Altri Economisti » Selezione della Settimana

Una soluzione d’avanguardia del Brasile alla scarsità dei vaccini, di Joseph E. Stiglitz, Achal Prabhala, Felipe Carvalho (da Project Syndicate, 2 dicembre 2021)

 

Dec 2, 2021

Brazil’s Pioneering Solution to Vaccine Shortages

JOSEPH E. STIGLITZACHAL PRABHALAFELIPE CARVALHO

zz 378  zzz 374   zzz 375

 

 

 

NEW YORK – The World Trade Organization was supposed to meet this week to consider a proposal that has been languishing for the past year: a temporary waiver of pharmaceutical intellectual property during the pandemic to allow poor countries to make many of the same tests, treatments, and vaccines that rich countries have had throughout the pandemic. Yet, in a cruel reminder of the urgency of the problem, the WTO meeting was postponed, owing to the emergence of the Omicron variant, detected by scientists in South Africa (though precisely where it originated remains unclear ).

There is near-unanimous agreement that vaccinating the entire world is the only way to end the pandemic. The higher the vaccination rate, the fewer chances the virus will have to acquire dangerous mutations. Before quickly becoming the leading global variant, Delta was first detected in India, where under 3% of the population had been vaccinated. Today, Africa has the world’s lowest vaccination rates, with only 7% of Africans having been fully vaccinated.

There is a simple reason why poorer countries don’t have enough vaccines: there aren’t enough doses to go around. Donations haven’t solved the problem, because no country has surplus vaccines in the multiple billions that are needed. Philanthropy, too, has fallen short. The COVID-19 Vaccine Global Access (COVAX) facility, an international consortium that promised to send two billion vaccine doses to poor countries by the end of 2021, has shipped only 25% of that amount.

The world is not making as many vaccines as it could. Every firm in every country that has the capacity to make vaccines should be doing so. Yet after paying Moderna, Johnson & Johnson, and Pfizer/BioNTech to develop their vaccines, the US and German governments are unwilling to require these companies to share their technology with manufacturers in other countries.

Unless these governments change their position, the companies will continue to exploit the lucrative monopoly power granted to them by the WTO’s Agreement on Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights (TRIPS), which was created when the organization was formed in 1995. According to WTO Director-General Ngozi Okonjo-Iweala, the proposal for a TRIPS waiver is “stuck.” Though the number of rich countries opposing it has dwindled, there is still enough opposition to thwart a solution.

But while the WTO dithers, Brazil has taken matters into its own hands, giving us the closest thing we have to a way out of this crisis. In April, Brazilian Senator Paulo Paim proposed a bill that would allow the country to bypass the barriers erected by TRIPS. The legislation seizes on the fact that, as the trade law scholar Frederick Abbott explained to us, “Article 73 of the TRIPS agreement, covering the protection of security interests, already provides each government with the authority to take whatever action it considers necessary to address the COVID-19 pandemic, including suspending intellectual-property rights.”

If this option is already available, why are so many countries still waiting around for the WTO to grant them formal permission? The answer is that ever since the WTO’s creation, rich countries have punished developing countries for doing what they are entitled to do under the organization’s own rules. When South Africa, Brazil, India, and Thailand sought to override monopolies on unaffordable anti-retroviral drugs during the HIV/AIDS crisis, the United States and the European Union put them on trial – sometimes literally. This history has created a chilling effect.

The current waiver proposal, therefore, would operate like a promise from the big kids not to bully the others during recess. Brazil’s response represents another option: the bullying victims can take control of their own circumstances. The new legislation attracted support from across the political spectrum, passing both the Brazilian House and Senate with large majorities. Among other things, the bill sought to establish a permanent provision for overriding IP monopolies on essential technologies needed to address health emergencies (beginning with the COVID-19 pandemic). And it would provide for the transfer of vaccine know-how – something like a manufacturing instruction manual – to alternative pharmaceutical manufacturers.

In September, Brazilian President Jair Bolsonaro signed the bill into law, but not before using his veto powers to remove or revise crucial clauses, including those specifying when and how the law would come into effect, and those requiring pharmaceutical companies to share their know-how, data, and biological material. One month later, the Brazilian Senate recommended charging Bolsonaro with “crimes against humanity” for causing unnecessary loss of life in the pandemic. But the charges did not include his mangling of the IP bill – an act that could lead to even more unnecessary loss of life.

The law returned to the Senate, which can override Bolsonaro’s vetoes. But the Senate missed its deadline for rectifying the legislation, and then failed to set another. It now must move quickly to eliminate the uncertainty created by Bolsonaro’s cuts, as well as withstand resistance by pharmaceutical-industry associations from the US and Europe, whose leaders tried to kill the bill, even threatening to cut off vaccine supplies if Brazil followed through.

