Altri Economisti » Project Syndicate » Selezione del Mese

Simpatia per la Germania, di Yanis Varoufakis (da Project Syndicate, 26 luglio 2022)

 

Jul 26, 2022

Sympathy for Germany

YANIS VAROUFAKIS

zzz 306

ATHENS – It is never easy to wake up to the news that your country’s business model is busted. It is difficult to acknowledge the obvious: that your political leaders had either been deluded or lying to you when they assured you for decades that your hard-earned living standards were safe. That your immediate future now relies on the kindness of foreigners determined to crush you. That the European Union, in which you had placed your trust, had been engaging in a permanent concealment exercise. That your EU partners, to whom you are now appealing for help, look at you as a villain whose comeuppance is long overdue. That economic elites in your country and beyond are seeking novel ways to ensure that your country remains stuck. That you must endure massive, painful changes to ensure that nothing changes.

Greeks know this feeling. We experienced it in our bones in early 2010. Today, it is the Germans who are facing a wall of condescension, antipathy, and even mockery. Ironic as it may seem, no Europeans are better placed than the Greeks to understand that the Germans deserve better; that their current predicament is the result of our collective, European failure; and that no one – least of all the long-suffering Greeks, southern Italians, Spaniards, and Portuguese (the PIGS as we were once called) – benefits from schadenfreude.

The tables have been turned on Germany because its economic model relied on repressed wagescheap Russian gas, and excellence in mid-tech mechanical engineering – particularly manufacturing cars with internal combustion engines. This resulted in massive trade surpluses during four distinct post-World War II phases: under the US-led Bretton Woods system, which provided fixed exchange rates and market access to Europe, Asia, and the Americas; then, after the collapse of Bretton Woods, when the single European market proved highly lucrative for German exports; again following the introduction of the euro, when vendor financing opened the floodgates for both goods and capital flowing from Germany to Europe’s periphery; and, finally, when China’s hunger for intermediate and final manufacturing products took up the slack after the euro crisis dampened demand for German goods in southern Europe.

Germans are now slowly coming to terms with the demise of their economic model and are beginning to see through the multifaceted Big Lie their elites were repeating for three decades: Fiscal surpluses were not prudence in action, but rather a monumental failure, during the long years of ultra-low interest rates, to invest in clean energy, critical infrastructure, and the two crucial technologies of the future: batteries and artificial intelligence. Germany’s dependence on Russian gas and Chinese demand was never sustainable in the long term; and they are not mere bugs that can be ironed out.

The claim that the German model was compatible with Europe’s monetary union is also being exposed as false. Lacking a fiscal and a political union, the EU was always going to saddle Club Med governments, banks, and corporations with unpayable debts, which eventually would force the European Central Bank to choose between letting the euro die and embarking upon a permanent bankruptcy-concealment project.

Germans are realizing this today as they observe a hamstrung ECB which is damned if it raises interest rates substantially (causing Italy and others to implode) and damned if it doesn’t (allowing runaway inflation). While it never should have been the ECB’s job to save the euro from its flawed foundations, Germans can see that their politicians lied to them that their economic model could survive the 2008 crisis as long as other eurozone countries practiced enough austerity. They are also coming to understand that their leaders’ stimulus-phobia led to permanent socialism for the southern European oligarchs, the Franco-German bankers, and various zombified corporations.

Once upon a time, those of us who criticized the notion that every eurozone country should become like Germany objected that the German model worked only because no one else had adopted it. Today, with the end of cheap gas and America’s new cold war with China, the German model is kaput even for Germany. Yes, German exports will rebound, aided by the low value of the euro. Volkswagen will sell a lot more electric cars once supply chains are restored. BASF will bounce back, once energy supplies are secured. What will not return is the German model: A large chunk of Volkswagen’s revenues will go to China, whence the battery technologies come, and mountains of value will shift from the chemical industry to AI-related sectors.

Some German friends are pinning their hopes on the falling euro to restore the German model to health. It won’t. Low-savings countries with a structural trade deficit, like Greece or Ghana, do benefit from devaluation. High-savings countries with a structural trade surplus, do not – all that happens is that poorer domestic consumers subsidize richer exporters, which is precisely the opposite of what the German social economy needs.

