Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il Covid in Inghilterra, e un’altra estate sprecata. Di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 10 agosto 2021)

 

10 August 2021

COVID in England, and another wasted summer

 Simon Wren-Lewis

zzz 88

One of the rules in this pandemic is that Johnson’s government does not learn from mistakes. Johnson, his ministers and many of his MPs prefer a self-serving libertarianism to looking at evidence. As a result, England has got rid of every measure aimed at reducing the chance of passing on the virus, while most other countries have retained some controls like mask wearing. Ministers are even telling workers to go back into the office, just as they did last summer.

The lesson they failed to learn from the summer of last year is not to imagine you have solved the COVID problem. Last summer cases and deaths were low, restrictions were lifted and despite what their scientists were telling them many in government thought it was time to focus on other issues. Sunak encouraged people to eat out which helped start cases rising again. In the autumn and winter it became clear how foolish that belief was..

This year we are again seeing a similar attitude. This is not helped in some quarters by a kind of perverse triumphalism that COVID cases have for a time fallen or stabilised in England. They said the experts were wrong, we didn’t get 100,000 cases, which implies for them that they were right to ignore the experts when they abandoned all controls. For those of us with painful memories of Brexit, we see a similar pattern repeating itself.

Forecasts in any social science are inherently very difficult. I suspect forecasting in a pandemic, where so much depends on how many people are being cautious, is a bit like economic forecasting: both are almost certain to be wrong. But in both cases it’s the wrong way to judge disciplines. What matters is if they get the policy analysis right. Economists were right that Brexit would be costly for the UK economy. Equally the experts were right that abandoning all restrictions on 19th July would tend to raise case numbers compared to what they would have otherwise been. Unfortunately many on the political right are so determined to ignore science they will take any opportunity to rubbish it.

As the Chart below shows, cases in England began falling from July 17th, while cases in Scotland have been falling since the beginning of July. The difference is probably due to a combination of school holidays and the Euros.

zzz 257

 

 

 

 

 

 

 

 

What about the end of restrictions on 19th July. The whole point of Johnson urging people to be careful after 19th July was to minimise that effect. Evidence suggests the advice (or common sense) succeeded in moderating the rise after 19th July. However inevitably that effect will wear off as time goes on. Although cases are now roughly flat in both countries, they are nearly half the level relative to population in Scotland compared to England. Cases are likely to increase again in England, in September if not before.

The government says we have to ‘live with COVID’. But there is a world of difference between COVID being endemic with average cases below 100 or even 1,000 a day compared to average cases at 20,000 a day. Living with COVID is not equivalent to ignoring it. So what should the government be doing now to prepare for autumn and winter. The first obvious move is to vaccinate older children: 12-17 rather than the 16-17 already planned.

Expert opinion is mixed on this issue, but the cost benefit analysis presented in this paper is persuasive. Perhaps for that reason, many other countries are going ahead with vaccinating teens, as this chart from the FT shows.

zzz 258

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Devi Sridhar has a good discussion of the issues here.

Vaccinating teens with two doses will take some time, so in the meantime the government needs to help making schools safer. Yet making schools safer seems to be the opposite of what Schools minister Gavin Williamson has been doing. His record is lamentable, as a recent report from the Institute for Government shows (good summary also here), and he ended compulsory masks in schools before the government extended that to adults. Apart from bringing back mask wearing, the government should be improving ventilation in schools, following other countries as Stephen Reicher suggests.

The government should also reverse their mistake in reintroducing mandatory mask-wearing in situations where people gather indoors (shops and transport). As I noted heremost people want them to do this, and most experts want this too, but so far the government has allowed the irresponsible minority to determine policy. Why not publicise the use of more effective masks, as well as providing them in hospitals, care homes and to the vulnerable?

As the chart below shows, the UK continues to be the worst performer alongside Spain in terms of the last wave of COVID cases compared to our closest neighbours, although the US with even worse political problems involving the Republican opposition and vaccination may end up surpassing us.(On hospitalisations we are joined by the US, and for deaths Portugal.)

zzz 259

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

While both the UK and US have particular problems with self-serving libertarianism, this is not absent in other countries, and most governments have struggled to understand the basic rules for dealing with a pandemic, with or without vaccines.

