Altri Economisti » Project Syndicate » Selezione del Mese

Perché la Legge per la Riduzione dell’Inflazione è una faccenda importante, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 8 agosto 2022)

 

Aug 8, 2022

Why the Inflation Reduction Act Is a Big Deal

JOSEPH E. STIGLITZ

Conférence given by Joseph E. Stiglitz Nobel prize in economics / Ecole polytechnique, 16 octobre 2019

NEW YORK – US Senate Democrats’ compromise bill, the Inflation Reduction Act (IRA) of 2022, addresses not just inflation but also several key longstanding problems facing our economy and society.

There is a simmering debate about the causes of today’s inflation; but regardless of what side one takes, this bill represents a step forward. For those worried about excessive demand, there is more than $300 billion in deficit reduction. And on the supply side, the bill would mobilize $369 billion of investments in energy security and decarbonization. That will help bring down the cost of energy – one of the main drivers of current price growth – and put America back on track to reduce its carbon dioxide emissions by some 40% (from 2005 levels) by 2030.

These investments will yield far-reaching returns. The costs of climate-driven events (wildfires, hurricanes, tornados, and floods) will reduce our standard of living even more than today’s inflation will, and they are disproportionately borne by lower-income households, people of color, and future generations. These costs are far larger and more difficult to rectify than the costs of deficits.

Moreover, enhancing energy security has become essential. For far too long, authoritarian leaders of petrostates have been able to hold the rest of the world hostage. Russian President Vladimir Putin has reminded us once again that energy interdependencies come with serious risks (something I warned about more than 15 years ago). Weather may be variable, but fossil-fuel dictators are unreliable and downright dangerous.

The IRA also would help address the rising health-care costs that have long plagued America, both by lowering Affordable Care Act (Obamacare) premiums for millions of Americans and by capping out-of-pocket drug costs for those on Medicare. The pharmaceutical industry has received tens of billions of dollars more from Medicare payouts than it otherwise would, simply because the government is prohibited from negotiating for lower prices. This gift to the industry will finally be rescinded, yielding savings of almost $300 billion over ten years.

The United States is one of the world’s leading sources of pharmaceutical innovation, and much of the basic research behind these advances was paid for by American taxpayers. Yet, Americans pay much more for prescription drugs than people in other countries, partly because drug companies have been given an unbridled power to set prices. Many of us have been fighting for years to curb these firms’ undue market power. If the IRA becomes law, this provision alone would be a signal achievement.

Furthermore, the bill would deliver sorely needed improvements to US tax policy. Corporations and the wealthiest households are not paying their fair share of taxes. That not only erodes confidence in our democracy, but also is economically inefficient. Tax revenues are necessary to finance essential public expenditures without generating inflationary deficits.

Russia’s invasion of Ukraine has reminded us why defense expenditures are necessary. But to preserve America’s competitiveness, we also must invest heavily in education, research, technology, and infrastructure. Here, the bill includes provisions that would raise more than $450 billion (over a decade) through a 15% minimum corporate tax, increased tax enforcement, and the introduction of a 1% excise tax on stock buybacks.

The 15% minimum corporate tax is especially important. The US has led a global negotiation to curtail the practice of a few governments cutting special deals for corporations so that they can siphon tax revenues and jobs from other countries and compete in a race to the bottom in tax rates – a race in which the only winners are the multinational corporations. A 15% US minimum corporate tax will not only raise badly needed revenue; it will also help stop this self-defeating global race. This is especially important for the US, because it spares American jobs from unfair competition.

But the landmark global agreement that America forged is unlikely to move forward if America itself does not abide by its conditions. From climate change and food insecurity to the fight for democracy in Ukraine, there are so many issues for which we need global cooperation. Like the climate measures, the US minimum corporate tax is an important step in showing that we can be good global citizens.

Of course, some critics on the right (many of them allied with drug companies, other major corporations, and the wealthy) will argue that the IRA will be inflationary, and they will even produce models “proving” that that is the case. But we know by now that bad models give bad predictions. Just look at the models that were marshaled in support of Ronald Reagan’s tax cuts for the rich (which they falsely claimed would increase revenues) or Donald Trump’s tax cuts for corporations (which they falsely claimed would spur additional investment).

These predictable arguments against the IRA’s tax provisions are based on a flawed assumption: namely, that corporations will “shift” the burden of the minimum tax by raising prices and lowering wages. But economists have long recognized that the current US corporation-tax regime – which allows firms to deduct virtually all costs, including labor and capital – is close to a pure profits tax. And a longstanding presumption in economics is that a pure profits tax does not lead to either higher prices or lower wages.

This also implies that these taxes can be raised without fear of adverse effects, either on inflation or investment. The big distortions – and gross inequities – in the tax system come from inadequate enforcement and large loopholes, and the IRA at least makes progress on the first of these fronts.