My message to German friends is simple: Quit mourning. Cut through the denial, anger, bargaining, and depression, and start designing a new economic model. Unlike Greeks, you still have enough sovereignty to do so without the permission of creditors.

But first, you must resolve a critical political dilemma: Do you want Germany to retain political and fiscal sovereignty? If so, your new model will never work within this eurozone of ours. If you do not want to go back to the Deutsche Mark, you need a model embedded within a full-fledged, democratic European federation. Anything else will continue the Big Lie with which you are now painfully coming to terms.

 

Simpatia per la Germania,

di Yanis Varoufakis

 

ATENE – Non è mai facile svegliarsi con la notizia che il modello economico del tuo paese è fallito. È difficile riconoscere ciò che è evidente: che i vostri leader politici erano illusi o mentivano quando vi hanno assicurato per decenni che i vostri livelli di vita faticosamente guadagnati erano sicuri. Che il vostro futuro immediato ora si basa sulla benevolenza di stranieri determinati a schiacciarvi. Che l’Unione Europea, nella quale avevate collocato la vostra fiducia, si è venuta impegnando in un esercizio permanente di occultamento. Che i vostri partner europei, ai quali state adesso facendo appello per un aiuto, vi guardano come un ribaldo il cui castigo era da tempo dovuto. Che le elite economiche nel vostro paese e oltre stanno cercando nuovi modi per garantire che il vostro paese resti impantanato. Che dovrete sopportare cambiamenti massicci e dolorosi per garantire che niente cambi.

I greci conoscono tutto questo. L’avevamo sentito sulla nostra pelle agli inizi del 2010. Adesso, sono i tedeschi che sono di fronte ad un muro di paternalismo, di antipatia e persino di irrisione. Per quanto possa sembrare ironico, nessuno meglio dei greci capiscono che i tedeschi meritano di più; che la loro attuale situazione imbarazzante è il risultato del nostro collettivo fallimento europeo; e che nessuno, meno di tutti i greci, i meridionali italiani, gli spagnoli ed i portoghesi (i PIGS come venivano chiamati un tempo) – può gioire delle disgrazie altrui.

In Germania le carte in tavola sono cambiate perché il loro modello economico era basato sulla compressione di salari, sul gas russo conveniente e sull’eccellenza nella ingegneria meccanica di media tecnologia – particolarmente la produzione di automobili con motori a combustione interna. Esso si è tradotto in massicci surplus commerciali durante quattro distinte fasi successive alla Seconda Guerra Mondiale: sotto il sistema a guida statunitense di Bretton Woods, che forniva tassi di cambio fissi ed accesso ai mercati dell’Europa, dell’Asia e delle Americhe; poi, dopo il collasso di Bretton Woods, quando il solo mercato europeo si dimostrò altamente redditizio per le esportazioni tedesche; ancora, in seguito alla introduzione dell’euro, quando il finanziamento dei fornitori aprì gli argini ai flussi sia di prodotti che di capitali dalla Germania alla periferia europea; e, infine, quando la fame della Cina per prodotti manifatturieri intermedi e finali assorbì la fiacchezza, dopo che la crisi dell’euro aveva smorzato la domanda per i beni tedeschi nell’Europa meridionale.

Adesso lentamente i tedeschi si misurano con la caduta del loro modello economico e stanno cominciando a non farsi ingannare dalla Grande Bugia a più facce che le loro elite sono venute ripetendo da tre decenni: i surplus finanziari non erano la prudenza nelle iniziative, ma piuttosto un fallimento monumentale, durante i lunghi anni dei tassi di interesse bassissimi, ad investire nelle energie pulite, nelle infrastrutture fondamentali, e nelle due tecnologie cruciali per il futuro: le batterie e l’intelligenza artificiale. La dipendenza della Germania dal gas russo e dalla domanda cinese non era mai stata sostenibile a lungo termine; ed essi non erano semplicemente errori che potevano essere appianati.