The basic rules of how to handle a pandemic during and after people are vaccinated are straightforward. After an outbreak caused by a new variant, governments should use restrictions and mitigation to bring cases down to a level that allows nearly all people to fully participate in the economy and public life. Once you have cases at that level, you release restrictions to a point that ensures that R stays at or below one. The level of restrictions can vary with the seasons to avoid autumn/winter surges. If that is done, new variants are less likely to emerge at home, deaths, hospitalisations and cases of long covid will be lower and the economy can fully recover. In addition, if dominant variants arrive from abroad (lambda?) you have more resources to react to avoid the point at which hospitals start cancelling cancer operations.

If instead governments allow cases to remain high because they abolished restrictions and failed to fully mitigate, and excuse this failure by talking about saving the economy, they are both lying and are negligent with public health and the economy.

 

Il Covid in Inghilterra, e un’altra estate sprecata.

Di Simon Wren-Lewis

 

Una delle regole di questa pandemia è che il Governo di Johnson non impara dagli sbagli. Johnson, i suoi Ministri e molti dei suoi parlamentari preferiscono un libertarianismo [1] a piacimento, anziché guardare ai fatti. Come risultato, l’Inghilterra ha buttato via ogni misura rivolta a ridurre le possibilità di trasmissione del virus, mentre molti altri paesi mantenevano alcuni controlli come indossare le mascherine. I ministri stanno persino dicendo agli impiegati di ritornare negli uffici [2], proprio come fecero l’estate passata.

La lezione che non sono riusciti a imparare dall’estate dell’anno scorso non consiste nell’avere un’idea su come risolvere il problema del Covid. La scorsa estate i casi e i decessi erano bassi, le restrizioni vennero revocate e, nonostante quello che stavano dicendo loro gli scienziati, molti nel Governo pensavano che fosse il momento di concentrarsi su altri temi. Sunak [3] incoraggiava le persone a mangiare fuori, il che contribuì a far crescere nuovamente i casi. Nell’autunno e nell’inverno divenne chiaro quanto quella convinzione fosse stupida …

Quest’anno assistiamo ad una tendenza simile. In alcuni ambienti, non aiuta una sorta di perverso trionfalismo secondo il quale i casi di Covid per un po’ sono calati o si sono stabilizzati in Inghilterra. Hanno detto che gli esperti si sbagliavano, che non avevamo avuto cento mila casi, il che per loro implicava che avevano ragione a ignorare gli esperti quando avevano abbandonato ogni controllo. Per quelli tra noi che hanno ricordi dolorosi della Brexit, siamo in presenza di un modello simile che si perpetua.

Le previsioni in ogni scienza sociale sono intrinsecamente molto difficili. Ho il sospetto che in una pandemia, dove così tanto dipende da quanto le persone si comportano con cautela, sia un po’ come nelle previsioni economiche: entrambe finiscono per essere sbagliate quasi con certezza. Ma in entrambi i casi dar la colpa alle discipline è la strada sbagliata. Quello che conta è se si fanno le analisi politiche giuste. Gli economisti avevano ragione a sostenere che la Brexit sarebbe stata costosa per l’economia del Regno Unito. Egualmente gli esperti avevano ragione che abbandonare ogni restrizione il 19 di luglio avrebbe comportato un aumento del numero dei casi a confronto di quelli che ci sarebbero stati altrimenti. Sfortunatamente molti a destra sono così determinati a ignorare la scienza, che utilizzano ogni occasione per stroncarla.

