Blog di Krugman

I fanciulli che gridavano “non c’è il lupo”, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, newsletter del 25 giugno 2020)

 

June 23, 2020

The boys who cried “no wolf”,

Paul Krugman

zz 516

Look, I can understand why Donald Trump and his minions turned a blind eye to the coronavirus back in February. There were already good reasons to believe that a serious pandemic was on its way, and minimizing the risk was deeply irresponsible. But at the time there was at least a possibility that things wouldn’t be too bad, and from a cynical point of view it made some sense for an administration that wanted to tout a growing economy to engage in happy talk rather than deal with the problem.

But that was four months and 120,000 dead Americans ago. What’s the point of keeping up the pretense?

I mean, what was the purpose of having Vice President Mike Pence put his name to an Op-Ed article declaring that there won’t be a second wave of infections? Nobody in their right mind imagines that Pence is an objective source of epidemiological information. And Larry Kudlow, the administration’s top economist, may have negative credibility: if he says something, it’s almost surely wrong. Why have him, of all people, assure the nation that a second wave isn’t coming?

Actual epidemiologists don’t think that the rising number of new cases is just an artifact of more testing. Two months ago, estimates of Rt, the number of people infected by each already-infected person, were below 1 for most states, meaning that the pandemic appeared to be fading away. But now they’re well above 1 for much of the country. Rt in Florida, for example, has gone from 0.81 in mid-April to 1.39 now.

Even Republican governors who were gung-ho for rapid reopening are sounding very worried. I wouldn’t have expected Texas governor Greg Abbott, who rushed to reopen the state and overruled local governments that wanted to be more cautious, to be sounding the alarm and urging people to wear face masks. But grim data and surging hospitalizations have clearly shocked him.

In any case, what good does virus denial do at this point, even in terms of cynical politics? If the pandemic really does fade away — which looks increasingly unlikely, but still — it will help Trump’s re-election prospects whatever Pence and Kudlow may say. But if it gets worse, they’ve further hurt the administration’s deeply damaged credibility.

My best guess about the logic behind the administration’s coronavirus strategy is that there is no logic. That is, there isn’t anyone sitting in the White House facing the realities of the situation and thinking about how to game them. Instead, they’re just running around in a panic.

The thing is, Covid-19 isn’t the kind of enemy Trump and company wanted to fight. It’s not a politician you can demonize and give silly nicknames; it’s not an ethnic minority about whom you can fearmonger and which you can beat up (not that that strategy is going well, either). It’s a real problem that demands real solutions, which is something the man in the White House and his associates don’t know how to do.

So they’re still pretending that everything is fine. Unfortunately, the virus isn’t listening.

 

 

I fanciulli che gridavano “non c’è il lupo”,

di Paul Krugman

 

Vedete, io posso capire perché Donald Trump e i suoi leccapiedi, nel passato febbraio, chiusero un occhio sul coronavirus. C’erano già buone ragioni per credere che fosse in arrivo una grave pandemia, e minimizzare il rischio era profondamente irresponsabile. Ma in quel momento c’era almeno una possibilità che le cose non fossero troppo negative, e da un punto di vista cinico ciò aveva un qualche senso per una amministrazione che voleva fare propaganda su un’economia in crescita, dandosi da fare con chiacchiere imbonitrici piuttosto che misurandosi con il problema.

Ma questo accadeva quattro mesi  e 120.000 americani morti fa. Che logica c’è nel proseguire con quella pretesa?

Voglio dire, quale è stato lo scopo per cui il Vicepresidente Mike Pence ha firmato un articolo di commento dichiarando che non ci sarebbe stata una seconda ondata di infezioni? Nessuno con un po’ di buon senso si immagina che Pence sia una fonte obbiettiva di informazioni epidemiologiche. E Larry Kudlow, il principale economista della Amministrazione, può risultare non credibile: se dice qualcosa, ha quasi certamente torto. Perché affidare a lui, tra tutte le persone, l’assicurazione che una seconda ondata non sarebbe in arrivo?

Gli epidemiologi veri non pensano che il numero crescente di nuovi casi sia solo una conseguenza di più tamponi. Due mesi fa le stime del Rt, il numero di persone infettate per ciascuna persona già infetta, era nella maggioranza degli Stati inferiore a 1, il che significava che la pandemia stava affievolendosi. Ma ora siamo ben sopra 1 in gran parte del paese. Lo Rt in Florida, ad esempio, è passato da 0,81 a metà aprile a 1,39 oggi.

Persino i governatori repubblicani che erano eccessivamente zelanti per una rapida riapertura sembrano molto preoccupati. Non mi sarei aspettato che il Governatore del Texas Greg Abbott, che si era precipitato a riaprire lo Stato e a rovesciare le opinioni dei governi locali che volevano essere più cauti, suonasse l’allarme e spingesse le persone ad indossare le mascherine. Ma chiaramente i pessimi dati e le crescenti ospedalizzazioni l’hanno impressionato.

In ogni caso, quale vantaggio comporta la negazione del virus a questo punto, persino nei termini di una politica cinica? Se la pandemia realmente svanisse – il che comunque sembra sempre meno probabile – ciò aiuterà le prospettive di rielezione di Trump qualsiasi cosa Pence e Kudlow possano dire. Ma se le cose peggiorano, essi avranno ulteriormente dato un colpo alla credibilità già danneggiata della Amministrazione.

Ma la migliore congettura sulla logica che sta dietro la strategia della Amministrazione sul coronavirus è che non c’è alcuna logica. Ovvero, non c’è nessuno alla Casa Bianca che stia affrontando la situazione reale e pensando a come misurarsi con essa. Stanno invece girandoci attorno in una situazione di panico.

Il punto è che il Covid-19 non è il genere di nemico che Trump e compagnia volevano combattere. Non è un politico che si possa demonizzare dandogli sciocchi nomignoli; non è una minoranza etnica sulla quale potete seminare paure e che potete aggredire (non che stia andando bene neanche quella strategia). È un problema reale che chiede soluzioni reali, ovvero qualcosa che l’uomo alla Casa Bianca ed i suoi associati non sanno come fare.

Dunque stanno ancora fingendo che tutto vada nel migliore dei modi. Sfortunatamente, il virus non li ascolta.

 

 

 

 

L’America fallisce il ‘test dei dolcetti’, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 9 giugno 2020)

giugno 18, 2020

 

June 9, 2020

America Fails the Marshmallow Test

By Paul Krugman

zz 516

The marshmallow test is a famous psychological experiment that tests children’s willingness to delay gratification. Children are offered a marshmallow, but told that they can have a second marshmallow if they’re willing to wait 15 minutes before eating the first one. Claims that children with the willpower to hold out do much better in life haven’t held up well, but the experiment is still a useful metaphor for many choices in life, both by individuals and by larger groups.

One way to think about the Covid-19 pandemic is that it poses a kind of marshmallow test for society.

At this point, there have been enough international success stories in dealing with the coronavirus to leave us with a clear sense of what beating the pandemic takes. First, you have to impose strict social distancing long enough to reduce the number of infected people to a small fraction of the population. Then you have to implement a regime of testing, tracing and isolating: quickly identifying any new outbreak, finding everyone exposed and quarantining them until the danger is past.

This strategy is workable. South Korea has done it. New Zealand has done it.

But you have to be strict and you have to be patient, staying the course until the pandemic is over, not giving in to the temptation to return to normal life while the virus is still widespread. So it is, as I said, a kind of marshmallow test.

And America is failing that test.

New U.S. cases and deaths have declined since early April, but that’s almost entirely because the greater New York area, after a horrific outbreak, has achieved huge progress. In many parts of the country — including our most populous states, California, Texas, and Florida — the disease is still spreading. Overall, new cases are plateauing and may be starting to rise. Yet state governments are moving to reopen anyway.

This is a very different story from what’s happening in other advanced countries, even hard-hit nations like Italy and Spain, where new cases have fallen dramatically. It now looks likely that by late summer we’ll be the only major wealthy nation where large numbers of people are still dying from Covid-19.

Why are we failing the test? It’s easy to blame Donald Trump, a man-child who would surely gobble down that first marshmallow, then try to steal marshmallows from other kids. But America’s impatience, its unwillingness to do what it takes to deal with a threat that can’t be beaten with threats of violence, runs much deeper than one man.

It doesn’t help that Republicans are ideologically opposed to government safety-net programs, which are what make the economic consequences of social distancing tolerable; as I explain in my recent column, they seem determined to let crucial emergency relief expire far too soon. Nor does it help that even low-cost measures to limit the spread of Covid-19, above all wearing face masks (which mainly protect other people), have been caught up in our culture wars.

America in 2020, it seems, is too disunited, with too many people in the grip of ideology and partisanship, to deal effectively with a pandemic. We have the knowledge, we have the resources, but we don’t have the will.

 

L’America fallisce il ‘test dei dolcetti’,

di Paul Krugman

 

Il ‘test dei dolcetti’ [1] è un famoso esperimento psicologico con il quale si mette alla prova la volontà dei bambini di rinviare una gratificazione. Ai bambini vengono offerti degli zuccherini, ma viene loro detto che possono averne una seconda dose se sono disponibili ad aspettare 15 minuti prima di mangiare la prima. La tesi che i bambini con la forza di volontà per restare in attesa facciano meglio nella vita non ha retto granché, ma l’esperimento è ancora una metafora utile per molte scelte, sia da parte dei singoli che di gruppi più ampi.

Un modo di riflettere sulla pandemia del Covid-19 è che essa costituisca una specie di test dei dolcetti per la società.

A questo punto, ci sono state abbastanza storie di successo internazionali nel misurarsi con il coronavirus da fornirci una chiara sensazione di quello che occorre per sconfiggere la pandemia. In primo luogo, si deve imporre un rigoroso distanziamento sociale per il tempo necessario a ridurre il numero delle persone infette ad una piccola frazione della popolazione. Poi si deve mettere in atto un regime di analisi, di tracciamenti e di isolamenti: identificare rapidamente ogni nuovo caso, trovando tutti coloro che sono stati esposti e mettendoli in quarantena finché il pericolo non sia passato.

Questa strategia funziona. L’ha fatto la Corea del Sud. L’ha fatto la Nuova Zelanda.

Ma si deve essere rigorosi e si deve essere pazienti, stando alle regole finché la pandemia non è passata, non cedendo alla tentazione di tornare alla vita normale mentre il virus è ancora diffuso. Dunque, come ho detto, è una specie di test dei dolcetti.

E l’America non sta superando quel test.

I nuovi casi e le morti negli Stati Uniti sono calati dall’inizio di aprile, ma questo è quasi interamente dipeso dal fatto che l’area metropolitana di New York, dopo una terribile ondata, ha realizzato un grande progresso. In molte parti del paese – inclusi i nostri Stati più popolosi, la California, il Texas e la Florida [2] – la malattia si sta ancora diffondendo. Complessivamente, i nuovi casi si stanno stabilizzando e possono cominciare a risalire. Tuttavia i Governi degli Stati si stanno muovendo per riaprire comunque.

Si tratta di una storia molto diversa da quanto sta accadendo in altri paesi avanzati, persino in nazioni colpite duramente come l’Italia e la Spagna, dove i nuovi casi sono caduti in modo spettacolare. Adesso sembra probabile che per la tarda estate saremo la sola importante nazione ricca nella quale grandi numeri di persone staranno ancora morendo per il Covid-19.

Perchè stiamo fallendo la prova? Dar la colpa a Donald Trump è facile, un bambinone che di sicuro inghiottirebbe la prima dose di dolcetti per poi cecare di rubarli ad altri ragazzi. Ma l’impazienza dell’America, la sua indisponibilità a fare quello che serve per misurarsi con un pericolo che non può essere sconfitto con le minacce di violenza, scorre molto più in profondità di un singolo uomo.

Non aiuta che i repubblicani si siano opposti ideologicamente ai programmi pubblici delle reti di sicurezza, che sono ciò che rende tollerabili le conseguenze del distanziamento sociale; come spiego nel mio recente articolo, essi sembrano determinati a fare in modo che fondamentali aiuti per l’emergenza si interrompano di gran lunga troppo rapidamente. Neanche aiuta che persino le misure a basso costo per limitare la diffusione del Covid-19, soprattutto l’indossare le mascherine (che principalmente proteggono le altre persone), siano state catturate nelle nostre guerre culturali.

L’America del 2020, a quanto sembra, è troppo disunita, con troppe persone nella presa dell’ideologia e della faziosità, per misurarsi efficacemente con una pandemia.

Abbiamo la conoscenza, abbiamo le risorse, ma non abbiamo la volontà.

 

 

 

 

 

[1]marshmallow (termine inglese; in italiano toffolette o cotone dolce) sono dei cilindretti di zucchero, forma evoluta di un dolce ricavato in origine dalla pianta Althaea officinalis e consumati principalmente negli Stati Uniti. Sono di solito di colore bianco e morbidi al tatto. (Wikipedia)

zzz 8

 

 

 

 

 

 

[2] Sul sito Twitter di Krugman è apparso in questi giorni un interessante diagramma (che purtroppo per misteriose ‘ragioni di sicurezza’ non mi è consentito di copiare), aggiornato al 16 giugno, che può aiutare a capire la situazione della pandemia negli Stati Uniti. Nel nordest – che include l’area di New York – c’è stato un contenimento abbastanza efficace; nell’area centrosettentrionale (Midwest) un contenimento meno efficace; nel Sud l’epidemia è in crescita e nell’occidente – inclusa la California – è anche in crescita.

Nell’area nordorientale si è passati da 317 persone positive per milione a circa 50; nell’area centrosettentrionale da 104 persone per milione a circa 65; nell’area meridionale si è adesso ad un picco di 90 persone per milione, con una tendenza di crescita quasi esponenziale; nell’area occidentale si è in netta crescita, con un punta attuale di 76 persone per milione. Si considerino i dati sulle popolazioni complessive: 56 milioni nel nordest, 65 milioni nell’area centrosettentrionale, 128 milioni nel sud e 76 milioni nell’area occidentale.

Per completezza, queste sono le quattro aree in questione sulla carta geografica:

Area nord orientale (Connecticut, Maine, Massachusets, New Hampshire, Rhode Island, Vermont, New Jersey, New York, Pennsylvania):

zzz 13

 

 

 

 

 

 

 

 

Area centrosettentrionale (Indiana, Iowa, Michigan, Minnesota, Missouri, Ohio, Wisconsin, Dakota del Nord, Dakota del Sud, Kansas, Nebraska):

zzz 12

 

 

 

 

 

 

 

 

Area meridionale (Alabama, Arkansas, Daleware, Distretto di Columbia, Florida,  Georgia, Kentucky, Lousiana, Maryland, Mississipi, Corolina del Nord, Oklahoma, Carolina del Sud, Tennessee, Texas, Virginia, Virginia Occidentale).

zzz 11

 

 

 

 

 

 

 

 

Area occidentale (Alaska, Arizona, California, Colorado, Hawaii, Idaho, Montana, Nevada, Nuovo Messico, Oregon, Utah, Washington, Wyoming):

zzz 10

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’eredità del nostro peccato originale, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 2 giugno 2020)

giugno 8, 2020

 

June 2, 2020

The legacy of our original sin,

di Paul Krugman

zz 516

These are times of grief for those of us who love America and its promise; I know people who have been spontaneously breaking into tears, and the rest of us are walking around in a kind of stupor.

Every day, it seems, brings another indicator of our decline: the can-do nation has become a land that can’t deal with a pandemic, the leader of the free world has become a destroyer of international institutions, the birthplace of modern democracy is ruled by would-be authoritarians. How can everything be going so wrong, so fast?

Well, we know the answer. As Joe Biden put it, “the original sin of slavery stains our country today.”

Non-American friends sometimes ask me why the world’s richest major nation doesn’t have universal health care. The answer is race: we almost got universal coverage in 1947, but segregationists blocked it out of fear that it would lead to integrated hospitals (which Medicare actually did do in the 1960s.) Most of the states that have refused to expand Medicaid coverage under the Affordable Care Act, even though the federal government would bear the great bulk of the cost, are former slave states.

The Italian-American economist Alberto Alesina suddenly died on March 23; among his best work was a joint paper that examined the reasons America doesn’t have a European-style welfare state. The answer, documented at length, was racial division: in America, too many of us think of the beneficiaries of support as Those People, not like us.

