Blog di Krugman » Selezione della Settimana

L’acquisto dei cervelli degli americani, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 31 agosto 2021)

 

Aug. 31, 2021

The Buying of the American Mind

By Paul Krugman

zz 898

Today’s column was inspired by the latest twist in our still shambolic response to Covid — the continuing refusal of many Americans to get vaccinated and the insistence of some of them on swallowing horse paste instead. I tried to link this horrifying, if comic, development to the long relationship between right-wing extremism and patent medicine. But I didn’t have space to put this in the broader context of how money influences politics and policy.

The simple fact is that none of us are saints. Even those who claim to be working for the common good can be and often are influenced by the prospect of personal reward. As conservative economists like to say, incentives matter.

Indeed, it’s usually conservative economists who make this point most strongly. Half a century ago George Stigler of the University of Chicago published a hugely influential paper titled “The theory of economic regulation,” which argued that government regulators — like the boards setting rules for electricity generation and pricing — weren’t like the wise, selfless guardians of Plato’s “Republic”; they were human and hence subject to influence, which in practice meant that regulators were often captured by the very industries they were supposed to regulate.

It was a good point, if perhaps too extreme — regulators may not be saints, but they aren’t always purely creatures of self-interest either. But it was too narrowly applied. Stigler’s followers have used his logic to make the case against regulation, arguing that regulators will be corrupted by special interests. But why restrict that insight to government officials? In particular, why not apply it to their own political movement?

After all, surely the same logic that applies to regulators also applies to politicians and pundits, including those on the right who denounce regulation. And for that matter, it applies to intellectuals too, especially in those situations where the possible rewards for expressing the “right” opinions go beyond prestige and promotion into the realm of cold, hard cash.

And as far back as I can remember, the world of conservative opinion and thought has, in fact, consisted largely of bought men and women. (I’ll talk about liberals in a minute.)

I don’t think it was always thus. I’m not a huge fan of Milton Friedman’s legacy, but I do believe that he — and for that matter, Stigler — said what they did out of genuine, unforced conviction. Things have, however, changed since their heyday. In fact, they’ve changed twice.

First came the rise of “movement conservatism” — a highly organized set of interlocking institutions, all backed by billionaires and big corporations, of which the Republican Party was only one piece. There were also media organizations, especially Fox, think tanks like the Heritage Foundation and more. By the aughts (we never did come up with a better name for this century’s first decade), these institutions had created a safe space, a guarantee of a stable and fairly lucrative career, for people willing to say the right things — tax cuts good, regulation bad — and not rock the boat.

I never thought I’d be nostalgic for the era when big money ruled the right. But traditional corporate influence looks benign compared with where we are now. At this point, to be a conservative in good standing you have to pledge allegiance to blatant lies — Democrats are Marxists, the election was stolen, basic public health measures are sinister assaults on freedom.

Why are so many people who have to know better willing to go along with these lies? Again, self-interest — partly ambition, and yes, partly financial reward. Obviously the snake-oil industry doesn’t have anything like the resources of more respectable Republican-leaning industries like fossil fuels or tobacco. But it offers more opportunities for personal enrichment: Ben Shapiro is presumably well paid for hawking “superfoods” in a way he couldn’t be for, say, promoting oil wells.

OK, what about liberals? They’re people too, with all the usual human flaws; there are plenty of prominent liberals who I know personally to be driven by ego and to some extent by monetary considerations, people like … actually, not going there. But they live in a different environment from conservatives.

The old Will Rogers line — “I am not a member of any organized political party — I am a Democrat” — still applies. Political science research confirms that the Republican Party, and conservatism in general, is an ideological monolith, albeit one largely under new management. Democrats and the center-left in general, by contrast, are a loose coalition, and to prosper in that coalition you have to satisfy multiple constituencies. This makes it harder to sell your soul, because it’s not clear who you’re supposed to sell it to.

In the subculture I know best, politically active economists, those on the left, no matter how passionate they are about their politics — and no matter how self-centered — feel the need to retain academic credibility and, for those who do consulting, credibility with serious business interests. (See, I told you nobody is a saint.) Many of my economist friends look very favorably on President Biden’s policies, but they wouldn’t risk their reputations by claiming that Biden has Nobel-quality economic insight — or selling nutritional supplements.

