Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il Re è morto. Lunga vita al Re. Di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 12 luglio 2022)

 

Tuesday, 12 July 2022

The King is Dead. Long Live the King.

 Simon Wren-Lewis

zzz 88

In 2020 the US ended Trump’s presidency at the ballot box, and last week Conservative ministers and MPs finally forced Johnson to say he would go. It is natural that the fall of both should be celebrated, because both brought hitherto unimaginable degradation to their office. Trump and Johnson came from very different backgrounds, and operated within very different constitutional systems, but they had very similar character flaws that meant they were a disaster at leading their countries, and both did everything they could to avoid losing that leadership. Yet as the US is finding out, and as the UK surely soon will, their rule was a symptom of much deeper problems that are harder to remove.

I have described both the US and the UK under this Conservative government as elected plutocracies: regimes where some very wealthy people determine a large proportion of the policy agenda, but where elections still take place. [1] Such regimes still hold the possibility of a transition to more democratic rule through these elections. For example the US under Biden is less of a plutocracy than under Trump. In this sense elected plutocracies are best seen as a continuous struggle between the interests of some of the very rich and a majority of voters. [2]

Part of that struggle is about how fair elections are. One reason why the US and (currently) the UK are elected plutocracies, but most of Europe is not, is that both have electoral systems that favour the political right, which in turn is where the power of the wealthy is greatest. In both countries social conservatives have a more than proportional influence on elections, and as a result the political right focuses as far as it can on these social issues to win votes. This has been true for some time in the US, and as Tim Bale reminds us also in the UK.

The reason for this electoral bias to the right in the US is well described by Shaun Lawson here, and in the UK it is a result of a divided social liberal vote and the concentration of social liberals in the cities. This is one reason why most recent Republican presidents, like Trump, got a minority of votes when they were first elected (because the Electoral College that decides who is president overweights rural America), and the Conservatives win more elections in the UK than Labour.

However the two countries have very different political systems, and the importance and influence of money in US politics has been far greater for some time. While the current Conservative party apes the Republicans in many ways, it is way behind in terms of the erosion of democracy. For example gerrymandering in the US has been routine for some time, as have various measures to discourage black voters who tend to vote Democrat. In contrast the Conservative government has only just begun to do similar things.

Partly for this reason, the constitutional crisis that hit the UK last week was of an order of magnitude less important than the crisis faced by the US. In the US the Republican party under Trump took the fateful step of contesting the result of a presidential election they lost, and Trump even went as far as inciting an invasion of Congress to halt the confirmation of Biden as president. It remains an article of faith among many Republicans that this election was in some way rigged (although every objective examination of these claims has failed to find any evidence), and equally most are in denial about Trump’s attempted coup. Republicans like Liz Cheney, the daughter of a former Vice President and a solidly right wing conservative, was forced out of her position as Chair of the House Republican Conference because she supported a second impeachment of Trump following that coup.

Another related indication that the UK is well behind the US in the threat posed to democracy is the extent to which the political right ignores reality. In the US much of the right does not believe in man made climate change, whereas in the UK that is still a minority position among Conservatives. Gun control is impossible in the US, but effective in the UK. The UK does not have prominent Conservative politicians who flirt with an anti-vax agenda. Yet the UK does have a rabid right wing media that is at least as strong as in the US, and Johnson level lying has become routine among Tory politicians, so perhaps it will be just a matter of time before these things come to the Conservative party.

Disputing the results of an election your side lost based on no evidence whatsoever should mean most voters will never vote for you again. The reason is straightforward. If every time you lose an election you not only call the result rigged but also support attempts to overturn the result, voters can no longer trust democracy in your hands. If they vote you in, they may never get the chance to vote you out. Unfortunately it seems that voters are also in denial about what Trump’s coup and most Republicans failure to condemn it means for the United States. This denial is encouraged by much of the media, which raises impartiality between the two political parties above both reality and the future of US democracy.

