Altri Economisti » Selezione della Settimana

L’America perdente, di J. Bradford DeLong (da Project Syndicate, 4 luglio 2018)

 

America the loser

BRADFORD DELONG

zz 301

BERKELEY – The Washington Post’s Catherine Rampell recently recalled that when US President Donald Trump held a session for Harley-Davidson executives and union representatives at the White House in February 2017, he thanked them “for building things in America.” Trump went on to predict that the iconic American motorcycle company would expand under his watch. “I know your business is now doing very well,” he observed, “and there’s a lot of spirit right now in the country that you weren’t having so much in the last number of months that you have right now.”

What a difference a year makes. Harley-Davidson recently announced that it would move some of its operations to jurisdictions not subject to the European Union’s retaliatory measures adopted in response to Trump’s tariffs on imported steel and aluminum. Trump then took to Twitter to say that he was, “Surprised that Harley-Davidson, of all companies, would be the first to wave the White Flag.” He then made a promise that he cannot keep: “… ultimately they will not pay tariffs selling into the EU.”

Then, in a later tweet, Trump falsely stated that, “Early this year Harley-Davidson said they would move much of their plant operations in Kansas City to Thailand,” and that “they were just using Tariffs/Trade War as an excuse.” In fact, when the company announced the closure of its plant in Kansas City, Missouri, it said that it would move those operations to York, Pennsylvania. At any rate, Trump’s point is nonsensical. If companies are acting in anticipation of his own announcement that he is launching a trade war, then his trade war is not just an excuse.

In yet another tweet, Trump turned to threats, warning that, “Harley must know that they won’t be able to sell back into U.S. without paying a big tax!” But, again, this is nonsensical: the entire point of Harley-Davidson shifting some of its production to countries not subject to EU tariffs is to sell tariff-free motorcycles to Europeans.

In a final tweet, Trump decreed that, “A Harley-Davidson should never be built in another country – never!” He then went on to promise the destruction of the company, and thus the jobs of its workers: “If they move, watch, it will be the beginning of the end – they surrendered, they quit! The Aura will be gone and they will be taxed like never before!”

Needless to say, none of this is normal. Trump’s statements are dripping with contempt for the rule of law. And none of them rises to the level of anything that could be called trade policy, let alone governance. It is as if we have returned to the days of Henry VIII, an impulsive, deranged monarch who was surrounded by a gaggle of plutocrats, lickspittles, and flatterers, all trying to advance their careers while keeping the ship of state afloat.

Trump is clearly incapable of executing the duties of his office in good faith. The US House of Representatives and Senate should have impeached him and removed him from office already – for violations of the US Constitution’s emoluments clause, if nothing else. Barring that, Vice President Mike Pence should have long ago invoked the 25th Amendment, which provides for the removal of a president whom a majority of the cabinet has deemed “unable to discharge the powers and duties of his office.”

And yet, neither Speaker of the House Paul Ryan nor Senate Majority Leader Mitch McConnell nor Pence has dared to do anything about Trump’s assault on American democracy. Republicans are paralyzed by the fear that if they turn on Trump, who is now supported by roughly 90% of their party’s base, they will all suffer at the polls in the midterm congressional election this November.

It is nice to think that the election will fix everything. But, at a minimum, the Democratic Party needs a six-percentage-point edge to retake the House of Representatives, owing to Republican gerrymandering of congressional districts. Democrats also have to overcome a gerrymandering effect in the Senate. Right now, the 49 senators who caucus with the Democrats represent 181 million people, whereas the 51 who caucus with the Republicans represent just 142 million people.3

Moreover, the US is notorious for its low voter turnout during midterm elections, which tends to hurt Democratic candidates’ prospects. And Trump and congressional Republicans have been presiding over a relatively strong economy, which they inherited from former President Barack Obama, but are happy to claim as their own.

