Blog di Krugman

Questo potrebbe essere il momento ‘baburu’ della Cina, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 24 settembre 2021)

 

Sept. 24, 2021

This Might Be China’s ‘Babaru’ Moment

By Paul Krugman

zz 898

OK, who ordered that? You’d think that between Covid-19, climate change and U.S. democracy under siege, we would already have enough crises on our plate. A potential Chinese financial meltdown is the last thing we need. Yet here we are.

The story of the moment is Evergrande, a huge, heavily indebted real estate company that appears on the edge of default. The echoes of the global financial crisis 13 years ago are obvious.

The conventional wisdom is that Evergrande isn’t another Lehman Brothers, that any fallout from its woes, and more broadly from the woes of Chinese real estate, can be contained. But that too raises disturbing memories: Some of us are old enough to remember when all the Very Serious People insisted that the fallout from the U.S. subprime debacle could be contained too.

Still, suppose that the conventional wisdom is right and that Evergrande isn’t another Lehman moment. That still won’t mean that things are OK. For it seems quite possible, at least to me, that China is having a “babaru” moment.

Wait, what? Some of us still remember the Japanese bubble economy — or as the Japanese themselves called it, the “babaru economy” — of the late 1980s, when prices of many assets, above all commercial real estate, went completely crazy. At one point it was widely claimed that the land under the Imperial Palace was worth more than the whole state of California. Then everything crashed.

By the way, I am not making fun of the Japanese for using an English-derived term. English speakers — among whom everyone from policy mandarins to business gurus finds it de rigueur to borrow foreign terminology — have no right to feel schadenfreude when someone else borrows from us.

Anyway, the bursting of the Japanese bubble didn’t lead to a financial meltdown. But it was followed by a prolonged period of economic weakness. At first many observers attributed that weakness to a hangover from previous financial excess: Japanese corporations had too much debt, they argued, or Japanese banks had too many nonperforming loans. But the weakness went on and on, and indeed in some ways continues to this day.

I don’t mean that Japan’s real economy has been consistently depressed for three decades, which you might think if you looked only at real G.D.P. The days when economic experts like (cough) Michael Crichton predicted Japanese domination of the world economy are far behind us:

zzz 300

 

 

 

 

 

 

 

 

Rising Sun, not so much.Credit…FRED

But you need to adjust those raw numbers for demography. Thanks to low fertility plus low immigration, Japan is a shrinking society. The number of working-age adults has been falling quite fast since the 1990s. Real G.D.P. per potential worker has actually done OK, basically matching U.S. performance:

zzz 301

 

 

 

 

 

 

 

 

But Japan looks OK given its demography.Credit…FRED

However, Japan has been able to maintain more or less full employment only through constant economic stimulus: ultralow interest rates and persistent budget deficits that have pushed the national debt above 200 percent of G.D.P. True, that debt hasn’t posed any problems so far, and the Japanese arguably deserve praise for managing a difficult economic situation with relatively little mass suffering.

But the point stands: Japan’s economic situation has been challenging. Why? Probably precisely because it’s a shrinking nation: Negative population growth means that there’s little demand for new housing or new office buildings, for example. So Japan has become a country awash in savings with few places to go. In hindsight, the bubble of the 1980s wasn’t so much a source of future problems as it was an unsustainable way of temporarily masking problems that were eventually going to become manifest no matter what.

And here’s the thing: While China is vastly different from Japan in many ways, China’s macroeconomic situation bears a striking resemblance to that of Japan around the time the Japanese bubble burst.

On one side, Chinese demography is looking remarkably Japanese. The working-age population peaked in 2015, and although the one-child policy that suppressed births is no longer in effect, this downward trend won’t be reversed, if at all, for many years.

On the other side, China, like Japan in the bubble years, has a highly unbalanced economy, with weak consumer spending and extremely high investment:

zzz 302

 

 

 

 

 

 

 

 

 

China invests too much.Credit…World Bank

Investment spending that exceeds 40 percent of G.D.P. perhaps make sense in an economy with a rapidly growing population — especially one in which millions of rural residents are moving to the cities — that is also catching up to wealthier nations in its technological advances. But China no longer has that kind of demography, and while it is still behind the West (and Japan) in overall technological prowess, productivity growth is slowing.

This means diminishing returns to investment; China needs to transition to a different model. (And Chinese officials reportedly know this.) But it keeps putting that adjustment off, pumping up spending with huge amounts of credit — which leads, inevitably, to Evergrande-type debacles.

China might paper over this current episode, as it has in the past. But sooner or later, something has to give. Evergrande may not be the moment of truth, but it is a sign that this moment is coming. And what we don’t know is whether China has the kind of social cohesion that has allowed Japan to slow down gracefully without a social and political crisis.

 

Questo potrebbe essere il momento ‘baburu’ della Cina,

di Paul Krugman

 

Insomma, chi ne sentiva il bisogno? Si poteva pensare che tra il Covid-19, il cambiamento climatico e la democrazia degli Sati Uniti sotto assedio, avevamo già abbastanza crisi nel nostro piatto. Un possibile tracollo finanziario cinese era l’ultima cosa di cui sentivamo il bisogno. Eppure siamo a quel punto.

La storia del momento è Evergrande, una enorme società immobiliare pesantemente indebitata che sembra sull’orlo del fallimento. Gli echi della crisi finanziaria globale di 13 anni fa sono evidenti.

La saggezza ufficiale dice che Evergrande non è un’altra Lehman Brothers, che ogni ricaduta dai suoi guai, e più in generale dai guai del settore immobiliare cinese, possa essere contenuta. Ma ciò solleva anche ricordi fastidiosi: alcuni di noi sono anziani a sufficienza per ricordare quando le Persone Molto Serie insistevano che anche le ricadute dalla debacle statunitense dei mutui subprime potevano essere contenute.

Eppure supponiamo che la saggezza ufficiale abbia ragione e che Evergrande non sia un altro momento Lehman. Questo non significherebbe ancora che le cose siano a posto. Per questo sembra abbastanza possibile, almeno a me, che la Cina stia avendo un momento “baburu” [1].

Un momento: cosa? Alcuni di noi ricordano ancora che la bolla dell’economia giapponese – ovvero come la chiamarono i giapponesi stessi, l’ “economia baburu” – degli ultimi anni ’80, quando i prezzi di molti asset, soprattutto nel settore patrimoniale commerciale, impazzirono completamente. A un certo punto, si sosteneva comunemente che il terreno sotto il Palazzo Imperiale valesse più dell’intero Stato della California. Finché tutto crollò.

Per inciso, non sto prendendo in giro i giapponesi per l’utilizzo di un termine che deriva dall’inglese [2]. Quelli che parlano in inglese – tra i quali tutti, dai burocrati della politica ai guru degli affari, considerano rigoroso prendere a prestito la terminologia straniera – non hanno diritto di provare una gioia maligna quando altri li prendono a prestito da noi.

In ogni modo, lo scoppio della bolla giapponese non portò ad un collasso finanziario. Ma quello che seguì fu un periodo prolungato di debolezza economica. Agli inizi molti osservatori attribuirono quella debolezza ai postumi di un precedente eccesso finanziario: le società giapponesi avevano debiti troppo grandi, sostenevano, oppure le banche giapponesi avevano fatto molti prestiti scadenti. Ma la debolezza andò avanti, e in effetti in qualche modo continua ancora oggi.

Non voglio dire che l’economia reale giapponese sia stata regolarmente depressa per tre decenni, che è quello che potreste pensare se guardate soltanto al PIL reale. I giorni nei quali gli esperti economici come Michael Crichton [3] (colpetto di tosse) prevedevano il dominio giapponese sull’economia mondiale sono alle nostre spalle:

zzz 300

 

 

 

 

 

 

 

 

Sole nascente, non tanto. Fonte: FRED [4]

C’è però bisogno di correggere quei dati grezzi considerando la demografia. Grazie alla bassa fertilità in aggiunta alla bassa immigrazione, il Giappone è una società che si restringe. Il numero degli adulti in età lavorativa è venuto calando abbastanza rapidamente dagli anni ’90. Il PIL reale per lavoratore potenziale in realtà è andato bene, fondamentalmente eguagliando la prestazione statunitense:

zzz 301

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma, data la sua demografia, il Giappone sembra andar bene. Fonte: FRED [5]

Tuttavia il Giappone è stato capace di mantenere più o meno la piena occupazione soltanto attraverso un costante stimolo economico: tassi di interesse bassissimi e persistenti deficit di bilancio che hanno spinto il debito nazionale sopra il 200 per cento del PIL. È vero, sinora quel debito non ha costituito alcun problema, e probabilmente i giapponesi meritano un elogio per aver gestito una situazione economica relativamente difficile senza sofferenze di massa.

Ma resta il punto: la situazione economica del Giappone è stata ardua. Perché? Probabilmente proprio perché è una nazione che si restringe: una crecita negativa della popolazione comporta che c’è poca domanda per nuove abitazioni e per nuovi edifici per uffici, ad esempio. Così il Giappone  è diventato un paese inondato da risparmi con pochi posti dove andare. Col senno di poi, la bolla degli anni ’80 non fu tanto una fonte di problemi futuri, quanto un modo insostenibile di mascherare temporaneamente problemi che alla fine erano destinati a divenire comunque manifesti.

Ed ecco la faccenda: se la Cina è grandemente diversa dal Giappone in molti sensi, la situazione macroeconomica della Cina mostra una sorprendente somiglianza con quella del Giappone negi anni in cui scoppiò la bolla giapponese.

Da una parte, la demografia cinese appare considerevolmente giapponese. La popolazione in età lavorativa ha avuto un picco nel 2015, e sebbene la politica di un solo figlio che ha soffocato le nascite non sia più in atto, per molti anni quella tendenza al declino non sarà invertita, se mai accadrà.

D’altra parte, la Cina, come il Giappone negli anni della bolla, ha un’economia altamente squilibrata, con una spesa debole sui consumi ed estremamente elevata negli investimenti:

zzz 302

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Cina investe troppo. Fonte: Banca Mondiale [6]

Una spesa sugli investimenti che supera il 40 per cento del PIL forse ha senso in una economia con una popolazione in rapida crescita – particolarmente in una economia nella quale milioni di residenti nelle zone agricole si stanno spostando nelle città – che al tempo stesso sta raggiungendo le nazioni più ricche nei suoi avanzamenti tecnologici. Ma la Cina non ha più una demografia di quel genere, e mentre essa è ancora indietro all’Occidente (e al Giappone) nella sua complessiva capacità tecnologica, la crescita della produttività sa rallentando.

Questo comporta rendimenti in calo negli investimenti; la Cina ha bisogno di una transizione ad un diverso modello (e i dirigenti cinesi, a quanto si dice, lo sanno). Ma essa continua a rinviare quella correzione, gonfiando la spesa con enormi quantità di credito – il che porta, inevitabilmente, a debacle del genere di Evergrande.

La Cina potrebbe nascondere le magagne dell’episodio attuale, come ha fatto in passato. Ma prima o poi qualcosa deve concedere. Evergrande può non essere il momento della verità, ma è un segno che quel momento si sta avvicinando. E quello che non sappiamo è se la Cina abbia il genere di coesione sociale che ha permesso al Giappone di rallentare con una certa grazia senza una crisi sociale e politica.

 

 

 

 

 

[1] “Baburu” il lingua giapponese significa “bolla”, e “baburu keiki” fu una bolla economica che interessò l’economia giapponese dal 1985 al 1991. Krugman scrisse un breve post sul tema vari anni fa, ed anche allora lo chiamò ‘babaru moment’; in vari gli fecero osservare che il termine giapponese è invece ‘baburu’. Quindi lo correggiamo.

[2] Di nuovo, il termine che i giapponesi prendevano in prestito dall’inglese era “bubble” (ovvero, ‘bolla’), che letteralmente in giapponese si traduce con ‘baburu’. “Baburu” non è una espressione idiomatica o scherzosa della lingua giapponese, anche se a noi sembra tale: è il termine ordinario per significare ‘bolla’.

[3] In effetti Crichton è stato un scrittore più famoso per Jurassic Park, ma nel 1992 pubblicò un bestseller dal titolo Sol levante, che probabilmente all’epoca parve un presagio di un inevitabile prossimo dominio economico giapponese. Era un racconto su un omicidio avvenuto in una società giapponese di Los Angeles.

[4] La tabella mostra l’andamento dei PIL reali statunitense (linea blu) e giapponese (linea rossa) a partire dal 1990. Il PIL reale è il valore dei beni e servizi calcolata a prezzi costanti; è una misura più efficace del benessere economico, perché non è influenzato dai cambiamenti di prezzi.

[5] Questa seconda tabella mostra ancora l’andamento del PIL reale, ma l’andamento procapite in rapporto al totale delle persone adulte in età lavorativa (ovvero, dai 15 ai 64 anni).

[6] La tabella mostra la evoluzione degli investimenti fissi lordi in rapporto al PIL in tre paesi: in Cina (linea blu), i Giappone (linea verde) e negli Stati Uniti (linea grigia). Negli ultimi due è scesa sotto il 20%, mentre nel caso della Cina è salita al 40%. Agli inizi degli anni ’90 la situazione della Cina e del Giappone era simile.

 

 

 

 

Sono ancora nella squadra della transitorietà, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 10 settembre 2021)

settembre 14, 2021

 

Sept. 10, 2021

I’m Still on Team Transitory

By Paul Krugman

zz 898

Consumer prices have risen 4.4 percent over the past six months; that’s an annualized inflation rate of almost 9 percent, which puts us almost back into 1970s territory. And there are plenty of people out there proclaiming the return of stagflation.

But the people in a position to do something about it — above all, Jerome Powell, the chairman of the Federal Reserve — are fairly serene. They insist that we’re looking at only a transitory blip driven by the disruptions associated with America’s emergence from the pandemic. But are they right? How can we tell?

To answer those questions, we need to back up and ask what it means to say that inflation is transitory, anyway. And to do that, it helps to take a long view.

My sense is that many people believe that inflation wasn’t something that happened in America before the 1970s. But that isn’t true. Consumer price data go back more than a century, and there were several episodes of high inflation over that period. The ’70s weren’t even the peak:

zzz 290

 

 

 

 

 

 

 

 

Inflation over the long run.Credit…FRED

What was the difference between the ’70s inflation and the inflationary spikes associated with World War I, the end of World War II or the Korean War? The answer is that those earlier bursts of inflation were easy come, easy go: The economy didn’t exactly return to price stability painlessly, but the recessions associated with disinflation were fairly brief. Ending the inflation of the ’70s, by contrast, involved a prolonged period of really high unemployment:

zzz 291

 

 

 

 

 

 

 

 

The cost of disinflation.Credit…FRED

But what explained that difference? In the 1970s inflation became “embedded” in the economy. The people who were setting wages and prices did so with the expectation that there would be lots of inflation in the future. For example, companies were relatively willing to give their workers wage increases because they thought that their competitors would end up doing the same, so it wouldn’t put them at a competitive disadvantage.

The question is whether inflation is similarly becoming embedded now.

We used to have a fairly easy, rough-and-ready way to answer that question: the concept of core inflation. Back in the 1970s, the economist Robert Gordon suggested that we make a distinction between the price of commodities like oil and soybeans that fluctuate all the time and other prices that are adjusted less frequently. An inflation measure that excluded food and energy, he argued, would give us a much better indicator of underlying — i.e. embedded — inflation than the headline number.

The concept of core inflation has been one of the huge success stories of data-driven economic policy. Over the past 15 years we’ve seen several surges in consumer prices driven mainly by commodity prices and much hyperventilating, mainly on the political right, about the return of stagflation or even imminent hyperinflation. Remember when Paul Ryan, the Republican representative of Wisconsin at the time, accused Ben Bernanke, the former Fed chairman, of “debasing the dollar”?

The Fed, however, refused to back off from its easy-money policy, pointing to quiescent core inflation as a reason not to worry. And it was right:

zzz 292

 

 

 

 

 

 

 

 

Core for the win.Credit…FRED

Unfortunately, at this point the traditional measure of core inflation doesn’t help much, because the pandemic has led to price spikes in unusual sectors like used cars and hotel rooms. So how can we find guidance?

The White House Council of Economic Advisers has been using a sort of “supercore” measure that excludes not just food and energy but also pandemic-affected sectors. This makes sense; in fact, I was arguing for such a measure months ago. But I’m aware that as one excludes more stuff from the Consumer Price Index, one exposes oneself to the charge that you’re saying that there’s no inflation if you ignore the prices that are rising.

Powell has pointed to a different measure: wage increases, which have been substantial in some of the pandemic-hit sectors but overall still seem moderate according to measures like the Atlanta Fed’s wage growth tracker:

zzz 293

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Wage-price spiral? Not yet.Credit…Federal Reserve Bank of Atlanta

Lately, however, I’ve been wondering whether the best way to figure out whether inflation is getting embedded is to ask the people who would be doing the embedding. That is, are companies acting as if they expect sustained inflation in the future?

The answer, so far, seems to be no. Many companies are facing labor shortages, and they’re trying to attract workers with things like signing bonuses. But at least according to the Fed’s Beige Book — an informal survey that is often useful for getting a read on business psychology — they’re reluctant to raise overall wages.

Just to be clear, I’m not celebrating corporate unwillingness to increase wages. The point, instead, is that companies aren’t acting as if they expect lots of future inflation, where they can hike wages without losing competitive advantage. They’re acting, instead, as if they see current inflation as a blip.

So far, then, I’m still on Team Transitory: I think things are looking more like 1951, when inflation briefly hit 9.3 percent, than 1979. And if we finally get this pandemic under control, the inflation of 2021 will soon fade from memory.

 

Sono ancora nella squadra della transitorietà,

di Paul Krugman

 

I prezzi al consumo sono cresciuti nei sei mesi passati del 4,4 per cento; questo è un tasso di inflazione annualizzato di quasi il 9 per cento, che ci riporta indietro alle esperienze degli anni ’70. E c’è un gran numero di persone in giro che annuncia il ritorno della stagflazione.

Ma le persone che avrebbero il potere di fare qualcosa su ciò – primo tra tutti, Jerome Powell, il Presidente della Federal Reserve – sono abbastanza serene. Ribadiscono che stiamo assistendo solo a un contrattempo transitorio provocato dai blocchi connessi con l’emergenza della pandemia in America. Ma hanno ragione? Come possiamo dirlo?

Per rispondere a tali domande, dobbiamo fare un passo indietro e chiederci comunque cosa significhi dire che l’inflazione è transitoria. E per farlo, è utile considerare una prospettiva lunga.

La mia sensazione è che molte persone credano che l’inflazione sia stato qualcosa che non era accaduto in America prima degli anni ’70. Ma ciò non è vero. I dati sui prezzi al consumo sono disponibili per più di un secolo, e ci sono stati vari episodi di alta inflazione in quel periodo. Gli anni ’70 non furono nemmeno il punto più alto:

zzz 290

 

 

 

 

 

 

 

 

L’inflazione nel lungo periodo. Fonte: FRED

Quale fu la differenza tra l’inflazione degli anni ’70 e le punte inflazionistiche connesse con la Prima Guerra Mondiale, con la fine della Seconda Guerra Mondiale o con la guerra coreana? La facilità nel venire e la facilità nell’andarsene: l’economia non ritornò alla stabilità dei prezzi precisamente in modo indolore, ma le recessioni associate con la disinflazione furono abbastanza brevi. La fine dell’inflazione degli anni ’70, all’opposto, comportò un periodo prolungato di disoccupazione davvero elevata:

zzz 291

 

 

 

 

 

 

 

 

Il costo della disinflazione. Fonte: FRED

Ma cosa spiegava quella differenza? Negli anni ’70 l’inflazione divenne “incorporata” nell’economia. Le persone che stabilivano i salari ed i prezzi lo facevano nell’aspettativa che il futuro riservasse una gran quantità di inflazione. Ad esempio, le società erano relativamente disponibili a concedere ai loro lavoratori aumenti salariali perché pensavano che i loro competitori avrebbero finito per fare lo stesso, così che non sarebbero cadute in uno svantaggio competitivo.

La domanda è se l’inflazione adesso stia diventando incorporata in modo simile.

Per rispondere alla domanda, siamo soliti usare un modo abbastanza facile, rapido e approssimativo: il concetto di inflazione sostanziale. Nei passati anni ’70, l’economista Robert Gordon suggerì che facessimo una distinzione tra i prezzi delle materie prime cone il petrolio e la soia, che fluttuano in continuazione, e gli altri prezzi che vengono corretti meno frequentemente. Una misurazione dell’inflazione che escludesse generi alimentari ed energia, sostenne, ci avrebbe dato un indicatore molto migliore dell’inflazione sottostante – ovvero incorporata – del dato complessivo.

Il successo dell’inflazione sostanziale è stato una delle storie di grande successo della politica economica basata sulle statistiche. Nei 15 anni passati abbiamo assistito a molte impennate dei prezzi al consumo guidate principalmente dai prezzi delle materie prime, che venivano fortemente esagerate, specialmente dalla destra politica, alla stregua di un ritorno della stagflazione o persino di una imminente iperinflazione. Ricordate quando Paul Ryan, a quell’epoca parlamentare del Wisconsin, accusava Ben Bernanke, il passato Presidente della Fed, di “svalutare il dollaro”?

La Fed, tuttavia, rifiutò di tirarsi indietro dalla sua politica di moneta facile, indicando nella quiescente inflazione sostanziale una ragione per non preoccuparsi. Ed ebbe ragione.

zzz 292

 

 

 

 

 

 

 

 

I successi dell’inflazione ‘sostanziale’. Fonte: FRED

Sfortunatamente, a questo punto la misurazione tradizionale della inflazione sostanziale non aiuta molto, perché la pandemia ha provocato impennate nei prezzi in settori inconsueti come le macchine usate e le stanze degli alberghi. Come possiamo, dunque, procurarci un orientamento?

Il Comitato dei Consiglieri Economici della Casa Bianca sta usando una sorta di misurazione “super sostanziale”, che esclude non solo i generi alimentari e l’energia ma anche i settori influenzati dalla pandemia. Questo ha senso: di fatto, mi ero espresso a favore di una tale misura mesi orsono. Ma sono cosciente che quando uno esclude molti generi dall’Indice dei Prezzi al Consumo, si espone all’accusa di star sostenendo che non c’è inflazione perché ignora i prezzi che stanno salendo.

Powell ha messo in evidenza una misurazione diversa: la crescita dei salari, che è stata sostanziale in alcuni settori colpiti dalla pandemia ma, secondo le misurazioni del ‘tracciante’ della crescita salariale della Fed di Atlanta, nel complesso sembra ancora moderata:

zzz 293

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una spirale salari-prezzi? Non ancora. Fonte: Banca della Federal Reserve di Atlanta

Di recente, tuttavia, mi sto chiedendo se il modo migliore per capire se l’inflazione stia diventando incorporata non sia chiederlo alle persone che dovrebbero effettuare l’incorporazione. Cioè, le imprese stanno agendo come se si aspettassero una inflazione prolungata nel futuro?

La risposta, sinora, sembra essere negativa. Molte società stanno misurandosi con scarsità della forza lavoro, e stanno cercando di attrarre i lavoratori con cose come significative gratifiche. Ma, almeno secondo il Beige Book della Fed – un sondaggio informale che spesso è utile per comprendere la psicologia del momento delle imprese – esse sono riluttanti ad aumentale i salari complessivi.

Per esser chiaro, non sto magnificando l’indisponibilità delle imprese ad aumentare i salari. Il punto è, piuttosto, se le società stiano comportandosi come se si aspettassero molta inflazione futura, il caso in cui possono alzare i salari senza perdere vantaggio competitivo. Stanno agendo, invece, come se considerassero l’inflazione attuale come un incidente di percorso.

Sinora, dunque, mi colloco ancora nel gruppo che propende per la tesi della transitorietà: considero le cose cui stiamo assistendo più simili al 1951, quando l’inflazione raggiunse per un breve periodo il 9,3 per cento, che non al 1979. E se alla fine metteremo sotto controllo questa pandemia, l’inflazione del 2021 svanirà presto dalla memoria.

 

 

 

 

 

 

 

Ecco che arriva l’autunno dell’ansia, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 7 settembre 2021)

settembre 8, 2021

 

Sept. 7, 2021

Here Comes the Autumn of Anxiety

By Paul Krugman

zz 898

In the heady days of spring, when the United States was vaccinating 3 million people a day, President Biden predicted a “summer of joy.” But then the vaccination campaign stalled, and the Delta variant fueled a new wave of infections, hospitalizations and deaths.