Now, America is actually a far less racist society than it used to be. In 1969 only 17 percent of white Americans approved of black-white marriage. Even during Ronald Reagan’s first term that number was only up to 38 percent. As of 2013 it was 84 percent. (As it happens, my wife is African-American.)

But as George Floyd could tell you, if he were still alive, racism is far from gone. And while Americans are increasingly tolerant as individuals, racial tensions continue to be exacerbated by cynical politicians, who exploit white racism to sell policies that actually hurt workers, whatever their skin color.

And racial antagonism is, of course, what made it possible for Donald Trump to become president. It’s hard to imagine someone less suited for the job, intellectually and morally. But he’s a very good hater, who has conjured up many demons — there are far more anti-Semitic insults and threats in my inbox than ever before. And his appeal to prejudice has given him a devoted base.

So now we’re at a moment of crisis, when all the good things America stands for are endangered by the poisonous legacy of our original sin. Will we make it through? Honestly, I’m not at all sure that we will.

 

L’eredità del nostro peccato originale,

di Paul Krugman

 

Sono tempi di amarezza per coloro tra di noi che amano l’America e la sua promessa; conosco persone che sono improvvisamente scoppiate in lacrime, mentre tutti noi gli giravamo attorno in una sorta di stupore.

Sembra che ogni giorno indichi un altro segno del nostro declino; la nazione dove tutto è possibile è diventata un terra che non riesce a fare i conti con una pandemia, quella che era alla testa del mondo libero è diventata la distruttrice delle istituzioni internazionali, il luogo di nascita della democrazia moderna è governato da aspiranti autoritari. Come è possibile che tutto stia andando così in malora, così rapidamente?

Ebbene, sappiamo qual’è la risposta. Come si è espresso Joe Biden: “oggi, il peccato originale della schiavitù macchia il nostro paese”.

Amici non americani talvolta mi chiedono perché la prima tra le nazioni più ricche al mondo non abbia una assistenza sanitaria universalistica. La risposta è il razzismo: avevamo una assicurazione quasi universalistica nel 1947, ma i segregazionisti la bloccarono per la paura che avrebbe portato ad ospedali senza segregazione (il che effettivamente venne realizzato da Medicare negli anni ’60). La maggioranza degli Stati che si sono rifiutati di ampliare la copertura di Medicaid con la Legge sulla Assistenza Sostenibile, anche se il Governo Federale avrebbe sopportato la grande maggioranza dei costi, sono gli Stati schiavisti del passato.

L’economista italo-americano Alberto Alesina è morto all’improvviso il 23 marzo; tra i suoi migliori lavori c’era un saggio scritto con altri che esaminava le ragioni per le quali l’America non ha uno stato sociale del genere di quelli europei. La risposta, documentata al dettaglio, era la divisione razziale: troppi americani pensano ai beneficiari dell’aiuto pubblico come a “Quella Gente”, non a persone come noi.

Ora, l’America è effettivamente una società molto meno razzista di come era un tempo. Nel 1969 soltanto il 17 per cento degli americani bianchi approvava i matrimoni tra bianchi e neri. Ancora durante il primo mandato di Ronald Reagan quel numero era salito soltanto al 38 per cento. Nel 2013 era l’84 per cento (si dà il caso che mia moglie sia afro-americana).

Ma come vi potrebbe raccontare George Floyd se fosse ancora vivo, il razzismo è lungi dall’essere sparito. E mentre gli americani sono sempre più tolleranti come individui, le tensioni razziali continuano ad essere esacerbate da politici cinici, che sfruttano il razzismo bianco per rivendere politiche che in realtà colpiscono tutti i lavoratori, a prescindere dal colore della loro pelle.

E ovviamente è l’antagonismo razziale che ha reso possibile che Donald Trump diventasse Presidente. È difficile immaginare qualcuno meno adatto, intellettualmente e moralmente, per una tale carica. Ma funziona assai bene come persona capace di odio, che ha evocato molti demoni – nella mia posta ci sono molti più insulti e minacce antisemite che mai in precedenza. E il suo appello ai pregiudizi gli ha garantito una base di persone devote.

Adesso siamo in un momento di crisi, nel quale tutte le cose buone che l’America difendeva sono messe in pericolo dall’eredità velenosa del nostro peccato originale. Supereremo questo momento? Onestamente, non sono affatto sicuro che ce la faremo.

 

 

 

 

 

Una recessione post-post-moderna. Potremmo riprenderci alla svelta – ma solo se schiacciamo il virus, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 12 maggio 2020)o

maggio 13, 2020

 

May 12, 2020

A post-post-modern slump. We could bounce back fast – but only if we crush the virus, 

Paul Krugman

zz 516 Last week’s jobs report was ghastly, and as I pointed out in today’s column, the reality is almost certainly worse: the Bureau of Labor Statistics notes that difficulties in classifying workers idled by the coronavirus probably mean that the true unemployment rate is closer to 20 percent than 15. That’s worse than most of the Great Depression.

The good news, such as it is, is that we’ve probably already taken most of the economic hit from Covid-19. The lockdown of high-viral-risk activities has been fairly comprehensive, and a variety of indicators suggest that the economy more or less stabilized around the middle of last month.

So the question now is: How fast a recovery can we expect?

Economists — like epidemiologists, by the way — rely a lot on history to answer such questions. The problem now is that history gives us an ambiguous answer. It’s not that every economic recovery is different; there are, in fact, clear patterns. But there seems to have been two kinds of recovery, and it’s not immediately clear which — if either — pattern is likely to apply this time.

The figure below shows employment growth in the last six recoveries, with the final month of the recession set equal to 100, and each line labeled by the year in which recovery began.

zz 848

 

 

 

 

 

 

 

What you see is that before 1990 we tended to have “morning in America” recoveries, in which jobs came roaring back. Since then, however, we’ve had extended “jobless recoveries,” in which G.D.P. is growing but it takes a long time for the jobs to come back.

Why did the recovery story change? Early in the Great Recession, I argued in a blog post titled “Postmodern recessions,” that fast recoveries followed recessions caused by high interest rates, imposed by the Federal Reserve to curb inflation; once the Fed relented, the economy easily sprang back. Later recessions had been caused, instead, by private-sector overreach: the commercial real estate bubble of the 1980s, the tech bubble of the 1990s. These were much harder to cure.

And I predicted, correctly, that the Great Recession, brought on by the collapse of a giant housing bubble, would be followed by another jobless recovery.

So where does the current slump fit? My reluctant conclusion is that it’s more like the pre-1990 slumps than the more modern episodes.

Why reluctant? Well, I was right about the housing bubble, the Great Recession, and a lot of other stuff around then, and it’s always tempting to revisit your greatest hits. And let’s be frank: Given my politics, I don’t like the idea of Donald Trump riding into November on the wave of a rapidly healing economy, and would like to believe that can’t happen.

But Covid-19 is, in some ways, like the spike in interest rates that generated the 1981-82 recession. It’s something imposed on the economy from outside, as it were, rather than the result of private-sector excess, so you’d expect fast recovery once the outside shock recedes.

A fast recovery, however, depends on having the pandemic recede. And that’s why the push from the Trump administration and its allies for a quick reopening of the economy is probably self-destructive. Epidemiologists, who are far more likely to get this right than the rest of us, say that we’re nowhere close to having the virus sufficiently contained to reopen; they’re extremely worried that we may have a second wave.

So if we were patient and self-disciplined, we probably could eventually see rapid recovery. But “self-discipline” isn’t a term many people would apply to Donald Trump.

 

Una recessione post-post-moderna. Potremmo riprenderci alla svelta – ma solo se schiacciamo il virus,

di Paul Krugman

 

Il rapporto sui posti di lavoro della scorsa settimana era agghiacciante e, come ho notato nell’articolo di oggi, la realtà è quasi certamente peggiore: l’Ufficio delle Statistiche sul Lavoro osserva che le difficoltà nel classificare i lavoratori resi inattivi dal coronavirus probabilmente comportano che la disoccupazione effettiva sia più vicina al 20 per cento che al 15. Che è un dato peggiore di gran parte della Grande Depressione.

La buona notizia, perché è tale, è che probabilmente abbiamo già subito buona parte del colpo economico derivante dal Covid-19. Il blocco delle attività ad elevato rischio virale è stato abbastanza completo e una varietà di indicatori suggerisce che l’economia si è più o meno stabilizzata verso la metà del mese passato.

Dunque, adesso la domanda è: quanto possiamo aspettarci che la ripresa sia rapida?

Gli economisti – come gli epidemiologi, per inciso – per rispondere a tali domande si basano molto sulla storia. In questo caso il problema è che la storia ci offre risposte ambigue. Non si tratta del fatto che le riprese economiche siano diverse; di fatto ci sono modelli chiari. Ma sembrano esserci due tipi di ripresa, e non è immediatamente chiaro quale dei due è probabile che si applichi in questa occasione.

La tabella sottostante mostra la crescita dell’occupazione nelle sei riprese passate, fissato il mese finale della recessione pari a 100, e ciascuna linea è contrassegnata dall’anno in cui la ripresa è cominciata.

zz 848

 

 

 

 

 

 

 

Quello che si vede è che prima del 1990 tendevamo ad avere riprese del tipo “è giorno in America” [1], nelle quali i posti di lavoro tornavano a pieno regime. Da allora, tuttavia, abbiamo avuto prolungate “riprese senza lavoro”, nella quali il PIL è in crescita ma occorre molto tempo perché tornino i posti di lavoro.

Perché è cambiata la storia delle riprese? Agli inizi della Grande Recessione sostenni, in un articolo sul blog intitolato “Recessioni postmoderne”, che le riprese rapide seguivano le recessioni a causa degli elevati tassi di interesse imposti dalla Federal Reserve per tenere a freno l’inflazione; una volta che la Fed li attenuava, l’economia tornava facilmente al proprio posto. Le recessioni più recenti, invece, erano provocate da eccessi nel settore privato: la bolla patrimoniale dei centri commerciali degli anni ’80, la bolla tecnologica degli anni ’90. Queste erano molto più difficili da curare.

Prevedevo anche, correttamente, che la Grande Recessione [2], provocata dal collasso di una gigantesca bolla immobiliare, sarebbe stata seguita da un’altra ripresa senza lavoro.

Dunque, l’attuale declino a quale modello si adatta? La mia riluttante conclusione è che si adatti più probabilmente alle recessioni precedenti gli anni ’90 che non agli episodi moderni.

Perché riluttante? Ebbene, io ebbi ragione sulla bolla immobiliare, sulla Grande Recessione e su molte delle altre cose di quel periodo, e si è sempre tentati di rivisitare i propri grandi successi. Inoltre, siamo franchi: dato il mio orientamento politico, non mi piace l’idea che Donald Trump arrivi alle elezioni di novembre sull’ondata di un’economia che si riprende rapidamente, e mi piacerebbe credere che ciò non possa accadere.

Ma il Covid-19 è in qualche modo simile al picco dei tassi di interesse che generò la crisi del 1981-82. Come era allora, è qualcosa che viene imposto all’economia dall’esterno, anziché il risultato di un eccesso del settore privato, cosicché ci si aspetta una ripresa rapida una volta che il trauma esterno recede.

Una ripresa rapida, tuttavia, dipende dalla circostanza che la pandemia si affievolisca. E questa è la ragione per la quale la pressione della Amministrazione Trump e dei suoi alleati [3] per una riapertura immediata dell’economia è probabilmente autodistruttiva. Gli epidemiologi, che è di gran lunga più probabile che capiscano queste cose meglio di tutti noi, dicono che non siamo in alcun modo vicini ad un sufficiente contenimento per virus per riaprire: sono estremamente preoccupati che si possa avere una seconda ondata.

Dunque, se fossimo pazienti e capaci di autodisciplina, probabilmente potremmo assistere ad una rapida ripresa. Ma la “autodisciplina” è un termine che poche persone userebbero nel caso di Donald Trump.

 

 

 

 

 

 

[1] È il titolo di una trasmissione radiofonica di Reagan che ebbe molto successo, al punto da essere spesso usato per indicare il periodo reaganiano. Il senso del titolo alludeva al sollievo per la recessione terminata, che Reagan ovviamente attribuì a se stesso.

[2] Ovvero, la crisi finanziaria del 2008 e seguenti.

[3] Può sembrare strano che spesso, per indicare gli esponenti della maggioranza che sostengono il Presidente degli Stati Uniti, si utilizzi l’espressione “i suoi alleati”, dato che essi non sono altri che esponenti del suo stesso Partito. Suppongo però che il termine derivi dallo spirito delle norme costituzionali americane, che riconoscono una autonomia formale ad “entità” come i gruppi parlamentari della Camera e del Senato, ed entro certi limiti conferiscono ai due rami poteri sostanziali (e diversi). In un certo senso, il Presidente (che del resto non è eletto direttamente dal popolo, ma dalla maggioranza di un Collegio Elettorale cui spetta formalmente il potere di sceglierlo) si considera che sia normalmente ‘tenuto’ a cercarsi ‘alleati’ nei due rami del Parlamento. Anche quando la sostanza è ben diversa, dato che il Presidente, come nel caso di Trump, potrebbe essere già padrone incontrastato del suo Partito.

 

 

 

Simpatia per gli epidemiologi, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 5 maggio 2020)

maggio 7, 2020

 

May 5,2020

Sympathy for the epidemiologists

By Paul Krugman

zz 516

For the past couple of months one epidemiological model — the IHME model from the University of Washington’s Institute for Health Metrics and Evaluation — has played an outsized role in public discussion of Covid-19.

It’s not at all clear that it deserved this role. Among other things, its predictions have been highly unstable, sometimes revised sharply downward and sometimes sharply upward. Many epidemiologists have criticized the model as simplistic. But its very simplicity let it offer state-by-state predictions other models couldn’t. And the White House liked it, at least better than many other models, because it generally predicted a lower death toll than its rivals.

But the White House probably likes IHME less today than it did yesterday: the institute just drastically revised its projected death total upward, from 72,000 to 134,000. Documents obtained by The New York Times suggest that modelers within the U.S. government have also revised death projections sharply upward.

This is terrible news, and makes the push from Trump and many others on the right to relax social distancing look even more irresponsible than it already did. But it also tells us something about the field of epidemiology. It turns out that epidemiologists often disagree, sometimes by a lot. Their forecasts are often wrong, sometimes very wrong indeed. They are, in fact, the worst people to rely on in a crisis — except for everyone else.

In other words, they’re a lot like economists.

In a great essay published early in the Great Depression, John Maynard Keynes lamented that economics is a technical and difficult subject, but “no one will believe it.” He didn’t mean that economists are a priesthood possessed of unique and arcane knowledge, let alone that they are always right, but simply that even making educated guesses about the economy requires both hard thinking and knowing a lot about what smart people have learned over previous decades.

Pro tip: If you or someone you listen to claims to have a deep insight all those stuck-up economics professors have missed, it’s overwhelmingly likely that the insight is either (a) something economists have known about for decades if not generations or (b) a well-known fallacy.

And above all, you shouldn’t trust economic assertions from people who combine ignorance of the subject with politically motivated desires to believe certain things.

Well, here we are in a pandemic, a complex phenomenon that depends on human behavior as well as biology. Like financial crises, different pandemics share many common features but differ in detail, in ways that can create huge uncertainty. Nobody can forecast their course especially well, but you do much better listening to the professional epidemiologists than to law professors, politicians, or, yes, economists who claim to know better.

And you should rely more, not less, on the epidemiologists because pandemic prediction and response has become such a politically charged issue. Motivated reasoning — believing things because they’re what you want to be true, not because they’re really true — is a temptation for everyone. But researchers with a professional reputation to maintain are less susceptible than most.

So let me give a shout-out to the hard-working, much-criticized epidemiologists trying to get this pandemic right. You may take a lot of abuse when you get it wrong, which you unavoidably will on occasion. But you’re doing what must be done. Also, welcome to my world.

 

Simpatia per gli epidemiologi,

di Paul Krugman

 

Nei due mesi passati un modello epidemiologico – il modello IHME dell’Istituto per Misurazioni e le Stime sanitarie dell’Università di Washington – ha giocato un ruolo sproporzionato nel dibattito pubblico sul Covid-19.