Brazilian lawmakers must keep their eyes on the prize. They have drafted a law that would dismantle the pharmaceutical monopolies that are blocking a solution to the pandemic. There is a lesson here for everyone – both those asking the WTO for a waiver and those opposing it. As goes Brazil, so will go others. As for the world’s richest countries and the institutions beholden to them, it remains to be seen how much of their credibility they are willing to sacrifice in the service of enabling pharmaceutical companies to enjoy their monopoly profits just a bit longer.

We are fighting a war on two fronts: one against COVID-19, the other against the pharmaceutical companies whose profits depend on high prices and restricted output. Sooner or later, we will realize, as Brazil already has, that we cannot prevail on the first front without winning on the second.

 

Una soluzione d’avanguardia del Brasile alla scarsità dei vaccini,

di Joseph E. Stiglitz, Achal Prabhala, Felipe Carvalho

 

NEW YORK – Si supponeva che questa settimana l’Organizzazione  Mondiale del Commercio accogliesse di prendere in esame una proposta che sta languendo dall’anno passato: una temporanea rinuncia alla proprietà intellettuale sui farmaci durante la pandemia per consentire ai paesi poveri di fare gli stessi test, gli stessi trattamenti e gli stessi vaccini che i paesi ricchi hanno fatto durante la pandemia. Tuttavia, quasi come un crudele promemoria del problema, l’incontro della WTO è stato rinviato, a seguito della comparsa della variante Omicron, scoperta dagli scienziati nel Sudafrica (sebbene dove sia stata precisamente originata resta non chiaro).

C’è un consenso quasi unanime che vaccinare il mondo intero sia l’unico modo per porre fine alla pandemia. Più alto sarà il tasso di vaccinazione, minori possibilità avrà il virus di acquisire pericolose mutazioni. Prima di divenire rapidamente la variante globale principale, la Delta era stata i primo luogo scoperta in India, dove meno del 3% della popolazione era stato vaccinato. Oggi l’Africa ha i più bassi tassi di vaccinazione del mondo, con solo il 7% degli africani che sono stati pienamente vaccinati.

C’è una ragione semplice per la quale i paesi più poveri non hanno abbastanza vaccini: non ci sono abbastanza dosi in circolazione. Le donazioni non hanno risolto il problema, perché nessun paese ha surplus di vaccini tra i vari miliardi che sono necessari. Anche la filantropia non è stata all’altezza. La struttura per l’Accesso Globale al Vaccino per il Covid-19 (COVAX), un consorzio internazionale che aveva promesso di spedire ai paesi poveri due miliardi di dosi per la fine del 2021, ha inviato solo il 25% di quella quantità.

Il mondo non sta facendo i vaccini che potrebbe. Ogni impresa in ogni paese che ha la capacità di fare vaccini dovrebbe farli. Tuttavia, dopo aver compensato Moderna, Johnson&Johnson e Pfizer/BioNTech per sviluppare i loro vaccini, i Governi statunitense e tedesco non sono disponibili a richiedere a queste società di condividere la loro tecnologia con le imprese manifatturiere in altri paesi.

A meno che questi Governi non cambino posizione, le società continueranno a sfruttare il loro redditizio potere di monopolio che è loro garantito dall’Accordo sugli Aspetti Connessi con il Commercio dei Diritti della Proprietà Intellettuale (TRIPS) della WTO, che venne stabilito quando l’organizzazione venne creata nel 1995. Secondo il Direttore Generale della WTO Ngozi Okonjo-Iweala, la proposta per una rinuncia al TRIPS è “bloccata”. Sebbene il numero dei paesi ricchi che si oppongono si sia ridotto, c’è abbastanza opposizione per impedire una soluzione.

Ma mentre la WTO tergiversa, il Brasile ha preso la faccenda nelle sue mani, dandoci la via d’uscita più vicina ad una soluzione di questa crisi. In aprile, il Senatore brasiliano  Paulo Paim [1] ha avanzato una proposta di legge che consentirebbe al paese di superare le barriere erette dal TRIPS. La legge sfrutta il fatto che, come lo studioso di diritto commerciale Frederik Abbott ci ha spiegato, “L’articolo 23 dell’accordo del TRIPS, che riguarda la protezione degli interessi di sicurezza nazionale, già fornisce ad ogni Governo l’autorità per assumere qualsiasi iniziativa consideri necessaria per affrontare la pandemia del Covid-19,  compresa la sospensione dei diritti di proprietà intellettuale”.

