Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Biden dovrebbe ignorare il limite del debito e coniare una moneta da mille miliardi di dollari, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 1 ottobre 2021)

 

Oct. 1, 2021

Biden Should Ignore the Debt Limit and Mint a $1 Trillion Coin

By Paul Krugman

zz 898

It’s hard to believe now, but before Donald Trump became the G.O.P.’s presidential nominee in 2016, Senator Marco Rubio of Florida was widely seen as a champion of the “reformicons” — conservatives who wanted the Republican Party to become more moderate and flexible, to move beyond its obsessive focus on cutting taxes for the rich and slashing benefits for the poor. Since then, however, Rubio has become a pathetic figure — not just a Trump toady, but someone who routinely tweets out stuff like this: “The $3.5 trillion Biden plan isn’t socialism, it’s Marxism.”

Indeed, we all remember the stirring passage in The Communist Manifesto where Marx declared, “Workers of the world, unite to spend 1.2 percent of G.D.P. on popular programs over the next decade!”

The fact that Republicans routinely say such nonsense is why the Biden administration should mint a $1 trillion platinum coin or declare that the Constitution gives it the right to issue whatever debt is needed to fund the government — or use some other trick I haven’t thought of to ignore the looming crisis.

Some background: We all learned in civics class — do students still take civics? — that federal policy on spending and taxing is set by a straightforward legislative process. Congress passes bills and if the president doesn’t veto those bills, they become law. End of story.

But there is, it turns out, a quirk in the budget process: Congress must also separately authorize the federal government to take on more debt.

Historically, this was considered a mere technicality: Of course Congress would approve borrowing if the spending and taxing bills it had already enacted led to a budget deficit. Not doing so would make no sense — not just because it would cripple government operations, but also because it would threaten financial havoc: U.S. government securities are the bedrock of the global financial system, used for collateral in many transactions. Threatening federal cash flows could therefore provoke a worldwide meltdown.

But U.S. politics aren’t what they once were. The Republican Party has become both radical and ruthless; let’s not forget that most G.O.P. legislators refused to certify President Biden’s election. And while this radicalized party cheerfully authorizes trillions in borrowing whenever it holds the White House, it weaponizes the debt limit whenever a Democrat is president.

During the Obama years, Republicans used the debt limit for blackmail, refusing to raise it unless President Barack Obama agreed to spending cuts — spending cuts the G.O.P. wouldn’t have been able to get passed through the normal legislative process, despite having partial control of Congress.

What’s happening now is even worse. Democrats control both houses of Congress, but Republicans are using the filibuster to block an increase in the debt ceiling with only weeks to go before we hit a wall and default on payments — and they aren’t even making specific demands. They simply don’t want to share any responsibility for governing. “There is no chance Republicans will help lift Democrats’ credit limit so they can immediately steamroller through a socialist binge that will hurt families and help China,” declared Mitch McConnell. If that sounds to you like meaningless word salad, that’s because it is.

Underlying all of this is the belief that voters will blame Biden for bad things that happen on his watch, even if Republicans deliberately caused those bad things to happen.

So what does this have to do with platinum coins? Well, there’s a strange provision in U.S. law that empowers the Treasury secretary to mint and issue platinum coins in any quantity and denomination she chooses. Presumably the purpose of this provision was to allow the creation of coins celebrating people or events. But the language doesn’t say that. So on the face of it, Janet Yellen could mint a platinum coin with a face value of $1 trillion — no, it needn’t include $1 trillion worth of platinum — deposit it at the Federal Reserve and draw on that account to keep paying the government’s bills without borrowing.

Alternatively, Biden could simply declare that the 14th Amendment to the Constitution, which says that the validity of federal debt may not be questioned, renders the debt ceiling moot.

And there may be other tricks I don’t know about.

Would any of these approaches basically mean using silly gimmicks to avoid catastrophe? Possibly yes. But given the stakes, who cares if the approach sounds silly?

Would using any of these gimmicks involve violating the spirit of the law even if they technically obey the letter? Of course — but Republicans are already doing that through their abuse of the debt ceiling.

Would any attempt to do an end run around the debt ceiling face court challenges? Yes. But the legal process would at the very least buy time to devise a better solution.

What about the politics? Look, the reason we’re in this situation is that Republicans have learned a terrible truth: Voters don’t know or care about process; they only react to how things are going. The G.O.P. believes that it can benefit from outright, naked sabotage; Democrats shouldn’t worry about undoing that sabotage through whatever tricks they can deploy.

