Altri Economisti » Selezione della Settimana

Biden farà un errore storico alla Fed? J. Bradford DeLong (da Project Syndicate, 1 settembre 2021)

 

Sep 1, 2021

Will Biden Make a Historic Mistake at the Fed?

 BRADFORD DELONG

zzz 24

BERKELEY – In 1987, Alan Greenspan was appointed by Republican President Ronald Reagan to chair the US Federal Reserve Board of Governors, succeeding Paul Volcker. Eight years later, President Bill Clinton, a Democrat, was impressed by Greenspan’s willingness to use monetary policy to offset his administration’s fiscal retrenchment. This kept growth from stalling in the 1990s, and Greenspan did it despite partisan opposition from Republicans who denounced him for too-loose monetary policy. In 1996, Clinton reappointed Greenspan to a third term, and then to a fourth in 2000.

But Greenspan’s nurturing of the (highly beneficial) 1990s dot-com boom turned out to be the last time he would act bravely, wisely, and in a nonpartisan fashion. In the 2000s, he put partisan loyalty first, endorsing Republican President George W. Bush’s 2001 and 2003 tax cuts even though he evidently considered them to be bad policy.

When Fed Governor Edward Gramlich warned that mortgages, derivatives, and mortgage derivatives demanded much closer scrutiny and regulation, Greenspan rejected this argument, insisting that it wasn’t his place to get in the way of lenders who want to lend to home buyers who want to borrow. Never mind that this macroprudential philosophy was in direct contradiction to the one famously articulated by his earlier predecessor, William McChesney Martin, who in 1955 explained that the Fed chair’s job is to remove the punch bowl before the party gets too raucous, even though partygoers are likely to protest.

When Greenspan retired in January 2006, he was succeeded by Ben Bernanke, a Bush appointee who impressed Democratic President Barack Obama with his willingness to work on a bipartisan basis to push the perceived limits of monetary policy in fighting the Great Recession. In 2009, Obama duly reappointed Bernanke, who held the line by continuing the Fed’s quantitative-easing (QE) policies despite howls of outrage from Republicans.

By 2010, Republican economists and non-economists had decided that their top priority was to ensure that Obama was a “one-term president.” They started demanding rapid normalization of monetary policy – which was certain to produce higher unemployment – and dismissed as a sham whatever prosperity had been created by monetary expansion.

The prosperity wasn’t a sham, but it was meager enough that the argument gained traction. In December 2009, the US employment-to-population ratio was 58.3%, still far below its pre-crisis level of 63.4% (in December 2006). Three years later, in December 2012, it was only 58.7%; and when Bernanke stepped down, in January 2014, it had not risen any higher.

Not surprisingly, Bernanke was bitterly disappointed by the anemic post-2008 recovery. As recently as the late 1990s, he had argued vociferously that the Bank of Japan should do whatever it takes to restore the Japanese economy to full employment. But things looked different to him when he left academia to become a central banker. Not until after his departure from the Fed did the US employment-to-population ratio start rising at the one-percentage-point annual rate needed to bring the economy within striking distance of full employment. It reached that level under single-term Republican President Donald Trump, who replaced Obama’s second Fed chair, Janet Yellen, with Jerome Powell.

Now, it appears that President Joe Biden, a Democrat, is poised to reappoint Powell to another four-year term. Why he would do such a thing is beyond me. Powell’s views on financial regulation and macroeconomic management are not even remotely aligned with those of the Democratic near-consensus. Though he has spent the past four years following interest-rate and QE policies that do accord with the prevailing Democratic view, it is important to consider the two main factors behind this.

The first reason is that the Republican Party has been split down the middle, and thus neutralized, by a bitter conflict between the hard-money kneejerk instincts of GOP worthies and the soft-money kneejerk instincts of Trump the real-estate developer, for whom money can never be too cheap. The second reason is that Fed Governor Lael Brainard has been extremely persuasive in arguing that the current neutral rate of interest is still below zero, and that the supply-shock-driven inflation caused by the COVID-19 pandemic should be accommodated.

The first factor is fading away. Without Trump in office, and without the fear that tight money will erode vote margins in the short run, Republicans are about to unite overwhelmingly behind the talking point that monetary policy needs to be substantially tightened immediately. Powell, being a Republican worthy, will listen and toe this line.