So the blend of craziness and corruption taking place on the American right is special, without anything comparable on the left. Don’t both-sides this.

 

L’acquisto dei  cervelli degli americani,

di Paul Krugman

 

L’articolo di oggi era ispirato all’ultima svolta nella nostra caotica risposta al Covid – il continuo rifiuto di molti americani di vaccinarsi e l’insistenza di alcuni di loro ad ingoiare piuttosto un impasto per cavalli [1]. Ho cercato di collegare questo tremendo, seppur comico, sviluppo alla lunga relazione tra l’estremismo di destra e le medicine miracolose. Ma non avevo spazio per inserirlo nel più ampio contesto di come il denaro influenzi la politica e la amministrazione.

Il fatto semplice è che nessuno di noi è santo. Persino coloro che sostengono di lavorare per il bene comune possono essere e spesso sono influenzati dalla prospettiva di riconoscimenti personali. Come amano dire gli economisti conservatori, gli incentivi sono importanti.

In effetti, di solito sono gli economisti conservatori che insistono con maggiore forza su questo punto. Mezzo secolo fa George Stigler dell’Università di Chicago pubblicò uno studio ampiamente influente dal titolo “La teoria della regolamentazione economica”, nel quale sosteneva che i regolatori dei governi – come i comitati che stabiliscono regole per la produzione e i prezzi dell’elettricità – non erano saggi e altruisti come i sorveglianti della “Repubblica” di Platone; erano esseri umani e, di conseguenza, soggetti ad essere influenzati, il che in pratica comportava che i regolatori erano spesso alla mercè proprio delle industrie che si supponeva regolassero.

Era un buon argomento, anche se forse troppo radicale – i regolatori possono non essere santi, ma non sono neanche meramente soggetti all’interesse personale. Ma era applicato troppo rigidamente. I seguaci di Stigler hanno utilizzato la sua logica per prendere posizione contro le regolamentazioni, sostenendo che i regolatori possono essere corrotti da interessi particolari. Ma perché limitare questa ipotesi agli ufficiali di Governo? In particolare, perché non applicarla ai loro stessi movimenti politici?

Dopo tutto, di sicuro la stessa logica che si applica ai regolatori si applica anche ai politici ed ai commentatori, compresi coloro che a destra denunciano i regolamenti. E per lo stesso motivo, si applica anche agli intellettuali, specialmente in quelle situazioni nelle quali i premi per aver espresso le opinioni “giuste” vanno oltre il prestigio e la promozione, sin dentro alla sfera del denaro sonante.

E per quanto possa rammentare del lontano passato, il mondo delle opinioni e del pensiero conservatore, di fatto, è consistito in buona parte di uomini e donne comprati (parlerò tra un attimo dei progressisti).

Non penso che sia sempre stato così. Non sono un grande cultore della eredità di Milton Friedman, ma credo che lui – e del resto Stigler – dicesse quello che diceva per intima e libera convinzione. Da quei tempi, tuttavia, le cose sono cambiate. In sostanza, sono cambiare due volte.

Dapprima venne l’ascesa del “movimento del conservatorismo” – un complesso altamente organizzato di istituzioni intrecciate, tutte sostenute da miliardari e da grandi società, delle quali il Partito Repubblicano era solo una parte. C’erano anche agenzie giornalistiche, in particolare Fox, gruppi di esperti come la Fondazione Heritage e altro. Con gli anni ‘zero’ (non abbiamo mai trovato un nome migliore per questo primo decennio del secolo), queste istituzioni avevano creato uno spazio sicuro, una garanzia di carriere stabili e abbastanza remunerative, per le persone disposte a dire le cose giuste – gli sgravi fiscali sono buoni, i regolamenti sono cattivi – e a non agitare le acque.

Non ho mai pensato che sarei diventato nostalgico per l’epoca nella quale il grande capitale comandava sulla destra. Ma la tradizionale influenza delle grandi società appare innocua al confronto di dove siamo finiti oggi. A questo punto, per essere conservatori in una buona posizione si deve promettere fedeltà a sfacciate bugie – i democratici sono marxisti, le elezioni sono state rubate, le misure fondamentali della sanità pubblica sono sinistri assalti alla libertà.

