Blog di Krugman

Il monopsonio, la rigidità e l’enigma dei salari, (dal blog di Paul Krugman, 20 maggio 2018)

 

May 20, 2018

Monopsony, Rigidity, and the Wage Puzzle (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

Once a year my academic base, CUNY’s Stone Center on Socio-Economic Inequality, holds a workshop featuring cutting-edge researchon inequality. At this point in my life, I can’t claim to be doing cutting-edge research (hey, even Paul Samuelson was writing mostly survey papers and history of thought by the time he was in his 60s); but I’m still asked to give a talk on research issues that I find interesting, hopefully with some relationship to the general theme of the workshop. One virtue of this grand-old-man role, by the way, is that it forces me to tear myself away for a little while from the awful political headlines.

In the past I’ve used the ECINEQ talk to discuss issues involving inequality and macroeconomic performance, both vulnerability to crises and long-term growth. Both areas are still very much unresolved; but I’m not sure I have anything new to say. So I thought I’d do something different, and focus on an issue some very smart economists have been worrying at: the puzzle of continuing wage stagnation despite very low unemployment.

An aside: the way this discussion is taking place marks a kind of new frontier in the mechanics of scientific communication – and, I think, an unfortunate one. Once upon a time economic debate took place in the pages of refereed journals, but that stopped being true at least 30 years ago, with working papers becoming the principal means of communication. Even that turned out to be too slow in the face of rapid change; so during the crisis years, say from 2008-2013, a lot of discussion and debate moved to blogs, which I’d say worked very well. In retrospect, the debates we all had over leverage, monetary policy, fiscal policy and more were really classic – the 21st-century equivalent of, say, Keynes vs. Ohlin on trade balances and relative prices.

But this latest debate has taken place largely through dueling Twitter threads – which is, I’d say, awful. The economists involved are very smart, and the threads very informative; but for people trying to keep track, including students, this is really a mess. If you want an entry point, you might try this tweet by Nick Bunker. But guys, we really need something like, you know, articles – blog posts would do the trick — that summarize your positions.

I guess I’m doing some of that here, but we need clear statements by the principals.

OK, complaints registered. What I want to do now is, first, describe the wage puzzle; then describe the resulting debate, which is largely over how much if any slack remains in the labor market; then lay out a story which combines the issue of downward nominal wage rigidity – which has been discussed fairly extensively – with the role of monopsony power in labor markets, which I don’t think has been integrated into this debate, but should be.

1 The wage puzzle

From the mid-1990s until the 2008 financial crisis, it looked as if there was a fairly stable Phillips curve – a relationship between unemployment and the rate of wage growth. This wasn’t the “accelerationist” Phillips curve that underlies the concept of the natural rate of unemployment – there was no sign that low unemployment led to accelerating inflation. It was, instead, a neo-paleo-Keynesian relationship between unemployment and wages. You can see how good the relationship looked in Figure 1, in which wage growth is measured on the left axis and the inverse of the unemployment rate on the right axis:

zz 545

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1

After the crisis, wage growth dropped – but only about as much as it dropped in the early 2000s slump, despite much higher unemployment. And it has increased only modestly since then, to levels well below pre-crisis growth, despite unemployment rates as low as we’ve seen in a very long time:

zz 546

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 2

It’s a puzzle. But why does the explanation matter? Basically, we’re trying to assess the current state of the U.S. economy, which has lots of implications for monetary and fiscal policy. The unemployment rate, plus some other indicators I’ll get to shortly, suggest an economy pretty much at full employment. But sluggish wage growth could indicate that there’s still substantial slack in the labor market. Which is it?

2 A slack-jawed debate

On the case for substantial slack: a number of economists have argued that the official unemployment rate, which only counts people actively looking for work, has become an increasingly inaccurate guide to the real state of labor markets. Their main point is that if we focus on employment rather than unemployment – specifically, the fraction of prime-working-age adults currently working (EPOP) – it’s still significantly below pre-crisis levels. And using recent data, EPOP is a better predictor of wage growth than the unemployment rate. Ernie Tedeschi has a very good thread (but, alas, not a blog post) making this case.

Jason Furman, however, pushes back in another thread. (Guys, this is really a terrible way to do this kind of discussion.) You can see both Tedeschi’s point and Furman’s counter, done roughly, in Figure 3.

EPOP is indeed still significantly below its pre-crisis level. But it has been a decade since the crisis – and that’s enough time to worry about secular trends in labor force participation. In particular, there’s been a long-run trend toward fewer prime-age men working, and it’s not at all clear that we’re currently below that trend.

zz 547

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 3

Two other pieces of data also cast doubt on the unmeasured-slack hypothesis. One, shown in Figure 4, is the quits rate – the fraction of workers quitting their jobs each month:

zz 548

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 4

Quits rates vary with the state of the labor market: workers are more willing to quit if they feel sure of finding another job. And quits are back up to pre-crisis levels, suggesting that the labor market really is tight.

Another piece of evidence is what employers say about the ease of finding workers. And both news accounts and surveys like the NFIB (Figure 5) show employers screaming about either worker shortages or skill shortages, with the latter meaning “we can’t find workers we want at current wages.”

zz 549

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 5

All in all, I think I come down on Jason Furman’s side here – not with 100% certainty, to be sure, but this really shows most of the signatures of a full-employment economy.

But in that case, why aren’t wages surging?

3 The interaction between monopsony and sticky wages

One old concept that has been overwhelmingly supported by the experience of the Great Recession and aftermath is the idea of downward nominal wage rigidity. Employers are extremely unwilling to cut wages, largely because they fear the effects on worker morale. Meanwhile, in a depressed, low-inflation economy, a lot of employers would want to cut wages if they could do it without side consequences. So as the San Francisco Fed’s wage rigidity meter (Figure 6) shows, the slump caused a surge in the number of workers whose wages didn’t change at all from year to year.

zz 550

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 6

There have already been some analyses suggesting that an extended period of wages constrained by downward rigidity has created a sort of backlog of pent-up wage cuts that is currently holding down wage increases. But I think we need to say more about the context.

My starting point is that there’s now a lot of evidence that many employers have considerable monopsony power in the labor market: that is, they don’t face a going market wage they have to meet or be unable to hire at all, they face what amounts to an upward-sloping supply curve.

Figure 7 illustrates the position of such a firm. Marginal revenue product is the value to the firm of an additional worker. The supply of labor to that firm is upward sloping: From its point of view, to attract more workers the firm needs to raise wages. But if it does that it will have to pay more to the workers it would have had anyway, so the marginal cost of an additional worker to the firm is higher than that worker’s wage.

zz 551

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 7

We’re all familiar with the fact that when a firm has market power over what it sells, it would always like to sell more than it can at the current price. A firm that has monopsony power over labor is in the same situation with regard to hiring: it would normally be happy to get more workers if it could do so without paying higher wages. That is, complaints about labor and/or skill shortages are normal for many employers, just like complaints about not having enough sales.

But here’s the thing: during the years of high unemployment, firms faced both reduced demand – lower marginal revenue product – and increased supply of labor, from workers desperate for jobs. This “should” have allowed them to cut wages – but for the most part they couldn’t, because wage cuts have lots of adverse side effects.

So for a while the usual complaints about the supply and/or quality of workers were in abeyance. Given the wages firms were still offering, willing workers were abundant.

But now demand has recovered, unemployment is low, and normality has been restored. Once again, firms are complaining that they can’t find workers without raising wages – which is the normal state of affairs.

It’s true that the complaints seem even louder than in previous business cycle peaks. But I can offer a couple of reasons.

One is simply that it has been a long time since labor markets were tight. Most HR managers, I would guess, don’t remember what a full employment economy is like. They find the idea that there aren’t tons of highly qualified workers lined up for every job opening shocking – and, inevitably, blame the workers.

More speculatively, I’ve suggested that employers are especially unwilling to raise wages because they remember the Great Recession, and don’t want to lock in higher wage costs.

Either way, I’d argue that the combination of downward nominal wage rigidity and monopsony power helps explain both why wages didn’t fall during the period of high unemployment and why employers aren’t doing much to raise wages despite tight labor markets now.

4 Policy implications

The bottom line here is that I reluctantly find myself on the no slack side of this debate. I think the U.S. really is more or less at full employment.

But do I think the Fed is right to be raising rates, and that we should start being worried about fiscal deficits? Actually, no, for two reasons.

First, I might be wrong. And the costs of tightening when the economy still has room to grow are much bigger than those of waiting and discovering that we’ve overshot a bit.

Second, everything we’ve learned since a 2% inflation target became orthodoxy suggests that the target was too low. The effective lower bound on interest rates is a much bigger threat than we realized, and the problem of downward wage rigidity is a bigger deal too. So if inflation crept up from 2 to 3 or even 4, that would actually be a good thing.

So while I am not convinced that we have a lot of labor market slack, I actually favor policies that act as if we did. Hey, nobody except fools said economic policy was easy.

 

Il monopsonio, la rigidità e l’enigma dei salari, di Paul Krugman

Una volta all’anno la mia sede universitaria, il Centro di riferimento sull’Ineguaglianza Socio Economica dell’Università della Città di New York, tiene un seminario che presenta ricerche di avanguardia sull’ineguaglianza. A questo punto della mia vita, non posso pretendere di fare ricerche di avanguardia (badate, persino Paul Samuelson, dal momento in cui entrò nei suoi sessant’anni, scriveva soprattutto articoli di recensione e di storia del pensiero); ma mi viene ancora chiesto di tenere un discorso sui temi di ricerca che ho trovato interessanti, sperando che abbiano una qualche relazione con la tematica generale del seminario. Un vantaggio di questo ruolo da “grande vecchio”, per inciso, è che mi allontana un pochino dai terribili argomenti della politica.

Nel passato ero solito parlare all’ECINEQ [1] di temi relativi all’ineguaglianza e alle prestazioni macroeconomiche, la vulnerabilità alle crisi e la crescita nel lungo termine. Entrambe le aree sono ancora assai irrisolte; ma non sono certo di avere qualcosa di nuovo da dire. Così ho pensato che avrei fatto qualcosa di diverso e mi sarei concentrato su un tema del quale si è occupato qualche economista molto acuto: l’enigma della perdurante stagnazione dei salari, nonostante una disoccupazione molto bassa.

Una parentesi: il modo in cui questo dibattito si sta affermando segna una sorta di nuova frontiera nei meccanismi della comunicazione scientifica – e io penso che ciò avvenga in modo piuttosto infelice. Un tempo il dibattito economico si affermava sulle pagine delle riviste di riferimento, ma ciò smise di esistere almeno trenta anni orsono, allorché i documenti di lavoro divennero gli strumenti principali della comunicazione. A fronte dei rapidi cambiamenti, si scoprì che anche essi erano troppo lenti; così durante gli anni della crisi, diciamo dal 2008 al 2013, gran parte del confronto e del dibattito si spostò sui blog, che a mio parere funzionarono molto bene. Retrospettivamente, i dibattiti che noi tutti avemmo sull’indebitamento, la politica monetaria, quella della finanza pubblica e su altro divennero realmente dei classici – si può dire che furono l’equivalente del ventunesimo secolo dei confronti tra Keynes e Ohlin sugli equilibri commerciali e sui prezzi relativi.

Ma questo più recente dibattito si è affermato ampiamente attraverso resoconti di duelli su Twitter – il che, direi, è un po’ orribile. Gli economisti impegnati sono molto intelligenti e i forum sono molto informativi¸ ma per le persone che cercano di seguirli, inclusi gli studenti, è davvero un disastro. Se volete un punto di ingresso, potreste provare questo tweet a cura di Nick Bunker. Eppure, cari miei, abbiamo davvero bisogno di qualcosa che somigli, sapete, ad articoli –  post sui blog andrebbero benissimo – che sintetizzino le vostre posizioni.

In questo caso penso di star facendo qualcosa del genere, ma abbiamo bisogno di prese di posizione chiare da parte dei soggetti maggiormente coinvolti.

Va bene, le mie lamentele sono state registrate. Ora quello che penso di fare è, anzitutto, descrivere il mistero dei salari; poi descrivere il dibattito conseguente, che in gran parte riguarda quanta fiacchezza resta, se resta, nel mercato del lavoro; quindi metter giù un racconto che combina il tema della rigidità verso il basso dei salari nominali – che è stato discusso abbastanza estesamente – con il ruolo del potere di monopsonio [2] nei mercati del lavoro, che non penso sia stato coinvolto in questo dibattito, ma che penso dovrebbe esserlo.

 

1 L’enigma dei salari

Dalla metà degli anni ’90 fino alla crisi finanziaria del 2008, sembrava esserci una curva di Phillips – una relazione tra la disoccupazione e il tasso di crescita dei salari – abbastanza stabile. Non si trattava della curva di Phillips “accelerazionista” che sottintende il tasso naturale della disoccupazione – non c’era alcun segno che la disoccupazione conducesse ad una accelerazione della inflazione. Si trattava, invece, di una neo-paleo-keynesiana relazione tra disoccupazione e salari. Nella Figura 1, nella quale la crescita salariale è indicata dall’asse sulla sinistra e l’inverso del tasso di disoccupazione sull’asse di destra, si può osservare quanto la relazione fosse positiva:

zz 545

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1

Dopo la crisi, la crescita dei salari calò – ma solo circa altrettanto di quanto era calata nella crisi dei primi anni 2000, nonostante una disoccupazione molto più elevata. E sino ad allora essa era cresciuta solo modestamente, a livelli ben inferiori della crescita precedente la crisi, nonostante tassi di disoccupazione così bassi come non si vedevano da lungo tempo:

zz 546

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2

È un enigma. Ma perché la spiegazione sarebbe importante? Fondamentalmente, si tratta di stabilire la condizione attuale dell’economia statunitense, che ha molte implicazioni per la politica monetaria e della finanza pubblica. Il tasso di disoccupazione, assieme ad altri indicatori che fornirò tra breve, indica un’economia abbastanza vicina alla piena occupazione [3]. Ma la crescita fiacca dei salari potrebbe indicare che c’è ancora un ritardo sostanziale nel mercato del lavoro. Di cosa si tratta?

2 Un dibattito stupefatto

Sull’ipotesi di una sostanziale fiacchezza: un certo numero di economisti hanno sostenuto che il tasso ufficiale della disoccupazione, che conteggia unicamente le persone che cercano attivamente lavoro, è diventato un dato sempre più inappropriato per spiegare la condizione reale dei mercati del lavoro. Il loro argomento principale è che se ci confrontiamo con l’occupazione anziché con la disoccupazione – in particolare, con la frazione degli adulti che attualmente lavorano nel principale periodo lavorativo (EPOP) – esso è ancora significativamente al di sotto dei livelli precedenti alla crisi. E utilizzando i dati recenti, l’EPOP è un migliore previsore della crescita salariale che non il tasso di disoccupazione. Ernie Tedeschi, nel sostenere questa tesi, sviluppa un ottimo argomento (ma, ahimè, non con un post in un blog).

Tuttavia, Jason Furman lo respinge con una argomentazione diversa (signori, questo è davvero un modo terribile per sviluppare un dibattito di questo genere). Potete vedere sia l’argomento di Tedeschi che la replica di Furman, sia pure espressi in modo semplicistico, nella figura 3.

In effetti, l’EPOP è ancora significativamente più basso dei suoi livelli precedenti alla crisi. Ma dalla crisi è passato un decennio – e questo è un tempo sufficiente per preoccuparsi delle tendenze secolari sui livelli di partecipazione della forza lavoro. In particolare, si è espressa una tendenza di lungo periodo verso una minore presenza al lavoro di maschi nella principale età lavorativa, e non è affatto chiaro che attualmente si sia sotto quella tendenza.

zz 547

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 3

Anche due altri complessi di dati gettano un dubbio sulla ipotesi di una fiacchezza non misurata. Uno, mostrato nella figura 4, è il tasso sugli abbandoni volontari del posto di lavoro – la frazione di lavoratori che lasciano ogni mese i loro posti di lavoro:

zz 548

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 4

I tassi degli abbandoni volontari variano sulla base delle condizioni del mercato del lavoro: i lavoratori sono più disponibili a lasciare se sono fiduciosi di trovare un altro posto di lavoro. E gli abbandoni volontari sono tornati ai livelli precedenti la crisi, indicando che il mercato del lavoro, in realtà, non è fiacco.

Un altro complesso di prove viene da quello che i datori di lavoro dicono sulla facilità a trovare lavoratori. E sia i nuovi dati che i sondaggi come il NFIB (Figura 5) mostrano datori di lavoro che imprecano sia per la mancanza di lavoratori che di competenze lavorative, laddove la seconda significa “non possiamo trovare i lavoratori che vogliamo ai salari attuali”.

zz 549

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 5 – [4]

In fin dei conti, penso in questo caso di aderire allo schieramento di Jason Furman – sicuramente non con una certezza del 100%, ma tutto questo mostra realmente le caratteristiche di un’economia di piena occupazione.

Ma in quel caso, perché i salari non stanno crescendo?

3 L’interazione tra il monopsonio e i salari rigidi

Un vecchio concetto che è stato sostenuto in modo schiacciante all’esperienza della Grande Recessione è l’idea di una rigidità verso il basso dei salari nominali. I datori di lavoro sono estremamente indisponibili a tagliare i salari, in gran parte perché temono gli effetti sul morale dei lavoratori. Contemporaneamente, in un’economia depressa, di bassa inflazione, molti datori di lavoro vorrebbero tagliare i salari se potessero farlo senza conseguenze collaterali. Dunque, come mostra la misurazione della rigidità dei salari della Fed di San Francisco (Figura 6), la crisi ha provocato una crescita del numero dei lavoratori i cui salari non sono mutati affatto da un anno all’altro.

zz 550

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 6 [5]

Ci sono già state alcune analisi che suggeriscono che un prolungato periodo di salari limitati dalla rigidità verso il basso dei salari ha creato una sorta di arretrato di tagli salariali repressi, che sta trattenendo gli incrementi salariali. Ma penso che dobbiamo dire qualcosa in più sul contesto.

Il mio punto di partenza è che abbiamo adesso un gran numero di prove secondo le quali molti datori di lavoro hanno un considerevole monopsonio sul mercato del lavoro: ovvero, non devono misurarsi con un salario di mercato in crescita che debbono intercettare se non vogliono essere del tutto incapaci di assumere, si misurano con quella che corrisponde ad una curva dell’offerta che inclina verso l’alto.

La Figura 7 illustra la posizione di un’impresa di quel tipo. Il prodotto marginale del fatturato corrisponde al valore per l’impresa di un lavoratore aggiuntivo. L’offerta di lavoro per quell’impresa si indirizza verso l’alto: da questo punto di vista, per attrarre più lavoratori l’impresa ha bisogno di elevare i salari. Ma se lo fa, dovrà pagare di più i lavoratori che avrebbe avuto in ogni modo, così che il costo marginale di un lavoratore aggiuntivo per l’impresa è superiore al salario del lavoratore.

zz 551

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 7

Comprendiamo tutti il fatto che quando una impresa ha il potere di mercato su quello che vende, gli piacerebbe sempre vendere di più di quello che riesce al prezzo corrente. Un’impresa che ha il potere di monopsonio sul lavoro è nella stessa situazione a proposito delle assunzioni: sarebbe di norma contenta di avere più lavoratori se potesse farlo senza pagare salari più alti. Ovvero, le lamentele sulla mancanza di lavoro e/o di competenze sono normali per molti datori di lavoro, proprio come le lamentale sul non vendere abbastanza.

Ma qua è il punto: durante gli anni di elevata disoccupazione, le imprese fanno fronte sia ad una domanda ridotta – un reddito dal prodotto marginale più basso – che ad una accresciuta offerta di lavoro, da parte di lavoratori disperati per i posti di lavoro. Tutto questo “dovrebbe” avergli consentito di tagliare i salari – ma la maggioranza delle imprese non hanno potuto farlo, perché i tagli ai salari hanno una quantità di negativi effetti collaterali.

Dunque, per un po’ le consuete lamentele sulla offerta e/o sulla qualità dei lavoratori sono rimaste in sospeso. Dati i salari che le imprese stanno ancora offrendo, i lavoratori disponibili sono numerosi.

Ma adesso la domanda è ripresa, la disoccupazione è bassa ed è stata ripristinata una situazione normale. Di nuovo le imprese si stanno lamentando di non poter trovare lavoratori senza aumentare i salari – che è lo stato normale delle cose.

È vero che le lamentele sembrano persino più rumorose che in precedenti picchi del ciclo economico. Ma posso offrire un paio di ragioni.

Una è che è passato molto tempo da quando i mercati del lavoro erano senza fiacchezza. Ipotizzerei che la maggioranza dei responsabili delle Risorse Umane non si ricordano a cosa assomigli un’economia di piena occupazione. Trovano che l’idea che ci siano grandi quantità di lavoratori altamente qualificati sia connessa ad ogni vistosa apertura di posti di lavoro – e, inevitabilmente, danno la colpa ai lavoratori.

In termini più teorici, ho suggerito che i datori di lavoro siano particolarmente indisponibili ad elevare i salari perché ricordano la Grande Recessione, e non vogliono rinchiudersi in costi per salari più alti.

In ogni modo, direi che la combinazione tra la rigidità verso il basso dei salari nominali e il potere di monopsonio contribuisce a spiegare sia perché i salari non siano caduti durante il periodo di elevata disoccupazione, sia perché i datori di lavoro non fanno granché per aumentare i salari nonostante i mercati del lavoro non siano più fiacchi.

4 Implicazioni politiche

In conclusione, in questo caso io mi colloco con un po’ di riluttanza in questo dibattito dalla parte di coloro che sostengono che non ci sia alcuna fiacchezza. Penso che gli Stati Uniti siano più o meno in una situazione di piena occupazione.

Ma penso anche che la Fed abbia ragione ad elevare i tassi, e che dovremmo cominciare a preoccuparci dei deficit delle finanze pubbliche? Effettivamente no, per due ragioni.

Anzitutto, potrei aver torto. E i costi della restrizione quando l’economia ha ancora spazio per crescere sono molto più grandi di quelli dell’aspettare e scoprire che abbiamo mancato il bersaglio.