This didn’t have to happen. True, Delta’s contagiousness has led to rising caseloads almost everywhere. But America has pulled away from other advanced countries in hospitalizations and deaths:

zzz 284

 

 

 

 

 

 

 

 

 

American exceptionalism.Credit…Our World in Data

There’s no mystery about why this has happened: It’s political. True, there are many Americans refusing to take the vaccines for nonpolitical reasons. There’s general distrust of authority figures, there’s distorted word of mouth — a friend of a friend heard about someone who had a bad reaction. (Even in my sheltered social set, I know people like that.) But the systematic refusal to get vaccinated, refusal to wear masks, etc., is very clearly tied to the unique way that common-sense public health measures have been caught up in the culture war.

According to a recent NBC poll, 91 percent of Biden voters have been vaccinated but only 50 percent of Trump voters. Or look at death tolls: Blue states look more like Canada or Germany than like Florida or Texas:

zzz 285

 

 

 

 

 

 

 

 

A very uneven pandemic.Credit…The New York Times, Our World in Data 

And aside from, you know, killing people, the politically driven Covid resurgence is taking an economic toll. The August jobs report wasn’t terrible — the recovery hasn’t stalled — but it was disappointing. And while there was, as always, some dispute about exactly what the numbers are telling us, with some labor economists pushing back against calling it purely a Delta story, the best bet is that the resurgent virus was the biggest factor in the disappointment, as people cut back on going out to eat, traveling and so on.

By the way, this economic hit took place despite the absence of anything like the lockdowns we experienced earlier in the pandemic. There have been very few new restrictions on economic activity imposed by state and local governments; some places have reimposed indoor mask requirements, but shopping and even flying while masked is entirely doable. No, what’s happening is individual caution reasserting itself.

And the economic hit isn’t looking nearly as bad as what we experienced in earlier waves of the pandemic. That’s the good news. The bad news is that in those previous waves, America did a surprisingly good job of stepping up to help those suffering from the economic fallout. This time we aren’t.

Given America’s historical track record of failing to help those in need, our initial response to the pandemic was almost miraculously good: generous unemployment benefits, checks sent to most households, expansions of other benefits. Why was this politically possible? Partly, I think, because at first even many conservatives saw pandemic unemployment as an act of God, not a personal failing on the part of the unemployed. Partly, also, progressives had ideas about what to do, while the Trump administration and its allies were clueless. So there was an element of the “Yes, Prime Minister” effect: We must do something. This is something. Therefore, we must do it.

In any case, the result was remarkable: Despite huge job losses, poverty actually fell.

zzz 286

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Misery mitigated.Credit…Columbia Center on Poverty and Social Policy

But the most important of the pandemic relief programs, enhanced unemployment benefits, has now expired, with no prospect of renewal, given brutal political divides and the return of Republicans to their traditional view that helping the unemployed makes them lazy. If we’d had the summer of joy we were promised, this wouldn’t be so bad. But the stalled vaccination campaign — again, largely although not entirely a political phenomenon — has fed a viral resurgence that’s holding back the economy, which means that millions of workers are still stranded. And this time they aren’t getting the relief they need.

Now, there was a hiatus in enhanced unemployment benefits last fall, and for the most part, families made it through: Many had accumulated savings in 2020, and this tided them over until benefits were restored that December. And maybe, just maybe, this won’t work out too badly. There are hints in the data that the Delta wave is subsiding, and vigorous job growth may resume in time to rescue the unemployed.

But maybe not. Politics has already given us a completely unnecessary tragedy: thousands of preventable deaths despite the ready availability of lifesaving vaccines. And we may be about to suffer a gratuitous economic tragedy on top of that.

 

Ecco che arriva l’autunno dell’ansia,

di Paul Krugman

 

Nei giorni esaltanti della primavera, quando gli Stati Uniti vaccinavano 3 milioni di persone al giorno, il Presidente Biden prevedeva un’ “estate di gioia”. Ma poi la campagna di vaccinazioni ha rallentato e la variante Delta ha innescato una nuova ondata di infezioni, di ospedalizzazioni e di decessi.

Non era necessario che accadesse. È vero, la contagiosità della Delta ha portato ad un numero di casi crescente quasi dappertutto. Ma l’America si è distaccata dagli altri paesi avanzati nelle ospedalizzazioni e nei decessi:

zzz 284

 

 

 

 

 

 

 

 

Eccezionalismo americano. Fonte: Our World in data [1]

Non è un mistero la ragione per la quale è successo: è una ragione politica. È vero, ci sono molti americani che rifiutano il vaccino per motivi che non hanno a che fare con la politica. C’è una sfiducia generale nelle autorità, c’è un distorto passaparola – un amico di un amico ha sentito dire di qualcuno che ha avuto una brutta reazione (persino nel mio protetto ambiente sociale, conosco persone del genere). Ma il rifiuto sistematico di vaccinarsi, il rifiuto di indossare le mascherine etc., sono molto chiaramente collegati all’unico modo in cui le misure di salute pubblica di senso comune possono essere inserite in una guerra ideologica.

Secondo un recente sondaggio della NBC, il 91 per cento degli elettori di Biden si sono vaccinati, contro il 50 per cento degli elettori di Biden. Osservate anche il bilancio delle vittime: gli Stati democratici sono più simili al Canada o alla Germania rispetto alla Florida o del Texas:

zzz 285

 

 

 

 

 

 

 

 

Una pandemia molto variabile. Fonte: The New York Times, Our World in data

E a parte l’ammazzare le persone, come sapete, la ripresa del Covid provocata dalla politica sta provocando un pedaggio economico. Il rapporto sui posti di lavoro nel mese di agosto non è stato terribile – la ripresa non si è fermata – ma è stato deludente. E mentre c’è stata, come sempre, un po‘ di discussione su cosa esattamente i dati ci dicono, con alcuni economisti del lavoro che si rifiutano di attribuirla semplicemente alla variante Delta, l’ipotesi migliore è che la ripresa del virus sia stata il fattore di delusione maggiore, e la gente abbia dato un taglio al mangiar fuori, al viaggiare e a cose simili.

Per inciso, questo colpo economico ha avuto luogo nonostante l’assenza di cose come i lockdown che avevamo sperimentato in precedenza nella pandemia. Ci sono state molto poche nuove restrizioni sull’attività economica imposte dagli Stati e dai governi locali; alcune località hanno reimposto l’uso delle mascherine nel luoghi al chiuso, ma fare la spesa e persino volare con le mascherine è interamente fattibile. No, quello che sta accadendo è una cautela delle persone che si sta riaffermando per conto suo.

E il colpo all’economia non sembra neanche lontanamente così cattivo come quello che avevamo conosciuto nelle ondate precedenti di questa pandemia. La cattiva notizia è che in quelle precedenti ondate, l’America faceva un lavoro sorprendentemente positivo nell’aumentare gli aiuti a coloro che pagavano il prezzo della caduta. Questa volta non sta accadendo.

Data l’esperienza storica dell’America di non saper aiutare coloro che ne hanno bisogno, la nostra iniziale risposta alla pandemia è stata quasi miracolosamente positiva: sussidi di disoccupazione generosi, assegni spediti alla maggior parte delle famiglie, ampliamento di altri benefici. Perché è stato possibile politicamente? In parte, penso, perché agli inizi persino molti conservatori hanno considerato la disoccupazione pandemica come una decisione divina, non come un fallimento personale dei disoccupati. In parte, anche, perché i progressisti avevano idee su cosa fare, mentre l’Amministrazione Trump e i suoi alleati non sapevano dove metter le mani. Dunque ci fu qualcosa di simile all’effetto cosiddetto del: “Sì, Primo Ministro”: dobbiamo fare qualcosa, questo è qualcosa, dunque dobbiamo fare questo [2].

In ogni caso, il risultato è stato considerevole: nonostante grandi perdite di posti di lavoro, la povertà effettivamente si è ridotta.

zzz 286

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una miseria ridotta. Fonte: Centro sulla Povertà e sulla Politica Sociale della Columbia. [3]

Ma il più importante dei programmi di aiuto della pandemia, i sussidi di disoccupazione rafforzati, adesso si è estinto, senza nessuna prospettiva di rinnovarlo, dati i crudi divari politici e il ritorno dei repubblicani al loro tradizionale punto di vista secondo il quale aiutare i disoccupati li rende pigri. Se avessimo avuto l’ “estate di gioia” che avevamo promesso, la situazione non sarebbe così negativa. Ma la campagna di vaccinazione che ristagna – ancora, in gran parte anche se non interamente un fenomeno politico – ha alimentato una ripresa del virus che sta trattenendo l’economia, il che comporta che milioni di lavoratori sono ancora bloccati. E questa volta non stanno ricevendo l’aiuto di cui hanno bisogno.

Ora, c’è stato un intervallo lo scorso autunno per i sussidi di disoccupazione potenziati e, per la maggior parte, per le famiglie che ce l’hanno fatta: molti avevano accumulato risparmi nel 2020, e questo li ha sospinti fino a che i sussidi non sono stati ripristinati a dicembre. E forse, solo forse, questo finirà per provocare effetti non troppo negativi. Ci sono cenni secondo i quali la variante Delta sta calando, e una vigorosa crescita dei posti di lavoro può intervenire in tempo per salvare i disoccupati.

Ma forse no. La politica ci ha già regalato una tragedia completamente non necessaria: migliaia di morti che si potevano evitare nonostante la pronta disponibilità di vaccini salvavita. E, sopra tutto questo, potremmo essere vicini a patire una tragedia economica gratuita.

 

 

 

 

 

[1] La Tabella mostra – nel periodo dal  maggio agli inizi di settembre di quest’anno – il numero dei morti da Covid (per ogni milione i persone) negli Stati Uniti, in Canada e in Germania. Il tasso dei decessi negli Stati Uniti è a settembre circa dieci volte  quello negli altri due paesi.

[2] Un sillogismo del genere, anche noto come ‘sillogismo del politico’, comparve per la prima volta in un episodio sulla televisione britannica, in una serie che aveva per titolo “Sì, Primo Ministro”. Un po’ come dire che quando un politico ‘non sa che pesci prendere’ si allinea facilmente a comportamenti gregari dietro ai capi. In seguito, una condotta del genere ha acquistato quel titolo della trasmissione televisiva.

[3] La Tabella mostra i tassi mensili della povertà negli Stati Uniti. La riga a puntini con i valori più elevati mostra i livelli di povertà prima dei trasferimenti finanziari pubblici e i crediti di imposta; quella continua scura mostra i livelli della povertà senza gli aiuti per il Covid; quella celeste più in basso gli andamenti considerati gli aiuti per il Covid. I punti nei quali si segnala una ulteriore caduta dei livelli di povertà, indicano periodi caratterizzati dalla somministrazione materiale degli aiuti pubblici.

 

 

 

 

Una pandemia molto austriaca, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 3 settembre 2021)

settembre 5, 2021

 

Sept. 3, 2021

A Very Austrian Pandemic

By Paul Krugman

zz 898

Remember Austrian economics? In the aftermath of the 2008 financial crisis, a number of conservatives rejected Keynesian economic prescriptions and claimed instead to be devotees of the Austrian School, especially Friedrich Hayek.

It’s questionable how many of these self-proclaimed “Austrians” actually knew what they were endorsing. In general, when right-wingers talk about intellectual history, you want to fire up your fact-checking. For example, Mark Levin of Fox News has a best-selling book claiming not just that the current American left is in the thrall of European Marxists but more specifically that they’re followers of Herbert Marcuse and the Frankfurt School — except that he keeps calling it the “Franklin School.”

And the idea that there was a titanic intellectual battle in the 1930s between Hayek and John Maynard Keynes is basically fan fiction; Hayek’s views on the Great Depression didn’t get much intellectual traction at the time, and his fame came later, with the publication of his 1944 political tract “The Road to Serfdom.”

Nonetheless, there was an identifiable Austrian analysis of the Depression, shared by Hayek and other economists, including Joseph Schumpeter. Where Keynes argued that the Depression was caused by a general shortfall in demand, Hayek and Schumpeter argued that we were looking at the inevitable difficulties of adjusting to the aftermath of a boom. In their view, excessive optimism had led to the allocation of too much labor and other resources to the production of investment goods, and a depression was just the economy’s way of getting those resources back where they belonged.

This view had logical problems: If transferring resources out of investment goods causes mass unemployment, why didn’t the same thing happen when resources were being transferred in and away from other industries? It was also clearly at odds with experience: During the Depression and, for that matter after the 2008 crisis, there was excess capacity and unemployment in just about every industry — not slack in some and shortages in others.

This time, however, is different. Although we aren’t hearing much about Austrian economics these days, the pandemic really did produce an Austrian-style reallocation shock, with demand for some things surging while demand for other things slumped. You can see this even at a macro level: There was a huge increase in purchases of durable goods even as services struggled. (Think people buying stationary bikes because they can’t go to the gym. Hey, I did.)

zzz 280

 

 

 

 

 

 

 

 

A very weird slump.Credit…FRED

You can see it even more clearly in the details: Record vacancies in the market for office space, a crippling shortage of shipping containers.

So we’re finally having the kind of economic crisis that people like Hayek and Schumpeter wrongly believed we were having in the 1930s. Does this mean that we should follow the policy advice they gave back then?

No.

That’s the message of a paper by Veronica Guerrieri, Guido Lorenzoni, Ludwig Straub and Iván Werning that was prepared for this year’s Jackson Hole meeting — an important Federal Reserve conference that often produces influential research. (Fun fact: I’ve been blackballed from Jackson Hole since the early 2000s, when I had the temerity to criticize Alan Greenspan before it was fashionable.) Guerrieri et al. never explicitly mention the Austrians, but their paper can nonetheless be construed as a refutation of their policy prescriptions.

Hayek and Schumpeter were adamantly against any attempt to fight the Great Depression with monetary and fiscal stimulus. Hayek decried the use of “artificial stimulants,” insisting that we should instead “leave it to time to effect a permanent cure by the slow process of adapting the structure of production.” Schumpeter warned that “any revival which is merely due to artificial stimulus leaves part of the work of depressions undone.”

But these conclusions didn’t follow even if you accepted their incorrect analysis of what the Depression was all about. Why should the need to move workers out of a sector lead to unemployment? Why shouldn’t it simply lead to lower wages?

The answer in practice is downward nominal wage rigidity: Employers are really reluctant to cut wages, because of the effects on worker morale. Here’s the distribution of wage changes in 2009-10, from the linked paper:

zzz 281

 

 

 

 

 

 

 

 

Distribution of wage changes, 2009-10.Credit…Fallick et al

The big spike at zero represents large numbers of employers who had an abundance of job applicants but didn’t want to cut wages, so they just left them unchanged.

However, if wages can’t fall in the sector that needs to shrink, why can’t they increase in the sector that needs to expand? Sure, it would lead to a temporary rise in inflation — but that would be OK.

Guerrieri et al. argue, with a formal model to back them up, that the optimal response to a reallocation shock is indeed a very expansionary monetary policy that causes a temporary spike in inflation. Workers would still have an incentive to change jobs, because real wages would fall in their old jobs but rise elsewhere. But there wouldn’t have to be large-scale unemployment.

Maybe this was obvious from the start — or maybe not, because most of us were so focused on the wrongness of the Austrians’ diagnosis of the problem that we didn’t spend much time thinking about their solution. Now that we’ve finally had the shock Austrian economists kept imagining, we can see that they were still giving very bad advice.

And in case you’re wondering, the Fed, by accepting transitory inflation, is getting it right.

 

Una pandemia molto austriaca,

di Paul Krugman

 

Vi ricordate l’economia austriaca? Nel periodo successivo alla crisi finanziaria del 2008, un certo numero di conservatori respingevano le ricette economiche keynesiane e sostenevano piuttosto di essere seguaci della Scuola Austriaca, in particolare di Friedrich Hayek.

È opinabile quanti tra questi autoproclamatisi “austriaci” conoscessero effettivamente quello che stavano promuovendo. In generale, quando la destra parla di storia intellettuale, dovreste far partire le vostre verifiche. Ad esempio, Mark Levin di Fox News è autore di un libro molto venduto che sostiene che non solo l’attuale sinistra americana è alla mercè dei marxisti europei, ma più in particolare che essi sono seguaci di Herbert Marcuse e della Scuola di Francoforte – sennonché continua a chiamarla la “Scuola di Franklin”.

E l’idea che ci sia stata una battaglia intellettuale da titani negli anni ’30 tra Hayek e John Maynard Keynes è fondamentalmente una caricatura da dilettanti; le opinioni di Hayek sulla Grande Depressione a quel tempo non avevano molto seguito intellettuale, e la sua fama venne successivamente, con la pubblicazione nel 1944 del suo pamphlet politico “La strada verso la servitù”.

Ciononostante, esisteva una riconoscibile analisi austriaca della Depressione, condivisa da Hayek e da altri economisti, compreso Joseph Schumpeter. Laddove Keynes sosteneva che la depressione era provocata da una caduta generale della domanda, Hayek e Schumpeter sostenevano che eravamo in presenza di inevitabili difficoltà di aggiustamento che seguivano un grande espansione. Secondo la loro opinione, un ottimismo eccessivo aveva portato alla allocazione di troppa forza lavoro e di altre risorse nella produzione di beni di investimento, e una depressione era precisamente il modo in cui l’economia riportava al loro posto quelle risorse.

Questa tesi aveva problemi logici: se trasferire risorse fuori dai beni di investimento provocava la disoccupazione di massa, perché non era avvenuta la stessa cosa quando le risorse erano state trasferite in quei settori e allontanate da altre industrie? Essa era anche chiaramente contraddetta dalla esperienza: durante la Depressione e, per la stessa ragione dopo la crisi finanziaria del 2008, ci fu un eccesso di capacità e la disoccupazione in quasi tutti i settori industriali – non una fiacchezza in alcuni e una scarsità in altri.  

Questa volta, tuttavia, è diverso. Sebbene di questi tempi non si senta molto parlare di economia austriaca, la pandemia ha in effetti prodotto un trauma da riallocazione del genere ipotizzato dalla scuola austriaca, con la domanda per alcuni prodotti che cresce mentre la domanda per altri si è depressa. Lo si può vedere persino ad un livello macroeconomico: c’è stato un forte incremento degli acquisti di beni durevoli persino mentre i servizi erano in difficoltà (si pensi alle persone che acquistano biciclette da fermo perhè non possono andare nelle palestre. L’ho fatto anch’io.)

zzz 280

 

 

 

 

 

 

 

 

Una depressione molto strana. Fonte: FRED [1]

Questo si può osservare anche più chiaramente in alcuni dettagli: il record dei posti liberi nel mercato degli edifici per uffici, una carenza paralizzante di contenitori per le spedizioni via nave.

Dunque, stiamo avendo finalmente quel tipo di crisi economica che persone come Hayek e Schumpeter pensavano sbagliando che stessimo avendo negli anni ’30. Questo significa che dovremmo seguire i consigli di politica economica che essi allora ci fornivano?

Niente affatto.

È questo il messaggio di uno studio a cura di Veronica Guerrieri, Guido Lorenzoni, Ludwuig Straub e Iván Werning che è stato predisposto per l’incontro di quest’anno di Jackson Hole – una importante conferenza della Federal Reserve che produce spesso ricerche illuminanti (un fatto buffo: io ho avuto un ostracismo da Jackson Hole sin dagli anni 2000, quando ebbi la temerarietà di criticare Alan Greenspan prima che diventasse una moda [2]). Guerrieri e gli altri non fanno mai espliciti riferimenti agli ‘austriaci’, ma il loro studio può nondimeno essere considerato come una confutazione delle loro ricette politiche.

Hayek e Schumpeter furono risolutamente contrari ad ogni tentativo di combattere la Grande Depressione con lo stimolo monetario e della finanza pubblica. Hayek denunciava l’uso degli “stimolanti artificiali”, insistendo che avremmo invece dovuto “lasciare il tempo perché si effettuasse una cura permanente per il lento processo di adattamento della struttura della produzione”. Schumpeter metteva in guardia che “ogni ripresa che sia meramente dovuta allo stimolo artificiale lascia una parte del lavoro delle depressioni incompiuta”.

Ma queste conclusioni non erano conseguenti neppure se si accetta la loro scorretta analisi sulla natura della Depressione. Perché il bisogno di dover spostare da un settore i lavoratori dovrebbe portare alla disoccupazione? Perché non dovrebbe comportare semplicemente salari più bassi?

In pratica la risposta è la rigidità dei salari nominali verso il basso: i datori di lavoro sono in realtà riluttanti a tagliare i salari, a causa degli effetti sul morale dei lavoratori. Ecco la distribuzione dei mutamenti salariali negli anni 2009-10, dallo studio connesso:

zzz 281

 

 

 

 

 

 

 

 

Distribuzione dei cambiamenti di salario. Fonte: Fallick ed altri [3]

Il grande picco allo zero rappresenta l’ampio numero di datori di lavoro che avevano una abbondanza di candidati al posto di lavoro, ma essi non vollero tagliare i salari, dunque li lasciarono proprio immutati.

Tuttavia, se i salari non possono scendere nel settore che ha bisogno di restringersi, perché non possono aumentare nel settore che ha bisogno di espandersi? Di sicuro, ciò porterebbe ad una crescita temporanea dell’inflazione – ma sarebbe una cosa positiva.

Guerrieri e gli altri sostengono, con un modello formale a loro sostegno, che la risposta ottimale ad uno shock di riallocazione è in effetti una politica monetaria molto espansiva che provochi un picco temporaneo nell’inflazione. I lavoratori avrebbero comunque un incentivo a cambiare posto di lavoro, perché i salari reali cadrebbero nelle loro vecchie occupazioni ma crescerebbero altrove. Ma non ci sarebbe obbligatoriamente una disoccupazione su larga scala.

Forse questo era evidente dagli inizi – o forse no, perché la maggioranza di noi era così concentrata sulla erroneità della diagnosi del problema da parte degli austriaci, che non spendevamo molto tempo a pensare alla loro soluzione. Ora che finalmente abbiamo avuto lo shock che gli economisti austriaci continuavano a immaginare, possiamo constatare che essi ci fornivano comunque un pessimo consiglio.

E nel caso ve lo stiate chiedendo, la Fed, accettando la tesi di una inflazione transitoria, sta facendo la cosa giusta.

 

 

 

 

 

[1] La riga blu nella Tabella indica l’andamento delle spese per consumi su beni durevoli negli anni 2020 e 2021, mentre la linea rossa indica l’andamento delle spese nel settore dei servizi.

[2] Alan Greenspan fu Presidente della FED per circa venti anni, nominato da Reagan, confermato da Clinton sino ad una nomina finale (la quinta) con Bush. Un giudizio fortemente critico sulla sua Presidenza venne in pratica soprattutto in seguito.

[3] Suppongo che la Tabella mostri l’andamento dei mutamenti nei salari complessivi, che naturalmente ebbero un gran cambiamento negli anni 2009-10 per effetto della fine della recessione, ma poi rimasero stabili.

 

 

 

 

L’acquisto dei cervelli degli americani, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 31 agosto 2021)

settembre 4, 2021

 

Aug. 31, 2021

The Buying of the American Mind

By Paul Krugman

zz 898

Today’s column was inspired by the latest twist in our still shambolic response to Covid — the continuing refusal of many Americans to get vaccinated and the insistence of some of them on swallowing horse paste instead. I tried to link this horrifying, if comic, development to the long relationship between right-wing extremism and patent medicine. But I didn’t have space to put this in the broader context of how money influences politics and policy.

The simple fact is that none of us are saints. Even those who claim to be working for the common good can be and often are influenced by the prospect of personal reward. As conservative economists like to say, incentives matter.

Indeed, it’s usually conservative economists who make this point most strongly. Half a century ago George Stigler of the University of Chicago published a hugely influential paper titled “The theory of economic regulation,” which argued that government regulators — like the boards setting rules for electricity generation and pricing — weren’t like the wise, selfless guardians of Plato’s “Republic”; they were human and hence subject to influence, which in practice meant that regulators were often captured by the very industries they were supposed to regulate.

It was a good point, if perhaps too extreme — regulators may not be saints, but they aren’t always purely creatures of self-interest either. But it was too narrowly applied. Stigler’s followers have used his logic to make the case against regulation, arguing that regulators will be corrupted by special interests. But why restrict that insight to government officials? In particular, why not apply it to their own political movement?