Non è affatto chiaro se si meritasse questo ruolo. Tra le altre cose, le sue previsioni sono state altamente instabili, talvolta bruscamente riviste verso il basso e talvolta bruscamente verso l’alto. Molti epidemiologi hanno criticato questo modello come semplicistico. Ma la sua effettiva semplicità gli consente di offrire per ogni Stato previsioni che altri modelli non potrebbero offrire. E alla Casa Bianca il modello piaceva, almeno di più di molti altri, perché in generale prevedeva un bilancio delle vittime più basso di quello dei suoi rivali.

Ma probabilmente alla Casa Bianca oggi piace meno di ieri: l’Istituto ha appena rivisto verso l’alto la sua previsione del bilancio complessivo delle vittime, da 72.000 a 134.000. I documenti ottenuti dal New York Times indicano che anche i modellatori all’interno del Governo degli Stati Uniti hanno nettamente innalzato le previsioni della mortalità.

Questa è una terribile notizia, e rende la pressione di Trump e di molti altri della destra per rilassare il distanziamento sociale persino più irresponsabile di quanto non fosse già. Ma ci dice anche qualcosa sulla disciplina dell’epidemiologia. Si scopre che spesso gli epidemiologi non vanno d’accordo, talora di molto. Le loro previsioni sono spesso sbagliate, talvolta in effetti molto sbagliate. Di fatto sono le persone peggiori sulle quali fare affidamento in una crisi –  a parte tutti gli altri.

In altre parole assomigliano molto agli economisti.

In un grande saggio pubblicato agli inizi della Grande Depressione, John Maynard Keynes si lamentava che l’economia fosse una materia tecnicistica e difficile, ma che “nessuno ci avrebbe creduto”. Non voleva dire che gli economisti siano come sacerdoti posseduti da una unica ed arcana conoscenza, per non dire che abbiano sempre ragione, ma semplicemente che anche solo fare supposizioni istruite sull’economia richiede un pensiero profondo e la conoscenza di una gran quantità delle cose che persone intelligenti hanno imparato nel corso dei decenni precedenti.

Un suggerimento professionale: se voi, o qualcuno cui voi date ascolto, pretendete di avere una intuizione profonda che è sfuggita a tutti quei professori di economia pieni di sé, è del tutto probabile che l’intuizione sia: a) o qualcosa che era noto da decenni se non da generazioni agli economisti; b) oppure uno sbaglio ben conosciuto.

E soprattutto, non dovreste avere fiducia nei giudizi economici che provengono da individui nei quali l’ignoranza sulla materia si combina con il desiderio interessato di credere in determinate cose.

Ebbene, ci troviamo in una pandemia, un fenomeno complesso che dipende dal comportamento umano come dalla biologia. Come per le crisi finanziarie, pandemie diverse condividono molte caratteristiche comuni ma differiscono nei dettagli, in modi che possono determinare incertezza. Nessuno può prevedere il loro indirizzo in modo indiscutibile, ma dovreste dare molto maggiore ascolto agli epidemiologi di professione che non ai professori di diritto, ai politici, oppure, di sicuro, agli economisti che pretendono di saperne di più.

E dovreste affidarvi di più, non di meno, agli epidemiologi, perché le previsioni e la risposta alla pandemia sono diventate un tema così carico di interessi politici. Il ragionamento interessato – credere in determinate cose perché desiderate che siano vere, non perché lo siano effettivamente – è per tutti una tentazione. Ma i ricercatori con una reputazione scientifica da difendere ne sono meno suscettibili della maggioranza delle persone.

Dunque, consentitemi di rivolgere un ringraziamento ai molto criticati epidemiologi che lavorano duramente nel tentativo di comprendere questa pandemia nel modo giusto. Si prendono una gran quantità di insulti quando le intendono in modo sbagliato, come inevitabilmente ogni tanto accade. Ma stanno facendo quello che si deve fare. Benvenuti, inoltre, nel mio mondo.

 

 

 

 

 

Dammi la libertà e dammi la morte, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 21 aprile 2020)

aprile 23, 2020

 

Apr 21, 2020

Give me liberty and give me death

Paul Krugman

zz 516

Much of the U.S. economy is currently shut down, and rightly so. But now there’s a backlash against the restrictions that have slowed the coronavirus’s spread.

It’s not a broad-based popular rebellion — those much-hyped demonstrations at state capitols are more astroturf, organized by right-wing groups with close ties to the Republican establishment, than genuine grass roots protests. And irresponsible politicians like Georgia’s governor, who is reopening gyms and beauty salons even as Covid-19 rapidly spreads in his state, are clearly responding to top-down pressure from Donald Trump rather than popular demand.

But it’s happening all the same. Why?

The answer, I’d suggest, is that the Trump administration and its Senate allies are botching pandemic economics — and at some level they know that. So they’re desperate to wish the problem away before the failure of their response becomes too obvious.

To be fair, the problems posed by Covid-19 are both novel and incredibly fast moving. Still, both logic and other countries’ experiences have given us a pretty good idea of what we should be doing right now. First, lock down high-contact economic activities, to slow the viral spread. Second, provide generous disaster relief to those whose incomes have been cut off by the lockdown. Third, rapidly ramp up testing and tracking, so that when we (cautiously) restart normal life we can quickly identify and neutralize any emergent hot spots.

The trouble is that we’re falling down badly on (2) and (3).

True, Congress voted a lot of money in enhanced unemployment benefits and small-business loans. But it’s becoming increasingly clear that the money isn’t reaching the Americans who need it, largely because the federal government didn’t take responsibility for how the money was spent.

Enhanced unemployment benefits are a really good idea. But the federal program is being run through state unemployment offices, which have been starved of funds for decades — in many cases because conservative state governments wanted to make benefits hard to claim. As a result, there is a huge backlog of unprocessed claims, and millions of Americans have yet to see a dime.

It didn’t have to be this way. Canada introduced an Emergency Response Benefit for those losing income as a result of the coronavirus, implemented directly by the federal government and easily accessible via a government portal and hotline; the program began paying out up to $2,000 a month almost immediately.

Meanwhile, those small business loans are being run through private banks, under criteria that let huge restaurant and hotel chains claim that each of their locations is a small business; not surprisingly, these giants, which have strong relationships with big banks, quickly snapped up almost all the money, with little flowing to the intended beneficiaries.

And behind this failure to provide economic relief, we’re not seeing anything like the rapid rise in testing we need to start reopening safely.

A different president might have responded to these developments with a crash effort to fix the problems, the way the Obama administration dealt with the initial 2013 Obamacare debacle. But Trump being Trump, he’s disavowing any responsibility, instead pressuring states to ignore the health risks and abandon the social distancing that has blunted the pandemic.

If you ask me, this isn’t just cruel, it’s politically stupid. As we’ve just seen, viruses move fast. A few days ago we were starting to see signs that Covid-19 might be peaking. But relax our vigilance, even a bit, and a second, bigger wave of deaths could easily happen well before the election.

But Trump and his allies don’t seem able to wrap their minds around the idea that it’s their job to solve problems, not shift the blame. And I don’t know about you, but I’m getting even more scared than I was.

 

Dammi la libertà e dammi la morte,

di Paul Krugman [1]

 

Gran parte dell’economia degli Stati Uniti attualmente è chiusa, e giustamente. Ma adesso c’è un contraccolpo contro le restrizioni che hanno rallentato la diffusione del coronavirus.

Non è una ribellione con una ampia base popolare – quelle molto pubblicizzate dimostrazioni presso i Parlamenti degli Stati sono più un fenomeno artificiale [2], organizzate da gruppi della destra strettamente collegati al gruppo dirigente repubblicano, che non proteste con una genuina base popolare. E politici irresponsabili come il Governatore della Georgia, che sta riaprendo palestre e sale di bellezza anche se il Covid-19 nel suo Stato si diffonde rapidamente, stanno chiaramente rispondendo alla spinta dall’alto da parte di Donald Trump, piuttosto che ad una richiesta popolare.

Ma comunque sta accadendo. Perché?

Direi che la risposta è che l’Amministrazione Trump e i suoi alleati nel Senato stanno mettendo assieme un pasticcio con l’economia della pandemia –  e a qualche livello ne sono consapevoli. Quindi hanno l’ansia che il problema sparisca da solo, prima che il fallimento della loro risposta divenga troppo evidente.

In verità, il problema posto dal Covid-19 è inedito e si muove nello stesso tempo in modo incredibilmente veloce. Eppure, sia la logica che le esperienze degli altri paesi ci hanno fornito idee abbastanza buone di quello che si dovrebbe fare a questo punto. Prima di tutto, isolare le attività economiche con elevati contatti, per rallentare la diffusione del virus. In secondo luogo, fornire un aiuto generoso nella calamità a coloro i cui redditi sono stati decurtati dall’isolamento. In terzo luogo, intensificare rapidamente i test e i tracciamenti, in modo tale che quando (con cautela) ripartirà la vita normale si possa rapidamente identificare e neutralizzare ogni focolaio emergente.

Il problema è che, sui punti secondo e terzo, stiamo fallendo miseramente.

È vero, il Congresso ha approvato una gran quantità di soldi per aumentare i sussidi di disoccupazione e i prestiti alle piccole imprese. Ma sta diventando sempre più chiaro che i soldi non arrivano agli americani che ne hanno bisogno, in gran parte perché il Governo federale non si è preso la responsabilità su come spedire il denaro.

I sussidi di disoccupazione aumentati sono davvero una buona idea. Ma il programma federale viene gestito attraverso gli uffici della disoccupazione degli Stati, che per decenni sono stati ridotti al lumicino – in molti casi perché i conservatori volevano che i sussidi fossero difficili da chiedere. Il risultato è che c’è una arretrato impressionante di richieste non esaminate, e milioni di americani devono ancora vedere un centesimo.

Non era necessario che andasse così. Il Canada ha introdotto un Sussidio di Risposta di Emergenza per coloro che perdono il reddito in conseguenza del coronavirus, messo in atto direttamente dal Governo federale e facilmente accessibile attraverso un portale e una linea diretta governativa; il programma ha cominciato quasi immediatamente a sborsare sino a 2.000 dollari al mese.

Nel frattempo, quei prestiti alle piccole imprese vengono gestiti attraverso banche private, con criteri che consentono ai grandi ristoranti ed alle catene alberghiere di pretendere che ciascuna delle proprie ubicazioni corrisponda ad una piccola impresa; questi giganti, che hanno forti aderenze nelle grandi banche, non sorprendentemente si sono accaparrati quasi tutti i soldi, che fluiscono in minima parte a coloro che si intendeva ne beneficiassero.

Un Presidente diverso avrebbe risposto a questi sviluppi con un impegno intenso per risolvere i problemi, nel modo in cui la Amministrazione Obama si comportò con la iniziale debacle della riforma sanitaria del 2013. Ma dato che Trump è Trump, egli sta disconoscendo ogni responsabilità, e piuttosto fa pressioni sugli Stati perché ignorino i rischi sanitari e abbandonino il distanziamento sociale che ha attenuato la pandemia.

Se volete la mia opinione, questo non è solo crudele, è politicamente stupido. Come abbiamo appena constatato, il virus si muove velocemente. Pochi giorni fa stavamo cominciando a vedere i segni che il Covid-19 stava forse raggiungendo il picco. Ma se rilassiamo la nostra vigilanza, persino per poco, una seconda e maggiore ondate di vittime potrebbe facilmente aver luogo ben prima delle elezioni.

Ma Trump e i suoi alleati sembrano incapaci di intendere il concetto che è loro compito risolvere i problemi, anziché dar la colpa ad altri. Non so voi, ma io sto diventando anche più spaventato di quanto fossi.

 

 

 

 

 

 

[1] “Dammi la libertà o dammi la morte” sono le famose parole finali attribuite a Patrick Henry in un discorso pronunciato alla Seconda Convenzione della Virginia nel 1775. Come dire: o la libertà, o una morte dignitosa. Viene trascritto con una “e” anziché con la “o”, mi pare nel senso che questa volta pare si cerchino entrambe le cose.

[2] Lo stranissimo termine “astroturf” – che significa campo da gioco sintetico, dove Astro è la denominazione di un campo del genere che pare sia stato il primo campo sintetico nella storia del baseball – è stato passato al linguaggio politico, ad indicare quelle organizzazioni che collocano iniziative propagandistiche, e in particolare inscenano manifestazioni e raduni a pagamento, che i media diffondono poi come reali. Difficile tradurlo, anche se in fondo indica un fenomeno artificiale, come un campo da gioco sintetico.

 

 

 

 

Non sono gli economisti quelli che spingono per riaprire l’economia, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, newsletter del 14 aprile 2020)

aprile 15, 2020

 

April 14, 2020

Economists Aren’t the Ones Pushing to Reopen the Economy

By Paul Krugman

zz 516

Trying to predict Trump administration actions really is like Kremlinology, updated for the age of social media. There’s clearly no formal policy process; Donald Trump acts on impulse and intuition, often shaped either by whomever he last met or what he last saw on Fox News, making no use of the vast expertise he could call on if he were willing to listen. Those of us on the outside, and from all accounts, even many people within the administration try to infer what’s coming next from tweets and statements by people presumed to be in favor at the moment.

So what does Trumplinology suggest right now? That Trump really, really wants to end the economy’s lockdown very soon. Early Monday Trump tweeted out an assertion that he has the power to overrule state governors who have imposed lockdown orders — which suggests that we may have a constitutional crisis brewing, because as far as anybody knows he has no such power. Meanwhile, in an interview with The New York Times, Peter Navarro, Trump’s trade czar, argued that a weak economy might kill more people than the virus.

The thing is, as far as I can tell epidemiologists are united in the belief that it’s far too soon to be considering any relaxation of social distancing. The lockdowns across America do seem to have flattened the curve, allowing us to — just — avoid completely overwhelming the health care system. New cases may have peaked. But you don’t want to let up until you’re in a position to do so without giving the pandemic a second wave. And we’re nowhere close to that point.

So where is this coming from? I’ve seen some people portray it as a conflict between epidemiologists and economists, but that’s all wrong. Serious economists know what they don’t know — they recognize and respect experts from other disciplines. A survey of economists found almost unanimous support for “tolerating a very large contraction in economic activity until the spread of infections has dropped significantly.”

No, this push to reopen is coming not from economists but from cranks and cronies. That is, it’s coming on one side from people who may describe themselves as economists but whom the professionals consider cranks — people like Navarro or Stephen Moore, who Trump tried unsuccessfully to appoint to the Federal Reserve Board. And on the other, it’s coming from business types with close ties to Trump who suffer from billionaire’s disease — the tendency to assume that just because you’re rich you’re also smarter than anyone else, even in areas like epidemiology (or, dare I say it, macroeconomics) that require a great deal of technical expertise.

And Trump, of course, who was planning to run on the strength of the economy, desperately wants to wish the coronavirus away.

The reality is that we shouldn’t consider opening the economy until we have both reduced infections dramatically and vastly increased testing, so we can crack down quickly on any potential re-emergence.

 

The good news is that many governors seem to understand that, and that Trump probably can’t override their better judgment. The bad news is that America’s governors — who are turning out, on the whole, to be better than we deserve — are having to fight a two-front war. Not only are they having to fight a deadly disease, they’re having to fend off a national leader who is doing all he can to sabotage their efforts.

 

 

Non sono gli economisti quelli che spingono per riaprire l’economia,

di Paul Krugman

 

Cercare di prevedere le azioni dell’Amministrazione Trump è davvero come la Cremlinologia, aggiornata all’epoca dei social media. È chiaro che non c’è alcun formale procedimento politico; Donald Trump agisce d’impulso e per intuizione, spesso influenzato da chi ha incontrato per ultimo o da quello che ha visto ultimamente su Fox News, non utilizzando per niente la vasta competenza alla quale potrebbe rivolgersi se fosse disponibile ad ascoltare. Chi tra noi è collocato all’esterno, e comunque persino molte persone all’interno dell’Amministrazione cercano di desumere la prossima mossa dai tweet e dalle dichiarazioni delle persone che si presume godano al momento del suo favore.

Dunque, cosa suggerisce la Trumplinologia in questo momento? Che Trump non vede l’ora di porre fine al blocco dell’economia, nel più breve tempo possibile. Lunedì di buon’ora Trump ha twittato una affermazione secondo la quale avrebbe il potere di prevalere sui Governatori degli Stati che hanno imposto le ordinanze sul blocco – il che suggerisce che potremmo avere in preparazione una crisi costituzionale, giacché per quanto sanno tutti non ha tale potere. Nel frattempo, in una intervista al New York Times, Peter Navarro, lo zar di Trump sul commercio, ha sostenuto che un’economia debole potrebbe ammazzare più persone del virus.

