Altri Economisti » Selezione della Settimana

L’intelligente diplomazia del vaccino dell’India, di Shashi Tharoor (da Project Syndicate, 11 marzo 2021)

 

11 marzo 2021

India’s Smart Vaccine Diplomacy

SHASHI THAROOR

zz 627

NEW DELHI – As countries scramble to secure COVID-19 vaccines, ugly expressions like “vaccine race” and “vaccine nationalism” have entered the global lexicon. But, at a time when global cooperation in sharing vaccines is minimal, and the World Health Organization’s vaccine-distribution plans are yet to get off the ground, India has taken a different tack, quietly pursuing “vaccine diplomacy.” Its “Vaccine Maitri” (Vaccine Friendship) campaign has shipped hundreds of thousands of Indian-made Covishield vaccines, manufactured under license from Oxford-AstraZeneca, to some 60 countries.

India is a global pharmaceutical powerhouse, manufacturing some 20% of all generic medicines and accounting for as much as 62% of global vaccine production, so it was quick off the mark when the pandemic struck. Before COVID-19 vaccines were developed, India supplied some 100 countries with hydroxychloroquine and paracetamol, and sent pharmaceuticals, test kits, and other equipment to around 90 countries. Later, even before the Oxford-AstraZeneca vaccine was approved, Adar Poonawalla, the 40-year-old head of the privately-owned Serum Institute of India, audaciously decided to manufacture it – a billion-dollar gamble. When approvals came, SII was able to churn out millions of doses, making them available to the government both for domestic use and export.

Indian vaccines have been flown to most of the country’s neighbors, including Afghanistan, Bangladesh, Bhutan, Sri Lanka, the Maldives, Myanmar, and Nepal, and also farther afield, to the Seychelles, Cambodia, Mongolia, and Pacific Island, Caribbean, and African countries. Vaccines have helped mend strained relations with Bangladesh and cement friendly ties with the Maldives.

To be sure, China and Russia are promoting their own vaccines, and Western drug companies are raking in a publicity bonanza (along with a share-price windfall). But in developing vaccines for its own use, the Global North overlooked the prohibitive cost of the Pfizer-BioNTech, Moderna, and Johnson & Johnson vaccines for poorer countries. Indian-made vaccines, on the other hand, are reportedly safe, cost-effective, and – unlike some others – do not require storage and transport at very low temperatures.

India’s vaccine diplomacy is, of course, not purely altruistic. When the country’s first prime minister, Jawaharlal Nehru, laid the foundations of India’s science and technology infrastructure, his intentions were expressed in noble, humanist, and universalist terms. But his successors have long recognized how India can leverage its scientific and medical skills to enhance its geopolitical standing. At a time when most richer countries are criticized for hoarding vaccine doses, India stands out for having sent 33 million to poorer countries, with millions more in the pipeline.

There is also an unspoken subtext: rivalry with China, with which tensions have intensified following clashes along the Himalayan frontier. Not only has India overshadowed China as a provider of cheap and accessible vaccines to the Global South; it has been quicker and more effective. For example, China has announced 300,000 doses for Myanmar but is yet to deliver any, while India quickly supplied 1.7 million. Similarly, Indian vaccines beat China’s into Cambodia and Afghanistan.

When a credibility crisis consumed China’s vaccines in pandemic-ravaged Brazil, with polls showing 50% of Brazilians surveyed unwilling to take the Sinovac vaccine, President Jair Bolsonaro turned to India, which came through promptly. Tweeting his thanks, Bolsonaro illustrated his gratitude with an image from India’s Ramayana epic, depicting Lord Hanuman carrying an entire mountain to deliver the life-saving herb Sanjeevani booti to Lanka.

Indian vaccines are arriving even in richer countries. The United Kingdom has ordered ten million doses from SII. Canada, whose prime minister, Justin Trudeau, has riled his Indian counterpart, Narendra Modi, more than once, telephoned Modi to ask for two million vaccines; the first half-million were delivered within days. Trudeau effusively declared that the world’s victory over COVID-19 would be “because of India’s tremendous pharmaceutical capacity, and Prime Minister Modi’s leadership in sharing this capacity with the world.”