Come mostra la Tabella sotto, i casi in Inghilterra hanno cominciato a scendere dal 17 di luglio, mentre in Scozia stavano calando dagli inizi di luglio. La differenza probabilmente era dovuta da una combinazione delle vacanze scolastiche e dai campionati europei di calcio.

zzz 257

 

 

 

 

 

 

 

[4]

Per quanto riguarda la fine delle restrizioni il 19 di luglio. L’intera ragione per la quale Johnson ha spinto le persone ad essere scrupolose dopo il 19 di luglio era minimizzare quell’effetto. I fatti indicano che quel consiglio (o il senso comune) ebbe successo nel moderare la crescita dopo il 19 di luglio. Tuttavia, inevitabilmente quell’effetto era destinato a scomparire con il passar del tempo. Sebbene adesso i casi siano all’incirca piatti in entrambi i paesi, il loro livello rispetto alla popolazione è circa la metà in Scozia rispetto all’Inghilterra. È probabile che i casi in Inghilterra crescano ancora, a settembre se non prima.

Il Governo dice che dobbiamo imparare a “vivere con il Covid”. Ma c’è una enorme differenza tra un Covid che è persistente con una media di casi giornalieri sotto i 100 o anche di 1.000, con una media di casi giornalieri di 20.000. Vivere con il Covid non è la stessa cosa che ignorarlo. Dunque, quello che adesso il Governo dovrebbe fare è prepararsi per l’autunno e l’inverno. La prima mossa ovvia è vaccinare i bambini con età maggiore: quelli tra i 12 ed i 17 ani, anziché quelli tra i 16 e i 17 anni già programmati.

Su tale tema l’opinione degli esperti è varia, ma l’analisi costi benefici presentata in questo studio è persuasiva [5]. Forse per quella ragione, molti altri paesi stanno procedendo con la vaccinazione degli adolescenti, come mostra questo diagramma dal Financial Times:

zzz 258

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questa connessione (nel testo inglese) Devi Sridhar sviluppa una buona analisi di questi temi.

Vaccinare gli adolescenti con due dosi richiederà un po’ di tempo, cosicché nel frattempo il Governo avrà bisogno di contribuire a rendere le scuole più sicure. Tuttavia, rendere le scuole più sicure sembra essere l’opposto di quello che il Ministro dell’Istruzione sta facendo. La sua prestazione è deplorevole, come un recente rapporto da parte di un istituto governativo dimostra (una buona sintesi è anche in questa connessione), ed egli ha interrotto l’uso obbligatorio delle mascherine nelle scuole prima che il Governo lo estendesse agli adulti. A parte il rispristinare l’obbligo di indossare le mascherine, il Governo dovrebbe migliorare la areazione nelle scuole, seguendo altri paesi come indica Stephen Reicher.

Il Governo dovrebbe anche revocare il proprio errore reintroducendo l’uso obbligatorio delle mascherine nelle situazioni nelle quali le persone si riuniscono negli ambienti chiusi (negozi e trasporti). Come avevo notato in questa connessione (sempre testo inglese), la maggioranza delle persone vuole farlo, ed anche la maggioranza degli esperti lo vuole, ma sinora il Governo ha permesso che una minoranza irresponsabile determini le decisioni. Perché non pubblicizzare l’uso di mascherine più efficaci, o non fornirle negli ospedali, nelle case di cura e ai più vulnerabili?

Come la Tabella sotto dimostra, il Regno Unito continua, assieme alla Spagna, ad avere le prestazioni peggiori a proposito dell’ultima ondata di casi di Covid a confronto dei nostri vicini più stretti, sebbene gli Stati Uniti – con problemi politici persino peggiori che riguardano l’opposizione repubblicana e le vaccinazioni – potrebbero finire col superarci (sull’ospedalizzazione siamo agli stessi livelli degli Stati Uniti e sulle morti a quelli del Portogallo).

zzz 259

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[6]

Nel mentre sia il Regno Unito che gli Stati Uniti hanno particolari problemi con un libertarianesimo egocentrico, quest’ultimo non è assente in altri paesi, e la maggioranza dei Governi hanno faticato a comprendere le regole di base nel misurarsi con una pandemia, con o senza i vaccini.