In secondo luogo, tutto quello che abbiamo appreso da quando un 2% di inflazione è diventata l’ortodossia, indica che l’obbiettivo è stato troppo basso. L’effettivo limite inferiore sui tassi di interesse è una minaccia maggiore di quella che avevamo compreso, e anche il problema della rigidità verso il basso dei salari è una faccenda più rilevante. Dunque, se l’inflazione crescesse dal 2 al 3 o persino al 4, quella sarebbe in realtà una buona notizia.

Dunque, mentre non sono convinto che ci sia una effettiva fiacchezza nel marcato del lavoro, sono in effetti a favore di politiche che agiscano come se lo fossimo. Badate, nessuno – se non gli sciocchi – ha detto che la politica economica fosse semplice.

 

 

 

 

 

[1] Anagramma per “Società per lo studio dell’Ineguaglianza Economica”.

[2] Situazione di mercato caratterizzata dall’accentramento della domanda da parte di un solo soggetto economico e dall’impossibilità per altri acquirenti di entrare sul mercato.

[3] Si intende il tasso di disoccupazione nelle Figure 1 e 2, mostrato dalla linea rossa, mentre la linea blu mostra l’evoluzione dei salari medi orari degli occupati con funzioni non dirigenziali.

[4] La tabella mostra una graduatoria dei problemi principali, dal punto di vista dei datori di lavoro. Nella prima riga i risultati attuali dei sondaggi, nella seconda quelli dell’anno passato, nella terza i dati più elevati e nella quarta quelli più bassi.

[5] La tabella mostra le percentuali dei lavoratori che restano in un posto di lavoro con i medesimi salari dell’anno precedente (quelli pagati ad ore lavorate, in rosso; a stipendi mensili fissi, in verde; oppure quelli totali di tutte le categorie, in blu).

 

 

 

 

 

 

Perché una guerra commerciale con la Cina non è “facile da vincere” (leggermente per esperti), (dal blog di Paul Krugman, 22 maggio 2018)

maggio 27, 2018

May 22, 2018

Why a Trade War With China Isn’t ‘Easy to Win’ (Slightly Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

At this point, it’s looking as if Trump’s tough talk on China trade will turn out to be as empty as his tough talk on, say drug prices. Faced with the prospect of actually going toe to toe with powerful interests – as opposed to doing harm to desperate immigrants, poor people who need health care, etc. – Trump keeps backing down, ignominiously. But what happened to all that bluster about trade wars being “good, and easy to win”?

I can think of four reasons Trump ran away:

  1. Someone actually managed to explain the economics to him, and he realized that the trade war wasn’t actually a good idea
  2. He just lost his nerve, as he consistently does when confronting people who aren’t powerless
  3. He was bribed, with China offering sweet deals to his personal business interests
  4. The Chinese also have some kind of tape

It tells you a lot about the state of American leadership that (1) is highly implausible, while 2-4 all seem quite possible. And this means that what I’m about to say may amount to overthinking the issue.

Still, I think there are some good reasons why even a crude mercantilist looking at the China situation might conclude that this particular trade war isn’t nearly as easy to win as it might appear at first glance.

On the surface, the U.S. would appear to very much have the upper hand in any trade confrontation. After all, last year we only sold China $130 billion in goods, while they sent us $500 billion. So they have a lot more to lose, right?

Well, it’s not as clear as all that. You need to look at the realities of modern trade. And when you do, the story looks quite different. It goes without saying that Trump is wrong about the economics of bilateral trade imbalances. But he’s also wrong about the political economy, which isn’t the same thing.

Admittedly, the political economy of trade is kind of mercantilist, because it’s driven largely by producer interests. Long ago I wrote about “GATT-think”, the view of trade, enshrined in international negotiations, that sees exports as good, imports as bad, so that letting someone sell us stuff, even if it’s better and cheaper than we could make ourselves, is a “concession.” The genius of the postwar international trading system was that it harnessed this special-interest reality, using the ambitions of exporters to offset the protectionism of those competing with imports, to engineer a kind of enlightened mercantilism that vastly expanded world trade.

But GATT-think needs some modifying in an era of complex international value chains. Even if producer interests predominate over consumer interests, what producers should care about is not how much they export but how much income they derive from exporting. That is, they should care about “income at risk,” not “exports at risk.” These numbers can be very different, and in the case of US-China trade they are.

Consider the over-used but still illuminating case of the iPhone, which is assembled in China out of components made all over the world. That final assembly accounts for only 3 to 6 percent of the manufacturing cost, but the whole price of an iPhone shipped from China to America is counted as a Chinese export. If I’m doing the numbers right, this means that China exports around $17 billion worth of iPhones to America each year, but Chinese producers account for only around $1 billion of that.

Smartphones are an extreme case, but there’s a lot of that sort of thing. The income China derives from exports to the US is probably not much more than half the face value of those exports. There’s a bit of the same thing going on in the other direction – US aircraft, for example, contain quite a few foreign components – but it’s much less extreme.

What this means, in turn, is that even if we only focus on narrow producer interests – even if we take a mercantilist view – US-China trade is a lot less lopsided than it seems, which in turn means that the pain from a trade war would be a lot less asymmetric than the raw trade numbers might suggest.

But wait, there’s more. Apple sells those iPhones for considerably more than it costs to import them from China. This adds a whole additional chunk of US income at risk to the bilateral trade relationship. True, given time Apple could probably find other suppliers – but not right away, and not easily. Foxconn wasn’t built in a day.

Overall, it’s still probably true that China would be hurt worse than the U.S. in an all-out trade war. But the pain wouldn’t be at all one-sided. And it’s possible, I guess, that Trump dimly recognized that reality, or at least noticed that his beloved stock market really doesn’t like trade war talk.

Actually, I’m still betting that it’s a bribe and/or some kind of tape. But worth talking through, anyway.

 

Perché una guerra commerciale con la Cina non è “facile da vincere” (leggermente per esperti),

di Paul Krugman

A questo punto, sembra che il parlar duro di Trump sul commercio con la Cina si scoprirà essere vuoto come il suo parlare duro, ad esempio, sui prezzi dei farmaci. Di fronte alla prospettiva di finire faccia a faccia con interessi potenti – anziché provocare danni a immigrati disperati, alla povera gente che ha bisogno di assistenza sanitaria, etc. – Trump continua a tirarsi indietro vergognosamente. Ma cosa è successo a tutti coloro che facevano gli spacconi sulle guerre commerciali, “buone e facili da vincere”?

Posso pensare a quattro ragioni della fuga di Trump:

1 Qualcuno ha realmente cercato di spiegargli l’economia, e lui ha compreso che effettivamente non era una buona idea.

2 Ha perso coraggio, come normalmente fa quando si misura con persone che non sono impotenti.

3 È stato corrotto, con la Cina che gli offre deliziosi affari per i suoi personali interessi di impresario.

4 I cinesi hanno pure qualche tipo di registrazione. [1]

Ciò vi dice molto sullo stato della dirigenza americana, dato che (1) è altamente improbabile, mentre (2-4) sembrano entrambi abbastanza probabili. E questo significa che quello che sto per dire può corrispondere ad un eccesso di ragionamento sul tema.

Eppure, penso che ci siano buone ragioni perché persino un rozzo mercantilista che osserva la situazione della Cina possa arrivare alla conclusione che questa particolare guerra commerciale non sia lontanamente facile da vincere, come poteva sembrare a prima vista.

Superficialmente, gli Stati Uniti sembrerebbero proprio avere la meglio, in ogni scontro commerciale. Dopo tutto, l’anno passato abbiamo venduto alla Cina soltanto 130 miliardi di dollari di beni, mentre loro ce ne hanno spediti per 500 miliardi. Dunque, hanno molto di più da perdere, giusto?

Ebbene, non è così chiaro come parrebbe. È necessario guardare alle realtà del commercio moderno. E quando lo si fa, il racconto diventa abbastanza diverso. Non è il caso di dire che Trump sbaglia sull’economia degli squilibri commerciali bilaterali. Ma egli sbaglia anche sulla politica economica, che non è la stessa cosa.

Si può ammettere che la politica economica del commercio sia di tipo mercantilista, giacché è guidata ampiamente dagli interessi dei produttori. Molto tempo fa, scrissi sulla “logica del GATT” [2], il punto di vista del commercio, consacrato dai negoziati internazionali, che considera positive le esportazioni e negative le importazioni, cosicché consentire a qualcuno di venderci qualcosa sarebbe una “concessione”, anche se è una situazione migliore e più conveniente di quello che potremmo fare da soli. La genialità del sistema commerciale internazionale postbellico è stata che esso ha imbrigliato questa realtà degli interessi particolari, utilizzando le ambizioni degli esportatori per bilanciare il protezionismo di coloro che competono con le importazioni, al fine di concepire un mercantilismo illuminato, che ha ampliato enormemente il commercio mondiale.

Ma la logica del GATT ha bisogno di qualche modifica in un’epoca di complesse catene internazionali del valore. Persino se gli interessi dei produttori predominano sugli interessi dei consumatori, quello di cui i produttori dovrebbero curarsi non è quanto essi esportano, ma quanto reddito derivano dalle esportazioni. Ovvero, dovrebbero preoccuparsi del “rischio del reddito”, non del “rischio delle esportazioni”. Questi numeri possono essere molto diversi, e nel caso del commercio tra Stati Uniti e Cina lo sono.

Si consideri l’esempio abusato ma ancora illuminante degli iPhone, che sono assemblati in Cina con componenti costruite in tutto il mondo. L’assemblaggio finale pesa soltanto dal 3 al 6 per cento del costo manifatturiero, ma il prezzo complessivo di un iPhone spedito dalla Cina all’America è considerato come una esportazione cinese. Se sto facendo i miei calcoli correttamente, questo significa che il valore delle esportazioni annuali dalla Cina all’America di iPhone è di circa 17 miliardi di dollari, ma in quel dato i produttori cinesi pesano soltanto per un miliardo di dollari.

Gli smartphone sono un caso estremo, ma ci sono molte cose di quel genere. Il reddito che la Cina deriva dalle esportazioni negli Stati Uniti, probabilmente non è molto superiore alla metà del valore apparente di quelle esportazioni. Ci sono cose simili nella direzione opposta – gli aeroplani statunitensi, ad esempio, contengono un buon numero di componenti straniere – ma si tratta di casi molto meno radicali.

Questo comporta, a sua volta, che persino se ci concentriamo sugli interessi ristretti dei produttori – persino se assumiamo un punto di vista mercantilista – il commercio USA-Cina è molto meno asimmetrico di quello che sembra, il che a sua volta comporta che la sofferenza per una guerra commerciale sarebbe molto meno asimmetrica di quello che i dati grezzi su commercio potrebbero indicare.

Ma aspettate, c’è di più. Apple vende gli iPhone ad un prezzo assai superiore di quello che costano ad essere importati dalla Cina. Questo aumenta di una intera parte aggiuntiva di reddito statunitense a rischio nelle relazioni commerciali bilaterali. È vero, in un tempo definito Apple potrebbe probabilmente trovare altri fornitori – ma non immediatamente e non facilmente. Foxconn non è stata costruita in un giorno [3].

Nel complesso, è probabilmente ancora vero che la Cina sarebbe più danneggiata degli Stati Uniti da una guerra commerciale illimitata. Ma la sofferenza non sarebbe da una parte sola. E ritengo che sia possibile che Trump si sia oscuramente reso conto di questa realtà, o che almeno si sia accorto che il suo adorato mercato azionario non gradisce che si parli di guerre commerciali.

In realtà, sto ancora scommettendo se si tratti di una tangente e/o di un nastro registrato di qualche genere. Ma in ogni caso vale la pena di seguire la faccenda passo a passo.

 

 

 

 

 

[1] L’esistenza non inverosimile di nastri di registrazioni appare una ipotesi sia nella vicenda a sfondo sessuale in Russia che in uno scambio di favori tra Trump e la Cina.

[2] Il General Agreement on Tariffs and Trade (dall’ingleseAccordo Generale sulle Tariffe ed il Commercio), meglio conosciuto come GATT, è un accordo internazionale, firmato il 30 ottobre 1947 a Ginevra, in Svizzera, da 23 paesi, per stabilire le basi per un sistema multilaterale di relazioni commerciali con lo scopo di favorire la liberalizzazione del commercio mondiale.

[3] Studenti liceali al lavoro fino a 11 ore per produrre l’iPhone X. È tornata nel mirino Foxconn, il maggiore fornitore cinese di Apple, sotto accusa per le condizioni in cui versano i suoi lavoratori. Gli impianti della società cinese erano già saliti alle cronache negli anni scorsi, diventando famose con il nome di “fabbriche dei suicidi”. Ora, un’inchiesta del Financial Times alza di nuovo il velo sulla vicenda, con le parole dei diretti interessati. Sono sei i liceali cinesi che hanno denunciato al quotidiano finanziario di essere stati costretti a lavorare nell’impianto Foxconn di Zhengzou per un periodo di tre mesi, in quella che gli veniva presentata come «un’esperienza lavorativa necessaria per completare il programma di studi». (da un articolo su Il Messaggero)

 

 

 

 

 

 

Quello che è buono per l’industria farmaceutica non è buono per l’America (per esperti), (dal blog di Paul Krugman, 12 maggio 2018)

maggio 15, 2018

 

May 12, 2018

What’s Good for Pharma Isn’t Good for America (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

So Donald Trump broke another promise: he did not, after all, empower Medicare to negotiate lower drug prices. Instead he (and Michael Cohen, who definitely isn’t his bagman) took money from drug lobbyists, appointed them to key positions, and announced a plan that sent drug stocks soaring. I’m sure you’re shocked.

But promise-breaking aside, would introducing a policy of bargaining drug prices down have been good for America? Actually, yes.

Oddly, I never got around to doing my homework on the economics of drug-price bargaining – partly because I was realistic enough about the political economy to realize that it wasn’t going to happen in America any time soon. Still, the fact that Trump promised to do something makes it somewhat relevant, even if he did predictably break that promise. And it turns out that the economic case for doing what Trump just didn’t do, for putting caps on drug prices, is remarkably strong.

[Personal note: why am I doing this on a Saturday night? Because I just finished two days of meeting with men in gray suits talking about money and banking, I have to leave for the airport at 4:45 AM tomorrow, and I’m about to order in room service and go to bed. Life of the party, me.]

 

Let’s start with where things are right now. After a drug company gets a patent, it has a temporary monopoly on sales of its drug. So its situation looks like that of a standard monopolist, as shown in Figure 1:

zz 541

 

 

 

 

 

 

 

 

 

It charges a price that is above the marginal cost of producing the drug – usually well above marginal cost. Nonetheless, consumers gain from the drug’s availability: the marginal consumer is willing to pay the drug’s price, and all the inframarginal consumers gain consumer surplus. Meanwhile, the drug company makes a profit, which is also a gain to the economy (although we haven’t deducted the cost of developing the drug; more about that in a minute.)

So overall, society gains from the drug’s existence. However, as Figure 2 shows, society would gain more if someone – regulators, purchasing managers at government agencies, whatever – forced the drug company to charge less than the monopoly price:

zz 542

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Consumer surplus would rise; the drug company would earn less profit per unit sold, but this would be partially offset by the profits earned on increased sales. Overall welfare would rise by the green-shaded area.

But wait: wouldn’t bargaining drug prices down reduce the incentive to develop new drugs? And wouldn’t this mean in some cases forgoing the welfare gains that come about, even with unregulated monopoly, from the mere fact that a drug becomes available?

Yes, it would. But despite this effect, the United States would almost certainly be better off with a moderate level of bargaining/price control than it is under the current hands-off regime. Why? I count at least four distinct reasons.

First, a point made by Lackdawalla and Sood is that the profit effects of constraining a monopolist’s price are second-order. That is, if you look at a drug company’s profits as a function of the price it charges, they look like Figure 3, with the company at the top of the curve. Pushing the company slightly to the left has approximately zero impact on profits, precisely because it starts at the maximum, where the curve is flat. What’s going on here is that the profits lost on existing sales are almost fully offset by the profits on additional sales.

zz 544

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

What this means in turn is that the negative effect on innovation is small if prices aren’t pushed down a lot, while the consumer gains are first-order. Some price bargaining is always welfare-improving.

Second, the standard picture in Figure 1 in effect assumes that a drug is completely de novo, not a perhaps somewhat better substitute for an already existing drug. This is clearly a bad assumption in many cases; if a drug is introduced to snatch away rents from an existing, similar drug – people used to call this a “me too” drug, although we’re going to need a new name — the gains from its creation will be smaller. Indeed, it’s often argued that pharma companies basically develop too many drugs, wasting resources on what amounts to unnecessary duplication. To the extent that this is true, discouraging some innovation isn’t a bad thing.

Third, the consumer surplus calculation assumes that consumers actually pay for the drug. In fact, many drugs are paid for by insurers – which is necessary, because like much of modern medicine the cost if you need it is far beyond most people’s ability to pay out of pocket. But this means that the price someone is willing to pay may greatly exceed the value to the patient. In general, the interaction of drug insurance with monopoly pricing creates potentially huge distortions in both drug development and drug use, reinforcing the case for bargaining.

Finally, it’s a global market – which means that much of the consumer surplus from drug development accrues to foreigners, not U.S. citizens. Maybe there should be more drug development from the point of view of global welfare. But given the unique unwillingness of the U.S. to bargain over prices, we end up paying a much larger share of the costs of that development than we receive of the benefits. Funny how Trump is America first on everything, except when a nationalist position might be bad for Big Pharma.

Yes, Trump says he wants to force other countries to raise drug prices. Good luck on that.

What this comes down to is that there is a very strong case for doing what Trump promised to do but didn’t. I’m aware that simply saying “let’s bargain over drug prices” isn’t effective unless coupled with a willingness to say no – to tell a drug company that an overpriced drug will be excluded from the formulary. So it wouldn’t be politically easy. But it would be good economics.

 

Quello che è buono per l’industria farmaceutica non è buono per l’America (per esperti)

Di Paul Krugman

Dunque Donald Trump ha infranto un’altra promessa: alla fine, non ha dato a Medicare i poteri per negoziare prezzi più bassi dei farmaci. Invece, assieme a Michael Cohen, che è chiaramente il suo porta valige, ha preso soldi dai lobbisti dei farmaci, nominandoli in posizioni chiave, ed ha annunciato un programma che ha spedito le azioni farmaceutiche alle stelle. Sono sicuro che vi siete sorpresi.

Ma, a parte lo smentire le promesse, introdurre una politica di contenimento dei prezzi dei farmaci sarebbe stato positivo per l’America? Certamente sì.

Curiosamente, non ho mai trovato il tempo di approfondire l’economia della contrattazione dei prezzi dei fermaci – in parte perché ero sufficientemente realista sulla politica economica da comprendere che non era destinata a realizzarsi in America in breve tempo. Eppure, il fatto che Trump avesse promesso di fare qualcosa la rende in qualche modo rilevante, anche se prevedibilmente avrebbe evaso quella promessa. E si scopre che l’argomento economico per fare quello che Trump non ha proprio fatto, per fissare un tetto ai prezzi dei farmaci, è considerevolmente forte.

[nota personale: perché lo sto facendo di sabato notte? Perché ho appena terminato due giorni di incontri con uomini in completi grigi parlando di denaro e di sistema bancario, devo partire per l’aeroporto domattina alle 4,45 e sto ordinando il servizio in camera e andando al letto. Io stesso sono l’anima della festa.]

Partiamo da come sono le cose adesso. Dopo che una società farmaceutica ottiene un brevetto, essa ha un monopolio provvisorio sul suo farmaco. Dunque, la sua situazione assomiglia a quella di un comune monopolista, come mostrato nella Figura 1:

zz 541

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Essa fa pagare un prezzo che è superiore al costo marginale della produzione del farmaco – di solito assai al di sopra del costo marginale. Ciononostante, i consumatori hanno un vantaggio dalla disponibilità del farmaco: il consumatore è disponibile a pagare il prezzo del farmaco e tutti i consumatori intramarginali si avvantaggiano della cosiddetta ‘rendita del consumatore’ [1]. Nel frattempo, la società farmaceutica realizza un profitto, che è anche un vantaggio per l’economia (sebbene non abbiamo dedotto il costo della realizzazione del farmaco; ci arriviamo tra poco).

Dunque, complessivamente la società ha un guadagno dalla esistenza del farmaco. Tuttavia, come mostra la Figura 2, la società guadagnerebbe di più se qualcuno – regolatori, dirigenti degli acquisti nelle agenzie governative, qualunque cosa – costringesse la società farmaceutica a far pagare un prezzo inferiore al prezzo di monopolio:

zz 542

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La rendita del consumatore crescerebbe; la società farmaceutica si approprierebbe di un minore profitto per unità venduta, ma questo sarebbe parzialmente bilanciato dai profitti ottenuti sulle vendite aumentate. Il beneficio complessivo crescerebbe nelle dimensioni dell’area ombreggiata di color verde.

Ma, un momento: la contrattazione dei prezzi del farmaco non abbasserebbe l’incentivo a sviluppare nuovi farmaci? E questo non significherebbe in alcuni casi rinunciare ai benefici in termini di benessere che derivano, anche in regime di monopolio non regolamentato, dal semplice fatto che un farmaco diventa disponibile?

Sì, sarebbe così. Ma nonostante questo effetto, gli Stati Uniti starebbero quasi certamente meglio con un moderato livello di contrattazione/controllo del prezzo che non sotto l’attuale regime di non-intervento. Perché? Elenco almeno quattro distinte ragioni.

Anzitutto, un argomento avanzato da Lackdawalla e Sood è che gli effetti in termini di profitto del condizionamento del prezzo del monopolista sono secondari. Ovvero, se osservate i profitti di una società farmaceutica come funzione del prezzo che essa stabilisce, essi assomigliano alla Figura 3, con la società in cima alla curva. Spingere leggermente la società verso sinistra ha approssimativamente un impatto pari a zero sui profitti, precisamente perché essa comincia al livello massimo, dove la curva è piatta. Quello che in questo caso sta accadendo è che i profitti perduti sulle vendite esistenti sono quasi pienamente compensati dai profitti sulle vendite aggiuntive.

zz 544

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo significa a sua volta che l’effetto negativo sull’innovazione è piccolo se i prezzi non sono spinti molto in basso, mentre le rendite del consumatore sono di prima grandezza. Una qualche contrattazione dei prezzi ha sempre l’effetto di un miglioramento del benessere.