If you think that the standard Republican hard-money perspective is good policy at this stage in the recovery, that is your prerogative. But if you do not sympathize with this view, you should be staunchly against Powell’s reappointment. The obvious alternative is Brainard, a former academic economist and under secretary of the US Department of the Treasury who has served on the Fed Board since 2014.

To reappoint Powell, Biden and his advisers would have to offer a convincing argument against Brainard. Are they going to tell us that she lacks the necessary technical skills, experiences, charisma, or persuasiveness on monetary and regulatory policy? I certainly hope not. Brainard stayed the course at her post through the dark days of the Trump administration. For a Democratic administration that currently enjoys only the barest majority in the Senate, her appointment as Fed chair should be an easy decision.

 

Biden farà un errore storico alla Fed?

Bradford DeLong

 

BERKELEY – Nel 1978, Alan Greenspan venne nominato dal Presidente repubblicano Ronald Reagan come Presidente del Comitato dei Governatori della Federal Reserve, in successione a Paul Volcker. Otto anni dopo, il Presidente Bill Clinton, un democratico, rimase impressionato dalla disponibilità di Greenspan di utilizzare la politica monetaria per bilanciare il taglio di finanza pubblica della sua amministrazione. Questa si mantenne in crescita rispetto allo stallo negli anni ’90, e Greenspan lo fece nonostante l’opposizione dei repubblicani che lo denunciarono per una politica monetaria troppo accondiscendente. Nel 1996 Clinton rinominò Greenspan per un terzo mandato, e poi per un quarto nel 2000.

Ma la promozione da parte di Greenspan della (altamente benefica) forte espansione del commercio elettronico degli anni ’90, si rivelò l’ultima occasione nella quale egli avrebbe agito con coraggio e con saggezza, non secondo una schema fazioso. Negli anni 2000 egli mise al primo posto la fedeltà di parte, appoggiando i tagli delle tasse del Presidente repubblicano George W. Bush del 2001 e del 2003, anche se li considerava evidentemente una cattiva politica.

Quando il Governatore della Fed Edward Gramlich mise in guardia che i mutui, i derivati e i derivati dei mutui richiedevano una attenzione e una regolazione molto più stretta, Greenspan respinse questo argomento, ribadendo che non era il suo ruolo mettersi in mezzo tra i prestatori che volevano far prestiti e coloro che acquistavano le case che volevano indebitarsi. Non contò che questa filosofia di prudenza macroeconomica fosse in esplicito contrasto con quella notoriamente espressa da colui che lo aveva preceduto, William McChesney Martin, che nel 1955 spiegava che il compito del Presidente della Fed è metter via la tazza del ponce prima che la festa divenga troppo turbolenta, anche se è probabile che i convenuti alla festa protestino.

Quando Greenspan andò in pensione nel gennaio del 2006, gli succedette Ben Bernanke, un nominato da Bush che aveva impressionato il Presidente democratico Barack Obama con la sua disponibilità ad operare su una base bipartisan per spingere in avanti i limiti riconosciuti della politica monetaria nel combattere la Grande Recessione. Nel 2009, Obama doverosamente rinominò Bernanke, che mantenne la linea proseguendo le politiche della facilitazione quantitativa (QE) della Fed nonostante le urla scandalizzate dei repubblicani.

Col 2010, economisti e non economisti repubblicani avevano deciso che la loro massima priorità era garantire che Obama fosse un “Presidente da un solo mandato”. Essi cominciarono a chiedere una rapida normalizzazione della politica monetaria – e liquidarono come una falsità qualsiasi prosperità fosse stata generata dalla espansione monetaria.

La prosperità non fu una falsità, ma fu sufficientemente esigua da far aumentare la presa di quell’argomento. Nel dicembre del 2009 il rapporto tra l’occupazione e la popolazione negli Stati Uniti era al 58,3%, ancora assai al di sotto del livello di prima della crisi del 63,4% (a dicembre 2006). Tre anni dopo, nel dicembre del 2012, esso era soltanto al 58,7%; e quando Bernanke si dimise, nel gennaio del 2014, non era affatto salito più in alto.

