Blog di Krugman » Selezione della Settimana

L’anno e mezzo durante il quale è morta la libertà, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 27 luglio 2021)

 

July 27, 2021

The year and a half when liberty died,

Paul Krugman

zz 898Once a year I teach a graduate seminar called “Economics of the Welfare State,” covering topics ranging from retirement to health care to unemployment insurance, with a strong focus on international comparisons — because these are policy areas in which different countries have taken startlingly different paths. By the way, nobody does everything either wrong or right. For example, the United States does a pretty good job on retirement but a horrible job on health care, while France does the reverse.

Obviously I have political views on these issues, and my students know that, but I try as hard as I can both to distinguish my preferences from the evidence and to give a fair hearing to other views. In particular, I like to tell the students that on the really big issues, the argument is essentially a philosophical debate about values rather than policy analysis, and that there’s a legitimate conservative position that no amount of wonkery can debunk.

But right now I’m wondering how I’ll manage to give my potted version of political philosophy with a straight face.

I usually teach this stuff as a dispute between John Rawls and Robert Nozick. (A note to real philosophers: Yes, I know I’m drastically oversimplifying.) Rawls wrote a famous book titled “A Theory of Justice” in which he argued for a thought experiment: Imagine yourself being asked to choose a form of society to live in before knowing which role in that society you’d end up playing. You might be heir to a huge fortune, but you might be desperately poor. What kind of society would you choose?

Rawls argued, basically, that you’d go for a big welfare state, with highly progressive taxation and a strong social safety net. And most liberals are more or less Rawlsian — less in the sense that their sense of social justice disappears, or at least gets greatly attenuated, at the water’s edge: A full-on Rawlsian would surely advocate massive foreign aid.

But leave that aside. What’s the conservative position? I usually invoke Nozick’s book “Anarchy, State, and Utopia,” which centers on the concept of freedom of choice. In the Nozickian worldview people should have the right to act as they like, so long as it doesn’t hurt others, and this principle of freedom should prevail even if you might prefer that some people have more and others less.

Nozick acknowledged that there would have to be some limits to libertarianism: Individuals can’t simply refuse to pay the taxes that support national defense, nor does freedom of choice include the freedom to, say, dump toxic waste into a river. But the Nozickian view does call for a government as limited as possible, certainly much smaller than the big welfare states all advanced countries currently operate.

And I can’t say that Nozick’s view is wrong — nor can anyone say it’s right. It all depends on your values.

But here’s the thing: My usual effort to offer maximum sympathy to the conservative position falls apart completely when one tries to make sense of the U.S. right’s response to Covid-19. Oh, people have used the usual words — we’ve been hearing a lot about freedom. But their actions have been so far from any defensible notion of libertarianism that they take hypocrisy to a whole new level.

I mean, suppose you declare that people should be free to make their own choices so long as others aren’t hurt. How does this apply to refusing to wear a mask or get vaccinated? In both cases the actions taken in the name of liberty very much come at others’ expense; indeed, the main point of mask-wearing has always been to protect other people, not yourself. And while sheer self-preservation should be a good enough reason to get vaccinated, refusing the shots for whatever reason is also putting other peoples’ lives at risk by keeping the pandemic going.

It has also been amazing to watch many conservatives do a complete 180 on the rights of business owners. We’ve seen repeated court cases in which conservatives insisted that employers had the right to deny employees benefits based on the owners’ religious beliefs, sellers could refuse to provide service to gay couples and so on. What you do with your business, the doctrine seemed to be, was up to you.

But in the pandemic we suddenly had conservative politicians trying to prohibit stores from requiring that their customers wear masks, trying to prohibit cruise ships from requiring that passengers be vaccinated, and so on. All that rhetoric of freedom suddenly didn’t apply when it came to protecting public health.

OK, I’m not naïve: I’ve long argued that there are very few true libertarians in American politics, that the language of freedom is largely used to defend privilege. I also understand that the anti-vaccination campaign was driven in large part by cynical political calculation: There are politicians and media figures who consider it more important that President Biden fail than that their supporters/viewers live.

But for all my cynicism, I didn’t think it would get this raw.

As it happens, it’s looking as if the cynical political calculation has backfired — the Delta variant surge in low-vaccination states has become too obvious to ignore — and we’re now seeing a desperate scramble by various politicians and media figures to get on the right side of the issue. And my guess is that over the next few months we’ll get a de facto vaccine mandate enforced, not by law, but by employers terrified of becoming Covid hot spots.