Le regole di base di come gestire una pandemia nel mentre e dopo che le persone vengono vaccinate, sono lineari. Dopo una esplosione provocata da una nuova variante, i Governi dovrebbero usare restrizioni e mitigazioni per abbassare i casi ad un livello che consenta a tutte le persone di partecipare pienamente all’economia e alla vita pubblica. Una volta che si hanno casi a quel livello, si allentano le restrizioni sino a un punto che garantisca che R resti ad 1 o sotto di 1. Il livello delle restrizioni può variare con le stagioni per evitare le risalite in autunno/inverno. Se questo viene fatto, è meno probabile che le nuove varianti emergano nelle abitazioni, le morti, le ospedalizzazioni e i casi di prolungate conseguenza della malattia saranno più bassi e l’economia potrà pienamente riprendersi. In aggiunta, se arriveranno varianti dominanti dall’estero (la variante lambda? [7]) si avranno maggiori risorse per reagire e per evitare di arrivare al punto nel quale gli ospedali comincino a cancellare le operazioni per il cancro.

Se invece i Governi permettono che i casi restino alti perché hanno abolito le restrizioni e non sono affatto riusciti nella mitigazione, e giustificano questo fallimento parlando della salvezza dell’economia, saranno loro a raccontare bugie e ad essere negligenti con la salute pubblica e con l’economia.

 

 

 

 

 

 

[1] Per il termine “libertariano” si può leggere la estrema sintesi della vita e del pensiero di Ayn Rand, considerata la capostipite di tale ideologia, che si trova nelle note sulla traduzione. Essa spiega anche perché il termine “libertariano” è praticamente intraducibile con espressioni apparentemente contigue – ad esempio: radicale, o liberista – che in realtà alludono a ben altro nel pensiero politico europeo, pur presentando occasionali somiglianze. Forse è più giusto concepire il fenomeno del “libertarianismo” come tipicamente americano; una sorta di attrazione che agisce in modo ‘carsico’ sul conservatorismo americano, in certi momenti storici collegando le politiche presenti ad una sensibilità antica e per qualche aspetto fondativa di una parte del pensiero politico di quel paese. L’idea di una “economia forte per una completa assenza di regole”, è il caposaldo di questa mitologia libertariana fuori del tempo. Di fatto, nel periodo recente quella attrazione è tornata a risultare evidente in movimenti come il Tea Party e in una componente oggi certamente maggioritaria del Partito Repubblicano.

L’Inghilterra sembrerebbe avere una storia diversa, ma evidentemente nelle vicende politiche recenti cominciano ad apparire alcune convergenze.

[2] Ovvero, di interrompere anche dove possibile il lavoro da remoto.

[3] Attuale Ministro delle Finanze inglese, ovvero Cancelliere dello Scacchiere.

[4] Dunque, in rosso i casi della Scozia e in blu quelli dell’Inghilterra. La scala numerica a sinistra indica i casi inglesi, quella a destra i casi scozzesi. Dal 9 di luglio al 17 di luglio i casi inglesi sono aumentati bruscamente da 30.000 a 50.000, mentre in Scozia avevano ben più che un dimezzamento (da circa 4.000 casi a un po’ più di 1.000).

[5] Nella connessione in lingua inglese uno studio sulla analisi costi-benefici della vaccinazione degli adolescenti in Inghilterra, a cura di Deepti Guardasani e di Christina Pagel.

[6] La Tabella mostra i nuovi casi di Covid-19 dal primo di lugio a pochi giorni orsono, in vari paesi del mondo. Purtroppo, l’Italia non compare, anche se è abbastanza noto che i suoi andamenti sono sinora piuttosto bassi, leggermente superiori a quelli della Germania,

[7] In questo caso, la connessione è con uno studio di vari esperti, soprattutto giapponesi. Sinora sembra che la variante lambda, sia diffusa in modo massiccio nell’America Meridionale. Le sue caratteristiche virologiche ed evolutive rimangono sinora ignote. Tuttavia tale variante è più infettiva ed è caratterizzata dalla capacità di sfuggire alla neutralizzazione degli anticorpi.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"