Il problema, per quanto posso dire, è che tutti gli epidemiologi sono uniti nella convinzione che sia troppo presto per prendere in considerazione ogni attenuazione del distanziamento sociale. Gli isolamenti in tutta l’America sembra davvero abbiano appiattito la curva, consentendoci – soltanto – di evitare che il sistema sanitario fosse interamente sopraffatto. I nuovi casi potrebbero aver raggiunto il picco. Ma non si vuole interrompere finché non si è nella condizione di farlo senza provocare una seconda ondata della pandemia. E non siamo affatto vicini a quel punto.

Da dove viene, dunque, tutto questo? Vedo che alcuni lo presentano come un conflitto tra epidemiologi ed economisti, ma è completamente sbagliato. Gli economisti seri sanno quello che non conoscono – riconoscono e rispettano gli esperti delle altre discipline. Un sondaggio tra gli economisti ha scoperto un sostegno quasi unanime a favore “di consentire una ampia contrazione nell’attività economica finché la diffusione dell’infezione non sia caduta in modo significativo”.

No, questa spinta alla riapertura non viene dagli economisti, ma dai ciarlatani e dalle clientele. Ovvero, viene da una parte da individui che si possono presentare come economisti ma che i professionisti considerano ciarlatani – persone come Peter Navarro o Stephen Moore, che Trump ha cercato senza riuscirci a nominare nel Comitato della Federal Reserve. E dall’altra parte, viene da individui del mondo delle imprese con stretti legami con Trump che hanno la tipica malattia dei miliardari – la tendenza a credere che solo perché sono ricchi sono anche più intelligenti di tutti gli altri, persino in aree come l’epidemiologia (o, oserei dire, la macroeconomia) che richiedono una grande dose di competenza tecnica.

E Trump, naturalmente, che aveva previsto di competere sulla forza dell’economia, vuole disperatamente che il coronavirus sparisca per magia.

La realtà è che non dovremmo prendere in considerazione la riapertura dell’economia finché non avremo sia ridotto in modo spettacolare le infezioni sia aumentato ampiamente i test, in modo tale da poter dare rapidamente un giro di vite ad ogni potenziale riemergenza.

La buona notizia è che molti Governatori sembrano capirlo, e che Trump probabilmente non può scavalcare la loro migliore capacità di giudizio. La cattiva notizia è che i Governatori dell’America – che si stanno mostrando, nel complesso, meglio di quanto ci meritiamo – devono sostenere una battaglia su due fronti. Non devono solo combattere una malattia letale, devono anche sventare le insidie di un leader nazionale che fa tutto il possibile per sabotare i loro sforzi.

 

 

 

 

E adesso qualche pensiero di tutt’altro genere, di Paul Krugman (Newsletter di Krugman del 7 aprile 2020)

aprile 8, 2020

 

April 7, 2020

And now for something completely different,

Paul Krugman

zz 516

Many people, predictably, have reacted to the Covid-19 pandemic by insisting that it makes the case for whatever policies they were advocating before. Conservatives who believe in the magical power of tax cuts insist that we should respond to a pandemic by, you guessed it, cutting taxes. Anti-immigrant groups insist that it shows that we must stop immigration. Bernie Sanders supporters insist that for some reason it means that Democrats should turn away from Joe Biden. Advocates of a universal basic income insist that it shows why we need U.B.I.

So it’s kind of impressive, amid this orgy of confirmation bias, to find many mainstream economists — and, with a slight delay, the Democratic leadership in Congress — acknowledging that coronavirus economics really is different, that it calls for policies that are different from the usual recession-fighting playbook.

For the record: even if you believe that cutting taxes would greatly increase Americans’ incentive to work hard (which you shouldn’t), tax cuts aren’t the answer when millions of workers are necessarily idle because of a lockdown meant to limit viral infection.

And the coronavirus slump actually makes the case against universal basic income, even though part of that $2 trillion not-a-stimulus bill did involve sending everyone a check. What’s happening now is that a large number of American workers — maybe as many as one in four — have lost their income because of social distancing. These workers have bills to pay; they need replacement income close to what they were making before. The rest of the work force doesn’t need anything comparable.

And if you just send everyone a check, it will be either grossly inadequate for the newly unemployed, impossibly expensive, or both. Universal income, independent of circumstances, won’t do the job.

So what should our economic policy be? Over the past week or so mainstream economists have largely converged on the view that we should focus not on economic stimulus — we want part of the economy shut down for the time being — but on disaster relief for those losing their incomes.

What’s striking is that this is the answer coming even from Keynesian economists like Larry Summers, Olivier Blanchard, and yours truly, who generally favor fiscal stimulus in the form of spending to fight slumps, and have been urging the U.S. to take advantage of low interest rates to do a lot more public investment. You might have expected this gang of nerds to use the current slump as an excuse to pursue their (our) favorite policy.

But hard thinking about the nature of the current crisis says that infrastructure spending, however desirable it may be, doesn’t address the immediate issues. Enhanced unemployment benefits and aid to small businesses do get at the heart of the current problem. So that’s what serious economists are recommending, and Democrats in Congress have mostly come around to the same view.

Making your policy recommendations contingent on what’s actually happening in the world may not sound like a terribly hard test of intellectual integrity. But given the political world we live in, I’m actually impressed and gratified to see so many economists rising to the challenge.

 

E adesso qualche pensiero di tutt’altro genere,

di Paul Krugman

 

Molte persone, come era prevedibile, hanno reagito alla pandemia del Covid-19 insistendo che essa conferma l’idea di qualsiasi voglia politica essi stessero sostenendo prima. I conservatori che credono nel potere magico dei tagli delle tasse insistono che dovremmo rispondere alla pandemia, indovinate un po’, tagliando le tasse. I gruppi contro gli immigranti insistono che essa dimostra che dobbiamo fermare l’immigrazione. I sostenitori di Bernie Sanders insistono che per qualche ragione essa comporta che dovremmo voltare le spalle a Joe Biden. I sostenitori del reddito universale di base insistono che essa dimostra che abbiamo bisogno di quello.

Così fa un po’ impressione, in mezzo a questa orgia di conferme preconcette, trovare molti principali economisti – e, con un leggero ritardo, la leadership dei democratici del Congresso – riconoscere che l’economia del coronavirus è in realtà un’altra cosa, che essa richiede politiche diverse dalle consuete strategie di lotta alla recessione.

Per la cronaca: persino se credete che i tagli delle tasse accrescano grandemente l’incentivo degli americani a lavorare duro (e non dovreste), i tagli alle tasse non sono la risposta quando milioni di lavoratori sono necessariamente inerti a causa di un blocco fatto apposta per limitare l’infezione virale.

E la recessione del coronavirus in realtà contraddice il reddito universale di base, anche se parte di quei 2 mila miliardi di dollari che non servono allo stimolo hanno incluso lo spedire ad ognuno un assegno. Quello che adesso sta avvenendo è che un ampio numero di lavoratori americani – forse uno su quattro – hanno perso il loro reddito per il distanziamento sociale. Questi lavoratori hanno conti da pagare; hanno bisogno di un reddito sostitutivo vicino a quello che percepivano in precedenza. Il resto della forza lavoro non ha bisogno di niente di paragonabile.

E se si spedisce a tutti un assegno, esso sarà o del tutto inadeguato per i nuovi disoccupati ed esageratamente dispendioso, o entrambe le cose. Il reddito universale, indipendente dalle circostanze, non servirà a quello scopo.

Dunque, in cosa dovrebbe consistere la politica economica? Nella scorsa settimana o giù di lì alcuni principali economisti hanno ampiamente convenuto con il punto di vista secondo il quale non dovremmo concentrarci su uno stimolo dell’economia – nel tempo presente noi vogliamo che una parte dell’economia chiuda – ma su un aiuto nella calamità a coloro che perdono il loro reddito.

Quello che è impressionante è che questa risposta venga anche da economisti keynesiani come Larry Summers, Olivier Blanchard e il sottoscritto, che in generale sono a favore di uno stimolo all’economia nella forma di una spesa per combattere la recessione, ed hanno spinto perché gli Stati Uniti si avvantaggino dei bassi tassi di interesse per fare un bel po’ di maggiore investimento pubblico. Vi potevate aspettare che questa banda di esperti usasse la recessione come una scusa per perseguire la loro (la nostra) politica preferita.

Ma pensare seriamente alla natura della crisi attuale ci dice che la spesa sulle infrastrutture, per quanto possa essere desiderabile, non affronta le questioni immediate. Incrementare i sussidi di disoccupazione e aiutare le piccole imprese è ciò che va al cuore del problema attuale. Dunque è quello che seri economisti stanno raccomandando, e i democratici del Congresso si sono in gran parte raccolti attorno allo stesso punto di vista.

Avanzare raccomandazioni politiche corrispondenti a quello che sta realmente accadendo nel mondo non rappresenta una prova di integrità intellettuale particolarmente ardua. Ma considerato il contesto politico nel quale viviamo, sono effettivamente impressionato e lieto di constatare che tanti economisti siano all’altezza della sfida.

 

 

 

 

 

Note sull’economia del coma indotto del coronavirus, di Paul Krugman (note apparse su Twitter, 31 marzo 2020)

aprile 1, 2020

 

March 31, 2020

Notes on Coronacoma Economics

Paul Krugman

zz 516

The economic contraction we’re experiencing is the fastest on record, by a large margin; we’ve probably lost as many jobs over the past two weeks as we did in the whole of the Great Recession. The policy response is also gigantic, several times as large a share of GDP as the Obama stimulus.

But it seems to me that we’re still not having a very clear discussion of the economics of what’s happening, why we’re doing it, and what implications all this will have for the longer term, once the pandemic ends. So I’ve been trying to think it through in terms of a simple model — not even one involving any explicit equations, although I don’t think that would be hard to do.

The main moral of this analysis is that what we should be doing — and to some extent what we are doing — is more like disaster relief than normal fiscal stimulus, although there’s a stimulus element too. This relief can and should be debt-financed. There may be a slight hangover from this borrowing, but it shouldn’t pose any major problems.

The nature of the problem

What we’re experiencing is not a conventional recession brought on by a slump in aggregate demand. Instead, we’re going into the economic equivalent of a medically induced coma, in which some brain functions are deliberately shut down to give the patient time to heal.

To simplify things, think of the economy as consisting of two sectors, nonessential services (N) that we can shut down to limit human interactions and hence the spread of the disease, and essential services (E) that we can’t (or perhaps don’t need to, because they don’t involve personal interaction.) We can and should close down the N sector until some combination of growing immunity, widespread testing to quickly find and isolate cases, and, if we’re very lucky, a vaccine let us return to normal life.

For those (like me) still receiving their regular paychecks, this period of shutdown — call it the coronacoma — will be annoying but not serious. I miss coffee shops and concerts, but can live without them for however long it takes.

Things will, however, be very different and dire for those who are deprived of their regular income while the coronacoma lasts. This group includes many workers and small businesses; it also includes state and local government, which are required to balance their budgets but are seeing revenues collapse and expenses soar.

How big is the N sector? Miguel Faria-e-Castro of the St. Louis Fed summarizes estimates that are as good as any: 27 to 67 million people, which he averages to 47 million. That’s a lot; at a very rough estimate we might be looking at a temporary decline in real GDP of 30 percent or more. But that GDP decline isn’t the problem, since it’s a necessary counterpart of the social distancing we need to be doing.

The problem instead is how to limit the hardships facing those whose normal income has been cut off.

Disaster relief with a dash of stimulus

What can be done to help those cut off from their normal incomes during this period of national lockdown? They don’t need jobs — we don’t want them working at a time when normal work routines can spread a deadly disease. What they need, instead, is money. That is, what’s needed now is disaster relief, not economic stimulus.

OK, a few qualifications. Some idled workers may be able to switch to doing other things at fairly short notice — say, Uber drivers making deliveries for Amazon. But that can’t absorb more than a small fraction of the idled work force.

A more important point is that if we fail to provide enough help to those afflicted by this crisis, they will be forced to sharply cut their spending even on goods and services we can still produce, leading to a gratuitous further rise in unemployment (and a multiplier process as laidoff workers cut spending even more.) So aid to those in the shut-down sector actually does include an element of conventional fiscal stimulus, even though that’s not its central goal.

Finally, the sudden shutdown of revenue streams for many businesses is creating financial stresses that resemble those of 2008-2009, with prices of risky assets plunging and investors trying to pile into government bonds. So the Fed is right to be going all out — doing “whatever it takes” — to stabilize financial markets.

In other words, there are pieces of this crisis that resemble conventional recession-fighting. But the core issue remains disaster relief for those hit hardest by the lockdown.

How do we pay for relief?

Where will the government get the money for the $2 trillion bill Congress has already passed, a bill that’s much better than nothing but still far short of what we should be doing? The answer is, borrow. Real interest rates on federal borrowing are negative; the markets are basically begging the feds to take their money.

But why is borrowing so cheap? Where’s the money coming from? The answer is private savings that have nowhere else to go. When we finally get data on what’s happening now, we’ll surely see a sharp rise in private saving, as people stop buying what they can’t, and a fall in private investment, because who’s going to build houses or office parks in a plague?

So the private sector is going to be running a huge financial surplus that’s available for government borrowing. And this is no time to worry, even slightly, about the level of government debt.

Still, the pandemic will eventually end. Will there be a debt hangover?

From the point of view of government solvency, none at all. We live in a world in which interest rates are consistently below the growth rate, so that government debt melts instead of snowballing. The government won’t have to pay back the money it’s borrowing, just return to a sustainable level of deficits (not zero) and let the debt/GDP ratio decline over time.

There might, however, be a slight macroeconomic issue when the pandemic ends. The private sector will have added several trillion dollars to its wealth via more or less forced saving; between that wealth increase and, perhaps, pent-up demand, there might — might — be some inflationary overheating when things return to something like normal.

This may be a non-issue in an era of secular stagnation, when we might welcome the extra demand. Even if it is an issue, however, it’s unlikely, given the numbers, to be something the Fed can’t contain with modestly higher interest rates. You could imagine a world in which the costs of the immediate crisis eventually require some future fiscal austerity, but I don’t think we’re living in that world.

Let me summarize where we are. We’re facing a period of unknown length when much of the economy can and should be shut down. The principal goal of policy during this period should not be to boost GDP, but to alleviate the hardship facing those deprived of their normal incomes. And the government can simply borrow the money it needs to do that.

 

Note sull’economia del coma indotto del coronavirus,

di Paul Krugman

 La stretta economica che stiamo sperimentando è, con ampio margine, la più veloce che sia stata documentata; probabilmente nelle due settimane passate abbiamo perso tanti posti di lavoro quanti quelli che perdemmo nell’intera Grande Recessione. Anche la risposta della politica è gigantesca, come quota del PIL varie volte più grande di quella dello stimolo di Obama.

Ma a me sembra che, mentre stiamo facendo questo, non abbiamo ancora un chiaro dibattito economico su quello che sta avvenendo e su quali implicazioni tutto ciò avrà nel più lungo termine, una volta che la pandemia sarà terminata. Dunque ho provato a ragionarci nei termini di un modello semplice – escludendo anche qualsiasi formale equazione, sebbene non penso che sarebbe difficile aggiungerle.

La principale morale di questa analisi è che quello che dovremmo star facendo – e in qualche misura quello che stiamo facendo – è più un aiuto in una calamità che non un normale stimolo della finanza pubblica, sebbene ci sia anche l’elemento dello stimolo. Questo aiuto può e dovrebbe essere finanziato col debito. Ci potrebbero essere alcuni strascichi da questo indebitamento, ma non dovrebbero costituire in alcun modo un problema importante.

La natura del problema

Quello che stiamo sperimentando non è una recessione convenzionale provocata da un crollo della domanda aggregata. Ci stiamo, invece, indirizzando verso l’equivalente economico di un coma farmacologico, nel quale alcune funzioni cerebrali vengono artificialmente interrotte per dare al paziente il tempo di guarire.

Per semplificare le cose, si pensi ad una economia consistente in due settori, i servizi non essenziali (N) che possiamo interrompere per limitare i contatti tra le persone e dunque la diffusione della malattia, e i servizi essenziali (E) che non possiamo interrompere (oppure che non abbiamo bisogno di interrompere, giacché non comportano contatti tra le persone). Possiamo e dovremmo chiudere il settore N finché qualche combinazione di crescente immunità, di test generalizzati per trovare rapidamente i casi e isolarli e, se siamo molto fortunati, di un vaccino ci permettano di tornare ad una vita normale.

