Blog di Krugman » Selezione della Settimana

La gentrificazione dell’America democratica, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 27 agosto 2021)

 

Aug. 27, 2021

The Gentrification of Blue America

By Paul Krugman

zz 898

In my latest column, motivated by the California recall, I pointed out that the Golden State’s left turn on policy hasn’t produced the economic collapse that conservatives predicted. On the contrary, the state’s economy has boomed, even as it keeps getting trash-talked by the business press: Between the election of Jerry Brown and the Covid-19 pandemic, both output and employment grew about as fast in California as they did in Texas.

It has, however, been a peculiar kind of boom, one in which more Americans have moved out of California than have moved in.

Economists trying to understand the rise and fall of regions within a country often rely on some form of economic base analysis. The idea is that a region’s overall growth is determined by the performance of its export industries — that is, industries that sell mainly to customers outside the region, such as the technology firms of Silicon Valley and the Los Angeles entertainment complex (or, here in New York, the financial industry). Growth in these industries, however, generates a lot of growth in other sectors, from health care to retail trade, driven by the local spending of the base industries’ companies and employees.

But base analysis suggests that when a state has a booming export sector, as California does, it should be seeing growth in more or less everything. Instead, what we see in California is that while highly educated workers are moving in to serve the tech boom, less-educated workers are moving out:

zzz 271

 

 

 

 

 

 

 

 

A giant Brooklyn Heights?Credit…Public Policy Institute of California

There’s no great mystery about why this is happening: It’s because of housing. California is very much a NIMBY state, maybe even a BANANA (build absolutely nothing anywhere near anyone) state. The failure to add housing, no matter how high the demand, has collided with the tech boom, causing soaring home prices, even adjusted for inflation:

zzz 272

 

 

 

 

 

 

 

 

The Golden State becomes the Unaffordable State.Credit…FRED

And these soaring prices are driving less affluent families out of the state.

One way to think about this is to say that California as a whole is suffering from gentrification. That is, it’s like a newly fashionable neighborhood where affluent newcomers are moving in and driving working-class families out. In a way, California is Brooklyn Heights writ large.

Yet it didn’t have to be this way. I sometimes run into Californians asserting that there’s no room for more housing — they point out that San Francisco is on a peninsula, Los Angeles ringed by mountains. But there’s plenty of scope for building up.

If we look at population-weighted density — the population density of the neighborhood in which the average person lives — we find that greater New York is two and a half times as dense as the San Francisco and Los Angeles metro areas, with more than 30,000 people per square mile in New York and only around 12,000 in both California metros. This doesn’t mean that every New Yorker lives in a high-rise (the metro area includes plenty of leafy green suburbs); it means only that those who choose to live in multistory apartment buildings can do so. If California were willing to offer that choice, it wouldn’t have its housing crisis.

Personal aside: My New York apartment is in a neighborhood that, according to census data, has 60,000 residents per square mile, with many 10-plus-story buildings. It’s not a teeming sea of humanity; it’s surprisingly quiet and genteel!

The thing is, California’s housing problem, while especially extreme, isn’t unique.

Since the 1980s America has experienced growing regional divergence. We have become a knowledge economy driven by industries that rely on a highly educated work force, and firms in those industries, it turns out, want to be located in places where there are a lot of highly educated workers already — places like the Bay Area.

Unfortunately, most of these rising knowledge-industry hubs also severely limit housing construction; this is true even of greater New York, which is much denser than any other U.S. metropolitan area but could and should be even denser. As a result, housing prices in these metros have soared, and working-class families, instead of sharing in regional success, are being driven out.

The result is that there are now, in effect, two Americas: the America of high-tech, high-income enclaves that are unaffordable for the less affluent, and the rest of the country.

And this economic divergence goes along with political divergence, mainly because education has become a prime driver of political affiliation.

