Altri Economisti » Selezione della Settimana

Porre fine alla guerra di logoramento in Ucraina, di Jeffrey D. Sachs (da Project Syndicate, 10 maggio 2022)

 

May 10, 2022

Ending the War of Attrition in Ukraine

JEFFREY D. SACHS

zzz 161

NEW YORK – Wars often erupt and persist because of the two sides’ miscalculations regarding their relative power. In the case of Ukraine, Russia blundered badly by underestimating the resolve of Ukrainians to fight and the effectiveness of NATO-supplied weaponry. Yet Ukraine and NATO are also overestimating their capacity to defeat Russia on the battlefield. The result is a war of attrition that each side believes it will win, but that both sides will lose. Ukraine should intensify the search for a negotiated peace of the type that was on the table in late March, but which it then abandoned following evidence of Russian atrocities in Bucha – and perhaps owing to changing perceptions of its military prospects.

  1. EconomicsThe peace terms under discussion in late March called for Ukraine’s neutrality, backed by security guarantees and a timeline to address contentious issues such as the status of Crimea and the Donbas. Russian and Ukrainian negotiators stated that there was progressin the negotiations, as did the Turkish mediators. The negotiations then collapsed after the reports from Bucha, with Ukraine’s negotiator stating that, “Ukrainian society is now much more negative about any negotiation concept that concerns the Russian Federation.”

But the case for negotiations remains urgent and overwhelming. The alternative is not Ukraine’s victory but a devastating war of attrition. To reach an agreement, both sides need to recalibrate their expectations.

When Russia attacked Ukraine, it clearly expected a quick and easy victory. Russia vastly underestimated the upgrading of the Ukraine military following years of US, British, and other military support and training since 2014. Moreover, Russia underestimated the extent to which NATO military technology would counter Russia’s greater number of troops. No doubt, Russia’s greatest error was to assume that the Ukrainians would not fight – or perhaps even switch sides.

Yet now Ukraine and its Western supporters are overestimating the chances of defeating Russia on the battlefield. The idea that the Russian army is about to collapse is wishful thinking. Russia has the military capacity to destroy Ukrainian infrastructure (such as the rail lines now under attack) and to win and hold territory in the Donbas region and on the Black Sea coast. Ukrainians are fighting resolutely, but it is highly unlikely that they can force a Russian defeat.

Nor can Western financial sanctions, which are far less sweeping and effective than the governments that imposed them acknowledge. US sanctions against Venezuela, Iran, North Korea, and others have not changed the politics of those regimes, and the sanctions against Russia are already falling far short of the hype with which they were introduced. Excluding Russian banks from the SWIFT international payments system was not the “nuclear option” that many claimed. According to the International Monetary Fund, Russia’s economy will contract by around 8.5% in 2022 – bad but hardly catastrophic.

Moreover, the sanctions are creating serious economic consequences for the United States and especially Europe. US inflation is at a 40-year high and is likely to persist because of the trillions of dollars of liquidity that had been created by the Federal Reserve in recent years. At the same time, the US and European economies are slowing, perhaps even contracting, as supply-chain disruptions proliferate.

US President Joe Biden’s domestic political position is weak and likely to weaken further as economic difficulties mount in the coming months. Public support for the war will also likely diminish as the economy sours. The Republican Party is split over the war, with the Trump faction not much interested in confronting Russia over Ukraine. The Democrats, too, will increasingly resent the stagflation that is likely to cost the party its majority in one or both houses of Congress in the November midterm elections.

The adverse economic fallout from the war and sanctions regime will also reach dire proportions in dozens of developing countries that depend on food and energy imports. Economic dislocations in these countries will lead to urgent calls worldwide to end the war and sanctions regime.

In the meantime, Ukraine continues to suffer grievously in terms of deaths, dislocation, and destruction. The IMF now forecasts a 35% contraction of Ukraine’s economy in 2022, reflecting the brutal destruction of housing, factories, rail stock, energy storage and transmission capacity, and other vital infrastructure.

Most dangerous of all, as long as the war continues, the risk of nuclear escalation is real. If Russia’s conventional forces were actually to be pushed toward defeat, as the US is now seeking, Russia might well counter with tactical nuclear weapons. A US or Russian aircraft could be shot down by the other side as they scramble over the Black Sea, which in turn could lead to direct military conflict. Media reports that the US has covert forces on the ground, and the US intelligence that it helped Ukraine kill Russian generals and sink Russia’s Black Sea flagship, underscore the danger.