Per coloro (come me) che stanno ancora ricevendo i loro regolari compensi, questo periodo di chiusura – chiamiamolo coronacoma – sarà fastidioso ma non grave. Mi mancano i caffè ed i concerti, ma posso vivere senza per tutto il tempo richiesto.

Tuttavia, le cose saranno molto diverse e preoccupanti per coloro che sono privati del loro normale reddito mentre dura il coronacoma. Questo gruppo include molti lavoratori e piccole imprese; include anche i Governi locali e degli Stati ai quali è richiesto di tenere i bilanci in equilibrio ma che stanno vedendo le entrate collassare e le spese schizzare in alto.

Quanto è grande il settore N? Miguel Faria-e-Castro della Fed di St. Louis ha sintetizzato stime che sono meglio di niente: da 27 a 67 milioni di persone, che egli calcola in una media di 47 milioni. È molto; ad una stima molto grossolana potremmo assistere ad un declino temporaneo del 30 per cento o più del PIL reale. Ma quel declino del PIL non è un problema, dal momento che è ciò che corrisponde al ‘distanziamento sociale’ che abbiamo necessità di mettere in atto.

Il problema è invece come limitare le difficoltà di coloro i cui redditi normali sono stati tagliati.

Aiuto nella calamità con una piccola componente di stimolo

Cosa possiamo fare per aiutare coloro che hanno i loro redditi decurtati durante questo periodo di blocco nazionale? Non hanno bisogno di posti di lavoro – non vogliamo che lavorino in un periodo nel quale le normali funzioni lavorative possono diffondere una malattia letale. Hanno invece bisogno di soldi. Cioè, quello che adesso è necessario è un aiuto nella calamità, non uno stimolo economico.

Occorrono, però, alcune specificazioni. Alcuni lavoratori inattivi possono essere nelle condizioni di spostarsi a fare altre cose con un breve preavviso – ad esempio, gli autisti di Uber possono fare le consegne per conto di Amazon. Ma ciò non può assorbire più di una piccola frazione della forza lavoro inattiva.

Un aspetto più importante è che se non riusciamo a fornire aiuto sufficiente a coloro che sono colpiti da questa crisi, essi saranno costretti a tagliare bruscamente la lor spesa anche su beni e servizi che possiamo produrre, portando ad una ulteriore crescita gratuita della disoccupazione (e ad un processo di moltiplicatore dato che i lavoratori sospesi riducono la spesa anche di più). Dunque l’aiuto alle persone nel settore che viene chiuso in effetti comprende un elemento del convenzionale stimolo della finanza pubblica, anche se quello non è il suo obbiettivo centrale.

Infine, l’improvvisa chiusura dei flussi delle entrate per molte imprese sta creando sofferenze finanziarie che assomigliano a quelle del 2008-2009, con i prezzi degli asset che crollano e gli investitori che cercano di accumulare le obbligazioni del Governo. Dunque la Fed ha ragione a indirizzarsi il più possibile – facendo “tutto quello che serve” – alla stabilizzazione dei mercati finanziari.

In altre parole, ci sono aspetti di questa crisi che assomigliano ad un convenzionale contrasto delle recessioni. Ma il tema principale resta l’aiuto nella calamità per coloro che sono colpiti più duramente dall’isolamento.

Come finanziamo l’aiuto?

Dove il Governo prenderà i soldi per la legge da 2.000 miliardi di dollari che il Congresso ha già approvato, una legge che è molto meglio di niente ma è ancora molto al di sotto di quello che dovremmo fare? La risposta è, indebitarsi. I tassi di interesse reali sull’indebitamento federale sono negativi; fondamentalmente i mercati stanno scongiurando il Governo Federale perché prenda i loro soldi.

Ma perché l’indebitamento è così conveniente? Da dove vengono i soldi? La risposta è il risparmio dei privati che non ha altri posti dove andare. Quando finalmente avremo i dati su quello che adesso sta accadendo, sicuramente constateremo una brusca crescita nei risparmi privati, dato che le persone hanno smesso di acquistare ciò che non possono acquistare, e una caduta negli investimenti privati, giacché chi va a costruire case o aree commerciali durante una epidemia?

Dunque, il settore privato è destinato a gestire un vasto surplus finanziario che è disponibile per l’indebitamento del Governo. E questo non è il momento di preoccuparsi, neanche leggermente, per il livello del debito pubblico.

Eppure, la pandemia alla fine avrà termine. Ci saranno conseguenze negative per il debito?

Dal punto di vista della solvibilità del Governo, non ce ne saranno affatto. Viviamo in un mondo nel quale i tassi di interesse sono stabilmente al di sotto del tasso di crescita, cosicché il debito pubblico si scioglie anziché produrre effetti di valanghe. Il Governo non dovrà restituire il denaro che sta prendendo in prestito, soltanto dovrà tornare ad un livello sostenibile di deficit (non azzerarlo) e consentire che il rapporto debito/PIL cali col tempo.

Ci potrebbe essere, tuttavia, un leggero problema macroeconomico quando termina la pandemia. Il settore privato avrà aggiunto varie migliaia di miliardi di dollari alla sua ricchezza attraverso risparmi più o meno obbligati; tra quell’aumento di ricchezza e, forse, una domanda trattenuta, ci potrebbe – potrebbe – essere qualche surriscaldamento inflazionistico quando le cose torneranno alla normalità.

In un’epoca di stagnazione secolare questo può non essere un problema, allorché potremmo salutare con favore la domanda aggiuntiva. Tuttavia, anche se fosse un problema, è improbabile, dati i numeri, che sia qualcosa che la Fed non può contenere con tassi di interesse modestamente più elevati. Si potrebbe immaginare un mondo nel quale la crisi immediata alla fine richieda qualche futura austerità della finanza pubblica, ma non penso che stiamo vivendo in un mondo del genere.

Consentitemi di riassumere il punto a cui siamo. Stiamo affrontando un periodo di durata non conosciuta nel quale molta economia può e dovrebbe essere interrotta. Il principale obbiettivo della politica in questo periodo non dovrebbe essere incoraggiare il PIL, ma ridurre le difficoltà che affrontano coloro che sono sprovvisti dei loro normali redditi. E il Governo può semplicemente prendere a prestito i soldi di cui ha bisogno per farlo.

 

 

 

 

 

 

 

Il Covid-19 mette in risalto tutti gli zombi consueti, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 28 marzo 2020)

marzo 29, 2020

 

March 28, 2020

Covid-19 Brings Out All the Usual Zombies

By Paul Krugman

zz 516

Let me summarize the Trump administration/right-wing media view on the coronavirus: It’s a hoax, or anyway no big deal. Besides, trying to do anything about it would destroy the economy. And it’s China’s fault, which is why we should call it the “Chinese virus.”

Oh, and epidemiologists who have been modeling the virus’s future spread have come under sustained attack, accused of being part of a “deep state” plot against Donald Trump, or maybe free markets.

Does all this give you a sense of déjà vu? It should. After all, it’s very similar to the Trump/right-wing line on climate change. Here’s what Trump tweeted back in 2012: “The concept of global warming was created by and for the Chinese in order to make U.S. manufacturing noncompetitive.” It’s all there: it’s a hoax, doing anything about it will destroy the economy, and let’s blame China.

And epidemiologists startled to find their best scientific efforts denounced as politically motivated fraud should have known what was coming. After all, exactly the same thing happened to climate scientists, who have faced constant harassment for decades.

So the right-wing response to Covid-19 has been almost identical to the right-wing response to climate change, albeit on a vastly accelerated time scale. But what lies behind this kind of denialism?

Well, I recently published a book about the prevalence in our politics of “zombie ideas” — ideas that have been proved wrong by overwhelming evidence and should be dead, but somehow keep shambling along, eating people’s brains. The most prevalent zombie in U.S. politics is the insistence that tax cuts for the rich produce economic miracles, indeed pay for themselves, but the most consequential zombie, the one that poses an existential threat, is climate change denial. And Covid-19 has brought out all the usual zombies.

But why, exactly, is the right treating a pandemic the same way it treats tax cuts and climate change?

The force that usually keeps zombie ideas shambling along is naked financial self-interest. Paeans to the virtues of tax cuts are more or less directly paid for by billionaires who benefit from these cuts. Climate denial is an industry supported almost entirely by fossil-fuel interests. As Upton Sinclair put it, “It is difficult to get a man to understand something when his salary depends on his not understanding it.”

However, it’s less obvious who gains from minimizing the dangers of a pandemic. Among other things, the time scale is vastly compressed compared with climate change: the consequences of global warming will take many decades to play out, giving fossil-fuel interests plenty of time to take the money and run, but we’re already seeing catastrophic consequences of virus denial after just a few weeks.

True, there are may be some billionaires who imagine that denying the crisis will work to their financial advantage. Just before Trump made his terrifying call for reopening the nation by Easter, he had a conference call with a group of money managers, who may have told him that ending social distancing would be good for the market. That’s insane, but you should never underestimate the cupidity of these people. Remember, Blackstone’s Steve Schwarzman, one of the men on the call, once compared proposals to close a tax loophole to Hitler’s invasion of Poland.

Also, billionaires have done very well by Trump’s tax cuts, and may fear that the economic damage from the coronavirus will bring about Trump’s defeat, and hence tax increases for people like them.

But I suspect that the disastrous response to Covid-19 has been shaped less by direct self-interest than by two indirect ways in which pandemic policy gets linked to the general prevalence of zombie ideas in right-wing thought.

First, when you have a political movement almost entirely built around assertions than any expert can tell you are false, you have to cultivate an attitude of disdain toward expertise, one that spills over into everything. Once you dismiss people who look at evidence on the effects of tax cuts and the effects of greenhouse gas emissions, you’re already primed to dismiss people who look at evidence on disease transmission.

This also helps explain the centrality of science-hating religious conservatives to modern conservatism, which has played an important role in Trump’s failure to respond.

Second, conservatives do hold one true belief: namely, that there is a kind of halo effect around successful government policies. If public intervention can be effective in one area, they fear — probably rightly — that voters might look more favorably on government intervention in other areas. In principle, public health measures to limit the spread of coronavirus needn’t have much implication for the future of social programs like Medicaid. In practice, the first tends to increase support for the second.

As a result, the right often opposes government interventions even when they clearly serve the public good and have nothing to do with redistributing income, simply because they don’t want voters to see government doing anything well.

The bottom line is that as with so many things Trump, the awfulness of the man in the White House isn’t the whole story behind terrible policy. Yes, he’s ignorant, incompetent, vindictive and utterly lacking in empathy. But his failures on pandemic policy owe as much to the nature of the movement he serves as they do to his personal inadequacies.

 

Il Covid-19 mette in risalto tutti gli zombi consueti,

di Paul Krugman

 

Fatemi riassumere il punto di vista della Amministrazione Trump e dei media della destra sul coronavirus: è una bufala, o comunque è una cosa di poco conto. Oltretutto, cercare di farci qualcosa distruggerebbe l’economia. Ed è colpa della Cina, che è la ragione per la quale dovremmo chiamarlo “virus cinese”.

Inoltre, gli epidemiologi che stanno modellando la diffusione futura del virus sono finiti sotto un attacco sostenuto, accusati di essere una componente di un complotto del “ventre molle dello Stato” contro Donald Trump, o magari contro i liberi mercati.

Avete la sensazione di aver già sentito cose del genere? Dovreste averla. Dopo tutto, sono molto simili alle posizioni di Trump e della destra sul cambiamento climatico. Ecco quello che Trump twittava nel 2012: “Il concetto di riscaldamento globale è stato creato dai cinesi nel loro stesso interesse allo scopo di rendere il settore manifatturiero statunitense non competitivo”. È tutto qua: è una bufala, farci qualcosa distruggerebbe l’economia, diamo la colpa alla Cina.

E gli epidemiologi che sono stati colti di sorpresa nel vedere i loro migliori sforzi scientifici trattati alla stregua di una frode con finalità politiche, dovevano sapere cosa stava arrivando. Dopo tutto, la stessa cosa era successa agli scienziati del clima, che hanno fatto fronte ad una aggressione costante per decenni.

Dunque la risposta della destra al Covid-19 è stata quasi identica alla risposta della destra al cambiamento climatico, sebbene in una dimensione temporale enormemente accelerata. Ma cosa c’è dietro questo genere di negazionismo?

Ebbene, ho recentemente pubblicato un libro sulla prevalenza nella nostra politica delle “idee zombi” – idee che si sono dimostrate sbagliate a seguito di prove schiaccianti e dovrebbero essere defunte, ma in qualche modo continuano a circolare come gli zombi e a mangiarsi il cervello della gente. Lo zombi più diffuso nella politica americana è l’insistenza secondo la quale tagliare le tasse ai ricchi genera miracoli economici, di fatto si ripaga da solo, ma lo zombi più significativo, quello che costituisce una minaccia all’esistenza, è la negazione del cambiamento climatico. E il Covid-19 ha tirato fuori il peggio degli zombi comuni.

Ma perché, più precisamente, la destra sta trattando una pandemia nello stesso modo in cui tratta i tagli alle tasse e il cambiamento climatico?

Il fattore che di solito mette in circolazione le idee zombi è il crudo interesse finanziario. Gli inni alle virtù dei tagli delle tasse sono più o meno pagati direttamente dai miliardari che beneficiano di quei tagli. Il negazionismo sul clima è una attività sostenuta quasi interamente dagli interessi del settore dei combustibili fossili. Come diceva Upton Sinclair: “È difficile far capire qualcosa ad una persona, quando il suo salario dipende dal non capirla”.

Tuttavia, è meno evidente chi ci guadagni dal minimizzare i pericoli di una pandemia. Tra le altre cose, la dimensione del tempo è enormemente compressa a confronto con il cambiamento climatico: le conseguenze del riscaldamento globale ci vorranno decenni perché entrino in scena, dando agli interessi dei combustibili fossili tutto il tempo per far soldi e scappare, mentre noi stiamo già vedendo dopo poche settimane le conseguenze catastrofiche del negazionismo del virus.

È vero, ci possono essere alcuni miliardari che si immaginano che negare la crisi giocherà a loro vantaggio finanziario. Appena prima che Trump avanzasse la sua terrificante richiesta di una riapertura della nazione a Pasqua, aveva avuto una teleconferenza con un gruppo di operatori finanziari, che gli avevano detto che porre fine al ‘distanziamento sociale’ sarebbe stato positivo per il mercato. È una cosa pazzesca, ma non si dovrebbe mai sottostimare la cupidigia di questa gente. Si ricordi, Steve Schwarzman di Blackstone, uno degli individui della teleconferenza, una volta paragonò le proposte di chiusura di una scappatoia fiscale all’invasione della Polonia da parte di Hitler.

Inoltre, i miliardari si sono trovati benissimo con i tagli delle tasse di Trump, e possono aver timore che il danno economico del coronavirus possa determinare una sconfitta di Trump, e quindi aumenti delle tasse per quelli come loro.

Eppure ho il sospetto che la risposta disastrosa al Covid-19 sia stata meno determinata dall’interesse diretto, e piuttosto da due modi indiretti nei quali la politica della pandemia finisce col collegarsi alla prevalenza generale delle idee zombi nel pensiero della destra.

Il primo, quando si ha un movimento politico quasi interamente costruito attorno ad affermazioni che ogni esperto può dirvi che sono false, si deve coltivare l’inclinazione al disprezzo verso la competenza, in un modo tale che si estenda su ogni aspetto. Una volta che rimuovete le persone che guardano alle prove sugli effetti dei tagli fiscali e sugli effetti delle emissioni dei gas serra, siete già pronti a scartare le persone che osservano le prove sulla trasmissione di una malattia.

Questo anche contribuisce a spiegare la centralità, nel conservatorismo attuale, dei conservatori religiosi che hanno in odio la scienza, che ha giocato un ruolo importante nella incapacità di Trump a dare una risposta.

Il secondo, i conservatori hanno davvero una radicata convinzione: precisamente, che ci sia una sorta di ‘effetto di alone’ nelle politiche pubbliche che hanno successo. Se l’intervento pubblico può essere efficace in un’area, temono – probabilmente a ragione – che gli elettori possano guardare con favore all’intervento del governo in altre aree. In linea di principio, le misure sanitarie pubbliche per limitare la diffusione del coronavirus non è necessario che abbiano molte implicazioni con il futuro dei programmi sociali come Medicaid. In pratica, le prime tendono ad aumentare il sostegno alle seconde.