But it has been quite an education. I’ll continue to teach the logic of libertarian opposition to the welfare state. But I won’t pretend that it represents any significant political force.

 

 

L’anno e mezzo durante il quale è morta la libertà,

di Paul Krugman

 

Una volta all’anno io insegno in un seminario universitario chiamato “Economia dello Stato assistenziale”, che si occupa di temi che vanno dalle pensioni, alla assistenza sanitaria, alla assicurazione di disoccupazione, con una forte attenzione ai confronti internazionali – perché queste sono aree della politica nelle quali i diversi paesi hanno preso indirizzi sorprendentemente differenti. Per inciso, nessuno fa tutte le cose in modo giusto o sbagliato. Ad esempio, gli Stati Uniti fanno un lavoro abbastanza buono sulle pensioni ma un orribile lavoro sulla assistenza sanitaria, mentre la Francia fa l’opposto.

Ovviamente ho le mie opinioni su questi temi, e i miei studenti lo sanno, ma cerco il più possibile sia di distinguere le mie preferenze dalle prove, sia di fornire una giusta accoglienza ad altri punti di vista. In particolare, mi piace dire agli studenti che sui temi realmente importanti, il nodo è essenzialmente il dibattito filosofico sui valori piuttosto che l’analisi della politica, e che c’è una legittima posizione conservatrice che nessuna dose di supponente competenza [1] può confutare.

Ma in questo momento mi sto chiedendo come riuscirò a fornire onestamente questa mia versione concentrata della filosofia politica.

Di solito insegno queste cose nella forma di una disputa tra John Rawls e Robert Nozick (nota per i veri cultori della filosofia: so che sto esagerando drasticamente con la semplificazione). Rawls scrisse un libro famoso dal titolo “Una teoria della giustizia” nel quale sosteneva un esperimento di pensiero: immaginate che vi venga chiesta una forma di società nella quale vivere, prima che conosciate il ruolo che finirete per avere in quella società. Potreste ereditare una enorme fortuna, ma potreste essere disperatamente poveri. Che genere di società scegliereste?

Rawls, fondamentalmente, sosteneva che dovreste essere a favore di un grande Stato assistenziale, con una tassazione fortemente progressiva e una forte rete di sicurezza sociale. E la maggioranza dei liberali progressisti sono più o meno rawlsiani – lo sono meno nel senso che la loro percezione della giustizia sociale scompare, o almeno viene fortemente attenuata, nei casi limite: un rawlsiano integrale sosterrebbe certamente un aiuto all’estero massiccio.

Ma lasciamo da parte questo aspetto. Quale è la posizione conservatrice? Di solito io mi appello al libro di Nozick “Anarchia, Stato e Utopia”, che si concentra sul concetto di libertà di scelta. Nella concezione del mondo di Nozick le persone dovrebbero avere il diritto di agire come preferiscono, finché questo non reca danni agli altri, e questo principio di libertà dovrebbe prevalere anche se si potrebbe preferire che alcune persone abbiano di più ed altre di meno.

Nozick riconosceva che avrebbero dovuto esserci alcuni limiti al libertarianesimo [2]: le persone non possono semplicemente rifiutarsi di pagare le tasse che sostengono la difesa nazionale, né la libertà di scelta può comprenderead esempio, di riversare rifiuti tossici in un fiume. Ma il punto di vista di Nozick è a favore di un governo il più limitato possibile, certamente molto più ristretto dei grandi Stati assistenziali che attualmente operano in tutti i paesi avanzati.

E io non posso dire che il punto di vista di Nozick sia sbagliato – come nessuno può dire che sia giusto. Dipende tutto dai propri valori.

Ma il punto è lì: il mio consueto sforzo di offrire il massimo di comprensione alla posizione conservatrice va in pezzi quando si cerca di di dare un senso alla risposta delle destra statunitense al Covid 19. Senza dubbio le persone hanno usato le parole consuete – sentiamo un gran discorrere di libertà. Ma le loro azioni sono talmente lontane da ogni difendibile concetto di libertarianesimo che portano l’ipocrisia ad un livello interamente nuovo.

Intendo dire, supponiamo che si affermi che le persone dovrebbero essere libere di fare le proprie scelte finchè non vengono danneggiati gli altri. Come questo si applica al rifiuto di indossare una mascherina o di venire vaccinati? In entrambi i casi le azioni assunte nel nome della libertà vanno molto a spese degli altri; in effetti, il senso principale dell’indossare le mascherine è sempre stato proteggere le altre persone, non se stessi. E mentre la salvaguardia personale dovrebbe essere una buona ragione sufficiente per essere vaccinati, rifutare le iniezioni per qualsiasi ragione corrisponde anche a mettere a rischio la vita delle altre persone, consentendo alla pandemia di continuare.

