Blog di Krugman

I fanatici dell’oro sono con Trump, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 13 luglio 2019)

 

July 13, 2019

Goldbugs for Trump

By Paul Krugman

zz 516

Before going to the White House, Donald Trump demanded that the Fed raise interest rates despite high unemployment and low inflation. Now he’s demanding rate cuts, even though the unemployment rate is much lower and inflation at least a bit higher. To be fair, there is a real economic argument for rate cuts as insurance against a possible slowdown. But it’s clear that Trump’s motives are and always have been purely political: he wanted the Fed to hurt President Obama, and now he wants it to boost his own reelection chances.

It’s not surprising, then, that Trump is also trying to stuff the Federal Reserve Board with political allies. What may seem surprising is that many of his would-be appointees, like Stephen Moore and now Judy Shelton, have long records of supporting the gold standard or something like it. This should put them at odds with his efforts to politicize the Fed. After all, one of the supposed points of a gold standard is to remove any hint of politics from monetary policy. And with gold prices rising lately, gold standard advocates should be calling for the Fed to raise rates, not lower them.

But of course both Moore and Shelton have endorsed Trump’s demand for rate cuts. This creates a dual puzzle: Why does Trump want these people, and why are they so willing to cater to his wishes?

Well, I think there’s a simple answer to both sides of the puzzle, which involves the reason some economic commentators (not sure if they deserve to be called “economists”) become goldbugs in the first place. What I’d suggest is that it usually has less to do with conviction than with cynical careerism. And this in turn means that goldbugs are, in general, the kind of people who can be counted on to do Trump’s bidding, never mind what they may have said in the past.

Let me start with what might seem like a trivial question, but which is, I believe, crucial: What does it take to build a successful career as a mainstream economist?

The truth is that it’s not at all easy. Parroting orthodox views definitely won’t do it; you have to be technically proficient, and to have a really good career you must be seen as making important new contributions — innovative ways to think about economic issues and/or innovative ways to bring data to bear on those issues. And the truth is that not many people can pull this off: it requires a combination of deep knowledge of previous research and the ability to think differently. You have to both understand the box and be able to think outside it.

I don’t want to romanticize the mainstream economics profession, which suffers from multiple sins. Male economists like me are only beginning to comprehend the depths of the profession’s sexism. There’s far too much dominance by an old-boy network of economists with PhDs from a handful of elite institutions. (And yes, I’ve been a beneficiary of these sins.) Many good ideas have been effectively blocked by ideology — even now, for example, it’s hard to publish anything with a Keynesian flavor in top journals. And there’s still an overvaluation of mathematical razzle-dazzle relative to real insight.

But even for people who can check off all the right identity boxes, climbing the ladder of success in mainstream economics is tough. And here’s the thing: for those who can’t or won’t make that climb, there are other ladders. Heterodoxy can itself be a careerist move, as long as it’s an approved, orthodox sort of heterodoxy.

Everyone loves the idea of brave, independent thinkers whose brilliant insights are rejected by a hidebound establishment, only to be vindicated in the end. And such people do exist, in economics as in other fields. Someone like Hyman Minsky, with his theory of financial instability, was, in fact, ignored by almost everyone in the mainstream until the 2008 crisis sent everyone scurrying off to read his work.

But the sad truth is that the great majority of people who reject mainstream economics do so because they don’t understand it; and a fair number of these people don’t understand it because their salary depends on their not understanding it.

Which brings me to the gold standard.

There is overwhelming consensus among professional economists that a return to the gold standard would be a bad idea. That’s not supposition: Chicago’s Booth School, which surveys a broad bipartisan group of economists on various topics, found literally zero support for the gold standard.

The events of the past dozen years have only reinforced that consensus. After all, the price of gold soared from 2007 to 2011; if gold-standard ideology had any truth to it, that would have been a harbinger of runaway inflation, and the Fed should have been raising interest rates to keep the dollar’s gold value constant. In fact, inflation never materialized, and an interest rate hike in the face of surging unemployment would have been a disaster.

zz 723

 

 

 

 

 

 

 

 

Thank God we weren’t on the gold standard Federal Reserve of St. Louis

So why did gold soar? The main answer seems to be plunging returns on other assets, especially bonds, which were the product of a depressed world economy. What this means is that in practice pegging the dollar to gold would mean systematically raising interest rates when the economy slumps. Not exactly a recipe for stability.

Why, then, does goldbuggery persist? Well, some billionaires — such as Robert Mercer, also a big Trump supporter — have a thing about gold. I’m not entirely sure why, although I suspect that it’s just a plutocratic version of the Fox News syndrome — the angry old white guy ranting about big-government types inflating away his hard-earned wealth to give it away to Those People. And these billionaires give a lot of money to libertarianish think tanks that peddle gold standard derp.

Now imagine yourself as a conservative who writes about economics, but who doesn’t have the technical proficiency and originality needed to get a good job in academia, an economic policy institution like the Fed, or a serious think tank. Well, becoming a vocal gold-standard advocate opens a whole different set of doors. You’ll have a much fancier and more lucrative career, get invited to a lot more stuff, than you would if you stayed with the professional consensus.

What I’m suggesting, in other words, is that gold-standard advocacy is a lot like climate change denial: There are big personal and financial rewards for an “expert” willing to say what a few billionaires want to hear, precisely because no serious expert agrees. In the climate arena, we know that essentially all climate deniers are on the fossil-fuel take. There may be some true believers in the monetary magic of gold, but it’s hard to tell; what we do know is that prominent goldbugs do very well relative to where their careers would be if they didn’t buy into this particular area of derp.

And that, in turn, brings us back to Trump.

Why would Trump expect goldbugs to abandon their principles and back his demands to fire up the printing presses? Why is he, in fact, apparently finding it easy to get goldbugs willing to turn their backs on everything they claimed to believe?

The answer, I’d submit, is that it was never about principles in the first place. Many, perhaps most prominent goldbugs advocate a gold standard not out of conviction but out of ambition; they sold their principles a long time ago. So selling those pretend principles yet again in order to get a nice Trump-sponsored job is no big deal.

It’s cynicism and careerism all the way down.