India is using the country’s capacity in this sector subtly to advertise an alternative to China’s economic and geopolitical dominance. While China has been secretive in releasing data about its vaccines, leading to controversies over the efficacy of them, India organized trips for foreign ambassadors to visit pharmaceutical factories in Pune and Hyderabad.

The contrast with the behavior of wealthier countries is no less striking. According to Duke University’s Global Health Institute, developed countries with 16% of the world’s population – including Canada, the United States, and the UK, each of whom have guaranteed enough supplies to vaccinate their populations several times over – have secured 60% of global vaccine supplies for themselves. Other countries commandeering supplies exceeding their domestic needs include Australia, Chile, and several European Union members.

The world is paying attention to India as it shares its available vaccine supplies, instead of choosing the nationalist course of blocking exports. India has also offered 1.1 billion vaccine doses to the WHO’s COVAX program to distribute COVID-19 vaccines to poorer countries. As Modi has tweeted, “We are all together in the fight against this pandemic. India is committed to sharing resources, experiences, and knowledge for global good.”

If there is a concern, it is that India has exported three times as many doses as it has administered to its own people. The country is lagging behind its own target of immunizing 300 million people by August, after vaccinating some three million health-care workers in a campaign that began on January 16. And mounting concern about rising case numbers, the emergence of COVID-19 variants that may not respond to existing vaccines, and an economy that has not yet fully recovered, will intensify the challenge India confronts in fulfilling its obligations to developing countries while also meeting domestic demand.

Meeting that challenge is a vital national interest. India’s vaccine diplomacy has been a boon to the country’s aspirations to be recognized as a global power. In combating the pandemic, it has gone well beyond the routine provision of health care or the supply of generics. To be sure, it is uncertain whether promoting soft power through health-care exports significantly boosts a country’s position in the global order. But if and when the permanent seats at the United Nations Security Council are ever rearranged, grateful governments will know who has done the most to save a world reeling from the onslaught of a deadly pathogen.

 

L’intelligente diplomazia del vaccino dell’India,

di Shashi Tharoor

 

NUOVA DELHI – Mentre i paesi sgomitano per assicurarsi i vaccini per il Covid-19, espressioni sgradevoli come “corsa al vaccino” e “nazionalismo del vaccino” sono entrate nel lessico globale. Ma, in un’epoca nella quale la cooperazione globale della condivisione dei vaccini è minima e i programmi della distribuzione del vaccino della organizzazione Mondiale della Sanità devono ancora essere avviati, l’India ha scelto un approccio diverso, perseguendo senza far troppo rumore una “diplomazia del vaccino”. La sua campagna per la “Vaccine Maitri” (‘amicizia del vaccino’) ha spedito centinaia di migliaia [1] di vaccini Covishield prodotti in India sotto la licenza di Astra-Zeneca di Oxford a circa 60 paesi.

L’India è una potenza farmaceutica globale, che produce qualcosa come il 20% di tutte le medicine generiche e rappresenta ben il 62% della produzione globale di vaccini, cosicché è stata rapida a scattare quando la pandemia ha colpito. Prima che fossero sviluppati i vaccini per il Covid-19, l’India ha rifornito 100 paesi di idrossiclorochina e paracetamolo, ed ha spedito prodotti farmaceutici, kit per i test ed altre attrezzature a circa 90 paesi. In seguito, anche prima che il vaccino Astra-Zeneca di Oxford fosse approvato, Adar Poonawalla, il quarantenne a capo del Serum Institute d’India (SII) di proprietà privata, ha deciso audacemente di produrlo – una scommessa da un miliardo di dollari. Quando sono arrivate le approvazioni, SII era nelle condizioni di produrre in serie milioni di dosi, mettendole a disposizione del Governo per l’uso interno e per l’esportazione.

