Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Chi sapeva che le auto usate e i container delle spedizioni sarebbero stati così importanti? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 13 agosto 2021)

 

Aug. 13, 2021

Who Knew Used Cars and Shipping Containers Would Matter So Much?

By Paul Krugman

zz 898

To be a good empirical economist, you must be prepared to make use of economic data without forgetting that the data is at best an imperfect guide to reality. I used to describe national income accounting — G.D.P. and all that — as a peculiarly boring form of science fiction. That’s not to say that the statisticians just make things up; they try really hard, and their work is immensely valuable. It’s just that any close look at how the numbers are constructed reveals that data coverage is always incomplete and the gaps are filled in with estimates and imputations.

Lately, however, I’ve found myself drawn to another analogy: Economic measures, especially the measures we use to make sense of a rapidly changing situation, are like the shadows on the wall of Plato’s cave. That is, they’re imperfect images of an underlying reality that exists, but that we can’t directly see. And sometimes it’s important, in interpreting the shadows, to think about the Platonic ideal we’re actually trying to discern.

What the heck am I talking about? Inflation, of course, which has been running high the past few months — although consumer prices rose a lot less in July than they did in June.

The big question about recent price increases has been: Are we looking at a transitory shock or a rise in the underlying rate of inflation?

I know a fair number of people, mainly Wall Street types, who get angry at anyone who even asks this question. Inflation is inflation, they insist, and attempts to define “core inflation” are just a way for the Fed to evade its responsibility to maintain price stability. But these critics generally don’t know why the concept was invented in the first place.

The truth is that back in the 1970s economists noticed a sharp distinction in the behavior of some prices. The price of soybeans fluctuates a lot both up and down, whereas the prices of goods like new cars and the price of labor — that is, wages — seems to change reluctantly. The thing about these sluggishly moving prices is that once they do get moving, say, once they’ve been rising 6 percent or 8 percent a year several years in a row, it takes something big, like a severe recession, to stop them from just continuing to rise.

Why this distinction? That’s a fairly deep question, and economists are far from united in their answers. But the difference is real, and important. A spike in inflation driven by goods without price inertia is easy come, easy go; inflation driven by goods with price inertia is very hard to get rid of — and to be avoided if possible.

How do we tell the difference? Back in 1975 Robert Gordon proposed that policymakers focus on an inflation measure that excluded food and energy — a rough cut at the distinction between inertial and non-inertial prices that made sense at the time. (Remember, this was the era of wild swings in oil prices caused by wars and revolutions in the Middle East, and food prices were also a lot less stable in the 1970s than they have been since.)

zzz 260

The unstable cost of eating.Credit…FRED

Gordon’s suggestion proved so useful that “core inflation” — defined by excluding food and energy — became a standard measure and guide for Federal Reserve policy. And use of that measure has been a huge practical success. The Fed was able to keep its cool through several spikes in inflation driven mainly by oil prices, most recently in 2011, because its focus on the core told it that these were transitory shocks, that underlying inflation remained low — and the Fed was right.

But inflation excluding food and energy was always a quick-and-dirty approximation to the underlying concept — a shadow on the wall of the cave cast by the Platonic ideal of inflation in goods with inertial prices. And while this approximation worked well in an era of oil shocks, it’s not working well at all in an era of pandemics and vaccines, in which a remarkable amount of price action has been driven by used cars:

zzz 261

Would you buy a used-car index from these people?Credit…FRED 

Nor are used-car prices the only price we didn’t used to think about much but that is having wild swings and should, conceptually, be excluded from core. In normal times, macroeconomists don’t pay much attention to shipping costs. But pandemic-related disruptions have created an incredible surge in the price of container shipping.

I’ve been trying to estimate how much shipping costs may have contributed to recent inflation, multiplying the reported change in the cost of shipping containers to the United States by the number of TEUs — 20-foot equivalent units — unloaded at U.S. ports. There’s quite a lot of uncertainty in these estimates, but as a rough guess, shipping may have added between one-quarter and one-half of 1 percent to inflation over the past year. This, too, should be excluded from the Platonic ideal of core.