Di conseguenza, la destra spesso si oppone agli interventi governativi anche quando essi servono chiaramente al bene pubblico e non hanno niente a che fare con la redistribuzione del reddito, semplicemente perché non vogliono che gli elettori constatino che il Governo sta facendo qualcosa di buono.

La morale della favola è che, come in molte cose. Trump e ciò che è terribile nell’uomo alla Casa Bianca non ci raccontano l’intera storia di ciò che sta dietro una politica terribile. È vero, è ignorante, incompetente, vendicativo e completamente sprovvisto di empatia. Ma i suoi fallimenti nella politica della pandemia sono molto dovuti, oltre che alla sua personale inadeguatezza, alla natura del movimento di cui è al servizio.

 

 

 

Un “thread” sull’economia della pandemia, sullo stimolo e sui salvataggi – e sul perché i democratici non dovrebbero cedere all’invito di McConnell a levarsi dalle scatole, di Paul Krugman (da Twitter, 23 marzo 2020)

marzo 23, 2020

 

March 23, 2020

A thread on pandemic economics, stimulus and bailouts — and why Democrats should not give in to McConnell’s bum’s rush 

Paul Krugman

zz 516

First, beware analogies with 2008. There are some parallels, but this time the epicenter of crisis is NOT in the financial sector — and the McConnell stimulus bill is not the equivalent of TARP, which Congress eventually passed in the face of plunging markets.

True, we’re facing huge job losses: I wouldn’t be surprised to see 10 million jobs lost over the next few weeks. But these losses are the result of social distancing, which is shutting down restaurants, entertainment, and other non-essentials.

Stimulus can’t and shouldn’t bring these jobs back; that has to wait until the pandemic subsides. So what can we do for these workers? Aid: any kind of benefits we can manage, including incentives for firms to continue paying at least part of wages.

That is, the clear and present need is for disaster relief, rather than stimulus. And notice how the debate over this relief is being framed: calls to help Americans in need are portrayed as “Democratic demands” rather than the decent thing to do.

What role, then, for stimulus? Well, there will be a second round of job losses as laid-off workers and shuttered businesses cut their purchases. This second round should be diminished as much as possible — but a few days’ delay in getting stimulus right is OK.

Again, not like 2008 when the financial system seemed on the verge of imploding. There are some major financial stresses, but the Fed is on the case. Oh, and aid to those in need bc of social distancing is itself a major source of demand stimulus.

But McConnell wants everyone to imagine that it’s like the immediate aftermath of Lehman, and that everything will collapse unless we give Trump a $500 billion corporate slush fund with no effective oversight. That’s totally unacceptable.

Even aside from trust issues, we have this thing called bankruptcy law that often allows corporations to remain viable entities even when they can’t pay their debts. There may be cases where that won’t be enough — but then you want conditions attached to aid, a la auto bailout.

And then there is the question of trust. Nobody in their right mind believes that we can trust Trump to use a slush fund in a non-corrupt way, as opposed to rewarding friends — including himself — and punishing enemies.

I mean, he won’t even use the power he has to order companies to produce urgently needed medical supplies. Not a chance that he would require good behavior from bailed-out businesses.

And McConnell himself has shown that he can’t be trusted when it comes to corporate giveaways. Remember how that huge 2017 corporate tax cut was supposed to lead to an investment boom, and instead was spent on stock buybacks?

Oh, and I hear that Rs are arguing that placing conditions on corporate aid might be too “onerous”, so that companies won’t take it. (a) I don’t believe it (b) if they can refuse the aid rather than make sure it helps workers, maybe they didn’t need it?

So, once more: this isn’t 2008, when you arguably had to rush money to financial institutions to avoid immediate collapse. Stimulus is needed, but there’s time to do it right. Just say no to slush funds.

 

Un “thread” sull’economia della pandemia, sullo stimolo e sui salvataggi – e sul perché i democratici non dovrebbero cedere all’invito di McConnell a levarsi dalle scatole [1],

di Paul Krugman

 

Anzitutto, guardiamoci dalle analogie con il 2008. Ci sono alcune somiglinze, ma questa volta l’epicentro NON è il settore finanziario – e lo stimolo di McConnell non è l’equivalente del Programma degli Aiuti per gli Asset in Difficoltà (TARP), che il Congresso alla fine approvò di fronte al crollo dei mercati.

È vero, siamo di fronte a vaste perdite di posti di lavoro: non sarei sorpreso di vedere nelle prossime settimane 10 milioni di posti di lavoro perduti. Ma queste perdite sono il risultato del ‘distanziamento sociale’, che sta chiudendo ristoranti, luoghi di intrattenimento e altri servizi non essenziali.

Lo stimolo non può e non deve ridarci questi posti di lavoro; per quello si deve aspettare che passi la pandemia. Cosa dovremmo dunque fare per questi lavoratori? Aiutarli: ogni genere di sussidio che possiamo mettere in atto, inclusi incentivi alle imprese per continuare a pagare almeno in parte i salari.

Cioè, il bisogno chiaro e attuale è attenuare il disastro, piuttosto che lo stimolo. E si osservi il modo in cui nel dibattito questa attenuazione viene presentata: le prese di posizione per aiutare gli americani vengono descritte come “richieste dei democratici”, piuttosto che come la cosa decente da fare.

Quale è il ruolo, dunque, dello stimolo? Ebbene, ci sarà una seconda serie di perdite di posti di lavoro quando i lavoratori sospesi e le imprese chiuse taglieranno i loro acquisti. Questa seconda serie dovrebbe essere ridotta per quanto possibile – ma un rinvio di pochi giorni nell’ottenere lo stimolo non sarà un gran problema.

Ancora, niente di simile a quando nel 2008 il sistema finanziario sembrava prossimo ad implodere. Ci sono alcune importanti difficoltà finanziarie, ma la Fed se ne occupa. Inoltre, l’aiuto a coloro che ne hanno bisogno per il distanziamento sociale è di per sé una fonte importante della stimolazione della domanda.

Ma McConnell vuole che tutti si immaginino che sia come nell’immediato periodo successivo alla Lehman, e che tutto collasserà se non diamo a Trump 500 miliardi di dollari di fondi da usare a totale discrezione [2] per le società senza alcuna efficace vigilanza. Questo è totalmente inaccettabile.

Anche a prescindere dal tema della fiducia, noi abbiamo quella cosa chiamata legge fallimentare che permette alle imprese di restare organismi funzionanti anche quando non possono pagare i loro debiti. Ci possono essere casi nei quali ciò non sarà sufficiente – ma allora ci vogliono condizioni connesse all’aiuto, come per il salvataggio dell’industria automobilistica.

E poi c’è la questione della fiducia. Nessuno con la testa a posto crede che possiamo fidarci che Trump utilizzi un fondo a sua totale discrezione in modo non disonesto, anziché usarlo per premiare i suoi amici – lui stesso compreso – e punire i suoi nemici.

Voglio dire: egli non intende neppure usare il potere che ha di dare ordini alle società per produrre urgentemente forniture sanitarie. Non si vede come sia possibile che egli richieda comportamenti corretti da parte di imprese in salvataggio.

E lo stesso McConnell ha dimostrato di non meritare alcuna fiducia quando si parla di regali alle società. Ricordate come l’enorme taglio delle tasse alle società del 2017 si pensava portasse ad un boom degli investimenti, e invece è stato speso dalle società nel riacquisto delle proprie azioni?

Infine, sento dire che i repubblicani stiano sostenendo che mettere condizioni sull’aiuto alle società potrebbe risultare troppo “oneroso”, al punto che le società non lo prenderebbero. Punto primo: io non lo credo. Punto secondo: se esse rifiutano l’aiuto anziché accertarsi che esso serva ai lavoratori, forse non ne avevano bisogno?

Dunque, ancora una volta: questo non è il 2008, quando verosimilmente si doveva precipitarsi con i soldi per gli istituti finanziari per evitare un collasso immediato. Lo stimolo è necessario, ma c’è tempo per farlo in modo giusto. Bisogna proprio opporsi ai fondi discrezionali.

 

 

 

 

 

[1] Questo testo è la somma di 14 successivi piccoli interventi su Twitter di Krugman – una frase per ogni tweet – pubblicati verso le nostre ore 13,30 del 23 marzo. Praticamente un breve articolo, ma pubblicato su Twitter, per un pubblico molto ampio e praticamente in diretta. Un “thread” – che significa un “filo”, o anche una “discussione” – è il modo in cui normalmente su Twitter si aggira il limite di un certo numero di parole utilizzabili in un singolo tweet, pubblicandoli in serie. Quindi, nel testo inglese, talora ci sono le abbreviazioni caratteristiche di questa forma di linguaggio: “bc” per “because”, “rs” per “repubblicans” etc.

[2] “Slush fund” può significare “fondo nero” o “fondo illecito”. Ma qua l’ipotesi è che si tratti di fondi che sarebbero approvati da una legge del Congresso, che dunque sarebbero leciti, ma completamente discrezionali nella gestione.

 

 

 

 

 

I vostri soldi o la vostra vita? Newletter di Paul Krugman (newsletter di Paul Krugman, 17 marzo 2020)

marzo 18, 2020

 

March 17, 2020

Your money or your life?

Paul Krugman

 

zz 516Back in 2009 the economists Carmen Reinhart and Ken Rogoff published a very good book with a brilliant title: “This Time is Different: Eight Centuries of Financial Folly.” They were, of course, being sarcastic: During every financial bubble, as debt rises to levels that historically have portended trouble, investors eagerly assure themselves and each other that old rules no longer apply, only to suffer ruin when the usual things happen.

This time, however, really is different. Economic data are only now beginning to show what the financial markets have already priced in, a dramatic slump over the next few months. But while the slump — the coronacession? — is definitely coming, it’s going to be different from previous recessions. Among other things, while we usually measure the success of economic policy by what happens to real G.D.P. — the total value of goods and services the economy produces, adjusted for inflation — this time G.D.P. will be both a poor measure of success and a bad target for economic policy.

To be sure, there will be many parallels with the financial crisis of 2008 and the Great Recession that followed. Now as then, financial markets are being disrupted, with crazy asset pricing driven by financial stress. Now as then, there will probably be a lot of gratuitous unemployment, as consumers curtail their purchases and workers lose their jobs — gratuitous unemployment in the sense that it could have been avoided if Congress and the Trump administration had moved quickly to provide adequate economic stimulus. (Spoiler: they won’t).

What’s different this time, however, is that some of the things we want to be doing, indeed must do if we don’t want hundreds of thousands of unnecessary deaths, will temporarily reduce G.D.P. And that’s OK.

Most obviously, we want and need sick or potentially sick workers to stay home, limiting the spread of the virus. Some of these homebound workers will be able to do their jobs remotely, but even in 2020 most jobs require physical presence. As a result, we’re going to lose the G.D.P. those workers could have produced. So be it. Production isn’t everything.

A slightly more problematic issue involves jobs lost because of the social distancing we need to slow Covid-19’s spread. People won’t and shouldn’t be going to restaurants, doing nonessential shopping, and so on; that leaves people who would normally be working at these establishments idle.

The reason this is slightly more problematic is that given time, service workers in the affected sectors could be re-employed in substitute activities: fewer servers, more people making deliveries. In fact, Amazon says it needs to hire 100,000 more workers to keep up with surging online demand. If extreme social distancing were to become the new normal, there’s no fundamental reason we couldn’t still have full employment; it would just require a different mix of jobs.

But that can’t happen overnight, and if we think the worst will pass in a few months, it actually makes sense for most workers in the afflicted sectors to stay where they are and not work for a little while. That also means less G.D.P., but again, so be it.

So what’s the role of economic policy here? Two things. First, reduce the pain. Universal sick leave at close to full pay should just be the start; we should also be doing what Denmark is doing, and subsidize firms that keep paying wages. We should also dramatically increase aid to the unemployed.

Second, we should be funneling money into the economy to sustain spending on things that shouldn’t be affected by the virus. Job losses brought on by inadequate overall demand serve no purpose.

None of this would or should prevent at least a few months of economic contraction. But we could do a lot to make this plague less painful economically. I wish I had any confidence that we’ll do more than a small fraction of what we should.

 

I vostri soldi o la vostra vita?

Newletter di Paul Krugman

 

Nel 2009 gli economisti Carmen Reinhart e Ken Rogoff pubblicarono un ottimo libro dal titolo brillante: “Questa volta è diverso: otto secoli di follia finanziaria”. Erano, evidentemente, sarcastici: durante ogni bolla finanziaria, quando il debito sale a livelli che storicamente hanno fatto presagire guai, gli investitori ansiosamente rassicurano sé stessi e tutti gli altri che le vecchie regole non valgono più, per poi dover soccombere quando tornano a succedere le cose di sempre.

Questa volta, tuttavia, le cose sono davvero diverse. I dati economici soltanto adesso hanno cominciato a mostrare quello che i mercati finanziari avevano già stimato, uno spettacolare crollo entro pochi mesi. Ma se il crollo – chiamiamolo ‘coronacession’? – sta chiaramente arrivando, esso è destinato ad essere diverso dalle recessioni precedenti. Tra le altre cose, mentre solitamente misuriamo il successo di una politica economica per quello che accade al PIL reale – il valore totale di beni e dei servizi che l’economia produce, corretto per l’inflazione – questa volta il PIL sarà sia un indicatore modesto del successo, sia un obbiettivo sbagliato per la politica economica.

Di sicuro, ci saranno molti parallelismi con la crisi finanziaria del 2008 e la Grande Recessione che la seguì. Ora come allora, i mercati finanziari stanno subendo un turbamento, attribuendo valori pazzeschi agli asset guidati dalla tensione finanziaria. Ora come allora, probabilmente ci sarà una gran quantità di disoccupazione gratuita, dato che i consumatori ridimensionano i loro acquisti e i lavoratori perdono il loro posto di lavoro – disoccupazione gratuita nel senso che avrebbe potuto essere evitata se il Congresso e l’Amministrazione Trump avessero fornito un adeguato stimolo economico (una anticipazione: non lo faranno).

Quello che questa volta, tuttavia, è diverso è che alcune delle cose che si vorrebbe che si facessero, che in effetti si devono fare se non si vogliono centinaia di migliaia di vittime non necessarie, temporaneamente riducono il PIL. E questo è giusto.

Il caso più evidente è che vogliamo e abbiamo bisogno che i lavoratori ammalati o potenzialmente ammalati stiano a casa, limitando la diffusione del virus. Alcuni di questi lavoratori costretti nelle loro case potranno fare i loro lavori da remoto, ma persino nel 2020 la maggioranza dei posti di lavoro richiedono la presenza fisica. Di conseguenza, siamo destinati a perdere il PIL che quei lavoratori avrebbero potuto produrre. E così sia. La produzione non è tutto.

Un aspetto leggermente più problematico sono i posti di lavoro perduti per la rarefazione dei contatti sociali di cui abbiamo bisogno per rallentare la diffusione del Covid-19. Le persone non andranno e non dovrebbero andare nei ristoranti, fare le spese non essenziali, e così via; questo lascia le persone che a cose normali lavorerebbero presso queste sedi, inattive.

La ragione per la quale questo è leggermente più problematico è che dato il momento, i lavoratori nei servizi nei settori colpiti potrebbero essere rioccupati in attività sostitutive: minori operatori nei servizi, più gente a fare le consegne. Amazon dice di aver bisogno di assumere 100.000 nuovi lavoratori per fronteggiare le crescenti domande online. Se una estrema rarefazione dei contatti sociali dovesse diventare la nuova regola, non ci sarebbe alcuna ragione insuperabile perché non si possa avere piena occupazione; si richiederebbe soltanto una diversa composizione dei posti di lavoro.

Ma questo non può avvenire nottetempo, e se pensiamo che il peggio passerà in pochi mesi, per la maggioranza dei lavoratori nei settori colpiti ha effettivamente senso che restino dove sono e non lavorino per un po’. Anche questo comporta meno PIL, ma, ancora, così sia.

Dunque, qual è in questo caso il ruolo della politica economica? Due cose. La prima, ridurre le sofferenze. Il congedo universale per malattia vicino ad una paga piena dovrebbe essere solo il punto di partenza; dovremmo fare anche quello che sta facendo la Danimarca, e sussidiare le imprese che continuano a pagare i salari. Dovremmo anche aumentare in modo vistoso l’aiuto ai disoccupati.