After all, surely the same logic that applies to regulators also applies to politicians and pundits, including those on the right who denounce regulation. And for that matter, it applies to intellectuals too, especially in those situations where the possible rewards for expressing the “right” opinions go beyond prestige and promotion into the realm of cold, hard cash.

And as far back as I can remember, the world of conservative opinion and thought has, in fact, consisted largely of bought men and women. (I’ll talk about liberals in a minute.)

I don’t think it was always thus. I’m not a huge fan of Milton Friedman’s legacy, but I do believe that he — and for that matter, Stigler — said what they did out of genuine, unforced conviction. Things have, however, changed since their heyday. In fact, they’ve changed twice.

First came the rise of “movement conservatism” — a highly organized set of interlocking institutions, all backed by billionaires and big corporations, of which the Republican Party was only one piece. There were also media organizations, especially Fox, think tanks like the Heritage Foundation and more. By the aughts (we never did come up with a better name for this century’s first decade), these institutions had created a safe space, a guarantee of a stable and fairly lucrative career, for people willing to say the right things — tax cuts good, regulation bad — and not rock the boat.

I never thought I’d be nostalgic for the era when big money ruled the right. But traditional corporate influence looks benign compared with where we are now. At this point, to be a conservative in good standing you have to pledge allegiance to blatant lies — Democrats are Marxists, the election was stolen, basic public health measures are sinister assaults on freedom.

Why are so many people who have to know better willing to go along with these lies? Again, self-interest — partly ambition, and yes, partly financial reward. Obviously the snake-oil industry doesn’t have anything like the resources of more respectable Republican-leaning industries like fossil fuels or tobacco. But it offers more opportunities for personal enrichment: Ben Shapiro is presumably well paid for hawking “superfoods” in a way he couldn’t be for, say, promoting oil wells.

OK, what about liberals? They’re people too, with all the usual human flaws; there are plenty of prominent liberals who I know personally to be driven by ego and to some extent by monetary considerations, people like … actually, not going there. But they live in a different environment from conservatives.

The old Will Rogers line — “I am not a member of any organized political party — I am a Democrat” — still applies. Political science research confirms that the Republican Party, and conservatism in general, is an ideological monolith, albeit one largely under new management. Democrats and the center-left in general, by contrast, are a loose coalition, and to prosper in that coalition you have to satisfy multiple constituencies. This makes it harder to sell your soul, because it’s not clear who you’re supposed to sell it to.

In the subculture I know best, politically active economists, those on the left, no matter how passionate they are about their politics — and no matter how self-centered — feel the need to retain academic credibility and, for those who do consulting, credibility with serious business interests. (See, I told you nobody is a saint.) Many of my economist friends look very favorably on President Biden’s policies, but they wouldn’t risk their reputations by claiming that Biden has Nobel-quality economic insight — or selling nutritional supplements.

So the blend of craziness and corruption taking place on the American right is special, without anything comparable on the left. Don’t both-sides this.

 

L’acquisto dei  cervelli degli americani,

di Paul Krugman

 

L’articolo di oggi era ispirato all’ultima svolta nella nostra caotica risposta al Covid – il continuo rifiuto di molti americani di vaccinarsi e l’insistenza di alcuni di loro ad ingoiare piuttosto un impasto per cavalli [1]. Ho cercato di collegare questo tremendo, seppur comico, sviluppo alla lunga relazione tra l’estremismo di destra e le medicine miracolose. Ma non avevo spazio per inserirlo nel più ampio contesto di come il denaro influenzi la politica e la amministrazione.

Il fatto semplice è che nessuno di noi è santo. Persino coloro che sostengono di lavorare per il bene comune possono essere e spesso sono influenzati dalla prospettiva di riconoscimenti personali. Come amano dire gli economisti conservatori, gli incentivi sono importanti.

In effetti, di solito sono gli economisti conservatori che insistono con maggiore forza su questo punto. Mezzo secolo fa George Stigler dell’Università di Chicago pubblicò uno studio ampiamente influente dal titolo “La teoria della regolamentazione economica”, nel quale sosteneva che i regolatori dei governi – come i comitati che stabiliscono regole per la produzione e i prezzi dell’elettricità – non erano saggi e altruisti come i sorveglianti della “Repubblica” di Platone; erano esseri umani e, di conseguenza, soggetti ad essere influenzati, il che in pratica comportava che i regolatori erano spesso alla mercè proprio delle industrie che si supponeva regolassero.

Era un buon argomento, anche se forse troppo radicale – i regolatori possono non essere santi, ma non sono neanche meramente soggetti all’interesse personale. Ma era applicato troppo rigidamente. I seguaci di Stigler hanno utilizzato la sua logica per prendere posizione contro le regolamentazioni, sostenendo che i regolatori possono essere corrotti da interessi particolari. Ma perché limitare questa ipotesi agli ufficiali di Governo? In particolare, perché non applicarla ai loro stessi movimenti politici?

Dopo tutto, di sicuro la stessa logica che si applica ai regolatori si applica anche ai politici ed ai commentatori, compresi coloro che a destra denunciano i regolamenti. E per lo stesso motivo, si applica anche agli intellettuali, specialmente in quelle situazioni nelle quali i premi per aver espresso le opinioni “giuste” vanno oltre il prestigio e la promozione, sin dentro alla sfera del denaro sonante.

E per quanto possa rammentare del lontano passato, il mondo delle opinioni e del pensiero conservatore, di fatto, è consistito in buona parte di uomini e donne comprati (parlerò tra un attimo dei progressisti).

Non penso che sia sempre stato così. Non sono un grande cultore della eredità di Milton Friedman, ma credo che lui – e del resto Stigler – dicesse quello che diceva per intima e libera convinzione. Da quei tempi, tuttavia, le cose sono cambiate. In sostanza, sono cambiare due volte.

Dapprima venne l’ascesa del “movimento del conservatorismo” – un complesso altamente organizzato di istituzioni intrecciate, tutte sostenute da miliardari e da grandi società, delle quali il Partito Repubblicano era solo una parte. C’erano anche agenzie giornalistiche, in particolare Fox, gruppi di esperti come la Fondazione Heritage e altro. Con gli anni ‘zero’ (non abbiamo mai trovato un nome migliore per questo primo decennio del secolo), queste istituzioni avevano creato uno spazio sicuro, una garanzia di carriere stabili e abbastanza remunerative, per le persone disposte a dire le cose giuste – gli sgravi fiscali sono buoni, i regolamenti sono cattivi – e a non agitare le acque.

Non ho mai pensato che sarei diventato nostalgico per l’epoca nella quale il grande capitale comandava sulla destra. Ma la tradizionale influenza delle grandi società appare innocua al confronto di dove siamo finiti oggi. A questo punto, per essere conservatori in una buona posizione si deve promettere fedeltà a sfacciate bugie – i democratici sono marxisti, le elezioni sono state rubate, le misure fondamentali della sanità pubblica sono sinistri assalti alla libertà.

Perché tante persone che non possono non saperne di più sono disponibili a procedere con queste menzogne? Di nuovo, l’auto gratificazione. Ovviamente, il settore delle pozioni miracolose non ha niente di simile alle risorse dei settori più rispettabili di tendenze repubblicane come i combustibili fossili e il tabacco. Ma offre più opportunità di arricchimento personale: presumibilmente Ben Shapiro è ben pagato per fare il rivenditore di “superalimenti” quanto non potrebbe esserlo, ad esempio, promuovendo i pozzi petroliferi.

E dunque, che dire dei progressisti? Sono anche essi persone, con tutti i comuni difetti degli esseri umani; c’è una gran quantità di eminenti progressisti che conosco personalmente che sono guidati dall’ego e in qualche misura da considerazioni monetarie, persone come … in effetti, meglio non addentrarsi. Ma vivono in una ambiente diverso da quello dei conservatori.

La vecchia frase di Will Rogers [2] – “Io non sono membro di qualche partito politico organizzato – sono un democratico” – vale ancora. La ricerca dei politologi conferma che il Partito Repubblicano, e il conservatorismo in generale, sono un monolite ideologico, sebbene in buona parte sotto una nuova gestione. I democratici e il centro sinistra in generale, all’opposto, sono una larga coalizione, e per prosperare in quella coalizione  si devono soddisfare basi elettorali molteplici. Questo rende più difficile vendersi l’anima, perché non è chiaro a chi eventualmente la state vendendo.

Nella sottocultura che conosco meglio, gli economisti politicamente attivi, quelli di sinistra, non conta quanto sono infervorati alla loro politica – e non conta quanto sono egocentrici – sentono il bisogno di conservare una credibilità accademica e, per quelli che fanno consulenze, di una credibilità con gli interessi di imprese serie (vedete, l’avevo detto che nessuno è santo). Molti dei miei amici economisti guardano con molto favore alle politiche del Presidente Biden, ma non rischierebbero le loro reputazioni sostenendo che Biden ha intuizioni economiche della qualità di un premio Nobel [3] – oppure vendendo integratori alimentari.

Dunque la mescolanza di follia e di corruzione che sta mettendo radici nella destra americana è speciale, senza niente di paragonabile alla sinistra. In questo caso, non dite che sono tutti uguali.

 

 

 

 

 

[1] Probabilmente il riferimento è all’ivermetcina, il farmaco antiparassitario usato per sverminare animali, ed anche cavalli, consigliato da vari personaggi della destra americana come terapia del Covid.

[2] Will Rogers, nato William Penn Adair Rogers (Oologah4 novembre 1879 – Barrow15 agosto 1935), è stato un attorecomico e giornalista statunitense di origini cherokee. Conosciuto come figlio prediletto dell’Oklahoma, Rogers nacque da una famiglia benestante del Territorio indiano e imparò a cavalcare e usare il lazo così bene che fu annoverato sul Guinness Book of World Records per l’aver lanciato tre lacci simultaneamente — uno al collo di un cavallo, un altro al collo del cowboy che lo cavalcava, e un terzo attorno alle quattro zampe del cavallo stesso.

Nel corso della sua vita, viaggiò tre volte intorno al mondo, si unì per breve tempo alla troupe dello spettacolo Ziegfeld Follies, interpretò 71 film (50 film muti e 21 “sonori“), scrisse più di 4.000 editoriali a diffusione nazionale,[3] diventando una notissima personalità internazionale.

Per tutti gli anni venti e trenta Rogers fu il beneamato del pubblico americano e una delle star più pagate nella Hollywood di quei tempi. Durante un giro del mondo col famoso pilota Wiley Post Rogers morì, quando il loro rappezzato Lockheed Orion si schiantò nei pressi di BarrowAlaska nel 1935. Wikipedia

zzz 283

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[3] Uno dei complimenti che è stato rivolto a Trump da economisti della destra.

 

 

 

 

La gentrificazione dell’America democratica, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 27 agosto 2021)

agosto 31, 2021

 

Aug. 27, 2021

The Gentrification of Blue America

By Paul Krugman

zz 898

In my latest column, motivated by the California recall, I pointed out that the Golden State’s left turn on policy hasn’t produced the economic collapse that conservatives predicted. On the contrary, the state’s economy has boomed, even as it keeps getting trash-talked by the business press: Between the election of Jerry Brown and the Covid-19 pandemic, both output and employment grew about as fast in California as they did in Texas.

It has, however, been a peculiar kind of boom, one in which more Americans have moved out of California than have moved in.

Economists trying to understand the rise and fall of regions within a country often rely on some form of economic base analysis. The idea is that a region’s overall growth is determined by the performance of its export industries — that is, industries that sell mainly to customers outside the region, such as the technology firms of Silicon Valley and the Los Angeles entertainment complex (or, here in New York, the financial industry). Growth in these industries, however, generates a lot of growth in other sectors, from health care to retail trade, driven by the local spending of the base industries’ companies and employees.

But base analysis suggests that when a state has a booming export sector, as California does, it should be seeing growth in more or less everything. Instead, what we see in California is that while highly educated workers are moving in to serve the tech boom, less-educated workers are moving out:

zzz 271

 

 

 

 

 

 

 

 

A giant Brooklyn Heights?Credit…Public Policy Institute of California

There’s no great mystery about why this is happening: It’s because of housing. California is very much a NIMBY state, maybe even a BANANA (build absolutely nothing anywhere near anyone) state. The failure to add housing, no matter how high the demand, has collided with the tech boom, causing soaring home prices, even adjusted for inflation:

zzz 272

 

 

 

 

 

 

 

 

The Golden State becomes the Unaffordable State.Credit…FRED

And these soaring prices are driving less affluent families out of the state.

One way to think about this is to say that California as a whole is suffering from gentrification. That is, it’s like a newly fashionable neighborhood where affluent newcomers are moving in and driving working-class families out. In a way, California is Brooklyn Heights writ large.

Yet it didn’t have to be this way. I sometimes run into Californians asserting that there’s no room for more housing — they point out that San Francisco is on a peninsula, Los Angeles ringed by mountains. But there’s plenty of scope for building up.

If we look at population-weighted density — the population density of the neighborhood in which the average person lives — we find that greater New York is two and a half times as dense as the San Francisco and Los Angeles metro areas, with more than 30,000 people per square mile in New York and only around 12,000 in both California metros. This doesn’t mean that every New Yorker lives in a high-rise (the metro area includes plenty of leafy green suburbs); it means only that those who choose to live in multistory apartment buildings can do so. If California were willing to offer that choice, it wouldn’t have its housing crisis.

Personal aside: My New York apartment is in a neighborhood that, according to census data, has 60,000 residents per square mile, with many 10-plus-story buildings. It’s not a teeming sea of humanity; it’s surprisingly quiet and genteel!

The thing is, California’s housing problem, while especially extreme, isn’t unique.

Since the 1980s America has experienced growing regional divergence. We have become a knowledge economy driven by industries that rely on a highly educated work force, and firms in those industries, it turns out, want to be located in places where there are a lot of highly educated workers already — places like the Bay Area.

Unfortunately, most of these rising knowledge-industry hubs also severely limit housing construction; this is true even of greater New York, which is much denser than any other U.S. metropolitan area but could and should be even denser. As a result, housing prices in these metros have soared, and working-class families, instead of sharing in regional success, are being driven out.

The result is that there are now, in effect, two Americas: the America of high-tech, high-income enclaves that are unaffordable for the less affluent, and the rest of the country.

And this economic divergence goes along with political divergence, mainly because education has become a prime driver of political affiliation.

It may seem hard to believe now, but as recently as the early 2000s college graduates leaned Republican. Since then, however, highly educated voters — who have presumably been turned off by the G.O.P.’s embrace of culture wars and its growing anti-intellectualism — have become overwhelmingly Democratic, while non-college-educated whites have gone the other way.

As a result, the two Americas created by the collision of the knowledge economy and NIMBYism correspond fairly closely to the blue-red division: Democratic-voting districts have seen a big rise in incomes, while G.O.P. districts have been left behind:

zzz 273

 

 

 

 

 

 

 

 

One nation, increasingly divided.Credit…Brookings Institution

Again, this didn’t have to happen, at least not to this extent. True, the growing concentration of knowledge industries in a few metropolitan areas reflects deep economic forces that are hard to fight. But not building enough housing to accommodate this concentration and share its benefits is a policy choice, one that is deepening our national divisions.

There are hints of movement toward less restrictive housing policy; California’s legislature has just passed a bill that would, in essence, force suburbs to accept some two-unit buildings alongside single-family homes. Even this modest measure would make it possible to add around 700,000 housing units — roughly the same number added in the whole state between 2010 and 2019.

We need much more of this. Restrictive housing policy doesn’t get nearly as much attention in national debates as it deserves. It is, in fact, a major force pulling our nation apart.

 

La gentrificazione dell’America democratica,

di Paul Krugman  

Nel mio ultimo articolo, provocato dalla possibilità della ‘revoca’ del Governatore della California, ho messo in evidenza come la svolta a sinistra nello Stato dell’Oro non abbia prodotto il collasso economico che i conservatori avevano previsto. Al contrario, l’economia dello Stato ha avuto una forte espansione, anche se continua a ricevere un trattamento miserabile sulla stampa economica: tra le elezioni di Jerry Brown e la pandemia del Covid-19, sia la produzione che l’occupazione sono cresciute in California circa alla stessa velocità che nel Texas.

Tuttavia, essa ha avuto un tipo particolare di espansione, per il quale sono stati più gli americani che se ne sono andati dalla California di quelli che ci sono andati a vivere.

Gli economisti, nel cercar di comprendere la crescita e la caduta delle regioni all’interno di un paese spesso si basano su una qualche forma di analisi economica definita ‘di base’ [1]. L’idea è che la crescita complessiva di una regione sia determinata dalle prestazioni delle sue industrie di esportazione – ovvero, industrie che vendono principalmente a clienti fuori della regione, come le imprese tecnologiche della Silicon Valley e il complesso della attività di intrattenimento di Los Angeles (oppure, qua a New York, il settore finanziario). La crescita di queste industrie, tuttavia, genera molta crescita in altri settori, dalla assistenza sanitaria al commercio al dettaglio, guidata dalla spesa locale delle società e degli occupati dei settori ‘di base’.

Ma l’analisi ‘ di base’ suggerisce che quando uno Stato ha un settore delle esportazioni in forte espansione, come la California, dovrebbe registrare una crescita più o meno dappertutto. Invece quello che si osserva in California è che mentre i lavoratori altamente istruiti si trasferiscono in quel posto al servizio della espansione tecnologica, quelli meno istruiti se ne vanno:

zzz 271

 

 

 

 

 

 

 

Una gigantesca Zona Alta di Brooklyn? Fonte: Istituto di politica pubblica della California [2]

Non c’è alcun particolare mistero sulla ragione per la quale sta avvenendo questo: dipende dagli alloggi. La California è davvero uno Stato NIMBY [3], forse persino uno Stato BANANA [4] (“non costruire assolutamente niente vicino a qualcuno”). L’incapacità ad aumentare le abitazioni, a prescindere da quanto sia alta la domanda, ha colliso con il boom della tecnologia, provocando prezzi in forte crescita delle abitazioni, ancorché corretti per l’inflazione:

zzz 272

 

 

 

 

 

 

 

Lo Stato dell’Oro diventa uno Stato che non ci si può permettere. Fonte: FRED [5]

E questi prezzi in forte crescita sono quelli che espellono le famiglie meno benestanti dallo Stato.

Un modo per riflettere su tutto questo è dire che la California nel suo complesso sta soffrendo un fenomeno di gentrificazione [6]. Ovvero, è simile ad un quartiere diventato di recente attraente dove i nuovi venuti benestanti si trasferiscono spostando fuori le famiglie della classe lavoratrice. In un certo senso, la California è come il quartiere di Brooklyn Heights su scala maggiore.

Tuttavia, non doveva andare in questo modo. Talvolta mi imbatto in californiani che sostengono che non c’è spazio per maggiori alloggi – essi mettono in evidenza che San Francisco è su una penisola, che Los Angeles è accerchiata da montagne. Eppure c’è molto spazio per costruire verso l’alto.

Se guardiamo alla densità rapportata alla popolazione – la densità della popolazione dei quartieri nei quali vivono in media le persone – scopriamo che la città metropolitana di New York è due volte e mezza più densa delle aree metropolitane di San Francisco e di Los Angeles, con 30.000 persone per miglio quadrato [7] a New York contro solo 12.000 in entrambe le aree metropolitane della California. Questo non significa che ogni newyorkese viva in edifici a molti piani (l’area metropolitana comprende una quantità di frondose periferie verdi); significa soltanto che coloro che scelgono di vivere in edifici a più piani per appartamenti possono farlo. Se la California fosse disponibile ad offrire  quella scelta, non avrebbe la sua crisi degli alloggi.

Un inciso personale: il mio appartamento a New York è in un quartiere che, secondo i dati del censimento, ha 60.000 residenti per miglio quadrato, con molti edifici con più di dieci piani. Non è una marea di brulicante umanità; è sorprendentemente quieto ed elegante.

La questione è che il problema degli alloggi della California, se è particolarmente acuto, non è unico.

A partire dagli anni ’80 l’America ha conosciuto una crescente divergenza tra le regioni. Siamo diventati un’economia della conoscenza guidata da settori industriali che si basano su una forza lavoro altamente istruita e le imprese in quei settori, si scopre, vogliono essere collocate in luoghi che sono già di lavoratori altamente istruiti – luoghi come l’Area della Baia [8].

Sfortunatamente, la maggioranza di questi centri in crescita dell’industria della conoscenza pongono anche gravi limiti alla costruzione di alloggi; questo è vero persino per l’area metropolitana di New York, che è molto più densa di ogni altra area metropolitana statunitense ma potrebbe e dovrebbe essere persino più densa. Di conseguenza, i prezzi delle abitazioni in questa aree metropolitane sono saliti alle stelle, e le famiglie delle classi lavoratrici, anziché condividere il successo regionale, sono sospinte fuori.

Il risultato è che, in effetti, adesso ci sono due Americhe: l’America dell’alta tecnologia, enclave ad alto reddito che sono proibitive per i meno abbienti, e il resto del paese.

E questa divergenza economica procede assieme ad una divergenza politica, principalmente perché l’istruzione è diventata un fattore principale di affiliazione politica.

Adesso può sembrare difficile crederlo, ma ancora agli inizi degli anni 2000 i laureati erano di prevalenti tendenze repubblicane. Da allora, tuttavia, gli elettori altamente istruiti – che presumibilmente sono stati allontanati dall’abbraccio da parte del Partito Repubblicano delle guerre ideologiche e dal suo crescente anti intellettualismo – sono diventati a grande maggioranza democratici, mentre i bianchi privi di istruzione universitaria sono andati per un’altra strada.

Di conseguenza, le due Americhe create dalla collisione tra l’economia della conoscenza e il Nimbysmo corrispondono abbastanza da vicino alla divisione tra democratici e repubblicani: i distretti che votano democratico hanno conosciuto una grande crescita nei redditi, mentre i distretti repubblicani sono stati lasciati indietro:

zzz 273

 

 

 

 

 

 

 

Una nazione sempre più divisa. Fonte: Brookings Institution [9]

Ma non costruire alloggi a sufficienza per contenere questa concentrazione e distribuire i suoi benefici è una scelta politica, che approfondisce le nostre divisioni nazionali.

Ci sono segnali di uno spostamento verso una politica degli alloggi meno restrittiva; l’assemblea legislativa della California ha appena approvato una proposta di legge che, in sostanza, costringerebbe le periferie ad accettare edifici per due unità abitative assieme ad abitazioni per famiglie singole. Persino una misura così modesta renderebbe possibile un aumento di circa 700.000 unità abitative – grosso modo l’intera cifra aumentata nello Stato nel suo complesso dal 2010 al 2019.

Abbiamo bisogno di molto più di questo. La politica restrittiva degli alloggi non ha neanche lontanamente l’attenzione che merita nei dibattiti nazionali. Essa, di fatto, è un fattore importante che disgrega la nostra nazione.

 

 

 

 

 

 

[1] Il termine non ha il significato ‘generico’ che parrebbe; è un teoria che giustifica un metodo di calcolo delle prestazioni economiche di una regione che si basa su una distinzione tra attività ‘di base’ – quelle connesse con le esportazioni e con le attività che attraggono reddito dall’esterno – e attività ‘non di base’, che dipendono dalle condizioni commerciali locale e sostengono le prime.

[2] La tabella mostra per due periodi – dal 2010 al 2014 e dal 2015 al 2019 – gli incrementi e le perdite dei lavoratori tra 20 e 64 anni, che hanno rispettivamente un livello di istruzione inferiore ad una laurea triennale (quelli nei segmenti verdi, che diminuiscono) oppure superiore (con laurea triennale o superiore, nei segmenti in nero, che aumentano).

Come si osserva, non solo la fuga dei lavoratori con redditi più bassi è elevata, ma prosegue ed aumenta negli ultimi quattro anni.

Il riferimento alla Zona Alta di Brooklyn, indica il possibile confronto con un quartiere di New York generalmente abitato da benestanti e con livelli elevati di comfort sociali ed ambientali.

[3] Il fenomeno del NIMBY – un acronimo che possiamo tradurre con “Non vicino a casa mia” e che forse è preferibile non cercare di tradurre– è il risultato di una opposizione generalizzata dei cittadini, e conseguentemente delle regole urbanistiche locali, ai nuovi insediamenti, sia di abitazioni che di servizi collettivi.

[4] In genere per Stato “Banana” si intende qualcosa d’altro (realtà con istituzioni fallimentari e con economie basate su una o due merci di esportazione. Il termine venne coniato, agli inizi, in riferimento all’Honduras). Ma in questo caso il termine esprime la passione molto americana, e un pochino scema, per gli acronimi: BANANA è l’acronimo della frase tradotta tra parentesi.