It may seem hard to believe now, but as recently as the early 2000s college graduates leaned Republican. Since then, however, highly educated voters — who have presumably been turned off by the G.O.P.’s embrace of culture wars and its growing anti-intellectualism — have become overwhelmingly Democratic, while non-college-educated whites have gone the other way.

As a result, the two Americas created by the collision of the knowledge economy and NIMBYism correspond fairly closely to the blue-red division: Democratic-voting districts have seen a big rise in incomes, while G.O.P. districts have been left behind:

zzz 273

 

 

 

 

 

 

 

 

One nation, increasingly divided.Credit…Brookings Institution

Again, this didn’t have to happen, at least not to this extent. True, the growing concentration of knowledge industries in a few metropolitan areas reflects deep economic forces that are hard to fight. But not building enough housing to accommodate this concentration and share its benefits is a policy choice, one that is deepening our national divisions.

There are hints of movement toward less restrictive housing policy; California’s legislature has just passed a bill that would, in essence, force suburbs to accept some two-unit buildings alongside single-family homes. Even this modest measure would make it possible to add around 700,000 housing units — roughly the same number added in the whole state between 2010 and 2019.

We need much more of this. Restrictive housing policy doesn’t get nearly as much attention in national debates as it deserves. It is, in fact, a major force pulling our nation apart.

 

La gentrificazione dell’America democratica,

di Paul Krugman  

Nel mio ultimo articolo, provocato dalla possibilità della ‘revoca’ del Governatore della California, ho messo in evidenza come la svolta a sinistra nello Stato dell’Oro non abbia prodotto il collasso economico che i conservatori avevano previsto. Al contrario, l’economia dello Stato ha avuto una forte espansione, anche se continua a ricevere un trattamento miserabile sulla stampa economica: tra le elezioni di Jerry Brown e la pandemia del Covid-19, sia la produzione che l’occupazione sono cresciute in California circa alla stessa velocità che nel Texas.

Tuttavia, essa ha avuto un tipo particolare di espansione, per il quale sono stati più gli americani che se ne sono andati dalla California di quelli che ci sono andati a vivere.

Gli economisti, nel cercar di comprendere la crescita e la caduta delle regioni all’interno di un paese spesso si basano su una qualche forma di analisi economica definita ‘di base’ [1]. L’idea è che la crescita complessiva di una regione sia determinata dalle prestazioni delle sue industrie di esportazione – ovvero, industrie che vendono principalmente a clienti fuori della regione, come le imprese tecnologiche della Silicon Valley e il complesso della attività di intrattenimento di Los Angeles (oppure, qua a New York, il settore finanziario). La crescita di queste industrie, tuttavia, genera molta crescita in altri settori, dalla assistenza sanitaria al commercio al dettaglio, guidata dalla spesa locale delle società e degli occupati dei settori ‘di base’.

Ma l’analisi ‘ di base’ suggerisce che quando uno Stato ha un settore delle esportazioni in forte espansione, come la California, dovrebbe registrare una crescita più o meno dappertutto. Invece quello che si osserva in California è che mentre i lavoratori altamente istruiti si trasferiscono in quel posto al servizio della espansione tecnologica, quelli meno istruiti se ne vanno:

zzz 271

 

 

 

 

 

 

 

Una gigantesca Zona Alta di Brooklyn? Fonte: Istituto di politica pubblica della California [2]

Non c’è alcun particolare mistero sulla ragione per la quale sta avvenendo questo: dipende dagli alloggi. La California è davvero uno Stato NIMBY [3], forse persino uno Stato BANANA [4] (“non costruire assolutamente niente vicino a qualcuno”). L’incapacità ad aumentare le abitazioni, a prescindere da quanto sia alta la domanda, ha colliso con il boom della tecnologia, provocando prezzi in forte crescita delle abitazioni, ancorché corretti per l’inflazione:

zzz 272

 

 

 

 

 

 

 

Lo Stato dell’Oro diventa uno Stato che non ci si può permettere. Fonte: FRED [5]

E questi prezzi in forte crescita sono quelli che espellono le famiglie meno benestanti dallo Stato.