La seconda, dovremmo incanalare risorse finanziarie nell’economia per sostenere le spese su cose che non dovrebbero essere influenzate dal virus. La perdita di posti di lavoro provocata da una inadeguata domanda complessiva non ha alcuna ragione di essere.

Niente di questo impedirà o dovrebbe impedire almeno alcuni mesi di contrazione economica. Ma possiamo fare molto per rendere questo flagello economicamente meno doloroso. Vorrei avere un po’ di fiducia che faremo di più che non una minima parte di quello che dovremmo.

 

 

 

 

 

L’argomento per uno stimolo permanente (per esperti) Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 7 marzo 2020)

marzo 10, 2020

 

March 7, 2020

The Case for Permanent Stimulus (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

If you’re a normal human being considering reading this post, fair warning: although it’s not super-technical, it’s aimed at a very wonky audience, and parts of it won’t exactly be in English. Also, it’s of limited policy relevance: the Trump administration would never consider the policy I suggest, and even a Biden administration would probably balk at going where I suggest. The only reason I’m writing about it is to get the idea out there. Oh, and I don’t think it’s very different from what Larry Summers has been saying, but I thought it might be helpful to put some stylized numbers to what I believe, and believe he believes.

OK, if you’re still with me: I hereby propose that the next U.S. president and Congress move to permanently spend an additional 2 percent of GDP on public investment, broadly defined (infrastructure, for sure, but also things like R&D and child development) — and not pay for it.

The starting point for my argument is the astonishing drop in interest rates over the past few weeks. They were historically very low even a year ago, but at the time of writing the 10-year rate was only 0.76 percent. That’s below the rates on Japanese debt during the Lost Decade:

zz 789

 

 

 

 

 

 

 

 

US rates now below Japan’s during the Lost Decade. St. Louis Fed

 

What this tells us is that the bond market isn’t just pricing in a global recession driven by the coronavirus, but that it expects the Fed funds rate to be near zero a lot of the time looking forward. That is, the market sees a future of secular stagnation, in which the economy is in a liquidity trap, that is, a situation in which monetary policy loses most of its traction, much if not most of the time. We were in a liquidity trap for 8 of the past 12 years; the market now appears to believe that something like this is the new normal.

Conventional monetary policy doesn’t work in a liquidity trap, but fiscal policy is highly effective. The problem is that the kind of fiscal policy you really want — public investment that takes advantage of very low interest rates and strengthens the economy in the long run — is hard to get going on short notice. That’s why current proposals for fiscal stimulus, like the one advanced by Jason Furman, basically involve handing out cash — a good idea given the constraints, but a shame given the missed opportunity to invest in the future.

Hence my suggestion. Why not put investment-centered stimulus in place all the time? It would cushion the economy when adverse shocks hit. It wouldn’t be necessary to achieve full employment in better times, but it wouldn’t hurt either, given low interest rates and the need for public investment.

But, you say, what about debt? Well, that’s where the arithmetic of debt in an era of low interest rates becomes crucial to understand.

Let’s consider a stylized, round-number economy that I’ll call “America.” This economy currently has public debt equal to 100 percent of GDP. It can expect, on average, to experience nominal GDP growth of 4 percent a year, half real, half inflation. It can also expect, on average, to pay an interest rate of 2 percent on its debt. The actual numbers don’t match my example exactly — right now, growth prospects may be a bit worse than that, but interest rates are even lower. But I think this is close enough to make my point.

In the long run, fiscal policy is sustainable if it stabilizes the ratio of debt to GDP. Because interest rates are below the growth rate, our hypothetical economy can in fact stabilize the debt ratio while running persistent primary deficits (deficits not including interest payments.)

Let d be the ratio of debt to GDP, b be the primary balance as a share of GDP, r and g be the interest and growth rates, respectively. Then the equation for debt dynamics (I warned you, normal human beings) is

Change in d = -b + (r — g)*d

So in my hypothetical case, where d = 1 (debt is 100 percent of GDP), the debt ratio can be stabilized while running a primary deficit of 2 percent of GDP.

Put the interest payments back in, and this translates to a headline deficit of 4 percent of GDP. Our actual deficit is a bit bigger than that, but we could get back into that range by repealing Trump’s giveaways to corporations, which don’t seem to be doing anything for investment anyway.

OK, now let’s introduce a public investment program of 2 percent of GDP, with no pay-fors. The debt ratio will now begin to rise, but not without limit. If nothing else changes, d will eventually stabilize at 2 — debt at 200 percent of GDP.

That’s terrible, right? Um, why? Don’t tell me about the burden of paying interest on the debt — that’s already taken into account by the calculation. Maybe we’d have a debt crisis, but Japan has debt exceeding 200 percent of GDP, with no crisis in sight.

Also, “eventually” would be a long time. That little debt-dynamics equation has a convergence rate of .02, hence a half-life of 35 years. In other words, my permanent-stimulus plan would raise the debt/GDP ratio to only 150 percent by the year 2055. That’s a level the UK has exceeded for much of its modern history:

zz 788

 

 

 

 

 

 

 

 

 

High debt isn’t new IMF

OK, there is a valid objection to my argument: I’ve just implicitly assumed that permanent fiscal stimulus wouldn’t raise the interest rate, and that’s not a safe assumption. For one thing, zero-lower-bound episodes would probably be fewer and shorter than otherwise. Also, the Fed would probably raise rates a bit further than it would have otherwise during those period when the economy isn’t in a liquidity trap.

But there would also be offsetting factors.

First, when the economy is in a liquidity trap, which now seems likely to be a large fraction of the time, the extra public investment will have a multiplier effect, raising GDP relative to what it would otherwise be. Based on the experience of the past decade, the multiplier would probably be around 1.5, meaning 3 percent higher GDP in bad times — and considerable additional revenue from that higher level of GDP. Permanent fiscal stimulus wouldn’t pay for itself, but it would pay for part of itself.

Second, if the investment is productive, it will expand the economy’s productive capacity in the long run. This is obviously true for physical infrastructure and R&D, but there is also strong evidence that safety-net programs for children make them healthier, more productive adults, which also helps offset their direct fiscal cost.

Finally, there’s fairly strong evidence of hysteresis — temporary downturns permanently or semi-permanently depress future output. Again, by avoiding these effects a sustained fiscal stimulus would partially pay for itself.

Put these things together and they probably outweigh any fiscal effect due to stimulus raising interest rates.

And here’s the thing: because a debt crisis doesn’t seem at all imminent, there will be plenty of time to reconsider if the arithmetic of infrastructure spending doesn’t turn out as favorable as I expect it will. If secular stagnation looks like less of a problem at some future date — say, during AOC’s second term in the White House — we can rethink permanent stimulus then.

Meanwhile, however, there’s a very good case for putting a sustained, productive program of stimulus in place as soon as possible, instead of scrambling to come up with short-term measures every time bad things happen. Because everything we see now says that bad times will be a very frequent occurrence.

 

L’argomento per uno stimolo permanente (per esperti)

Di Paul Krugman

 

Se siete un normale essere umano e state pensando di leggere questo post, vi metto in guardia in anticipo: sebbene esso non sia supertecnico, è rivolto ad un pubblico molto esperto, e alcune parti non saranno esattamente nella nostra lingua. Inoltre, esso ha un rilievo politico limitato: l’Amministrazione Trump non prenderà mai in esame la politica che suggerisco, e persino una Amministrazione Biden esiterebbe ad andare in quella direzione. L’unica ragione per la quale lo sto scrivendo è tirar fuori l’idea. E non pensate che sia molto diverso da tutto ciò che Larry Summers viene dicendo, anche se ho pensato che avrebbe potuto essere utile avanzare alcuni semplici numeri nei quali io credo, e nei quali suppongo creda anche lui.

Ebbene, se siete ancora qua con me: con il presente articolo io propongo che il futuro Presidente degli Stati Uniti e il Congresso si indirizzino a spendere in permanenza un 2 per cento aggiuntivo del PIL sugli investimenti pubblici (infrastrutture, certamente, ma anche cose come Ricerca e Sviluppo e sviluppo dell’infanzia) – e per tali spese non prevedano speciali coperture legali [1].

Il punto di partenza del mio argomento è la impressionante caduta dei tassi di interesse nelle poche settimane passate. Essi erano molto bassi per le serie storiche anche un anno fa, ma al momento in cui scrivo il tasso decennale era soltanto dello 0,76 per cento. Un dato che si colloca sotto i tassi sulle obbligazioni sul debito nel Decennio Perduto giapponese:

zz 789

 

 

 

 

 

 

 

 

I tassi di interesse che ora sono al di sotto di quelli del Decennio Perduto del Giappone. Fed di St. Louis.  

Quello che il diagramma ci dice è che il mercato delle obbligazioni non solo sta facendo prezzi in direzione di una recessione globale guidata dal coronavirus, ma si aspetta anche che il tasso dei finanziamenti della Fed si collochi vicino allo zero per molto tempo a venire. Ovvero, il mercato vede un futuro di stagnazione secolare, nel quale l’economia è in una condizione di trappola di liquidità, cioè in una situazione nella quale la politica monetaria perde molta della sua capacità di trazione, per una buona parte se non per la maggioranza del tempo. Siamo stati in una trappola di liquidità per 8 dei 12 anni passati; adesso il mercato sembra credere che questa sia la nuova regola.

La politica monetaria convenzionale non funziona in una trappola di liquidità, ma la politica della finanza pubblica è altamente efficace. Il problema è che quel genere di politica di finanza pubblica che si vorrebbe – investimenti pubblici che si avvantaggino dei tassi di interesse molto bassi e rafforzino l’economia nel lungo periodo – è difficile da ottenere con un breve preavviso. Questa è la ragione per la quale le attuali proposte per uno stimolo della spesa pubblica, come quella avanzata da Jason Furman, fondamentalmente riguardano la distribuzione di contante – una buona idea considerati i condizionamenti, ma un peccato considerata la opportunità di investire nel futuro.

Da qua il mio suggerimento. Perché non mettere in atto uno stimolo basato sugli investimenti in modo duraturo? Non sarebbe necessario per realizzare la piena occupazione in tempi migliori, ma non farebbe nemmeno danni, dati i bassi tassi di interesse e il bisogno di investimenti pubblici.

Ma, direte, cosa accade col debito? Ebbene, è lì che diventa fondamentale capire l’aritmetica del debito in un’epoca di bassi tassi di interesse.

Si consideri una semplice economia espressa da un numero tondo, che chiamerò “America”. Questa economia attualmente ha un debito pubblico pari al 100 per cento del PIL. Essa può aspettarsi, in media, di avere una crescita del PIL nominale del 4 per cento, per le metà reale e per la metà di inflazione. Può anche prevedere, in media, di pagare un tasso di interesse del 2 per cento sul suo debito. I dati effettivi non coincidono esattamente col mio esempio – in questo momento, le prospettive di crescita sono un po’ peggiori di quelle. Ma penso che essi siano abbastanza vicini da confermare il mio argomento.

Nel lungo periodo, la politica della finanza pubblica è sostenibile se essa stabilizza il rapporto tra debito e PIL. Poiché i tassi di interesse sono inferiori al tasso di crescita, la nostra ipotetica economia può di fatto stabilizzare il rapporto del debito mentre gestisce perduranti deficit primari (i deficit che non includono il pagamento degli interessi).

Consideriamo d come il rapporto del debito sul PIL, b il bilancio primario espresso come quota del PIL, r e g come i tassi di interesse e di crescita, rispettivamente. Allora l’equazione per la dinamica del debito (vi avevo avvertiti, normali essere umani) sarà:

Mutamento di d = -b + (r — g)*d

Dunque, nel mio caso ipotetico, dove d = 1 (il debito è il 100 per cento del PIL), il rapporto del debito può essere stabilizzato gestendo un deficit primario del 2 per cento del PIL.

Si inserisca la restituzione degli interessi, con il che questo si traduce in un deficit complessivo [2]  pari al 4 per cento del PIL. Il nostro deficit effettivo è un po’ superiore, ma potremmo rimetterlo in riga abrogando i regali di Trump alle società, che non sembrano in ogni caso far niente per gli investimenti.

Orbene: adesso introduciamo un programma di investimenti pubblici pari al 2 per cento del PIL, senza alcuna particolare copertura [3]. Il rapporto del debito adesso comincerà a salire, ma non senza un limite. Se non cambia nient’altro, d alla fine si stabilizzerà a 2 – il debito al 200 per cento del PIL.

Terribile, vero? Ebbene, perché? Non parlatemi del peso del pagamento degli interessi sul debito – questo è già stato messo nel conto del calcolo. Forse potremmo avere una crisi del debito, ma il Giappone ha un debito che eccede il 200 per cento del PIL, senza alcuna crisi in vista.

Inoltre, “alla fine” sarebbe un tempo lungo. La piccola equazione sulla dinamica del debito ha un tasso di convergenza pari a 0,02, quindi una semivita di 35 anni. In altre parole, il mio programma di stimolo permanente eleverebbe il rapporto debito/PIL sino soltanto al 150 per cento con l’anno 2055. Si tratta di un livello che il Regno Unito ha superato per gran parte della sua storia moderna:

zz 788

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un debito elevato non è una novità. FMI

È vero, c’è una obiezione valida al mio argomento: ho assunto solo implicitamente che uno stimolo permanente non avrebbe elevato il tasso di interesse, e quello è un assunto insicuro. Da una parte, episodi al limite inferiore dello zero sarebbero probabilmente più rari e più brevi che diversamente. Inoltre, la Fed probabilmente alzerebbe i tassi un po’ di più di quanto non avrebbe fatto altrimenti durante quei periodi nei quali l’economia è in una trappola di liquidità.

Ma ci sarebbero anche fattori riequilibranti.

Il primo: quando un’economia è in una trappola di liquidità, il che ora sembra probabile per una larga parte del tempo, gli investimenti pubblici aggiuntivi hanno un effetto moltiplicatore, facendo crescere il PIL in rapporto a quanto sarebbe cresciuto altrimenti. Basandoci sull’esperienza del passato decennio, il moltiplicatore probabilmente si collocherebbe attorno ad un valore di 1,5, comportando un PIL più alto del 3 per cento in periodi negativi – e da tale più elevato livello del PIL ne conseguirebbero considerevoli entrate aggiuntive. Uno stimolo permanente della finanza pubblica non si ripagherebbe da solo, ma in parte si ripagherebbe.

Il secondo: se l’investimento è produttivo, esso amplierà la capacità produttiva dell’economia nel lungo periodo. Questo è evidentemente vero per le infrastrutture fisiche e la Ricerca e Sviluppo, ma ci sono anche forti prove che programmi per le reti assistenziali per i bambini li farebbero diventare adulti più sani e più produttivi, il che contribuirebbe anche a bilanciare i loro effetti diretti sulla finanza pubblica.

Infine, c’è una prova abbastanza forte di isteresi – recessioni temporanee continue o quasi continue deprimono la produzione futura. Anche in questo caso, evitando questi effetti uno stimolo di finanza pubblica sostenuto di ripagherebbe da solo.

Mette assieme tutte queste considerazioni ed esse probabilmente eccedono ogni effetto sulla finanza pubblica derivante da un elevamento dei tassi di interesse a seguito dello stimolo.

E qua è il punto: dato che una crisi del debito non sembra affatto imminente, ci sarà tutto il tempo per riconsiderare se l’aritmetica della spesa sulle infrastrutture non si rivelerà così favorevole come io mi aspetto. Se la stagnazione secolare apparirà essere un problema minore in qualche data futura – ad esempio, durante il secondo mandato di Alexandria Ocasio-Cortez alla Casa Bianca [4] – potremo allora ripensare allo stimolo permanente.

Nel frattempo, tuttavia, c’è un ottimo argomento per mettere in atto un sostenuto programma produttivo di stimolo prima possibile, piuttosto che arrampicarci a venirne fuori con misure a breve termine ogni qual volta accadono cose negative. Perché ogni cosa che oggi constatiamo è che i tempi cattivi saranno una circostanza assai frequente.