In secondo luogo, la descrizione standard della Figura 1 ipotizza che il farmaco sia completamente una novità, non un sostituto forse in qualche modo migliore di un farmaco già esistente. Questo, in molti casi, è chiaramente un assunto cattivo; se un farmaco viene introdotto per appropriarsi di rendite di un simile farmaco esistente – la gente era solita chiamarlo farmaco ‘me too’ ma avremo bisogno di chiamarlo con un altro nome [2] – i vantaggi derivanti dalla sua produzione diverranno più modesti. In effetti, si sostiene frequentemente che le società farmaceutiche fondamentalmente sviluppano troppi farmaci, sprecando risorse in ciò che corrisponde a inutili duplicazioni. Nella misura in cui questo è vero, scoraggiare qualche innovazione non sarebbe una cosa negativa.

Terzo, il calcolo della ‘rendita del consumatore’ assume che i consumatori effettivamente paghino il farmaco. Di fatto molti farmaci sono pagati dagli assicuratori, perché come molta della medicina moderna comporta dei costi che vanno assai oltre la capacità delle persone di pagare di tasca propria. Ma questo comporta che il prezzo che si è disponibili a pagare può eccedere grandemente il valore per il paziente. In generale, l’interazione tra assicurazione sui farmaci e fissazione di prezzi di monopolio crea potenzialmente grandi distorsioni sia nello sviluppo che nell’utilizzo dei farmaci, rafforzando l’argomento della contrattazione.

Infine, siamo in un mercato globale – il che comporta che una buona parte della ‘rendita del consumatore’ dallo sviluppo di nuovi farmaci beneficia i cittadini stranieri, non quelli statunitensi. Dal punto di vista del benessere globale, forse dovrebbe esserci un maggiore sviluppo di farmaci. Ma data l’indisponibilità che non ha confronti degli Stati Uniti a contrattare sui prezzi, finiamo col pagare una quota assai più ampia dei costi di tale sviluppo, rispetto a quello che ne riceviamo come beneficio. È curioso come Trump sia per mettere su tutto al primo posto l’America, eccetto quando una posizione nazionalista potrebbe essere negativa per le grandi società farmaceutiche.

È vero, Trump sostiene di voler costringere gli altri paesi ad alzare i prezzi dei farmaci. Buona fortuna.

Quello che da tutto questo discende è che c’è un argomento molto forte per fare quello che Trump aveva promesso di fare e non ha fatto. Sono consapevole che dire semplicemente “andiamo a contrattare i prezzi dei farmaci” non è efficace se non è accompagnato dalla volontà di dire dei no – di dire a una società farmaceutica che un farmaco troppo costoso sarà escluso dal formulario. Dunque non sarebbe semplice, in termini politici. Ma sarebbe una buona economia.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Il surplus (o rendita) del consumatore è la differenza positiva fra il prezzo che un individuo è disposto a pagare per ricevere un determinato bene o servizio e il prezzo di mercato dello stesso bene. Il massimo che un consumatore è disposto a pagare viene detto “prezzo di riserva”. Ad esempio: se un individuo è disposto a pagare 100 euro per un determinato bene, ma ottiene infine lo stesso bene a 70 euro, avrà un surplus (totalmente psicologico) di 30 euro. Con riferimento all’intero mercato, per estensione, si chiama surplus del consumatore la somma totale dei surplus individuali. Wikipedia

[2] Ovvero, farmaco di imitazione. Ma bisognerà chiamarlo altrimenti, giacché ‘me too’ è oggi un simbolo di una battaglia contro la violenza sulle donne.

 

 

 

 

 

 

La morte dell’accelerazione (per esperti), dal blog di Paul Krugman, 11 maggio 2018.

maggio 14, 2018

 

May 11, 2018

The Death of Acceleration (Wonkish)

By Paul Krugman

 

zz 516

I’m currently sitting in a room full of men in grey suits, talking about monetary and fiscal policy. And I thought I’d take another stab at an issue I’ve raised before: the natural rate hypothesis – the claim that there is a unique rate of unemployment consistent with stable inflation.

Underlying the natural rate hypothesis is “accelerationism”: the idea that low unemployment will lead not just to high inflation, but to accelerating inflation, and conversely that high unemployment will not just reduce inflation but lead to ever-falling inflation.

Accelerationism used to look like a pretty good description of inflation experience. Consider the big slump of the early 1980s. Unemployment soared for a while, then came back down to about where it started. Inflation, however, didn’t go back to where it started: it came down by about 5 percentage points:

zz 539

 

 

 

 

 

 

 

 

 

But that was a long time ago. Consider what happened after the financial crisis of 2008. As in the 1980s, unemployment soared for a while, then eventually came back down. But inflation barely moved at all; in particular, it ended the cycle just about where it started:

zz 540

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The thing is, the Fed and other central banks still basically operate with an accelerationist framework. When will they adapt to reality?

 

 

 

 

 

La morte dell’accelerazione (per esperti), di Paul Krugman

In questo momento sono seduto in una stanza piena di uomini in completi grigi, che parlano di politica monetaria e della finanza pubblica. Ed ho pensato che potrei fare un altro tentativo su un tema che ho sollevato in precedenza: l’ipotesi del tasso naturale – la pretesa che ci sia un unico tasso di disoccupazione compatibile con una inflazione stabile.

Implicito nell’ipotesi del tasso naturale è “l’accelerazionismo”: l’idea che una bassa disoccupazione non solo non porterà ad una elevata inflazione, ma ad una inflazione accelerata, e di converso che un’alta disoccupazione non solo ridurrà l’inflazione, ma porterà ad una inflazione in continua caduta.

L’accelerazionismo veniva utilizzato per la sua somiglianza con una discreta descrizione dell’esperienza dell’inflazione. Si consideri la grande recessione dei primi anni ’80. Per un certo periodo la disoccupazione salì alle stelle, poi tornò al punto da cui era partita. Tuttavia, l’inflazione non tornò al punto da cui era partita: scese di circa 5 punti percentuali:

zz 539

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma questo avveniva molto tempo fa. Si consideri cosa accadde dopo la crisi finanziaria del 2008. Come negli anni ’80, per un po’ la disoccupazione salì alle stelle, poi alla fine tornò indietro. Ma l’inflazione si mosse appena: in particolare terminò il suo ciclo proprio da dove era partita:

zz 540

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il punto è, le banche centrali operano ancora con un modello accelerazionista. Quando si adatteranno alla realtà?

 

 

 

 

 

Economia innaturale (per esperti) (dal blog di Paul Krugman, 6 maggio 2018)

maggio 8, 2018

 

May 6, 2018

Unnatural Economics (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

Is the natural rate hypothesis dead? Maybe. Probably.

From the mid-1970s until just the other day, the overwhelming view in macroeconomics was that there is no long-run tradeoff between unemployment and inflation, that any attempt to hold unemployment below some level determined by structural factors would lead to ever-accelerating inflation. But the data haven’t supported that view for a while; and the latest US employment report, with its combination of a low reported unemployment rate and continuing weak wage growth, seems to have brought skepticism about the natural rate to critical mass.

But what does it mean to question or reject the concept of a natural rate? Reading Mike Konczal’s explanation for the layperson, or Olivier Blanchard’s exposition for the pros, I wonder whether the point is coming across clearly enough. That’s not to say that there’s anything wrong with either Konczal or Blanchard – I completely agree with what both are saying, except that I would take a stronger stand than Olivier against the old orthodoxy (which probably says more about our personalities than about our take on the evidence, which appears to be identical.) But I thought it might be useful to restate the case and the implications.

The bottom line here is that the case for aggressive monetary and, when necessary, fiscal policies to sustain demand is much stronger than we used to think. Errors like the turn to austerity and the ECB’s 2011 rate hike were much bigger mistakes than the previous doctrine allowed for; premature Fed rate hikes would be a bigger sin than even the Fed seems to realize now. For given what we now seem to know, output lost to weak demand is lost forever; there is no chance to make up for it later.

During the 1970s almost the whole macroeconomics profession was persuaded by the experience of stagflation that Milton Friedman (and Edmund Phelps) were right: there is no long run tradeoff between inflation and unemployment. Current inflation does depend on unemployment, but it also depends one-for-one on expected inflation:

Inflation = f(U) + expected inflation

where f(U) means some function of the unemployment rate. Meanwhile, expected inflation presumably reflects past inflation. So trying to keep U very low means raising inflation ever higher to keep ahead of expectations, which is not a sustainable strategy.

Actually, the speed with which the profession adopted the natural rate hypothesis was remarkable – and is especially extraordinary compared with the utter unwillingness of many macroeconomists to admit that experience since 2008 requires some change in their models, maybe even a concession that Keynesians were onto something. But that’s a story for another time.

So what happened? Consider the behavior of unemployment and core inflation since 1980:

zz 534

 

 

 

 

 

 

 

 

The first half of the 80s was marked by a huge rise in unemployment, which eventually came back down to roughly its original level; but inflation at the end of this cycle was a lot lower than at the beginning, seeming to confirm the accelerationist hypothesis.

But after 2008 we once again had a huge rise in unemployment, which eventually came back down to roughly its starting point (actually lower at this point). If this cycle had produced an 80s-level disinflation, we’d be well into deflation by now. Instead, inflation is also pretty much back where we started.

Does this mean that there’s no relationship between unemployment and inflation? Despite some puzzles in recent US data, I’m not willing to go there. Extreme events are your friend in such cases, because the underlying logic is less likely to be obscured by special circumstances. So I look at things like Spain’s disinflation in the face of massive unemployment:

zz 535

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I’d say that the preponderance of evidence still supports the notion that high unemployment depresses inflation, low unemployment fosters inflation.

But this isn’t what the natural rate hypothesis demands. This is what I’ve called the neo-paleo-Keynesian Phillips curve, in which there is a tradeoff between inflation and unemployment, even in the long run.

Why does accelerationism, which worked in the 80s, no longer seem to work? One way or another, I think we’re into the realm of bounded rationality/behavioral economics. Downward nominal wage rigidity is a real thing, which becomes highly relevant at low inflation. And as Blanchard suggests, in a low-inflation world people may simply stop paying attention to overall inflation, or building changing expectations into their price-setting.

So why does this matter? Consider the following story; any resemblance to real events is entirely intentional. Imagine that we go through a severe economic slump that temporarily drives unemployment way up and reduces inflation, but that eventually inflation gets back to where it started.

On the accelerationist view, the period of high unemployment should lead to lower expected inflation, so to get inflation back up to its original level policymakers have to let the economy run hot for a while, with unemployment below its long-run sustainable level. Assuming they manage to do this, the period of running hot helps offset the cost of the initial slump; indeed, to a first approximation the average unemployment rate over, say, a decade is the same as it would have been without the slump:

zz 536

 

 

 

 

 

 

 

 

 

On this view, the task of central banks and fiscal authorities isn’t full employment; it’s “stabilization”, avoiding big swings in unemployment. You can think of reasons that might be important, but it would be wrong to simply add up the output lost during a slump and call that the loss to the economy.

But the paleo view – which is the one supported by the evidence – says that getting inflation back to the original level doesn’t mean running the economy temporarily hot; it just means getting unemployment back down. So there is never any compensation for the initial slump:

zz 537

 

 

 

 

 

 

 

 

 

On that view, the failure to supply enough demand after 2008 imposed an enormous cost, which we can never regain. And looking forward, the risks of being too loose versus too tight are hugely asymmetric: letting the economy slump again will again impose big costs that are never made up, while running it hot won’t store up any meaningful trouble for the future.

Is this reality being reflected in policy? My sense is that a lot of economists in central banks have come around to a neo-paleo view of inflation. But actual policy still looks as if it’s being run with an accelerationist Phillips curve in the background, at best; indeed, there’s an obvious unwillingness even to temporarily let the economy run hot.

This matters. We should not let policy be driven by ideas that haven’t worked for decades.

 

Economia innaturale (per esperti) [1]

Di Paul Krugman

È morta l’ipotesi del tasso naturale? Forse. È probabile.

Dalla metà degli anni ’70 sino appena all’altro ieri, il punto di vista assolutamente prevalente in macroeconomia era che non esiste uno scambio di lungo periodo tra disoccupazione e inflazione, che ogni tentativo di tenere la disoccupazione al di sotto di un livello determinato da fattori strutturali avrebbe condotto ad una inflazione in continua accelerazione. Ma è un po’ che i dati non sostengono questo punto di vista; e l’ultimo rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti, con la sua combinazione di un tasso di disoccupazione che si presume basso e di una debole crescita dei salari, sembra aver portato lo scetticismo sul tasso naturale ad un punto critico.

Ma cosa significa mettere in dubbio o respingere il concetto del tasso naturale? Leggendo la spiegazione per i profani di Mike Konczal, o l’esposizione per gli esperti di Olivier Blanchard, io mi chiedo se il punto sia percepito in modo sufficientemente chiaro. Con questo non voglio dire che ci sia qualcosa di sbagliato in Konczal o in Blanchard – io concordo completamente con quello che stanno sostenendo entrambi, sennonché prenderei una posizione più esplicita di quella di Olivier contro la vecchia ortodossia (il che probabilmente è più indicativo delle nostre personalità che non del modo in cui accettiamo i fatti, che sembra essere identico). Errori come il passaggio all’austerità e il rialzo dei tassi da parte della BCE nel 2011 furono errori molto più gravi di quello che la precedente dottrina consentiva; i rialzi prematuri del tasso da parte della Fed sono stati un peccato più grave, come anche la Fed sembra oggi comprendere. Perché, dato quello che oggi sembriamo sapere, la produzione perduta per una domanda debole è perduta per sempre; non c’è possibilità di compensarla in seguito.

Durante gli anni ’70 quasi l’intera disciplina macroeconomica era persuasa dall’esperienza della stagflazione che Milton Friedman (e Edmund Phelps) avessero ragione: nel lungo periodo non c’è alcuno scambio tra inflazione e disoccupazione. L’inflazione odierna dipende certamente dalla disoccupazione, ma dipende anche in un rapporto di uno ad uno con l’inflazione attesa:

Inflazione = f(U) + inflazione attesa

dove f(U) significa qualche funzione del tasso di disoccupazione. Contemporaneamente, l’inflazione attesa presumibilmente riflette l’inflazione passata. Dunque cercare di tenere la disoccupazione molto bassa significa elevare l’inflazione sempre più in alto per tenere testa alle aspettative, che non è una strategia sostenibile.

In realtà, la velocità con la quale la disciplina adottò l’ipotesi del tasso naturale fu rilevante – ed è particolarmente straordinaria se è confrontata con la completa indisponibilità di molti macroeconomisti ad ammettere che l’esperienza all’indomani del 2008 richiede qualche cambiamento nei loro modelli, forse persino l’ammissione che i keynesiani avevano intuito qualcosa. Ma su questa storia tornerò in un’altra occasione.

Dunque, cosa è successo? Si consideri il comportamento della disoccupazione e dell’inflazione sostanziale a partire dal 1980:

zz 534

 

 

 

 

 

 

 

 

[2]

La prima metà degli anni ’80 fu segnata da una vasta crescita della disoccupazione, che alla fine tornò indietro all’incirca al suo livello originario; ma al termine di questo ciclo l’inflazione risultò più bassa che all’inizio, sembrando confermare l’ipotesi accelerazionista.

Ma dopo il 2008 avemmo ancora una volta una forte crescita nella disoccupazione, che alla fine tornò indietro grosso modo al suo punto di partenza (in effetti, adesso è più bassa). Se questo ciclo avesse prodotto una disinflazione del livello degli anni ’80, in questo momento potremmo ben essere in deflazione. Invece, anche l’inflazione è sostanzialmente tornata da dove eravamo partiti.

Questo significa che non c’è alcuna relazione tra disoccupazione e inflazione? Nonostante qualche interrogativo nei dati recenti degli Stati Uniti, non me la sento di arrivare a quel punto. In tali casi gli eventi estremi ci aiutano a capire, perché la logica sottostante è meno probabile che sia oscurata da speciali circostanze. Dunque io osservo cose come la disinflazione in Spagna, a fonte di una disoccupazione massiccia.

zz 535

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[3]

Direi che le prove ancora sostengono in modo preponderante il concetto che una elevata disoccupazione deprime l’inflazione e che una bassa disoccupazione incoraggia l’inflazione.

Ma non è questo che viene richiesto dalla ipotesi del tasso naturale. Questo è quella che io ho definito la curva di Phillips neo-paleo-keynesiana. Nella quale c’è uno scambio tra inflazione e disoccupazione, anche nel lungo periodo.

Perché l’accelerazionismo, che aveva funzionato negli anni ’80, sembra non funzionare più? In un modo o nell’altro, penso che siamo nel regno della razionalità limitata e della economia comportamentale. La rigidità verso il basso dei salari nominali è una cosa reale, che diventa molto rilevante con la bassa inflazione. E, come suggerisce Blanchard, in un mondo di bassa inflazione le persone possono semplicemente smetterla di prestare attenzione alla inflazione complessiva, o realizzare aspettative mutevoli nella loro definizione dei prezzi.

Perché, dunque, questo è importante? Si consideri il seguente racconto: ogni somiglianza a fatti reali è interamente intenzionale. Si immagini che attraversiamo una grave recessione economica che temporaneamente spinge la disoccupazione in alto e riduce l’inflazione, ma che alla fine l’inflazione ritorni al punto in cui era partita.

Secondo il punto di vista accelerazionista, il periodo di elevata disoccupazione dovrebbe portare ad una inflazione attesa più bassa, con la disoccupazione più in basso del suo livello sostenibile di lungo termine. Assumendo che riescano a farlo, il periodo della corsa accesa aiuta a bilanciare il costo della recessione iniziale; in effetti, ad una prima approssimazione, la media del tasso di disoccupazione nel corso, diciamo, di un decennio è la stessa di quello che sarebbe stata senza la recessione:

zz 536

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da questo punto di vista, l’obbiettivo delle banche centrali e delle autorità di finanza pubblica non è la piena occupazione; è la “stabilizzazione”, evitando grandi oscillazioni nella disoccupazione. Potete ragionare delle ragioni per le quali ciò potrebbe essere importante, ma sarebbe sbagliato semplicemente sommare la produzione persa durante la recessione e definirla una perdita per l’economia.

Ma il punto di vista antico – quello sostenuto dalle prove – dice che riportare l’inflazione al livello originario non significa far correre l’economia in modo temporaneamente accalorato; significa soltanto riportare indietro la disoccupazione. Dunque, non c’è mai alcun compenso per la crisi iniziale:

zz 537

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da quel punto di vista, l’incapacità a fornire dopo il 2008 una sufficiente domanda ha imposto un costo enorme, che non potremo mai recuperare. E guardando in avanti, i rischi di essere troppo permissivi anziché troppo restrittivi sono enormemente asimmetrici: fare in modo che l’economia vada ancora in crisi imporrà nuovamente grandi costi che non saranno mai recuperati, mentre gestirla in modo acceso non produrrà alcun guaio significativo per il futuro.

Questa realtà si riflette nella politica? La mia sensazione è che molti economisti nelle banche centrali hanno riconsiderato un punto di vista sull’inflazione che è una combinazione di vecchio e di nuovo. Ma la politica effettiva sembra ancora come se fosse gestita, nel migliore dei casi, con una curva accelerazionista di Phillips sullo sfondo; in effetti c’è una evidente indisponibilità persino a consentire temporaneamente che l’economia corra in modo acceso.

Questo è importante. Non dovremmo mai permettere che la politica sia guidata da idee che non hanno funzionato per decenni.

 

 

 

 

 

 

[1] Per una maggiore spiegazione dei concetti della “curva di Phillips”, del cosiddetto Nairu (“tasso di disoccupazione che non accelera l’inflazione”) e altri temi connessi, vedi sulle Note alla traduzione la voce specifica.

[2] La linea blu indica le spese per i consumi personali – esclusi i beni più mobili come gli alimentari e l’energia, ovvero limitandosi all’inflazione sostanziale o “core” – e quella rossa indica il tasso di occupazione nella popolazione “civile” – ovvero escluse le persone presso strutture come caserme, ospedali, manicomi e galere.

[3] Il diagramma mostra l’evoluzione del rapporto tra inflazione e disoccupazione (la curva di Phillips). Il periodo considerato è quello tra l’anno 2000 e l’anno 2017. Sulla sinistra c’è la scala di valori dell’inflazione, in basso la scala di valori della disoccupazione. Ogni punto è indicativo di un anno, per un totale di 18 anni. Ovviamente, quando il vettore torna indietro – come negli ultimi anni – questo significa che il tasso di disoccupazione è diminuito; quando torna verso l’alto, significa che il tasso di inflazione è aumentato.

 

 

 

 

 

 

 

 

La Grande Recessione sta ancora tenendo in basso i salari? (per esperti) Dal blog di Paul Krugman, 4 maggio 2018.

maggio 7, 2018

 

May 4, 2018

Is the Great Recession Still Holding Down Wages? (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

The title of this post is an actual question, not rhetorical. I have a hypothesis that may or may not be true, and am throwing it out for further discussion.

Start with the puzzle: the unemployment rate is now very low by historical standards. In fact, it’s back down to 2000 levels; those were the days when employment was so full that people used to joke about the “mirror test” for employment: if your breath would fog a mirror, that is, if you were alive, you could get hired. (Sorry, zombies.) Yet wage growth remains restrained, well below pre-crisis levels:

zz 532

 

 

 

 

 

 

 

 

What’s going on?

One answer is that the official unemployment rate is misleading as an indicator of economic slack, and/or that structural changes have shifted the Phillips curve. This could be true; but there are a lot of stories about firms complaining that they can’t find workers. So why aren’t they just raising wages?