Why does all this matter? As best I can tell, a fair number of people are still looking at the standard measure of core inflation — which has risen almost as much as headline inflation — and concluded that we really do have a fundamental problem. They could be right, and Team Transitory — economists who believe that this is a transitory blip, a group that includes the Biden Council of Economic Advisers — could be wrong. But you can’t settle that argument by looking at a number that, however well it worked in the past, is now a clearly inadequate measure of the underlying concept of inertial inflation.

 

Chi sapeva che le auto usate e i container delle spedizioni sarebbero stati così importanti?

Di Paul Krugman

 

Per essere un buon economista empirico, si deve essere preparati a fare uso dei dati economici senza dimenticare che i dati sono nel migliore dei casi una guida imperfetta alla realtà. Ero solito definire la contabilità del reddito nazionale – il PIL e tutto il resto – come una forma di fantascienza particolarmente noiosa. Con il che non voglio dire che gli statistici si inventino le cose; si impegnano per davvero e il loro lavoro è immensamente apprezzabile. È solo che ogni sguardo ravvicinato a come sono costruiti i numeri rivela che la copertura dei dati è sempre incompleta e i buchi sono riempiti con stime e approssimazioni.

Di recente, tuttavia, mi sono ritrovato attratto da un’altra analogia; le misure economiche, particolarmente le misure che utilizziamo per dare senso ad una situazione in rapido mutamento, sono come le ombre della caverna di Platone. Ovvero, sono immagini imperfette di un realtà esterna che esiste, ma che non può essere vista direttamente. E talvolta è importante, nell’interpretare le ombre, ragionare sull’ideale platonico che stiamo cercando di discernere.

Di che diamine sto parlando? Dell’inflazione, naturalmente, che nei mesi passati è corsa in alto – sebbene i prezzi al consumo siano cresciuti a luglio un po’ meno di quanto erano cresciuti a giugno.

La grande domanda sui recenti aumenti dei prezzi è stata: stiamo osservando un trauma transitorio o una crescita del tasso di inflazione sottostante?

So che un certo numero di persone, principalmente personaggi di Wall Street, si arrabbiano se qualcuno persino solleva questa domanda. L’inflazione è l’inflazione, ribadiscono, e i tentativi di definire l’ “inflazione sostanziale” [1] sono solo un modo per la Fed per eludere la sua responsabilità nel mantenere la stabilità dei prezzi. Ma questi critici in generale non sanno perché il concetto agli inizi venne inventato.

La verità è che nei passati anni ’70 gli economisti notarono una netta distinzione nel comportamento di alcuni prezzi. Il prezzo della soia fluttua molto sia in alto che in basso, mentre i prezzi dei prodotti come le automobili e il prezzo del lavoro – cioè, i salari – paiono cambiare con riluttanza. Il punto, a proposito di questi prezzi che si muovono lentamente, è che una volta che si muovono davvero, ad esempio, una volta che salgono del 6 o dell’8 per cento all’anno per vari anni in fila, ci vuole qualcosa di grande, come una grave recessione, per impedire che continuino a crescere.

Perché questa differenza? Si tratta di una questione abbastanza profonda e gli economisti sono tutt’altro che uniti nelle loro risposte. Ma la differenza è reale, e importante. Un picco di inflazione guidato da prodotti che non hanno inerzia nel prezzo è facile a venire e facile ad andarsene; l’inflazione guidata da prodotti che hanno tale inerzia è molto difficile da superare – e se possibile è da evitare.

Come ci riferiamo a tale differenza? Nel 1975 Robert Gordon propose che le autorità si concentrassero su una misurazione dell’inflazione che escludeva gli alimenti e l’energia – un taglio grossolano nella distinzione tra prezzi inerti e non inerti che a quel tempo aveva senso (si ricordi, era l’epoca di oscillazioni selvagge nei prezzi del petrolio provocate da guerre e da rivoluzioni nel Medio Oriente, e anche i prezzi dei prodotti alimentari erano molto meno stabili negli anni ’70 di quanto sono stati da allora).

zzz 260

Il costo instabile della alimentazione. Fonte: FRED [2]

Il suggerimento di Gordon si mostrò talmente utile che l’ “inflazione sostanziale” – ottenuta con l’esclusione di alimenti ed energia – divenne un misura standard ed una guida per la politica della Federal Reserve. E utilizzare quella misura è stato un grande successo pratico. La Fed ha potuto mantenersi calma attraverso vari picchi di inflazione principalmente provocati dai prezzi del petrolio, il più recente nel 2011, perché la sua concentrazione sul dato sostanziale le diceva che questi erano traumi transitori, che l’inflazione sottostante rimaneva bassa – e la Fed ha avuto ragione.