[5] La tabella mostra un confronto tra gli andamenti generali dell’indice dei prezzi nelle città statunitensi, e l’andamento dei prezzi degli alloggi in un’area della California.

[6] “Riqualificazione e rinnovamento di zone o quartieri cittadini, con conseguente aumento del prezzo degli affitti e degli immobili e migrazione degli abitanti originari verso altre zone urbane”. Treccani.

[7] Un miglio quadrato è pari a 2,589 chilometri quadrati.

[8] L’area metropolitana di San Francisco, che comprende otto contee con al centro San Francisco, una penisola che si allunga sulla Baia e sul Pacifico, a oriente il centro universitario di Berkeley e a sud la Silicon Valley.

[9] Le linee blu indicano gli andamenti – suppongo del complesso dei distretti elettorali – democratici, mentre quelle rosse quelli repubblicani. A sinistra gli andamenti del PIL procapite, a destra quelli dei redditi mediani delle famiglie.

 

 

 

 

Tesoro, chi ha ristretto il mondo? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 20 agosto 2021)

agosto 26, 2021

 

Aug. 20, 2021

Honey, Who Shrunk the World?

By Paul Krugman

zz 898

When I was in my 30s, my parents gave me a sweatshirt bearing the words “Global shmobal.” At the time, I was going to many economics conferences; when my parents would ask me what the latest conference was about, I apparently always replied, “Global shmobal.”

What I didn’t know at the time was that the global was about to get even shmobaler. In the mid-1980s, world trade had recovered from the disruptions and protectionism of the interwar period, but exports as a share of world G.D.P. were still back only to around their level in 1913. Starting around 1988, however, there was a huge surge in trade — sometimes referred to as hyperglobalization — that leveled off around 2008 but left the world’s economies much more integrated than ever before:

zzz 266

 

 

 

 

 

 

 

 

Exports as percentage of world G.D.P.Credit…World Bank

This tight integration has played an important background role in pandemic economics. Vaccine production is very much an international enterprise, with production of each major vaccine relying on inputs from multiple nations. On the downside, our reliance on global supply chains has introduced forms of economic risk: One factor in recent inflation has been a worldwide shortage of shipping containers.

But how did we get so globalized? There are, it seems to me, two main narratives out there.

One narrative stresses the role of technology, especially the rise of containerized shipping (which is why the box shortage is a big deal). As the work of David Hummels, maybe the leading expert on this subject, points out, there has also been a large decline in the cost of air transport, which is a surprisingly big factor: Only a tiny fraction of the tonnage that crosses borders goes by air, but air-shipped goods are, of course, much higher value per pound than those sent by water, so airplanes carry around 30 percent of the value of world trade.

By the way, pharmaceuticals, presumably including Covid-19 vaccine ingredients, are mainly shipped by air:

zzz 267

 

 

 

 

 

 

 

 

This is what it looks like when drugs fly.Credit…Brookings

An alternative narrative, however, places less weight on technology than on policy. That’s the narrative one often sees associated with Trumpists (although they’re not the only ones with something like this view): Globalists pushed to open our borders to imports, and that’s why foreign goods have flooded into our economy.

And the truth is that from the 1930s up to Donald Trump, the U.S. government did, in fact, pursue a strategy of negotiating reductions in tariffs and other barriers to trade, in the belief that more trade would both foster economic growth and, by creating productive interdependence among nations, promote world peace.

But the long-run push toward more open trade on the part of the United States and other advanced economies mostly took place before hyperglobalization; tariffs were already very low by the 1980s:

zzz 268

 

 

 

 

 

 

 

 

Tariffs over time.Credit…USITC

While there weren’t big changes in the policies of advanced economies, however, there was a trade policy revolution in emerging markets, which had high rates of protection in the early 1980s, then drastically liberalized. Here’s the World Bank estimate of average tariffs in low and middle-income countries:

zzz 269

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Average tariffs in low- and middle-income nations.Credit…World Bank

You might ask why a reduction in emerging-market tariffs — taxes on imports — should lead to a surge in emerging-market exports. So let’s talk about the Lerner symmetry theorem — or, actually, let’s not and just say that tariffs eventually reduce exports as well as imports, typically by leading to an overvalued currency that makes exporters less competitive. And conversely, slashing tariffs leads to more exports. Basically, nations can choose to be inward-looking, trying to develop by producing for the domestic market, or outward-looking, trying to develop by selling to the rest of the world.

What happened in much of the developing world during the era of hyperglobalization was a drastic turn toward outward-looking policies. What caused that trade policy revolution and hence helped cause hyperglobalization itself?

The immediate answer, which may surprise you, is that it was basically driven by ideas.

For more than a generation after World War II, it was widely accepted, even among mainstream economists and at organizations like the World Bank, that nations in the early stages of development should pursue import-substituting industrialization: building up manufacturing behind tariff barriers until it was mature enough to compete on world markets.

By the 1970s, however, there was broad disillusionment with this strategy, as observers noted the disappointing results of I.S.I. (yes, it was so common that economists routinely used the abbreviation) and as people began to notice export-oriented success stories like South Korea and Taiwan.

So orthodoxy shifted to a much more free-trade set of ideas, the famous Washington Consensus. (Catherine Rampell suggests that should be the new name for D.C.’s football team. Nerds of the world, unite!) The new orthodoxy also delivered its share of disappointments, but that’s a story for another time. The important point, for now, is that the change in economic ideology led to a radical change in policy, which played an important role in surging world trade: We wouldn’t be importing all those goods from low-wage countries if those countries were still, like India and Mexico in the 1970s, inward-looking economies living behind high tariff walls.

There are, I think, two morals from this story.

First, ideas matter. Maybe not as much as John Maynard Keynes suggested when he asserted that “it is ideas, not vested interests, which are dangerous for good or evil,” but they can have huge effects.

Second, it’s a corrective against American hubris. We still tend, far too often, to imagine that we can shape the world as we like. But those days are long gone, if they ever existed. Hyperglobalization was made in Beijing, New Delhi and Mexico City, not in D.C.

 

Tesoro, chi ha ristretto il mondo?

Di Paul Krugman

 

Quando avevo trent’anni, i miei genitori mi regalarono una felpa con su scritto “Global shmobal” [1]. In quel periodo, andavo a molte conferenze economiche; quando i miei genitori mi chiedevano l’oggetto dell’ultima conferenza, pare che io rispondessi sempre dicendo: “Stupidità globale”.

Quello che a quel tempo non sapevo era che il ‘globale’ stava diventando persino più folle. A metà degli anni ’80, il commercio globale si era ripreso dalle perturbazioni e dal protezionismo del periodo tra le due guerre, ma le esportazioni come quota del PIL mondiale erano comunque tornate soltanto a circa il loro livello del 2013. A partire dal 2008, tuttavia, c’era stata una grande crescita del commercio – talvolta riferita come iperglobalizzazione – che si era stabilizzata attorno al 2008 ma aveva lasciato le economie del mondo molto più integrate che mai in precedenza:

zzz 266

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esportazioni come percentuale del PIL del mondo. Fonte: Banca Mondiale

Questa stretta integrazione ha giocato ruolo sullo sfondo dell’economia pandemica. La produzione dei vaccini è un’impresa davvero molto internazionale, con la produzione di ciascun principale vaccino che si basa su componenti di varie nazioni. Dal lato delle perdite, affidarsi alle catene globali dell’offerta ha introdotto forme di rischio economico: un fattore della recente inflazione è stato una carenza su scala mondiale di contenitori per le spedizioni navali.

Ma quanto siamo diventati globalizzati? Mi sembra che ci siano due principali spiegazioni a proposito.

Un racconto enfatizza il ruolo della tecnologia, particolarmente la crescita delle spedizioni con container (che è la ragione per la quale la carenza dei contenitori è un faccenda seria). Come mette in evidenza il lavoro di David Hummels, forse il principale esperto su questo tema, c’è stato un ampio declino del costo del trasporto aereo, che è un aspetto sorprendentemente grande: soltanto una frazione minuscola del tonnellaggio che attraversa i confini avviene per via aerea, ma le spedizioni di prodotti via aerea sono, ovviamente, di valore assai maggiore di quelle spedite per mare, cosicché gli aeroplani trasportano circa il 30 per cento del valore del commercio mondiale.

Per inciso, i prodotti farmaceutici, che presumibilmente includono gli ingredienti dei vaccini per il Covid-19, sono principalmente spediti per via aerea:

zzz 267

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa sembra la situazione quando i farmaci volano. Fonte: Brookings [2]

Tuttavia, un racconto alternativo colloca un peso molto minore sulla tecnologia che non sulla politica. È quella la spiegazione che spesso viene associata ai seguaci di Trump (sebbene non siano i soli con qualcosa di simile a questo punto di vista): i globalisti spingono per aprire i nostri confini alle importazioni, e quella è la ragione per la quale i prodotti stranieri hanno inondato la nostra economia.

E la verità è dagli anni ’30 sino a Donald Trump, il Governo statunitense, di fatto, perseguì una strategia di negoziazione delle riduzioni delle tariffe e delle altre barriere al commercio, nella convinzione che più commercio avrebbe incoraggiato la crescita economica e, creando una interdipendenza produttiva tra le nazioni, avrebbe promosso la pace.

Ma nel lungo periodo la spinta verso un commercio più aperto da parte degli Stati Uniti e delle altre economie avanzate ebbe principalmente luogo prima della iperglobalizzazione; le tariffe erano già molto basse attorno agli anni ’80:

zzz 268

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tariffe nel corso del tempo. Fonte: USITC [3]

Mentre non ci furono grandi cambiamenti nelle politiche dei paesi avanzati, ci fu tuttavia una rivoluzione della politica commerciale nei mercati emergenti, che agli inizi degli anni ’80 aveva alti tassi di protezione e poi venne drasticamente liberalizzata. Ecco la stima della Banca Mondiale sulle tariffe medie dei paesi a basso e medio reddito:

zzz 269

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tariffe medie nelle nazioni a basso e medio reddito. Fonte: Banca Mondiale

Potreste chiedervi perché una riduzione delle tariffe nei mercati emergenti – tasse sulle importazioni – dovesse condurre ad una crescita delle esportazioni dai mercati emergenti. Dovremmo così parlare del Teorema della simmetria di Lerner [4] – ovvero, in effetti, non facciamolo e diciamo soltanto che alla fine le tariffe riducono le esportazioni come le importazioni, portando normalmente ad una valuta sopravvalutata che rende gli esportatori meno competitivi. E, di converso, abbattere le tariffe porta a maggiori esportazioni. Fondamentalmente, le nazioni possono scegliere di essere introverse, cercando di svilupparsi producendo per il mercato interno, o estroverse, cercando di svilupparsi vendendo al resto del mondo.

Quello che accadde in buona parte del mondo in via di sviluppo nell’epoca della iperglobalizzazione fu una drastica svolta verso politiche estroverse. Cosa provocò quella rivoluzione nella politica commerciale e di conseguenza contribuì a provocare la stessa iperglobalizzazione?

La risposta più immediata, che potrebbe sorprendervi, è che fondamentalmente fu un fenomeno provocato dalle idee.

Per più di una generazione dopo la Seconda Guerra Mondiale, era generalmente accettato, persino tra gli economisti più importanti e presso organizzazioni come la Banca Mondiale, che le nazioni nei primi stadi dello sviluppo dovevano perseguire una industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni: costruire le manifatture al riparo delle barriere tariffarie sinché non fossero mature abbastanza da competere sui mercati mondiali.

Con gli anni ’70, tuttavia, ci fu una generale disillusione con questa strategia, allorché gli osservatori osservarono i risultati deludenti dell’I.S.I. (la politica della industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni, che era un concetto così comune che gli economisti normalmente usavano l’abbreviazione) e le persone cominciarono a notare le storie di successo elle politiche orientate alle esportazioni come quelle della Corea del Sud e di Taiwan.

Così l’ortodossia si spostò verso un complesso di idee molto più basato sul libero commercio, il famoso Washington Consensus (Catherine Campbell suggerisce che questo dovrebbe essere il nuovo nome per la squadra di calcio del Distretto di Columbia. ‘Secchioni’ di tutto il mondo, unitevi!). Anche la nuova ortodossia produsse la sua quota di disillusioni, ma su questo racconto torneremo. Il punto importante, per adesso, è che il cambiamento nell’ideologia economica portò ad un cambiamento radicale nella politica, che giocò un ruolo importante nella crescita del commercio mondiale: noi non staremmo importando tutti quei prodotti da paesi con bassi salari se quei paesi fossero ancora, come l’India e il Messico negli anni ’70, economie introverse che vivono al riparo di alte muraglie tariffarie.

Da questa storia, penso, emergano due morali.

La prima: le idee sono importanti. Forse non tanto importanti come suggeriva John Maynard Keynes quando sosteneva che “sono le idee, non gli interessi costituiti, che nel bene e nel male sono pericolose”, ma possono avere enormi effetti.

La seconda, che è una correzione della presunzione americana. Tendiamo ancora, anche troppo spesso, a immaginarci di poter plasmare il mondo a nostro piacimento. Ma quei tempi, se mai sono esistiti, sono finiti da un bel po’. L’iperglobalizzazione venne prodotta a Pechino, a Nuova Delhi e a Città del Messico, non nel Distretto di Columbia [5].

 

 

 

 

 

 

[1] Nonostante un ricerca credo accurata, non ho trovato una traduzione precisa di “global shmobal”.  Il termine “shmo” (o “schmo”) è di origine Yiddish, e significa “sciocco, cretino etc.”.  L’aggiunta di “bal” potrebbe essere una sorta di sostantivizzazione, quindi qualcosa come “stupidità globale”, che in effetti sarebbe aderente alla spiegazione fornita da Krugman.

[2] Nella tabella i segmenti in rosso indicano il traffico aereo delle spedizioni, quello in blu il traffico marittimo, quello verde l’autotrasporto, quello viola le ferrovie, quelo celeste varie modalità per posta, quello arancione i gasdotti. Come si vede, il traffico aereo ha un ruolo principale nei settori dell’elettronica, degli strumenti di precisione e dei farmaceutici.

[3] La Tabella mostra le tariffe nel corso del tempo sui prodotti sottoposti a dogana. Come si vede, le tariffe erano già fortemente ridotte alla fine degli anni ’40, e calarono ancora dopo la nascita della Organizzazione Mondiale del Commercio e la proliferazione degli ‘accordi di libero commercio’, ma assai lievemente.

[4] La Teoria venne sviluppata dall’economista Abba P. Lerner nel 1936, e prevede che una data tariffa su valore delle importazioni avrà gli stessi effetti di una tassa sulle esportazioni. Il teorema, dice Wikipedia, “è basato sulla osservazione che l’effetto sui prezzi relativi è lo stesso, a prescindere da quale politica (tariffe sul valore o tasse sulle esportazioni) viene applicata”.

[5] Ovvero, come si sa, nella regione americana che ospita la capitale degli Stati Uniti, Washington.

 

 

 

 

 

Chi ha fatto il miracolo dell’energia rinnovabile? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 17 agosto 2021)

agosto 25, 2021

 

Aug. 17, 2021

Who Created the Renewable-Energy Miracle?

By Paul Krugman

zz 898

As terrible as many things in the world are, climate is unique in posing an existential threat to civilization. And it’s horrifying that so many political figures are dead set against any serious action to address that threat.

Despite that, there’s still a chance that we’ll do enough to avoid catastrophe — not because we’ve grown wiser but because we’ve been lucky. We used to believe that achieving big reductions in greenhouse gas emissions would be difficult and expensive, although not nearly as costly as anti-environmentalists claimed. Over the past dozen years or so, however, we’ve experienced a technological miracle. As nicely documented in an article by Max Roser, the costs of solar and wind power, once dismissed as foolish hippie fantasies, have plunged to the point that quite modest incentives could lead to a rapid reduction in use of fossil fuels:

zzz 265

 

 

 

 

 

 

 

 

Here comes the sun.Credit…Our World in Data

But was it really luck? Did this miracle — actually two miracles, since generating electricity from the sun and from the wind involve completely different technologies — just happen to arrive in our moment of need? Or was it a consequence of good policy decisions?

The answer is that there’s a pretty good case that policy — the Obama administration’s investments in green energy and European subsidies, especially for offshore wind — played a central role.

What’s the justification for that conclusion? Start with the fact that neither wind nor solar power was a fundamentally new technology. Windmills have been in widespread use at least since the 11th century. Photovoltaic solar power was developed in the 1950s. And as far as I can tell, there haven’t been any major scientific breakthroughs behind the recent dramatic decline in both technologies’ costs.

What we’re looking at, instead, appears to be a situation in which growing use of renewable energy is itself driving cost reductions. For solar and wind, we’ve seen a series of incremental improvements as energy companies gain experience, big reductions in the price of components as things like turbine blades go into mass production and so on. Renewables, as Roser points out, appear to be subject to learning curves, in which costs fall with cumulative production.

And here’s the thing: When an industry has a steep learning curve, government support can have huge positive effects. Subsidize such an industry for a few years, and its costs will fall with experience, and eventually it will reach a tipping point where its growth becomes self-sustaining and the subsidies are no longer needed.

That’s arguably what has happened, or is on the verge of happening, for renewable energy.

The American Recovery and Reinvestment Act of 2009 — the Obama stimulus — was mainly intended to address the collapse in demand that followed the 2008 financial crisis. It helped a lot but got a bad reputation all the same because it was underpowered and hence failed to produce rapid recovery. (And no, that’s not hindsight. I was screaming about it at the time.) But it also included significant funding for green energy: tax breaks, subsidies, government loans and loan guarantees.

Some of the projects the government backed went bad, and Republicans made political hay over the losses. But venture capitalists expect some of the businesses they back to fail; if that never happens, they aren’t taking enough risks. Similarly, a government program aimed at advancing technology is bound to end up with some lemons; if it doesn’t, it’s not extending the frontier.

And in retrospect, it looks as if those Obama initiatives really did extend the frontier, pushing solar energy in particular from a high-cost technology with limited adoption to the point that it’s often cheaper than traditional energy sources.

Obama’s policies also helped wind, but there I suspect that a lot of the credit goes to European governments, which heavily subsidized offshore wind projects early in the last decade.

In short, there’s a really good case to be made that government support for renewable energy created a cost miracle that might not have happened otherwise — and this cost miracle may be the key to saving us from utter climate catastrophe.

 

Chi ha fatto il miracolo dell’energia rinnovabile?

Di Paul Krugman

 

Per quanto terribili siano molte cose del mondo, il clima è l’unica che rappresenta una minaccia esistenziale alla civiltà. Ed è spaventoso che tanti personaggi della politica siano strenuamente contrari ad ogni seria iniziativa per affrontare quella minaccia.

Nonostante ciò, c’è ancora una possibilità che si faccia quello che serve per evitare una catastrofe – non perché siamo diventati più saggi, ma perché siamo stati fortunati. Un tempo credevamo che realizzare grandi riduzioni nelle emissioni dei gas serra sarebbe stato difficile e costoso, sebbene neanche lontanamente costoso di quanto sostenevano gli anti ambientalisti. Grosso modo nei dodici anni passati, tuttavia, abbiamo sperimentato un miracolo tecnologico. Come ben documentato in un articolo di Max Roser, i costi dell’energia solare ed eolica, un tempo liquidati come sciocche fantasie da hippy, sono crollati sino al punto che incentivi abbastanza modesti potrebbero condurre ad un rapida riduzione nell’uso dei combustibili fossili:

zzz 265

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco che arriva il sole. Fonte: Our World in data [1]

Ma è stata proprio fortuna? Questo miracolo – in effetti due miracoli, dal momento che generare elettricità dal sole e dal vento riguarda tecnologie completamente diverse – arriva proprio nel momento del bisogno? Oppure è stata una conseguenza di buone decisioni della politica?

La risposta è che c’è un argomento abbastanza convincente secondo il quale la  politica – gli investimenti dell’Amministrazione Obama nell’energia verde e i sussidi europei, particolarmente nell’eolico sul mare – ha giocato un ruolo centrale.

Come si giustifica tale conclusione? Cominciamo dal fatto che né l’energia eolica né quella solare erano fondamentalmente nuove tecnologie. I mulini a vento sono stati in uso generalizzato almeno dall’undicesimo secolo. L’energia solare fotovoltaica venne sviluppata negli anni ’50. E, per quanto posso dire, non c’è stata alcuna svolta scientifica importante dietro il declino spettacolare dei costi di entrambe le tecnologie.

Quello a cui stiamo assistendo, invece, sembra essere una situazione nella quale un uso crescente delle energie rinnovabili sta esso stesso portando ad una riduzione dei costi. Per il solare e per l’eolico, siamo stati in presenza di progressivi miglioramenti allorché le società energetiche hanno accresciuto l’esperienza, di grandi riduzioni nei prezzi dei componenti quando cose come le pale delle turbine sono passate a una produzione di massa, e così via. Le rinnovabili, come mette in evidenza Roser, sembrano essere soggette alle curve di apprendimento, nelle quali i costi cadono con la produzione cumulativa.

E il punto è lì: quando un’industria ha un curva di apprendimento ripida, il sostegno del Governo può avere un vasto effetto positivo. Dare sussidi ad una industria del genere comporta che i costi cadranno con l’esperienza, e alla fine essa raggiungerà un punto critico nel quale la sua crescita si auto sostiene e i sussidi non sono più necessari.

Questo è probabilmente quello che è accaduto, o è prossimo ad accadere, con le energie rinnovabili.

La Legge Americana per la Ripresa e il Reinvestimento del 2009 – lo stimolo di Obama – fu principalmente rivolta ad affrontare il collasso nella domanda che era seguito alla crisi finanziaria del 2008. Fu un grande aiuto ma ottenne comunque una cattiva reputazione perché era sottodimensionata e di conseguenza non riuscì a produrre una ripresa rapida (e non lo dico certo col senno di poi. A quel tempo lo gridai in tutti i modi). Ma essa includeva anche un significativo finanziamento per l’energia verde; sgravi fiscali, sussidi, prestiti governativi e garanzie sui prestiti.

Alcuni dei progetti che il Governo sostenne non andarono bene, e i repubblicani sfruttarono l’occasione politica delle perdite. Ma gli investitori dei capitali di rischio si aspettano che alcune delle imprese che sostengono falliscano; se ciò non avvenisse mai, significherebbe che non si prendono rischi adeguati. In modo simile, un programma di governo rivolto allo sviluppo della tecnologia è destinato a finire con qualche bidone; se non succede, significa che il confine non si sta ampliando.

E retrospettivamente, sembra proprio che quelle iniziative di Obama ampliarono il confine, spingendo in particolare l’energia solare da una tecnologia ad alto costo sino al punto che essa è spesso più conveniente delle fonti di energia tradizionali.

Le politiche di Obama aiutarono anche per l’eolico, ma è lì che io sospetto che molto del merito vada ai Governi europei, che diedero importanti sussidi ai progetti eolici in mare agli inizi del decenni passato.

In poche parole, c’è davvero  un buon argomento da avanzare secondo il quale il sostegno del Governo per le energie rinnovabili determinò un miracolo nei costi che non sarebbe accaduto altrimenti – e questo miracolo nei costi può essere la chiave per salvarci da una completa catastrofe del clima.

 

 

 

 

 

[1] La linea blu si riferisce al costo dei pannelli solari; quella rossa al costo del solare termico; quella grigia al costo del carbone; quella gialla al costo dell’eolico vicino alla riva.

 

 

 

 

Chi sapeva che le auto usate e i container delle spedizioni sarebbero stati così importanti? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 13 agosto 2021)

agosto 16, 2021

 

Aug. 13, 2021

Who Knew Used Cars and Shipping Containers Would Matter So Much?

By Paul Krugman

zz 898

To be a good empirical economist, you must be prepared to make use of economic data without forgetting that the data is at best an imperfect guide to reality. I used to describe national income accounting — G.D.P. and all that — as a peculiarly boring form of science fiction. That’s not to say that the statisticians just make things up; they try really hard, and their work is immensely valuable. It’s just that any close look at how the numbers are constructed reveals that data coverage is always incomplete and the gaps are filled in with estimates and imputations.

Lately, however, I’ve found myself drawn to another analogy: Economic measures, especially the measures we use to make sense of a rapidly changing situation, are like the shadows on the wall of Plato’s cave. That is, they’re imperfect images of an underlying reality that exists, but that we can’t directly see. And sometimes it’s important, in interpreting the shadows, to think about the Platonic ideal we’re actually trying to discern.

