Altri Economisti » Selezione della Settimana

Perché Jerome Powell deve andarsene, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 9 novembre 2021)

 

Nov 9, 2021

Why Jerome Powell Must Go

JOSEPH E. STIGLITZ

Conférence given by Joseph E. Stiglitz Nobel prize in economics / Ecole polytechnique, 16 octobre 2019

NEW YORK – US President Joe Biden faces a critical decision: whom to appoint as chair of the Federal Reserve – arguably the most powerful position in the global economy.

The wrong choice can have grave consequences. Under Alan Greenspan and Ben Bernanke, the Fed failed to regulate the banking system adequately, setting the stage for the worst global economic downturn in 75 years. That crisis and policymakers’ response to it have had far-reaching political consequences, exacerbating inequality and nurturing a lingering sense of grievance in those who lost their houses and jobs.

There are a host of clichés about why the current chair, Jerome Powell, should be reappointed. Doing so would be a demonstration of bipartisanship. It would reinforce the Fed’s credibility. We need a seasoned hand to steer us through the post-pandemic recovery. And so on. I heard all the same arguments 25 years ago when I was chair of the US President’s Council of Economic Advisers and Greenspan was being considered for reappointment. They were enough to convince Bill Clinton, and the country paid a high price for his decision.

Ironically, President Ronald Reagan gave short shrift to these arguments when he effectively fired Paul Volcker in 1987, denying him reappointment after he had tamed inflation. Reagan owed Volcker a great deal, but because he wanted to pursue deregulation, he opted for Greenspan, an acolyte of Ayn Rand.

Economic policymaking requires careful judgment and a recognition of trade-offs. How important is inflation versus jobs and growth? How confident can we be that markets are efficient, stable, fair, and competitive on their own? How concerned should we be about inequality? America’s two main parties have always had markedly different but clearly articulated perspectives on these matters (at least until the Republicans’ descent into populist madness).

To my mind, the Democrats are right to worry more about the consequences of joblessness. The 2008 crisis showed that unfettered markets are neither efficient nor stable. Moreover, we know that marginalized groups have been brought into the economy and wage disparities reduced only when labor markets are tight.

The coming years are likely to test any Fed chair. The United States is already facing tough judgment calls concerning inflation and what to do about it. Are recent price increases mostly hiccups resulting from an unprecedented economic shutdown? How should the Fed think about the African-American employment rate, which still has not recovered to its pre-pandemic levels? Would raising interest rates (and thus unemployment) be a cure worse than the disease?

Equally, while the mispricing of mortgage-backed securities was central to the 2008 meltdown, there is now evidence of an even greater and more pervasive mispricing of assets related to climate change. What should the Fed do about that?

Powell is not the man for the moment. For starters, he supported former President Donald Trump’s deregulatory agenda, risking the world’s financial health. And even now, he is reluctant to address climate risk, even though other central bankers around the world are declaring it the defining issue of the coming decades. Powell would say that climate issues are not included in the Fed’s mandate, but he would be wrong. Part of the Fed’s mandate is to ensure financial stability, and there is no greater threat to that than climate change.

The Fed is also responsible for approving mergers in the financial sector, and Powell’s record suggests that he has never seen a bad one. Such laxity is the last thing the economy needs right now. A glaring lack of competition and the absence of adequate regulation are already allowing for outsize profits, diminishing the supply of finance for small businesses, and providing the dominant players greater scope for taking advantage of others.

Some commentators have given Powell credit for the Fed’s response to the pandemic. But any college sophomore would have known not to tighten monetary policy and raise interest rates during a recession. Moreover, as Simon Johnson of MIT has argued, Powell does not have a deep commitment to full employment. On the contrary, as a member of the Fed Board of Governors for the past decade, Powell has a history of misjudgments in tightening monetary policy dating back to the “taper tantrum” of 2013.

Though many Fed watchers insist that inequality is not the central bank’s business, the fact is that Fed policies have major distributional effects that cannot be ignored. Just as prematurely raising interest rates can choke off growth, weak enforcement of the Community Reinvestment Act allows for deeper concentrations of market power.

Finally, the recent ethics scandal involving market trades by top Fed officials has undermined confidence in the institution’s leadership. Powell’s seeming insensitivity to conflicts of interest has long worried me, including in the management of some of the Fed’s pandemic-response programs. With four years of Trump having already weakened trust in US institutions, there is a real risk that confidence in the Fed’s integrity will be undermined even further. No Fed official should need an ethics officer to decide when certain trades would appear unseemly.