Ma l’inflazione che esclude alimenti ed energia era sempre una approssimazione sbrigativa del concetto implicito – un’ombra sulla parete della caverna proiettata dall’ideale platonico dell’inflazione nei prodotti con prezzi inerti. E mentre questa approssimazione funzionava bene in un’epoca di shock petroliferi, non sta funzionando affatto bene in un’epoca di pandemia e di vaccini, nella quale una considerevole quantità del movimento dei prezzi è stata provocata dalle auto usate:

zzz 261

Comprereste un indice di auto usate da queste persone? Fonte: FRED [3]

Né il prezzo delle auto usate è l’unico al quale non eravamo abituati a pensare, ma che sta avendo brusche oscillazioni e che dovrebbe essere escluso, concettualmente, dalla inflazione sostanziale. In tempi normali, gli economisti non pensano ai costi delle spedizioni. Ma i turbamenti connessi con la pandemia hanno determinato una incredibile crescita del prezzo delle spedizioni via nave.

Sto cercando di stimare quanto i costi delle spedizioni via nave possono aver contribuito all’inflazione recente, moltiplicando il cambiamento che viene riferito nel costo dei container delle spedizioni verso gli Stati Uniti per il numero dei TEU [4] – unità equivalenti di 20 piedi – scaricate presso i porti statunitensi. C’è un bel po’ di incertezza in queste stime, ma con una congettura grossolana, le spedizioni potrebbero aver aggiunto tra un quarto ed una metà dell’1 per cento di inflazione dell’anno passato. Anche questo dovrebbe essere escluso dal’ideale platonico di inflazione sostanziale.

Perché tutto questo è importante? Per quanto posso constatare, un discreto numero di persone stanno osservando la misura standard della inflazione sostanziale – che è salita quasi altrettanto dell’inflazione ‘complessiva’ – e sono arrivate alla conclusione che abbiamo realmente un problema importante. Potrebbero aver ragione, e il gruppo che sostiene la tesi della transitorietà – gli economisti che credono che questo sia un contrattempo provvisorio, un gruppo che include il Comitato dei Consiglieri Economici di Biden – potrebbe aver torto. Ma non si può stabilire quella tesi osservando un numero che, per quanto abbia funzionato bene nel passato, oggi è una misurazione chiaramente inadeguata del sottostante concetto di inflazione inerte.

 

 

 

 

 

[1] Per una sommaria spiegazione sulla differenza tra “core inflation” ed “headline inflation” – che si possono tradurre rispettivamente con “inflazione sostanziale” e “inflazione complessiva” – si può leggere su questo blog alle Note sulla Traduzione (alla voce “headline inflation”).

[2] La Tabella mostra l’indice dei prezzi al consumo per alimenti e bevande dai primi anni ’70 ai giorni nostri, il dato medio nelle città statunitensi.

[3] L’andamento dei prezzi delle auto usate, con il picco eccezionale di queste settimane. Una spiegazione che ho trovato di tale fenomeno, lo imputava a difficoltà nel mercato delle auto nuove provocate dalle deficienze di semiconduttori, che avrebbe provocato una effervescenza insolita in quello delle auto usate.

L’espressione “Compreresti un’auto usata da una persone simile?” è molto frequente; in questo caso viene usata ironicamente in riferimento all’indice.

[4] L’unità equivalente a venti piediTEU (acronimo di twenty-foot equivalent unit), è la misura standard di lunghezza nel trasporto dei container ISO, e corrisponde a 20 piedi (circa 6 metri) totali. La maggior parte dei container hanno lunghezze standard rispettivamente di 20 e di 40 piedi: un container da 20 piedi (6,1 m) corrisponde a 1 TEU, un container da 40 piedi (12,2 m) corrisponde a 2 TEU. Per definire quest’ultima tipologia di container si usa anche l’acronimo FEU (forty-foot equivalent unit, ovvero “unità equivalente a quaranta piedi”).

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"