What the heck am I talking about? Inflation, of course, which has been running high the past few months — although consumer prices rose a lot less in July than they did in June.

The big question about recent price increases has been: Are we looking at a transitory shock or a rise in the underlying rate of inflation?

I know a fair number of people, mainly Wall Street types, who get angry at anyone who even asks this question. Inflation is inflation, they insist, and attempts to define “core inflation” are just a way for the Fed to evade its responsibility to maintain price stability. But these critics generally don’t know why the concept was invented in the first place.

The truth is that back in the 1970s economists noticed a sharp distinction in the behavior of some prices. The price of soybeans fluctuates a lot both up and down, whereas the prices of goods like new cars and the price of labor — that is, wages — seems to change reluctantly. The thing about these sluggishly moving prices is that once they do get moving, say, once they’ve been rising 6 percent or 8 percent a year several years in a row, it takes something big, like a severe recession, to stop them from just continuing to rise.

Why this distinction? That’s a fairly deep question, and economists are far from united in their answers. But the difference is real, and important. A spike in inflation driven by goods without price inertia is easy come, easy go; inflation driven by goods with price inertia is very hard to get rid of — and to be avoided if possible.

How do we tell the difference? Back in 1975 Robert Gordon proposed that policymakers focus on an inflation measure that excluded food and energy — a rough cut at the distinction between inertial and non-inertial prices that made sense at the time. (Remember, this was the era of wild swings in oil prices caused by wars and revolutions in the Middle East, and food prices were also a lot less stable in the 1970s than they have been since.)

zzz 260

The unstable cost of eating.Credit…FRED

Gordon’s suggestion proved so useful that “core inflation” — defined by excluding food and energy — became a standard measure and guide for Federal Reserve policy. And use of that measure has been a huge practical success. The Fed was able to keep its cool through several spikes in inflation driven mainly by oil prices, most recently in 2011, because its focus on the core told it that these were transitory shocks, that underlying inflation remained low — and the Fed was right.

But inflation excluding food and energy was always a quick-and-dirty approximation to the underlying concept — a shadow on the wall of the cave cast by the Platonic ideal of inflation in goods with inertial prices. And while this approximation worked well in an era of oil shocks, it’s not working well at all in an era of pandemics and vaccines, in which a remarkable amount of price action has been driven by used cars:

zzz 261

Would you buy a used-car index from these people?Credit…FRED 

Nor are used-car prices the only price we didn’t used to think about much but that is having wild swings and should, conceptually, be excluded from core. In normal times, macroeconomists don’t pay much attention to shipping costs. But pandemic-related disruptions have created an incredible surge in the price of container shipping.

I’ve been trying to estimate how much shipping costs may have contributed to recent inflation, multiplying the reported change in the cost of shipping containers to the United States by the number of TEUs — 20-foot equivalent units — unloaded at U.S. ports. There’s quite a lot of uncertainty in these estimates, but as a rough guess, shipping may have added between one-quarter and one-half of 1 percent to inflation over the past year. This, too, should be excluded from the Platonic ideal of core.

Why does all this matter? As best I can tell, a fair number of people are still looking at the standard measure of core inflation — which has risen almost as much as headline inflation — and concluded that we really do have a fundamental problem. They could be right, and Team Transitory — economists who believe that this is a transitory blip, a group that includes the Biden Council of Economic Advisers — could be wrong. But you can’t settle that argument by looking at a number that, however well it worked in the past, is now a clearly inadequate measure of the underlying concept of inertial inflation.

 

Chi sapeva che le auto usate e i container delle spedizioni sarebbero stati così importanti?

Di Paul Krugman

 

Per essere un buon economista empirico, si deve essere preparati a fare uso dei dati economici senza dimenticare che i dati sono nel migliore dei casi una guida imperfetta alla realtà. Ero solito definire la contabilità del reddito nazionale – il PIL e tutto il resto – come una forma di fantascienza particolarmente noiosa. Con il che non voglio dire che gli statistici si inventino le cose; si impegnano per davvero e il loro lavoro è immensamente apprezzabile. È solo che ogni sguardo ravvicinato a come sono costruiti i numeri rivela che la copertura dei dati è sempre incompleta e i buchi sono riempiti con stime e approssimazioni.

Di recente, tuttavia, mi sono ritrovato attratto da un’altra analogia; le misure economiche, particolarmente le misure che utilizziamo per dare senso ad una situazione in rapido mutamento, sono come le ombre della caverna di Platone. Ovvero, sono immagini imperfette di un realtà esterna che esiste, ma che non può essere vista direttamente. E talvolta è importante, nell’interpretare le ombre, ragionare sull’ideale platonico che stiamo cercando di discernere.

Di che diamine sto parlando? Dell’inflazione, naturalmente, che nei mesi passati è corsa in alto – sebbene i prezzi al consumo siano cresciuti a luglio un po’ meno di quanto erano cresciuti a giugno.

La grande domanda sui recenti aumenti dei prezzi è stata: stiamo osservando un trauma transitorio o una crescita del tasso di inflazione sottostante?

So che un certo numero di persone, principalmente personaggi di Wall Street, si arrabbiano se qualcuno persino solleva questa domanda. L’inflazione è l’inflazione, ribadiscono, e i tentativi di definire l’ “inflazione sostanziale” [1] sono solo un modo per la Fed per eludere la sua responsabilità nel mantenere la stabilità dei prezzi. Ma questi critici in generale non sanno perché il concetto agli inizi venne inventato.

La verità è che nei passati anni ’70 gli economisti notarono una netta distinzione nel comportamento di alcuni prezzi. Il prezzo della soia fluttua molto sia in alto che in basso, mentre i prezzi dei prodotti come le automobili e il prezzo del lavoro – cioè, i salari – paiono cambiare con riluttanza. Il punto, a proposito di questi prezzi che si muovono lentamente, è che una volta che si muovono davvero, ad esempio, una volta che salgono del 6 o dell’8 per cento all’anno per vari anni in fila, ci vuole qualcosa di grande, come una grave recessione, per impedire che continuino a crescere.

Perché questa differenza? Si tratta di una questione abbastanza profonda e gli economisti sono tutt’altro che uniti nelle loro risposte. Ma la differenza è reale, e importante. Un picco di inflazione guidato da prodotti che non hanno inerzia nel prezzo è facile a venire e facile ad andarsene; l’inflazione guidata da prodotti che hanno tale inerzia è molto difficile da superare – e se possibile è da evitare.

Come ci riferiamo a tale differenza? Nel 1975 Robert Gordon propose che le autorità si concentrassero su una misurazione dell’inflazione che escludeva gli alimenti e l’energia – un taglio grossolano nella distinzione tra prezzi inerti e non inerti che a quel tempo aveva senso (si ricordi, era l’epoca di oscillazioni selvagge nei prezzi del petrolio provocate da guerre e da rivoluzioni nel Medio Oriente, e anche i prezzi dei prodotti alimentari erano molto meno stabili negli anni ’70 di quanto sono stati da allora).

zzz 260

Il costo instabile della alimentazione. Fonte: FRED [2]

Il suggerimento di Gordon si mostrò talmente utile che l’ “inflazione sostanziale” – ottenuta con l’esclusione di alimenti ed energia – divenne un misura standard ed una guida per la politica della Federal Reserve. E utilizzare quella misura è stato un grande successo pratico. La Fed ha potuto mantenersi calma attraverso vari picchi di inflazione principalmente provocati dai prezzi del petrolio, il più recente nel 2011, perché la sua concentrazione sul dato sostanziale le diceva che questi erano traumi transitori, che l’inflazione sottostante rimaneva bassa – e la Fed ha avuto ragione.

Ma l’inflazione che esclude alimenti ed energia era sempre una approssimazione sbrigativa del concetto implicito – un’ombra sulla parete della caverna proiettata dall’ideale platonico dell’inflazione nei prodotti con prezzi inerti. E mentre questa approssimazione funzionava bene in un’epoca di shock petroliferi, non sta funzionando affatto bene in un’epoca di pandemia e di vaccini, nella quale una considerevole quantità del movimento dei prezzi è stata provocata dalle auto usate:

zzz 261

Comprereste un indice di auto usate da queste persone? Fonte: FRED [3]

Né il prezzo delle auto usate è l’unico al quale non eravamo abituati a pensare, ma che sta avendo brusche oscillazioni e che dovrebbe essere escluso, concettualmente, dalla inflazione sostanziale. In tempi normali, gli economisti non pensano ai costi delle spedizioni. Ma i turbamenti connessi con la pandemia hanno determinato una incredibile crescita del prezzo delle spedizioni via nave.

Sto cercando di stimare quanto i costi delle spedizioni via nave possono aver contribuito all’inflazione recente, moltiplicando il cambiamento che viene riferito nel costo dei container delle spedizioni verso gli Stati Uniti per il numero dei TEU [4] – unità equivalenti di 20 piedi – scaricate presso i porti statunitensi. C’è un bel po’ di incertezza in queste stime, ma con una congettura grossolana, le spedizioni potrebbero aver aggiunto tra un quarto ed una metà dell’1 per cento di inflazione dell’anno passato. Anche questo dovrebbe essere escluso dal’ideale platonico di inflazione sostanziale.

Perché tutto questo è importante? Per quanto posso constatare, un discreto numero di persone stanno osservando la misura standard della inflazione sostanziale – che è salita quasi altrettanto dell’inflazione ‘complessiva’ – e sono arrivate alla conclusione che abbiamo realmente un problema importante. Potrebbero aver ragione, e il gruppo che sostiene la tesi della transitorietà – gli economisti che credono che questo sia un contrattempo provvisorio, un gruppo che include il Comitato dei Consiglieri Economici di Biden – potrebbe aver torto. Ma non si può stabilire quella tesi osservando un numero che, per quanto abbia funzionato bene nel passato, oggi è una misurazione chiaramente inadeguata del sottostante concetto di inflazione inerte.

 

 

 

 

 

[1] Per una sommaria spiegazione sulla differenza tra “core inflation” ed “headline inflation” – che si possono tradurre rispettivamente con “inflazione sostanziale” e “inflazione complessiva” – si può leggere su questo blog alle Note sulla Traduzione (alla voce “headline inflation”).

[2] La Tabella mostra l’indice dei prezzi al consumo per alimenti e bevande dai primi anni ’70 ai giorni nostri, il dato medio nelle città statunitensi.

[3] L’andamento dei prezzi delle auto usate, con il picco eccezionale di queste settimane. Una spiegazione che ho trovato di tale fenomeno, lo imputava a difficoltà nel mercato delle auto nuove provocate dalle deficienze di semiconduttori, che avrebbe provocato una effervescenza insolita in quello delle auto usate.

L’espressione “Compreresti un’auto usata da una persone simile?” è molto frequente; in questo caso viene usata ironicamente in riferimento all’indice.

[4] L’unità equivalente a venti piediTEU (acronimo di twenty-foot equivalent unit), è la misura standard di lunghezza nel trasporto dei container ISO, e corrisponde a 20 piedi (circa 6 metri) totali. La maggior parte dei container hanno lunghezze standard rispettivamente di 20 e di 40 piedi: un container da 20 piedi (6,1 m) corrisponde a 1 TEU, un container da 40 piedi (12,2 m) corrisponde a 2 TEU. Per definire quest’ultima tipologia di container si usa anche l’acronimo FEU (forty-foot equivalent unit, ovvero “unità equivalente a quaranta piedi”).

 

 

 

 

Il caso difficile degli investimenti leggeri, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 10 agosto 2021)

agosto 12, 2021

 

August 10, 2021

 

The hard case for soft investment,

Paul Krugman

zz 898

What a difference a few votes in Georgia made! Actually, about $4 trillion worth of difference. Upset victories in the January Senate runoffs gave Democrats narrow control of Congress, and they’re exploiting that narrow control to push a hugely ambitious spending agenda. President Biden might not get all of the public investment and social spending he’s asking for, but it looks likely that he’ll get most of it.

Part of the spending will come via a bipartisan infrastructure bill that passed the Senate today. The rest will come via a much larger bill, whose outlines were laid out Monday, that Democrats plan to pass on a party-line vote that bypasses the filibuster.

This two-step legislative process is playacting, and everyone involved knows it — although voters might not. Republicans went along with some infrastructure spending to create the (false) impression that they aren’t implacably opposed to anything Biden might propose. Biden chose to let them play that game to create the equally false impression that he really believes in the possibility of bipartisanship.

One thing that struck me, however, is the interesting dividing line between what Republicans were willing to vote for and what they won’t even pretend to support. The bipartisan bill is pretty much all about “hard” infrastructure; it’s all steel and concrete. The Democratic resolution has some of that, especially things like clean-energy technologies. But the bulk of the proposed investment spending seems to involve “soft” stuff like child tax credits, child care, universal pre-K and free community college.

Why this division of playacting — I mean labor? Republicans appear to believe, or at least think their constituents believe, that only tangible, physical investment is real.

This is, however, an outmoded view. Maybe we once had an economy whose productive capacity depended on visible assets like factories and machinery; these days our most valuable companies derive their value mainly from knowledge rather than physical capacity, and spending on intangible intellectual property accounts for more than a third of business investment:

zzz 253

 

 

 

 

 

 

 

The private sector gets less physical.FRED

Beyond that, it’s a somewhat surprising fact that we have much better evidence for high returns on public spending on people, especially children, than we have for high returns on infrastructure investment.

Why? Assessing the payoff to infrastructure spending is surprisingly hard, because we don’t get to observe the counterfactuals. We can surmise that America would be significantly poorer today if Eisenhower hadn’t created the Interstate Highway System, but we can’t directly measure that alternate history. We can guess that the New York metro area’s economic prospects would look a lot better if Chris Christie hadn’t killed plans for a new rail tunnel under the Hudson, but we’ll never know for sure how much damage he did.

Analysts can and do try to assess the benefits from individual infrastructure projects, like Boston’s Big Dig — and it’s far better to engage in that kind of analysis than to leave things purely subjective. But even for an individual project, that kind of analysis tends to involve a lot of assumptions — how much worse would traffic have been without the project? How much value should we place on time lost to traffic jams? And assessing the returns on a national infrastructure program in the hundreds of billions is, at best, an educated guessing game.

When it comes to investment in people, by contrast, we often do get to observe the counterfactuals.

The food stamp program, for example, was rolled out gradually across America, not introduced immediately on a nationwide basis. So was Medicaid, which was also enhanced in a series of discrete steps in the decades after its creation.

These gradual rollouts provide us with natural experiments. Economists can compare the life trajectories of Americans who received food stamps or Medicaid in their early years with those of otherwise similar Americans who didn’t, or the experiences of those who benefited from Medicaid enhancements with the experiences of slightly older Americans who didn’t.

And what these comparisons show are big positive effects of social spending. Children who had access to food stamps grew up into healthier, more productive adults than those who didn’t — so much so that the government eventually recouped much, possibly all, of what it spent upfront in higher revenue and lower spending on things like disability payments. Basically, enhancing the social safety net for children is an investment in the future, and the available evidence suggests that it’s an investment with high returns.

In the months ahead, I’m sure we’ll hear many conservative denunciations of wasteful spending and probably mockery of progressives who talk about “human infrastructure.” But the evidence for big returns on spending on people is actually a lot more concrete than the evidence for payoffs to spending on, well, concrete

 

 

 

Il caso difficile degli investimenti leggeri,

di Paul Krugman

 

Che differenza hanno fatto pochi voti dela Georgia! In sostanza, circa 4 milia miliardi di dollari di differenza. Le vittorie sugli spareggi al Senato diedero a gennaio ai democratici il controllo del Congresso, ed essi lo stanno sfruttando per portare avanti una agenda di spesa molto ambiziosa. Il Presidente Biden potrebbe non ottenere tutto l’investimento pubblico e la spesa sociale che sta chiedendo, ma è probabile che ne ottenga la maggior parte.

Parte della spesa arriverà attraverso una proposta di legge bipartisan sulle infrastrutture che sarà approvata dal Senato oggi. Il resto arriverà tramite una proposta di legge molto più ampia, le cui linee generali sono state illustrate lunedì, che i democratici hanno in mente di approvare con una votazione a maggioranza relativa che oltrepassi l’ostruzionismo.

Il procedimento legislativo in due stadi è in corso di simulazione, e tutti i soggetti coinvolti lo sanno – sebbene gli elettori potrebbero non conoscerlo. I repubblicani hanno aderito a una certa spesa sulle infrastrutture per generare la (falsa) impressione di non essere implacabilmente contrari ad ogni cosa che Biden potrebbe proporre. Biden ha scelto di consentire loro di fare quel gioco per creare l’impressione egualmente non veritiera che egli creda realmente nella possibilità della collaborazione tra i due partiti.

Tuttavia, una cosa che mi ha colpito è stata la linea di divisione tra i repubblicani che sono disponibili a votare a favore e quelli che non vorranno neppure fingere di sostenerla. La proposta di legge bipartisan riguarda quasi tutta le infrastrutture “materiali”; è tutta sull’acciaio e sul cemento. La risoluzione [1] dei democratici contiene qualcosa di ciò, in particolare cose come le tecnologie per l’energia pulita. Ma il grosso delle spese di investimenti proposte sembra riguardino oggetti “immateriali” come il crediti di imposta sui figli, l’assistenza all’infanzia, gli asili nido per tutti e le università pubbliche gratuite.

Perché questa messinscena – voglio dire questa divisione del lavoro? I repubblicani sembrano credere, o almeno pensare che la loro base elettorale creda, che solo gli investimenti tangibili, materiali siano reali.

Questo, tuttavia, è un punto di vista antiquato. Forse un tempo avevamo un’economia la cui capacità produttiva dipendeva da asset visibili come gli stabilimenti e i macchinari; di questi tempi le nostre società di maggior valore derivano quel valore principalmente dalla conoscenza piuttosto che dalla potenzialità meteriale, e la spesa sulla proprietà intellettuale intangibile pesa più di un terzo degli investimenti di impresa:

zzz 253

 

 

 

 

 

 

 

 

Il settore privato diventa meno materiale. Fonte: FRED [2]

Oltre a ciò, c’è il fatto in qualche modo sorprendente che abbiamo prove molto migliori per gli elevati rendimenti della spesa pubblica sulle persone, particolarmente sui bambini, di quelli che abbiamo sugli elevati rendimenti sulle infrastrutture.

Perché? Stabilire il vantaggio di una spesa infrastrutturale è sorprendentemente difficile, perché non riusciamo a cogliere i fattori che lo contraddicono. Noi possiamo supporre che l’America sarebbe oggi considerevolmente più povera se Eisenhower non avesse creato il Sistema delle Autostrade Interstatali, ma non possiamo misurare direttamente una storia alternativa. Possiamo immaginare che le prospettive economiche dell’area metropolitana di New York apparirebbero assai migliori se Chris Christie [3] non avesse liquidato i programmi per un nuovo tunnel ferroviario sotto l’Hudson, ma non sapremo mai con certezza quanto danno abbia provocato.

Gli analisti possono e in effetti cercano di stabilire i vantaggi derivanti da singoli progetti infrastrutturali, come la Grande Diga di Boston – ed è assai meglio impegnarsi in analisi del genere anziché lasciare le cose a giudizi meramente soggettivi. Ma persino per un progetto singolo, quel genere di analisi tende a riguardare una gran quantità di assunti – quanto sarebbe stato peggiore il traffico senza il progetto? Quanto grande valore dovremmo attribuire al tempo perso negli intasamenti del traffico? E stabilire i rendimenti di un programma infrastrutturale nazionale in centinaia di miliardi è, nel migliore dei casi, un indovinello erudito.

Quando si passa agli investimenti sulle persone, all’opposto, noi abbiamo di frequente i dati che mostrano quali sarebbero stati i fatti di un eventuale indirizzo opposto.

Il programma degli aiuti alimentari, ad esempio, si è venuto sviluppando gradualmente in America, non essendo stato introdotto dagli inizi su basi nazionali. Lo stesso fu per Medicaid, che venne migliorato nei decenni successivi alla sua creazione in una serie di passi distinti.

Questi sviluppi graduali ci offrono una sorta di esperimenti naturali. Gli economisti possono confrontare le traiettorie di vita degli americani che hanno ricevuto gli aiuti alimentari o Medicaid nei loro primi anni con quelle di altri americani assimilabili che non li hanno ricevuti, oppure le esperienze di coloro che hanno tratto vantaggio dai potenziamenti di Medicaid con quelle degli americani leggermente più anziani che non li hanno conosciuti.

E quello che questi confronti mostrano sono i grandi effetti positivi della spesa sociale. I bambini che hanno avuto accesso agli aiuti alimentari sono diventati adulti più sani e più produttivi di quelli che non l’hanno avuto – in modo tale che il Governo alla fine ha recuperato molto, se non tutto, quello che aveva speso, a fronte di entrate fiscali maggiori e di spesa minore su cose come i sussidi per le disabilità. Fondamentalmente, rafforzare le reti della sicurezza sociale per i bambini è un investimento sul futuro, e le prove disponibili dimostrano che è un investimento con elevati rendimenti.

Sono sicuro che nei mesi futuri ascolteremo molte denunce dei conservatori sugli sprechi di spesa pubblica e probabilmente molta ironia sui progressisti che parlano di “infrastrutture umane”. Ma le prove sui rendimenti elevati della spesa sulle persone sono effettivamente assai più concrete delle prove sui vantaggi nello spendere, proprio così, sul cemento [4].

 

 

 

 

 

[1] Il riferimento pare sia al documento sulle linee generali della seconda proposta, illustrata lunedì dai democratici.

[2] La tabella mostra l’evoluzione degli investimenti nazionali lordi del settore privato nei prodotti della proprietà intellettuale. La voce è una sottocategoria degli investimenti lordi privati complessivi, degli investimenti fissi, degli investimenti in capitali come stabilimenti e macchinari (“nonresidential”) etc. e, da quanto capisco, è espressa in frazioni di miliardi di dollari.

[3] Repubblicano, Governatore nel New Jersey nel 2009, quando si oppose e impedì la realizzazione di quell’opera pubblica che pare avrebbe migliorato in modo sostanziale gli accessi e le uscite da New York.

[4] Gioco di parole: “concrete” in inglese significa sia “concreto” che “cemento”.

 

 

 

 

Quello che ci dice l’offerta dei vaccini sul commercio internazionale, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 6 agosto 2021)

agosto 9, 2021

 

Aug. 6, 2021

What Vaccine Supply Tells Us About International Trade

By Paul Krugman

zz 898

For many of us, Chad Bown of the Peterson Institute for International Economics — a boutique think tank specializing in, duh, international economics — has become the go-to guy for current developments in trade policy. His work tracking the evolution of Donald Trump’s trade war was invaluable.

Now he has a highly informative new paper with Thomas Bollyky on the vaccine supply chain. I won’t lie: There’s a lot of detail, and the paper is fairly heavy going. But it’s full of useful details, and it also, I’d argue, tells us some interesting things about the nature of world trade in the 21st century.

One thing that caught my eye — probably not the most important thing, but one close to my heart — is that the story of global vaccine production demonstrates the continuing relevance of the so-called New Trade Theory, or as some now call it, the “old New Trade Theory.”

Background: Here’s a sample graphic from Bown and Bollyky, showing what’s involved in the production of the Pfizer vaccine:

zzz 249

The shots made round the world.Credit…Peterson Institute for International Economic

Producing these vaccines is evidently a complicated process, involving facilities in many locations, presumably implying a lot of cross-border shipments of vaccine ingredients. Notably, in Pfizer’s case all these facilities are in the United States and Western Europe, which is typical across pharma firms, although other companies have a few facilities in Brazil and India.

So where do vaccine supply chains fit into the theory of international trade?

If you’ve ever taken an economics course, you probably learned about the theory of comparative advantage, which says that countries trade to take advantage of their differences. The classic original example, from the early-19th-century economist David Ricardo, involved the exchange of English cloth for Portuguese wine.

Comparative advantage is a powerful, illuminating theory — especially because it shows why countries export goods they’re relatively good at producing even if they’re less productive in those industries than potential competitors. Bangladesh is a low-productivity nation across the board (although it has been improving), but its productivity disadvantage is less pronounced in apparel than in other industries, so it has become a major clothing exporter.

In the 1960s and 1970s, however, a number of economists began suggesting that comparative advantage was an incomplete story. World trade had been growing over time, but much of that growth involved trade between countries that didn’t seem very different — the United States and Canada, for example, or the nations of Western Europe. Furthermore, what these countries were selling to each other looked pretty similar: There was a lot of “intra-industry” trade like the large-scale, two-way trade in autos and related goods across the U.S.-Canada border.