The Fed is in some ways like the US Supreme Court. It’s supposed to be above politics, but at least since Bush v. Gore, we’ve known that’s not true. Trump clarified that for any doubters. The Fed, too, is supposed to be independent, but Powell and Greenspan, as they followed their party’s deregulatory agenda, made clear that that also was not the case. But while the Board makes crucial decisions affecting every aspect of the economy, power historically has been concentrated in the chair – far more so than with the Supreme Court chief justice. It is the Fed chair who decides what to bring to a vote, and which issues to slow-roll or fast-track. The climate issue is just one example of where it absolutely matters who is at the head of the table.

The US needs a Fed that is genuinely committed to ensuring a stable, fair, efficient, and competitive financial sector. Anyone who thinks that we can rely on unfettered markets, or that regulation has already gone too far, is not seeing clearly. We need neither an ideologue like Greenspan nor a Wall Street-minded lawyer like Powell. Rather, we need someone who has a deep understanding of economics, and who shares Biden’s values and concerns about both inflation and employment.

There are undoubtedly many figures who could meet these conditions. But Biden doesn’t have to look far to find someone who has already shown her mettle. Lael Brainard is already on the Board, where she has demonstrated her competence and gained the respect of markets – without compromising her values. Biden can have his cake and eat it: a Fed chair who maintains continuity and won’t roil markets, but shares his economic and social agenda.

 

Perché Jerome Powell deve andarsene,

di Joseph E. Stiglitz

 

NEW YORK – Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden è di fronte ad una decisione fondamentale: chi nominare Presidente della Federal Reserve – probabilmente la carica più potente nell’economia globale.

La scelta sbagliata può avere serie conseguenze. Sotto Alan Greenspan e Ben Bernanke, la Fed fallì nel regolamentare adeguatamente il sistema bancario, preparando la scena per la peggiore recessione dell’economia  globale in 75 anni. Quella crisi e la risposta ad essa delle autorità finanziarie ebbero conseguenze politiche di vasta portata, esacerbando le ineguaglianze e producendo una duratura sensazione di un torto subito in coloro che persero le loro case e i loro posti di lavoro.

Ci sono diffusi luoghi comuni secondo i quali l’attuale Presidente, Jerome Powell, dovrebbe essere rinominato. Farlo sarebbe una dimostrazione di uno spirito non di parte. Rafforzerebbe la credibilità della Fed. Abbiamo bisogno di una mano esperta che ci guidi nella ripresa post pandemica. E così via. Ascoltavo gli stessi argomenti 25 anni fa quando ero Presidente del Comitato dei Consiglieri Economici della Casa Bianca e si stava valutando Greenspan per la rinomina. Essi furono sufficienti a convincere Bill Clinton, una decisione per la quale il paese pagò un prezzo elevato.

Paradossalmente, il Presidente Ronald Reagan aveva trattato in modo sbrigativo questi argomenti al momento in cui  di fatto licenziò Paul Volcker nel 1987, negandogli la rinomina dopo che era stato lui ad riportare sotto controllo l’inflazione. Reagan doveva molto a Volcker, ma dato che voleva perseguire la deregolamentazione, optò per Greenspan, un seguace di Ayn Rand [1].

La direzione delle cose economiche richiede scrupolosa ponderatezza e riconoscimento degli scambi reciproci. Quanto è importante l’inflazione rispetto ai posti di lavoro e alla crescita? Quanta fiducia si può avere che i mercati siano efficienti, stabili, giusti, e al tempo stesso competitivi? Quanta preoccupazione dovremmo avere dell’ineguaglianza? I due principali partiti americani hanno sempre avuto prospettive significativamente diverse ma chiaramente articolate su queste materie (almeno fino alla china dei repubblicani nella follia populista).

Secondo la mia opinione, i democratici hanno ragione a preoccuparsi di più delle conseguenze della mancanza di posti di lavoro. La crisi del 2008 ha dimostrato che mercati privi di ogni limite non sono né efficienti né stabili. Inoltre, sappiamo che l’economia ha prodotto la marginalizzazione di gruppi sociali e che le disparità salariali si sono ridotte solo quando i mercati del lavoro sono stati rigidi.