The problem has been intensified by the inability of Biden and the apparent Democratic majorities in the House and Senate to do anything in response. It has long been the case that slim paper majorities in Congress for the Democrats do not translate to actual majorities in practice. Even before the energy cost crisis it seemed likely that the Republicans would take control of both the House and Senate in the midterm elections. Meanwhile Republican controlled States that are critical to winning the Electoral College have been dialling up the gerrymandering and vote exclusion.

If this situation didn’t seem bad enough, we also have a radicalised right wing Supreme Court using its majority to make overtly political decisions. While allowing Republican States to ban abortion has rightly got most attention, the court has also ended the Environmental Protection Agency’s (EPA) power to regulate carbon emissions. More worrying still for US democracy is what this unelected Court may do in the near future. The six Republicans on the Supreme Court have announced that one of the first cases they’ll decide next year is whether States can overrule the choice of voters in who makes up their share of the Electoral College. If they do, it means a Republican is sure to be selected as the President in 2024. If you still think this is all implausible, here are some headlines that might help, and please tell me which one cannot happen.

In the United States, therefore, the Republican party is very close to winning the war between the plutocrats that back them and democracy. If this happens the implications beyond the US itself are immense. How, for example, can the world fight global warming when the second biggest producer of CO2 emissions has a government in denial about man made climate change?

In this context our own problems in the United Kingdom seem minor, but they remain very similar. The boy who wanted to be world king may no longer be our Prime Minister, but the party that chose him in full knowledge of who he was and how poor a Prime Minister he would be remains the same. It is the Conservative party, not Johnson, that voted through the effective exclusion of poorer parts of the population from voting, voted to make demonstrations illegal and ended the independence from government of the body that runs elections. It was a majority of the Conservative party, not Johnson, who decided just over a month ago that someone who breaks his own laws can continue as a law maker. While Johnson may have institutionalised plutocracy by empowering bodies made up of major donors like the Leaders Group and the Advisory Board with direct access to ministers, the financial advantages of keeping them in place will almost certainly mean they survive his passing. Making Brexit an article of faith has divorced the Conservative party from reality, as the competition among leadership candidates about who can promise the biggest tax cuts clearly shows.

The reality is that even if more honest and democratic voices still existed within the Conservative party, their chances of becoming its leader would be virtually zero. Among MPs a combination of little-Englanders, ego-libertarians and neoliberal nutters form a majority. Furthermore it is party members that make the final choice of who will become our Prime Minister, and it is among those members that the influence of the plutocracy through the right wing press is at its strongest, a press that lauded Johnson to the end and beyond. [c] In addition (but not independently), it is among these members that you will find those that still keep the Brexit faith. The necessity of tax cuts has become an article of faith among Conservatives just as it has among Republicans. Tax cuts when the NHS is on its knees is the last thing we can afford in the UK.

Nor should the current state of the UK polls provide reassurance that things are bound to change after the next general election. Labour’s poll lead may reflect to a considerable extent the unpopularity of Johnson and the current cost of living crisis. Whoever the Conservatives chose to be Prime Minister, the media will give them a honeymoon, and a late 2024 election will almost certainly see better economic news than 2022/3, an improvement that they and their media backers will claim is down to their leadership. Although some form of cooperation between opposition parties is likely, it will be far from complete and there remain plenty of voters who don’t understand the need to vote tactically under a FPTP system.

Is there hope for democracy in the UK and the US? In the UK the immediate prospects are grim but a defeat for the right in the next general election is possible, although far from assured. [d] In the US the situation is bleaker, but it is worth noting that in the recent past it has often been the hubris of their leaders that has led the right to stumble. Trump’s attitude to Covid helped bring him down, particularly when he caught it himself. In the UK it was Johnson’s partying in No.10, illegal under his own anti-Covid rules, that turned many voters against him. The best hope we have is that the Supreme Court, by flexing its power before the midterms, will help mobilise liberal and uncommitted voters, and lift denial about the threat to democracy from their eyes.

 

[a] If you don’t believe me for the UK, consider the current complete absence of a policy on Covid.