Perché tante persone che non possono non saperne di più sono disponibili a procedere con queste menzogne? Di nuovo, l’auto gratificazione. Ovviamente, il settore delle pozioni miracolose non ha niente di simile alle risorse dei settori più rispettabili di tendenze repubblicane come i combustibili fossili e il tabacco. Ma offre più opportunità di arricchimento personale: presumibilmente Ben Shapiro è ben pagato per fare il rivenditore di “superalimenti” quanto non potrebbe esserlo, ad esempio, promuovendo i pozzi petroliferi.

E dunque, che dire dei progressisti? Sono anche essi persone, con tutti i comuni difetti degli esseri umani; c’è una gran quantità di eminenti progressisti che conosco personalmente che sono guidati dall’ego e in qualche misura da considerazioni monetarie, persone come … in effetti, meglio non addentrarsi. Ma vivono in una ambiente diverso da quello dei conservatori.

La vecchia frase di Will Rogers [2] – “Io non sono membro di qualche partito politico organizzato – sono un democratico” – vale ancora. La ricerca dei politologi conferma che il Partito Repubblicano, e il conservatorismo in generale, sono un monolite ideologico, sebbene in buona parte sotto una nuova gestione. I democratici e il centro sinistra in generale, all’opposto, sono una larga coalizione, e per prosperare in quella coalizione  si devono soddisfare basi elettorali molteplici. Questo rende più difficile vendersi l’anima, perché non è chiaro a chi eventualmente la state vendendo.

Nella sottocultura che conosco meglio, gli economisti politicamente attivi, quelli di sinistra, non conta quanto sono infervorati alla loro politica – e non conta quanto sono egocentrici – sentono il bisogno di conservare una credibilità accademica e, per quelli che fanno consulenze, di una credibilità con gli interessi di imprese serie (vedete, l’avevo detto che nessuno è santo). Molti dei miei amici economisti guardano con molto favore alle politiche del Presidente Biden, ma non rischierebbero le loro reputazioni sostenendo che Biden ha intuizioni economiche della qualità di un premio Nobel [3] – oppure vendendo integratori alimentari.

Dunque la mescolanza di follia e di corruzione che sta mettendo radici nella destra americana è speciale, senza niente di paragonabile alla sinistra. In questo caso, non dite che sono tutti uguali.

 

 

 

 

 

[1] Probabilmente il riferimento è all’ivermetcina, il farmaco antiparassitario usato per sverminare animali, ed anche cavalli, consigliato da vari personaggi della destra americana come terapia del Covid.

[2] Will Rogers, nato William Penn Adair Rogers (Oologah4 novembre 1879 – Barrow15 agosto 1935), è stato un attorecomico e giornalista statunitense di origini cherokee. Conosciuto come figlio prediletto dell’Oklahoma, Rogers nacque da una famiglia benestante del Territorio indiano e imparò a cavalcare e usare il lazo così bene che fu annoverato sul Guinness Book of World Records per l’aver lanciato tre lacci simultaneamente — uno al collo di un cavallo, un altro al collo del cowboy che lo cavalcava, e un terzo attorno alle quattro zampe del cavallo stesso.

Nel corso della sua vita, viaggiò tre volte intorno al mondo, si unì per breve tempo alla troupe dello spettacolo Ziegfeld Follies, interpretò 71 film (50 film muti e 21 “sonori“), scrisse più di 4.000 editoriali a diffusione nazionale,[3] diventando una notissima personalità internazionale.

Per tutti gli anni venti e trenta Rogers fu il beneamato del pubblico americano e una delle star più pagate nella Hollywood di quei tempi. Durante un giro del mondo col famoso pilota Wiley Post Rogers morì, quando il loro rappezzato Lockheed Orion si schiantò nei pressi di BarrowAlaska nel 1935. Wikipedia

zzz 283

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[3] Uno dei complimenti che è stato rivolto a Trump da economisti della destra.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"