Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il genio di Jokowi, di Kishore Mahbubani (da Project Syndicate, 6 ottobre 2021)

 

Oct 6, 2021

The Genius of Jokowi

KISHORE MAHBUBANI

zzz 310

JAKARTA – Bad news travels. Good news doesn’t. When Afghanistan’s government collapsed recently, the whole world watched. But when Indonesia, the most populous Muslim-majority country, produces the world’s most effective democratically elected leader today – President Joko Widodo, popularly known as Jokowi – almost no one outside the archipelago knows the story.

That story is all the more remarkable because Jokowi has succeeded in one of the world’s most difficult countries to govern. Indonesia stretches 5,125 kilometers (3,185 miles) from east to west, making it wider than the continental United States, and consists of 17,508 islands. Moreover, few large countries can match its ethnic diversity. When the Indonesian economy shrank by 13.1% in 1998 as a result of the Asian financial crisis, many pundits predicted that the country would fall apart, like Yugoslavia.

Against this backdrop, Jokowi has done far more than govern competently. He has set new standards of governance that should be the envy of other large democracies.

For starters, Jokowi has bridged Indonesia’s political divides. Almost one year after Joe Biden won the 2020 US presidential election, 78% of Republicans still don’t believe he was elected legitimately. Biden served as a US senator for 36 years, but he cannot heal America’s partisan rifts. By contrast, the presidential candidate and the vice-presidential candidate whom Jokowi defeated in his 2019 re-election – Prabowo Subianto and Sandiaga Uno – are now serving in his cabinet (as defense minister and tourism minister, respectively).

More notably still, Jokowi has reversed the growing momentum of Indonesia’s most “Islamist” parties, partly by being inclusive. Whereas President Jair Bolsonaro has deepened divisions in Brazil, a country similar in population to Indonesia, Jokowi has reunited his country politically. As he told me in a recent interview, “The third pillar of Indonesia’s ideology, Pancasila, emphasizes unity in diversity.” To that end, his skillful coalition-building led to the passage last year of the so-called Omnibus Law, which aims to boost investment and create new jobs.

Jokowi’s personal experience of poverty is key to understanding his achievements. After a successful political career – he was governor of Jakarta before becoming president – he could have naturally drifted into the company of billionaires, as many politicians do. But the poor remain his focus, and it is no surprise that his administration has delivered numerous programs to help them.

In 2016, for example, the government redistributed land to the poor through the formalization of land ownership. It has introduced the Indonesian health card (Kartu Indonesia Sehat) and a new national health insurance scheme, which are aimed at providing universal health care. Likewise, the government launched the Smart Indonesia Card (Kartu Indonesia Pintar) to increase school enrollment and achieve universal education, and administers a cash-transfer program for the poor (Program Keluarga Harapan).

Before Jokowi took office in 2014, Indonesia’s Gini coefficient of wealth inequality had been rising steadily, from 28.6 in 2000 to 40 in 2013. The coefficient subsequently declined to 38.2, its first significant decrease in 15 years. Yet, unlike many leaders who advocate large government programs to help the poor, Jokowi is fiscally prudent. Indonesia’s public debt is low by international standards, at less than 40% of GDP.

At the same time, Jokowi is a staunch capitalist. As a former furniture exporter, he understands well the challenges facing small businesses. He has therefore used his popularity to push through painful measures, like reforming labor laws to allow firms to retrench in hard times and eliminating fuel subsidies.

Jokowi is also committed to infrastructure development. During his presidency, the government has developed bold plans to build highways across Indonesia, from Aceh in the west to Papua in the east. On Sumatra, a 2,000-kilometer stretch of railway is planned from Banda Aceh in the north to Lampung in the south. Other proposed projects include a 1,000-kilometer railway across Sulawesi and the development of long-distance railway lines in Kalimantan.

Meanwhile, Jakarta’s metro train network is developing rapidly, relieving some of the world’s worst traffic congestion. On Java, more than 700 kilometers of toll roads (including the Trans-Java toll road) were built between 2015 and 2018, a feat once considered impossible, given that only 220 kilometers of roads were built on the island in the preceding decade.

Jokowi’s reforms helped to improve Indonesia’s ranking in the World Bank’s Doing Business index from 120th in 2014 to 73rd in 2020. By now, Indonesia should have been enjoying an economic boom, but COVID-19 hit the country hard. Still, Jokowi acted early and decisively to secure 175 million vaccine doses for a population of 270 million. Many of the doses came from China, and Jokowi received a Sinovac jab to show his confidence in Chinese vaccines and send a broader political signal.

But Jokowi has been geopolitically prudent, wisely maintaining good relations with both China and the US as their great-power rivalry gains momentum. He told me that he has encouraged the US to invest more in Indonesia, as China’s investments have been much larger in recent years. Indonesia is participating in many projects tied to China’s Belt and Road Initiative, including the Jakarta-Bandung railway, a tourism special economic zone in Java, the Kayan hydroelectric plant in North Kalimantan, expansion of the Kuala Tanjung port in Sumatra, and development of the Lembeh international airport in Sulawesi.