Finally, one must not discount the fear factor. Countless Americans routinely fall victim to social- and cable-media advertising campaigns that play to their worst instincts. You can rest assured that in this election cycle, as in the past, elderly white voters will be fed a steady diet of bombast about the threat posed by immigrants, people of color, Muslims, and other Trump-voter bugaboos (that is, when they aren’t being sold fake diabetes cures and overpriced gold funds).

Regardless of what happens this November, it is already clear that the American century ended on November 8, 2016. On that day, the United States ceased to be the world’s leading superpower – the flawed but ultimately well-meaning guarantor of peace, prosperity, and human rights around the world. America’s days of Kindlebergian hegemony are now behind it. The credibility that has been lost to the Trumpists – abetted by Russia and the US Electoral College – can never be regained.

 

L’America perdente,

di J. Bradford DeLong

BERKELEY – Catherine Rampell, del Washington Post, ha di recente ricordato che quando il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump tenne un incontro con i dirigenti ed i rappresentanti sindacali della Harley-Davidson presso la Casa Bianca nel febbraio del 2017, li ringraziò perché “producevano beni di consumo in America”. Trump proseguì con la previsione che l’icona della società americana dei motocicli si sarebbe ampliata sotto il suo mandato. “So che adesso i vostri affari vanno molto bene”, osservò, “e in questo momento c’è un ottimo umore nel paese, cosicché adesso mettete a frutto quello che non avevate nei mesi passati”

Quale differenza produce un solo anno. La Harley-Davidson ha di recente annunciato che avrebbe spostato alcune delle sue attività verso giurisdizioni non soggette alle misure di ritorsione dell’Unione Europea in risposta alle tariffe di Trump sull’acciaio e sull’alluminio importati. Trump allora si è attaccato a Twitter per dire che era “sorpreso che la Harley-Davidson, tra tutte le società, fosse stata la prima a sventolare la bandiera bianca”. Poi ha fatto una promessa che non può mantenere: “… in fin dei conti, non pagheranno tariffe vendendo nell’Unione Europea”.

Poi, in un tweet successivo, ha affermato falsamente che “Agli inizi di quest’anno la Harley-Davidson disse che volevano spostare il Thailandia molti dei suoi stabilimenti operativi di Kansas City” e che “stavano semplicemente usando le tariffe e la guerra commerciale come una scusa”. In realtà, quando la società annunciò la chiusura del suo stabilimento a Kansas City, disse che avrebbe spostato queste operazioni a York, in Pennsylvania. In ogni caso, l’argomento di Trump è privo di senso. Se le società agiscono in anticipo sul suo stesso annuncio che sta per lanciare una guerra commerciale, allora la sua guerra commerciale non è soltanto una scusa.

Eppure, con un altro tweet, Tarump è passato alle minacce, ammonendo che “la Harley deve sapere che non potranno tornare a vendere negli Stati Uniti senza pagare una grossa tassa!” Ma, ancora, questo non ha senso: l’intero argomento della Harley-Davidson relativo allo spostamento di alcune delle sue produzioni a paesi non soggetti alle tariffe alle tariffe verso l’UE ha lo scopo di vendere motocicli agli europei liberi da tariffe.

In un tweet finale, Trump ha decretato che “Una Harley-Davidson non dovrebbe mai essere prodotta in un altro paese – mai!” Poi è passato a promettere la distruzione della società, e dunque dei posti di lavoro dei suoi lavoratori: “Guardate, se si spostano sarà l’inizio della fine – si sono arresi, mollano! Cambierà l’atmosfera e saranno tassati come mai in precedenza!”

Non è il caso di dirlo, in questo non c’è niente di normale. Le affermazioni di Trump sono alimentate dal disprezzo per lo stato di diritto. E nessuna di esse si colloca al livello di qualcosa che possa essere definito politica commerciale, per non dire di una azione di governo. È come fossimo tornati ai giorni di Enrico VIII, un monarca impulsivo, pazzoide che si circondava di un gruppetto di plutocrati, di leccapiedi e adulatori, tutti alla ricerca di promuovere le loro carriere nel mentre la barca dello Stato galleggiava.