What was going on? A few economists had long noted that comparative advantage wasn’t the only possible reason for international trade. Countries might also trade because production of some goods involves increasing returns — there are advantages to large-scale production, which creates an incentive to concentrate production in a few countries and export those goods to other countries. Automotive trade between the United States and Canada was a classic example: After the countries established a free-trade agreement for autos in 1965, North American car companies achieved economies of scale by limiting the range of items produced in Canada, exporting these goods and importing other items from the United States.

But if trade reflected increasing returns rather than country characteristics, which countries would end up producing which goods? It might be largely random, the result of accidents of history.

There was, however, remarkably little economic literature on increasing-returns trade until the late 1970s. Economists don’t like to talk about stuff they find hard to model, and trade models with increasing returns tended to be messy and confusing. Eventually, however, some economists came up with clever ways to cut through the confusion, in papers like this 1980 piece in the American Economic Review:

zzz 250

Niftiness is necessary.Credit…American Economic Review

(I’ll note, with all due immodesty, that the journal would later name this one of the 20 top papers published in its first century of operation.)

God, I was young!

Anyway, history has a sense of humor. No sooner had economists come up with nifty models of trade between similar countries, driven by economies of scale, than the world economy took a hard turn away from that kind of trade toward trade between dissimilar countries driven by things like large differences in wages.

World trade exploded from the mid-1980s until around 2008, a process sometimes called hyperglobalization:

zzz 251

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Globalization gets hyper.Credit…World Bank

And where trade growth in the ’60s and ’70s had largely involved advanced economies selling stuff to each other, hyperglobalization involved a surge in exports of manufactured goods from relatively low-wage developing countries:

zzz 252

 

 

 

 

 

 

 

 

Everything old was new again.Credit…World Bank

So we had a New Trade Theory, but the new trade we were actually getting was much better explained by, well, old trade theory.

So what does all this have to do with vaccine supply chains? Well, as I already noted, vaccine ingredients are mainly produced in advanced countries — countries that are very similar in their education levels, overall level of technological competence and more. So why wasn’t each advanced country producing the whole ensemble of vaccine-related inputs? Here’s what Bown and Bollyky say:

“The business model that much of the pharmaceutical industry had shifted toward over the previous 25 years involved fragmentation. As tariffs and other trade barriers had fallen globally, information and communications technology (ICT) developed, shipping and logistics efficiency increased, and protection of intellectual property rights steadily improved. The fact that trade could play a greater role in distributing pharmaceutical products globally meant that companies could operate fewer plants but at a larger scale.” [Emphasis mine.]

Hey, it’s New Trade Theory in action! And it sure looks as if there was a lot of random historical contingency determining national roles in the pattern of specialization. Europe was initially very dependent on Britain’s exports of lipids — but I doubt that there’s something about British culture that makes the country especially good at lipids. It’s just one of those accidents that play a big role in economic geography.

Is there a moral to this story? There’s been a lot of backlash against globalization over the past decade, to some extent justified: Advocates of free-trade agreements oversold their benefits and understated the disruptions they might cause. But the case of vaccine production illustrates a positive side of globalization we tend to forget. These miracle vaccines are incredibly complex products that would have been hard to develop and produce in any one country, even one as large as the United States. A global market made it possible to deliver all the specialized inputs that are saving thousands of lives as you read this.

 

Quello che ci dice l’offerta dei vaccini sul commercio internazionale,

di Paul Krugman

 

Per molti di noi, Chad Bown del Peterson Institute per l’Economia Internazionale – un centro di ricerca esclusivo specializzato, ovviamente, in economia internazionale – è diventato la persona a cui ricorrere per gli attuali sviluppi della politica commerciale. Il suo lavoro nel seguire l’evoluzione della guerra commerciale di Donald Trump fu prezioso.

Adesso egli pubblica un nuovo saggio altamente chiarificatore assieme a Thomas Bollyky sulla catena dell’offerta dei vaccini: ci sono molti dettagli e il saggio è abbastanza difficile da seguire. Ma i suoi dettagli sono del tutto utili, e, aggiungerei, lo studio ci dice alcune cose interessanti sulla natura del commercio mondiale nel ventunesimo secolo.

Una cosa che ha catturato la ma attenzione – probabilmente non la cosa più importante, ma quella a cui sono affezionato – è che il racconto della produzione globale dei vaccini dimostra la perdurante rilevanza della cosiddetta Nuova Teoria del commercio, o come qualcuno la chiama, la “vecchia Nuova Teoria del Commercio”.

Un po’ di contesto: ecco il grafico rappresentativo di Bown e Bollyky, che mostra ciò che è coinvolto nella produzione del vaccino Pfizer:

zzz 249

Le iniezioni che si fanno a giro per il mondo. Fonte: Peterson Institute for International Economics

Produrre questi vaccini è evidentemente un processo complicato, che include strutture in molte località e presumibilmente implica molte spedizioni transfrontaliere degli ingredienti del vaccino. In particolare, nel caso di Pfizer tutte queste strutture sono negli Stati Uniti e in Europa Occidentale, il che è tipico tra le imprese farmaceutiche, sebbene altre società abbiano un certo numero di strutture in Brasile e in India.

Dov’è dunque che le catene dell’offerta dei vaccini entrano in rapporto con la teoria del commercio internazionale?

Se avete mai partecipato ad un corso di economia, probabilmente avete appreso la teoria del vantaggio comparativo, che dice che i paesi commerciano per avvantaggiarsi delle loro diversità. L’esempio classico originario, dall’economista del diciannovesimo secolo David Ricardo, riguardava lo scambio tra i tessuti inglesi e il vino del Portogallo.

Il vantaggio comparativo è una teoria potente e illuminante – specialmente perché mostra la ragione per la quale i paesi esportano beni che essi sono relativamente bravi a produrre, anche se in quelle industrie sono meno produttivi dei loro potenziali competitori. Il Bangladesh è una nazione a bassa produttività su scala globale (sebbene stia migliorando), ma il suo svantaggio di produttività è meno pronunciato nell’abbigliamento che in altre industrie, cosicché è diventato un importante esportatore di vestiti.

Tuttavia, negli anni ’60 e ’70 un certo numero di economisti cominciarono a suggerire che il vantaggio comparativo era una storia incompleta. Il commercio globale è venuto crescendo nel corso del tempo, ma buona parte di quella crescita ha riguardato gli scambi tra paesi che non sembrano molto diversi – gli Stati Uniti e il Canada, ad esempio, o le nazioni dell’Europa Occidentale. Inoltre, quello che questi paesi venivano vendendo gli uni agli altri pareva abbastanza simile: c’era molto commercio “intraindustriale”, come il commercio su larga scala in entrambe le direzioni di automobili e di prodotti connessi attraverso la frontiera statunitense-canadese.

Cosa stava accadendo? Un certo numero di economisti avevano notato da tempo che il vantaggio comparativo non era l’unica ragione possibile del commercio internazionale. I paesi potevano anche commerciare perché la produzione di alcuni beni riguarda rendimenti crescenti – ci sono vantaggi nella produzione su larga scala, che creano un incentivo a concentrare la produzione in pochi paesi ed a esportare quei prodotti ad altri. Il commercio delle auto tra Stati Uniti e Canada era un classico esempio: dopo che i paesi stabilirono un accordo di libero scambio per le automobili nel 1965, le società automobilistiche nord americane realizzarono economie di scala limitando la gamma degli articoli prodotti in Canada, esportando quei prodotti e importandone altri dagli Stati Uniti.

Ma se il commercio rifletteva i rendimenti crescenti anziché le caratteristiche del paese, quali paesi avrebbero finito per produrre quali beni? Poteva essere in buona parte casuale, il risultato di casi fortuiti della storia.

Tuttavia, esisteva una letteratura economica considerevolmente scarsa sui rendimenti crescenti nel commercio sino alla fine degli anni ’70. Gli economisti non amavano parlare di cose che trovavano difficile inserire in un modello, ed i modelli commerciali con i rendimenti crescenti tendevano ad essere problematici e confusi. Alla fine, tuttavia, emersero alcuni economisti che in modi intelligenti si aprirono un varco in questa confusione, in saggi come questo pezzo pubblicato nel 1980 sulla Rivista Economica Americana:

zzz 250

Ci vuole genialità. Fonte: Rivista economica Americana[1]

(osserverò, con tutta la dovuta immodestia, che la rivista avrebbe in seguito citato questo saggio come uno dei 20 più importanti pubblicati nel suo primo secolo di attività).  

Dio buono, ero giovane!

In ogni modo, il racconto ha il suo lato comico. Gli economisti erano appena venuti fuori con modelli ingegnosi del commercio tra i paesi simili, guidati dalle economie di scala, che l’economia del mondo girò le spalle da quel tipo di commerci verso un commercio tra paesi dissimili guidato da fattori come le grandi differenze nei salari.

L’economia del mondo, dalla metà degli anni ’80 al 2008, esplose in un processo che talvolta viene chiamato di iperglobalizzazione:

zzz 251

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La globalizzazione diventa ‘iper’. Fonte: Banca Mondiale

E laddove la crescita del commercio negli anni ’60 e ’70 aveva largamente riguardato le economie avanzate che vendono roba l’una con l’altra, l’iperglobalizzazione riguardò una crescita delle esportazioni dei prodotti manifatturieri dai paesi in via di sviluppo con salari relativamente bassi:

zzz 252

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto il vecchio divenne ancora nuovo. Fonte: Banca Mondiale [2]

Così, avemmo una Nuova Teoria del Commercio, ma il nuovo commercio che effettivamente stavamo ottenendo era spiegato molto meglio, proprio così, dalla vecchia teoria del commercio.

Dunque, cosa ha a che fare tutto questo con le catene dell’offerta del vaccino? Ebbene, come ho già notato, gli ingredienti dei vaccini sono principalmente prodotti nei paesi avanzati – paesi che sono molto simili nei loro livelli di istruzione, nel livello complessivo di competenza tecnologica, e altro ancora. Perché dunque non è accaduto che ogni paese avanzato producesse l’intero insieme dei fattori connessi con il vaccino? Ecco quello che dicono Bown e Bollyky:

“Il modello economico di gran parte dell’industria farmaceutica si è spostato verso ed oltre la frammentazione che riguardò i 25 anni passati. Come le tariffe ed altre barriere commerciali sono globalmente cadute, la tecnologia dell’informazione e della comunicazione (ICT) si è sviluppata, l’efficienza delle spedizioni e della logistica si è accresciuta e la protezione dei diritti di proprietà intellettuale è regolarmente migliorata. Il fatto che il commercio abbia potuto giocare un ruolo maggiore nella distribuzione dei prodotti farmaceutici ha comportato che le società potevano disporre di un minor numero impianti ma su scala più larga” [sottolineature mia].

Osservate: è la Nuova Teoria del Commercio in azione! E appare certo che ci fu molta contingenza storica casuale a determinare i ruoli nazionali negli schemi della specializzazione. Agli inizi l’Europa era molto dipendente dalle esportazioni inglesi dei lipidi – ma io dubito che ci sia qualcosa nella cultura britannica che rende il paese particolarmente bravo nei lipidi. Si tratta di uno di quegli accidenti che giocano un grande ruolo nella geografia economica.

C’è una morale, in questa storia? Nel passato decennio, c’è stato un grande contraccolpo contro la globalizzazione, in buona misura giustificato: i sostenitori degli argomenti del libero commercio avevano sopravvalutato i loro benefici e sottovalutato le turbative che possono provocare. Ma il caso della produzione dei vaccini mostra un aspetto della globalizzazione che tendiamo a dimenticare. Questi vaccini miracolosi sono prodotti incredibilmente complessi che sarebbe difficile produrre e sviluppare in un solo paese, anche se ampio come gli Stati Uniti. Un mercato globale ha reso possibile ottenere tutti gli input specializzati che stanno salvando, mentre voi leggete tutto questo, migliaia di vite umane.

 

 

 

 

 

 

[1] Si tratta della premessa del saggio. È il caso di ricordare che uno sfondo di ironica immodestia nel citare se stesso e nei commenti successivi non è così inappropriato, se si considera che con quel lavoro Krugman venne premiato col Nobel in economia. In estrema sintesi, la premessa annuncia che nella Prima sezione del saggio sarebbe stato presentato il modello di base del commercio. Per chi volesse sapere qualcosa di più sulla storia di quel Premio Nobel, la lettura che posso consigliare è lo stesso discorso che Krugman pronunciò l’8 dicembre 2008, nel quale egli ricostruisce il dibattito economico relativo di quegli anni, con riferimenti a vari altri premi Nobel,  compresi Stiglitz e Spence. La traduzione di quel discorso si trova tradotta su FataTurchina: “LA RIVOLUZIONE DEI RENDIMENTI CRESCENTI NEL COMMERCIO E LA GEOGRAFIA, di Paul Krugman. Discorso in occasione del ricevimento del Premio Nobel, 8 dicembre 2008”.

[2] La tabella mostra la crescita delle esportazioni dei paesi in via di sviluppo misurate come percentuali del PIL globale, dal 1985 al 2008.

 

 

 

 

I repubblicani keynesiani, i democratici sostenitori dell’economia dal lato dell’offerta? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 30 luglio 2021)

agosto 3, 2021

 

July 30, 2021

Keynesian Republicans, Supply-Side Democrats?

By Paul Krugman

zz 898

So Joe Biden appears to have his bipartisan infrastructure deal. Of course, progressives will be bitterly disappointed if that’s the end of the story. But it probably won’t be. In the end, Democrats will probably pass a second bill through reconciliation, adding several trillion dollars in “soft” investment — especially spending on children, which almost surely will have bigger economic payoffs than repairing roads and bridges, important as that is.

But today’s newsletter won’t be about legislative maneuvering. Instead, I want to talk about a funny thing that has happened to economic policy debate, detailed in a recent article by Jim Tankersley. Suddenly, Republicans have become Keynesians, while Democrats are talking about the supply side.

Traditionally, Democrats sought to justify big spending plans, like the Obama stimulus, by arguing that they were needed to boost demand in a weak economy. This was even true to a limited degree about the arguments made for the American Rescue Plan, the $1.9 trillion package Biden got enacted soon after taking office — although as its name suggests, the plan was pitched largely as disaster relief rather than as Keynesian stimulus.

Republicans, by contrast, derided Keynesian arguments. In the aftermath of the 2008 financial crisis, they called for cutting spending, not increasing it, buying fully into the doctrine of “expansionary austerity” — the claim that spending cuts would actually increase demand by inspiring confidence (or as I put it, they believed in the confidence fairy).

When justifying their own plans for tax cuts, Republicans generally didn’t argue that those cuts would increase demand. Instead, they invoked supposed supply-side effects: Reduced taxes, they claimed, would increase incentives to work and invest, expanding the economy’s potential. Democrats generally ridiculed these claims.

For what it’s worth, the evidence suggests that Democrats were right and Republicans wrong on both counts. The case for expansionary austerity was overwhelmingly refuted by experience, especially in the euro area, while the Keynesian multiplier-type analysis was vindicated. Supply-side economics has yet to offer a single convincing success story; the underwhelming results of the 2017 Trump tax cut are just the latest entry in an unbroken record of failure.

But a funny thing has happened. Republicans are now warning that Biden’s spending plans will cause the economy to overheat, feeding inflation — which is basically a Keynesian position, although it’s being used to argue against government expenditure. I guess the confidence fairy has left the building. Or maybe G.O.P. economics is situational — Keynesian or not depending on which position can be used to argue against Democratic spending plans.

Democrats, on the other hand, are arguing that their spending plans, while partly about social justice, will also have positive supply-side effects, raising the economy’s long-run potential.

What can we say about these claims on each side?

Concerns that Biden’s long-term spending plans will pump up demand in an economy that we hope will already be more or less at full employment aren’t entirely silly. It is, however, important to bear three things in mind.

First, while the numbers being talked about are big, they’re 10-year spending plans, so annual spending will be in the hundreds of billions, not trillions — and the U.S. economy is very big. Here’s the Congressional Budget Office’s projection of potential G.D.P. over the next decade:

zzz 246

 

 

 

 

 

 

 

 

It’s a big, big, big, big economy.Credit…FRED

That cumulates to $295 trillion over the next 10 years, so even $4 trillion of spending is only 1.3 percent of G.D.P.

Second, the spending will be paid for with taxes to a considerable extent, so that net stimulus will be smaller than the headline numbers. It’s true that the pay-fors are likely to involve a lot of smoke and mirrors, and if that isn’t the most budget wonk thing I’ve ever written, I don’t know what is. Still, the “fiscal impulse” probably won’t be very big. And though we obviously don’t have details on most of what is likely to happen, we can look at the projected year-by-year deficit effects of the Biden budget proposal from earlier this year:

zzz 247

 

 

 

 

 

 

 

 

Not that stimulative.Credit…Office of Management and Budget

Even at its peak, this is a much smaller stimulus than the American Rescue Plan, which was around 8 percent of G.D.P.

Finally, there’s good reason to argue that the U.S. economy needs sustained fiscal stimulus, even at full employment. The argument for secular stagnation — persistent weakness of demand, so that interest rates are very low even in good times — remains strong. This prospect raises concerns about future economic management: The Fed probably won’t have enough room to cut rates to fight off future recessions. So some persistent deficit spending to give the Fed more room to act would actually be prudent.

In fact, I’ve said on a number of occasions that I’m concerned that Biden is being too fiscally responsible, that we could do with more deficit spending going forward than he seems to want.

Overall, then, the Republican case that Biden’s proposals are dangerously inflationary — while not as bad as some of what comes out of that party — is pretty weak.

What about supply-side economics, Democrat-style? Unlike Republicans, who have consistently promised economic miracles that never arrive, Democrats are being very cautious about their supply-side claims. Nonetheless, progressive economists believe that there will be large long-term payoffs to spending more on infrastructure, research and especially aid to children.

And they expect fairly quick results if the reconciliation bill includes “family-friendly” policies like paid parental leave and child care, which they believe would increase female participation in the paid work force. I suspect that most Americans have no idea how much we’ve fallen behind on that front relative to other advanced countries with policies that make it easier for mothers to maintain their careers:

zzz 248

 

 

 

 

 

 

 

 

Women not at (paid) work.Credit…OECD

So there’s a pretty good case that Democratic supply-side economics will actually work.

Anyway, the bottom line is that there has been a weird role reversal in how the parties talk about economic policy. Republicans have gone all Keynesian, while Democrats are talking about the supply side. However, only one of the parties seems to be making sense.

 

I repubblicani keynesiani, i democratici sostenitori dell’economia dal lato dell’offerta?

Di Paul Krugman

 

Sembra dunque che Joe Biden abbia un accordo di entrambi i partiti sulle infrastrutture. Ovviamente, i progressisti sarebbero amaramente delusi se la storia finisse a questo punto. Ma probabilmente non sarà così. Alla fine, i democratici probabilmente approveranno una seconda proposta di legge attraverso l’isituto della riconciliazione, aggiungendo svariati miliardi di dollari in investimenti “leggeri” – in particolare spesa sui bambini, che quasi sicuramente avrà maggiori vantaggi per l’economia che non riparare strade e ponti, per quanto siano importanti.

Ma la newsletter di oggi non sarà sulla manovra legislativa. Voglio invece parlare di una cosa curiosa che è avvenuta nel dibattito economico, messa in evidenza da un articolo di Jim Tankersley. All’improvviso,  repubblicani sono diventati keynesiani, mentre i democratici stanno parlando dell’economia dal lato dell’offerta.

Tradizionalmente, i democratici cercavano di giustificare grandi programmi di spesa, come lo stimolo di Obama, sostenendo che erano necessari per incoraggiare la domanda in un’economia debole. In una limitata misura questo era vero anche per gli argomenti avanzati con il Piano Americano di Salvataggio, il pacchetto da 1.900 miliardi di dollari che Biden varò appena entrato in carica – sebbene, come suggerisce il nome stesso, quel programma venne promosso in gran parte come assistenza nell’emergenza, piuttosto che come uno stimolo keynesiano.

Di contro, i repubblicani irridevano agli argomenti keynesiani. In seguito alla crisi finanziaria del 2008, chiesero di tagliare la spesa, non di aumentarla, aderendo pienamente alla dottrina dell’ “austerità espansiva” – la pretesa che tagliando la spesa si sarebbe effettivamente incrementata la domanda diffondendo la fiducia (ovvero, come mi espressi io, credevano nella fata della fiducia).

Nel giustificare i loro piani per i tagli alle tasse, in generale i repubblicani non sostenevano che quei tagli avrebbero incrementato la domanda. Sostenevano che ridurre le tasse avrebbe aumentato gli incentivi a lavorare ed a investire, espandendo il potenziale dell’economia. In generale, i democratici irridevano a queste pretese.

Per quello che vale, le prove indicano che i democratici avevano ragione e i repubblicani avevano torto su entrambi gli aspetti. L’argomento dell’austerità espansiva venne confutato in modo schiacciante dai fatti, specialmente nell’area euro, mentre venne risarcita l’analisi keynesiana del moltiplicatore. L’economia dal lato dell’offerta deve ancora offrire una unica storia di successo; i deludenti risultati degli sgravi fiscali di Trump del 2017 sono solo l’ultima voce di una ininterrotta serie di fallimenti.

Ma è accaduta una cosa buffa. Adesso i repubblicani stanno mettendo in guardia che i piani di spesa di Biden provocheranno un surriscaldamento dell’economia, alimentando l’inflazione – che è fondamentalmente una posizione keynesiana, sebbene venga utilizzata contro la spesa pubblica. Mi immagino che la fata della fiducia abbia lasciato l’edificio. O forse il Partito Repubblicano è ‘situazionale’ – keynesiana o no, tutto dipende dalla posizione che può essere usata per contrastare i piani di spesa dei democratici.

I democratici, da parte loro, stanno sostenendo che i loro programmi di spesa, mentre in parte riguardano la giustizia sociale, avranno anche effetti positivi dal lato dell’offerta, aumentando il potenziale a lungo termine dell’economia.

Cosa si può dire di queste tesi su entrambi gli schieramenti?

Le preoccupazioni secondo le quali i programmi di spesa di Biden gonfieranno la domanda in un’economia che noi speriamo già sarà più o meno in piena occupazione, non sono del tutto sciocche. Tuttavia, è importante tenere a mente tre cose.

La prima: mentre i numeri dei quali abbiamo parlato sono grandi, essi riguardano programmi di spesa decennali, dunque la spesa annuale sarà in centinaia di miliardi, non in migliaia – e l’economia americana è molto grande. Ecco la previsione dell’Ufficio del Bilancio del Congresso sul PIL potenziale nel prossimo decennio:

zzz 246

 

 

 

 

 

 

 

 

È un’economia molto, molto grande Fonte: FRED [1]

Questo assomma a 295 mila miliardi di dollari nei prossimi dieci anni, dunque persino 4.000 miliardi di spesa sono soltanto l’1,3 per cento del PIL.

In secondo luogo, la spesa verrà ripagata in una notevole misura tramite le tasse, cosicché lo stimolo netto sarà inferiore ai numeri complessivi. È vero che le coperture riguardano in gran parte fumo negli occhi, e ammetto che questa non sia la cosa più minuziosa relativa ad un bilancio che abbia mai scritto. Eppure, l’ “impulso della finanza pubblica” probabilmente non sarà grandissimo. E sebbene ovviamente non abbiamo i dettagli sulla maggior parte di ciò che è probabile accada, possiamo osservare gli effetti previsti sul deficit anno per anno della proposta di bilancio di Biden, a partire dagli inizi di quest’anno:

zzz 247

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno stimolo non così forte. Fonte: Ufficio della Gestione e del Bilancio

Persino al suo punto più alto, questo è uno stimolo molto minore del Piano Americano di Salvataggio, che era attorno all’8 per cento del PIL [2].

Infine, c’è una buona ragione per sostenere che l’economia statunitense ha bisogno di un prolungato stimolo della finanza pubblica, seppure con la piena occupazione. La tesi della stagnazione secolare – una persistente debolezza della domanda, cosicché i tassi di interesse sono molto bassi persino in tempi buoni – resta forte. La prospettiva solleva preoccupazioni sulla gestione futura dell’economia: la Fed probabilmente non avrà margini sufficienti per tagliare i tassi per combattere recessioni future. Dunque una qualche persistente spesa in deficit per dare alla Fed più margini sarebbe effettivamente prudente.