OK, here’s one hypothesis: it’s partly about downward nominal wage rigidity.

The notion that firms are very reluctant to cut wages has a long history, for a very good reason: it’s true. That truth has been obvious to many observers; Truman Bewley made a systematic survey to confirm the point. Employers believe that actual wage cuts, as opposed to, say, letting real wages erode via inflation, are demoralizing and perceived as unfair. So there tends to be a zero lower bound on wage changes, except in the face of very high unemployment.

Until the Great Recession, most economists believed that this constraint, like the zero lower bound on interest rates, wasn’t that important in practice. But during the recession and aftermath, downward nominal wage rigidity became binding for a large share of the work force:

zz 533

 

 

 

 

 

 

 

 

But that explains why firms didn’t cut wages when unemployment was high. How does it explain why they won’t raise wages now that unemployment is low again?

OK, here’s my theory about the brontosaurus, I mean, about wages. What employers learned during the long slump is that you can’t cut wages even when people are desperate for jobs; they also learned that extended periods in which you would cut wages if you could are a lot more likely than they used to believe. This makes them reluctant to grant wage increases even in good times, because they know they’ll be stuck with those wages if the economy turns bad again.

This hypothesis also explains something else that’s been puzzling me: widespread anecdotes about employers trying to attract workers with signing bonuses rather than higher wages. A signing bonus is a one-time cost; a higher wage, we now know, is more or less forever.

If there’s any truth to this story, the protracted economic weakness that followed the financial crisis is still casting a shadow on labor markets despite low unemployment today.

 

La Grande Recessione sta ancora tenendo in basso i salari? (per esperti)

Di Paul Krugman

Il titolo di questo post è una domanda effettiva, non retorica. Io ho una ipotesi che può essere vera oppure no, e la sto tirando fuori per un ulteriore dibattito.

Partiamo dal mistero: il tasso di disoccupazione, in rapporto alle sue serie storiche, è oggi molto basso. Di fatto, è tornato ai livelli dell’anno 2000; quelli erano i giorni nei quali l’occupazione era così piena che la gente era solita fare uno scherzo sul “test dello specchio”: se il vostro respiro avesse appannato lo specchio, ovvero se eravate vivi, sareste stati assunti (spiacente per gli zombi). Tuttavia, la crescita dei salari resta limitata, ben al di sotto dei livelli precedenti la crisi:

zz 532

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa sta succedendo?

Una risposta è che il tasso di disoccupazione ufficiale come indicatore della fiacchezza dell’economia è fuorviante, e/o che le modifiche strutturali hanno spostato la curva di Phillips [1]. Questo potrebbe essere vero; ma ci sono un sacco di storie su imprese che si lamentano perché non riescono a trovare lavoratori. Perché dunque non stanno semplicemente alzando i salari?

Ecco una ipotesi: in parte dipende dalla rigidità verso il basso dei salari nominali.

Il concetto secondo il quale le imprese sono molto riluttanti a tagliare i salari ha una lunga storia, per l’ottima ragione che è vero. Tale verità è risultata evidente a molti osservatori; Truman Bewley fece un sondaggio sistematico per confermare tale aspetto. I datori di lavoro credono che un effettivo taglio dei salari, anziché, ad esempio, lasciare che i salari reali vengano erosi dall’inflazione, siano demoralizzanti e percepiti come ingiusti. Così tende ad esserci un limite inferiore dello zero sui cambiamenti salariali, ad eccezione di una disoccupazione molto elevata.

Sino alla Grande Recessione la maggioranza degli economisti credeva che questo condizionamento, come il limite inferiore dello zero nei tassi di interesse, non fosse in pratica così importante. Ma durante la recessione e in seguito ad essa, la rigidità verso il basso dei salari nominali è diventata vincolante per un’ampia quota di forza lavoro:

zz 533

 

 

 

 

 

 

 

 

[2]

Ma questo spiega perché le imprese non hanno tagliato i salari quando la disoccupazione era elevata. Come può spiegare perché essi non intendono aumentare i salari ora che la disoccupazione è di nuovo bassa?

Ecco dunque la mia teoria sul brontosauro, voglio dire sui salari. Quello che i datori di lavoro hanno imparato durante la lunga recessione è che non si possono tagliare i salari anche quando la gente è disperata per i posti di lavoro; hanno anche imparato che prolungati periodi nei quali tagliereste i salari se poteste, sono molto più probabili di quanto erano abituati a credere. Questo li rende riluttanti a concedere aumenti salariali anche nei periodi buoni, perché sanno che resteranno bloccati con quei salari se l’economia torna ancora ad essere negativa.

Questa ipotesi spiega anche qualcos’altro che mi sta interrogando; gli aneddoti generalizzati sui datori di lavoro che cercano di attrarre lavoratori sottoscrivendo gratifiche piuttosto che salari più alti. Sottoscrivere una gratifica è un costo una-tantum; un salario più elevato, ora lo sappiamo, è più o meno per sempre.

Se c’è una verità in questa storia, la perdurante debolezza dell’economia che ha fatto seguito alla crisi finanziaria sta ancora gettando un’ombra sui mercati del lavoro, nonostante la bassa disoccupazione odierna.

 

 

 

 

 

 

[1] ”L’economista neozelandese Alban William Phillips (1914 – 1975), nel suo contributo del 1958  ‘The relationship between unemployment and the rate of change of money wages in the UK 1861-1957′  (La relazione tra disoccupazione e il tasso di variazione dei salari monetari nel Regno Unito 1861-1957), pubblicato su Economica, rivista edita dalla London School of Economics, osservò una relazione inversa tra le variazioni dei salari monetari e il livello di disoccupazione nell’economia britannica nel periodo preso in esame. Analoghe relazioni vennero presto osservate in altri paesi e, nel 1960Paul Samuelson e Robert Solow, a partire dal lavoro di Phillips, proposero un’esplicita relazione tra inflazione e disoccupazione: allorché l’inflazione era elevata, la disoccupazione era modesta, e viceversa. ” La società può permettersi un saggio di inflazione meno elevato o addirittura nullo, purché sia disposta a pagarne il prezzo in termini di disoccupazione “(Robert Solow).

[2] La tabella mostra i lavoratori che affermano di mantenere lo stesso salario dell’anno precedente, suddivisi nelle tre tipologie dei lavoratori pagati su base oraria (linea rossa), con stipendio fisso (linea verde), o di entrambe le categorie (linea blu).  Dunque, la percentuale di lavoratori che non indicano una differenza rispetto all’anno precedente dopo la recessione è salita attorno al 20% per quelli pagati su base oraria, è salita attorno al 10% per quelli con stipendio fisso e attorno al 15% per i complessivi.

 

 

 

 

 

 

I politici non hanno bisogno di nuove idee, (dal blog di Paul Krugman, 2 maggio 2018)

maggio 5, 2018

 

May 2, 2018

Politicians Don’t Need New Ideas

By Paul Krugman

zz 437

The 2020 election is still two and a half years away, but the Big Sneer is already underway. Name a potential Democratic candidate, and you know how pundits will react: the same way they reacted to Al Gore and Hillary Clinton. He/she (especially she), they’ll say, is tired, boring, annoying. Above all, they’ll complain, he/she doesn’t offer any new ideas.

Somehow it’s always Democrats who get this kind of criticism, even though every prominent Republican for the past three decades has espoused the same three bad ideas: tax cuts for the rich, slashed benefits for the poor, and more pollution. Paul Ryan 2010 was basically Newt Gingrich 1995 with a lower BMI, yet he got praised endlessly as an innovative thinker.

But let’s leave the asymmetric treatment of the parties aside, and ask a simple question: why, exactly, do we demand that politicians have new ideas?

I’m not saying that politicians shouldn’t be open to new thinking and evidence about policy. But a political party isn’t like Apple, which needs to keep coming up with glitzier products to stay ahead of Android. There are huge problems with U.S. policy on many fronts, but very few of these problems come from lack of good new ideas. They come, instead, from failure to act on what we already know – and, for the most part, have known for a long time.

ADVERTISEMENT

Let me give two big examples: access to health care and environmental protection.

On health care, we know perfectly well how to provide more or less universal access, because every other advanced country does it.

How can a nation provide universal access to health care? There are actually three ways. You can have direct provision by a government health system, like Britain’s NHS; you can have a single-payer system of government health insurance, like Canada (or Medicare here); or you can use a combination of regulation, mandates, and subsidies to prod the private sector into covering everyone, like Switzerland.

And all three systems work! True, you can have trouble if the funding is inadequate or the rules aren’t effectively enforced, but that’s true of any policy. Universal health care is a solved problem. We don’t need new ideas to achieve that goal here – in fact, we got about halfway there under Obama, and all we need to finish the job is a progressive president and a progressive majority in Congress.

What about protecting the environment? I guess you can make the case that there were important new ideas in the 1980s. Until then, environmental policy consisted almost entirely of top-down regulation. Economists had known for generations that there was a case for exploiting market forces via things like emission taxes or tradable emission permits, but these first made it into the world of political reality with the Bush-era emissions-trading scheme used to control acid rain.

But have there been any major new ideas since then? More to the point, do we need any major new ideas? The basic tools — direct regulation in some cases, taxes or tradable licenses in others – are well understood, and have worked well in many cases. What we need is an effective political majority willing to act on what we already know.

Am I saying that there are no new ideas relevant to policy? Of course not. For example, the related discoveries that moderate increases in the minimum wage don’t seem to reduce employment and that employers often have a lot of monopsony power in labor markets suggest some new dimensions to the progressive agenda.

Nor am I saying that policy analysis and study by think tanks and academics is unnecessary. Details matter, and sometimes policy studies generate truly new ideas.

But politicians don’t need clever new ideas to make the case that they could vastly improve most Americans’ lives. In America, even more than in other countries, we have a huge backlog of good old ideas we’ve never acted on.

So why the demand for new ideas? Partly it’s because pundits are bored with conventional policy discussion – and/or don’t want to be bothered learning enough to understand actually existing policy issues, preferring sparkly new stuff they can praise simply for its newness. Partly it’s just an excuse for sneering at Democrats, which as I understand it is required by the pundit code.

But enough. I don’t care whether a politician has new ideas, and neither should you. What matters is whether a politician has good ideas.

 

I politici non hanno bisogno di nuove idee,

dal blog di Paul Krugman

Le elezioni del 2010 sono ancora lontane due anni e mezzo, ma il Grande Sogghigno è già partito. Indicate un potenziale candidato democratico, e già sapete come reagiranno i commentatori: nello stesso modo in cui reagirono ad Al Gore e a Hillary Clinton. Diranno che lui o lei (specialmente lei) sono stanchi, noiosi, fastidiosi. Si lamenteranno soprattutto che lui o lei non offrono alcuna idea nuova.

In qualche modo sono sempre i democratici che ottengono questo genere di trattamento, anche se nei tre decenni passati tutti i repubblicani eminenti hanno sposato le medesime tre pessime idee: tagli fiscali ai ricchi, abbattere i sussidi per i poveri e consentire più inquinamento. Paul Ryan nel 2010 era fondamentalmente come Newt Gingrich nel 1995 con un peso forma più basso, tuttavia ebbe elogi sperticati come un pensatore innovativo.

Ma lasciamo da parte il trattamento asimmetrico dei partiti, e chiediamoci una cosa semplice: perché mai chiediamo che i politici abbiano idee nuove?

Non sto dicendo che i politici non dovrebbero essere aperti a nuovi modi di ragionare ed alle relative testimonianze in politica. Ma un partito politico non è come Apple, che ha bisogno di venirsene fuori con prodotti più luccicanti per restare in testa su Android. Ci sono gravi problemi su molti fronti nella politica degli Stati Uniti, ma pochissimi di questi problemi derivano da una mancanza di nuove idee. I problemi vengono invece dalla incapacità di agire su quello che già conosciamo – e, nella maggioranza dei casi, che abbiamo appreso da molto tempo.

Fatemi fare due grandi esempi: l’accesso alla assistenza sanitaria e la protezione dell’ambiente.

Sulla assistenza sanitaria, sappiamo perfettamente come fornire un accesso più o meno universale, giacché lo fanno tutti gli altri paesi avanzati.

Come può una nazione offrire un accesso universale alla assistenza sanitaria? Ci sono effettivamente tre modi. Possiamo avere una fornitura diretta da parte di un sistema sanitario pubblico, come nel sistema sanitario britannico; possiamo avere un sistema centralizzato di finanziamento della assicurazione sanitaria pubblica, come nel Canada (o da noi con Medicare); oppure possiamo usare una combinazione di regole, di delega ai singoli e di sussidi per indurre il settore privato a dare assistenza a tutti, come in Svizzera.

E tutti e tre i sistemi funzionano! È vero, ci possono essere problemi se il finanziamento è inadeguato o le regole non sono efficacemente fatte rispettare, ma questo è vero per ogni politica. L’assistenza sanitaria universale è un problema risolto. In quel caso non abbiamo bisogno di nuove idee per raggiungere quell’obbiettivo – di fatto, con Obama abbiamo compiuto circa la metà del percorso, e tutto quello di cui abbiamo bisogno è un Presidente progressista ed una maggioranza progressista nel Congresso.

E nel caso della protezione ambientale? Suppongo che si possa avanzare l’argomento secondo il quale negli anni ’80 ci furono importanti nuove idee. Sino ad allora, la politica ambientale era consistita quasi interamente in un regolamento dall’alto verso il basso. Gli economisti sapevano da generazioni che c’era una ipotesi per sfruttare le forze di mercato attraverso soluzioni come le tasse sulle emissioni o attraverso permessi di emissioni scambiabili, ma queste per la prima volta operarono nel mondo della realtà politica con il modello delle emissioni scambiabili dell’epoca di Bush, utilizzato per controllare le piogge acide.

Ma da allora non ci sono state alcune significative nuove idee? Più precisamente, non abbiamo bisogno di qualche importante nuova idea? Gli strumenti di base – regolamentazioni dirette in alcuni casi, tasse o licenze scambiabili in altri – sono ben noti e in molti casi hanno funzionato bene. Quello di cui abbiamo bisogno è una efficace maggioranza politica disponibile ad agire per quello che già conosciamo.

Sto dicendo che non ci sono nuove idee importanti per la politica? Ovviamente no. Ad esempio, le connesse scoperte secondo le quali il salario minimo non sembra ridurre l’occupazione e i datori di lavoro hanno spesso molto potere di monopsonio [1] nei mercati del lavoro suggeriscono qualche nuova dimensione ad un programma progressista.

Neanche sto dicendo che l’analisi politica e lo studio da parte di gruppi di ricerca e di ambienti accademici non siano necessari. I dettagli sono importanti e talvolta gli studi sulla politica producono per davvero nuove idee.

Ma i politici non hanno bisogno di intelligenti nuove idee per portare avanti la causa di poter migliorare ampiamente le esistenze della maggioranza degli americani. In America, ancora di più che in altri paesi, abbiamo un arretrato di vecchie buone idee che non abbiamo mai tradotto in azioni.

Perché, dunque, la richiesta di nuove idee? In parte perché i commentatori si sono annoiati con il convenzionale dibattito politico – e/o non vogliono essere scomodati ad apprendere abbastanza da capire effettivamente i temi esistenti della politica, preferendo cose nuove e frizzanti che possono elogiare semplicemente per la loro novità. In parte perché questa è solo una scusa per schernire i democratici, che da quanto capisco è una regola del codice dei commentatori.

Ma è sufficiente.  Io non mi curo se un uomo politico ha nuove idee e non dovreste curarvene neppure voi. Quello che conta è se un uomo politico ha buone idee.

 

 

 

 

 

 

[1] Il termine monopsonio designa una particolare forma di mercato caratterizzata dalla presenza di un solo acquirente a fronte di una pluralità di venditori.

 

 

 

 

 

 

Tariffe sull’acciaio e salari (penosamente per esperti). (Dal blog di Paul Krugman, 22 aprile 2018)

aprile 23, 2018

 

April 22, 2018

Steel Tariffs and Wages (Painfully Wonkish)

By Paul Krugman

zz 437

There’s a pretty good case that Trump’s declaration that “Trade wars are good, and easy to win” will eventually go down in history as the economic equivalent of “We will be greeted as liberators.” One reason is the general economic proposition that trade wars make the world as a whole poorer, and while it’s possible that you can grab a bigger share of a smaller pie, you need a lot of that to end up a winner. Beyond that, however, Trump is even doing trade war wrong, by imposing tariffs on steel and other intermediate goods.

It’s pretty obvious why this is a bad idea: it raises costs and hurts downstream industries. But I’m enough of an old international economics nerd that I wanted a specific model of how that happens. So what follows is a finger exercise (short fingers, I guess) – an itsy-bitsy teeny-weeny model of how protectionism on intermediate goods can reduce wages. The purpose is basically to scratch my own intellectual itch; most readers should probably stop here, because this is even more wonkish than my usual wonkishness.

So, first things first: I’m talking about wages, not jobs. That’s because typical trade models don’t say that protectionism costs (or adds) jobs: it changes the mix of employment, not so much the total number. It’s true that, as a recent (and excellent) New York Fed analysis says, adjustment is costly, and the process of shifting workers around is likely to lead to considerable unemployment along the way. But adjustment costs and frictional unemployment, while important, aren’t central to understanding why Trump-style tariffs are a particularly bad idea.

What is central, I think, is that doing this Trump-style turns even the sort-of-kind-of good arguments for tariffs on their head.

So: a dirty little secret of standard trade theory is that big countries with substantial market power actually can gain from modest tariffs. The reason – the “optimum tariff” theory – is that by limiting their imports from the rest of the world, big countries with substantial market power can reduce the price of their imports relative to their exports, i.e., improve their terms of trade. This effect is large enough that for a country like the United States, the unilateral optimum tariff might be on the order of 30 percent.

The trouble is that if other countries retaliate, much or all of the improvement in the terms of trade goes away, and what you’re left with is distorted incentives and lower productivity.

This, according to one argument, is why we have international trade agreements. Each country has a unilateral incentive to impose tariffs, but if everyone does it – if we have a trade war – the world becomes poorer. So we need rules that keep that prospect in check.

There’s a lively debate about whether this is really what trade agreements are about. In practice, nobody in the real world of trade negotiations talks at all about market power; it’s all about industry-level impacts. Nonetheless, there’s a school of thought (associated with Bagwell and Staiger) that acknowledges special interest politics but says that market power issues lurk in the background, and that taking those off the table with trade agreements is why such agreements seem to lead to less protectionism. I’m personally not totally convinced, but leave that aside today.

Anyway, the whole market power argument generally starts with models in which countries trade in final goods, and tariffs are imposed on those goods. Yet much of world trade is now in intermediate goods, which are used as inputs in the production of other goods – and the Trump tariffs are focused on intermediates, especially steel. And even aside from the risk of retaliation, that’s a policy that will work out not necessarily to America’s advantage.

Which brings me to my finger exercise.

Imagine a world of two countries, Home and Foreign. (That’s an old-fashioned trade theory convention.) In both countries, labor is the only factor of production (not gonna get into income distribution today). There are two goods, cars and steel. Cars are a final good, sold to consumers; steel is an input into car production. I’m going to assume that both countries end up producing cars.

To keep down on notation, I’m going to do some sneaky things with choice of units (another old trade theory tradition.) We assume that in each country building a car requires one unit of labor (which amounts to measuring labor in units of how much it takes to build a car.) We also assume, using the same trick, that building a car also requires one unit of steel.

This leaves us with just two parameters to specify: the amount of labor it takes to make one unit of steel in each country. Call this a in Home and a*in Foreign (stars for Foreign is traditional.) And let’s assume that a* < a. That is, Foreign has a comparative advantage in steel production.

Under free trade Home will import steel from Foreign. Let w and w* be the wage rates in the two countries, in any common unit. Then the cost of producing a car in Home will be

w + w*a*

(because we’re importing the steel) while the cost of producing a car in Foreign is

w* + w*a*

Since both countries will be producing cars, these costs will have to be equal, implying w = w*: wages will be the same.

Now suppose Home imposes a tariff sufficiently high to induce car producers to use domestically produced steel instead. Now Home costs of car production are

w + wa = w* + w*a*

because car production costs must be equal. And this implies

w/w* = (1+a*)/(1+a) <1

That is, to offset the higher costs imposed by the tariff, Home’s relative wage has to fall – the opposite of what you expect from a tariff on final goods.

If you translate this partway back toward realism, this is saying that the direct negative effects of a steel tariff on downstream industries exceed any positive effects on the protected industry, even before you consider the effects of retaliation.

Now, I’m sure that the White House carefully thought all this through before HA HA HA HA HA HA HA

 

Tariffe sull’acciaio e salari (penosamente per esperti)

Di Paul Krugman

C’è un motivo piuttosto solido per il quale la dichiarazione di Trump “Le guerre commerciali sono una buona cosa, e facili da vincere” passerà alla storia come l’equivalente in termini economici del “Saremo accolti come liberatori” [1]. Una ragione è il concetto generale dell’economia secondo il quale le guerre commerciali rendono il mondo nel suo complesso più povero, e se è possibile che possiate far vostra una parte più grande di una torta più piccola, ve ne serve davvero tanta per ritrovarvi vincitori. Oltre a ciò, tuttavia, Trump sta anche facendo la guerra commerciale sbagliata, con l’imposizione di tariffe sull’acciaio e su altri beni intermedi.

È abbastanza evidente la ragione per la quale è una pessima idea: ciò aumenta i costi e danneggia in modo esponenziale le industrie. Ma essendo un patito della vecchia economia internazionale, quello che volevo era uno specifico modello di come questo accada. Dunque quello che segue è un esercizio fatto a mano (una piccola mano, suppongo) – un minuscolo microscopico modello su come il protezionismo sui beni intermedi possa ridurre i salari. Lo scopo è fondamentalmente quello di dare soddisfazione al mio prurito intellettuale; la maggioranza dei lettori probabilmente dovrebbero fermarsi a questo punto, perché tutto questo è persino più tecnicistico della mia consueta predilezione per le cose complicate.