[b] It might be objected that in most democracies corporations and businesses hold considerable political power. One way of describing neoliberalism is government in the interests of corporations and business in general. But this is very different from a plutocracy. In a plutocracy, a select number of particularly wealthy individuals hold considerable power, and this power may be exercised against the interests of corporations and business. Brexit is the clearest example of that happening.

[c] It is no coincidence that these papers like to show Penny Mordaunt, initially popular among Tory members, in a swimming costume.

[d] History suggests the Conservative tactic of replacing an unpopular leader before the next election is usually successful in terms of winning that election.

 

Il Re è morto. Lunga vita al Re.

Di Simon Wren-Lewis

 

Nel 2020 gli Stati Uniti posero fine alla Presidenza Trump nelle urne elettorali e la scorsa settimana i Ministri ed i parlamentari conservatori hanno finalmente costretto Johnson ad annunciare le dimissioni. La caduta di entrambi naturalmente dovrebbe essere salutata con piacere, giacché entrambi avevano portato ad un degrado prima di loro inimmaginabile la loro carica. Trump e Johnson provenivano da ambienti molto diversi, ma avevano difetti molto simili che comportavano che risultassero un disastro nelle guida dei rispettivi paesi, ed entrambi avevano fatto tutto il possibile per evitare di perdere la loro carica. Tuttavia, come gli Stati Uniti stanno scoprendo e come il Regno Unito certamente scoprirà presto, il loro governo è stato il sintomo di problemi molto più profondi, che sono più difficili da rimuovere.

Ho definito sia gli Stati Uniti che il Regno Unito come plutocrazie elettive: regimi nel quali alcune persone molto ricche determinano una ampia quota della agenda di governo, ma dove hanno ancora luogo le elezioni [a]. Tali regimi possiedono ancora la capacità di una transizione, attraverso queste elezioni, verso un governo più democratico. Ad esempio, con Biden gli Stati Uniti sono meno una plutocrazia che con Trump. Il questo senso le plutocrazie elettive vanno considerate come una lotta continua tra gli interessi di alcuni dei più ricchi ed una maggioranza degli elettori [b].

Parte di questa lotta riguarda quanto le elezioni sono corrette. Una ragione per la quale gli Stati Uniti e (attualmente) il Regno Unito sono plutocrazie elettive, ma la maggioranza dell’Europa non lo è, è che hanno entrambi sistemi elettorali che favoriscono la destra politica, che a sua volta è il luogo dove il potere della ricchezza è maggiore. In entrambi i paesi i conservatori sociali hanno un influenza più che proporzionale sulle elezioni, e come risultato la destra politica si concentra quanto possibile su queste tematiche sociali per guadagnare voti. Questo per qualche tempo è stato vero negli Stati Uniti, ed anche nel Regno Unito, come ci ricorda Tim Bale [1].

La ragione di questo favore elettorale alla destra negli Stati Uniti è ben descritta da Shaun Lawson in questa connessione [2], e nel Regno Unito essa è il risultato di una divisione nel voto dei liberali sociali e della concentrazione dei liberali sociali nelle città. Questa è una ragione per la quale i più recenti Presidenti repubblicani, come Trump, hanno ricevuto una minoranza di voti quando furono eletti per la prima volta (perché il Collegio Elettorale che decide chi è Presidente sovrastima il peso l’America rurale), ed i conservatori hanno vinto più elezioni nel Regno Unito del Labour.

Tuttavia i due paesi hanno sistemi politici molto diversi, e l’importanza e l’influenza del denaro nella politica statunitense per un certo tempo è stata assai maggiore. Se l’attuale Partito Conservatore scimmiotta in molti modi i repubblicani, in termini di erosione della democrazia esso è molto indietro. Ad esempio, per un certo periodo la definizione truffaldina dei collegi elettorali negli Stati Uniti è stata una cosa consueta, come lo sono state varie misure per scoraggiare il voto delle persone di colore. All’opposto, il Governo conservatore ha soltanto appena cominciato a fare cose simili.