Un modo per riflettere su tutto questo è dire che la California nel suo complesso sta soffrendo un fenomeno di gentrificazione [6]. Ovvero, è simile ad un quartiere diventato di recente attraente dove i nuovi venuti benestanti si trasferiscono spostando fuori le famiglie della classe lavoratrice. In un certo senso, la California è come il quartiere di Brooklyn Heights su scala maggiore.

Tuttavia, non doveva andare in questo modo. Talvolta mi imbatto in californiani che sostengono che non c’è spazio per maggiori alloggi – essi mettono in evidenza che San Francisco è su una penisola, che Los Angeles è accerchiata da montagne. Eppure c’è molto spazio per costruire verso l’alto.

Se guardiamo alla densità rapportata alla popolazione – la densità della popolazione dei quartieri nei quali vivono in media le persone – scopriamo che la città metropolitana di New York è due volte e mezza più densa delle aree metropolitane di San Francisco e di Los Angeles, con 30.000 persone per miglio quadrato [7] a New York contro solo 12.000 in entrambe le aree metropolitane della California. Questo non significa che ogni newyorkese viva in edifici a molti piani (l’area metropolitana comprende una quantità di frondose periferie verdi); significa soltanto che coloro che scelgono di vivere in edifici a più piani per appartamenti possono farlo. Se la California fosse disponibile ad offrire  quella scelta, non avrebbe la sua crisi degli alloggi.

Un inciso personale: il mio appartamento a New York è in un quartiere che, secondo i dati del censimento, ha 60.000 residenti per miglio quadrato, con molti edifici con più di dieci piani. Non è una marea di brulicante umanità; è sorprendentemente quieto ed elegante.

La questione è che il problema degli alloggi della California, se è particolarmente acuto, non è unico.

A partire dagli anni ’80 l’America ha conosciuto una crescente divergenza tra le regioni. Siamo diventati un’economia della conoscenza guidata da settori industriali che si basano su una forza lavoro altamente istruita e le imprese in quei settori, si scopre, vogliono essere collocate in luoghi che sono già di lavoratori altamente istruiti – luoghi come l’Area della Baia [8].

Sfortunatamente, la maggioranza di questi centri in crescita dell’industria della conoscenza pongono anche gravi limiti alla costruzione di alloggi; questo è vero persino per l’area metropolitana di New York, che è molto più densa di ogni altra area metropolitana statunitense ma potrebbe e dovrebbe essere persino più densa. Di conseguenza, i prezzi delle abitazioni in questa aree metropolitane sono saliti alle stelle, e le famiglie delle classi lavoratrici, anziché condividere il successo regionale, sono sospinte fuori.

Il risultato è che, in effetti, adesso ci sono due Americhe: l’America dell’alta tecnologia, enclave ad alto reddito che sono proibitive per i meno abbienti, e il resto del paese.

E questa divergenza economica procede assieme ad una divergenza politica, principalmente perché l’istruzione è diventata un fattore principale di affiliazione politica.

Adesso può sembrare difficile crederlo, ma ancora agli inizi degli anni 2000 i laureati erano di prevalenti tendenze repubblicane. Da allora, tuttavia, gli elettori altamente istruiti – che presumibilmente sono stati allontanati dall’abbraccio da parte del Partito Repubblicano delle guerre ideologiche e dal suo crescente anti intellettualismo – sono diventati a grande maggioranza democratici, mentre i bianchi privi di istruzione universitaria sono andati per un’altra strada.