While the full benefits of the IRA will be realized only gradually over the coming years – especially as we invest in the green transition – some of its anti-inflation effects could be felt almost immediately, particularly in the case of the drug-pricing provision. Since markets are forward-looking (even if imperfectly so), the anticipation of increased renewable-energy supply should lead to decreased fossil-fuel prices today. Moreover, according to some of the more prevalent theories, anticipations of future inflation are a key determinant of current inflation, so even the bill’s slower-moving inflation-dampening provisions could have anti-inflationary benefits today.

No bill is perfect. In America’s money-driven politics, there will always be compromises with special interests. The IRA is not as good as the original Build Back Better bill, which would have done more both to promote equitable growth and to fight inflation. But we can’t let the perfect be the enemy of the good. Ultimately, the IRA is a very important step in the right direction.

 

Perché la Legge per la Riduzione dell’Inflazione è una faccenda importante,

di Joseph E. Stiglitz

 

NEW YORK – La proposta di legge di compromesso dei democratici statunitensi, la Legge per la Riduzione dell’Inflazione (IRA) del 2022, si misura non solo con l’inflazione ma con vari problemi cruciali di lunga durata che sono di fronte alla nostra economia ed alla nostra società.

C’è un dibattito che non si placa sulle cause dell’inflazione odierna; ma a prescindere dallo schieramento nel quale ci si colloca, questa proposta di legge rappresenta un passo in avanti. Per coloro che sono preoccupati di una domanda eccessiva, ci sono più di 300 miliardi di dollari di riduzione del deficit. E sul fronte dell’offerta, la proposta mobiliterebbe 369 miliardi di dollari di investimenti nella sicurezza energetica e nella decarbonizzazione. Questo contribuirà ad abbattere il costo dell’energia – una dei principali fattori della attuale crescita dei prezzi – e collocherà l’America sulla strada di ridurre le sue emissioni di anidride carbonica di circa il 40% entro il 2030 (rispetto ai livelli del 2005).

Questi investimenti genereranno rendimenti su vasta scala. I costi degli eventi connessi con il clima (incendi, uragani, tornado e inondazioni) ridurranno i nostri livelli di vita ancora più dell’inflazione odierna, e saranno in modo sproporzionato sopportati dalle famiglie a basso reddito, dalle persone di colore e dalle future generazioni. Questi costi sono più ampi e più difficili da correggere dei costi dei deficit.

Inoltre, rafforzare la sicurezza energetica è diventato essenziale. Per troppo tempo, i leader autoritari dei petrostati sono stati nelle condizioni di tenere in ostaggio il resto del mondo. Il Presidente russo Vladimir Putin ci ha ricordato ancora una volta che le interdipendenze energetiche comportano rischi seri (qualcosa su cui misi in guardia più di 15 anni orsono). Il clima può essere variabile, ma i dittatori dei combustibili fossili sono inaffidabili e del tutto pericolosi.

L’IRA aiuterebbe anche ad affrontare i costi crescenti della assistenza sanitaria che da tempo tormentano l’America, sia per l’abbassamento delle polizze assicurative della Legge sulla Assistenza Sostenibile (la riforma di Obama) per milioni di americani, che per per la fissazione di un tetto ai costi di tasca propria sui farmaci, per coloro che fruiscono di Medicare. L’industria farmaceutica ha ricevuto decine di miliardi di dollari dagli esborsi di Medicare che non avrebbe avuto altrimenti, solo perché al Governo era proibito negoziare prezzi più bassi. Questo regalo all’industria finalmente sarà rescisso, producendo risparmi per quasi 300 miliardi di dollari in dieci anni.

Gli Stati Uniti sono uno dei paesi guida del mondo nelle fonti della innovazione farmaceutica, e buona parte della ricerca di base dietro questi progressi è stata pagata dai contribuenti americani. Tuttavia, gli americani pagano molto di più i farmaci delle persone in altri paesi, in parte perché le società farmaceutiche hanno un potere sfrenato nella fissazione dei prezzi. Molti di noi hanno combattuto per anni per mettere un freno all’ingiustificato potere di mercato di queste imprese. Se l’IRA diventa legge, solo questa misura sarebbe la realizzazione di un segnale.

Inoltre, la proposta di legge fornirebbe miglioramenti acutamente necessari alla politica fiscale statunitense. Le società e le famiglie più ricche non stanno pagando la loro giusta parte di tasse. Questo non soltanto erode la fiducia nella nostra democrazia, ma è anche economicamente inetto. Le entrate fiscali sono necessarie per finanziare spese pubbliche necessarie senza generare deficit inflazionistici.

L’invasione russa dell’Ucraina ci ha ricordato perché le spese per la difesa sono necessarie. Ma per conservare la competitività americana, dobbiamo investire pesantemente nell’istruzione, nella ricerca, nella tecnologia e nelle infrastrutture. In questo caso, la proposta di legge comprende misure che, attraverso una tassazione minima del 15% sulle società, una accresciuta efficacia fiscale e l’introduzione di una accise dell’1% sui riacquisti delle azioni, aumenterebbero le entrate (nel corso di un decennio) per più di 450 miliardi di dollari.