 

I fanatici dell’oro sono con Trump,

di Paul Krugman

 

Prima di arrivare alla Casa Bianca, Donald Trump chiedeva che la Fed elevasse i tassi di interesse nonostante l’alta disoccupazione e la bassa inflazione. Oggi chiede tagli ai tassi, anche se la disoccupazione è molto più bassa e l’inflazione è almeno un po’ più elevata. Ad esser giusti, c’è un effettivo argomento economico per i tagli ai tassi come assicurazione contro un possibile rallentamento. Ma è chiaro che le motivazioni di Trump sono sempre state puramente politiche: voleva che la Fed colpisse il Presidente Barack Obama ed oggi vuole che essa rafforzi le sue possibilità di essere rieletto.

Non è sorprendente, dunque, che Trump stia anche cercando di riempire il Consiglio della Federal Reserve con i suoi alleati politici. Quello che può sembrare sorprendente è che molti degli aspiranti alla sua nomina, come Stephen Moore e adesso Judy Shelton, abbiano una lunga storia di sostenitori del gold standard o di qualcosa di simile. Questo dovrebbe collocarli in una posizione opposta ai suoi sforzi di politicizzare la Fed. E con i prezzi dell’oro recentemente in crescita, i sostenitori del gold standard dovrebbero chiedere che la Fed alzi i tassi, non che li abbassi.

Ma ovviamente sia Moore che la Shelton hanno appoggiato la richiesta di Trump di un taglio dei tassi. Questo solleva un duplice interrogativo: perché Trump vuole queste persone, e perché esse sono così disponibili ad assecondare i suoi desideri?

Ebbene, io credo che ci sia una semplice risposta per entrambi gli aspetti del rompicapo, che riguarda anzitutto la ragione per la quale alcuni commentatori economici (non sono sicuro che meritino di essere definiti “economisti”) diventino fanatici dell’oro. Suggerirei che ciò abbia più a che fare con un carrierismo cinico che con la convinzione. Il che a sua volta comporta che i fanatici dell’oro siano, in generale, il genere di persone adatte ad essere candidate da Trump, a prescindere da quanto possano aver detto nel passato.

Fatemi partire da quella che potrebbe sembrare una domanda banale, ma che ritengo sia cruciale: cosa serve per costruire una carriera di successo come economista convenzionale?

La verità è che non è una questione affatto semplice. Ripetere a pappagallo punti di vista ortodossi non risolve senz’altro la questione; si deve essere padroni della tecnica e si deve avere un’ottima carriera per essere considerati come importanti realizzatori di nuovi contributi – modi di ragionare innovativi sulle tematiche economiche e/o modi innovativi nell’addurre dati che influenzino tali tematiche. E la verità è che non molte persone possono riuscire ad avere queste caratteristiche: ciò richiede una combinazione di profonda conoscenza della precedente ricerca e di capacità di ragionare diversamente. Si deve assieme padroneggiare gli strumenti del mestiere e ragionare fuori da essi.

Non intendo romanzare la disciplina tradizionale dell’economia, che soffre di molti peccati. Economisti di sesso maschile come me stanno soltanto cominciando a comprendere la profondità del sessimo in quella disciplina. C’è stato anche troppo dominio da parte di una rete di economisti veterani provvisti di dottorati provenienti da una manciata di istituzioni di elite (ed è vero che anch’io ho tratto beneficio da questi peccati). Molte buone idee sono state essenzialmente bloccate dall’ideologia – anche adesso, ad esempio, è difficile pubblicare qualcosa che abbia un vago sentore di keynesismo nelle riviste più importanti. E c’è ancora una sopravvalutazione del frastuono matematico rispetto alle intuizioni vere.

Ma anche per le persone che possono marcare tutte le giuste caselle identitarie, salire sulla scala del successo nell’economia convenzionale è arduo. E il problema è quello: per coloro che non possono o non vogliono fare quella scalata, ci sono altri percorsi. L’eterodossia può essere anch’essa una mossa utile alla carriera, finché essa è una sorta di approvata, ortodossa eterodossia.

A tutti piace l’idea dei pensatori coraggiosi e indipendenti le cui brillanti intuizioni sono respinte da gruppi dirigenti retrogradi, per poi alla fine essere risarcite. E tali persone esistono effettivamente, nell’economia come in altri campi. Alcuni, come Hyman Minsky, con la sua teoria della instabilità finanziaria, furono di fatto ignorati da questi tutti dalla disciplina tradizionale, finché la crisi del 2008 ognuno a precipitarsi a leggere i suoi lavori.

Ma la triste verità è che la mggioranza delle persone che rigettano l’economia tradizionale lo fanno perché non la capiscono; e un buon numero di queste persone non la capisce perché i propri stipendi dipendono dal non capirla.

La qual cosa mi riporta al gold standard.

C’è uno schiacciante consenso tra gli economisti di professione sul fatto che un ritorno al gold standard sarebbe una cattiva idea. Non si tratta di una impressione: la Chicago Booth School, che tiene sotto osservazione un ampio gruppo bipartisan di economisti su varie tematiche, scopre che il sostegno al gold standard è precisamente pari a zero.

Gli eventi della passata dozzina di anni hanno solo rafforzato quel consenso. Dopo tutto, il prezzo dell’oro è schizzato dal 2007 al 2011; se l’ideologia del gold standard avesse un qualche fondamento, questo sarebbe stato un presagio di una inflazione fuori controllo, e la Fed avrebbe dovuto rialzare i tassi di interesse per mantenere costante il valore in oro del dollaro. Di fatto l’inflazione non si è mai materializzata, e una ascesa dei tassi di interesse a fronte di una disoccupazione crescente sarebbe stata un disastro.

zz 723

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie a Dio non avevamo il gold standard.

Federal Reserve di St. Louis

Perché, dunque, l’oro salì così in alto? La risposta principale sembra sia il calo dei rendimenti su altri asset, particolarmente i bond, che furono il risultato di una economia mondiale depressa. Ciò che questo significa è che in pratica l’ancoraggio del dollaro all’oro comporterebbe sistematicamente un rialzo dei tassi di interesse quando l’economia è in recessione. Non proprio una ricetta per la stabilità.