We live in paradoxical times. Modern social science has equipped us with all the knowledge we need to govern well, yet even some rich democracies are electing con men like Biden’s predecessor, Donald Trump, and UK Prime Minister Boris Johnson. This is why Jokowi’s success merits wider appreciation. The world can learn much from his model of good governance.

 

Il genio di Jokowi,

di Kishore Mahbubani

GIACARTA – Circolano le cattive notizie, non le buone. Quando di recente il Governo dell’Afghanistan è entrato in collasso, in mondo intero è rimasto in guardia. Ma quando l’Indonesia, il paese più popoloso a maggioranza musulmana, mette in scena il più efficace leader democraticamente eletto del mondo – il Presidente Joko Widodo, popolarmente noto come Jokowi – quasi nessuno fuori dall’arcipelago sa di chi si tratti.

Quella storia è anche più rilevante, giacché Jokowi è riuscito a governare in uno dei paesi più difficili del mondo. L’Indonesia si distende per 5.125 chilometri (3.185 miglia) da oriente ad occidente, il che la fa più ampia degli Stati Uniti continentali, e comprende 17.508 isole. Inoltre, pochi ampi paesi possono eguagliare la sua diversità etnica. Quando l’economia indonesiana nel 1998 si restrinse del 13,1% a seguito della crisi finanziaria asiatica, molti commentatori pronosticarono che il paese sarebbe caduto a pezzi, come la Jugoslavia.

Contro questo scenario, Jokowi ha fatto assai di più che governare con competenza. Ha stabilito nuovi standard di governo che dovrebbero provocare l’invidia di altre grandi democrazie.

Per cominciare, Jokowi ha superato le divisioni politiche dell’Indonesia. Quasi un anno dopo della vittoria di Joe Biden nelle elezioni presidenziali statunitensi, il 78% dei repubblicani ancora non credono che sia stato eletto legittimamente. Biden è stato un Senatore statunitense per 36 anni, ma non può superare le fratture dei partiti americani. All’opposto, il candidato presidenziale e il candidato alla vice-Presidenza che Jokowi ha sconfitto nella sua rielezione del 2019 – Prabowo Subianto e Sandiaga Uno – adesso sono impegnati nel suo gabinetto (rispettivamente come Ministro della Difesa e Ministro del Turismo).

Ancora più rilevante, Jokowi ha invertito il crescente slancio dei pertiti più ‘islamisti’ dell’Indonesia, in parte agendo in modo inclusivo. Mentre il Presidente Jair Bolsonaro ha aggravato le divisioni del Brasile, un paese simile all’Indonasia quanto a popolazione, Jokowi ha riunito il suo paese da un punto di vista politico. In un recente intervista mi ha detto: “Il terzo pilastro dell’ideologia dell’Indonesia, il Pancasila, mette l’accento sull’unità nella diversità”. A tale scopo, l’anno passato la sua abile capacità di costruzione delle coalizioni ha portato alla approvazione della cosiddetta Legge Omnibus, che si propone di incoraggiare gli investimenti e di creare nuovi posti di lavoro.

L’esperienza personale del povertà di Jokowi è fondamentale per la comprensione dei suoi risultati. Dopo una carriera politica di successo – è stato Governatore di Giacarta prima di diventare Presidente – egli poteva facilmente transitare nella compagine dei miliardari, come fanno molti politici. Ma i poveri sono rimasti il suo obbiettivo, e non soprprende che la sua Amministrazione abbia dato vita a numerosi programmi per aiutarli.

Nel 2016, ad esempio, il Governo ha redistribuito le terre ai poveri attraverso la formalizzazione della proprietà dei terreni. Ha introdotto la carta sanitaria indonesiana (Kartu Indonesian Sehat) e un nuovo modello di assicurazione sanitaria nazionale, che sono rivolti a fornire una assistenza sanitaria universalistica. In modo analogo, il Governo ha promosso la Carta intelligente indonesiana (Kartu Indonesia Pintar) per accrescere le iscrizioni alle scuole e realizzare l’istruzione per tutti, e gestisce un programma di trasferimento di contanti per i poveri (Program Keuarga Harapan).

Prima che Jokowi entrasse in carica nel 2014, il coefficiente Gini dell’Indonesia sulla ineguaglianza della ricchezza stava crescendo regolarmente, dal 28,6 nel 2000 al 40 nel 2013. Successivamente, il coefficiente è calato al 38,2, la sua prima significativa diminuzione in 15 anni. Tuttavia, diversamente da molti leader che sostengono grandi programmi pubblici per aiutare i poveri, dal punto di vista della finanza pubblica Jokowi è prudente. Per gli standard internazionali, il debito pubblico dell’Indonesia, a meno del 40% del PIL, è basso.