Of course, if the Biden administration does do something unusual to avoid a debt crisis, Republicans will run blistering ads denouncing the action. But they’ll do that anyway! Which is where Marco Rubio comes in. He used to be considered a moderate; now he denounces a medium-size investment plan that appears to be highly popular as the second coming of Stalin. The Republican faux-outrage dial is already turned up to 11; how much worse can it get?

So go ahead, Democrats, and do whatever it takes to get through this. Gimmickry in the defense of sanity — and, in an important sense, democracy — is no vice.

 

Biden dovrebbe ignorare il limite del debito e coniare una moneta da mille miliardi di dollari,

di Paul Krugman

 

Adesso è difficile crederlo, ma prima che nel 2016 Donald Trump diventasse il candidato presidenziale del Partito Repubblicano, il Senatore della Florida Marco Rubio era generalmente considerato come un campione dei “conservatori riformisti” – i conservatori che volevano che il Partito Repubblicano diventasse più moderato e flessibile, andasse oltre il suo concentrarsi in modo ossessivo sul taglio delle tasse ai ricchi e sul decurtare i sussidi per i poveri. Da allora, tuttavia, Rubio è diventato un personaggio patetico – non solo un adulatore di Trump, ma qualcuno che normalmente twitta roba come questa: “Il piano da 3.500 miliardi di dollari di Biden non è socialismo, è marxismo”.

In effetti, ricordiamo tutti il commovente passaggio del Manifesto Comunista dove Marx dichiarava: “Lavoratori di tutto il mondo, unitevi per spendere l’1,2 per cento del PIL [1] nel prossimo decennio su programmi popolari!”

Il fatto che i repubblicani dicano ordinariamente tali sciocchezze è la ragione per la quale l’Amministrazione Biden dovrebbe coniare una moneta di platino da mille miliardi di dollari o dichiarare che la Costituzione gli dà il diritto di emettere tutte le obbligazioni sul debito che sono necessarie per finanziare il Governo – oppure per usare qualche altro artificio che non mi viene in mente per ignorare la crisi incombente.

Un po’ di contesto: abbiamo tutti imparato nei corsi di educazione civica – gli studenti fanno ancora educazione civica? – che la politica federale sulla spesa e sulla tassazione è stabilita da una procedura legislativa chiara. Il Congresso approva le proposte di legge e se il Presidente non pone il veto, quelle proposte di legge diventano leggi. Fine della storia.

Ma si scopre che c’è una stranezza nella procedura del bilancio: il Congresso deve anche distintamente autorizzare il Governo federale ad assumere un debito maggiore.

Storicamente, questo venne considerato un tecnicismo: il Congresso avrebbe ovviamente approvato l’indebitamento se la spesa e la tassazione che aveva già varato conducevano ad un deficit di bilancio. Non farlo non avrebbe senso – non solo perché danneggerebbe l’operatività del Governo, ma anche perché minaccerebbe un caos finanziario: i titoli del Governo statunitense sono il fondamento del sistema finanziario internazionale, utilizzati come garanzie in molte transazioni. Minacciare i flussi di cassa federali potrebbe di conseguenza provocare un collasso di dimensioni mondiali.

Ma la politica negli Stati Uniti non è più quella che era un tempo. Il Partito Repubblicano è diventato sia estremista che senza scrupoli; non dimentichiamo che la maggioranza dei congressisti del Partito Repubblicano ha rifiutato di certificare l’elezione del Presidente Biden. E mentre questo partito estremista spensieratamente autorizza miliardi di indebitamento quando detiene la Casa Bianca, esso trasforma il limite del debito in un’arma impropria tutte le volte che un democratico è Presidente.

Durante gli anni di Obama, i repubblicani utilizzarono il limite del debito come ricatto, rifiutando di aumentarlo se il Presidente Barack Obama non avesse concordato su tagli alla spesa – tagli alla spesa che il Partito Repubblicano non sarebbe stato nelle condizioni di far approvare tramite la normale procedura amministrativa, nonostante avesse il controllo parziale del Congresso.

Quello che sta avvenendo adesso è persino peggio. I democratici controllano entrambi i rami del Congresso, ma i repubblicani stanno usando l’ostruzionismo per bloccare un aumento del tetto del debito con sole poche settimane che restano prima di andare a sbattere su un muro e andare in default sui pagamenti – e non stanno neppure facendo richieste specifiche. Semplicemente non intendono condividere la responsabilità di governare. “Non c’è alcuna possibilità che i repubblicani aiutino i democratici ad elevare il limite del debito in modo che essi possano subito dopo far approvare una abbuffata socialista che danneggerà le famiglie ed aiuterà la Cina”, ha dichiarato Mitch McConnell. Se questo vi sembra un miscuglio di parole senza senso, è perché è proprio così.