 

 

 

 

 

 

[1] Questa traduzione la chiarisco meglio con la nota numero 3, relativa al termine tecnico usato nel linguaggio congressuale americano: “payfors”. Mi sembra che pensare che una spesa per infrastrutture, come del resto un programma di assistenza per i bambini, possa non essere “pagata” sia un non senso. Dunque mi sembra più probabile che si intenda riferirsi alla non attivazione di particolari procedure di copertura finanziaria, così come previste dalla legislazione statunitense relativa alle spese eccedenti i programmi autorizzati. Ma potrei sbagliare.

[2] Anni fa avevo scritto questa nota a proposito del termine “headline inflation”, che mi pare possa essere utile anche in questo caso:

“Headline” significa “titolo”, di un giornale o di un programma televisivo o altro. Ma il suo significato implicito (anche esplicito) di ‘sommario’ spiega il suo uso come aggettivo assieme a termini economici, come ad esempio “headline inflation” (ho trovato anche “headline unemployment”). Quindi la “headline inflation” – o i dati relativi – sta a significare “inflazione complessiva”, ovvero quella inflazione che deriva dalla stima complessiva di tutti i generi di consumo.

 

[3] Da quanto comprendo la regola ordinaria del Congresso degli Stati Uniti – denominata “paygo” – comporta che ogni nuova spesa sia compensata da risparmi nel programma delle spese già previste. Ma i “pay-fors” cosituiscono le eccezioni a questa regola, ad esempio nei casi di calamità naturali, o di misure eccezionali di stimolazione dell’economia. Quindi, se non sbaglio, la assenza di qualsiasi “pay-fors” (“without no pay-fors”) significa in pratica senza alcuna copertura legale. Resta da capire come questo sia possibile con le esistenti regole del Congresso.

[4] Dopo aver perlustrato una paginata di possibili significati della sigla AOC, ne concludo che il nome della famosa congressista progressista americana sia la soluzione più probabile. Di sicuro è una soluzione abbastanza ironica, giacché le chance della Ocasio sono praticamente nulle; ma questo rende possibile lo “scherzo” di Krugman. Certo più probabile che “Age of consent” (l’età per esser legalmente idonei ad atti sessuali) oppure del Club degli Ornitologi di Adelaide!

 

 

 

 

Possono la Fed e i suoi soci salvare l’economia? Newsletter di Paul Krugman (3 marzo 2020)

marzo 4, 2020

 

March 3, 2020

Can the Fed and friends save the economy?

Paul Krugman

zz 516

Markets were in a state of near panic, deeply worried about the economic outlook. But then the Federal Reserve stepped up: its chairman issued a statement strongly suggesting that he would cut interest rates. And the market experienced a huge relief rally.

No, I’m not talking about Monday’s big market bump. I’m talking about Dec. 5, 2000, in the middle of what we now remember as the bursting of the dot-com bubble. (Actually, I wonder if some of my readers are too young even to remember that?) The Fed chairman in question was Alan Greenspan; his remarks sent the tech-heavy Nasdaq soaring 10.5 percent in a day, while broader stock indexes also rose by several points.

The relief was, however, short-lived. Stocks quickly began falling again. The Nasdaq wouldn’t regain the level it reached on Greenspan Day until, wait for it, 2012.

I’m not making a stock market prediction here; that’s a mug’s game (and sometimes I’ve been the mug). I’m just trying to put Monday’s rally into perspective.

The thing is, markets actually had more reason to place faith in Alan Greenspan 2000 than they do to have faith in Jerome Powell 2020, because Greenspan had a lot more ammunition. The short-term interest rates the Fed effectively controls were above 6 percent in late 2000, and the Fed ended up cutting rates by about 5 percentage points — which was, it turned out, still not enough to prevent a big stock slump and a recession.

Before today’s rate cut, the Fed only had around 1.5 percent, leaving far less room to cut. And the Fed’s counterparts abroad are in even worse shape: short-term interest rates in Europe are actually negative, so the European Central Bank has basically no room at all to cut further.

So why did markets get all giddy over the prospect of central bank stimulus? Bear in mind, also, that it was always a given that the Fed would cut rates if the coronavirus looked likely to do serious economic damage. So there wasn’t even much news on that front.

What probably happened, instead, was that talk of Fed easing provided a convenient peg on which to hang a story that was mostly about herd behavior.

My view of markets was shaped long ago by a classic analysis Robert Shiller — who later won a richly deserved Nobel Prize — did of the huge October 1987 stock crash, which came out of the blue. After the fact people tried to come up with various explanations of the crash, but Shiller managed to interview a large number of traders in real time, as the crash was happening. He found, basically, that traders were selling because other traders were selling; it was essentially a self-reinforcing selling panic.

What happened Monday was basically a self-reinforcing buying panic.

But were last week’s big sell-offs equally irrational? Probably. There was some real news about the coronavirus, but probably not enough to justify the sheer scale of the decline.

So what happens next? When it comes to the markets, I have no idea. But when it comes to the underlying economics, we know two things. First, the coronavirus is looking more and more like a serious blow to the economy. Second, as I’ve already pointed out, the Fed and its counterparts don’t have much room to respond.

I’ve been saying for a while that I didn’t know when the economy would next face a serious bump in the road, but I did know that our shock absorbers were pretty much shot. Well, here comes the bump. Brace yourself.

 

Possono la Fed ed i suoi soci salvare l’economia?

Newsletter di Paul Krugman

 

I mercati erano in uno stato vicino al panico, profondamente preoccupati sulle previsioni per l’economia. Ma allora si fece avanti la Federal Reserve: il suo Presidente diffuse una dichiarazione indicando con forza che avrebbe tagliato i tassi di interesse. E il mercato conobbe una vasta ripresa di ottimismo.

No, non sto parlando del grande sobbalzo del mercato di lunedì. Sto parlando del 5 dicembre del 2000, nel bel mezzo di quella che oggi ricordiamo come l’esplosione della bolla del settore del commercio elettronico (in realtà, mi chiedo se alcuni dei miei lettori non siano troppo giovani per ricordarsene). Il Presidente in questione della Fed era Alan Greenspan; le sue osservazioni provocarono un’impennata dell’indice tecnologico del Nasdaq del 10,5 per cento in un giorno, mentre anche gli indici azionari più generici salirono di vari punti.

Il sollievo fu tuttavia di breve durata. In breve tempo le azioni cominciarono rapidamente a scendere di nuovo. Il Nasdaq non avrebbe riguadagnato il livello raggiunto nel Giorno di Greenspan sino, pensate un po’, al 2012.

In questo caso non sto facendo una previsione sul mercato azionario; quello è un gioco da babbei (e talvolta il babbeo sono stato io). Sto solo cercando di collocare la ripresa di lunedì in una prospettiva.

Il punto è: effettivamente i mercati avevano più ragioni di avere fiducia in Alan Greenspan nel 2000 di quante non ne abbiano oggi con Jerome Powell, dato che Greenspan aveva molte più munizioni. I tassi di interesse a breve termine sotto il controllo della Fed erano superiori al 6 per cento sulla fine del 2000, e la Fed finì per tagliare i tassi di circa 5 punti percentuali – il che, si scoprì, era ancora insufficiente ad impedire un grande crollo delle azioni e una recessione.

Prima del taglio dei tassi di oggi, la Fed aveva soltanto circa l’1,5 per cento, il che lascia molto meno spazio per i tagli. E gli omologhi della Fed all’estero sono in condizioni persino peggiori: i tassi di interesse in Europa sono effettivamente negativi, cosicché la Banca Centrale Europea non ha fondamentalmente nessuno spazio per tagliarli ulteriormente.

Perché dunque i mercati sono rimasti tutti impressionati dalla prospettiva di uno stimolo della banca centrale? Si tenga anche a mente che era sempre stato considerato un dato di fatto che la Fed avrebbe tagliato i tassi al momento in cui fosse apparso probabile che il coronavirus poteva provocare un serio danno economico. Dunque, su quel fronte non c’erano neppure tante novità.

Quello che, invece, probabilmente è accaduto è che il parlare di facilitazioni da parte della Fed ha fornito un comodo aggancio sul quale appendere una narrazione che ha soprattutto riguardato il comportamento gregario.

Il mio punto di vista sui mercati si è formato molto tempo fa sulla base di una classica analisi che Robert Shiller – che in seguito ottenne un Premio Nobel completamente meritato – fece del grande crollo azionario del 1987, che scoppiò inaspettatamente. A cose fatte le persone cercarono di congetturare varie spiegazioni del crollo, ma Shiller aveva provato a intervistare in tempo reale un gran numero di operatori, nel mentre il crollo era in corso. Fondamentalmente, egli scoprì che gli operatori stavano vendendo perché altri operatori stavano vendendo; fu essenzialmente un panico di vendite che si auto rafforzava.

Quello che è accaduto lunedì è stato fondamentalmente un panico di acquisti che si è auto rafforzato.

Ma le grandi svendite della settimana scorsa non erano egualmente irrazionali? Probabilmente. C’erano state alcune reali notizie sul coronavirus, ma probabilmente non sufficienti a giustificare l’intera dimensione del declino.

Dunque, cosa accadrà successivamente? Se si parla dei mercati, non ne ho idea. Ma se si parla dell’economia sottostante, so due cose. La prima, il coronavirus assomiglia sempre di più ad una seria tempesta sull’economia. La seconda, come ho già messo in evidenza, la Fed ed i suoi omologhi non hanno molto margine di risposta.

Era da un po’ che dicevo di non sapere quando l’economia sarebbe di nuovo incappata in un serio sobbalzo nel suo percorso, ma che sapevo che i nostri ammortizzatori erano abbastanza scarichi. Ebbene, ecco il sobbalzo. Tenetevi forte.

 

 

 

 

Non siamo pronti per una pandemia, di Paul Krugman (newsletter di Krugman del 25 febbraio 2020)

febbraio 25, 2020

 

Feb 25, 2020

We’re not ready for a pandemic,

by Paul Krugman

zz 516

This is the way the world ends. This is the way the world ends. This is the way the world ends. Not with a bang, but with a virus.

OK, it’s not that bad — or at least I don’t think it is. The coronavirus isn’t the Black Death; so far there’s no reason to believe that it will be remotely as deadly as the influenza epidemic that swept the world in 1918-19, killing as many as 50 million people.

But that said, we’ve clearly missed whatever chance we had of containing the disease’s spread. And it’s going to be seriously disruptive.

For some reason markets, which had been weirdly complacent for weeks, decided to panic yesterday. I don’t know why it took so long, but there are three good reasons to be very worried about the economic impact of what isn’t yet officially a pandemic, but is obviously headed for that status.

First, we have a deeply interdependent world economy, and China — still the epicenter of the pandemic, although this thing is going global fast — plays a very big role in world manufacturing. The last time we saw a comparable event — the SARS outbreak of 2002-3 — China accounted for around 7 percent of world manufacturing. Now it’s more than a quarter, and a lot of production around the world depends on Chinese components.

And I’m not just talking about iPhones and all that. China, it turns out, supplies some of the crucial raw materials used in modern pharmaceuticals. This virus won’t just disrupt world trade, it will disrupt the medical response.

Second, the world economy is poorly prepared to handle an adverse shock of any kind. Unemployment may be low — it’s especially low in the United States, but even in Europe it’s low by historical standards. But we’ve only been able to get close to full employment thanks to extremely low interest rates, which means that there’s very little room to cut rates further if something goes wrong. And the coronavirus looks like something.

True, we could respond with fiscal stimulus — public spending and other measures to prop up demand. In fact, that’s what the Chinese are doing. But the West seems paralyzed by ideology. In America, Republicans seem incapable of coming up with any proposal that doesn’t involve tax cuts for the rich. In Europe, the Germans still treat economics as a branch of moral philosophy; saving is virtuous, and nobody can convince them that sometimes you need to spend.

Finally, the Trump administration seems both woefully and willfully unprepared to deal with a public health crisis. President Obama created a global disease “czar” to deal with Ebola; Trump eliminated the position, and substantially cut funding for the Centers for Disease Control, because his administration didn’t consider pandemics a significant national security threat. So who’s going to take charge if things get really scary? Jared Kushner?

Two indicators of the seriousness with which our current leadership is confronting the risks: Rush Limbaugh, recent recipient of the Presidential Medal of Freedom, dismisses the coronavirus as just the common cold, being “weaponized” against Donald Trump. And Larry Kudlow, the administration’s top economist, responded to the market’s fears by … urging Americans to buy stocks.

We still don’t know how big a deal this virus will turn out to be. But there are good reasons to be seriously scared.

 

Non siamo pronti per una pandemia,

di Paul Krugman

 

Questo è il modo in cui il mondo finisce. Questo è il modo in cui il mondo finisce. Questo è il modo in cui il mondo finisce. Non con uno schianto, ma con un virus.

Va bene, non è così pessimo – o almeno non penso che lo sia. Il coronavirus non è la Morte Nera; sinora non c’è ragione di credere che esso sia neanche lontanamente così letale come l’epidemia di influenza che dilagò nel mondo nel 1918-19, provocando 50 milioni di morti.

Ma, ciò detto, ci siamo evidentemente persi qualsiasi possibilità che avevamo di contenere la diffusione della malattia. Che sta diventando seriamente dirompente.

Per qualche ragione i mercati, che erano stati per settimane stranamente compiaciuti, ieri hanno deciso di entrare nel panico. Non so perché ci sia voluto così tanto, ma ci sono tre buone ragioni per essere davvero preoccupati per l’impatto economico di quella che non è ancora ufficialmente una pandemia, ma è chiaramente indirizzata in quel senso.

La prima, abbiamo una economia mondiale profondamente interdipendente, e la Cina – ancora l’epicentro della pandemia, sebbene stia diventando rapidamente globale – gioca un ruolo molto grande nelle manifatture globali. L’ultima volta che assistemmo ad un evento paragonabile – lo scoppio della SARS nel 2002-3 – la Cina pesava il 7 per cento delle manifatture globali. Oggi è più di un quarto di esse e gran parte della produzione in tutto il mondo dipende dalle componenti cinesi.

Non sto solo parlando degli Iphone e di cose del genere. Si scopre che la Cina fornisce alcune delle principali materie prime utilizzate nei prodotti farmaceutici moderni. Questo virus non provocherà soltanto un turbamento nel commercio mondiale, provocherà un disordine anche nelle risposte sanitarie.

La seconda, l’economia del mondo è poco preparata a gestire un trauma negativo di qualsiasi natura. La disoccupazione può essere bassa – è particolarmente bassa negli Stati Uniti, ma persino in Europa è bassa per le serie storiche. Ma siamo capaci di avvicinarci alla piena occupazione solo grazie a tassi di interesse estremamente bassi, il che significa che c’è poco spazio per tagliare ulteriormente i tassi se qualcosa va storto. E il coronavirus assomiglia a quel qualcosa.

È vero, potremmo rispondere con uno stimolo della finanza pubblica – la spesa pubblica ed altre misure per sostenere la domanda. Di fatto, è quello che stanno facendo i cinesi. Ma l’Occidente sembra paralizzato dall’ideologia. In America, i repubblicani sembrano incapaci di venir fuori con qualsiasi proposta che non comprenda gli sgravi fiscali ai ricchi. In Europa, la Germania ancora tratta l’economia come un ramo della filosofia morale; risparmiare è la virtù, e nessuno li può convincere che qualche volta c’è bisogno di spendere.

Infine, l’Amministrazione Trump sembra sia tristemente che deliberatamente impreparata a gestire una crisi della sanità pubblica. Il Presidente Obama istituì un dirigente con pieni poteri delle malattie globali per misurarsi con l’Ebola; Trump ha eliminato quella funzione ed ha sostanzialmente tagliato i finanziamenti ai Centri per il Controllo delle Malattie, perché la sua Amministrazione non considera le pandemie una minaccia significativa alla sicurezza nazionale. Dunque, chi è destinato a farsene carico se le cose diventano davvero allarmanti? Jared Kushner?

Due indicatori della serietà con la quale i nostri attuali dirigenti stanno affrontando i rischi: Rush Limbaugh, recentemente premiato con la Medaglia Presidenziale della Libertà, ha liquidato il coronavirus alla stregua di un comune raffreddore, dato che verrebbe utilizzato come un “arma impropria” contro Donald Trump. E Larry Kudlow, il principale economista della Amministrazione, ha risposto alle paure dei mercati … sollecitando gli americani ad acquistare azioni.

Non sappiamo ancora quanto questo virus si scoprirà essere una questione grave. Ma ci sono buone ragioni per essere seriamente allarmati.

 

 

 

 

Pagina successiva »

Archivio