Nello stesso tempo Jokowi è un convinto sostenitore del capitalismo. Con un passato di esportatore di mobili, egli ben comprende le sfide con cui si misurano le piccole imprese. Di conseguenza, egli ha usato la sua popolarità per far approvare misure dolorose, come le leggi di riforma del lavoro per consentire alle imprese di ridurre il personale nei tempi difficili e la eliminazione dei sussidi sui carburanti.

Jokowi è anche impegnato nello sviluppo delle infrastrutture. Durante la sua Presidenza, il Governo ha sviluppato piano coraggiosi per costruire autostrade in tutta l’Indonesia, da Aceh ad occidente a Papua ad oriente. A Sumatra, è programmato un allungamento della ferrovia di 2.000 chilometri da Banda Aceh al nord sino a Lampung a sud. Altri progetti proposti comprendono un ferrovia di 1.000 chilometri attraverso Sulawesi e lo sviluppo di linee ferroviarie di lunga distanza nel Kalimantan [1].

Nel frattempo, la rete metropolitana di Giacarta si sta sviluppando rapidamente, attenuando in parte la peggiore congestione di traffico del mondo. Sull’isola di Giava, sono state costruiti più di 700 chilometri di autostrade a pedaggio (compresa l’autostrada a pedaggio Trans-Giava) tra il 2015 e il 2018, una impresa un tempo considerata impossibile, dato che nel decennio precdente erano stati costruiti sull’isola soltanto 220 chilometri.

Le riforme di Jokowi hanno contribuito a migliorare la posizione in graduatoria dell’Indonesia nell’indice Doing Business della Banca Mondiale, dal 120° post nel 2014 al 73° nel 2020. Al momento, l’Indonesia dovrebbe giovarsi di un boom economico, ma il Covid-19 ha colpito il paese duramente. Anche in questo caso, Jokowi ha agito prontamente e con energia per assicurare 175 milioni di dosi contro una popolazione di 270 milioni. Molte delle dosi provengono dalla Cina e Jokowi ha utilizzato una vaccinazione di Sinovac per dimostrare le sua fiducia nei vaccini cinesi ed inviare un più generale messaggio politico.

Ma da punto di vista geopolitico Jokowi è stato prudente, mantenendo saggiamente buone relazioni sia con la Cina che con gli Stati Uniti, nel mentre la loro rivalità da grandi potenze acquista slancio. Mi ha detto di aver incoraggiato gli Stati Uniti a investire maggiormente in Indonesia, dato che gli investimenti della Cina negli anni recenti sono stati molto più grandi. L’Indonesia sta partecipando a molti progetti collegati all’iniziativa cinese Belt and Road, compresa la ferrovia Giacarta-Bandung, una zona economica speciale di turismo a Giava, l’impianto idroelettrico di Kayan nel Nord Kalimantan, l’ampliamento del porto di Kuala Tanjung a Sumatra e lo sviluppo dell’aeroporto internazionale di Lambeh nel Sulawesi.

Viviamo i tempi paradossali. Le scienze sociali moderne ci hanno attrezzato di tutte le conoscenze di cui abbiamo bisogno per ben governare, tuttavia alcune ricche democrazie hanno eletto impostori come il predecessore di Biden, Donald Trump, e il Primo Ministro del Regno Unito Boris Johnson. Questa è la ragione per la quale il successo di Jakowi merita un apprezzamento più ampio. Il mondo può imparare molto dal suo modello di buon governo.

 

 

 

 

 

[1] Può essere utile riprodurre una cartina dell’Indonesia (tendedo presente che l’arcipelago indonesiano a nord dista circa due mila chilometri dal Vietnam e al Sud circa 1000 chilometri dall’Australia). Utile anche ricordare che l’Indonesia con i suoi 275 milioni di abitanti è il quarto paese più popoloso del mondo, dopo India, Cina e Stati Uniti e prima di Pakistan, Nigeria e Brasile, nonché il paese più popoloso al mondo a maggioranza musulmana.

Delle sue 17.508 isole, le più grandi sono: il Borneo Kalimantan, area centro settentrionale che confina via terra con la Malesia; il Sulawesi, nell’area centrale, ad oriente del Borneo; Sumatra, ad occidente, di fronte alla Malesia ed alla città-Stato di Singapore, dalle quali è separata dallo Stretto di Malacca, una striscia di mare fondamentale negli equilibri commerciali dell’Asia; Giava (con la capitale Giacarta) area centro meridionale; Papua-Nuova Guinea ad oriente. La località di Banda Aceh è all’estremo nord dell’isola di Sumatra, mentre Lampung è all’estremo Sud della stessa isola.

zzz 309

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"