Blog di Krugman » Selezione della Settimana

I repubblicani keynesiani, i democratici sostenitori dell’economia dal lato dell’offerta? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 30 luglio 2021)

 

July 30, 2021

Keynesian Republicans, Supply-Side Democrats?

By Paul Krugman

zz 898

So Joe Biden appears to have his bipartisan infrastructure deal. Of course, progressives will be bitterly disappointed if that’s the end of the story. But it probably won’t be. In the end, Democrats will probably pass a second bill through reconciliation, adding several trillion dollars in “soft” investment — especially spending on children, which almost surely will have bigger economic payoffs than repairing roads and bridges, important as that is.

But today’s newsletter won’t be about legislative maneuvering. Instead, I want to talk about a funny thing that has happened to economic policy debate, detailed in a recent article by Jim Tankersley. Suddenly, Republicans have become Keynesians, while Democrats are talking about the supply side.

Traditionally, Democrats sought to justify big spending plans, like the Obama stimulus, by arguing that they were needed to boost demand in a weak economy. This was even true to a limited degree about the arguments made for the American Rescue Plan, the $1.9 trillion package Biden got enacted soon after taking office — although as its name suggests, the plan was pitched largely as disaster relief rather than as Keynesian stimulus.

Republicans, by contrast, derided Keynesian arguments. In the aftermath of the 2008 financial crisis, they called for cutting spending, not increasing it, buying fully into the doctrine of “expansionary austerity” — the claim that spending cuts would actually increase demand by inspiring confidence (or as I put it, they believed in the confidence fairy).

When justifying their own plans for tax cuts, Republicans generally didn’t argue that those cuts would increase demand. Instead, they invoked supposed supply-side effects: Reduced taxes, they claimed, would increase incentives to work and invest, expanding the economy’s potential. Democrats generally ridiculed these claims.

For what it’s worth, the evidence suggests that Democrats were right and Republicans wrong on both counts. The case for expansionary austerity was overwhelmingly refuted by experience, especially in the euro area, while the Keynesian multiplier-type analysis was vindicated. Supply-side economics has yet to offer a single convincing success story; the underwhelming results of the 2017 Trump tax cut are just the latest entry in an unbroken record of failure.

But a funny thing has happened. Republicans are now warning that Biden’s spending plans will cause the economy to overheat, feeding inflation — which is basically a Keynesian position, although it’s being used to argue against government expenditure. I guess the confidence fairy has left the building. Or maybe G.O.P. economics is situational — Keynesian or not depending on which position can be used to argue against Democratic spending plans.

Democrats, on the other hand, are arguing that their spending plans, while partly about social justice, will also have positive supply-side effects, raising the economy’s long-run potential.

What can we say about these claims on each side?

Concerns that Biden’s long-term spending plans will pump up demand in an economy that we hope will already be more or less at full employment aren’t entirely silly. It is, however, important to bear three things in mind.

First, while the numbers being talked about are big, they’re 10-year spending plans, so annual spending will be in the hundreds of billions, not trillions — and the U.S. economy is very big. Here’s the Congressional Budget Office’s projection of potential G.D.P. over the next decade:

zzz 246

 

 

 

 

 

 

 

 

It’s a big, big, big, big economy.Credit…FRED

That cumulates to $295 trillion over the next 10 years, so even $4 trillion of spending is only 1.3 percent of G.D.P.

Second, the spending will be paid for with taxes to a considerable extent, so that net stimulus will be smaller than the headline numbers. It’s true that the pay-fors are likely to involve a lot of smoke and mirrors, and if that isn’t the most budget wonk thing I’ve ever written, I don’t know what is. Still, the “fiscal impulse” probably won’t be very big. And though we obviously don’t have details on most of what is likely to happen, we can look at the projected year-by-year deficit effects of the Biden budget proposal from earlier this year:

zzz 247

 

 

 

 

 

 

 

 

Not that stimulative.Credit…Office of Management and Budget

Even at its peak, this is a much smaller stimulus than the American Rescue Plan, which was around 8 percent of G.D.P.

Finally, there’s good reason to argue that the U.S. economy needs sustained fiscal stimulus, even at full employment. The argument for secular stagnation — persistent weakness of demand, so that interest rates are very low even in good times — remains strong. This prospect raises concerns about future economic management: The Fed probably won’t have enough room to cut rates to fight off future recessions. So some persistent deficit spending to give the Fed more room to act would actually be prudent.

In fact, I’ve said on a number of occasions that I’m concerned that Biden is being too fiscally responsible, that we could do with more deficit spending going forward than he seems to want.

Overall, then, the Republican case that Biden’s proposals are dangerously inflationary — while not as bad as some of what comes out of that party — is pretty weak.

What about supply-side economics, Democrat-style? Unlike Republicans, who have consistently promised economic miracles that never arrive, Democrats are being very cautious about their supply-side claims. Nonetheless, progressive economists believe that there will be large long-term payoffs to spending more on infrastructure, research and especially aid to children.