In parte per questa ragione, la crisi costituzionale che ha colpito il Regno Unito la scorsa settimana è stata di un ordine di grandezza meno importante della crisi che ha investito gli Stati Uniti. Negli Stati Uniti il Partito Repubblicano sotto Trump ha fatto il passo disastroso di contestare il risultato delle elezioni presidenziali che aveva perso, e Trump è arrivato persino al punto di incitare una invasione del Congresso per bloccare la conferma di Trump come Presidente. Tra molti repubblicani resta un dogma che queste elezioni siano state in qualche modo manipolate (sebbene ogni esame obbiettivo di questa pretesa non sia riuscito a trovare alcuna prova), e nello stesso modo la maggioranza dei repubblicani nega il tentato golpe di Trump. Repubblicani come Liz Cheney, la moglie del passato Vice Presidente e tenace conservatrice di destra, è stata estromessa dalla sua posizione di Presidente del Repubblicani della Camera a causa del suo sostegno, a seguito di tale tentato golpe, di un secondo impeachment su Trump.

Un’altra connessa indicazione che il Regno Unito sia assai indietro agli Stati Uniti nel costituire una minaccia alla democrazia è la misura nella quale la destra politica ignora la realtà. Negli Stati Uniti una gran parte della destra non crede nel cambiamento climatico provocato dall’uomo, mentre nel Regno Unito quella è ancora una posizione di minoranza tra i conservatori. Il Regno Unito non ha eminenti politici conservatori che simpatizzano con una agenda contro i vaccini. Tuttavia, il Regno Unito ha media della destra fanatici almeno altrettanto forti che negli Stati Uniti, e il livello di menzogne di Johnson è diventato consueto tra i politici Tory, al punto che sarà solo una questione di tempo prima che cose del genere arrivino sino al Partito Conservatore.

Contestare i risultati di una elezione persa dal proprio schieramento non basandosi assolutamente su alcuna prova dovrebbe comportare che gli elettori non vi voteranno più. La ragione è chiara. Se ogni volta che si perdono le elezioni non solo si dice che il risultato è stato manipolato ma si sostengono anche i tentativi di rovesciare il risultato, gli elettori possono non fidarsi più che la democrazia resti nelle vostre mani. Se decidono di votarvi, possono non aver più la possibilità di non votarvi. Sfortunatamente, sembra che anche gli elettori condividano il negazionismo su ciò che il golpe di Trump e l’incapacità della maggioranza dei repubblicani nel condannarlo comporta per gli Stati Uniti. Questo negazionismo è incoraggiato da gran parte dei media, il che solleva il tema della imparzialità tra i due partiti politici, oltre quello sia della realtà che del futuro della democrazia americana.

Il problema è stato accentuato dalla incapacità di Biden e delle supposte maggioranze dei democratici alla Camera ed al Senato nel fare qualcosa in risposta. È accaduto da tempo che sottili maggioranze sulla carta per i democratici nel Congresso non si traducessero in effettive maggioranze nella pratica. Persino prima della crisi sui costi energetici, sembrava probabile che i repubblicani avrebbero preso nelle elezioni di medio termine il controllo sia della Camera che del Senato. Nel frattempo, gli Stati controllati dai repubblicani, che sono fondamentali per aggiudicarsi il Collegio Elettorale, stanno operando per la delimitazione truffaldina dei collegi elettorali e la esclusione dal voto.

Se questa situazione non fosse a sufficienza negativa, abbiamo anche un Corte Suprema radicalizzata a destra che usa la sua maggioranza per prendere apertamente decisioni politiche. Mentre il permesso agli Stati repubblicani di mettere al bando l’aborto ha giustamente attirato la maggior parte dell’attenzione, la Corte ha anche sospeso il potere della Agenzia della Protezione Ambientale (EPA) di regolamentare le emissioni di anidride carbonica. Più preoccupante ancora è quello che una Corte non elettiva potrebbe fare nel prossimo futuro. I sei repubblicani della Corte Suprema hanno annunciato che uno dei primi casi sui quali decideranno nel prossimo anno è se gli Stati possano rigettare la scelta degli elettori su chi vada a comporre le loro quote del Collegio Elettorale. Se lo facessero, ciò comporterebbe la certezza che un repubblicano sia prescelto come Presidente nel 2024. Se ritenete questo implausibile, ecco alcune connessioni che possono aiutarvi [3], e ditemi per cortesia cosa non può accadere.