Anche la pretesa che il modello tedesco fosse compatibile con l’unione monetaria dell’Europa si viene palesando falsa. In mancanza di una unione di finanza pubblica e politica, l’UE è stata sempre destinata a sbolognare ai Governi del Club Méditerranée [1], alle banche ed alle società debiti impagabili, che alla fine avrebbero costretto la Banca Centrale Europea a scegliere tra lascia morire l’euro o imbarcarsi in un progetto di occultamento permanente  di una bancarotta.

I tedeschi lo stanno realizzando oggi nel mentre osservano una BCE azzoppata che è condannata se alza sostanzialmente i tassi di interesse (costringendo l’Italia ed altri a implodere) ed è condannata se non lo fa (permettendo una inflazione fuori controllo). Mentre non avrebbe mai dovuto essere compito della BCE salvare l’euro dai suoi difettosi fondamenti, i tedeschi possono vedere che i loro leader hanno mentito a sostenere che il loro modello economico poteva sopravvivere alla crisi del 2008, finché gli altri paesi dell’eurozona avessero praticato una austerità sufficiente. Sono anche giunti a comprendere che la stimolo-fobia dei loro leader ha portato ad un socialismo permanente per gli oligarchi dell’Europa meridionale, per i banchieri franco-tedeschi e per varie grandi società ridotte a zombi.

Un tempo, quelli tra noi che criticavano il concetto che ogni paese dell’eurozona avrebbe dovuto diventare come la Germania, obiettarono che il modello tedesco funzionava solo perché nessun altro l’aveva adottato. Oggi, con la fine del gas conveniente e con la nuova guerra fredda dell’America con la Cina, il modello tedesco è defunto anche per la Germania. È vero, le esportazioni tedesche rimbalzeranno, sostenute dal basso valore dell’euro. Una volta che le catene dell’offerta saranno ripristinate, la Volkswagen venderà molte più automobili elettriche. Una volta che le offerte di energia saranno assicurate, la BASF  [2] si riprenderà. Quello che non tornerà è il modello tedesco: una grande fetta delle entrate della Volkswagen andranno alla Cina, da dove provengono le tecnologie delle batterie, e montagne di valore si sposteranno dall’industria chimica ai settori connessi con l’Intelligenza Artificiale.

Alcuni amici tedeschi stanno puntando le loro speranze sull’euro in caduta, per ripristinare il modello tedesco di buona salute. Non accadrà. I paesi con bassi risparmi e con un deficit commerciale strutturale, come la Grecia o il Ghana, trarranno vantaggio dalla svalutazione. I paesi con alti risparmi e con un surplus commerciale strutturale, non lo faranno – tutto quello che avverrà è che i consumatori interni più poveri sovvenzioneranno gli esportatori più ricchi, il che è precisamente l’opposto di quello di cui ha bisogno l’economia sociale tedesca.

Il mio messaggio agli amici tedeschi è semplice: smettetela di piangere. Date un taglio al negazionismo, alla rabbia, alle negoziazioni, ed alla depressione, e cominciate a immaginare un nuovo modello economico. Diversamente dai greci, avete sufficiente sovranità per farlo senza il permesso dei creditori.

Ma, anzitutto, dovete risolvere un dilemma politico fondamentale: volete che la Germania mantenga una sovranità politica e di finanza pubblica? Se è così, il vostro nuovo modello non funzionerà mai all’interno di questa nostra eurozona. Se non volete tornare al marco tedesco, avete bisogno di un modello incorporato in una federazione democratica europea a pieno titolo. Ogni altra cosa sarà sempre una Grande Bugia con la quale adesso state dolorosamente arrivando a fare i conti.

 

 

 

 

.

[1] Espressione ironica, non so quanto diffusa, per riferirsi ai governi dell’Europa meridionale.

[2] La BAF è una società multinazionale tedesca ed il più grande produttore mondiale nella chimica. Il Gruppo BASF comprende sussidiarie e imprese associate in più di 80 paese e ha in funzione sei siti integrati e 390 altri siti di produzione in Europa, Asia, Australia, nelle Americhe e in Africa.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"