Gli anni a venire probabilmente metteranno alla prova ogni Presidente della Fed. Gli Stati Uniti sono già di fronte a dure decisioni che riguardano l’inflazione e quello che fare per essa. I recenti aumenti dei prezzi sono soprattutto intralci che provengono da un arresto dell’economia senza precedenti? Cosa dovrebbe pensare la Fed del tasso di occupazione degli afroamericani, che ancora non si è ripreso verso i suoi livelli prepandemici? Alzare i tassi di interesse (e quindi la disoccupazione), sarebbe una cura peggiore della malattia?

Allo stesso modo, mentre la errata definizione dei prezzi dei titoli garantiti da mutui ipotecari fu decisiva nel disastro del 2008, adesso ci sono le prove di una persino più grande e pervasiva cattiva valutazione degli asset connessi al cambiamento climatico. Cosa dovrebbe fare la Fed su questo?

Powell non è l’uomo per questa stagione. Per cominciare, egli appoggiò la agenda della deregolamentazione del passato Presidente Donald Reagan, mettendo a rischio la salute finanziaria del mondo. E persino adesso, è riluttante ad affrontare il rischio climatico, anche se altri banchieri centrali in tutto il mondo lo stanno dichiarando il problema distintivo dei prossimi decenni. Powell direbbe che i problemi del clima non sono compresi nel mandato della Fed, ma avrebbe torto. Una parte del mandato della Fed consiste nell’assicurare le stabilità finanziaria, e non c’è minaccia più grande a ciò del cambiamento climatico.

La Fed è anche responsabile della approvazione delle fusioni nel settore finanziario, e le prestazioni di Powell indicano che egli non ne ha mai riconosciuto nessuna come cattiva.  Tale lassismo è l’ultima cosa di cui l’economia ha bisogno in questo momento. Una macroscopica mancanza di competizione e l’assenza di una adeguata regolamentazione stanno già permettendo profitti fuori misura, diminuendo l’offerta di finanziamenti per le piccole imprese e fornendo agli attori dominanti margini maggiori per avvantaggiarsi sugli altri.

Alcuni commentatori hanno dato a Powell il merito per la risposta della Fed alla pandemia. Ma ogni studente del secondo anno di università sarebbe stato capace di non restringere la politica monetaria e di non aumentare i tassi di interesse durante una recessione. Inoltre, come ha sostenuto Simon Johnson del MIT, Powell non ha un impegno profondo sulla piena occupazione. Al contrario, come membro nel decennio passato del Comitato dei Governatori della Fed, Powell ha una storia di giudizi sbagliati nella restrizione della politica monetaria, a cominciare dal “panico eccessivo” [2] del 2013.

Sebbene molti osservatori della Fed insistano che l’ineguaglianza non è una faccenda centrale per la banca centrale, il fatto è che le politiche della Fed hanno importanti effetti distributivi che non possono essere ignorati. Proprio come un innalzamento prematuro dei tassi di interesse può soffocare la crescita, una debole messa in atto della Legge sul Reinvestimento di Comunità [3] consente la maggiore concentrazione del potere di mercato.

Infine, il recente scandalo morale che investe scambi di mercato da parte di massimi dirigenti della Fed [4] ha minato la fiducia nella guida della Fed La apparente insensibilità di Powell ai conflitti di interesse è un aspetto che mi preoccupa da tempo, compresa la gestione dei programmi in risposta alla pandemia della Fed. Con i quattro anni di Trump che hanno già indebolito la fiducia nelle istituzioni statunitensi, c’è il rischio reale che la fiducia nella integrità della Fed sia messa a repentaglio persino ulteriormente. Nessun dirigente della Fed dovrebbe aver bisogno che un funzionario addetto alle regole morali decida quando certi scambi appaiono inopportuni.

Il qualche modo la Fed è come la Corte Suprema. Si supponeva che quest’ultima fosse sopra la politica, ma almeno dalla sentenza Bush contro Gore, sappiamo che non è vero. Trump lo ha chiarito a tutti coloro che avevano dubbi. Anche la Fed si suppone che sia indipendente, ma Powell e Greenspan, quando hanno seguito il programma di deregolamentazioni del loro partito, hanno reso evidente che anche quello non era il caso. Ma mentre il Comitato [dei Governatori] prende decisioni che influenzano ogni aspetto dell’economia, storicamente il potere è stato concentrato nella Presidenza – assai più di quando accada con il Presidente della Corte Suprema. È il Presidente della Fed che decide cosa mettere ai voti, e su quali temi rallentare o dare una corsia preferenziale. Il tema del clima è solo un esempio di quanto sia assolutamente importante chi presiede il tavolo.