I vaccini indiani sono stati spediti in aereo alla maggioranza dei vicini, compreso l’Afghanistan, il Bangladesh, lo Sri Lanka, le Maldive, il Myanmar e il Nepal, ed anche più lontano, alle Seychelles, alla Cambogia, alla Mongolia e alle isole del Pacifico, ai Caraibi ed ai paesi africani. I vaccini hanno contribuito ad appianare le logore relazioni con il Bangladesh e a cementare legami amichevoli con le Maldive.

Di sicuro, anche la Cina e la Russia stanno promuovendo le loro relazioni, e le società farmaceutiche occidentali stanno rastrellando una manna pubblicitaria (assieme a guadagni inaspettati nel valore delle azioni). Ma sviluppando i vaccini per i loro stessi usi, il Nord Globale ha trascuratp il costo proibitivo per i paesi più poveri dei vaccini di Pfeizer-BioNTech, di Moderna e di Johnson & Johnson. D’altra parte i vaccini prodotti in India sono, da quanto si afferma, sicuri, efficaci dal lato dei costi e – diversamente da alcuni altri – non richiedono immagazzinamento e trasporti a temperature molto basse.

Ovviamente, la diplomazia del vaccino dell’India non è meramente altruistica. Quando il Primo Ministro del paese, Jawaharlal Nehru, pose le fondamenta dele infrastrutture dela scienza e della tecnologia dell’India, le sue intenzioni furono espresse con parole nobili, umanitarie e universalistiche. Ma i suoi successori hanno riconosciuto da tempo come l’India possa far leva sulle sue competenze scientifiche e sanitarie per promuovere la sua posizione geopolitica. In un momento in cui la maggioranza dei paesi più ricchi sono criticati per accumulare dosi del vaccino, l’India si distingue per averne spedito 33 milioni ai paesi più poveri, con altri milioni in cantiere.

C’è anche un significato implicito non detto: la rivalità con la Cina, con la quale si sono intensificate le tensioni a seguito degli scontri sulla froniera himalayana. L’India non ha solo messo in ombra la Cina come fornitrice di vaccini economici e convenienti al Sud Globale; essa è stata più rapida e più efficace. Ad esempio, la Cina ha annunciato 300.000 dosi per il Myanmar a deve ancora consegnarne una, mentre l’India ha rapidamente offerto 1.700.000 dosi. In modo analogo, i vaccini indiani battono la Cina in Cambogia e in Afghanistan.

Quando una crisi ha logorato la credibilità dei vaccini cinesi nel Brasile devastato dalla pandemia, con i sondaggi che mostravano il 50% dei brasiliani intervistati indisponibili a prendere il vaccino Sinovac, il Presidente Jair Bolsonaro si è rivolto all’India, che è venuta in aiuto prontamente. Trasmettendo via Twitter i suoi ringraziamenti, Bolsonaro ha illustrato la sua gratitudine con una immagine dell’epica indiana Ramayana, che mostra il Signore Hanuman [2] mentre trasporta a Lanka [3]un’intera montagna per consegnare l’erba salvavita Sanjeevani booti.

I vaccini indiani stanno arrivando anche nei paesi più ricchi. Il Regno Unito ne ha ordinato a SII dieci milioni di dosi. Il Primo Ministro del Canada Justin Trudeau, che ha innervosito più di una volta il suo omologo indiano Narendra Modi, ha telefonato a Modi per ringraziarlo per due milioni di vaccini; il primo mezzo milione è stato consegnato in pochi giorni. Trudeau si è profuso nel dichiarare che la vittoria del mondo sul Covid-19 deriverebbe “dalla impressionante potenzialità farmaceutica dell’India, e dalla guida del Primo Ministro Modi nel condividere con il mondo questa forza”.

L’India sta utilizzando le potenzialità del paese in questo settore in modo sottile per promuovere una alternativa al dominio economico e geopolitico della Cina. Mentre la Cina è stata riservata nel rilasciare i dati sui suoi vaccini, portando a controversie sulla loro efficacia, l’India organizzava viaggi per gli ambasciatori stranieri per visitare gli stabilimenti farmaceutici a Pune ed a Hyderabad.