Di conseguenza, negli Stati Uniti il Partito Repubblicano è molto vicino ad aggiudicarsi la guerra tra i plutocrati che lo sostengono e la democrazia. Se questo avviene, le implicazioni oltre gli Stati Uniti sarebbero immense. Ad esempio, come può il mondo combattere il riscaldamento globale se il secondo più grande produttore di emissioni di CO2 ha un Governo che nega il cambiamento del clima provocato dall’uomo?

In questo contesto, i nostri stessi problemi nel Regno Unito appaiono minori, ma rimangono molto simili. Il ragazzo che voleva essere il re del mondo può non esser più il nostro Primo Ministro, ma il partito che lo aveva scelto nella piena conoscenza di chi fosse e di quanto sarebbe stato modesto come Primo Ministro, rimane il medesimo. È il Partito Conservatore, non Johnson, che ha approvato la sostanziale esclusione delle parti più povere della popolazione dal voto, che ha votato per rendere illegali le dimostrazioni e per porre termine alla indipendenza dal Governo dell’organismo che gestisce le elezioni. È stata una maggioranza del Partito Conservatore, non Johnson, che ha deciso appena un mese fa che qualcuno che viola le sue stesse leggi possa continuare ad essere un legislatore. Se Johnson può aver istituzionalizzato la plutocrazia consentendo ad organismi composti da importanti finanziatori come il Leaders Group e lo Advisory Board [4] l’accesso diretto ai ministeri, i vantaggi finanziari di mantenerli in funzione quasi certamente comportano che essi sopravvivranno alle sue dimissioni. Fare della Brexit un articolo di fede ha portato al divorzio tra il Partito Conservatore e la realtà, come la competizione tra i candidati a leader su chi promette i maggiori sgravi fiscal dimostra chiaramente.

La verità è che se anche voci più oneste e democratiche esistessero ancora nel Partito Conservatore, le loro possibilità di guidarlo sarebbero sostanzialmente nulle. Tra i parlamentari una combinazione di little-Englanders [5], di ego-libertariani e di folli neoliberisti compone una maggioranza. Inoltre, sono i membri del Partito che fanno la scelta finale su chi diventerà Primo Ministro, ed è tra quei membri che l’influenza della plutocrazia attraverso la stampa di destra è al suo massimo, una stampa che ha elogiato Johnson sino alla fine e dopo la fine [c]. In aggiunta (ma non indipendentemente) è tra questi membri che troverete coloro che ancora mantengono la fede nella Brexit. La necessità di tagli alle tasse è diventata un articolo di fede tra i conservatori, proprio come è accaduto tra i repubblicani. I tagli alle tasse quando il Sistema Sanitario Nazionale è in ginocchio, è l’ultima cosa che possiamo permetterci nel Regno Unito.

Né i sondaggi sulla condizione attuale del Regno Unito dovrebbero rassicurarci che le cose siano destinate a cambiare dopo le prossime elezioni generali. Il fatto che il Labour sia in testa nei sondaggi può in considerevole misura riflettere la impopolarità di Johnson e la crisi attuale del costo della vita. Chiunque i conservatori scelgano come Primo Ministro, i media gli concederanno una ‘luna di miele’, e le elezioni sulla fine del 2024 quasi certamente vedranno notizie economiche migliori del 2022-23, un miglioramento che i conservatori e i media che li appoggiano sosterranno dovuto alla loro guida. Sebbene qualche forma di cooperazione tra i partiti di opposizione sia probabile, essa sarà lontana dall’essere completa e resterà un gran numero di elettori che non capiscono la necessità di votare tatticamente con un sistema uninominale secco [6].