La tassazione minima del 15% sulle società è particolarmente importante. Gli Stati Uniti hanno guidato una negoziazione globale per tagliare la pratica di alcuni Governi  che fanno accordi particolari con le grandi società in modo che esse possano sottrarre entrate fiscali e posti di lavoro da altri paesi e competere in una gara al ribasso sulle aliquote fiscali – una gara nelle quale le uniche a vincere sono le società multinazionali. Una tassa minima del 15% sulle società statunitensi non soltanto aumenterà entrate estremamente necessarie; contribuirà anche a fermare questa gara globale autodistruttiva. Questo è particolarmente importante per gli Stati Uniti, perché mette al riparo i posti di lavoro americani dall’ingiusta competizione.

Ma è improbabile che lo storico accordo globale che l’America ha forgiato proceda, se l’America stessa non si attiene alle sue condizioni. Dal cambiamento climatico all’insicurezza alimentare alla lotta per la democrazia in Ucraina, ci sono molti temi sui quali abbiamo bisogno di una cooperazione globale. Come le misure per il clima, la tassa minima statunitense sulle società è un passo importante per dimostrare che noi possiamo essere buoni cittadini globali.

Naturalmente, alcuni critici della destra (molti dei quali alleati con le società farmaceutiche, con altre importanti società e con i più ricchi) sosterranno che l’IRA avrà effetti inflazionistici, e produrranno persino modelli “che dimostrano” quell’argomento. Ma ormai sappiamo  che cattivi modelli forniscono cattive previsioni. Basti guardare ai modelli che furono arruolati a sostegno dei tagli delle tasse per i ricchi di Ronald Reagan (che falsamente proclamavano avrebbero aumentato le entrate) o degli sgravi fiscali di Donald Trump per le società (che falsamente proclamavano avrebbero stimolato investimenti aggiuntivi).

Questi prevedibili argomenti contro le misure fiscali dell’IRA sono basati su un assunto difettoso: precisamente, che le società “sposteranno” l’onere della tassazione minima aumentando i prezzi ed abbassando i salari. Ma gli economisti hanno da tempo riconosciuto che l’attuale regime statunitense sulle società e sul fisco – che permette alle imprese sostanzialmente di dedurre ogni costo, incluso il costo del lavoro e del capitale – è vicino ad un sistema fiscale puramente basato sui profitti. E esiste da lungo tempo in economia la convinzione che un sistema fiscale puramente basato sui profitti non porta né a prezzi più elevati né a salari più bassi [1].

Questo implica anche che queste tasse possono essere aumentate senza il timore di effetti negativi, sia sull’inflazione che sugli investimenti. Le grandi distorsioni – e le enormi iniquità – nel sistema fiscale derivano da una applicazione inadeguata e da ampie scappatoie, e l’IRA fa almeno un progresso sul primo di questi fronti.

Mentre i benefici pieni dell’IRA verranno realizzati solo gradualmente nel corso degli anni – particolarmente se investiamo nella transizione ambientale – alcuni dei suoi effetti anti inflazione potrebbero essere percepiti quasi immediatamente, in particolare nel caso della misura per la fissazione del prezzo dei farmaci. Dal momento che i mercati guardano in avanti (anche se in modo imperfetto), la anticipazione di una accresciuta offerta di energie rinnovabili dovrebbe portare sin da subito ad un calo dei prezzi del combustibili fossili. Inoltre, secondo alcune delle teorie più in voga, le anticipazioni dell’inflazione futura sono fattori fondamentali dell’inflazione attuale, cosicché persino le misure di contenimento dell’inflazione ‘al rallentatore’ della proposta di legge potrebbero avere da subito effetti benefici anti inflazionistici.

Nessuna legge è perfetta. Con la politica guidata dal denaro dell’America, ci saranno sempre compromessi con gli interessi particolari. L’IRA non è altrettanto positiva della proposta di legge del Ricostruire Meglio, che avrebbe fatto di più per promuovere una crescita equa e per combattere l’inflazione. In definitiva, l’IRA è un passo molto importante nella giusta direzione.

 

 

 

 

 

[1] Mi pare che sia utile avvertire che questi giudizi su un “sistema fiscale puramente basato sui profitti” non hanno di per sé un significato né positivo né negativo. Mi pare siano giudizi di natura tecnica su un sistema fiscale caratterizzato fondamentalmente sulla tassazione degli utili, che dunque consente ampie deduzioni per ogni altro costo. Quello che Stiglitz dice è che quel sistema fiscale ha una “enorme iniquità”, piuttosto, nella efficacia con la quale viene applicato e nelle ‘scappatoie’  fiscali che non riesce a contenere. Tecnicamente, un sistema fiscale di quel genere, comunque, secondo il parere della maggior parte degli economisti, di per sé non comporta automatici trasferimenti degli oneri fiscali sui prezzi e sui salari.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"