Il contrasto con il comportamento dei paesi più ricchi non è meno impressionante. Secondo l’Istituto per la Salute Globale dell’Università Duke [4] , i paesi sviluppati con il 16% della popolazione mondiale – inclusi il Canada, gli Stati Uniti e il Regno Unito, ognuno dei quali ha garantito forniture sufficienti per vaccinare le proprie popolazioni svariate volte – si sono assicurati il 60% delle forniture globali di vaccino. Altri paesi  che requisiscono forniture eccedenti i loro bisogni interni includono l’Australia, il Cile e vari membri dell’Unione Europea.

Il mondo sta prestando attenzione all’India nel mentre essa condivide le sue forniture disponibili di vaccini, anziché scegliere l’indirizzo nazionalista del blocco delle esportazioni. L’India ha anche offerto 1 miliardo e centomila dosi di vaccino al programma Covax  della OMS per distribuire vaccini contro il Covid-19 ai paesi più poveri. Come ha detto Modi su Twitter: “Siamo tutti insieme nella lotta contro questa pandemia. L’India è impegnata a condividere risorse, esperienze e conoscenza per i bene globale.”

Se c’è una preoccupazione è che l’India ha esportato tre volte le dosi che ha utilizzato per la sua popolazione. Il paese è in ritardo sul suo obbiettivo di immunizzare 300 milioni di persone entro agosto, dopo aver vaccinato circa tre milioni di lavoratori della sanità in una campagna che era cominciata il 16 gennaio. E la crescente preoccupazione sul numero di casi in aumento, sull’emergere di varianti del Covid-19 che possono non rispondere ai vaccini esistenti e su un’economia che non si è pienamente ripresa, accrescerà la sfida che l’India ha di fronte nell’onorare i suoi impegni con i paesi in via di sviluppo e assieme soddisfare la domanda interna.

Affrontare quella sfida è un interesse nazionale vitale. La diplomazia del vaccino dell’India è stata una manna per le aspirazioni del paese ad essere riconosciuto come una potenza globale. Nel combattere la pandemia essa è andata ben oltre le ordinarie previsioni di assistenza sanitaria o di offerta di farmaci generici. Certamente, non è sicuro che promuovere il ‘potere di peruasione’ attraverso le esportazioni della assistenza sanitaria incoraggi in modo significativo la posizione di un paese nell’ordine globale. Ma se e quando i posti permanenti nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite saranno mai riordinate, i Governi riconoscenti sapranno chi ha fatto di più per salvare un mondo che barcolla nella bufera di un agente patogeno letale.

 

 

 

 

 

[1] In realtà, nel resto dell’articolo di parla di decine di milioni.

[2] Nell’induismoHanuman , anche noto come Anjaneya, è una delle figure più importanti del poema epico indiano Rāmāyaṇa; è un vānara (spirito dall’aspetto di scimmia) che aiutò il Signore Rāma (avatar di Viṣṇu) a liberare la sua consorte, Sītā, dal re rakshasa Rāvaṇa. Hanuman è la personificazione di saggezza, brahmacharyabhakti (devozione/fede), giustizia, onestà e forza; questo si manifesta nel suo incrollabile impegno per la giustizia, impeccabile esecuzione degli incarichi che gli sono affidati, e infallibile talento nel servire il suo padrone prescelto. Il suo indispensabile ruolo nel riunire Rāma con Sītā è accostato da alcuni a quello di un maestro che aiuta l’anima individuale e scoprire il divino. Wikipedia

[3] Lanka – suppongo che il mito parli di questa piccola città –  è una suddivisione dell’India, classificata come town committee, di 34.386 abitanti, situata nel distretto di Nagaon, nello stato federato dell’Assam. In base al numero di abitanti la città rientra nella classe III (da 20.000 a 49.999 persone). Wikipedia.

[4] L’Università Duke (Duke University) è una delle università più famose e più prestigiose degli Stati Uniti.[3] Fondata nel 1838 durante la presidenza di Martin Van Buren, è situata a Durham, nella Carolina del Nord. Il nome venne cambiato nel 1924 in onore di James Buchanan Duke a seguito di un lascito della famiglia di industriali del tabacco Duke. Wikipedia.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"