And they expect fairly quick results if the reconciliation bill includes “family-friendly” policies like paid parental leave and child care, which they believe would increase female participation in the paid work force. I suspect that most Americans have no idea how much we’ve fallen behind on that front relative to other advanced countries with policies that make it easier for mothers to maintain their careers:

zzz 248

 

 

 

 

 

 

 

 

Women not at (paid) work.Credit…OECD

So there’s a pretty good case that Democratic supply-side economics will actually work.

Anyway, the bottom line is that there has been a weird role reversal in how the parties talk about economic policy. Republicans have gone all Keynesian, while Democrats are talking about the supply side. However, only one of the parties seems to be making sense.

 

I repubblicani keynesiani, i democratici sostenitori dell’economia dal lato dell’offerta?

Di Paul Krugman

 

Sembra dunque che Joe Biden abbia un accordo di entrambi i partiti sulle infrastrutture. Ovviamente, i progressisti sarebbero amaramente delusi se la storia finisse a questo punto. Ma probabilmente non sarà così. Alla fine, i democratici probabilmente approveranno una seconda proposta di legge attraverso l’isituto della riconciliazione, aggiungendo svariati miliardi di dollari in investimenti “leggeri” – in particolare spesa sui bambini, che quasi sicuramente avrà maggiori vantaggi per l’economia che non riparare strade e ponti, per quanto siano importanti.

Ma la newsletter di oggi non sarà sulla manovra legislativa. Voglio invece parlare di una cosa curiosa che è avvenuta nel dibattito economico, messa in evidenza da un articolo di Jim Tankersley. All’improvviso,  repubblicani sono diventati keynesiani, mentre i democratici stanno parlando dell’economia dal lato dell’offerta.

Tradizionalmente, i democratici cercavano di giustificare grandi programmi di spesa, come lo stimolo di Obama, sostenendo che erano necessari per incoraggiare la domanda in un’economia debole. In una limitata misura questo era vero anche per gli argomenti avanzati con il Piano Americano di Salvataggio, il pacchetto da 1.900 miliardi di dollari che Biden varò appena entrato in carica – sebbene, come suggerisce il nome stesso, quel programma venne promosso in gran parte come assistenza nell’emergenza, piuttosto che come uno stimolo keynesiano.

Di contro, i repubblicani irridevano agli argomenti keynesiani. In seguito alla crisi finanziaria del 2008, chiesero di tagliare la spesa, non di aumentarla, aderendo pienamente alla dottrina dell’ “austerità espansiva” – la pretesa che tagliando la spesa si sarebbe effettivamente incrementata la domanda diffondendo la fiducia (ovvero, come mi espressi io, credevano nella fata della fiducia).

Nel giustificare i loro piani per i tagli alle tasse, in generale i repubblicani non sostenevano che quei tagli avrebbero incrementato la domanda. Sostenevano che ridurre le tasse avrebbe aumentato gli incentivi a lavorare ed a investire, espandendo il potenziale dell’economia. In generale, i democratici irridevano a queste pretese.

Per quello che vale, le prove indicano che i democratici avevano ragione e i repubblicani avevano torto su entrambi gli aspetti. L’argomento dell’austerità espansiva venne confutato in modo schiacciante dai fatti, specialmente nell’area euro, mentre venne risarcita l’analisi keynesiana del moltiplicatore. L’economia dal lato dell’offerta deve ancora offrire una unica storia di successo; i deludenti risultati degli sgravi fiscali di Trump del 2017 sono solo l’ultima voce di una ininterrotta serie di fallimenti.

Ma è accaduta una cosa buffa. Adesso i repubblicani stanno mettendo in guardia che i piani di spesa di Biden provocheranno un surriscaldamento dell’economia, alimentando l’inflazione – che è fondamentalmente una posizione keynesiana, sebbene venga utilizzata contro la spesa pubblica. Mi immagino che la fata della fiducia abbia lasciato l’edificio. O forse il Partito Repubblicano è ‘situazionale’ – keynesiana o no, tutto dipende dalla posizione che può essere usata per contrastare i piani di spesa dei democratici.

I democratici, da parte loro, stanno sostenendo che i loro programmi di spesa, mentre in parte riguardano la giustizia sociale, avranno anche effetti positivi dal lato dell’offerta, aumentando il potenziale a lungo termine dell’economia.

Cosa si può dire di queste tesi su entrambi gli schieramenti?

Le preoccupazioni secondo le quali i programmi di spesa di Biden gonfieranno la domanda in un’economia che noi speriamo già sarà più o meno in piena occupazione, non sono del tutto sciocche. Tuttavia, è importante tenere a mente tre cose.

La prima: mentre i numeri dei quali abbiamo parlato sono grandi, essi riguardano programmi di spesa decennali, dunque la spesa annuale sarà in centinaia di miliardi, non in migliaia – e l’economia americana è molto grande. Ecco la previsione dell’Ufficio del Bilancio del Congresso sul PIL potenziale nel prossimo decennio:

zzz 246

 

 

 

 

 

 

 

 

È un’economia molto, molto grande Fonte: FRED [1]

Questo assomma a 295 mila miliardi di dollari nei prossimi dieci anni, dunque persino 4.000 miliardi di spesa sono soltanto l’1,3 per cento del PIL.

