proposals. But that’s part of the show. Alexandria Ocasio-Cortez and her “squad” could also keep up pressure from the left, while Joe Manchin of West Virginia, a state which went heavily for Trump in 2020, poses a problem from Biden’s right. In a 50-50 Senate, with Vice President Kamala Harris breaking any tie, every vote counts. Still, Biden has adopted much of the left’s agenda, and will try to sell these policies from the center, his political home.

One sign of this change is that, unlike all recent Democratic administrations, Biden’s hasn’t paid obeisance to Wall Street by giving bankers top jobs. The new Secretary of the Treasury, Janet Yellen, is a former Federal Reserve chair and academic who has made it clear that she understands the country’s pressing social needs. Moreover, Biden consulted Warren on her economic views, and has named a former Warren adviser as Yellen’s deputy. Yellen’s appointment demonstrates that Biden shares the insight that enabled Trump’s rise: that too many Americans feel that they cannot get a fair shake.

Following the Götterdämmerung of Trump’s presidency, it seemed a foregone conclusion that Biden’s term would be dull. But Biden is coming off tougher and more imaginative than people thought he would be. So far – and to be sure it is early – Biden’s presidency is turning out to be more interesting and surprising than expected.

 

Le sorprese di Joe Biden,

di Elizabeth Drew

 

WASHINGTON, DC – Joe Biden conosce abbastanza bene la Presidenza degli Stati Uniti per capire che le prime settimane sono le più facili e le più gradevoli. Ci saranno inevitabilmente battute d’arresto e crisi, particolarmente per un Presidente che è entrato in carica nel mezzo di una devastante pandemia, di un collasso economico e di una crisi climatica vicina al suo culmine.

Nelle prime settimane un nuovo Presidente può fare molto attraverso le ordinanze esecutive, invertendo le politiche della precedente amministrazione e segnalando un impegno per determinati valori senza interferenza da parte del Congresso. Biden può usare i poteri della sua carica per spingere sulla sua prima priorità: il controllo della pandemia.

Il nuovo Presidente ha anche le mani abbastanza libere nella nomina del suo gabinetto. Quando agli inizi egli ha annunciato le sue scelte per riempire molte posizioni delle più elevate consulenze e del gabinetto, molti osservatori si sono preoccupati che Biden stesse tornando a personaggi di ieri per gestire gli incarichi molto più esigenti dell’oggi. Biden sta puntando sulla sua esperienza come fattore principale di successo.

In ogni caso, l’esagerata enfasi della squadra di Biden sulla diversità del gabinetto ha fatto sembrare che fosse più importante poter dire che una nomina era “la prima volta” di qualcosa, anziché che lei o lui fossero il meglio per quell’incarico. Ciononostante, Biden ha scelto complessivamente un gabinetto competente; solo dopo il consueto periodo di rodaggio sapremo davvero quali scelte avranno avuto successo.

La nomina del Giudice Merrick Garland [1] alla Corte d’Appello Federale degli Stati Uniti come Procuratore Generale è parsa a prima vista essere prima di tutto uno “schiaffo” al leader repubblicano del Senato Mitch McConnell, che aveva rifiutato persino di ammettere le audizioni di Garland quando Barack Obama lo aveva designato per riempire un posto vuoto alla Corte Suprema. Per coloro che conoscono Garland, tuttavia, è una scelta eccellente: brillante, calmo e con il senso della giustizia – la persona adatta per restituire integrità e morale ad un Dipartimento della Giustizia maltrattato da Donald Trump.

In modo simile, il capo del personale di Biden, Ron Klain, ha una esperienza quasi pari a quella del suo capo, avendo servito come capo del personale di Biden durante la sua Vicepresidenza e del Vicepresidente Al Gore in precedenza. Questa rassicurante relazione di lavoro ha aiutato Biden a non fare sinora nessun passo sbagliato.

La verità storica è che le facce nuove nell’Ufficio Ovale possono essere eccitanti, ma comportano rischi. Nei tre mesi dell’entrata in carica, il relativamente inesperto John F, Kennedy, generalmente adorato per il suo bell’aspetto, il suo fascino e la sua eloquenza, finì nella disastrosa invasione della Baia dei Porci a Cuba.

George W. Bush, figlio di un Presidente e due volte Governatore del Texas, fu probabilmente il più esperto dei recenti nuovi occupanti della Casa Bianca. Ciononostante, nei primi tempi egli presiedette nel mezzo di due evitabili calamità: l’attacco terrorista dell11 settembre (varie messe in guardia e indizi rimasero inascoltati), e l’invasione dell’Iraq (che, come la guerra del Vietnam per Lyndon Johnson, si basò apertamente su una menzogna).

I Presidenti Jimmy Carter e Bill Clinton, entrambi nel passato Governatori del Sud, erano persone intelligenti con una limitata conoscenza di Washington. Anche loro agli inizi inciamparono. E Obama aveva avuto per tre anni l’incarico al Senato degli Stati Uniti prima di essere eletto; non provò mai piacere nel misurarsi con il Congresso né ebbe molta predisposizione a farlo.