C’è speranza per la democrazia, negli Stati Uniti e nel Regno Unito? Nel Regno Unito le prospettive immediate sono cupe, ma una sconfitta della destra nelle prossime elezioni generali è possibile, sebbene tutt’altro che sicura [d]. Negli Stati Uniti la situazione è più cupa, ma si deve notare che nel recente passato è spesso stata la supponenza dei leader della destra che ha l’ha portata a inciampare. La posizione di Trump sul Covid contribuì al suo declino, in particolare quando lui stesso ne risultò infetto. Nel Regno Unito le feste di Johnson nella sua sede, illegali secondo le sue stesse regole sul Covid, hanno portato molti elettori a rivoltarsi contro di lui. La speranza migliore che abbiamo è che la Corte Suprema, ostentando il suo potere prima delle elezioni di medio termine, contribuirà a mobilitare gli elettori liberali e indipendenti, e cancellerà dai loro occhi la negazione di una minaccia alla democrazia.

 

[a] Se non credete a me per quello che riguarda il Regno Unito, considerate la attuale completa assenza di una politica per il Covid.

[b] Si potrebbe obiettare che le società e le imprese detengono un considerevole potere politico nella maggior parte delle democrazie. In generale, un modo per descrivere il neoliberismo è il governo negli interessi delle società e delle imprese. Ma ciò è molto diverso dalla plutocrazia. In una plutocrazia, un numero scelto di individui particolarmente ricchi detiene un considerevole potere, e questo potere può essere esercitato contro gli interessi di società e di imprese. La Brexit è l’esempio più chiaro di quello che sta avvenendo.

[c] Non è per caso se  a questi giornali piace mostrare Penny Mordaunt [7], agli inizi popolare tra i membri Tory, in un costume da bagno.

[d] La storia mostra che la tattica conservatrice di sostituire un leader impopolare prima delle successive elezioni di solito ha poi successo nell’aggiudicarsi quelle elezioni.

 

 

 

 

 

 

[1] L’articolo di Tim Bale – nella connessione sul testo inglese – è stato pubblicato i 10 luglio su The Guardian.

[2] Nel testo inglese, la connessione è con il blog Medium.

[3] Le connessioni nel testo inglese aprono una pagina di Twitter di un certo Zach Praiss, che pubblica in sequenza vari impressionanti titoli di giornali sulle manovre in corso da parte di vari dirigenti repubblicani.

[4] Dovrebbero essere entrambe sigle di organizzazioni lobbistiche, operanti ad esempio nel settore patrimoniale, che in pratica sono state legittimate, sul modello americano, a svolgere le proprie funzioni nelle sedi istituzionali.

[5] Storicamente è un termine coniato nei secoli passati (diciottesimo e diciannovesimo), ma dagli inizi del ‘900 indica un gruppo politico di nazionalisti estremi xenofobi, che ritengono l’Inghilterra superiore ad ogni altro paese.

[6] Il termine del sistema elettorale FPTP – che significa letteralmente “first-past-the-post“, ovvero “il primo oltre il palo”, è stato coniata in analogia al mondo dell’ippica, nelle cui corse il vincitore è il primo cavallo che oltrepassa un particolare punto della pista, mentre tutti gli altri cavalli perdono. Il sistema è conosciuto anche come the winner takes all, ovvero “il vincitore prende tutto”.

La frase di Wren-Lewis significa dunque questo: che anche se tra i partiti di opposizione interverranno alcune intese parziali, esse non saranno sufficienti a definire una vera strategia unitaria delle opposizioni. Tale strategia dovrebbe consistere nello scegliere i candidati unitari nei vari collegi, ovvero nel concentrare i voti sui candidati più forti – che siano laburisti o liberali o di altra provenienza – rinunciando ad inseguire candidature di partito. Questo significa “votare tatticamente”. Ma, sostiene Wren-Lewis, saranno gli stessi elettori a non crederci.

[7] Penelope Mary Mordaunt è una politica britannica, dal 2021 Ministro per la politica commerciale nel governo di Boris Johnson.

Probabilmente si suppone che il mostrarla adesso in continuazione in costume da bagno da parte della stampa di destra, sia un modo per sfavorirla nella prossima scelta di un Primo Ministro in sostituzione di Johnson.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"