Se questa possibilità è già disponibile, perché tanti paesi stanno ancora aspettando che la WTO conceda loro l’autorizzazione formale? La risposta è che dalla creazione della WTO, i paesi ricchi hanno punito i paesi in via di sviluppo per aver fatto quello che sono autorizzati a fare sotto le stesse regole dell’organizzazione. Quando il Sudafrica, il Brasile, l’India e la Thailandia cercarono, durante la crisi dello HIV/AIDS,  di scavalcare i monopoli  a proposito di insostenibili farmaci retro virali, gli Stati Uniti e l’Unione Europea li portarono a processo – in alcuni casi letteralmente. Questa storia ha provocato un effetto spaventoso.

La proposta attuale di una rinuncia, di conseguenza, funzionerebbe come una promessa da parte dei più forti di non intimidire gli altri durante il recesso. La risposta del Brasile rappresenta una possibilità diversa: le vittime dell’intimidazione possono prendere il controllo delle loro stesse condizioni. La nuova legge ha ottenuto il sostegno da parte dell’intero spettro della politica, con le approvazioni a larga maggioranza della Camera e del Senato brasiliani. Tra le altre cose, la proposta di legge ha cercato di istituire una disposizione permanente per prevalere sui diritti di proprietà intellettuale dei monopoli su essenziali tecnologie necessarie per affrontare emergenze sanitarie (a partire dalla pandemia del Covid-19). Ed essa fornirebbe le conoscenze necessarie per il trasferimento del vaccino – un sorta di manuale di istruzioni manifatturiere – a produttori farmaceutici alternativi.

Nel settembre, il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha firmato la conversione in legge della proposta, ma non prima di aver utilizzato i suoi poteri di veto per cancellare o modificare clausole fondamentali, comprese quelle relative ai tempi ed ai modi nei quali la legge entrerà in funzione, e quelle relative alla richiesta alle società farmaceutiche della condivisione del loro know-how, dei loro dati e del materiale biologico. Un mese dopo, il Senato brasiliano ha proposto di accusare Bolsonaro di “crimini contro l’umanità” per aver provocato una perdita evitabile di vite umane durante la pandemia.  Ma le accuse non comprendono il suo travisamento della proposta di legge sulla proprietà intellettuale – una iniziativa che potrebbe portare ad una perdita evitabile persino maggiore di vite umane.

La legge è tornata al Senato, che ha il potere di superare i veti di Bolsonaro. Ma il Senato ha mancato la scadenza per la rettifica della legge, e quindi non è riuscito a disporne un’altra. Adesso esso deve agire rapidamente per eliminare l’incertezza determinata dai tagli di Bolsonaro, nel mentre fa fronte alla resistenza da parte delle associazioni delle industrie farmaceutiche degli Stati Uniti e dell’Europa,  cui dirigenti hanno cercato di liquidare la legge, persino minacciando di tagliare le offerte di vaccini se il Brasile la portasse a termine.

I legislatori brasiliani devono fare attenzione alla posta in gioco. Essi hanno predisposto una legge che smantellerebbe i monopoli farmaceutici che stanno bloccando una soluzione alla pandemia. In questo c’è un lezione per tutti – sia per coloro che chiedono alla WTO una rinuncia che per coloro che si oppongono. Dove andrà il Brasile, andranno anche gli altri. Come nel caso dei paesi più ricchi del mondo e delle istituzioni che li osservano, resta da vedere quanta della loro credibilità sono disponibili a sacrificare allo scopo di consentire alle società farmaceutiche di godere dei loro profitti di monopolio solo per un po’ di tempo in più.

Stiamo combattendo una guerra su due fronti: uno contro il Covid-19. L’altro contro le società farmaceutiche i cui profitti dipendono dagli alti prezzi e da una produzione limitata. Prima o poi comprenderemo, come il Brasile ha già compreso, che non possiamo prevalere sul primo fronte se non vinciamo anche sul secondo.

 

 

 

 

 

 

[1] Paulo Paim è Senatore dello Stato brasiliano del Rio Grande del Sud, ex operaio metalmeccanico e membro del Partito dei Lavoratori – il Partito di Ignacio Lula e di Dilma Roussef. Si è distinto in questi anni segnati dal Governo di Bolsonaro per alcune leggi di grande impatto sociale, come quella sui diritti della popolazione più anziana e quella relativa all’aumento del salario minimo dei lavoratori. Prima di diventare Senatore, è stato Vice Presidente della Centrale Unica  dei Lavoratori.

zzz 373

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"