La relazione di Biden con Obama e il suo lascito sono più complicati di quanto suggeriscano le apparenze. Mentre Obama scoraggiava molti democratici di Capitol Hill con la sua innata cautela e disponibilità al compromesso con i repubblicani (i democratici progressisti in privato si riferivano a lui come “il Signore della linea delle 50 yarde” [2]), Biden espressamente definisce le sue proposte come “coraggiose”. Le sue proposte sull’immigrazione contraddicono la politica di Obama di perseguire deportazioni cospicue degli immigrati irregolari. Il messaggio sembra essere che Biden non si collocherà più nell’ombra di Obama.

Dopo aver operato per decenni al Senato prima di diventare Vicepresidente, Biden ha una sensibilità per il Congresso ineguagliata sin da Johnson. Eppure, non ci vorrà molto per capire se tutto questo suo parlare di lavorare con i repubblicani è basato su una nostalgica ingenuità o è un modo intelligente per mettere nei guai i repubblicani, facendoli incorrere nel disonore se cercano di fare ostruzionismo alle sue proposte.

E l’ostruzionismo sembra probabile. Può darsi che McConnell alla fine si sia accorto che il negare di aver perso le elezioni non abbia portato niente di buono ai repubblicani, ma questo non significa che sia diventato meno ferocemente fazioso.

Biden sta anche giocando una partita sofisticata con la sinistra del suo partito. Ha operato in modo da formare un governo senza assegnare incarichi ai Senatori Elizabeth Warren e Bernie Sanders, che entrambi cercavano di partecipare al suo gabinetto. I seguaci di Sanders hanno persino minacciato Biden se non avesse dato al Senatore del Vermont il posto che voleva. Biden ha dato una spiegazione delle sue azioni osservando – comodamente ma non irragionevolmente – che i margini dei democratici nel Congresso sono troppo esigui per rischiare un solo posto vacante, sebbene egli abbia prescelto tre membri della Camera da collegi elettorali relativamente sicuri per i massimi incarichi [3].

Sanders non ha fatto passare molto tempo prima di criticare le proposte politiche di Biden [4]. Ma questo fa parte del gioco. Anche Alexandria Ocasio-Cortez potrebbe tener alta la pressione dalla sinistra, mentre Joe Manchin dalla Virginia occidentale, uno Stato che nel 2020  andato pesantemente con Trump, costituisce un problema per la destra di Biden. In un Senato 50 a 50, con la Vicepresidente Kamala Harris ago della bilancia, conta ogni voto. Eppure, Biden ha adottato molto dall’agenda della sinistra, e cercherà di rivendere quelle politiche dal centro, la sua casa politica.

Un segno di questo cambiamento è che, diversamente da tutte le recenti amministrazioni democratiche, Biden non ha prestato ossequio a Wall Street dando ai banchieri incarichi di primo livello. La nuova Segretaria al Tesoro, Janet Yellen, è una passata Presidentessa della Federal Reserve e un’accademica che ha messo in chiaro di comprendere i pressanti bisogni sociali del paese. Inoltre, Biden ha consultato la Warren sui suoi punti di vista economici ed ha nominato un passato consulente della Warren come vice della Yellen. La nomina della Yellen dimostra che Biden condivide l’intuizione che consentì l’ascesa di Trump: che troppi americani sentono di non poter ottenere un trattamento equo.

Venendo dopo il ‘Crepuscolo degli dei’ [5] della Presidenza Trump, è parsa una conclusione scontata che il mandato di Biden fosse noioso. Ma Biden si sta mostrando più duro e più fantasioso di quello che la gente pensava che fosse. Sino ad adesso – e di sicuro siamo solo agli inizi – la Presidenza Biden si sta dimostrando più interessante e sorprendente di quanto ci si aspettasse.

 

 

 

 

 

[1] Merrick Brian Garland (North Chicago13 novembre 1952) è un avvocato e giurista statunitense, nominato procuratore generale degli Stati Uniti dal presidente Joe Biden. Giudice della Corte d’appello degli Stati Uniti per il circuito del distretto di Columbia dal 1997, nel marzo del 2016 fu scelto da Barack Obama per succedere al defunto Antonin Scalia come giudice della Corte suprema, ma la sua nomina venne bloccata dall’opposizione della maggioranza repubblicana al Senato. Wikipedia

zzz 87

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[2] Che nel football americano dovrebbe significare “il Signore della metà campo”. Ovvero, non precisamente un centroavanti.

[3] Suppongo che significhi che il passaggio di un congressista ad un incarico di Governo comporti di liberare il suo posto (e probabilmente di tenere nuove elezioni nel suo collegio). Particolarmente nel caso del Senato questo sarebbe effettivamente rischioso.

[4] Probabilmente si riferisce precisamente alle proposte sugli assetti del Governo. Non mi risulta che Sanders abbia criticato il piano di Biden per l’emergenza sanitaria e economica. Mentre quel piano è stato anzi ampiamente elogiato da James K. Galbraith, che era stato “consulente da remoto” di Sanders nella gara per la nomination democratica (vedi l’articolo del 27 gennaio qua tradotto). Nell’articolo, Galbraith ha però fatto un riferimento alla “mentalità ortodossa” dei collaboratori economici scelti da Biden.

5 Götterdämmerung , “Il crepuscolo degli dei”, è il quarto ed ultimo dei drammi musicali che costituiscono L’anello del Nibelungo di Richard Wagner.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"