In secondo luogo, la spesa verrà ripagata in una notevole misura tramite le tasse, cosicché lo stimolo netto sarà inferiore ai numeri complessivi. È vero che le coperture riguardano in gran parte fumo negli occhi, e ammetto che questa non sia la cosa più minuziosa relativa ad un bilancio che abbia mai scritto. Eppure, l’ “impulso della finanza pubblica” probabilmente non sarà grandissimo. E sebbene ovviamente non abbiamo i dettagli sulla maggior parte di ciò che è probabile accada, possiamo osservare gli effetti previsti sul deficit anno per anno della proposta di bilancio di Biden, a partire dagli inizi di quest’anno:

zzz 247

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno stimolo non così forte. Fonte: Ufficio della Gestione e del Bilancio

Persino al suo punto più alto, questo è uno stimolo molto minore del Piano Americano di Salvataggio, che era attorno all’8 per cento del PIL [2].

Infine, c’è una buona ragione per sostenere che l’economia statunitense ha bisogno di un prolungato stimolo della finanza pubblica, seppure con la piena occupazione. La tesi della stagnazione secolare – una persistente debolezza della domanda, cosicché i tassi di interesse sono molto bassi persino in tempi buoni – resta forte. La prospettiva solleva preoccupazioni sulla gestione futura dell’economia: la Fed probabilmente non avrà margini sufficienti per tagliare i tassi per combattere recessioni future. Dunque una qualche persistente spesa in deficit per dare alla Fed più margini sarebbe effettivamente prudente.

Di fatto, ho affermato in un certo numero di occasioni di essere preoccupato che Biden sia troppo responsabile sul lato della finanza pubblica, che andando avanti dovremmo fare più spesa in deficit di quella che lui sembra volere.

Nel complesso, allora, l’argomento repubblicano secondo il quale le proposte di Biden sono pericolosamente inflazionistiche – sebbene non così negativa come alcune delle cose che vengono da quel partito – è abbastanza debole.

Che dire dell’economia dal lato dell’offerta, stile democratici? Diversamente dai repubblicani, che hanno promesso in continuazione miracoli economici che non arrivano mai, i democratici restano molto molto cauti sulle loro tesi dal lato dell’offerta. Ciononostante, gli economisti progressisti credono che ci saranno grandi vantaggi a lungo termine nello spendere maggiormente sulle infrastrutture, sulla ricerca e particolarmente sull’aiuto ai bambini.

E si aspettano risultati abbastanza veloci se la proposta di legge nella fase di riconciliazione [3] includerà politiche a favore della famiglia come il congedo pagato per i genitori e gli asili nido, che credono accrescerebbero la presenza delle donne tra la forza lavoro pagata. Ho l’impressione che la maggioranza degli americani non si rendano conto di quanto siamo caduti in basso su quel fronte, a confronto di altri paesi avanzati con politiche rendono più facile per le madri il mantenimento delle loro carriere:

zzz 248

 

 

 

 

 

 

 

 

Donne non al lavoro (pagato). Fonte: OCSE [4]

Dunque, c’è una possibilità abbastanza buona che l’economia dal lato dell’offerta dei democratici effettivamente funzioni.

In ogni modo, la morale della favola è che c’è stata una bizzarra inversione di ruoli nei modo in cui i partiti parlano di politica economica. I repubblicani sono diventati tutti keynesiani, mentre i democratici stanno parlando dell’economia dal lato dell’offerta. Tuttavia, solo uno dei due partiti sembra dire cose sensate.

 

 

 

 

 

 

[1] La tabella mostra le previsioni di un Ufficio Studi della Fed sull’andamento del PIL potenziale nominale da oggi al 2031.

[2] Ovvero, se capisco, la tabella si riferisce soltanto alla manovra di spesa contenuta nel bilancio, e non ai provvedimenti urgenti già assunti con il programma di emergenza.

[3] Come spiegato altre volte, la “riconciliazione” è uno strumento regolamentare del Congresso statunitense, che prevede che le misure economiche che in prima battuta avrebbero bisogno di essere approvate con maggioranze qualificate (misure che modificano gli equilibri di bilancio), possono alla fine passare da un procedura semplificata, che consente di approvarla anche con maggioranze semplici. I democratici pare che non abbiano quasi mai utilizzato questa possibilità, mentre nel periodo più recente i repubblicani ne hanno fatto frequente uso, ad esempio nel 2017 con gli sgravi fiscali di Trump. Adesso anche i democratici sono intenzionati ad usarla, recuperando in sede di ‘riconciliazione’ buona parte delle proposte economiche sulle quali non c’è accordo di entrambi i partiti.

[4] La Tabella mostra il tasso di occupazione delle donne nella principale età lavorativa (in genere stimata tra i 25 ed i 54 anni). Gli Stati Uniti hanno una percentuale di dieci punti inferiore alla Svezia.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"