Perché, dunque, i fanatici dell’oro insistono? Ebbene, alcuni miliardari – come Robert Mercer, che è nche un grande sostenitore di Trump – hanno un debole per l’oro. Non sono del tutto sicuro della ragione, sebbene sospetti che sia solo una versione plutocratica della sindrome di Fox News – il vecchio Tizio bianco e iracondo che impreca contro i personaggi del governo invasivo che inflazionano la sua faticata ricchezza per consegnarla a Quella Gentaccia [1]. E questi miliardari danno un sacco di soldi ai gruppi di pensiero libertariani che spacciano la fesseria del gold standard.

Ora, immaginatevi nelle vesti di un conservatore che scrive di economia, ma non ha la competenza tecnica e l’originalità necessaria per ottenere un buon posto di lavoro negli ambienti accademici, o in istituzioni economiche come la Fed, o in un gruppo di ricerca serio. Ebbene, diventare un rumoroso sostenitore del gold standard apre un intero diverso complesso di porte. Avrete una carriera molto più raffinata e redditizia, sarete invitati a molte più occasioni, che se rimaneste all’interno della disciplina convenzionale.

Quello che sto suggerendo, in altre parole, è che il sostegno al gold standard assomiglia molto al negazionismo del cambiamento climatico: ci sono grandi premi personali e finanziari per un “esperto” disponibile a dire quello che pochi miliardari vogliono sentirsi dire, proprio perché nessun serio esperto concorda. Nell’arena sul clima, sappiamo che fondamentalmente tutti i negazionisti del cambiamento climatico sono nella busta paga del settore dei combustibili fossili. Ci possono essere alcuni effettivi credenti nella magia monetaria dell’oro, ma non sono facili da individuare; quello che sappiamo è che i principali fanatici dell’oro hanno un ottimo successo al confronto di dove si collocherebbero le loro carriere se non avessero investito in questa particolare area di stupidaggini.

E questo, a sua volta, ci riporta a Trump.

Perché Trump si aspetta che i fanatici dell’oro abbandonino i loro principi e appoggino le sue richieste di mettere in massima pressione le stampatrici di banconote? Perché, in sostanza, egli sembra aver scoperto che è facile avere fanatici dell’oro disponibili a voltare le spalle a tutto quello che pretendevano di credere?

La risposta, suggerirei, è che, anzitutto, non si è mai trattato di una questione di principi. Molti, forse l maggioranza dei fanatici più eminenti sostengono un gold standard non per convinzione ma per ambizione; i loro principi li hanno messi in vendita molto tempo fa. Dunque, rivendere una seconda volta coloro che fanno finta di avere principi allo scopo di avere un grazioso posto di lavoro con il sostegno di Trump è un gioco da ragazzi.

È completamente cinismo e carrierismo.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Ovvero i poveri e la gente di colore, nel linguaggio dei conservatori americani.

 

 

 

 

Note sugli squilibri eccessivi della ricchezza, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 22 giugno 2019)

giugno 26, 2019

 

June 22, 2019

Notes on Excessive Wealth Disorder

By Paul Krugman

zz 516

In a couple of days I’m going to be participating in an Economic Policy Institute conference on “excessive wealth disorder” — the problems and dangers created by extreme concentration of income and wealth at the top. I’ve been asked to give a short talk at the beginning of the conference, focusing on the political and policy distortions high inequality creates, and I’ve been trying to put my thoughts in order. So I thought I might as well write up those thoughts for broader dissemination.

While popular discourse has concentrated on the “1 percent,” what’s really at issue here is the role of the 0.1 percent, or maybe the 0.01 percent — the truly wealthy, not the “$400,000 a year working Wall Street stiff” memorably ridiculed in the movie Wall Street. This is a really tiny group of people, but one that exerts huge influence over policy.

Where does this influence come from? People often talk about campaign contributions, but those are only one channel. In fact, I’d identify at least four ways in which the financial resources of the 0.1 percent distort policy priorities:

  1. Raw corruption. We like to imagine that simple bribery of politicians isn’t an important factor in America, but it’s almost surely a much bigger deal than we like to think.
  2. Soft corruption. What I mean by this are the various ways short of direct bribery politicians, government officials, and people with policy influence of any kind stand to gain financially by promoting policies that serve the interests or prejudices of the wealthy. This includes the revolving door between public service and private-sector employment, think-tank fellowships, fees on the lecture circuit, and so on.
  3. Campaign contributions. Yes, these matter.
  4. Defining the agenda: Through a variety of channels — media ownership, think tanks, and the simple tendency to assume that being rich also means being wise — the 0.1 percent has an extraordinary ability to set the agenda for policy discussion, in ways that can be sharply at odds with both a reasonable assessment of priorities and public opinion more generally.

Of these, I want to focus on item (4), not because it’s necessarily the most important — as I said, I suspect that raw corruption is a bigger deal than most of us can imagine — but because it’s something I think I know about. In particular, I want to focus on a particular example that for me and others was a kind of radicalizing moment, a demonstration that extreme wealth really has degraded the ability of our political system to deal with real problems.

The example I have in mind was the extraordinary shift in conventional wisdom and policy priorities that took place in 2010-2011, away from placing priority on reducing the huge suffering still taking place in the aftermath of the 2008 financial crisis, and toward action to avert the supposed risk of a debt crisis. This episode is receding into the past, but it was extraordinary and shocking at the time, and could all too easily be a precursor to politics in the near future.

Let’s talk first about the underlying economic circumstances. At the beginning of 2011, the U.S. unemployment rate was still 9 percent, and long-term unemployment in particular was at extraordinary levels, with more than 6 million Americans having been out of work for 6 months or more. It was an ugly economic situation, but its causes were no mystery. The bursting of the housing bubble, and the subsequent attempts of households to reduce their debt, had let to a severe shortfall of aggregate demand. Despite very low interest rates by historical standards, businesses weren’t willing to invest enough to take up the slack created by this household pullback.

Textbook economics offered very clear advice about what to do under these circumstances. This was exactly the kind of situation in which deficit spending helps the economy, by supplying the demand the private sector wasn’t. Unfortunately, the support provided by the American Recovery and Reinvestment Act — the Obama stimulus, which was inadequate but had at least cushioned the effects of the slump — peaked in mid-2010 and was in the process of falling off sharply. So the obvious, Economics 101 move would have been to implement another significant round of stimulus. After all, the federal government was still able to borrow long-term at near-zero real interest rates.