Dunque, partiamo anzitutto dalla cosa preliminare: sto parlando di salari, non di posti di lavoro. La ragione è che i tipici modelli sul commercio non ci dicono che il protezionismo riduce (o aumenta) i posti di lavoro; esso cambia la composizione dell’occupazione, non altrettanto i dati complessivi. È vero che, come afferma una analisi recente (ed eccellente) della Fed di New York, la correzione è costosa, e il processo di mettere in circolazione i lavoratori è probabile porti, nel suo percorso, ad una considerevole disoccupazione. Ma la correzione dei costi e la disoccupazione frizionale [2], se sono importanti, non sono fondamentali nella comprensione delle ragioni per le quali le tariffe del genere di quelle di Trump sono un’idea particolarmente cattiva.

Quello che è fondamentale, penso, è che adottare questa modalità di Trump tramuta nel suo contrario persino quella sorta di buoni argomenti che depongono a favore delle tariffe.

Dunque: un piccolo segreto sporco della teoria commerciale tradizionale è che i grandi paesi con un sostanziale potere di mercato effettivamente possono trarre vantaggio da tariffe modeste. La ragione – la teoria della “tariffa ottimale” – è che limitando le loro importazioni dal resto del mondo, i grandi paesi con un sostanziale potere di mercato riducono il prezzo delle loro importazioni in rapporto alle loro esportazioni, ovvero migliorano i loro termini di scambio. Questo effetto è talmente ampio che per un paese come gli Stati Uniti, la tariffa ottimale unilaterale potrebbe essere dell’ordine del 30 per cento.

Il problema è che se gli altri paesi si rivalgono, gran parte o tutto il miglioramento dei termini di scambio se ne va, e si resta con incentivi distorti e con una produttività più bassa.

Questa, secondo un argomento, è la ragione per la quale abbiamo gli accordi commerciali internazionali. Ogni paese ha un incentivo unilaterale a imporre tariffe, ma se lo fanno tutti – se abbiamo una guerra commerciale – il mondo diventa più povero. Dunque abbiamo bisogno di regole che tengano sotto controllo quella prospettiva.

C’è un dibattito vivace sul fatto che gli accordi commerciali riguardino effettivamente questo aspetto. In pratica, nessuno nel mondo reale dei negoziati commerciali parla affatto di potere di mercato; tutto si risolve sugli impatti al livello delle industrie. Nondimeno, c’è una scuola di pensiero (associata con Bagwell e Staiger) che riconosce la politica degli interessi speciali ma afferma che i temi del potere di mercato si annidano sullo sfondo, e che metterli fuori da tavolo con gli accordi commerciali è la ragione per la quale tali accordi pare che portino ad un minore protezionismo. Personalmente non ne sono del tutto persuaso, ma adesso mettiamo questo aspetto da parte.

In ogni modo, l’intero argomento del potere di mercato in generale prende le mosse da modelli secondo i quali i paesi commerciano in prodotti finali, e le tariffe sono imposte su quei prodotti. Tuttavia, gran parte del commercio mondiale riguarda adesso i beni intermedi, che sono utilizzati come input nella produzione di altri beni – e le tariffe di Trump sono concentrate sui beni intermedi, particolarmente l’acciaio. E anche a prescindere dai rischi delle ritorsioni, quella è una politica che non funzionerà necessariamente a vantaggio dell’America.

La qual cosa mi porta al mio esercizio a mano.

Si immagini un mondo di due paesi, che chiamiamo Interno ed Estero (è una convenzione antica della teoria del commercio). In entrambi i paesi assumo che il lavoro sia l’unico fattore della produzione (oggi non ho intenzione di occuparmi della distribuzione del reddito). Ci sono due beni: le automobili e l’acciaio. Le automobili sono un prodotto finale, venduto ai consumatori; l’acciaio è un input nella produzione di automobili. Assumerò che entrambi i paesi alla fine producono automobili.

Per contenermi con le note, userò qualche trucco tramite la scelta delle unità (un’altra tradizione della vecchia teoria del commercio). Assumiamo che in ciascun paese la costruzione di un’automobile richieda una unità di lavoro (il che corrisponde a misurare il lavoro in unità pari a quanto serva per costruire un’automobile). Assumiamo anche, utilizzando lo stesso trucco, che costruire una automobile richieda anche una unità di acciaio.

Questo ci consente di avere solo due parametri da specificare: la quantità di lavoro che serve per realizzare in tutti e due i paesi una unità di acciaio. Definisco tale quantità a nel paese Interno e a* in quello Estero (le stelline sono una convenzione per il paese Estero). Assumiamo infine che a* < a. Ovvero, il paese Estero abbia un vantaggio comparativo nella produzione di acciaio.

In condizioni di libero commercio il paese Interno importerà acciaio da quello Estero. Assumiamo che w e w* siano i tassi salariali nei due paesi, per ogni unità comune. Quindi il costo della produzione di un’automobile nel paese Interno sarà:

w + w*a*

(perché stiamo importando l’acciaio) mentre il costo di produzione di un’automobile nel paese Estero sarà:

w* + w*a*

Dal momento che entrambi i paesi producono automobili, questi costi debbono essere uguali, il che implica che w = w*: i salari saranno i medesimi.

Adesso supponiamo che il paese Interno imponga una tariffa sufficientemente alta da indurre invece i produttori di automobili ad utilizzare acciaio prodotto internamente. Adesso i costi di produzione di un’automobile sono:

w + wa = w* + w*a*

giacché i costi di produzione dell’automobile devono essere uguali. E questo implica:

w/w* = (1+a*)/(1+a) <1

Ovvero, per bilanciare i costi più elevati imposti dalla tariffa, il salario relativo del paese Interno deve diminuire – l’opposto di quello che vi aspettereste da una tariffa sui beni finali.

Se ritraducete parzialmente tutto questo con un po’ di buon senso, è come dire che la tariffa sull’acciaio nelle industrie utilizzatrici eccede ogni effetto positivo sull’industria protetta, anche prima che consideriate gli effetti delle ritorsioni.

Ora, sono sicuro che la Casa Bianca abbia riflettuto scrupolosamente su tutto questo in precedenza. Risata fragorosa.

 

 

 

 

[1] La frase fu detta da Dick Cheney a proposito della guerra in Iraq ed è dunque considerata un sinonimo di un abbaglio clamoroso.

[2] È quel tipo di disoccupazione che nasce dal normale turnover nel mondo del lavoro (ovvero persone che entrano ed escono dalla forza lavoro e dalla continua creazione/distruzione di impieghi). Deriva, infatti, dalle imperfezioni nel processo di abbinamento tra posti di lavoro disponibili e lavoratori in cerca della migliore occupazione possibile. Il totale di disoccupati legati alla disoccupazione frizionale dipende dalla frequenza con la quale i lavoratori cambiano lavoro e dal tempo impiegato per trovarne uno nuovo.

 

 

 

 

 

 

(Se) non m’inganno : gli elettori e i tagli alle tasse, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 18 aprile 2018)

aprile 20, 2018

 

April 18, 2018

Scam I Amn’t: Voters and the Tax Cut

By Paul Krugman

zz 437

I don’t know what will happen in the midterm elections. But if Republicans pull it out – that is, if they lose the popular vote by a small enough margin that gerrymandering and the geographic concentration of nonwhite voters frustrate the public’s will – it will be the result of tribalism. It won’t be because the G.O.P. won voters over with a tax cut.

That’s not what they expected. The people who rammed through a massive tax cut without hearings or analysis thought they could sell it to voters as free money for everyone; never mind the big bucks for corporations and the wealthy, look at the extra cash we’re putting in your pocket.

And history suggested that they might be right: the Bush tax cuts, like the TCJA, offered big breaks to the wealthy but only what amounted to loss leaders for the middle class. Yet as Larry Bartels famously documented in his paper “Homer gets a tax cut,” most people focused on their direct gains, and were unmoved by or unaware of the indirect implications of bigger deficits for government programs they depended on. As a result, the Bush tax cuts were popular – not hugely popular, but more people approved than disapproved, and they were probably a net electoral plus.

But not this time. Polling suggests that only a minority – and probably a declining minority — of the public considers the Trump tax cut a good idea. Most people don’t see any benefits from the tax cut in their paychecks. And Republicans have pretty much given up campaigning on the tax cut.

Voters are, of course, right to have negative views about TCJA. It’s a mess of a bill; it will do little for economic growth, while increased deficits will create pressure to cut social insurance programs that affect many more people than the relative handful of wealthy stockholders who will win big. But voters should have been negative about the Bush tax cut too. Why do voters seem so much more woke? Why is this time different?

One possible answer might be that Trump is doing even less for ordinary voters than Bush. But I don’t think the numbers support that argument. The initial effect of the tax cuts in TCJA will be to raise income for the middle quintile by 1.4 percent; for EGGTRA, the first Bush tax cut, that number was 2.2 percent, but that was an overall bigger tax cut relative to the economy. Distributionally, the two tax cuts were broadly similar – as I said, big stuff for the rich, plus what amount to loss leaders for the middle class.

Another answer might be that the Bush tax cut was pushed through in a very different fiscal environment. Readers of a certain age may recall that when Bush ran in 2000, the U.S. actually had a budget surplus – which he claimed simply to be giving back to voters. But during the Obama years voters were subjected to constant scare talk about deficits and debt – some from centrist scolds, some from the very Republicans who rammed through their tax cut. This may have made voters more aware of the downside to big tax cuts for the rich, even if they got a bit themselves.

Finally, many people – rightly – don’t trust anything associated with Trump. Now, Bush officials were systematically deceptive in everything they said about tax policy (and much else); but Bush didn’t tweet out four or five blatant lies every day, and it took both the Iraq debacle and Katrina to finally wake up voters and the media to the Bush administration’s relatively subtle although deep dishonesty.

Anyway, whatever the reason, the tax cut is looking like the political loser it deserves to be. Sometimes justice prevails.

 

(Se) non m’inganno [1]: gli elettori e i tagli alle tasse,

di Paul Krugman

Non so cosa accadrà con le elezioni di medio termine. Ma se i repubblicani usciranno dagli impicci – ovvero, se verranno sconfitti nel voto popolare con un margine sufficientemente modesto, al punto che l’organizzazione truffaldina dei collegi elettorali e la concentrazione degli elettori non-bianchi vanificherà la volontà dell’opinione pubblica – sarà la conseguenza di una mentalità tribale. Non dipenderà dal fatto che il Partito Repubblicano ha conquistato gli elettori con un taglio delle tasse.

Non sarà quello che si erano aspettati. Le persone che hanno imposto un massiccio taglio fiscale senza alcuna audizione e alcuna analisi pensavano che lo avrebbero rivenduto agli elettori come soldi gratis per tutti: lasciate perdere il sacco di soldi per le società e i ricchi, guardate il contante in più che vi stiamo mettendo in tasca.

E la storia indicava che potevano aver ragione: i tagli fiscali di Bush, come la Legge sul Taglio delle Tasse e i Posti di lavoro (TCJA) [2], offrivano grandi sgravi ai ricchi ma solo propaganda [3] alla classe media. Tuttavia, come Larry Bartels notoriamente documentò nel suo saggio “Homer incassa un taglio alle tasse”, la maggioranza delle persone si concentrò sui loro vantaggi immediati e rimasero indifferenti o inconsapevoli delle implicazioni indirette dei maggiori deficit dei programmi governativi dai quali dipendevano. Il risultato fu che i tagli alle tasse di Bush furono popolari – non enormemente popolari, ma li approvarono un numero maggiore di persone rispetto a quelli che non li approvarono, e probabilmente da un punto di vista elettorale furono un vantaggio netto.

Non questa volta. I sondaggi indicano che solo una minoranza – e probabilmente una minoranza in calo – dell’opinione pubblica considera i tagli alle tasse di Trump una buona idea. La maggioranza delle persone non vede alcun beneficio nelle proprie buste paga derivanti dai tagli alle tasse. E i repubblicani hanno praticamente rinunciato a fare la campagna elettorale sui tagli alle tasse.

Ovviamente, gli elettori hanno ragione ad avere punti di vista negativi sulla TCJA. È un disastro di legge: farà poco per la crescita economica, mentre gli aumentati deficit provocheranno una spinta a tagliare i programmi sulla sicurezza sociale che influiscono su molte più persone della manciata di ricchi azionisti che ci guadagneranno alla grande. Eppure gli elettori avrebbero dovuto essere ostili anche ai tagli fiscali di Bush. Perché gli elettori sembrano così più consapevoli? Qual è la differenza, questa volta?

Una risposta possibile potrebbe essere che Trump sta facendo ancora meno per gli elettori comuni di quello che fece Bush. Ma non penso che i dati sostengano quell’argomento. L’effetto iniziale dei tagli fiscali della TCJA sarà un incremento dell’1,4 per cento nelle fasce mediane del reddito; nel caso della Legge sulla Crescita Economica e sul Sollievo Fiscale di Conciliazione (EGGTRA) [4], il primo taglio delle tasse di Bush, quel dato era il 2,2 per cento, ma rispetto all’economia quello era un taglio fiscale complessivamente più grande. Dal punto di vista distributivo, i due tagli sono stati generalmente simili – come ho detto, tanta roba per i ricchi, in aggiunta un po’ di propaganda per la classe media.

Un’altra risposta potrebbe essere che i tagli alle tasse di Bush furono fatti approvare in un contesto molto diverso della finanza pubblica. I lettori di una certa età forse ricordano che quando Bush era in corsa nel 2000, gli Stati Uniti effettivamente avevano un avanzo di amministrazione – che egli sosteneva di stare semplicemente restituendo agli elettori. Ma durante gli anni di Obama gli elettori vennero sottoposti a continui spaventosi ammonimenti sui deficit e sul debito – alcuni da parte dei brontoloni centristi, alcuni da parte proprio dei repubblicani che approvavano i loro tagli fiscali. Questo può aver reso gli elettori più consapevoli dell’altra faccia della medaglia dei grandi sgravi fiscali sui ricchi, anche se ne hanno ricevuto una briciola per sé stessi.

Infine, molte persone – giustamente – non credono a nulla che provenga da Trump. Ora, i dirigenti di Bush furono sistematicamente ingannevoli in tutto quello che dicevano sulla politica fiscale (e su molto altro); ma Bush non pubblicava su Tweet quattro o cinque sfacciate bugie al giorno, e ci volle sia la debacle dell’Iraq che quella di Katrina perché, alla fine, gli elettori e i media si risvegliassero, nei confronti della relativamente sottile ma profonda disonestà della Amministrazione Bush.

In ogni modo, qualsiasi sia la ragione, il taglio alle tasse comincia a sembrare la sconfitta politica che merita di essere. Qualche volta la giustizia prevale.

 

 

 

 

 

[1] Ho trovato su un curioso blog (“Sentence first. Un blog di un irlandese sul linguaggio inglese”) una dotta spiegazione sulla espressione “I amn’t” – significa “io non sono”, “I am not” – che pare sia tipica degli irlandesi e degli scozzesi e non del tutto corretta in lingua inglese. Ma su “Scam I amn’t” non ho trovato da nessuna parte un ausilio.

Letteralmente, dunque, il titolo si tradurrebbe “Io non sono un inganno”, perché “scam” può essere solo un sostantivo, in questo caso. Aggiungo un “se” dubitativo, supponendo che la frase abbia un corso idiomatico e sopporti anche questa interpretazione. In fondo, il concetto è quasi lo stesso.

[2] Tecnicamente è la denominazione della legge fiscale di Trump.

[3] “Loss leader” significa “articolo di richiamo, articolo civetta”. Ovvero, apparenti sgravi modesti che nel giro di alcuni anni verranno eliminati e si risolveranno in aumenti delle tasse.

[4] La legge dell’epoca di Bush venne approvata nel 2001. E la sua denominazione alquanto pomposa è un po’ nello stile della legislazione americana.

 

 

 

 

 

 

Le guerre commerciali, gli asset non recuperabili e il mercato azionario (per esperti) (dal blog di Paul Krugman, 4 aprile 2018)

aprile 5, 2018

 

April 4, 2018

Trade Wars, Stranded Assets, and the Stock Market (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 437

As I write this, China’s announcement of a new round of tit-for-tat tariffs has stoked fears of trade war and sent stock futures plunging. If this morning’s futures hold, the S&P 500 will be about 10.5 percent off its January peak, around 6 percent off its level when Gary Cohn, the last of the Trump “globalists,” was pushed out.

My question is, why such a large fall?

One good answer is, that’s a stupid question. The three rules you need to bear in mind when discussing the stock market are (1) the stock market is not the economy (2) the stock market is not the economy (3) the stock market is not the economy. And stocks move for all sorts of reasons, or no visible reason at all. As Paul Samuelson famously quipped, the market has forecast nine of the last five recessions.

Another answer is that the trade war is a signal: Trump, Navarro et al are showing that they really are as unhinged and irresponsible as they seem, and markets are taking notice. Imagine how these people would handle a financial crisis.

Still, I think it’s worth noting that even if we are headed for a full-scale trade war, conventional estimates of the costs of such a war don’t come anywhere near to 10 percent of GDP, or even 6 percent. In fact, it’s one of the dirty little secrets of international economics that standard estimates of the cost of protectionism, while not trivial, aren’t usually earthshaking either.

Yet there is a reason why stock prices might overshoot the overall economic costs of a trade war. For a trade war that “deglobalized” the U.S. economy would require a big reallocation of resources, including capital. Yet you go to trade war with the capital you have, not the capital you’re eventually going to want – and stocks are claims on the capital we have now, not the capital we’ll need if America goes all in on Trumponomics.

Or to put it another way, a trade war would produce a lot of stranded assets.

First, about the costs of trade war. This is the wonkish part, so feel free to skim and don’t worry if it seems incomprehensible, as long as you’re willing to accept the bottom line for the sake of argument.

The costs of protectionism, according to conventional economic theory, are not that tariffs caused the Great Depression, or anything like that. They come, instead, from moving your economy away from things you’re relatively good at to things you aren’t. American workers could sew clothes together, instead of importing apparel from Bangladesh; in fact, we’d surely produce more pajamas per person-hour than the Bangladeshis do. But our productivity advantage is much bigger in other things, so there’s an efficiency gain – for both economies – in having us concentrate on the things we do best.

And a trade war, by imposing artificial costs such as tariffs on international trade, undoes that productive specialization, making everyone less efficient.

We can, with some heroic assumptions, put numbers to the kind of costs involved. Strictly speaking, we should do this using “general equilibrium” – modeling the economy as a whole. But another dirty little secret of international economics – much littler than the previous one – is that you get pretty close with “partial equilibrium” – just treating the market for imports as if it were the market for a single product that’s a small part of the economy.

 

In the figure, the downward-sloping line is the demand for imports as a function of their price, measured relative to the price of domestic goods. Under free trade, we import anything that costs less to produce abroad than at home. If we impose a tariff, we end up not importing stuff unless the price of the import is sufficiently low that it’s cheaper even including the tariff. The marginal good we import, then, is actually much cheaper than a domestic product, and the marginal good we don’t import costs the economy a lot – specifically, the tariff that we would have paid if we did import it.

zz 517

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1

If you imagine raising the tariff step by step, then, at each step we are imposing costs on the economy equal to the extra cost of the domestic product that replaces an import. The total costs of the tariff are represented by the area of the triangle: the reduction in imports caused by the tariff, multiplied by (roughly) half the tariff rate.

(Somebody is going to ask, what about exports? They’re implicitly included in this estimate. Trust me.)

So, what would a trade war do? Suppose the US were to impose a 30 percent tariff across the board, with other countries retaliating in kind so that there’s no improvement in the U.S. terms of trade (more technical stuff I don’t want to get into.) How much would this reduce trade? It depends on the elasticity of import demand; a reasonable number seems to be around 4. This would mean a fall in imports from 15 percent of GDP to around 5 percent – a 10-point reduction. And that in turn means a reduction in US real income of around 1.5 percent.

Obviously this is just an illustrative calculation; I’ve tried to use reasonable-ish numbers, but you don’t want to make too much of it. What it does suggest, however, is that even a trade war that drastically rolled back globalization wouldn’t impose costs on the economy comparable to the kinds of movement we’ve seen in stock prices.

But the costs to the economy as a whole might not be a good indicator of the costs to existing corporate assets.

Since about 1990 corporate America has bet heavily on hyperglobalization – on the continuance of an open-market regime that has encouraged complex value chains that sprawl across borders. The notebook on which I’m writing this was designed in California, but probably assembled in China, with many of the components coming from South Korea and Japan. Apple could produce it entirely in North America, and probably would in the face of 30 percent tariffs. But the factories it would take to do that don’t (yet) exist.

Meanwhile, the factories that do exist were built to serve globalized production – and many of them would be marginalized, maybe even made worthless, by tariffs that broke up those global value chains. That is, they would become stranded assets. Call it the anti-China shock.

Of course, it wouldn’t just be factories left stranded by a trade war. A lot of people would be stranded too. The point of the famous “China shock” paper by Autor et al wasn’t that rapid trade growth made America as a whole poorer, it was that rapid changes in the location of production displaced a significant number of workers, creating personal hardship and hurting their communities. The irony is that an anti-China shock would do exactly the same thing. And I, at least, care more about the impact on workers than the impact on capital.

Still, my original question was why stocks are dropping so much more than the likely costs of trade war to the economy. And one answer, I’d suggest, is disruption – which business leaders love to celebrate in their rhetoric, but hate when it happens to them.

 

Le guerre commerciali, gli asset non recuperabili e il mercato azionario (per esperti)

Di Paul Krugman

Nel mentre sto scrivendo, l’annuncio da parte della Cina di un nuovo giro di rappresaglie sulle tariffe ha alimentato le paure di una guerra commerciale ed ha fatto precipitare i contratti a termine sulle azioni. Se questa mattina i futures tengono, il S&P 500 andrà circa del 10,5 per cento sotto la sua punta di gennaio, il 6 per cento circa in meno del suo livello quando Gary Cohn, l’ultimo dei “globalisti” di Trump, è stato messo alla porta.

La mia domanda è; perché una caduta così ampia?