The reality of the nuclear threat means that both sides should never forgo the possibility of negotiations. That is the central lesson of the Cuban Missile Crisis, which took place 60 years ago this coming October. President John F. Kennedy saved the world then by negotiating an end to the crisis – agreeing that the US would never again invade Cuba and that the US would remove its missiles from Turkey in exchange for the withdrawal of the Soviet missiles from Cuba. That was not giving in to Soviet nuclear blackmail. That was Kennedy wisely avoiding Armageddon.

It is still possible to establish peace in Ukraine based on the parameters that were on the table at the end of March: neutrality, security guarantees, a framework for addressing Crimea and the Donbas, and Russian withdrawal. This remains the only realistic and safe course for Ukraine, Russia, and the world. The world would rally to such an agreement, and, for its own survival and well-being, so should Ukraine.

 

Porre fine alla guerra di logoramento in Ucraina,

di Jeffrey D. Sachs

 

NEW YORK – Spesso la guerra scoppia e persiste per gli errori di calcolo dei due schieramenti sulla loro relativa potenza. Nel caso dell’Ucraina, la Russia ha preso un clamoroso abbaglio sottostimando la risoluzione degli ucraini a combattere e l’efficacia degli armamenti messi a disposizione dalla NATO. Tuttavia anche l’Ucraina e la NATO stanno sopravvalutando la loro capacità di sconfiggere la Russia sul campo di battaglia. Il risultato è una guerra di logoramento che ciascuno schieramento crede di poter vincere, ma che perderanno entrambi. L’Ucraina dovrebbe intensificare la ricerca di una pace negoziata del tipo di quella che era sul tavolo alla fine di marzo, ma che abbandonò a seguito delle prove sulle atrocità russe a Bucha – e forse a seguito di percezioni mutate sulle sue prospettive militari.

I termini della pace in discussione alla fine di marzo prevedevano la neutralità dell’Ucraina, sostenuta da garanzie di sicurezza e in sequenza dall’affrontare i temi controversi dello status della Crimea e del Donbass. I negoziatori russi e ucraini affermavano che c’era un progresso nei negoziati, nello stesso modo dei mediatori turchi. I negoziati poi crollarono dopo i resoconti di Bucha, con il negoziatore ucraino che dichiarò: “La società ucraina è adesso molto più ostile a qualsiasi idea di negoziato che riguardi la Federazione Russa”.

Ma l’argomento a favore dei negoziati resta urgente e assolutamente prevalente. L’alternativa non è la vittoria dell’Ucraina ma una devastante guerra di logoramento. Per raggiungere un accordo, entrambe le parti hanno bisogno di ridimensionare le loro aspettative.

Quando la Russia ha attaccato l’Ucraina, chiaramente si aspettava una vittoria rapida e facile. La Russia sottostimava enormemente il potenziamento delle forze armate ucraine a seguito di anni di sostegno e di addestramento militare degli Stati Uniti, del Regno Unito e di altri, a partire dal 2014. Inoltre, la Russia sottovalutava la misura nella quale la tecnologia militare della NATO  avrebbe contrastato il più grande numero di truppe della Russia. Senza dubbio, il più grande errore della Russia è stato considerare che gli ucraini non avrebbero combattuto – o forse persino sarebbero passati dalla parte avversa.

Tuttavia, adesso l’Ucraina e i sostenitori occidentali stano sopravvalutando le possibilità di sconfiggere la Russia sul campo di battaglia. L’idea che l’esercito russo sia prossimo al collasso è mero ottimismo. La Russia ha la capacità militare di distruggere le infrastrutture ucraine (come le linee ferroviarie adesso sotto attacco) e di guadagnare e mantenere territorio nella regione del Donbass e sula costa del Mar Nero. Gli ucraini stanno combattendo risolutamente, ma è altamente improbabile che essi possano costringere i russi ad una sconfitta.