Trump è chiaramente incapace di corrispondere in buonafede ai doveri della sua carica. La Camera dei rappresentanti e il Senato degli Stati Uniti avrebbero già dovuto metterlo in stato di accusa e rimuoverlo dal suo incarico – se non altro per la violazione della clausola sugli emolumenti della Costituzione americana. Altrimenti, il Vice Presidente Mike Pence avrebbe dovuto da tempo invocare il 25° Emendamento, che prevede la rimozione di un Presidente da parte di una maggioranza del gabinetto che lo abbia giudicato “incapace di assolvere ai poteri e agli obblighi del suo incarico”.

E tuttavia, né lo Speaker della Camera Paul Ryan, né il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell, né Pence hanno osato far nulla sull’assalto di Trump alla democrazia americana. I repubblicani sono paralizzati dalla paura che se si mettono contro Trump, attualmente sostenuto dal 90% della base del loro partito, ne subiranno dolorose conseguenze nelle votazioni di questo novembre per le elezioni congressuali di medio termine.

Il pensiero che tali elezioni sistemeranno ogni cosa è confortevole. Ma, come minimo, il Partito Democratico avrà bisogno di un vantaggio percentuale di 6 punti per riconquistare la Camera dei Rappresentanti, in conseguenza del gerrymandering [1] sui distretti elettorali congressuali. I democratici dovranno anche superare un effetto di gerrymandering al Senato. Attualmente i 49 senatori che si raggruppano con i democratici rappresentano 181 milioni di persone, mentre i 51 che si raggruppano con i repubblicani rappresentano solo 142 milioni di persone.

Inoltre, gli Stati Uniti sono famosi per la bassa affluenza dell’elettorato delle elezioni di medio termine, il che tende a danneggiare le prospettive dei candidati democratici. E Trump con i congressisti repubblicani stanno operando nel contesto di un’economia relativamente forte, che hanno ereditato dal passato Presidente Barack Obama, ma che sono ben contenti di annettersi come un proprio risultato.

Infine, non si deve sottovalutare il fattore della paura. Normalmente un numero incalcolabile di americani cadono vittime delle campagne propagandistiche dei social e delle televisioni, che fanno leva sui loro peggiori istinti. Potete star sicuri che in questo ciclo elettorale, come nel passato, elettori bianchi anziani verranno regolarmente alimentati con una dieta regolare di propaganda sulla minaccia rappresentata dagli immigrati, dalla gente di colore, dai musulmani e dagli altri spauracchi degli elettori di Trump (vale a dire, quando non vengono loro rivendute false cure per il diabete e sovrastimati fondi aurei).

A prescindere da quello che accade questo novembre, è già chiaro che il secolo americano è terminato l’8 novembre del 2016. In quel giorno, gli Stati Uniti hanno smesso di essere la superpotenza alla guida del mondo – i garanti difettosi ma in ultima analisi di buon auspicio per la pace, la prosperità e i diritti umani in tutto il mondo. I giorni dell’egemonia della quale parlava Kindleberg [2] sono ormai alle spalle dell’America. La credibilità che è stata perduta dal trumpismo – con la complicità della Russia e del Collegio Elettorale degli Stati Uniti [3] – non potrà mai essere riconquistata

 

 

 

 

 

 

 

[1] Ovvero di una faziosa delimitazione di quei distretti che attribuisce un numero esagerato di seggi ai territori a vocazione repubblicana, per la prima volta congegnata dal repubblicano Gerry Mander due secoli orsono.

[2] Charles Kindlenerger, un architetto del Piano Marshall che poi fu insegnante al MIT.  Qua citato a seguito di un articolo pubblicato nel 2017 di  JOSEPH S. NYE su Project Syndicate.

[3] Ovvero, della assemblea degli eletti che costituisce la sede per la definitiva votazione del Presidente.

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"