Di fatto, ho affermato in un certo numero di occasioni di essere preoccupato che Biden sia troppo responsabile sul lato della finanza pubblica, che andando avanti dovremmo fare più spesa in deficit di quella che lui sembra volere.

Nel complesso, allora, l’argomento repubblicano secondo il quale le proposte di Biden sono pericolosamente inflazionistiche – sebbene non così negativa come alcune delle cose che vengono da quel partito – è abbastanza debole.

Che dire dell’economia dal lato dell’offerta, stile democratici? Diversamente dai repubblicani, che hanno promesso in continuazione miracoli economici che non arrivano mai, i democratici restano molto molto cauti sulle loro tesi dal lato dell’offerta. Ciononostante, gli economisti progressisti credono che ci saranno grandi vantaggi a lungo termine nello spendere maggiormente sulle infrastrutture, sulla ricerca e particolarmente sull’aiuto ai bambini.

E si aspettano risultati abbastanza veloci se la proposta di legge nella fase di riconciliazione [3] includerà politiche a favore della famiglia come il congedo pagato per i genitori e gli asili nido, che credono accrescerebbero la presenza delle donne tra la forza lavoro pagata. Ho l’impressione che la maggioranza degli americani non si rendano conto di quanto siamo caduti in basso su quel fronte, a confronto di altri paesi avanzati con politiche rendono più facile per le madri il mantenimento delle loro carriere:

zzz 248

 

 

 

 

 

 

 

 

Donne non al lavoro (pagato). Fonte: OCSE [4]

Dunque, c’è una possibilità abbastanza buona che l’economia dal lato dell’offerta dei democratici effettivamente funzioni.

In ogni modo, la morale della favola è che c’è stata una bizzarra inversione di ruoli nei modo in cui i partiti parlano di politica economica. I repubblicani sono diventati tutti keynesiani, mentre i democratici stanno parlando dell’economia dal lato dell’offerta. Tuttavia, solo uno dei due partiti sembra dire cose sensate.

 

 

 

 

 

 

[1] La tabella mostra le previsioni di un Ufficio Studi della Fed sull’andamento del PIL potenziale nominale da oggi al 2031.

[2] Ovvero, se capisco, la tabella si riferisce soltanto alla manovra di spesa contenuta nel bilancio, e non ai provvedimenti urgenti già assunti con il programma di emergenza.

[3] Come spiegato altre volte, la “riconciliazione” è uno strumento regolamentare del Congresso statunitense, che prevede che le misure economiche che in prima battuta avrebbero bisogno di essere approvate con maggioranze qualificate (misure che modificano gli equilibri di bilancio), possono alla fine passare da un procedura semplificata, che consente di approvarla anche con maggioranze semplici. I democratici pare che non abbiano quasi mai utilizzato questa possibilità, mentre nel periodo più recente i repubblicani ne hanno fatto frequente uso, ad esempio nel 2017 con gli sgravi fiscali di Trump. Adesso anche i democratici sono intenzionati ad usarla, recuperando in sede di ‘riconciliazione’ buona parte delle proposte economiche sulle quali non c’è accordo di entrambi i partiti.

[4] La Tabella mostra il tasso di occupazione delle donne nella principale età lavorativa (in genere stimata tra i 25 ed i 54 anni). Gli Stati Uniti hanno una percentuale di dieci punti inferiore alla Svezia.

 

 

 

 

L’anno e mezzo durante il quale è morta la libertà, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 27 luglio 2021)

luglio 29, 2021

 

July 27, 2021

The year and a half when liberty died,

Paul Krugman

zz 898Once a year I teach a graduate seminar called “Economics of the Welfare State,” covering topics ranging from retirement to health care to unemployment insurance, with a strong focus on international comparisons — because these are policy areas in which different countries have taken startlingly different paths. By the way, nobody does everything either wrong or right. For example, the United States does a pretty good job on retirement but a horrible job on health care, while France does the reverse.

Obviously I have political views on these issues, and my students know that, but I try as hard as I can both to distinguish my preferences from the evidence and to give a fair hearing to other views. In particular, I like to tell the students that on the really big issues, the argument is essentially a philosophical debate about values rather than policy analysis, and that there’s a legitimate conservative position that no amount of wonkery can debunk.

But right now I’m wondering how I’ll manage to give my potted version of political philosophy with a straight face.

I usually teach this stuff as a dispute between John Rawls and Robert Nozick. (A note to real philosophers: Yes, I know I’m drastically oversimplifying.) Rawls wrote a famous book titled “A Theory of Justice” in which he argued for a thought experiment: Imagine yourself being asked to choose a form of society to live in before knowing which role in that society you’d end up playing. You might be heir to a huge fortune, but you might be desperately poor. What kind of society would you choose?

Rawls argued, basically, that you’d go for a big welfare state, with highly progressive taxation and a strong social safety net. And most liberals are more or less Rawlsian — less in the sense that their sense of social justice disappears, or at least gets greatly attenuated, at the water’s edge: A full-on Rawlsian would surely advocate massive foreign aid.

But leave that aside. What’s the conservative position? I usually invoke Nozick’s book “Anarchy, State, and Utopia,” which centers on the concept of freedom of choice. In the Nozickian worldview people should have the right to act as they like, so long as it doesn’t hurt others, and this principle of freedom should prevail even if you might prefer that some people have more and others less.

Nozick acknowledged that there would have to be some limits to libertarianism: Individuals can’t simply refuse to pay the taxes that support national defense, nor does freedom of choice include the freedom to, say, dump toxic waste into a river. But the Nozickian view does call for a government as limited as possible, certainly much smaller than the big welfare states all advanced countries currently operate.

And I can’t say that Nozick’s view is wrong — nor can anyone say it’s right. It all depends on your values.

But here’s the thing: My usual effort to offer maximum sympathy to the conservative position falls apart completely when one tries to make sense of the U.S. right’s response to Covid-19. Oh, people have used the usual words — we’ve been hearing a lot about freedom. But their actions have been so far from any defensible notion of libertarianism that they take hypocrisy to a whole new level.

I mean, suppose you declare that people should be free to make their own choices so long as others aren’t hurt. How does this apply to refusing to wear a mask or get vaccinated? In both cases the actions taken in the name of liberty very much come at others’ expense; indeed, the main point of mask-wearing has always been to protect other people, not yourself. And while sheer self-preservation should be a good enough reason to get vaccinated, refusing the shots for whatever reason is also putting other peoples’ lives at risk by keeping the pandemic going.

It has also been amazing to watch many conservatives do a complete 180 on the rights of business owners. We’ve seen repeated court cases in which conservatives insisted that employers had the right to deny employees benefits based on the owners’ religious beliefs, sellers could refuse to provide service to gay couples and so on. What you do with your business, the doctrine seemed to be, was up to you.

But in the pandemic we suddenly had conservative politicians trying to prohibit stores from requiring that their customers wear masks, trying to prohibit cruise ships from requiring that passengers be vaccinated, and so on. All that rhetoric of freedom suddenly didn’t apply when it came to protecting public health.

OK, I’m not naïve: I’ve long argued that there are very few true libertarians in American politics, that the language of freedom is largely used to defend privilege. I also understand that the anti-vaccination campaign was driven in large part by cynical political calculation: There are politicians and media figures who consider it more important that President Biden fail than that their supporters/viewers live.

But for all my cynicism, I didn’t think it would get this raw.

As it happens, it’s looking as if the cynical political calculation has backfired — the Delta variant surge in low-vaccination states has become too obvious to ignore — and we’re now seeing a desperate scramble by various politicians and media figures to get on the right side of the issue. And my guess is that over the next few months we’ll get a de facto vaccine mandate enforced, not by law, but by employers terrified of becoming Covid hot spots.

But it has been quite an education. I’ll continue to teach the logic of libertarian opposition to the welfare state. But I won’t pretend that it represents any significant political force.

 

 

L’anno e mezzo durante il quale è morta la libertà,

di Paul Krugman

 

Una volta all’anno io insegno in un seminario universitario chiamato “Economia dello Stato assistenziale”, che si occupa di temi che vanno dalle pensioni, alla assistenza sanitaria, alla assicurazione di disoccupazione, con una forte attenzione ai confronti internazionali – perché queste sono aree della politica nelle quali i diversi paesi hanno preso indirizzi sorprendentemente differenti. Per inciso, nessuno fa tutte le cose in modo giusto o sbagliato. Ad esempio, gli Stati Uniti fanno un lavoro abbastanza buono sulle pensioni ma un orribile lavoro sulla assistenza sanitaria, mentre la Francia fa l’opposto.

Ovviamente ho le mie opinioni su questi temi, e i miei studenti lo sanno, ma cerco il più possibile sia di distinguere le mie preferenze dalle prove, sia di fornire una giusta accoglienza ad altri punti di vista. In particolare, mi piace dire agli studenti che sui temi realmente importanti, il nodo è essenzialmente il dibattito filosofico sui valori piuttosto che l’analisi della politica, e che c’è una legittima posizione conservatrice che nessuna dose di supponente competenza [1] può confutare.

Ma in questo momento mi sto chiedendo come riuscirò a fornire onestamente questa mia versione concentrata della filosofia politica.

Di solito insegno queste cose nella forma di una disputa tra John Rawls e Robert Nozick (nota per i veri cultori della filosofia: so che sto esagerando drasticamente con la semplificazione). Rawls scrisse un libro famoso dal titolo “Una teoria della giustizia” nel quale sosteneva un esperimento di pensiero: immaginate che vi venga chiesta una forma di società nella quale vivere, prima che conosciate il ruolo che finirete per avere in quella società. Potreste ereditare una enorme fortuna, ma potreste essere disperatamente poveri. Che genere di società scegliereste?

Rawls, fondamentalmente, sosteneva che dovreste essere a favore di un grande Stato assistenziale, con una tassazione fortemente progressiva e una forte rete di sicurezza sociale. E la maggioranza dei liberali progressisti sono più o meno rawlsiani – lo sono meno nel senso che la loro percezione della giustizia sociale scompare, o almeno viene fortemente attenuata, nei casi limite: un rawlsiano integrale sosterrebbe certamente un aiuto all’estero massiccio.

Ma lasciamo da parte questo aspetto. Quale è la posizione conservatrice? Di solito io mi appello al libro di Nozick “Anarchia, Stato e Utopia”, che si concentra sul concetto di libertà di scelta. Nella concezione del mondo di Nozick le persone dovrebbero avere il diritto di agire come preferiscono, finché questo non reca danni agli altri, e questo principio di libertà dovrebbe prevalere anche se si potrebbe preferire che alcune persone abbiano di più ed altre di meno.

Nozick riconosceva che avrebbero dovuto esserci alcuni limiti al libertarianesimo [2]: le persone non possono semplicemente rifiutarsi di pagare le tasse che sostengono la difesa nazionale, né la libertà di scelta può comprenderead esempio, di riversare rifiuti tossici in un fiume. Ma il punto di vista di Nozick è a favore di un governo il più limitato possibile, certamente molto più ristretto dei grandi Stati assistenziali che attualmente operano in tutti i paesi avanzati.

E io non posso dire che il punto di vista di Nozick sia sbagliato – come nessuno può dire che sia giusto. Dipende tutto dai propri valori.

Ma il punto è lì: il mio consueto sforzo di offrire il massimo di comprensione alla posizione conservatrice va in pezzi quando si cerca di di dare un senso alla risposta delle destra statunitense al Covid 19. Senza dubbio le persone hanno usato le parole consuete – sentiamo un gran discorrere di libertà. Ma le loro azioni sono talmente lontane da ogni difendibile concetto di libertarianesimo che portano l’ipocrisia ad un livello interamente nuovo.

Intendo dire, supponiamo che si affermi che le persone dovrebbero essere libere di fare le proprie scelte finchè non vengono danneggiati gli altri. Come questo si applica al rifiuto di indossare una mascherina o di venire vaccinati? In entrambi i casi le azioni assunte nel nome della libertà vanno molto a spese degli altri; in effetti, il senso principale dell’indossare le mascherine è sempre stato proteggere le altre persone, non se stessi. E mentre la salvaguardia personale dovrebbe essere una buona ragione sufficiente per essere vaccinati, rifutare le iniezioni per qualsiasi ragione corrisponde anche a mettere a rischio la vita delle altre persone, consentendo alla pandemia di continuare.

È anche sorprendente osservare come i conservatori abbiano fatto una inversione completa a 180 gradi sui diritti dei proprietari di impresa. Abbiamo visto ripetuti processi nei tribunali nei quali i conservatori ribadivano che i datori di lavoro avevano il diritto di negare sussidi agli impiegati basandosi sulle convinzioni religiose dei proprietari, che i i venditori potevano rifiutare di fornire servizi alle coppie gay, e altro ancora. La dottrina sembrava essere, quello che fai con la tua impresa, sono affari tuoi.

Ma nella pandemia all’improvviso abbiamo avuto politici conservatori che cercavano di proibire ai negozi di richiedere che i loro clienti indossassero le mascherine, che cercavano di proibire alle navi da crociera che i passeggeri fossero vaccinati, e così via. Tutta quella retorica sulla libertà d’un tratto non si applicava quando si arrivava alla protezione della salute pubblica.

Chiariamolo, non sono ingenuo: da molto tempo sostengo che non ci sono veri libertariani  nella politica americana, che il linguaggio della libertà è ampiamente utilizzato per difendere i privilegi. Capisco anche che la campagna contro la vaccinazione è in gran parte guidata da calcoli cinici: ci sono politici e personaggi dei media che considerano più importante che il Presidente Biden fallisca, piuttosto che restino in vita i loro sostenitori/ascoltatori.

Ma con tutto il mio cinismo, non pensavo che esso potesse diventare così crudo.

Adesso accade che il calcolo politico cinico  pare si ritorca contro di loro – la crescita della variante Delta negli Stati con bassa vaccinazione è diventata troppo evidente da ignorare – e stiamo assistendo  ad una corsa disperata da parte di vari politici e personaggi dei media a collocarsi dalla parte giusta della disputa. E la mia congettura è che nel giro di pochi mesi avremo di fatto un obbligo di vaccinazione disposto non dalla legge, ma dai datori di lavoro terrorizzati dall’arrivo di focolai di Covid.

Ma tutto questo è stato abbastanza istruttivo. Continuerò a insegnare la logica dell’opposizione libertariana allo stato assistenziale. Ma non fingerò che essa rappresenti una quache significativa forza politica.

 

 

 

 

 

[1] “Wonkery” non è un termine, per quanto ne so, che si trova facilmente nei dizionari. Deriva da “wonk”, raro anch’esso ma che di solito si suggerisce di tradurre con qualcosa come “secchione”, che per noi è uno studioso meticoloso e un po’ pedante.  Vari post più tecnici di Krugman spesso recano l’avvertimento “wonking out”, decisamente intraducibile, che è come dire “esercizio di pedanteria”. Ma il termine probabilmente non ha in americano tutto il senso negativo che ha “secchione/pedante” in italiano; è più un via di mezzo tra “esperto” e “supponente”.

[2] “Libertariano” è un termine di solito utilizzato per definire la ideologia di una sorta di destra ultraliberistica, antistatalistica e in un certo senso ‘libertaria’, che è abbastanza caratteristica degli Stati Uniti. Come ho spiegato altre volte nelle note, non sarebbe appropriato tradurre il termine “libertarianesimo” con concetti solo apparentemente prossimi dell cultura europea (ad esempio, radicalismo, o ‘liberalismo’, né tantomeno anarchismo). Il ‘libertarianesimo’ è il regno della ‘libertà’, ma particolarmente nel senso della libertà Né mi risulta che questa ideologia sia sostenuta dal pensiero di autorevoli filosofi; essa in genere rammentata ancora oggi per le concezioni di Ayn Rand, singolare scrittrice del novecento, scrisse il suo principale romanzo (“La rivolta di Atlante”) verso la metà  del secolo passato.

Ma Robert Nozick è stato (è morto nel 2002) probabilmente l’eccezione: professore ad Harvard, egli ha effettivamente ‘veicolato’ la altrimenti un po’ primordiale teoria libertariana negli ambienti accademici.

Quindi, nel suo caso “libertarianism” va in effetti tradotto alla lettera, ovvero in riferimento al movimento libertariano.

E questa è una foto di Nozick:

zzz 239

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa hanno in comune i miei digiuni intermittenti e i rischi di inflazione, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 23 luglio 2021)

luglio 25, 2021

 

July 23, 2021

What Inflation Risks and My Intermittent Fasting Have in Common

By Paul Krugman

zz 898

Like many people, I put on some pounds during the pandemic. Not catastrophic — I kept working out, and I think my cardio fitness has held up. But I was doing a lot less walking than normal, and also, in retrospect, engaged in too much comfort eating.

So now I’m doing what has worked for me in the past: going hungry, with restricted calories, two or three days a week. This is not proselytizing — the best diet is the one you can actually keep to, and I just happen to have a personality more suited to brief self-inflicted spasms of suffering than to maintaining sustained self-discipline.

But why does intermittent fasting work, when it does? You might think that people would just splurge on non-fasting days, making up for the lost calories. Apparently, however, they don’t — there’s only so much you can consume before your stomach hurts, so people eat a bit more than normal after a fast day, but not enough to prevent weight loss.

Why am I providing you with what surely seems like Too Much Information? Because it is, I believe, relevant to how we should think about the economy over the next year or so.

Back in March, when Congress passed the $1.9 trillion American Rescue Plan, some economists — most prominently and vehemently Larry Summers, but he wasn’t alone — began warning that the plan would lead to dangerous inflation.

You might think that the spike in consumer prices over the past few months has vindicated these warnings, but actually what we’ve been seeing so far isn’t at all the story Summers and others were telling. Recent inflation has been all about spot shortages as the economy tries to recover from pandemic disruptions — surging prices of used cars, all by themselves, account for a remarkably large fraction of the past few months’ price rises.

This kind of inflation will probably be transitory. Lumber prices, which some view as a sign of things to come, have fallen. Wholesale used car prices appear to have leveled off. There are some indications that the shortage of computer chips is easing.

No, the story from the inflation worriers was about the risk of a much broader form of inflation. Consumers, they pointed out, were already sitting on a huge stash of savings — about $2.6 trillion, according to Moody’s — that had been built up during the pandemic, when they couldn’t spend because everything was locked down. In fact, savings rates during the pandemic hit levels we hadn’t seen since World War II, when spending was restricted by rationing:

zzz 235

 

 

 

 

 

 

 

 

Spend we couldn’t. Credit…FRED

And then the federal government handed out a lot of money — those $1,400 stimulus checks, enhanced unemployment benefits, child care allowances. Add that to those excess savings, and we’ve got something like $4.5 trillion (insert Dr. Evil voice) in cash floating around, which is a lot even in a $22 trillion economy.

The argument of our latter-day inflationistas is that all of this portends a huge surge of pent-up consumer spending, which will overheat the economy and result in broad-based inflation that will be costly to bring back under control.

Now, one response would be to invoke Milton Friedman’s famous permanent income hypothesis. Way back in 1957, Friedman argued that consumer spending depends not on current income, but on the income people expect to have over the longer term. An implicit side effect is that consumer spending should also depend on wealth, but not too strongly, because people will try to spread wealth-based spending over a long period too. A Friedman-type analysis would say that both the savings accumulated during the pandemic and the stimulus checks will have only modest effects on consumer spending, because households will spend down their windfall over a number of years, not all at once.

OK, while Friedman’s hypothesis has proved very useful in understanding consumption, it has also been proved wrong in detail. Consumers don’t base spending decisions entirely on current income, but they react a lot more to short-term income than permanent income theory says they should. That’s partly because many people — even some among the wealthy — are cash-constrained, wanting to spend more than their income but unable or unwilling to borrow. It may also be because people don’t make lifetime budget plans the way economists sometimes assume; they engage in “mental accounting” that may lead them to spend more of a windfall than they would if they were engaged in hyper-rational planning.

So maybe people will spend a lot of their 2020 savings and their 2021 stimulus checks after all, justifying the inflationistas’ fears.

Or maybe not. Because consumption during the pandemic was … odd.

The last time we saw saving on this scale was, as I said, during World War II. And here’s the thing: While there was some wartime rationing of many goods, for the most part people were unable to buy consumer durables, like cars and washing machines. This set the stage for a huge surge in spending as people were able to fill the backlog of durable goods purchases they had been forced to postpone under rationing:

zzz 236

 

 

 

 

 

 

 

 

Pandemic “rationing” was different.Credit…FRED

This time, however, durable goods purchases held up fine; if anything, after a brief drop during the first weeks of lockdown, they increased:

zzz 237

 

 

 

 

 

 

 

 

People kept buying stuff.Credit…FRED

So this was an odd consumer slump, in which people were blocked from consuming services like restaurant meals and hotel stays, but remained able to buy stuff — and may in fact have bought more stuff than usual to compensate for the service constraints: Pelotons instead of trips to the gym, kitchen remodelings instead of going out to eat.

This creates a situation very different from the one that prevailed after World War II. Then, people rushed to buy the cars and home appliances they had been prevented from buying under rationing. That is, there really was a lot of pent-up demand. But you can’t suddenly eat all the restaurant meals you didn’t get to eat during lockdown; people will probably spend a few months dining out more than usual, and they may engage in some revenge vacation and travel. But there’s a limit to how much of that you can do — just as there’s a limit to how much you can stuff yourself after a fast day. See, I told you my TMI would be relevant!

So my guess is that there’s less to those huge excess savings numbers and big stimulus numbers than meets the eye. Overheating is still possible, and the Fed should keep its eye on that possibility. But the big numbers aren’t as scary as they seem.

 

Cosa hanno in comune i miei digiuni intermittenti e i rischi di inflazione,

di Paul Krugman

 

Come molte persone, durante la pandemia ho messo  su qualche chilo. Non in modo catastrofico – ho continuato a lavorare e penso che la mia forma cardio abbia resistito. Ma facevo meno camminate del normale e, giudicando a cose fatte, mi son dato troppo da fare in mangiate di consolazione.

Dunque, adesso sto facendo quello che in passato aveva funzionato: due o tre giorni alla settimana, con poche calorie, patisco la fame. Questo non è proselitismo- la dieta migliore  quella è quella alla quale effettivamente ci si attiene, e si dà il caso che io abbia una personalità più adatta a brevi auto inflitti spasmi di sofferenza che non a mantenere una disciplina prolungata.

Ma perché il digiuno intermittente funziona, quando funziona? Potreste pensare che nei giorni di non digiuno le persone si lascino andare, recuperando le calorie perse. A quanto sembra, tuttavia, non lo fanno – c’è un limite a quello che si può consumare prima che faccia male allo stomaco, cosicché le persone dopo un giorno di digiuno mangiano un po’ più del normale, ma non tanto da impedire una perdita di peso.

Perché mi sto dilungando in quello che certamente vi sembrerà un eccesso di confidenze? Perché, credo, è rilevante per come dovremmo ragionare, nei prossimi anni o giù di lì, sull’economia.

Nel marzo passato, quando il Congresso approvò il Piano Americano di Salvataggio da 1.900 miliardi di dollari, alcuni economisti – il più eminente e il più veemente fu Larry Summers, ma non fu il solo – cominciarono ad ammonire che il piano avrebbe portato ad una pericolosa inflazione.

Potreste pensare che il picco nei prezzi al consumo dei mesi passati abbia confermato questi ammonimenti, ma in effetti quello che abbiamo visto non è stata sinora la storia che Summers ed altri stavano raccontando. L’inflazione recente ha riguardato interamente carenze puntuali frequenti quando l’economia cerca di riprendersi da disordini pandemici – la crescita dei prezzi delle auto usate, da sola, pesa per una frazione considerevolmente ampia delle crescita dei prezzi dei pochi mesi passati.

Questo genere di inflazione sarà probabilmente transitoria. I prezzi del legname, che alcuni considerano un segno di ciò che sta arrivando, sono caduti. I prezzi all’ingrosso delle auto usate sembrano livellati. Ci sono alcune indicazioni per le quali la carenza di micro conduttori si sta attenuando.