Una buona risposta sarebbe che si tratta di una domanda sciocca. Le tre regole che si devono tenere a mente quando si discute dei mercati azionari sono: 1) il mercato azionario non è l’economia; 2) il mercato azionario non è l’economia; 3) il mercato azionario non è l’economia. E i mercati si muovono per ragioni di ogni genere, oppure per ragioni completamente invisibili. Secondo la famosa battuta di Paul Samuelson, i mercati avevano previsto nove recessioni delle ultime cinque.

Un’altra risposta è che la guerra commerciale è un segnale: Trump, Navarro e gli altri stanno mostrando che sono effettivamente squilibrati e irresponsabili come sembrano, e i mercati ne stanno prendendo nota. Immaginate come queste persone gestirebbero una crisi finanziaria.

Eppure, penso che sia meritevole di osservazione che persino se ci stessimo dirigendo verso una guerra commerciale su vasta scala, le stime convenzionali dei costi di tale guerra non si avvicinerebbero in alcun modo al 10 per cento del PIL, o neanche al 6 per cento. Di fatto, uno dei piccoli segreti sporchi dell’economia internazionale è che le stime standard dei costi del protezionismo, sebbene non banali, normalmente non sono neanche sconvolgenti.

Tuttavia c’è una ragione per la quale i prezzi delle azioni potrebbero andare oltre i complessivi costi economici di una guerra commerciale. Perché una guerra commerciale che “deglobalizzasse” l’economia degli Stati Uniti richiederebbe una grande riallocazione di risorse, compreso il capitale. Tuttavia, si va ad una guerra commerciale con il capitale che si ha, non con il capitale che alla fine si desidera – e le azioni sono diritti sul capitale che abbiamo adesso, non il capitale di cui avremo bisogno se l’America si infila sino in fondo nell’economia trumpiana.

Oppure, per dirla diversamente, una guerra commerciale produrrebbe una gran quantità di asset non recuperabili.

Partiamo dai costi di una guerra commerciale. Questa è la parte per esperti, dunque sentitevi liberi di scorrerla rapidamente e non vi preoccupate se sembra incomprensibile, finché avrete voglia, nell’interesse dell’argomento, di accettarne le conclusioni.

I costi del protezionismo, secondo la teoria economica convenzionale, non sono che le tariffe provocarono la Grande Depressione, o cose del genere. Derivano, piuttosto, dallo spostare la vostra economia da cose nelle quali siete relativamente bravi ad operare a cose nelle quali non lo siete. I lavoratori americani potrebbero cucire assieme gli indumenti, anziché importare gli abiti dal Bangladesh; di fatto, potremmo sicuramente produrre più pigiami all’ora per persona di quanto non facciano i lavoratori del Bangladesh. Ma il nostro vantaggio di produttività è molto maggiore in altre cose, dunque c’è – per entrambe le economie – un vantaggio di efficienza se ci concentriamo sulle cose che sappiano far meglio.

E una guerra commerciale, imponendo costi artificiali come le tariffe sul commercio internazionale, sconvolge la specializzazione produttiva, rendendo tutti meno efficienti.

Possiamo, sulla base di qualche presupposto audace, individuare i numeri impliciti in questo tipo di costi. In senso stretto, dovremmo farlo utilizzando il concetto di “equilibrio generale” – modellando l’economia come un tutto unico. Ma un altro piccolo segreto sporco dell’economia internazionale – molto più modesto del precedente – è che si arriva abbastanza vicini ad un “equilibrio parziale”, solo trattando il mercato delle importazioni come se fosse il mercato di un singolo prodotto che è una piccola parte dell’economia.

Nella tabella, la linea che inclina verso il basso è la domanda delle importazioni in funzione del loro prezzo, misurata in relazione al prezzo dei prodotti nazionali. Con il libero commercio, noi importiamo ogni cosa che ha un costo minore se prodotta all’estero anziché all’interno del paese. Se imponiamo tariffe, finiamo col non importare cose a meno che il prezzo dell’importazione non sia sufficientemente basso da essere più economico anche includendo le tariffe. Il prodotto marginale che importiamo, dunque, è effettivamente molto più conveniente di un prodotto nazionale, e il prodotto marginale che non importiamo costa molto all’economia – precisamente, la tariffa che avremmo dovuto pagare se l’avessimo importato.

zz 517

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1

Se si immagina, poi, di elevare la tariffa passo dopo passo, ad ogni passaggio imponiamo costi sull’economia pari al costo in eccesso del prodotto nazionale che sostituisce una importazione. I costi totali della tariffa sono rappresentati dall’area del triangolo: la riduzione delle importazioni provocata dalla tariffa, moltiplicata (grosso modo) per la metà dell’aliquota della tariffa.

(qualcuno si chiederà che cosa accade con le esportazioni. Esse sono implicitamente incluse in questa stima. Fidatevi.)

Dunque, cosa provocherebbe una guerra commerciale? Supponiamo che gli Stati Uniti impongano una indiscriminata tariffa del 30 per cento, con gli altri paesi che reagiscono con rappresaglie in modi tali che non c’è alcun miglioramento in termini commerciali negli Stati Uniti (non intendo aggiungere ulteriori aspetti tecnicistici). Quanto questo ridurrebbe il commercio? Questo dipende dalla elasticità della domanda di importazioni; un dato ragionevole sembra essere attorno al 4 per cento. Questo comporterebbe una caduta nelle importazioni dal 15 per cento del PIL a circa il 5 per cento – una riduzione di dieci punti. E questo a sua volta comporta una riduzione del reddito reale degli Stati Uniti attorno all’1,5 per cento.

Ovviamente questo è solo un calcolo illustrativo; ho cercato di utilizzare numeri approssimativamente ragionevoli, ma non dovete derivarne troppe conseguenze. Ciò che esso suggerisce, tuttavia, è che persino una guerra commerciale che riduca drasticamente la globalizzazione non imporrebbe costi sull’economia paragonabili al genere di movimenti a cui stiamo assistendo nei prezzi delle azioni.

Ma i costi sull’economia nel loro complesso potrebbero non essere un buon indicatore degli asset esistenti delle società.

A partire da circa il 1990 le società americane hanno scommesso pesantemente sulla iperglobalizzazione – sul proseguimento di un regime di mercati aperti che ha incoraggiato complesse catene del valore che si sono estese oltre i confini. Il computer portatile sul quale sto scrivendo è stato disegnato in California, ma probabilmente è stato messo assieme in Cina, con molte componenti provenienti dalla Corea del Sud e dal Giappone. Apple potrebbe produrlo interamente nel Nord America, e probabilmente lo farebbe a fronte di tariffe del 30 per cento. Ma gli stabilimenti di cui avrebbe bisogno per farlo (ancora) non esistono.

Nel contempo, gli stabilimenti che esistono sono stati costruiti per servire la produzione globale – e molti di essi sarebbero marginalizzati, forse persino sarebbero resi privi di valore, da tariffe che distruggano queste catene del valore globali. Ovvero, diverrebbero asset irrecuperabili. Chiamatelo il trauma anti Cina.

Ovviamente, a seguito di una guerra commerciale non ci sarebbero soltanto stabilimenti irrecuperabili. Anche molte persone diverrebbero irrecuperabili. L’argomento del famoso saggio di Autor ed altri dal titolo “China shock” non è stato che la rapida crescita commerciale ha reso l’America nel complesso più povera, è stato che i rapidi mutamenti nella localizzazione delle produzioni hanno messo ai margini un numero significativo di lavoratori, creando difficoltà agli individui e danneggiando le loro comunità. L’ironia è che uno shock contro la Cina produrrebbe esattamente lo stesso effetto. E, almeno io, mi preoccupo maggiormente dell’impatto sui lavoratori che di quello sul capitale.

Ciononostante, la mia domanda originaria era relativa alle ragioni per le quali le azioni stanno scendendo così tanto di più dei probabili costi per l’economia di una guerra commerciale. E suggerirei che una risposta sia quella dello sconvolgimento radicale – che i dirigenti delle imprese amano celebrare nella loro retorica, ma odiano quando riguarda loro stessi.

 

 

 

 

 

L’immacolata inflazione colpisce ancora (per esperti) (dal blog di Paul Krugman, 27 marzo 2018)

marzo 29, 2018

 

March 27, 2018

Immaculate Inflation Strikes Again (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 437

Here are three questions about inflation, unemployment, and Fed policy. Some people may imagine that they’re the same question, but they definitely aren’t:

  1. Does the Fed know how low the unemployment rate can go?
  2. Should the Fed be tightening now, even though inflation is still low?
  3. Is there any relationship between unemployment and inflation?

It seems obvious to me that the answer to (1) is no. We’re currently well above historical estimates of full employment, and inflation remains subdued. Could unemployment fall to 3.5% without accelerating inflation? Honestly, we don’t know.

I would also argue that the Fed is making a mistake by tightening now, for several reasons. One is that we really don’t know how low U can go, and won’t find out if we don’t give it a chance. Another is that the costs of getting it wrong are asymmetric: waiting too long to tighten might be awkward, but tightening too soon increases the risks of falling back into a liquidity trap. Finally, there are very good reasons to believe that the Fed’s 2 percent inflation target is too low; certainly the belief that it was high enough to make the zero lower bound irrelevant has been massively falsified by experience.

But should we drop the whole notion that unemployment has anything to do with inflation? Via FTAlphaville, I see that David Andolfatto is at it again, asserting that there’s something weird about asserting an unemployment-inflation link, and that inflation is driven by an imbalance between money supply and money demand.

Oh, dear. We’ve been here before.

Look, economics is about what people (and businesses – corporations are people, my friends) do. Whatever you think is the ultimate cause of an economic phenomenon, your story about how that phenomenon happens has to include an explanation of how peoples’ incentives change. That’s why the doctrine of immaculate transfer, which asserts that saving-investment balances translate into trade balances without any adjustment of the exchange rate, is silly: producers and consumers don’t know or care about S-I, they need to be induced to change their behavior, which requires a change in relative prices.

Similarly, even if you think that inflation is fundamentally a monetary phenomenon (which you shouldn’t, as I’ll explain in a minute), wage- and price-setters don’t care about money demand; they care about their own ability or lack thereof to charge more, which has to – has to – involve the amount of slack in the economy. As Karl Smith pointed out a decade ago, the doctrine of immaculate inflation, in which money translates directly into inflation – a doctrine that was invoked to predict inflationary consequences from Fed easing despite a depressed economy – makes no sense.

And the claim that there’s weak or no evidence of a link between unemployment and inflation is sustainable only if you insist on restricting yourself to recent U.S. data. Take a longer and broader view, and the evidence is obvious.

Consider, for example, the case of Spain. Inflation in Spain is definitely not driven by monetary factors, since Spain hasn’t even had its own money since it joined the euro. Nonetheless, there have been big moves in both Spanish inflation and Spanish unemployment:

zz 507

 

 

 

 

 

 

 

 

That period of low unemployment, by Spanish standards, was the result of huge inflows of capital, fueling a real estate bubble. Then came the sudden stop after the Greek crisis, which sent unemployment soaring.

Meanwhile, the pre-crisis era was marked by relatively high inflation, well above the euro-area average; the post-crisis era by near-zero inflation, below the rest of the euro area, allowing Spain to achieve (at immense cost) an “internal devaluation” that has driven an export-led recovery.

So, do you really want to claim that the swings in inflation had nothing to do with the swings in unemployment? Really, really?

But if you concede that unemployment had a lot to do with Spanish inflation and disinflation, you’ve already conceded the basic logic of the Phillips curve. You may say, with considerable justification, that U.S. data are too noisy to have any confidence in particular estimates of that curve. But denying that it makes sense to talk about unemployment driving inflation is foolish.

And to get back to my broader point: economics is about what people do, and stories about macrobehavior should always include an explanation of the micromotives that make people change what they do. This isn’t the same thing as saying that we must have “microfoundations” in the sense that everyone is maximizing; often people don’t, and a lot of sensible economics involves just accepting some limits to maximization. But incentives and motives are still key.

And it’s ironic that macroeconomists who are deeply committed to the microfoundations project – or, as Trump might say, the “failing microfoundations project” – also seem to be especially likely, perhaps due to their addiction to mathiness, to forget this essential rule.

 

 

L’immacolata inflazione colpisce ancora (per esperti)

Di Paul Krugman

Ecco tre domande sull’inflazione, la disoccupazione e la politica della Fed. Alcuni possono immaginarsi che siano la stessa domanda, ma non è certamente così:

1 – La Fed sa quanto può scendere in basso il tasso di disoccupazione?

2 – La Fed dovrebbe operare una restrizione adesso, anche se l’inflazione è ancora bassa?

3 –  C’è una qualche relazione tra disoccupazione e inflazione?

A me pare evidente che la risposta alla prima domanda sia negativa. Attualmente siamo collocati ben sopra i livelli storici di piena occupazione, e l’inflazione resta tenue. La disoccupazione potrebbe scendere al 3,5% senza accelerare l’inflazione? Onestamente, non lo sappiamo.

Vorrei aggiungere che la Fed sta facendo un errore a restringere in questo momento, per varie ragioni. Una è che davvero non sappiamo quanto possa andare in basso la disoccupazione, e non lo scopriremo se non le diamo questa possibilità. Un’altra è che i costi di operare nel modo sbagliato sono asimmetrici: aspettare troppo a restringere può essere imbarazzante, ma restringere troppo presto aumenta i rischi di ricadere in una trappola di liquidità. Infine, ci sono ottime ragioni per credere che l’obbiettivo di inflazione del 2 per cento della Fed sia troppo basso; di sicuro la convinzione che fosse troppo alto da rendere irrilevante il limite inferiore dello zero, è stata massicciamente smentita dall’esperienza.

Eppure: dovremmo far cadere l’intera idea che la disoccupazione abbia qualcosa a che fare con l’inflazione? Attraverso il blog FTAlphaville, vedo che David Andolfatto [1] insiste su questo punto, sostenendo che c’è qualcosa di misterioso nell’ipotizzare una connessione tra disoccupazione e inflazione, e che l’inflazione è provocata da uno squilibrio tra offerta e domanda di denaro.

Cari signori, abbiamo già discusso di questo nel passato [2].

Si veda: l’economia è quello che la gente fa (e le società e le imprese sono gente, cari miei). Qualsiasi cosa voi pensiate sia la causa definitiva di un fenomeno economico, il vostro racconto su come quel fenomeno avviene deve includere una spiegazione di come cambiano gli incentivi per la gente. Questa è la ragione per la quale la dottrina dell’ ‘immacolato trasferimento’, che asserisce che gli equilibri tra risparmi ed investimenti si traducono in equilibri commerciali senza alcuna correzione del tasso di cambio, è una sciocchezza: i produttori ed i consumatori non si curano del rapporto tra risparmi ed investimenti, hanno bisogno di essere costretti a modificare il loro comportamento, il che richiede un cambiamento nei prezzi relativi.

In modo simile, anche se pensate che l’inflazione sia fondamentalmente un fenomeno monetario (cosa che non dovreste fare, come spiegherò tra un attimo), coloro che definiscono i salari ed i prezzi non si curano della domanda di denaro; si curano della loro possibilità o della loro impossibilità di far pagare di più, che deve includere – deve – la quantità di fiacchezza dell’economia. Come mise in evidenza dieci anni fa Karl Smith [3], la ‘dottrina dell’immacolata inflazione’ – una dottrina che venne invocata per prevedere conseguenze inflazionistiche dalla politica della facilitazione quantitativa della Fed, nonostante una economia depressa – non aveva alcun senso.

E la pretesa che ci siano prove deboli, o che non ce ne sia alcuna, della connessione tra disoccupazione e inflazione è sostenibile soltanto se continuate a limitarvi ai dati recenti degli Stati Uniti. Allungate ed allargate il vostro punto di vista, e le prove sono evidenti.

Si consideri, ad esempio, il caso della Spagna. L’inflazione in Spagna non è certamente guidata da fattori monetari, dal momento che la Spagna non aveva neppure una propria moneta da quando è confluita nell’euro. Cionondimeno, ci sono stati grandi spostamenti, sia nell’inflazione che nella disoccupazione spagnola:

zz 507

 

 

 

 

 

 

 

 

Il periodo di bassa disoccupazione, per i livelli della Spagna [4], fu il risultato di ampi flussi di capitali, che accesero una bolla immobiliare. Poi intervenne un blocco improvviso dopo la crisi greca, che spedì la disoccupazione alle stelle.

Contemporaneamente, l’epoca precedente alla crisi era caratterizzata da una inflazione relativamente elevata, ben al di sopra della media dell’area euro; l’epoca successiva alla crisi fu segnata da una inflazione vicina allo zero, che consentì alla Spagna di ottenere (con costi enormi) una “svalutazione interna” che ha provocato una ripresa guidata dalle esportazioni.

Dunque, pensate davvero di poter sostenere che gli spostamenti nell’inflazione non ebbero niente a che fare con gli spostamenti nell’occupazione? Per davvero?

Ma se ammettete che la disoccupazione ha avuto molto a che fare con l’inflazione e la disinflazione spagnola, avete già ammesso la base logica della ‘curva di Phillips’ [5]. Potete sostenere, con rilevanti giustificazioni, che i dati degli Stati Uniti siano troppo tumultuosi per avere una qualche fiducia nelle particolari stime di quella curva. Ma negare che abbia senso parlare di disoccupazione che guida l’inflazione sarebbe una sciocchezza.

E per tornare al mio punto di vista più generale: l’economia è quello che la gente fa, e i racconti sul comportamento macro dovrebbero sempre includere una spiegazione delle motivazioni micro che provocano nella gente il cambiamento in quello che fa. Questa non è la stessa cosa che dire che dobbiamo avere “i fondamenti microeconomici” nel senso che ognuno cerca di sfruttare al massimo il contesto; spesso la gente non lo fa, e una buona parte dell’economia consiste proprio nell’accettare alcuni limiti a tale massimizzazione. Ma gli incentivi e le motivazioni sono sempre la chiave.

Ed è comico che i macroeconomisti che sono profondamente impegnati nel progetto dei fondamenti microeconomici – o, come potrebbe dire Trump, nel “fallimentare progetto dei fondamenti microeconomici” [6] – sembrano anche particolarmente inclini a dimenticare questa regola essenziale, forse a seguito della loro dipendenza dalle astruserie matematiche.

 

 

 

 

[1] È il Vicepresidente della Fed Bank di St. Luis.

[2] In effetti, la connessione rimanda ad una polemica di Krugman nei confronti di Andolfatto che risale al dicembre del 2013.

[3] Docente di Economia all’Università della North Carolina.

[4] Nella tabella, la disoccupazione espressa dalla linea rossa si misura in relazione alla scala collocata sulla destra, e dunque nel 2008 si collocava attorno all’8 per cento, per schizzare oltre il 24 per cento nel 2014. La linea blu, invece, misura il PIL sulla base della scala sulla sinistra.

[5] Per la Curva di Phillips, vedi la descrizione relativa nelle Note sulla Traduzione.

[6] Questa non la capisco proprio, nel senso che non capisco in che senso Trump potrebbe dilettarsi e neanche capire temi del genere.

 

 

 

 

 

 

I tagli alle tasse e il ritorno sui salari (leggermente per esperti) (dal blog di Paul Krugman, 25 marzo 2018)

marzo 26, 2018

 

Tax Cuts and Wages Redux (Slightly Wonkish)

Paul Krugman MARCH 25, 2018

zz 437

Oops, they did it again. After Republicans rammed through their big tax cut, there were a rash of stories about corporations using the tax break to give their workers bonuses. Have the media learned nothing from the Carrier debacle? After all, companies have every incentive to curry favor with a sitting administration by attributing nice things they would have done in any case to Dear Leader’s glorious policies. Amid tightening labor markets lots of firms would have been trying to attract or hold workers by offering a bit of money; why not use the occasion to hype something that raises your after-tax profits?

Anyway, now we have enough information to start assessing the real impact of the tax cut. No, it isn’t going into wages; you should never have expected that in the short run anyway. What’s more, we aren’t even seeing the kind of response that would raise wages in the long run. And it’s even possible, as I’ll explain, that the tax cut could reduce wages.

  1. The optimists’ theory of the case

What was the theory of the case for those who believed, or at least claimed to believe, that a cut in corporate taxes would be passed through into wages? The story, as told by people like Kevin Hassett or the Tax Foundation, was that (a) markets for goods and labor are close to perfectly competitive, and (b) America is part of a global capital market that more or less equalizes after-tax rates of return. The idea, then, was that by reducing the rate of taxes on corporate profits, America would attract inflows of capital from the rest of the world. A rising capital stock would drive pre-tax returns on capital down and, by increasing competition for labor, drive wages up. In the long run, they claimed, all the benefits would go to workers.

There were multiple reasons not to believe in this story. One reason is that the U.S., if only because of its sheer size, doesn’t face a perfectly elastic supply of capital from the rest of the world; even in the long run, we would expect a tax cut to raise after-tax profits. Another is that we’re nowhere close to perfect competition: a lot of corporate profits represent some kind of monopoly rent, and there’s no reason to expect capital inflows to compete those rents away.

And even if there were some truth to the optimists’ case, it’s about the long run. In the short run, before there has been time for a major change in the capital stock, we shouldn’t expect to see any wage rise at all.

The only way you might see some immediate wage gains would be if two things were true: companies aren’t in a highly competitive environment – they have some freedom to set wages – and they have some interest beyond profit maximization in keeping workers happy, either out of the goodness of their hearts or because management doesn’t like being hated.

I don’t want to totally discount this possibility. Once upon a time, when we had powerful unions and companies like GM saw themselves as having multiple “stakeholders” rather than simply maximizing profits, one could have imagined seeing corporations share some of a tax windfall with workers. And there might be a tiny bit of that mindset operating even today – but as I’ll explain shortly, that might not have the implications that you imagine.

  1. Tax cuts so far

After initially falling for the bogus bonus story, news organizations have mostly caught up with reality: the tax cut isn’t being passed through to workers. Mainly it’s being used for stock buybacks.