Somehow, however, over the course of 2010 a consensus emerged in the political and media worlds that in the face of 9 percent unemployment the two most important issues were … deficit reduction and “entitlement reform,” i.e. cuts in Social Security and Medicare. And I do mean consensus. As Ezra Klein noted, “the rules of reportorial neutrality don’t apply when it comes to the deficit.” He cited, for example, Mike Allen asking Alan Simpson and Erskine Bowles “whether they believed Obama would do ‘the right thing’ on entitlements — with ‘the right thing’ clearly meaning ‘cut entitlements.’”

So where did this consensus come from? To be fair, the general public has never bought into Keynesian economics; as far as I know, most voters, if asked, will always say that the budget deficit should be reduced. In November 1936, just after FDR’s reelection, Gallup asked voters whether the new administration should balance the budget; 65 percent said yes, only 28 percent no.

But voters tend to place a relatively low priority on deficits as compared with jobs and the economy. And they overwhelmingly favor spending more on health care and Social Security.

The rich, however, are different from you and me. In 2011 the political scientists Benjamin Page, Larry Bartels, and Jason Seawright managed to survey a group of wealthy individuals in the Chicago area. They found striking differences between this group’s policy priorities and those of the public at large. Budget deficits topped the list of problems they considered “very important,” with a third considering them the “most important” problem. While the respondents also expressed concern about unemployment and education, “they ranked a distant second and third among the concerns of wealthy Americans.”

And when it came to entitlements, the policy preferences of the wealthy were clearly at odds with those of the general public. By large margins, voters at large wanted to expand spending on health care and Social Security. By almost equally large margins, the wealthy wanted to reduce spending on those same programs.

So what was the origin of the conventional-wisdom consensus that emerged in 2010-2011 — a consensus so overwhelming that leading journalists abandoned the conventions of reportorial neutrality, and described austerity policies as the self-evident “right thing” for politicians to be doing? What happened, essentially, was that the political and media establishment internalized the preferences of the extremely wealthy.

Now, 2011 was an especially dramatic example of how this happens, but it wasn’t unique. In their recent book “Billionaires and Stealth Politics,” Page, Seawright, and Matthew Lacombe point out the enduring effects of plutocratic political influence on the Social Security debate: “Despite the strong support among most Americans for protecting and expanding Social Security benefits, for example, the intense, decades-long campaign to cut or privatize Social Security that was led by billionaire Pete Peterson and his wealthy allies appears to have played a part in thwarting any possibility of expanding Social Security benefits. Instead, the United States has repeatedly come close (even under Democratic Presidents Clinton and Obama) to actually cutting benefits as part of a bipartisan ‘grand bargain’ concerning the federal budget.”

And here’s the thing: While we don’t want to romanticize the wisdom of the common man, there’s absolutely no reason to believe that the policy preferences of the wealthy are based on any superior understanding of how the world works. On the contrary, the wealthy were obsessed with debt and uninterested in mass unemployment at a time when deficits weren’t a problem — were, indeed, part of the solution — while unemployment was.

And the widespread belief among the wealthy that we should raise the retirement age is based, literally, on failure to understand how the other half lives (or, actually, doesn’t). Yes, life expectancy at age 65 has gone up, but overwhelmingly for the upper part of the income distribution. Less affluent Americans, who are precisely the people who depend most on Social Security, have seen little rise in life expectancy, so there is no justification for forcing them to work longer.

Where do the preferences of the wealthy come from? You don’t have to be a vulgar Marxist to recognize a strong element of class interest. The push for austerity was clearly linked to a desire to shrink the tax-and-transfer state, which in all advanced countries, even America, is a significant force for redistribution away from the wealthy toward citizens with lower incomes.

You can see the true goals of austerity a couple of ways. First, by comparison with other advanced countries the U.S. has low taxes and low social spending, yet almost all the energy of self-proclaimed deficit hawks was expended on demands for reduced spending rather than increased taxes. Second, it’s striking how much less deficit hysteria we’re hearing now than we did seven years ago. The full-employment budget deficit now is about as large, as a share of GDP, as it was in early 2012, when unemployment was still above 8 percent. But this deficit, although far less justified by macroeconomic considerations, was created by tax cuts — and somehow the deficit hawks are fairly quiet.

No doubt many wealthy backers of tax cuts for themselves and benefit cuts for others manage to convince themselves that this is in everyone’s interest. People are in general good at that sort of self-delusion. The fact remains that the wealthy, on average, push for policies that benefit themselves even when they often hurt the economy as a whole. And the sheer wealth of the wealthy is what empowers them to get a lot of what they want.

So what does this imply going forward? First, in the near term, both during the 2020 election and after, it’s going to be really important to ride herd on both centrist politicians and the media, and not let them pull another 2011, treating the policy preferences of the 0.1 percent as the Right Thing as opposed to, well, what a certain small class of people want. There’s a fairly long list of things progressives have recently advocated that the usual suspects will try to convince everyone are crazy ideas nobody serious would support, e.g.

  • A 70 percent top tax rate
  • A wealth tax on very large fortunes
  • Universal child care
  • Deficit-financed spending on infrastructure

You don’t have to support any or all of these policy ideas to recognize that they are anything but crazy. They are, in fact, backed by research from some of the world’s leading economic experts. Any journalist or centrist politician who treats them as self-evidently irresponsible is doing a 2011, internalizing the prejudices of the wealthy and treating them as if they were facts.

But while vigilance can mitigate the extent to which the wealthy get to define the policy agenda, in the end big money will find a way — unless there’s less big money to begin with. So reducing the extreme concentration of income and wealth isn’t just a desirable thing on social and economic grounds. It’s also a necessary step toward a healthier political system.

 

 Note sugli squilibri eccessivi della ricchezza,

di Paul Krugman

 Tra un paio di giorni parteciperò ad una conferenza dell’Istituto di Politica Economica sugli “squilibri eccessivi della ricchezza” – i problemi e i pericoli derivanti dalla estrema concentrazione del reddito e della ricchezza ai livelli più elevati della scala sociale. Mi è stato chiesto di tenere un breve discorso agli inizi della conferenza, concentrandomi sulle distorsioni economiche e politiche provocate dalla elevata ineguaglianza, e sto cercando di riordinare i miei pensieri. Dunque sono arrivato alla conclusione che avrei anche potuto scrivere qualcosa su quei pensieri per una diffusione più ampia.