No, il racconto di coloro che erano in ansia per l’inflazione riguardava il rischio di una forma di inflazione molto più generale. Essi mettevano in rilievo che i consumatori erano già seduti su una enorme scorta di risparmi – secondo Moody’s, circa 2.600 miliardi di dollari – che avevano represso durante la pandemia, quando non potevamo spendere perché tutto era bloccato. Di fatto, i tassi di risparmio durante la pandemia hanno raggiunto livelli che non si erano visti dalla Seconda Guerra Mondiale, quando la spesa era ristretta dal razionamento:

zzz 235

 

 

 

 

 

 

 

 

Spendere non potevamo. Fonte: FRED

E in seguito il Governo federale ha distribuito un sacco di soldi – quegli assegni di sostegno di 1.400 dollari, i sussidi di disoccupazione aumentati, le agevolazioni per gli asili nido. Si aggiungano a ciò i risparmi eccedenti, e abbiamo avuto qualcosa come 5.400 miliardi di dollari (qua entra la voce del dr. Male [1]) di fluttuazione di contante in circolazione, che è molto, anche in una economia da 22 mila miliardi di dollari.

L’argomento dei nostri inflazionisti dell’ultim’ora è che tutto questo preannuncia una enorme crescita della spesa per consumi repressa, che sovra riscalderà l’economia e avrà il risultato di una inflazione con una ampia base che sarà costoso riportare sotto controllo.

Ora, una risposta sarebbe invocare la famosa ipotesi di Milton Friedman sul reddito permanente. Nel passato 1957, Friedman sostenne che le spese di consumo non dipendono dal reddito del momento, ma dal reddito che le persone si aspettano di avere nel più lungo termine. Un effetto collaterale implicito è che la spesa di consumo dovrebbe dipendere anche dalla ricchezza, ma non in modo esagerato, perché le persone cercheranno di distribuire la spesa basata sulla ricchezza anche nel lungo periodo. Una analisi del genere di quella di Friedman direbbe che sia i risparmi accumulati durante la pandemia che gli assegni di sostegno avranno effetti solo modesti sulle spese di consumo, perché le famiglie spenderanno le loro inaspettate fortune in un certo numero di anni, non tutte assieme.

È vero, mentre l’ipotesi di Friedman si è mostrata molto utile nella comprensione dei consumi, si è anche dimostrata sbagliata nel dettaglio. I consumatori non basano le decisioni di spesa sul reddito del momento, ma reagiscono molto di più al reddito a breve termine di quanto direbbe la teoria del reddito permanente. Ciò in parte dipende dal fatto che molte persone – compresi alcuni tra i ricchi –  sono limitati dal contante, vogliono spendere di più del loro reddito ma sono impossibilitati o indisponibili a indebitarsi. Può anche dipendere dal fatto che le persone non fanno i programmi di bilancio nel modo che talvolta suppongono gli economisti; operano sulla base di una “contabilità a mente” che può portarle a spendere di più di una inaspettata fortuna di quello che farebbero se si basassero su una programmazione iperrazionale.

Dunque, in fin dei conti le persone spenderanno buona parte dei loro risparmi del 2020 e delle misure di sostegno del 2021, giustificando i timori degli inflazionisti.

O forse no. Perché i consumi durante la pandemia sono stati … strani.

L’ultima volta che vedemmo risparmi di queste dimensioni fu, come ho detto, durante la Seconda Guerra Mondiale. E lì è il punto: finché durante la guerra ci fu il razionamento di molti prodotti, come le automobili e le lavatrici, la maggior parte delle persone erano impossibilitate ad acquistare beni durevoli. Questa costituì la premessa per un grande crescita della spesa quando le persone furono nelle condizioni di saziarsi degli arretrati degli acquisti di beni durevoli  che erano state costrette a dilazionare con il razionamento:

zzz 236

 

 

 

 

 

 

 

 

Il “razionamento” pandemico è stata una cosa diversa. Fonte: FRED [2]

Questa volta, tuttavia, gli acquisti di beni durevoli hanno resistito bene; semmai, dopo una breve caduta nelle prime settimane del lockdown, sono aumentati:

zzz 237

 

 

 

 

 

 

 

 

La gente ha continuato ad acquistare roba. Fonte: FRED [3]

Dunque questa è stata una strana caduta dei consumi, nella quale le persone erano impedite nel consumo dei servizi come i pranzi ai ristoranti e i soggiorni negli alberghi, ma restavano capaci di acquistare oggetti – e forse di fatto ne hanno acquistati più del solito per compensare le limitazioni nei servizi: i Peleton [4] invece dei viaggi in palestra, la ristrutturazione delle cucine invece di andare a pranzo fuori.

Questo determina una situazione molto diversa da quella che prevaleva durante la Seconda Guerra Mondiale. Allora, le persone si precipitarono ad acquistare le macchine e gli elettrodomestici che erano impediti a comprare sotto il razionamento. Ovvero, c’era realmente una gran quantità di domanda repressa. Ma non si può all’improvviso consumare tutti i pasti al ristorante che non si sono potuti consumare durante il lockdown; le persone probabilmente spenderanno alcuni mesi più del solito nel mangiare fuori, e forse si prenderanno qualche rivincita in vacanze e viaggi. Ma c’è un limite a quanto di può fare – proprio come c’è un limiti a quanto si può abbuffarsi dopo un giorno di digiuno. Vedete, l’avevo detto che le mie eccessive confidenze sarebbero state importanti!

Dunque, la mia ipotesi è che ci sia meno di quello che sembra in quegli enormi dati sugli eccessi di risparmi e nei numeri sulle grandi misure di sostegno. Il surriscaldamento è ancora possibile, e la Fed dovrebbe continuare a tenere quella possibilità sotto osservazione. Ma i dati non sono così tremendi come sembrano.

 

 

 

 

 

[1] Il dr. Male è il seguente personaggio di un film di fantascienza, con una espressione inorridita:

zzz 199

 

 

 

 

 

 

 

 

[2] La Tabella mostra l’andamento dei consumi personali di beni durevoli – in rapporto al PIL – in un periodo che va dal 1930 al 2020. Come si vede il crollo negli anni della guerra fu molto più grande che non quello recente (anche se non mi pare questo spieghi il motivo per il quale il calo recente sia tutto nel corso del primo decennio del 2000).

[3] L’andamento di questa seconda tabella è diverso da quella sopra. Probabilmente perché questo misura la spesa assoluta sui beni durevoli, mentre quello misurava la spesa in rapporto al PIL.

[4] Biciclette per fare ginnastica all’interno delle abitazioni.

 

 

 

 

Due evviva per le tariffe sul carbonio, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 16 luglio 2021)

luglio 18, 2021

 

July 16, 2021

Two Cheers for Carbon Tariffs

By Paul Krugman

zz 898

This time it really is Infrastructure Week. Democrats have agreed on the broad outline of a big public investment program, to be passed through reconciliation on top of a much smaller bipartisan “hard” infrastructure program. As I noted in my column Friday, big spending has gotten its groove back.

But there has been another major policy development: It’s Infrastructure Week, but it’s also Carbon Tariff Week. The Democratic proposal says in general terms, although without specifics, that we should levy tariffs on imports from countries that don’t take sufficient steps to limit greenhouse gas emissions. On the same day, the European Union laid out, in much greater detail, plans to impose a carbon border adjustment mechanism — which I’m afraid everyone will call a carbon tariff, even though CBAM is a great acronym. (See? Bam!)

So how should we think about carbon tariffs? From past experience, I know that we’ll hear a number of voices denouncing them as a new form of protectionism and/or asserting that they’re illegal under international trade law. These voices should be ignored.

First, let’s talk about priorities, people. Yes, protectionism has costs, but these costs are often exaggerated, and they’re trivial compared with the risks of runaway climate change. I mean, the Pacific Northwest — the Pacific Northwest! — has been baking under triple-digit temperatures, and we’re going to worry about the interpretation of Article III of the General Agreement on Tariffs and Trade?

And some form of international sanctions against countries that don’t take steps to limit emissions is essential if we’re going to do anything about an existential environmental threat. Developing countries, especially but not only China, are already responsible for most carbon dioxide emissions; even a big effort to decarbonize on the part of the United States and Europe will accomplish little unless it’s matched by efforts in other nations. Furthermore, “industry will just move to China” is a favorite argument of domestic opponents of climate action, so the politics of such action depend crucially on having an answer to that claim.

Given these considerations, it seems almost trivial to point out that carbon tariffs aren’t actually protectionist and should be considered legal under international trade law. But I do think those are points worth making, if only because this happens to be a topic I’ve thought about and worked on for many years.

To understand the law and economics of carbon tariffs, it’s helpful to consider the economics and legality of value-added taxes (VATs), a major revenue source in many countries (although not the United States). Trust me, it’s a highly relevant comparison.

A VAT is, on paper, a tax paid by producers: If a country has a 15 percent VAT, a company that produces, say, furniture must pay a tax equal to 15 percent of its sales — minus the taxes it can show were paid by the companies selling it wood, fabric and so on. The advantage of such a system is that the private sector does a lot of the work of enforcement, since each company has an incentive to make sure that its suppliers pay their fair share.

But who pays the tax in the end? Normally, all those taxes on producers end up being passed on in higher prices, so that a 15 percent VAT is, in effect, a 15 percent national sales tax.

Now, VATs are always accompanied by “border adjustments”: Importers must pay the tax on the goods they import, while exporters get a rebate equal to the tax paid on what they export. This makes perfect sense when you think of a VAT as a sales tax. You wouldn’t want a situation where shoppers at Walmart pay sales tax only on American-made goods, while Chinese products are exempt. And you also wouldn’t want to charge sales tax on U.S. goods being sold to other countries.

This point is widely misunderstood. U.S. businesses, in particular, often look at the border adjustments imposed by countries with VATs and see them as tariffs and export subsidies that give their competitors an unfair advantage. They are, however, wrong on the economics. And the World Trade Organization considers VAT-related border adjustments legal, because they are necessary to carry out a domestic policy that, in principle at least, doesn’t distort international trade. That is, border adjustments don’t tilt the playing field; they actually level it.

So what does all this have to do with carbon tariffs? You can think of national policies designed to limit greenhouse gas emissions as ways to induce a country’s residents to take into account the emissions resulting from the production of the goods they consume. This is obviously true if a nation imposes a carbon tax, or a cap-and-trade system, in which businesses must purchase licenses to pollute. It’s also true, although in a harder-to-measure sense, when countries impose regulations like mileage and clean-energy standards.

The point is that many climate-change policies can be seen as a form of tax on domestic consumers. And as with a VAT, both the economics and, I believe, the law (I’m not a trade lawyer, although I think I understand this issue) say that border adjustments, in this case a carbon tariff, are appropriate parts of a climate strategy. That is, if a country lacks an adequate climate policy, the price of goods imported from that country should reflect an estimate of the greenhouse gases emitted during their production.

What might make carbon tariffs slightly trickier than VAT border adjustments is the likelihood that an important part of climate policy will involve regulations rather than a straight carbon tax. In that case, while a carbon tariff remains clearly justifiable as a way to level the playing field for domestic and foreign producers, setting the appropriate level of the tariff won’t be easy — it won’t be as simple as charging the same VAT rate on imports as that imposed on domestic products. A fair bit of estimation and imputation will be involved, and there will no doubt be arguments about the numbers.

But while getting border adjustments right will be tricky, this trickiness isn’t a reason to do nothing. Carbon border adjustments are clearly the right thing to do, and better to do them imperfectly than not at all.

So two cheers for carbon tariffs.

Wait — why only two cheers? Because carbon tariffs affect only goods that are exported and hence are only a partial solution to the problem of countries that don’t do their part in reducing greenhouse gas emissions.

Consider the case of China, which says that it plans to reduce emissions but is still building a large number of coal-fired power plants. If advanced countries impose carbon tariffs, this will give China an incentive to reduce the carbon dioxide emitted in producing its steel exports. But it won’t impose any penalty for carbon emissions from the power plants that supply China’s cities with electricity. And those emissions, which aren’t related to international trade, are almost surely a bigger threat to the environment than emissions associated with exports.

To fully address the problem of international cooperation, then, carbon tariffs that level the playing field wouldn’t be enough. We’d have to go beyond that to the threat of sanctions against nations behaving irresponsibly.

And that would, I’m afraid, be illegal under current trade law, because it would mean intervening in policies that have traditionally been considered purely domestic. Now, given the threat of climate change, our response should be to revise or ignore trade law. But that would be a big step and won’t happen right away.

For now, carbon tariffs are what we can reasonably expect to happen. And they should happen as soon as possible.

 

Due evviva per le tariffe sul carbonio,

di Paul Krugman

 

Questa volta è davvero la ‘settimana delle infrastrutture’ [1]. I democratici hanno concordato sull’indirizzo generale di un grande programma di investimenti pubblici, da approvarsi con lo strumento della ‘riconciliazione’ [2] in aggiunta ad un più piccolo programma di infrastrutture “materiali” condiviso da entrambi i partiti. Come ho notato nel mio articolo di venerdì, la grande spesa è tornata in voga.

Ma c’è stato un altro importante sviluppo politico: questa è la settimana delle infrastrutture, ma è anche la settimana della Tariffa sul Carbonio. La proposta democratica afferma in termini generali, sebbene senza dettagli, che dovremmo imporre tariffe sulle importazioni da paesi che non fanno sufficienti progressi per limitare le emissioni dei gas serra. Nello stesso giorno l’Unione Europea ha esposto, con molto maggiore dettaglio, programmi per imporre un meccanismo di correzione al confine sul carbonio – che purtroppo tutti chiameranno una tariffa sul carbonio, anche se CBAM è un grande acronimo (Vedete? È una botta! [3]).

Dunque, cosa dovremmo pensare delle tariffe sul carbonio? Dalla esperienza del passato, so che sentiremo un certo numero di voci che le denunceranno come una nuova forma di protezionismo e/o sosterranno che sono illegali alla luce della legge internazionale del commercio. Voci che  dovrebbero essere ignorate.

Gente, parliamo prima delle priorità. È vero, il protezionismo ha dei costi, ma essi sono spesso esagerati, e sono banali al confronto con i rischi di un cambiamento climatico fuori controllo. Voglio dire, il Nordovest del Pacifico – il Nordovest del Pacifico! – sta cuocendo sotto temperature a tre cifre [4], e noi dobbiamo preoccuparci della interpretazione dell’Articolo III dell’Accordo Generale sulle Tariffe e sul Commercio?

E una qualche forma di sanzioni internazionali contro i paesi che non fanno passi per limitare le emissioni è essenziale se vogliamo fare qualcosa su una minaccia all’ambiente esistenziale. I paesi in via di sviluppo, in particolare ma non soltanto la Cina, sono già responsabili per le maggiori emissioni di anidride carbonica; persino un grande sforzo per decarbonizzare da parte degli Stati Uniti e dell’Europa realizzerà poco se non è accompagnato da sforzi di altre nazioni. Inoltre “l’industria si sposterà in Cina” è un argomento favorito degli avversari interni della iniziativa sul clima, cosicché la politica su tale iniziativa dipende fondamentalmente dall’avere una risposta su tale argomento.

Date queste considerazioni, sembra quasi banale mettere in evidenza che le tariffe sul carbonio non sono effettivamente protezionistiche e dovrebbero essere considerate legali per la legge internazionale del commercio. Ma penso che quelli siano aspetti meritevoli di essere avanzati, se non altro perché questo sembra essere un tema sul quale abbiamo riflettuto e lavorato per molti anni.

Per capire la legislazione e l’economia delle tariffe sul carbonio, è utile considerare l’economia e la legalità delle imposte sul valore aggiunto (IVA), una importante fonte di entrate in molti paesi (sebbene non negli Stati Uniti). Potete credere che questo è un confronto molto significativo.

Una IVA è, sulla carta, una tassa pagata dai produttori: se un paese ha un 15 per cento di IVA, una società che produce, ad esempio, mobili deve pagare una tassa pari al 15 per cento delle sue vendite – al netto delle tasse che essa può dimostrare sono state pagate dalle società che le vendono legname, tessuti ed altro ancora. Il vantaggio di un tale sistema è che il settore privato fa molto del lavoro per la messa in atto della legge, dal momento che ogni società ha un incentivo a garantire che i suoi fornitori paghino la loro giusta quota.

Ma alla fine chi paga la tassa? Normalmente, tutte quelle tasse sui produttori finiscono con l’essere trasferite su prezzi più alti, cosicché un’IVA del 15 per cento, in sostanza, è una tassa del 15 per cento sulle vendite nazionali.

Ora, l’IVA è sempre accompagnata da “correzioni alla frontiera”: gli importatori debbono pagare la tassa sui beni che importano, mentre gli esportatori ottengono una riduzione pari alle tasse pagate su quello che esportano. Questo ha perfettamente senso quando si pensa all’IVA come ad una tassa sulle vendite. Non si vorrebbe una situazione nella quale i clienti di Walmart paghino tasse sulle vendite soltanto sui prodotti fatti in America, mentre i prodotti cinesi sono esenti. E non si potrebbe voler caricare tasse sulle vendite sui prodotti statunitensi che vengono venduti a altri paesi.

Questo aspetto è generalmente frainteso. Le imprese americane, in particolare, spesso guardano alle correzioni alla frontiera imposte da paesi con l’IVA e le considerano come tariffe e sussidi all’esportazione che danno ai loro competitori un ingiusto vantaggio. Tuttavia, dal punto di vista economico, esse sbagliano. E l’Organizzazione Mondiale del Commercio considera le correzioni alla frontiera connesse con l’IVA legali, perché esse sono necessarie per effettuare una politica interna che, almeno in linea di principio, non distorca il commercio internazionale. Ovvero, le correzioni alla frontiera non alterano l’equilibrio del campo di gioco; in effetti lo livellano.

Dunque, cosa tutto questo ha a che fare con le tariffe sul carbonio? Si può pensare delle politiche nazionali concepite per limitare le emissioni dei gas serra, come modi per indurre i residenti di un paese a mettere nel conto le emissioni che derivano dalla produzione dei prodotti che consumano. Questo è ovviamente vero nel caso di una nazione che impone una tassa sul carbonio, o un sistema cap-and-trade [5], nel quale le imprese devono acquistare licenze per inquinare. È anche vero, sebbene in un senso più difficile da misurare, quando i paesi impongono regolamentazioni come gli standard sui consumi di carburante e sulle energie pulite.

Il punto è che molte politiche contro il cambiamento climatico possono essere considerate come una forma di tassazione dei consumatori nazionali. E come per l’IVA, sia l’economia che, io credo, la legge (non sono un esperto legale di commercio, ma penso di comprendere la materia) affermano che le correzioni alla frontiera, in questo caso una tariffa sul carbonio, siano componenti appropriate di una strategia sul clima. Ovvero, se un paese manca di una adeguata politica sul clima, il prezzo dei beni importati da quel paese dovrebbe riflettere una stima dei gas serra emessi durante la loro produzione.

Quello che renderebbe la tariffe sul carbonio leggermente più difficoltose delle correzioni al confine dell’IVA è la probabilità che una parte importante della politica climatica riguarderà i regolamenti, anziché una diretta tassa sul carbonio. In quel caso, mentre un tariffa sul carbonio rimane chiaramente giustificabile come un modo per livellare il campo di gioco per i produttori nazionali e stranieri, fissare il livello appropriato della tariffa non sarà facile – non sarà semplice come caricare lo stesso tasso di IVA sulle importazioni, pari a quello imposto sui prodotti nazionali. Sarà necessaria una certa misura di stima e di dimostrazione, e senza dubbio ci saranno contese sui dati.

Ma mentre avere giuste correzioni alla frontiera sarà difficile, questa difficoltà non è una ragione per non fare niente. Gli aggiustamenti sul carbonio alla frontiera sono la cosa giusta da fare, e meglio farli in modo imperfetto che non farli affatto.

Dunque, due evviva per le tariffe sul carbonio.

Ma un momento – perché solo due evviva?  Perché le tariffe sul carbonio influenzano solo i prodotti che vengono esportati e di conseguenza sono soltanto una soluzione parziale al problema dei paesi che non fanno la loro parte nella riduzione delle emissioni dei gas serra.

Si consideri la Cina, che dice di programmare la riduzione delle emissioni ma sta ancora costruendo un gran numero di centrali elettriche alimentato a carbone. Se i paesi avanzati  impongono tariffe sul carbonio, questo darà alla Cina un incentivo per ridurre l’anidride carbonica emessa producendo le sue esportazioni di acciaio. Ma non costituirà alcuna penalizzazione per le emissioni di carbonio dalle centrali elettriche che riforniscono le città cinesi di elettricità. E quelle emissioni, che non sono connesse con il commercio internazionale, sono quasi certamente una minaccia maggiore per l’ambiente delle emissioni dipendenti dalle esportazioni.

Per affrontare pienamente il problema della cooperazione internazionale, allora, le tariffe sul carbonio che livellano il campo di gioco non sarebbero sufficienti. Dovremmo andare oltre ciò, sino alla minaccia di sanzioni contro le nazioni che si comportano irresponsabilmente.

E quello sarebbe, temo, illegale per le attuali leggi commerciali, perché comporterebbe l’intervento in politiche che sono state tradizionalmente considerate puramente nazionali. Ora, considerata la minaccia del cambiamento climatico, la nostra risposta dovrebbe essere quella di rivedere o di ignorare la legge sul commercio. Ma ciò sarebbe un passo molto impegnativo e non accadrà in breve tempo [6].

Per adesso, le tariffe sul carbonio sono quanto possiamo ragionevolmente aspettarci che accada. E dovrebbe accadere prima possibile.

 

 

 

 

 

 

[1] La “settimana delle infrastrutture” venne più volta annunciata nel passato da Trump, senza che mai si materializzasse un programma repubblicano al proposito.

[2] Ovvero, con una votazione, in ultima istanza, di provvedimenti finanziari a maggioranza relativa, in relazione a temi che, nell’esame in prima istanza di una Camera, richiedono la maggioranza qualificata. In pratica, lo strumento denominato della “riconciliazione” è un modo per superare l’ostruzionismo delle minoranze. Uno strumento che in passato i democratici non hanno utilizzato per fair play istituzionale; e che invece Trump utilizzò senza tanti scrupoli per i suoi provvedimenti di sgravi fiscali sulle società e sui ricchi.

[3] Di questi tempi Krugman di frequente ironizza sull’abuso di acronimi nel linguaggio politico statunitense …

[4] Suppongo che il riferimento sia alle coste nord occidentali del Pacifico, California e Canada. Quanto al riferimento alle temperature a tre cifre, naturalmente si spiega con una misurazione in gradi Fahrenheit, che effettivamente è stata superata sino a 120 gradi, pari a circa 49 gradi Celsius.

[5] Letteralmente, del “mettere un limite e consentire gli scambi” in materia di inquinamento ambientale – ovvero mettere un limite all’inquinamento (“cap”) e premiare chi sta sotto quel limite, anche permettendogli di ‘vendere’ (“trade”) il proprio comportamento virtuoso a chi resta provvisoriamente sopra i limiti, che dunque pagano obbligatoriamente un prezzo.  L’acquisto di ‘punti’ dai più virtuosi – che detengono quei ‘punti’ per effetto delle loro tecnologie – essendo un modo provvisorio per i meno virtuosi per restare nella legalità.

[6] Se non sbaglio – mi permetto di aggiungere – ci sarebbe un altro problema piuttosto serio. Certamente, la Cina e le economie asiatiche sono gli ‘attuali’ maggiori emissori di anidride carbonica, semplicemente perché rappresentano la grande maggioranza della popolazione mondiale. Ma il cambiamento climatico è dato dall’accumulo storico di emissioni inquinanti, ed è dato anche dalla diversità dai livelli dei consumi, in particolare di elettricità, tra i vari paesi del mondo. Il potenziale inquinante emesso da quei paesi – o meglio, i suoi effetti sul clima – sono l’ultimo ‘arrivo’ in una storia secolare, che ha portato i paesi dell’Occidente a livelli di consumi procapite notevolmente superiori al resto del mondo. I ‘punti dolenti’ per un accordo internazionale – da quanto si capisce delle posizioni di vari paesi emergenti in materia di cooperazione contro il cambiamento del clima – dipendono dalla valutazione della storia di quell’accumulo, e dal fatto che quella storia è tuttora alla base di grandi persistenti diversità nei consumi individuali delle popolazioni.

Il recente post di Milanovic sui problemi generali di un approccio ai temi ambientali di un possibile “progressismo globale” allude evidentemente a tali nodi, quando prospetta la necessità di uno “scambio” tra riduzione dei cambiamenti climatici e diritti alla riduzione della povertà e delle diseguaglianze.

Inoltre, un testo qua tradotto che illumina la complessità della questione in termini globali è  “La laboriosa aritmetica dell’iniziativa sul clima”, di Michael Spence (da Project Syndicate, 12 febbraio 2020).

 

 

 

Pagina successiva »

Archivio