The failure to raise wages immediately comes as no surprise. It’s what even supporters of the tax cut would have predicted, if they’d followed through on the logic of their own analysis.

The prevalence of stock buybacks is, however, another story. The pro-tax-cut case didn’t predict a short-run rise in wages, but it did predict a big rise in investment, financed by capital inflows – not simple recycling of the tax cut to investors.

So far, however, as Dean Baker points out, there is no indication of an investment boom. Orders for capital goods aren’t up, actual investment spending doesn’t seem to rising any faster than before, investment intentions haven’t spiked. What this means is that the process that was supposed to raise wages in the long run isn’t happening, at least not yet.

One other indicator: if the tax cut were really leading to big inflows of capital, that should be lifting the dollar. In reality, the dollar is weaker than it was before the tax cuts:

zz 506

 

 

 

 

 

 

 

 

 

So what story do the early data seem to tell? Well, they’re consistent with the view that corporate profits include a large component of monopoly rents. In that story, if you give corporations a big tax cut, they don’t invest more, compete for workers, or any of that stuff. They just take the money and run, which is what we seem to be seeing.

  1. Can tax cuts actually reduce wages?

Let me finish with a possibility I haven’t seen mentioned: tax cuts might actually provide companies with an incentive to reduce wages. What? Let me explain.

There’s a large literature trying to explain why executive compensation rose so much from the 1960s to the 1990s. One hypothesis, as expounded for example by Piketty, Saez, and Stantcheva, is that CEOs used to pay themselves less than they could have as a way to “make peace” with workers, customers, etc.. And one reason for this self-restraint was that given high marginal tax rates, executives who extracted very high pay packages wouldn’t get to keep much of the money anyway.

The point is that when tax rates came down, the payoff to greed went up, and outweighed the former fear of opprobrium.

Now suppose that a bit of that old reluctance to be quite as hard on one’s workers as one might remains. And add in the growing evidence that many employers have substantial monopsony power – that is, they aren’t facing a competitive labor market, but instead have quite a lot of ability to set wages.

In this case, cutting corporate tax rates could actually have a perverse effect. Squeezing workers even harder than you already are raises pre-tax profits, but you might be reluctant to do it – and the price of your qualms is less if a substantial part of any profit gain goes to the IRS. Reduce that marginal tax rate, and exploiting workers to the max becomes a more attractive strategy.

I don’t really think this is an important effect. But if you believe that corporations are going to share the benefits of tax cuts with workers out of the goodness of their hearts, you have to acknowledge that the price of a good heart has actually gotten higher, not lower, thanks to these tax cuts – because as conservatives like to remind us, it’s the marginal rate that matters.

So are workers going to benefit a lot from these tax cuts? There was never a very good reason to think they would, and early indications are even less favorable than the critics expected.

 

I tagli alle tasse e il ritorno sui salari (leggermente per esperti)

Di Paul Krugman

Attenzione, lo fanno nuovamente. Dopo che i repubblicani hanno imposto con forza i loro grandi tagli alle tasse, c’è una fioritura di racconti su società che usano gli sgravi fiscali per dare ai loro lavoratori delle gratifiche. Non hanno imparato niente, i media, dalla debacle della Carrier? Dopo tutto, le società hanno tutti gli incentivi per ingraziarsi i favori di una Amministrazione in carica, attribuendo alle gloriose politiche del Caro Leader cose graziose che avrebbero fatto in ogni modo. Nel contesto di mercati del lavoro che si restringono, una grande quantità di imprese sta cercando di attrarre o di mantenere lavoratori, offrendo un po’ di soldi; perché non usare l’occasione per pubblicizzare qualcosa che aumenta i vostri profitti dopo le tasse?

In ogni modo, adesso abbiamo sufficienti informazioni per cominciare a stabilire l’impatto effettivo dei tagli alle tasse. No, non stanno andando nei salari; cosa che in ogni caso non avreste dovuto nemmeno aspettarvi nel breve periodo. C’è di più: non stiamo neppure osservando il genere di risposta che comporterebbe un aumento dei salari nel lungo periodo. Ed è persino possibile, come spiegherò, che i tagli alle tasse potrebbero ridurre i salari.

 

1 . La teoria in questione degli ottimisti

Quale era la teoria in questione per coloro che credevano, o almeno sostenevano di credere, che un taglio alle tasse delle società si sarebbe trasferito ai salari? Il racconto, come riferito da persone come Kevin Hasset o dalla Tax Foundation, era che: a) i mercati per i beni e per il lavoro sono prossimi alla perfetta competitività; b) l’America è parte di un mercato globale dei capitali che più o meno uniforma i tassi di rendimento dopo le tasse. L’idea è dunque stata che riducendo l’aliquota fiscale sui profitti delle società, l’America avrebbe attratto flussi di capitali dal resto del mondo. Crescenti riserve di capitali avrebbero abbassato i rendimenti prima delle tasse e, incrementando la competizione per il lavoro, avrebbero spinto in alto i salari. Nel lungo termine, essi sostenevano, tutti i benefici sarebbero andati ai lavoratori.

Ci sono vari motivi per non credere a questo racconto. Una ragione è che gli Stati Uniti, se non altro per la loro semplice dimensione, non sono di fronte ad una offerta di capitali dal resto del mondo perfettamente elastica; persino nel lungo periodo, ci si aspetterebbe che un taglio alle tasse alzi i profitti dopo le tasse. Un’altra è che non siamo affatto prossimi ad una competizione perfetta: molti profitti delle società rappresentano una qualche forma di rendita di monopolio, e non ci sono ragioni per aspettarsi che i flussi dei capitali si portino via queste rendite.

E persino se ci fosse qualche verità nell’argomento degli ottimisti, esso riguarderebbe il lungo termine. Nel breve periodo, prima che ci sia stato il tempo per un importante mutamento nelle riserve di capitale, non dovremmo aspettarci di vedere alcun aumento dei salari.

Il solo modo nel quale si potrebbe osservare qualche immediato vantaggio per i salari sarebbe se si avverassero due condizioni: che le società non operino in un contesto fortemente competitivo – che abbiano una qualche libertà nel fissare i salari – e che abbiano un qualche interesse, oltre quello della massimizzazione dei profitti, nel mantenere felici i lavoratori, sia che lo facciano per bontà d’animo o perché ai gruppi dirigenti non fa piacere essere odiati.

Non voglio completamente ignorare questa possibilità. Un tempo, quando avevamo sindacati potenti e le società come la General Motors ritenevano di avere molteplici “portatori di interessi” e di non ridursi alla semplice massimizzazione dei profitti, ci si sarebbe potuti immaginare che le società condividessero una parte di una manna fiscale con i lavoratori. E ci potrebbe essere una minuscola briciola di quella mentalità in funzione anche oggi – ma, come spiegherò brevemente, questo non potrebbe avere le implicazioni che si immaginano.

2 . I tagli alle tasse sino a questo punto

Dopo essersi inizialmente fatti ingannare dalla sciocca storia delle gratifiche, le agenzie dell’informazione si sono in gran parte rimesse in pari con la realtà: i tagli alle tasse non sono stati trasferiti ai lavoratori. Principalmente sono stati utilizzati per riacquistare azioni.

I mancati immediati aumenti dei salari non sono apparsi sorprendenti. È accaduto quello che persino i sostenitori dei tagli fiscali avrebbero potuto prevedere, se avessero seguito la logica delle loro stesse analisi.

Il fatto che abbiano prevalso i riacquisti di azioni, tuttavia, è un’altra storia. La tesi a favore dei tagli alle tasse non aveva previsto una crescita nel breve periodo dei salari, ma aveva previsto una grande crescita degli investimenti, finanziata dai flussi dei capitali – non semplici riciclaggi dei tagli fiscali agli investitori.

Sino a questo punto, tuttavia, come mette in evidenza Dean Baker, non c’è alcun segno di un boom degli investimenti. Gli ordinativi per i beni capitali non salgono, la crescita effettiva della spesa per investimenti non sembra crescere in alcun modo più velocemente che in precedenza, le intenzioni di investimento non hanno avuto impennate. Quello che questo comporta è che il processo che si supponeva conducesse ad un rialzo dei salari nel lungo periodo non sta avvenendo, o almeno non ancora.

Un altro indicatore: se i tagli alle tasse stessero portando realmente a grandi flussi in ingresso di capitali, ciò dovrebbe comportare un rialzo del dollaro. In realtà, il dollaro è più debole di quanto non fosse prima degli sgravi fiscali:

zz 506

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dunque, quale è il racconto che sembra emergere dai primi dati? Ebbene, è coerente con il punto di vista secondo il quale i profitti delle società includono una ampia componente di rendite monopolistiche. In tale narrazione, se date alle società un grande sconto fiscale, esse non investono di più, non si contendono i lavoratori, o cose del genere. Semplicemente intascano i soldi e li usano, che è quanto sembra stiamo osservando.

 

  1. I tagli alle tasse possono effettivamente ridurre i salari?

Fatemi terminare con una possibilità alla quale non ho visto fare riferimento: i tagli alle tasse potrebbero effettivamente fornire alle società un incentivo a ridurre i salari. Che cosa? Consentitemi di spiegarlo.

C’è un’ampia letteratura che cerca di spiegare perché i compensi ai dirigenti delle società siano talmente cresciuti dagli anni ’60 agli anni ’90. Una ipotesi, così come esposta ad esempio da Piketty, Saez e Stantcheva, è che gli amministratori delegati erano soliti pagarsi meno di quello che avrebbero potuto come un modo per “riappacificarsi” con i lavoratori, con i clienti etc.. Ed una ragione per questa autoriduzione era che, considerate le elevate aliquote fiscali marginali, i dirigenti che strappavano quantitativi di compensi molto elevati, non avrebbero ottenuto di tenersi comunque molti soldi.

Il punto è che quando le aliquote fiscali sono diminuite, il vantaggio dell’essere avidi è cresciuto, ed ha surclassato il precedente timore di doversi vergognare.

Ora, supponiamo che rimanga un po’ di quella vecchia riluttanza ad essere davvero troppo duri con i propri lavoratori. E si aggiungano le prove crescenti per le quali molti datori di lavoro hanno un sostanziale potere di monopsonio [1] – cioè, non si stanno misurando con un mercato del lavoro competitivo, ma hanno invece grandi possibilità di stabilire i salari.

In questo caso, tagliare le aliquote fiscali delle società potrebbe avere effetti perversi. Strizzare i lavoratori anche più duramente di prima accresce i profitti prima delle tasse, ma potreste essere riluttanti a farlo – e il prezzo dei vostri scrupoli è minore se una parte sostanziale dell’aumento dei profitti va alla Agenzia delle Entrate. Ridurre quella aliquota fiscale marginale e sfruttare i lavoratori al massimo diventa una strategia più attraente.

Non penso che si tratti realmente di un effetto importante. Ma se credete che le società siano in procinto di condividere i benefici dei tagli delle tasse con i lavoratori per la bontà dei lori cuori, dovete riconoscere che il prezzo di un buon cuore è effettivamente diventato più alto, non è diminuito, grazie a quei tagli fiscali – perché come i conservatori sono soliti ricordarci, è l’aliquota marginale che conta.

Dunque, i lavoratori sono destinati a trarre molti benefici da questi tagli alle tasse? Non c’è mai stata una buona ragione per crederlo, ma tutte le indicazioni sono persino meno favorevoli di quanto i critici non si aspettassero.

 

 

 

 

[1] Il termine monopsonio designa una particolare forma di mercato caratterizzata dalla presenza di un solo acquirente a fronte di una pluralità di venditori. Il monopsonista dà origine a una situazione speculare a quella del monopolista. Può decidere se e in quali quantità acquistare il prodotto o il servizio di cui è l’unico acquirente. Una volta fissata la quantità necessaria, fissa il prezzo in modo da massimizzare la propria funzione di profitto, dando vita a una materializzazione di prezzi diversa da quella che si verificherebbe in condizioni di concorrenza perfetta. (Wikipedia)

 

 

 

 

 

 

Commercio e città (per esperti), (dal blog di Paul Krugman, 24 marzo 2018)

marzo 26, 2018

 

Trade and the Cities (Wonkish)

Paul Krugman MARCH 24, 2018

zz 437

Bad policies sometimes lead to interesting economics. For example, the disastrous turn toward austerity after 2009 was a kind of natural experiment that led to an upwelling of good work on the effects of fiscal policy.

And I’m starting to think that the Trumpian trade war, which finally seems to have arrived, will lead to some good work on international economic policy. Like the work on fiscal policy, it will of course be ignored by people in power. But still worth doing.

In this little essay I’m going to offer some analysis and a few numbers based on a chain of thought that begins with Trump’s evident disdain for Japan and ends up in Atlanta, New Orleans, and Buffalo. What? Bear with me if you have a taste for things wonkish.

My starting point is a peculiar aspect of Trump’s climb-down on steel tariffs. The ostensible justification for these tariffs was national security; but as was widely noted from the start – although this probably came as news to the Trumpies – most U.S. steel imports come from American allies. And now Trump has granted exemptions to allies that largely vitiate the supposed point of the exercise.

One country that has conspicuously not been granted an exemption, however, is Japan. Why not?

One answer may be that the Japanese aren’t, you know, white.

Another answer may be that Trump, who often seems to have fixed ideas about the world that are long out of date – like his belief that American cities are gripped by a huge crime wave – is still living in the Michael Crichton era when Japan was going to take over the world any day now.

Yet a third answer may be that the U.S. does run a trade deficit with Japan – actually even bigger than the headline number if you include Japanese components embedded in Chinese exports – and Trump believes that (a) a trade deficit means that you’re losing while someone else is winning and (b) trade balances are determined by protectionism.

Both propositions are, of course, untrue. In reality, trade balances are the flip side of capital flows: countries that attract more inflows of foreign capital than their own outflows must, by the sheer arithmetic, run current account deficits (that is, including investment income). Conversely, countries that are exporters of capital run current account surpluses.

And modern Japan is a country that really should be running current account surpluses, for one powerful reason: demography. Japan has a rapidly declining working age population:

zz 503

 

 

 

 

 

 

 

 

This means limited opportunities for investment, which means that it’s a country that should be investing its savings abroad.

But the claim that trade surpluses often reflect weakness, while trade deficits reflect strength, is a very hard sell. And demographic drivers of trade imbalances are usually a lot less clear than this.

This, however, got me thinking: what about regions within the United States? We have sharply different growth rates across metropolitan areas, mainly driven by in- or out-migration. There are no protectionist barriers to muddy the picture, and capital is surely highly mobile within the country.

Unfortunately, we don’t have comprehensive regional balance of payments data. Thanks to researchers at Brookings, however, we do now have a lot of information on the exports and imports of metropolitan areas – exports and imports to and from other parts of the U.S. as well as the rest of the world. I’m not sure how safe it is to use these data to estimate trade balances, but let me take a stab at it.

These data only cover goods; they don’t cover either services or income transfers like, say, Social Security receipts, which as we’ll see in a second can make a big difference. So I don’t think I can run any regressions here. But I still think looking at metropolitan trade balances can be enlightening.

So let’s look at the metros with the biggest goods trade deficits and surpluses.

First, the biggest deficits (data for 2010, in billions of dollars):

Washington: -$86 billion

Miami: -$68 billion

San Francisco: -$41 billion

Atlanta: -$35 billion

Baltimore: -$33 billion

OK, Washington runs a huge deficit in goods; basically, what it exports is garbage. No, literally: waste is the only product in which it runs a surplus. But this goods deficit is presumably offset by services, both the federal budget and stuff like payments to K Street lobbyists. My guess is that Baltimore has some of the same stuff.

Miami, meanwhile, is selling warm weather to senior citizens, who live largely off Social Security and Medicare.

The big deficit surprise here to someone with a Trumpist view of trade balances would surely be Atlanta, which has been one of our fastest-growing metropolitan areas: a 24 percent increase in population between 2000 and 2010. And we’re talking about a big deficit – about 13 percent of metro GDP. What’s that about?

The answer, surely, is that the deficit is a reflection of Atlanta’s growth: we’re talking about building lots of housing, office parks, and so on, and much of that is financed by capital inflows from the rest of the country.

Next, the biggest surpluses:

Los Angeles: +$63 billion

Memphis: +$29 billion

Greensboro: +$18 billion

Corpus Christi: +$18 billion

New Orleans: +$15 billion

Los Angeles is a very big metropolitan area, but also one whose growth has slowed a lot: it has run out of land, and zoning restrictions have kept it from building up. So its population rose only 3.7 percent from 2000 to 2010. As a result, it has probably become a big exporter of excess savings, hence a city with big trade surpluses, around 9 percent of GDP (probably even bigger if we had data on services).

I haven’t done enough homework to know what’s going on in the middle three here. But did you know that New Orleans runs huge trade surpluses? And I mean huge: almost 20 percent of GDP in 2010.

Now, I don’t think many people would consider New Orleans an economic winner. In fact, its population declined 11 percent from 2000 to 2010, partly because of Katrina, but also because of wider problems. And that very decline means that savings generated in New Orleans go elsewhere in search of returns.

You can see the same thing in smaller cities with declining populations. Buffalo-Niagara Falls saw a 3 percent population decline in the 2000s; in 2010 it ran a trade surplus of 22 percent of GDP.

And what about the Big Apple? Greater New York ran a small goods trade deficit – 1.6 percent of GDP – in 2010, but thanks to the financial industry surely ran a huge surplus in services. (Remember, this is the metro area, not just New York, so there are plenty of goods exports from, say, the pharma complex in New Jersey.) So it’s a big surplus economy overall – not because it’s growing fast, but because despite immigration its overall population is growing slowly.

So to sum things up: within the United States we have large regional trade imbalances that don’t reflect “unfair” trade policies, because interstate trade is totally free. And running trade surpluses isn’t a sign of success, nor is running deficits a sign of failure. If anything, much of the time it’s the reverse: fast-growing regions run deficits, stagnating regions run surpluses.

The same principles apply at the international level. And I’m sure experts in the Trump administration will explain to the president why his view of such things is all wrong. Oh, wait.

 

Commercio e città (per esperti)

Di Paul Krugman

Le cattive politiche talvolta conducono a interessanti economie. Ad esempio, la disastrosa svolta verso l’austerità del 2009 fu una sorta di esperimento naturale che fece produrre un bel po’ di buone ricerche, quanto agli effetti sulla politica della finanza pubblica.

E sto cominciando a pensare che la guerra commerciale di Trump, che alla fine sembra arrivata, porterà a qualche buon risultato sulla politica economica internazionale. Come quelli sulla politica della finanza pubblica, saranno naturalmente ignorati da coloro che sono al potere. Ma saranno tuttavia meritevoli di esser stati realizzati.

In questo piccolo saggio ho intenzione di offrire una certa analisi e alcuni dati basati su una catena di pensieri che parte dall’evidente disprezzo di Trump per il Giappone e termina ad Atlanta, New Orleans e Buffalo. Come? Seguitemi con un po’ di pazienza se avete il gusto delle cose complicate.

Il mio punto di partenza è un aspetto peculiare del dietro-front di Trump sulle tariffe dell’acciaio. La giustificazione offerta per queste tariffe era stata la sicurezza nazionale; ma, come si è notato generalmente dall’inizio – sebbene questa probabilmente sarà una novità per i seguaci di Trump – la maggioranza delle importazioni di acciaio arriva dagli alleati degli americani.  E adesso Trump ha garantito esenzioni per gli alleati che in gran parte viziano la supposta logica dell’esperimento.

Un paese al quale significativamente non sono state garantite eccezioni, tuttavia, è il Giappone. Perché no?

Una risposta potrebbe essere che i giapponesi non sono, come ben comprendete, bianchi.

Un’altra risposta potrebbe essere che Trump, che spesso sembra aver idee fisse di lunga data sul mondo – quali il suo convincimento che le città americane siano colpite da una vasta ondata di crimini – stia ancora vivendo nell’epoca di Michael Crichton, quando il Giappone pareva destinato di lì a poco ad impossessarsi del mondo.

Tuttavia una terza risposta potrebbe essere che gli Stati Uniti in effetti hanno un deficit commerciale con il Giappone – in effetti persino maggiore di quello che appare dai numeri sui titoli dei giornali, se si includono le componenti giapponesi incorporate nelle esportazioni cinesi – e Trump ritiene: a) che un deficit commerciale significa che si sta perdendo e stanno vincendo gli altri; b) che le bilance commerciali siano determinate dal protezionismo.

Entrambi i concetti sono evidentemente falsi. In realtà, gli equilibri commerciali sono l’altra faccia della medaglia dei flussi di capitale: paesi che attraggono maggiori flussi di capitali stranieri rispetto ai loro flussi in uscita debbono, per mera aritmetica, gestire deficit di conto corrente (cioè, inclusivi dei redditi da investimenti). Di converso, paesi che sono esportatori di capitali realizzano avanzi di conto corrente.

E il Giappone moderno è realmente un paese che dovrebbe avere avanzi di conto corrente, per una ragione potente: la demografia. Il Giappone ha una popolazione in età lavorativa che sta rapidamente diminuendo:

zz 503

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo comporta limitate opportunità di investimenti, il che significa che è un paese che dovrebbe star investendo i suoi risparmi all’estero.

Ma l’argomento secondo il quale gli avanzi commerciali spesso riflettono una debolezza, mentre i deficit commerciali riflettono un punto di forza, è assai difficile che sia persuasivo. E i fattori demografici degli squilibri commerciali sono normalmente molto meno chiari.

Questo, tuttavia, mi porta ad una riflessione: che dire delle regioni all’interno degli Stati Uniti? Abbiamo tassi di crescita all’interno delle aree metropolitane, principalmente determinati dai flussi migratori in entrata ed in uscita. Non ci sono barriere protezionistiche che possono confondere il quadro, e il capitale è sicuramente assai mobile all’interno del paese.

Sfortunatamente, non abbiamo dati esaurienti sulla bilancia dei pagamenti regionale. Grazie a ricercatori del Brookings, tuttavia, adesso abbiamo un gran quantità di informazioni sulle esportazioni e le importazioni delle aree metropolitane – esportazioni e importazioni verso e dalle altre parti degli Stati Uniti, come per il resto del mondo. Non sono certo quanto sia sicuro utilizzare questi dati per una stima degli equilibri commerciali, ma consentitemi di fare un tentativo.