Di conseguenza, le due Americhe create dalla collisione tra l’economia della conoscenza e il Nimbysmo corrispondono abbastanza da vicino alla divisione tra democratici e repubblicani: i distretti che votano democratico hanno conosciuto una grande crescita nei redditi, mentre i distretti repubblicani sono stati lasciati indietro:

zzz 273

 

 

 

 

 

 

 

Una nazione sempre più divisa. Fonte: Brookings Institution [9]

Ma non costruire alloggi a sufficienza per contenere questa concentrazione e distribuire i suoi benefici è una scelta politica, che approfondisce le nostre divisioni nazionali.

Ci sono segnali di uno spostamento verso una politica degli alloggi meno restrittiva; l’assemblea legislativa della California ha appena approvato una proposta di legge che, in sostanza, costringerebbe le periferie ad accettare edifici per due unità abitative assieme ad abitazioni per famiglie singole. Persino una misura così modesta renderebbe possibile un aumento di circa 700.000 unità abitative – grosso modo l’intera cifra aumentata nello Stato nel suo complesso dal 2010 al 2019.

Abbiamo bisogno di molto più di questo. La politica restrittiva degli alloggi non ha neanche lontanamente l’attenzione che merita nei dibattiti nazionali. Essa, di fatto, è un fattore importante che disgrega la nostra nazione.

 

 

 

 

 

 

[1] Il termine non ha il significato ‘generico’ che parrebbe; è un teoria che giustifica un metodo di calcolo delle prestazioni economiche di una regione che si basa su una distinzione tra attività ‘di base’ – quelle connesse con le esportazioni e con le attività che attraggono reddito dall’esterno – e attività ‘non di base’, che dipendono dalle condizioni commerciali locale e sostengono le prime.

[2] La tabella mostra per due periodi – dal 2010 al 2014 e dal 2015 al 2019 – gli incrementi e le perdite dei lavoratori tra 20 e 64 anni, che hanno rispettivamente un livello di istruzione inferiore ad una laurea triennale (quelli nei segmenti verdi, che diminuiscono) oppure superiore (con laurea triennale o superiore, nei segmenti in nero, che aumentano).

Come si osserva, non solo la fuga dei lavoratori con redditi più bassi è elevata, ma prosegue ed aumenta negli ultimi quattro anni.

Il riferimento alla Zona Alta di Brooklyn, indica il possibile confronto con un quartiere di New York generalmente abitato da benestanti e con livelli elevati di comfort sociali ed ambientali.

[3] Il fenomeno del NIMBY – un acronimo che possiamo tradurre con “Non vicino a casa mia” e che forse è preferibile non cercare di tradurre– è il risultato di una opposizione generalizzata dei cittadini, e conseguentemente delle regole urbanistiche locali, ai nuovi insediamenti, sia di abitazioni che di servizi collettivi.

[4] In genere per Stato “Banana” si intende qualcosa d’altro (realtà con istituzioni fallimentari e con economie basate su una o due merci di esportazione. Il termine venne coniato, agli inizi, in riferimento all’Honduras). Ma in questo caso il termine esprime la passione molto americana, e un pochino scema, per gli acronimi: BANANA è l’acronimo della frase tradotta tra parentesi.

[5] La tabella mostra un confronto tra gli andamenti generali dell’indice dei prezzi nelle città statunitensi, e l’andamento dei prezzi degli alloggi in un’area della California.

[6] “Riqualificazione e rinnovamento di zone o quartieri cittadini, con conseguente aumento del prezzo degli affitti e degli immobili e migrazione degli abitanti originari verso altre zone urbane”. Treccani.

[7] Un miglio quadrato è pari a 2,589 chilometri quadrati.

[8] L’area metropolitana di San Francisco, che comprende otto contee con al centro San Francisco, una penisola che si allunga sulla Baia e sul Pacifico, a oriente il centro universitario di Berkeley e a sud la Silicon Valley.

[9] Le linee blu indicano gli andamenti – suppongo del complesso dei distretti elettorali – democratici, mentre quelle rosse quelli repubblicani. A sinistra gli andamenti del PIL procapite, a destra quelli dei redditi mediani delle famiglie.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"