Gli Stati Uniti hanno bisogno di una Fed che sia genuinamente impegnata a garantire uno stabile, giusto, efficiente e competitivo settore finanziario. Chiunque pensi che possiamo affidarci a mercati privi di condizionamenti, o che i regolamenti siano già andati troppo oltre, non vede le cose lucidamente. Non abbiamo bisogno né di un ideologo come Greenspan né di un legale con una mentalità da Wall Street come Powell. Piuttosto, abbiamo bisogno di qualcuno che abbia una comprensione profonda dell’economia, e che condivida i valori e le preoccupazioni di Biden sia sull’inflazione che sull’occupazione.

Ci sono indubbiamente molte persone che potrebbero soddisfare queste condizioni. Ma Biden non ha bisogno di cercare lontano per trovare qualcuno che abbia già mostrato la sua tempra. Lael Brainard [5] è già nel comitato, dove ha mostrato la sua competenza e si è guadagnata il rispetto dei mercati – senza compromettere i suoi valori. Biden può avere la soluzione ideale a portata di mano: una Presidente della Fed che mantenga la continuità e non irriti i mercati, ma condivida i suoi progetti economici e sociali.

 

 

 

 

 

[1] Scrittrice e filosofa americana di origini russe, considerata la capostipite del ‘libertarianismo’, ovvero di un pensiero singolarmente all’incrocio tra l’esaltazione del capitalismo e una sorta di anarchismo. Molto amata dalla destra americana per il suo libro “La rivolta di Atlante”, la storia di un capitalista-ingegnere-inventore che aveva deciso di costruire una sorta di novella Atlantide nella quale andarono ad abitare personaggi analoghi in rivolta contro il burocratismo. La Rand era attiva sin dai primi decenni del secolo, ma il libro venne pubblicato nel 1957.

[2] Nel 2013 Presidente della Fed era Ben Bernanke, ma Powell era membro del Comitato dei Governatori. Il “taper tantrum” – ovvero la perdita di controllo, lo scatto emotivo (“tantrum”) con obbiettivi restrittivi (“taper”) – consistette nella decisione di cominciare a ridurre lo stimolo monetario, che però provocò uno scatto dei tassi di interesse con conseguenze così serie sui mercati che costrinse ad una clamorosa marcia indietro.

[3] È una legge americana del 1977, che prevede misure particolari per favorire interventi delle banche commerciali e delle associazioni di risparmio a favore di tutti i segmenti delle comunità che hanno bisogno di credito, come i residenti dei quartieri con redditi più bassi. La legge venne approvata per contrastare il fenomeno definito del “redlining”, che storicamente discriminava ‘apriori’ i residenti dei quartieri più poveri e le minoranze. Ovviamente, il rispetto della legge avrebbe dovuto essere sorvegliato e incentivato dalla banca centrale.

[4] Le notizie su questo scandalo sono apparse il mese scorso. In pratica sono derivate da una certa quantità di acquisti e vendite di titoli da parte di dirigenti della Fed, considerati evidentemente anomali. La dirigenza della Fed è apparsa piuttosto reticente, al punto che la Senatrice Warren ha chiesto a Powell tutta la documentazione relativa.

[5] Lael Brainard (Amburgo1º gennaio 1962) è un’economista statunitense, membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve, dove ricopre il ruolo di governatore amministrativo e presidente dei comitati sulla stabilità finanziaria, affari comunitari e pagamenti, compensazione e liquidazioni. In precedenza è stata sottosegretaria al Tesoro per gli affari internazionali degli Stati Uniti e consigliere del segretario del Tesoro dal 2009 al 2013.

In questi ultimi incarichi venne nominata da Barack Obama. In queste settimane si sono già espressi, prima di Stiglitz, vari altri economisti a favore della sua nomina alla Presidenza della Fed: Bradford DeLong (in un articolo qua tradotto) e Simon Johnson. Alcune volte, in passato Krugman aveva citato con interesse le prese di posizione della Brainard.

zzz 282

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"