Questi dati coprono soltanto i beni; non coprono né i servizi né i trasferimenti quali, ad esempio, i pagamenti della Previdenza Sociale, che come vedremo tra un attimo possono fare una grande differenza. Non penso, dunque, di poter utilizzare qualsiasi analisi di regressione [1].  Ma penso comunque che osservare gli equilibri commerciali metropolitani possa essere illuminante.

Guardiamo dunque le aree metropolitane con i più grandi deficit ed avanzi commerciali dei beni.

Partiamo dai deficit (dati del 2010, in miliardi di dollari):

 

Washington: -86 miliardi di dollari

Miami: -68 miliardi di dollari

San Francisco: -41 miliardi di dollari

Atlanta: -35 miliardi di dollari

Baltimora: -33 miliardi di dollari.

Come si vede, Washington ha un grande deficit di beni; fondamentalmente le sue esportazioni sono i rifiuti. Proprio alla lettera: i rifiuti sono il solo prodotto nel quale gestisce un avanzo. Ma questo deficit di beni è presumibilmente bilanciato dai servizi, sia il bilancio federale che cose come i compensi ai lobbisti di K Street [2].La mia impressione è che Baltimora abbia lo stesso genere di cose.

Nel frattempo, Miami vende aria calda ai cittadini più anziani, che vivono ampiamente di Previdenza Sociale e di Medicare.

In questo caso, la sorpresa del grande deficit, per qualcuno con un punto di vista trumpiano sulle bilance commerciali, sarà sicuramente Atlanta, che è stata una delle nostre aree metropolitane a maggiore crescita: un incremento del 24 per cento della popolazione tra il 2000 e il 2010. E stiamo parlando di grande deficit – circa il 13 per cento del PIL dell’area metropolitana. Di che si tratta?

La risposta, sicuramente, è che il deficit è un riflesso della crescita di Atlanta: stiamo parlando di costruire una gran quantità di alloggi, di aree commerciali, e così via, e molto di ciò viene finanziato da flussi di capitali dal resto del paese.

A seguire, i più grandi surplus:

Los Angeles: +63 miliardi di dollari

Memphis: +29 miliardi di dollari

Greensboro: +18 miliardi di dollari

Corpus Christi: +18 miliardi di dollari

New Orleans: +15 miliardi di dollari

Los Angeles è un’area metropolitana molto grande, ma anche una la cui crescita è molto rallentata: ha esaurito il suo territorio e le restrizioni della pianificazione urbanistica le hanno impedito di crescere verso l’alto. Così la sua popolazione è cresciuta soltanto del 3,7 per cento dal 2000 al 2010. Di conseguenza, è probabilmente diventata un grande esportatore di risparmi in eccesso, dunque una città con grandi surplus commerciali, attorno al 9 per cento del PIL (probabilmente persino maggiori, se avessimo i dati sui servizi).

Non ho fatto sufficienti compiti per sapere cosa sta succedendo, a questo proposito, nei tre casi intermedi. Ma voi sapevate che New Orleans ha enormi avanzi commerciali? E intendo veramente grandi: nel 2010 quasi il 20 per cento del PIL.

Ora, io non penso che molte persone considererebbero New Orleans un vincente, in termini economici. Di fatto, la sua popolazione è calata dell’11 per cento dal 2000 al 2010, in parte a causa dell’uragano Katrina, ma anche per problemi più generali. E quel calo effettivo significa che i risparmi generati in New Orleans vanno altrove in cerca di rendimenti.

Potete osservare la stessa situazione in città più piccole con popolazioni in calo. Buffalo e le Cascate del Niagara hanno conosciuto, durante gli anni 2000, un calo della popolazione del 3 per cento; nel 2010 gestiva un avanzo commerciale del 22 per cento del PIL.

E che dire della Grande Mela? La New York metropolitana nel 2010 realizzava un piccolo deficit commerciale di beni – l’1,6 per cento del PIL – ma grazie al settore finanziario essa certamente realizza un ampio surplus nei servizi (si tenga a mente, che stiamo parlando dell’area metropolitana, non solo di New York, dunque c’è una gran quantità di beni in esportazione, ad esempio, il complesso farmaceutico del New Jersey). In questo modo ha una grande economia in surplus – non perché stia crescendo rapidamente, ma perché, nonostante l’immigrazione, la sua popolazione complessiva sta crescendo lentamente.

Dunque, sommando tutte le cose: all’interno degli Stati Uniti abbiamo ampi squilibri commerciali che non riflettono politiche commerciali “ingiuste”, giacché il commercio tra gli Stati è completamente libero. E realizzare surplus commerciali non è un segno di successo, come realizzare deficit non è un segno di fallimento. Semmai, nella maggioranza dei casi funziona al contrario: le regioni a rapida crescita gestiscono deficit, quelle stagnanti gestiscono surplus.

Gli stessi principi si applicano al livello internazionale. E sono certo che gli esperti nella Amministrazione Trump spiegheranno al Presidente perché il suo punto di vista su tali faccende è completamente sbagliato. Ma aspettiamo, non è detto.

 

 

 

 

 

[1] L’analisi della regressione è una tecnica usata per analizzare una serie di dati che consistono in una variabile dipendente e una o più variabili indipendenti. Lo scopo è stimare un’eventuale relazione funzionale esistente tra la variabile dipendente e le variabili indipendenti.

[2] K Street è la strada di Washington nella quale sono concentrati gli uffici delle lobby. 

zz 504

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La macroeconomia della Guerra Commerciale (dal blog di Paul Krugman, 3 marzo 2018)

marzo 5, 2018

 

The Macroeconomics of Trade War

Paul Krugman MARCH 3, 2018

 

Will Trump back down from his urge to start a trade war? Nobody knows; the thing is, he’s been an ignorant trade hawk for decades, he’s feeling beleaguered on many fronts, and word is that his doctor has told him to eat fewer burgers. So there’s surely a lot of pent-up rage that he’s all too likely to take out on the world trading system, especially when he tweets stuff like this:

zz 498

 

 

 

Donald J. Trump

✔@realDonaldTrump

The United States has an $800 Billion Dollar Yearly Trade
Deficit because of our “very stupid” trade deals and policies.
Our jobs and wealth are being given to other countries that
have taken advantage of us for years. They laugh at what
fools our leaders have been. No more!
6:43 PM – Mar 3, 2018

 

So it’s worth asking what would happen if Trump really did try to close the trade gap – it’s actually $500 billion, not $800 billion, but who’s counting – by imposing tariffs.

The trade gap is currently running a bit shy of 3 percent of GDP, while imports are 15 percent of GDP:

zz 496

 

 

 

 

 

 

 

 

If the price elasticity of import demand is around 1, which is a typical estimate for the short-to-medium run, a 20 percent across the board tariff might, other things equal, be enough to close the gap. But other things would very much not be equal.

Leave aside the issue of foreign retaliation/emulation, although that would be a very big deal in practice. Assume instead that the U.S. gets away with it, with no foreign response. Even so, this wouldn’t work out the way Trump imagines.

You see, diverting demand equal to 3 percent of GDP from foreign to domestic products would not increase US output by 3 percent relative to what it would have been otherwise, let alone the 4.5 percent you’d expect if there’s a multiplier effect. Why? Because the US is close to full employment. Maybe – maybe – we have another half-point of unemployment to go. But a 3 percent rise in output relative to trend would reduce unemployment about 3 times that much, 1.5 percentage points. And that just isn’t going to happen.

What would happen instead is that the Fed would raise rates sharply to head off inflationary pressures (especially because a 20 percent tariff would directly raise prices by something like 3 percent.) The rise in interest rates would have two big effects. First, it would squeeze interest-sensitive sectors: Trump’s friends in real estate would become very, very unhappy, as would anyone who is highly leveraged (hello, Jared.)

Second, it would drive up the dollar, inflicting severe harm on U.S. export sectors. Greetings, farmers of Iowa!

So protectionism wouldn’t do very much to reduce the trade deficit, even if other countries didn’t retaliate, and would inflict a lot of pain across the economy. And that’s without getting into the dislocations caused by disruption of supply chains.

Add in the fact that other countries would retaliate – they’re already drawing up their target lists – and the fact that we’d be alienating key allies, and you have a truly terrible, dumb policy idea. Which makes it quite likely, as I see it, that Trump will indeed follow through.

 

 

La macroeconomia della Guerra Commerciale,

di Paul Krugman

Tornerà indietro, Trump, dal suo desiderio di cominciare una guerra commerciale? Non lo sa nessuno; il punto è che è stato per decenni un falco ignorante, si sente assillato su molti fronti, e si dice che il dottore gli abbia detto di mangiare meno hamburger. Dunque, certamente deve avere un bel po’ di rabbia repressa che molto probabilmente intende scaricare sul sistema del commercio mondiale, specialmente quando twitta cose come questa:

zz 498

 

 

 

Donald J. Trump

✔@realDonaldTrump

Gli Stati Uniti hanno un deficit commerciale annuale di 800 miliardi di dollari per i nostri “stupidissimi” accordi e le nostre politiche. I nostri posti di lavoro e la nostra ricchezza sono stati regalati agli altri paesi che si sono avvantaggiati a nostro danno per anni. Loro se la ridono per quanto sono stati sciocchi i nostri leader. Ora basta!

3 marzo 2018, ore 18,43

 

Dunque è il caso di chiedersi cosa accadrebbe se Trump effettivamente cercasse di chiudere il divario sul commercio – esso è attualmente di 500 miliardi di dollari, non di 800 miliardi, ma chi li sta a contare – imponendo tariffe.

Il divario commerciale sta attualmente procedendo un po’ al di sotto del 3 per cento del PIL, mentre le importazioni sono il 15 per cento del PIL:

zz 496

 

 

 

 

 

 

 

 

Se l’elasticità della domanda di importazioni è attorno all’1 per cento, che è una stima consueta per un periodo temporale da breve a medio, un 20 per cento al di sopra della tariffa di imbarco, a parità di tutto il resto, sarebbe sufficiente a chiudere il divario. Ma tutto il resto non resterebbe affatto fermo.

Lasciamo da parte il tema delle ritorsioni o dell’emulazione straniera, sebbene in pratica quello sarebbe una faccenda molto grossa. Supponiamo invece che gli Stati Uniti, quanto a quello, se la cavino senza alcuna reazione straniera. Persino in questo caso, le cose non andrebbero come Trump si immagina.

Vedete, spostando una domanda pari al 3 per cento del PIL dai prodotti stranieri a quelli nazionali non aumenterebbe la produzione degli Stati Uniti del 3 per cento in rapporto a quella che si sarebbe avuta altrimenti, non considerando il 4,5 per cento che ci si aspetterebbe se c’è un effetto di moltiplicatore. Perché? Perché gli Stati Uniti sono vicini alla piena occupazione. Forse – solo forse – avremo ancora un mezzo punto di disoccupazione da superare. Ma una crescita del 3 per cento della produzione in rapporto alla tendenza ridurrebbe la disoccupazione di circa tre volte tanto, 1,5 punti percentuali. E quello non è destinato a succedere.

Quello che accadrebbe, invece, è che la Fed alzerebbe bruscamente i tassi per dirottare pressioni inflazionistiche (in particolare perché una tariffa del 20 per cento aumenterebbe direttamente i prezzi di circa il 3 per cento). L’aumento dei tassi di interesse provocherebbe due grandi effetti. Il primo, spremerebbe i settori sensibili agli interessi: gli amici di Trump nel settore immobiliare, come qualcuno che ha un rapporto di indebitamento elevato (salve, Jared [1]!), diventerebbero davvero scontenti.

Il secondo, spingerebbe in alto il dollaro, infliggendo un danno grave ai settori dell’export statunitense. Saluti a voi, coltivatori dell’Iowa!

Dunque, il protezionismo farebbe davvero poco per ridurre il deficit commerciale, neppure se gli altri paesi non ricorressero a ritorsioni, e provocherebbe molta sofferenza all’economia. E questo senza mettere nel conto le alterazioni provocate dallo sconvolgimento della catena dell’offerta.

Si aggiunga a questo il fatto che altri paesi ricorrerebbero a ritorsioni – stanno già redigendo le loro liste di obbiettivi – nonché il fatto che ci alieneremmo alleati fondamentali, e si ha un’idea davvero terribile di questa politica stupida. Il che rende abbastanza probabile, per come la vedo io, che Trump in effetti la porterà a termine.

 

 

 

 

 

[1] Il riferimento è al genero di Trump.

 

 

 

 

 

Gratifiche e prese per i fondelli, (dal blog di Paul Krugman, 27 novembre 2018)

febbraio 28, 2018

 

Bonuses and Bogosity

Paul Krugman FEB. 27, 2018

zz 437

On Feb. 19 Walmart, America’s largest employer, announced broad-based pay hikes. In fact, it announced that it would be raising wages for half a million workers. The Trump tax cut is working!

Oh, wait. That announcement was three years ago – it came on Feb. 19, 2015. And as far as I can tell, nobody gave the Obama administration credit for the move.

Why did Walmart raise wages? Partly because the labor market was tightening: unemployment had fallen more than 40 percent from its peak in 2009 (a decline for which the Obama administration’s stimulus and other policies actually do deserve some credit.) This tightening labor market meant that Walmart was having trouble attracting workers.

Walmart was also in the midst of a change in business strategy. Its policy of always low wages, always, was starting to look problematic: low pay meant high turnover and low morale, and management believed that moving at least partway to the Costco strategy of paying more and getting better performance as a result made sense.

The moral of this story is that unless the economy is deeply depressed, there will always be some companies, somewhere, raising wages and offering bonuses. Which brings me to the Trump tax cut and the very bad, no good job much of the media initially did of covering its effects.

Every card-carrying economist agrees that cutting corporate tax rates will have some trickle-down effect on wages – in the long run. How much of a trickle-down effect depends on a bunch of technical factors: what share of corporate profits represents monopoly rents rather than returns to capital, how responsive inflows of foreign capital are to the U.S. rate of return, what share of the capital stock is even affected by the corporate tax rate. Enthusiasts claim that the tax cut will eventually go 100% to workers; most serious modelers think the number is more like 20 or 25 percent.

Whatever the number, however, it’s about the long run. It requires a chain of events: lower taxes -> higher investment -> higher stock of capital -> higher demand for labor -> higher wages. And this chain of events should take a number of years, probably decades, to fully work itself through. Even in the most favorable analyses, there is no reason to expect any wage gains in the first few months after a tax cut.

Yet for a while there the news was full of stories about companies announcing that they were giving their workers bonuses thanks to the Trump tax cut. Why were they doing this?

Well, the tax cut provided no immediate incentive to raise wages. It did, however, give companies that benefited from the tax cut a strong political incentive to claim that the tax break was the reason for bonuses or wage hikes they would have given in any case. Why not? They want the tax cut to look good, since it’s good for them. And hyping its benefits is a cheap way to make a de facto campaign contribution to an administration that can do a lot to help companies it likes, say by removing pesky safety or environmental regulations.

In other words, the whole “bonuses thanks to tax cut” story was bogus, and obviously so. Yet much of the media fell for it.

There was also a big element of innumeracy involved. Most people have no idea just how big the U.S. economy is; if you say “company X just hired 1000 workers” or “company Y just gave 5000 workers a $1000 bonus” they imagine that these are big stories, when in reality they’re just noise in an economy where around 5 million workers are hired – and an almost equal number quit or are fired – every month.

The numbers we have so far show that the much-hyped bonuses are trivial– less than $6 billion, or 0.03% of GDP – while stock buybacks have been more than $170 billion. And many of those bonuses would probably have happened anyway, whereas stock buybacks are running far above historical levels.

Furthermore, the surge in stock buybacks suggests that the long run effect of the tax cut on wages will be small. Remember that the chain that should lead to trickle-down begins with lower taxes -> higher investment. If companies use the cuts to buy back stocks, not add to plant and equipment, the wage-growth story doesn’t even get started.

So the real news about the tax cut is that it is – I know you’ll be shocked – mainly a giveaway to corporations. Who could have predicted?

 

Gratifiche e prese per i fondelli,

di Paul Krugman

Il 19 febbraio Walmart, il più grande datore di lavoro in America, ha annunciato aumenti di salario generalizzati. Di fatto, ha annunciato che starebbe per elevare i salari per mezzo milione di lavoratori. I tagli alle tasse di Trump stanno funzionando!

Un momento. Quell’annuncio venne tre anni fa – il 19 febbraio 2015. E per quanto mi ricordi, nessuno diede merito alla Amministrazione Obama per quell’iniziativa.

Perché la Walmart alzò i salari? In parte perché il mercato del lavoro si stava restringendo: la disoccupazione era calata di più del 40 per cento dal suo picco nel 2009 (un declino per il quale lo stimolo ed altre politiche della Amministrazione Obama meritano effettivamente un po’ di credito). Quel mercato del lavoro che si restringeva comportava che la Walmart stava avendo qualche problema ad attrarre lavoratori.

Walmart era anche nel mezzo di un cambiamento della strategia economica. La sua politica di bassi salari, sempre e senza eccezioni, cominciava ad apparire problematica: paghe basse comportano elevato turnover e scarse motivazioni, e il gruppo dirigente credeva che indirizzarsi almeno parzialmente verso la strategia della Costco, pagare di più e ottenere di conseguenza migliori prestazioni, avesse senso.

La morale di questa storia è che, a meno che l’economia non sia profondamente depressa, ci saranno sempre alcune società, da qualche parte, che alzano i salari e offrono gratifiche. La qual cosa mi porta al taglio delle tasse di Trump e al lavoro molto scadente che i media fecero agli inizi nel dar notizia dei suoi effetti.

Ogni economista patentato concorda che il taglio delle aliquote fiscali delle società comporterà un po’ di effetti a cascata sui salari – nel lungo periodo. Quanto effetto a cascata dipende da un mucchio di fattori tecnici: quale quota di profitti rappresentino le rendite di monopolio piuttosto che i rendimenti del capitale, quanto i flussi di capitali stranieri siano reattivi al tasso di rendimento degli Stati Uniti, persino quale quota delle riserve di capitale sia influenzata dalla aliquota fiscale delle società. La tesi degli entusiasti è che alla fine il taglio delle tasse andrà al 100% ai lavoratori; modellatori più seri stimano che il dato più probabile sia un 20 o 25 per cento.

Qualsiasi sia il numero, tuttavia, esso riguarda il lungo periodo. Richiede una catena di eventi: tasse più basse > investimenti più elevati > riserve di capitale maggiori > più elevata domanda di lavoro > salari più alti. E questa catena di eventi dovrebbe richiedere un certo numero di anni, probabilmente decenni, per entrare essa stessa pienamente in funzione. Persino nelle analisi più favorevoli, non c’è nessuna ragione di aspettarsi alcun vantaggio salariale nei primi mesi successivi ad un taglio delle tasse.

Tuttavia per un certo periodo i notiziari erano pieni di racconti sulle società che annunciavano che, grazie al taglio delle tasse di Trump, stavano per dare gratifiche ai loro lavoratori. Perché lo facevano?

Ebbene, lo sgravio fiscale non forniva alcun incentivo immediato per elevare i compensi. Tuttavia, dava alle società che ne beneficiavano un forte incentivo politico per sostenere che gli sgravi fiscali erano la ragione delle gratifiche o degli aumenti di salario che avrebbero deciso in ogni caso. Perché no? Volevano che i tagli alle tasse apparissero una buona cosa, dal momento che per loro erano una buona cosa. E fare propaganda sui conseguenti benefici era un modo conveniente per dare in sostanza un contributo alla campagna elettorale a favore di una Amministrazione che poteva far molto per aiutare le società di suo gradimento, ad esempio per rimuovere fastidiosi regolamenti sulla sicurezza o sull’ambiente.

In altre parole, tutta la storia delle “gratifiche grazie al taglio delle tasse” è stata una presa in giro, anche piuttosto evidente. Tuttavia, una gran parte dei media ci sono caduti.

In tutto questo c’era anche un grande aspetto di scarsa dimestichezza con la matematica. La maggioranza delle persone non hanno idea di quanto sia grande l’economia degli Stati Uniti; si immaginano che se si afferma che “la società X ha assunto mille lavoratori” o che “la società Y ha appena dato a 5.000 lavoratori una gratifica di 1.000 dollari” si tratti di fatti rilevanti, quando in realtà sono appena delle sciocchezze, in un’economia nella quale ogni mese si assumono 5 milioni di lavoratori – e un numero quasi uguale si ritirano per cercare lavori migliori o vengono licenziati.

I dati che abbiamo sino a questo punto mostrano che le tanto propagandate gratifiche sono banali – meno di 6 miliardi di dollari, ovvero lo 0,03% del PIL – mentre i riacquisti di azioni [1] sono stati più di 170 miliardi di dollari. E molte di quelle gratifiche sarebbero probabilmente state decise comunque, mentre i riacquisti delle azioni stanno correndo molto al di sopra dei livelli storicamente consolidati.

Inoltre, la crescita dei riacquisti delle azioni indica che l’effetto di lungo periodo degli sgravi fiscali sui salari sarà piccolo. Ricordate che quella catena che dovrebbe portare ad effetti a cascata comincia con tasse più basse > investimenti più elevati. Se le società utilizzano i tagli per riacquistare azioni, non per accrescere gli stabilimenti e le attrezzature, il racconto sulla crescita dei salari non ha neppure avuto inizio.

Dunque la vera novità sui tagli alle tasse – mi rendo conto che sarete sorpresi – è che essi sono principalmente un regalo alle società. Chi l’avrebbe mai detto?

 

 

 

 

 

[1] “Riacquisti” perché – in una fase di bassi investimenti sul capitale fisso – le società quotate in borsa si orientano soprattutto a riacquistare da investitori vari le proprie azioni, probabilmente per sfruttare i rendimenti e per consolidare la propria posizione sugli assetti azionari della propria società.

 

 

 

 

 

 

Pagina successiva »

Archivio