Neppure lo possono le sanzioni occidentali, che sono assai meno indiscriminate ed efficaci di quanto riconoscano i Governi che le hanno imposte. Le sanzioni contro il Venezuela, l’Iran, la Corea del Nord ed altri non hanno cambiato la politica di quei regimi, e le sanzioni contro la Russia non sono neanche esse all’altezza del clamore con cui sono state presentate. L’esclusione della banche russe da sistema dei pagamenti internazionale SWIFT non è stata l’ “opzione nucleare” che molti sostenevano. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, l’economia russa nel 2022 si è contratta dell’8,5% – una dato negativo ma certo non catastrofico.

Inoltre, e sanzioni stanno determinando serie conseguenze economiche per gli Stati Uniti e particolarmente per l’Europa. L’inflazione statunitense è al suo livello più alto da 40 anni ed è probabile che persista a causa delle migliaia di miliardi di dollari di liquidità che sono stati creati dalla Federal Reserve negli anni recenti. Nello stesso tempo, le economie statunitense ed europee stanno rallentando, forse persino contraendosi, nel mentre proliferano i ritardi nelle catene dell’offerta.

La posizione politica interna del Presidente statunitense Joe Biden è debole ed è probabile si indebolisca ulteriormente con le difficoltà in aumento nei mesi futuri. Anche il sostegno pubblico alla guerra è probabile diminuisca con i guasti dell’economia. Il Partito Repubblicano è spaccato sulla guerra, con la fazione di Trump che non è granché interessata ad una scontro con la Russia sull’Ucraina. Anche i democratici risentiranno in modo crescente della stagflazione che è probabile costi al partito  la maggioranza in uno o in entrambi i rami del Congresso nelle elezioni di medio termine di novembre.

Le conseguenze economiche negative della guerra e del regime delle sanzioni arriveranno anche a proporzioni terribili in dozzine di paesi in via di sviluppo che dipendono dalle importazioni di generi alimentari e di energia. Gli sconvolgimenti economici in questi paesi porteranno su scala mondiale a urgenti richieste di metter fine alla guerra e al regime delle sanzioni.

Nel frattempo, l’Ucraina continua a patire atrocemente in termini di morti, di sconvolgimenti e di distruzioni. Il FMI prevede adesso una contrazione del 35% dell’economia ucraina nel 2022, in conseguenze della brutale distruzione degli alloggi, delle fabbriche, del patrimonio ferroviario, delle potenzialità di immagazzinamento e trasmissione dell’energia, e di altre infrastrutture vitali.

Più pericoloso di tutto, il rischio di una scalata nucleare è reale, finché continua la guerra. Se le forze convenzionali della Russia fossero effettivamente spinte verso la sconfitta, come gli Stati Uniti stanno adesso cercando di ottenere, la Russia potrebbe certamente contrastarla con l’armamento tattico nucleare. Un aereo statunitense o russo potrebbe essere abbattuto dallo schieramento avverso mentre essi partecipano alla mischia sul Mar Nero, il che a sua volta porterebbe ad uno scontro militare diretto. I media offrono resoconti secondo i quali gli Stati Uniti hanno sul terreno forze ‘coperte’, e le rivelazioni della comunità dell’intelligence statunitense di aver aiutato l’Ucraina ad uccidere generali russi e ad affondare la nave ammiraglia della Russia sul Mar Nero, mettono in evidenza il rischio.

La realtà della minaccia nucleare comporta che entrambi gli schieramenti non dovrebbero mai fare a meno di negoziazioni. È quella la lezione centrale della ‘crisi dei missili’ cubana, dalla quale il prossimo ottobre saranno passati 60 anni. Il Presidente John F. Kennedy allora salvò il mondo negoziando una fine della crisi – concordando che gli Stati Uniti non avrebbero mai invaso Cuba e che gli Stati Uniti avrebbero rimosso i propri missili dalla Turchia in cambio del ritiro dei missili sovietici da Cuba. Quella non fu una capitolazione al ricatto nucleare sovietico. Fu Kennedy che con saggezza evitò l’Armageddon.

È ancora possibile concordare una pace in Ucraina basandosi sui parametri che erano sul tavolo alla fine di marzo: neutralità, garanzie di sicurezza, uno schema di soluzione per la Crimea e il Donbass e il ritiro russo. Questo resta l’unico indirizzo realistico e sicuro per l’Ucraina, la Russia e il mondo. Ad un tale accordo il mondo intero darebbe il suo consenso e, per la sua stessa sopravvivenza per il suo benessere, altrettanto dovrebbe fare l’Ucraina.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"