Mentre il dibattito popolare si è concentrato su “l’1 per cento”, quello che è realmente in questione in questo caso è il ruolo dello 0,1 per cento, o forse dello 0,01 per cento – la vera ricchezza, non il “poveraccio da 400 mila dollari all’anno che lavora a Wall Street” deriso in modo memorabile nel film Wall Street. Si tratta di un gruppo davvero minuscolo di persone, ma un gruppo che esercita una influenza vasta nella politica.

Da dove deriva questa influenza? La gente parla spesso dei contributi elettorali, ma sono soltanto un canale. Nella sostanza, identificherei almeno quattro modi nei quali le risorse finanziarie dello 0,1 per cento distorcono le priorità della politica:

1 – La aperta corruzione. Ci piace immaginare che la semplice corruzione degli uomini politici non sia un fenomeno importante in America, ma quasi sicuramente è una faccenda molto più rilevante di quello che ci piace pensare.

2 – La corruzione leggera. Quello che intendo con questo sono i vari modi, pure in assenza di una diretta corruttela, nei quali gli uomini politici, i funzionari governativi e le persone con una influenza politica di vario genere prendono posizione per trarre vantaggi finanziari dal promuovere politiche al servizio degli interessi o dei pregiudizi dei ricchi. Questi includono il sistema delle ‘porte girevoli’ tra il servizio pubblico e l’occupazione nel settore privato, le associazioni ai gruppi di ricerca, le parcelle sui circuiti delle conferenze, e via dicendo.

3 – I contributi elettorali, che in effetti sono importanti.

4 – Il potere di definire le cose da fare: attraverso una molteplicità di canali – il possesso dei media, i gruppi di ricerca e la semplice tendenza a considerare che essere ricchi significa anche essere saggi –  lo 0,1 per cento ha una straordinaria capacità di stabilire l’agenda del dibattito politico, in modi che possono essere fortemente contrastanti sia con una definizione ragionevole delle priorità che con l’opinione pubblica più in generale.

Tra tutti questi, intendo concentrarmi sul quarto punto, non perché sia necessariamente il più importante – come ho detto, sospetto che l’aperta corruzione sia una faccenda più rilevante di quanto possa immaginare la maggioranza di noi – ma perché è qualcosa che penso di conoscere. In particolare intendo concentrarmi con un particolare esempio che per me ed altri è stato una specie di momento di radicalizzazione, una dimostrazione che l’estrema ricchezza ha effettivamente degradato la capacità del nostro sistema politico di misurarsi con i problemi reali.

L’esempio che ho in mente è stata la straordinaria svolta nel senso comune e nelle priorità della politica che ebbe luogo nel 2010-2011, quando, lungi dal collocare la priorità nella riduzione delle sofferenze che ancora dominavano la scena tra le conseguenze della crisi finanziaria del 2008, ci si avviò verso l’iniziativa di evitare una presunta crisi del debito. Questo episodio sta arretrando come una cosa passata, ma a quel tempo fu straordinario e scioccante, e anche troppo facilmente potrebbe essere un presagio per la politica in un prossimo futuro.

Parliamo anzitutto delle sottostanti circostanze economiche. Agli inizi del 2011, il tasso di disoccupazione degli Stati Uniti era ancora al 9 per cento, e la disoccupazione di lunga durata in particolare era a livelli straordinari, con più di 6 milioni di americani fuori dal lavoro da sei mesi o più. Era una situazione economica orribile, ma le sue cause non erano misteriose. Lo scoppio della bolla immobiliare e i successivi tentativi delle famiglie di ridurre il loro debito, avevano determinato un grave declino della domanda aggregata. Nonostante tassi di interesse molto bassi secondo le serie storiche, le imprese non erano disponibili ad investire a sufficienza per assorbire la fiacchezza determinata da questa ritirata delle famiglie.

I libri di testo di economia offrivano consigli molto chiari su cosa fare in queste circostanze. Era esattamente il genere di situazione nella quale la spesa in deficit aiuta l’economia, in supplenza della domanda del settore privato che non c’era. Sfortunatamente, il sostegno fornito dalla Legge per la Ripresa e il Reinvestimento Americano – lo stimolo di Obama, che era inadeguato ma almeno aveva attenuato gli effetti della recessione – era arrivato al punto più alto nella metà del 2010 e si stava riducendo bruscamente. Dunque, l’iniziativa ovvia di un libro di testo di economia sarebbe stata un’altra significativa fase di stimolo. Dopo tutto, il Governo federale era ancora nelle condizioni di indebitarsi nel lungo termine a tassi di interesse reali vicini allo zero.

In qualche modo, tuttavia, nel corso del 2010 emerse un vasto consenso nei mondi della politica e dei media secondo il quale, di fronte ad una disoccupazione del 9 per cento, i due temi più importanti erano … la riduzione del deficit e la “riforma dei diritti sociali”, ovvero i tagli alla Previdenza Sociale e a Medicare. E intendo davvero un vasto consenso. Come notò Ezra Klein “le regole della neutralità giornalistica non si applicano quando si passa al deficit”. Egli citava, ad esempio, Mike Allen che chiedeva ad Alan Simpson e a Erskine Bowles “se credessero che Obama avrebbe fatto ‘la cosa giusta’ sui diritti sociali – con la ‘cosa giusta’ intendendo chiaramente il taglio dei diritti sociali”.

Dove nasceva, dunque, questo consenso? Ad essere onesti, l’opinione pubblica in generale non ha mai creduto all’economia keynesiana; per quanto ne so, la maggioranza degli elettori, se vengono interpellati, diranno sempre che il deficit del bilancio dovrebbe essere ridotto. Nel novembre del 1936, appena dopo la rielezione di Roosevelt, l’Istituto Gallup chiese agli elettori se la nuova Amministrazione avrebbe dovuto riequilibrare il bilancio; il 65 per cento rispose affermativamente, soltanto il 28 per cento disse di no.

Ma gli elettori tendono a collocare il deficit in una priorità relativamente bassa al confronto dei posti di lavoro e dell’economia. E sono in modo schiacciante a favore di una spesa superiore sulla assistenza sanitaria e sulla Previdenza Sociale.