È anche sorprendente osservare come i conservatori abbiano fatto una inversione completa a 180 gradi sui diritti dei proprietari di impresa. Abbiamo visto ripetuti processi nei tribunali nei quali i conservatori ribadivano che i datori di lavoro avevano il diritto di negare sussidi agli impiegati basandosi sulle convinzioni religiose dei proprietari, che i i venditori potevano rifiutare di fornire servizi alle coppie gay, e altro ancora. La dottrina sembrava essere, quello che fai con la tua impresa, sono affari tuoi.

Ma nella pandemia all’improvviso abbiamo avuto politici conservatori che cercavano di proibire ai negozi di richiedere che i loro clienti indossassero le mascherine, che cercavano di proibire alle navi da crociera che i passeggeri fossero vaccinati, e così via. Tutta quella retorica sulla libertà d’un tratto non si applicava quando si arrivava alla protezione della salute pubblica.

Chiariamolo, non sono ingenuo: da molto tempo sostengo che non ci sono veri libertariani  nella politica americana, che il linguaggio della libertà è ampiamente utilizzato per difendere i privilegi. Capisco anche che la campagna contro la vaccinazione è in gran parte guidata da calcoli cinici: ci sono politici e personaggi dei media che considerano più importante che il Presidente Biden fallisca, piuttosto che restino in vita i loro sostenitori/ascoltatori.

Ma con tutto il mio cinismo, non pensavo che esso potesse diventare così crudo.

Adesso accade che il calcolo politico cinico  pare si ritorca contro di loro – la crescita della variante Delta negli Stati con bassa vaccinazione è diventata troppo evidente da ignorare – e stiamo assistendo  ad una corsa disperata da parte di vari politici e personaggi dei media a collocarsi dalla parte giusta della disputa. E la mia congettura è che nel giro di pochi mesi avremo di fatto un obbligo di vaccinazione disposto non dalla legge, ma dai datori di lavoro terrorizzati dall’arrivo di focolai di Covid.

Ma tutto questo è stato abbastanza istruttivo. Continuerò a insegnare la logica dell’opposizione libertariana allo stato assistenziale. Ma non fingerò che essa rappresenti una quache significativa forza politica.

 

 

 

 

 

[1] “Wonkery” non è un termine, per quanto ne so, che si trova facilmente nei dizionari. Deriva da “wonk”, raro anch’esso ma che di solito si suggerisce di tradurre con qualcosa come “secchione”, che per noi è uno studioso meticoloso e un po’ pedante.  Vari post più tecnici di Krugman spesso recano l’avvertimento “wonking out”, decisamente intraducibile, che è come dire “esercizio di pedanteria”. Ma il termine probabilmente non ha in americano tutto il senso negativo che ha “secchione/pedante” in italiano; è più un via di mezzo tra “esperto” e “supponente”.

[2] “Libertariano” è un termine di solito utilizzato per definire la ideologia di una sorta di destra ultraliberistica, antistatalistica e in un certo senso ‘libertaria’, che è abbastanza caratteristica degli Stati Uniti. Come ho spiegato altre volte nelle note, non sarebbe appropriato tradurre il termine “libertarianesimo” con concetti solo apparentemente prossimi dell cultura europea (ad esempio, radicalismo, o ‘liberalismo’, né tantomeno anarchismo). Il ‘libertarianesimo’ è il regno della ‘libertà’, ma particolarmente nel senso della libertà Né mi risulta che questa ideologia sia sostenuta dal pensiero di autorevoli filosofi; essa in genere rammentata ancora oggi per le concezioni di Ayn Rand, singolare scrittrice del novecento, scrisse il suo principale romanzo (“La rivolta di Atlante”) verso la metà  del secolo passato.

Ma Robert Nozick è stato (è morto nel 2002) probabilmente l’eccezione: professore ad Harvard, egli ha effettivamente ‘veicolato’ la altrimenti un po’ primordiale teoria libertariana negli ambienti accademici.

Quindi, nel suo caso “libertarianism” va in effetti tradotto alla lettera, ovvero in riferimento al movimento libertariano.

E questa è una foto di Nozick:

zzz 239

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"