Non sorprendentemente, Bernanke fu amaramente deluso dalla ripresa anemica successiva al 2008. Non più tardi che sulla fine degli anni ’90, egli aveva sostenuto a gran voce che la Banca del Giappone avrebbe dovuto fare tutto quello che era necessario per riportare l’economia giapponese alla piena occupazione. Ma quando lasciò l’accademia per divenire banchiere centrale, le cose gli apparvero in modo diverso. Fino a quando se ne andò dalla Fed il rapporto statunitense tra occupazione e popolazione non cominciò a crescere al tasso annuale di un punto percentuale necessario per condurre l’economia entro una distanza apprezzabile dalla piena occupazione. Raggiunse quel livello con il Presidente repubblicano per un solo mandato Donald Trump, che sostituì il secondo Presidente della Fed di Obama, Janet Yellen,  con Jerome Powell.

Ora sembra che il Presidente Joe Biden, un democratico, sia in procinto di rinominare Powell per un altro mandato di quattro anni. Perché lo farebbe è una cosa che va oltre la mia immaginazione. I punti di vista di Powell sulla regolamentazione finanziaria e sulla gestione macroeconomica non sono neanche lontanamente compatibili con quelli quasi unanimi dei democratici. Sebbene egli abbia speso i quattro anni passati per seguire politiche del tasso di interesse e della ‘facilitazione quantitativa’ che fossero i accordo con il punto di vista prevalente tra i democratici, è importante considerare due principali fattori che vanno oltre questa circostanza.

La prima ragione è che il Partito Repubblicano è stato spaccato a metà, e quindi neutralizzato, da un aspro conflitto tra gli istinti impulsivi alla valuta forte dei notabili dello stesso partito e gli istinti impulsivi alla valuta leggera degli speculatori immobiliari alla Trump, per i quali i soldi non possono mai essere troppo a buon mercato.  La seconda ragione è che la Governatrice della Fed Lael Brainard [1] è stata estremamente persuasiva nel sostenere che l’attuale tasso di interesse naturale [2] è ancora sotto lo zero, e che l’inflazione guidata da turbamenti nell’offerta provocati dalla pandemia del Covid-19 si dovrebbe poter contenere.

Il primo fattore sta svanendo. Senza Trump in carica, e senza la paura che la restrizione monetaria eroda margini di voto nel breve periodo, i repubblicani sono uniti in modo quasi schiacciante dietro l’argomento fondamentale secondo il quale la politica monetaria ha necessità di essere in modo sostanziale immediatamente ristretta. Powell, essendo un notabile repubblicano, ascolterà e si allineerà col partito.

Se pensate che la normale prospettiva repubblicana della valuta forte sia, a questo stadio della ripresa, la politica giusta, è un vostro diritto. Ma se non simpatizzate con quella opinione, dovreste essere conseguentemente contrari alla rinomina di Powell. L’alternativa ovvia è Brainard, una passata economista accademica e sottosegretaria del Dipartimento del Tesoro statunitense, che ha operato nel Comitato della Fed sin dal 2014.

Per rinominare Powell, Biden e i suoi consiglieri dovrebbero offrire un argomento convincente contro la Brainard. Ci diranno che ella difetta delle necessarie competenze tecniche, di esperienze, di carisma o di persuasività nella politica monetaria e regolatoria? Spero proprio di no. Brainard ha mantenuto la rotta nella sua posizione durante i giorni bui della Amministrazione Trump. Per un Amministrazione democratica che attualmente dispone della maggioranza minima al Senato, la sua nomina alla Presidenza della Fed dovrebbe essere una decisione scontata.

 

 

 

 

 

[1] Lael Brainard (Amburgo1º gennaio 1962) è un’economista statunitense, membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve, dove ricopre il ruolo di governatore amministrativo e presidente dei comitati sulla stabilità finanziaria, affari comunitari e pagamenti, compensazione e liquidazioni. In precedenza è stata sottosegretaria al Tesoro per gli affari internazionali degli Stati Uniti e consigliere del segretario del Tesoro dal 2009 al 2013.

zzz 282

 

 

 

 

 

 

 

 

[2] In inglese il concetto è espresso sia con ‘natural’ che con ‘neutral’; significa il tasso di interesse che sostiene la piena occupazione nel mentre mantiene l’inflazione costante.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"