I ricchi, tuttavia, sono diversi da voi e da me. Nel 2011 i politologi Benjamin Page, Larry Bertels e Jason Seawright provarono a intervistare un gruppo di individui ricchi nell’area di Chicago. Trovarono sorprendenti differenze tra le priorità politiche di questo gruppo e quelle della più ampia opinione pubblica. I deficit di bilancio erano in cima alla lista dei problemi che essi consideravano “molto importanti”, con un terzo che li considerava i più importanti in assoluto. Mentre coloro che parteciparono al sondaggio esprimevano anche preoccupazione sulla disoccupazione e l’istruzione, tali temi “si collocavano ad un distante secondo e terzo posto tra le preoccupazioni degli americani ricchi”.

E quando si passava ai diritti sociali, le preferenze politiche dei ricchi erano chiaramente opposte a quelle dell’opinione pubblica generale. Con ampio margine, gli elettori nel loro complesso volevano ampliare la spesa sulla assistenza sanitaria e sulla Previdenza Sociale. Quasi con lo stesso ampio margine, i ricchi volevano ridurre la spesa su quegli stessi programmi.

Quale era l’origine, dunque, del vasto consenso, con i caratteri del senso comune, che emerse nel 2010-2011 – un consenso così schiacciante da portare i giornalisti ad abbandonare le convenzioni della neutralità dei resoconti e a descrivere le politiche dell’austerità come ‘la evidente cosa giusta’ che i politici avrebbero dovuto fare? Fondamentalmente, quello che accadde fu che i gruppi dirigenti della politica e dei media avevano fatto proprie le preferenze di coloro che erano estremamente ricchi.

Ora, il 2011 fu un esempio particolarmente spettacolare di come questo accada, ma non fu l’unico. Nel loro libro recente “I miliardari e la politica nascosta”, Page, Seawright e Matthew Lacombe mettono in evidenza gli effetti durevoli dell’influenza politica plutocratica sul dibattito sulla Previdenza Sociale: “Nonostante il forte sostegno tra la maggioranza degli americani per proteggere ed ampliare i sussidi della Previdenza Sociale, ad esempio, l’intensa campagna, durata decenni, per privatizzare la Previdenza Sociale che fu guidata dal miliardario Pete Peterson e dai suoi alleati ricchi sembra aver giocato un ruolo nel minimizzare ogni possibilità di espansione dei sussidi previdenziali. Piuttosto, gli Stati Uniti sono ripetutamente andati vicini (persino sotto i Presidenti democratici Clinton e Obama) ad un effettivo taglio dei sussidi come parte di un “grande accordo” bipartisan concernente il bilancio federale”.

E qua è il punto: se non vogliamo romanzare la saggezza dell’uomo comune, non c’è assolutamente nessuna ragione di credere che le preferenze politiche dei ricchi siano basate su una qualche superiore comprensione di come il mondo funzioni. Al contrario, i ricchi erano ossessionati dal debito e non interessati alla disoccupazione in un’epoca nella quale i deficit non erano un preoblema – erano, semmai, parte della sua soluzione – mentre la disoccupazione lo era.

E il convincimento generalizzato tra i ricchi che dovremmo elevare l’età del pensionamento è basato, letteralmente, sulla incapacità di comprendere come vive l’altra metà (o come non vive, in realtà). È vero, l’aspettativa di vita a 65 anni è salita, ma in modo schiacciante per la parte superiore della distribuzione del reddito. Gli americani meno benestanti, che sono esattamente le persone che dipendono in maggioranza dalla Previdenza Sociale, hanno visto poca crescita nella aspettativa di vita, dunque non c’è alcuna giustificazione per costringerli a lavorare più a lungo.

Da dove vengono le preferenze dei ricchi? Non c’è bisogno di essere marxisti volgari per riconoscere un forte elemento di interesse di classe. La spinta per l’austerità era chiaramente connessa ad un desiderio di restringere lo Stato delle tasse e dei trasferimenti che in tutti i paesi avanzati, persino in America, è un fattore significativo per la redistribuzione dai ricchi ai cittadini con redditi più bassi.

Potete valutare in un paio di modi gli obbiettivi effettivi dell’austerità. Il primo, a confronto con altri paesi avanzati gli Stati Uniti hanno basse tasse e bassa spesa sociale, tuttavia quasi tutta l’energia dei sedicenti falchi del deficit fu spesa su richieste di una spesa minore, anziché di tasse maggiori. Il secondo: è sconcertante a quanta minore isteria sui deficit stiamo assistendo adesso rispetto a sette anni orsono. Il deficit di bilancio in condizioni di piena occupazione è quasi altrettanto ampio, come quota del PIL, di quanto era agli inizi del 2012, quando la disoccupazione era ancora al di sopra dell’8 per cento. Ma questo deficit, sebbene molto meno giustificato da considerazioni macroeconomiche, è stato creato da tagli alle tasse – e in qualche modo i falchi del deficit sono rimasti abbastanza calmi.

Non c’è dubbio che i ricchi sostenitori dei tagli alle tasse per sé stessi e dei tagli ai sussidi per gli altri cerchino di convincersi che questo è nell’interesse di tutti. In generale le persone sono capaci di quel genere di auto illusione. Resta il fatto che i ricchi, in media, spingono per politiche che vanno a loro vantaggio persino quando frequentemente danneggiano l’economia nel suo complesso. Ed è la pura e semplice ricchezza dei ricchi che li mette nelle condizioni di ottenere molto di quello che vogliono.

Cosa implica tutto questo per il futuro? In primo luogo, nel breve termine, sia durante le elezioni del 2020 che dopo, è destinato ad essere davvero importante tenere sotto controllo sia i politci centristi che i media, e non consentigli di provocare un altro 2011, trattando le preferenze politiche dello 0,1 per cento come la Cosa Giusta anziché come, diciamolo, quello che una certa minuscola classe di persone vuole. C’è una lista abbastanza lunga di cose che i progressisti hanno di recente sostenuto, che i soliti noti cercheranno di convincere tutti che sono idee pazzesche che nessuna persona seria sosterrebbe, ad esempio:

 

Una aliquota fiscale sui redditi più elevati del 70 per cento;

una tassa sulla ricchezza sui patrimoni molto grandi;

una assistenza universalistica sui bambini;

la spesa finanziata in deficit sulle infrastrutture.