Implicito a tutto questo c’è il convincimento che gli elettori daranno la colpa a Biden per tutto quello di negativo che accade sotto la sua Presidenza, anche se a provocare deliberatamente che accadano cose negative sono stati i repubblicani.

Dunque cosa ha a che fare questo con le monete di platino? Ebbene, c’è una strana disposizione nella legislazione statunitense che autorizza il Segretario al Tesoro di coniare ed emettere monete di platino in qualsiasi quantità e denominazione egli [2] scelga. Presumibilmente lo scopo di questa disposizione era permettere la creazione di monete per celebare persone o eventi. Ma il testo non lo dice. Dunque, a fonte di ciò, Janet Yellen potrebbe coniare una moneta di platino con un valore nominale di mille miliardi di dollari – e no, ciò non comporterebbe un valore effettivo del platino di mille miliardi – depositarlo presso la Federal Reserve e attingere a quel conto per continuare a pagare le leggi di spesa del Governo senza indebitarsi.

In alternativa, Biden potrebbe semplicemente dichiarare che il 14° Emendamento alla Costituzione, che dice che la validità del debito federale non può essere contestata, rende il tetto del debito meramente teorico.

E ci possono essere altri artifici che non mi vengono in mente.

Approcci del genere comporterebbero fondamentalmente  di utilizzare sciocchi stratagemmi per evitare una catastrofe? È possibile che sia così. Ma data la posta in gioco, chi si preoccupa che l’approccio sembri sciocco?

Utilizzare questi stratagemmi comporterebbe violare lo spirito della legge anche se essi letteralmente sono coerenti con la lettera? Certamente – ma i repubblicani lo stanno già facendo con il loro abuso sul tetto del debito.

Ogni tentativo di usare una scappatoia sul tetto del debito dovrebbe fare i conti con cause nei tribunali? Sì. Ma la procedura legale richiederebbe come minimo il tempo per immaginare una soluzione migliore.

E che dire della politica? Si badi, la ragione per la quale siamo in questa situazione è che i repubblicani hanno scoperto una verità terribile: gli elettori non conoscono e non si curano delle procedure; reagiscono soltanto a come le cose stanno andando. Il Partito Repubblicano crede di poter trarre vantaggio da un chiaro sabotaggio senza veli; i democratici non dovrebbero preoccuparsi di disinnescare quel sabotaggio attraverso qualsiasi stratagemma possano impiegare.

Naturalmente, se l’Amministrazione Biden facesse qualcosa di inconsueto per evitare una crisi del debito, i repubblicani si precipiterebbero ad una feroce propaganda di denuncia della iniziativa. Ma lo faranno in ogni modo! È qua che entra in scena Marco Rubio. Lui di solito veniva considerato un moderato; adesso denuncia un piano di investimenti di medie dimensioni che sembra essere molto popolare come una reincarnazione di Stalin. La manopola della finta indignazione repubblicana [3] è già stata portata al massimo; cosa può succedere di peggio?

Dunque i democratici vadano avanti e facciano tutto quello che serve per sopravvivere anche a questo. Gli stratagemmi a difesa della salute mentale – e, più importante ancora, della democrazia – non sono un vizio.

 

 

 

 

 

[1] L’ironia consiste nel fatto che un aumento della spesa pari all’1,2 per cento del PIL sarebbe, in conclusione, l’effetto delle proposte di Biden.

[2] Nel testo, l’autorità investito di tale potere è espressa al femminile, giacché essa attualmente è, per la prima volta nella storia, una donna, Janet Yellen.

[3] Nel linguaggio comune quando la manopola (“dial”) viene spinta al livello “11” significa che è al massimo volume. L’espressione venne coniata a seguito di un film del 1984 (“This is spinal tap”, “Questo è un prelievo spinale” … che forse è un altro idioma, ma non saprei dargli un significato) nel quale un chitarrista mostra orgogliosamente il suo amplificatore che va da un valore zero ad un valore undici. Da allora viene usata in molti contesti, a conferma della potenza della fiction negli Stati Uniti. Noi diremmo semplicemente “a tavoletta”.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"