 

Non è necessario sostenere qualcuna o tutte queste idee politiche per riconoscere che esse sono tutto meno che pazzesche. Di fatto, esse sono sostenute dalla ricerca di alcuni dei principali esperti economici del mondo. Ogni giornalista o uomo politico centrista che le tratta come implicitamente irresponsabili, sta comportandosi come nel 2011, internalizzando i pregiudizi dei ricchi e trattandoli come se fossero fatti.

Ma se la vigilanza può mitigare la misura nella quale i ricchi ottengono di definire l’agenda della politica, alla fine chi ha tanti soldi troverà un modo – a meno che, tanto per cominciare, non ci siano meno ultra ricchi. Dunque, ridurre la estrema concentrazione del reddito e della ricchezza non è solo una cosa desiderabile su un terreno economico e sociale. È anche un passo necessario per un sistema politico più sano.

 

 

 

 

 

 

 

Alla fine Trump ha perso la credibilità? Di Paul Krugman (dalla sua newsletter sul NYT, 4 giugno 2019)

giugno 9, 2019

 

 

June 4 2019

Has Trump finally jumped the shark?

Paul Krugman

Life isn’t fair, and politics is even less fair than the rest of life. Donald Trump has done and is doing many terrible things — inviting foreign influence into U.S. elections, ripping children from their parents and putting them in cages, poisoning the environment, praising murderous dictators and more. In terms of sheer awfulness, his protectionist trade policies are way down the list — and I say that despite being someone whose career was based largely on the study of international trade, and has every incentive to inflate the issue’s importance.
Yet Trump’s tariff obsession seems to be causing him more political trouble than anything else he’s doing. It might even be enough to provoke a break with his otherwise slavish followers in Congress. Trump’s famous boast that he could shoot someone on Fifth Avenue and his supporters wouldn’t care may or may not be true of Republican voters, but it’s clearly true of G.O.P. members of Congress. Yet there seems to be a real possibility of legislative action to block the new tariffs he threatened to impose on Mexico last week.
So why is this particular vileness the point at which his party’s invertebrates show signs of developing rudimentary spines? There are two key points.
First, Trump’s confrontational trade policy — unlike his racism, his determination to weaken workers’ rights, his efforts to degrade the environment, and so on — doesn’t have any important constituency behind it. Neither big-money donors nor guys with Tiki torches chanting “Jews will not replace us” are clamoring for tariffs. The tariff thing is basically Trump’s personal obsession.
Second, there are important constituencies — important parts of the Trump coalition — that really, really don’t like the prospect of trade war. Farmers have already been hurt badly by the confrontation with China, which has sent prices for crops like soybeans plunging. U.S. industry, which has invested huge sums in a supply chain that sprawls across both our northern and southern borders, is horrified at the thought of a confrontation that disrupts trade with Mexico.
Until recently, business and investors were, in effect, betting that with so much money at stake, even Trump would rein in his impulses, that on trade he would talk loudly but carry a small stick. That’s pretty much what seemed to have happened on Nafta, the North American Free Trade Agreement: after denouncing Nafta as the worst trade deal ever made, Trump negotiated a new deal so similar to the existing one that you need a magnifying glass to see the differences.
But now he’s effectively reneging on his own deal, threatening tariffs unless Mexico does something, he knows not what, to prevent asylum-seekers from seeking asylum.
Will he really do it? The various newsletters I receive can’t seem to believe it. Citibank, for example, writes that “the consequences of this policy could be so extreme we see it as unlikely to happen.”
But Trump has a thing about tariffs, and he really hates looking like a loser. So yes, this may really be about to happen. And even the G.O.P. may finally reach a breaking point.

 

Alla fine Trump ha perso la credibilità?

Di Paul Krugman [1]

 

La vita non è giusta, e la politica è anche meno giusta del resto della vita. Trump ha fatto e sta facendo molte cose terribili – sollecitando influenze straniere nelle elezioni statunitensi, strappando i figli ai loro genitori e mettendoli in gabbie, avvelenando l’ambiente, elogiando dittatori assassini e altro ancora. In termini di mera sgradevolezza, le sue politiche commerciali protezionistiche sono in fondo alla lista – e lo dico nonostante che la mia carriera sia basata in gran parte sullo studio del commercio internazionale, ed abbia tutte le ragioni per enfatizzare l’importanza di quel tema.

Tuttavia l’ossessione per le tariffe di Trump sembra gli provochi guai politici superiori a tutto il resto che sta facendo. Potrebbe essere sufficiente a provocare una rottura con i suoi seguaci nel Congresso, solitamente servili. La famosa vanteria di Trump secondo la quale egli potrebbe sparare a qualcuno sulla Quinta Strada e i suoi sostenitori non se ne curerebbero, che sia o meno vera nel caso degli elettori repubblicani, è chiaramente vera nel caso dei membri repubblicani del Congresso. Sembra tuttavia esserci la reale possibilità di una iniziativa legislativa per bloccare le nuove tariffe che ha minacciato di imporre al Messico la scorsa settimana.

Perché, dunque, è questa particolare meschinità l’occasione nella quale gli invertebrati del suo partito mostrano di sviluppare una apparente spina dorsale? Ci sono due aspetti fondamentali.

Il primo, la politica commerciale di scontro di Trump – diversamente dal suo razzismo, dalla sua determinazione a indebolire i diritti dei lavoratori, dai suoi sforzi per degradare l’ambiente, e via dicendo – non ha alcun particolare sostegno elettorale alle spalle. Neppure coloro che sottoscrivono molti soldi in donazioni o gli individui con le fiaccole che lanciano slogan come “Gli ebrei non prenderanno il nostro posto” stanno strepitando per le tariffe. La faccenda delle tariffe è fondamentalmente una ossessione personale di Trump.

Il secondo, ci sono importanti gruppi di sostenitori – componenti importanti della coalizione di Trump – che proprio non gradiscono la prospettiva di una guerra commerciale. Gli agricoltori sono già pesantemente colpiti dallo scontro con la Cina, che ha fatto crollare i prezzi dei raccolti come la soia. Le industrie statunitensi, che hanno investito vaste somme in una catena dell’offerta che si estende oltre i nostri confini sia a nord che a sud, sono terrorizzate al pensiero di uno scontro che metta nel caos il commercio con il Messico.

Sino al periodo più recente, in effetti, le imprese e gli investitori scommettevano che con tanti soldi in ballo, persino Trump avrebbe controllato i suoi impulsi, che sul commercio egli avrebbe parlato con durezza ma agitando un piccolo bastone. Era grosso modo quello che sembrava fosse successo con il NAFTA, l’Accordo sul Libero Commercio dell’America del Nord: dopo aver denunciato il NAFTA come il peggior accordo commerciale mai fatto, Trump aveva negoziato un nuovo accordo talmente simile al precedente che si dovevano usare occhiali ingrandenti per vedere qualche differenza.

Ma adesso egli sta in sostanza rinnegando il suo stesso accordo, minacciando tariffe senza che il Messico abbia fatto alcunché, neanche lui sa che cosa, per impedire ai richiedenti asilo di chiedere asilo.

Lo farà davvero? Le varie newsletter che ricevo sembrano crederci. Ad esempio, Citibank scrive che “le conseguenze di questa politica potrebbero essere così radicali che ci appare improbabile che accada”.

Ma Trump ha un problema con le tariffe, e odia per davvero di apparire un perdente. Dunque, in effetti questo potrebbe sul serio accadere. E persino il Partito Repubblicano potrebbe alla fine arrivare ad un punto di rottura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Questo articolo compare su una nuova “newsletter” di Krugman che è a disposizione dei lettori del New York Times da alcune settimane.

Dunque adesso i suoi scritti – a parte i saggi, le recensioni o la sua attività varia come docente universitario – si dividono in tre categorie: a) gli articoli sul NYT, due volte alla settimana, con l’eccezione dei periodi di ferie; b) i post sul suo blog (che nel frattempo si è trasferito sul blog del NYT); c) la newsletter, in genere con interventi più brevi e meno specialistici. Come i lettori più affezionati hanno compreso, le opinioni che appaiono due volte alla settimana sul NYT sono in generale interventi che hanno per oggetto la politica e la società americana; i post sono di solito riflessioni con maggiore spessore tecnico e di ricerca (ad esempio, contengono statistiche che non possono apparire per ragioni editoriali sugli articoli che appaiono effettivamente sul giornale); la newsletter, che adesso talora traduciamo, nella speranza di aver quasi superato iniziali problemi banalmente tecnici di ‘editing’. Gli interventi più lunghi, in genere connessi con la sua attività universitaria, continuiamo a tradurli, anche se sono diventati un po’ più rari. In pratica, la sua produzione è diventata maggiormente ‘politica’ – più caratteristica di quella che gli americani definiscono come attività di un “pubblic intellectual”, che non di un economista “professional”.

Le novità nella attività di Krugman sono avvenute grosso modo nel corso dell’ultimo anno, quando ha peraltro avuto inizio la sua produzione di sintetici messaggi su Twitter, con indici di ascolto elevatissimi. Anche questi ultimi sono interessanti – ad esempio talora contengono vari riferimenti statistici e diagrammi, oppure rimandano ad analisi di altri politologi ed economisti. Ma essendo molto brevi (Krugman ‘aggira’ il problema della obbligata stringatezza dei messaggi su Twitter, ricorrendo alla tecnica della ‘ripetizione’ di vari messaggi su un unico argomento) si prestano male ad essere tradotti.

Aggiungo, per chi se lo fosse chiesto, che Krugman non scrive mai su una rivista come Project Syndicate, dalla quale noi traiamo il materiale di altri economisti (come Stiglitz, Brad DeLong, Turner, Spence, Eichengreen, Frenkel e vari altri). La sua produzione si concentra sugli strumenti di comunicazione del NYT, oppure – anche attraverso video – su quelli della sua Università pubblica (CUNY).

 

 

 

 

 

 

Dopo Draghi (per esperti) di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 24 maggio 2019)

maggio 25, 2019

 

May 24, 2019

After Draghi (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

Mario Draghi’s term as president of the European Central Bank ends in October. It has been a tumultuous tenure; among other things, he very clearly saved the euro from collapse in 2012-13, which arguably makes him the greatest central banker of modern times.

But I come not to celebrate Draghi but to ask about the state of the euro as the age of Draghi draws to an end. This isn’t a rant. I’ve long been a euroskeptic, and there has been immense suffering in Greece, and to a lesser extent in Spain and Portugal. But Europe’s overall performance since the 2008 crisis has been better than I believe most U.S. observers realize.

The big problem now, I’d say, is the extreme fragility of Europe with respect to any future shocks. In the years since Draghi came in, the euro area has done surprisingly well in restoring growth and regaining employment losses. But this success rests on extremely low interest rates and an undervalued euro.

What this means is that Europe has essentially no “monetary space” – there is nothing more it can do if something goes wrong. If there’s a Chinese recession, or Trump slaps tariffs on German cars, or whatever, what can Europe do? The ECB can’t significantly ease monetary policy. Fiscal expansion could help, but it would have to be led by Germany, which seems implausible.

Still, it seems worth talking about how things have gone so far, which is better than many imagine.

Start with growth in the euro area. Here I show real GDP growth since 2007, compared with growth in the US:

zz 720

 

 

 

 

 

 

 

Saving the euro. Federal Reserve of St. Louis

Three things seem obvious. First, Europe took a major wrong turn in 2011, partly because of the debt crisis, partly because Jean-Claude Trichet’s ECB made the incredibly bad decision to respond to rising commodity prices by raising interest rates despite high unemployment. Second, things stabilized once Draghi said his famous three words – “whatever it takes” – and implemented a sustained policy of monetary expansion. Third, overall European growth has nonetheless fallen far behind the U.S.

This last point, however, is largely an illusion. Europe has much slower growth in its working-age population than the U.S. does, and once you adjust for the difference in demographics the performance of the two economies doesn’t look that much different:

zz 721

 

 

 

 

 

 

 

Demography! Federal Reserve of St. Louis

Finally, while European unemployment is consistently higher than that in the U.S., there’s a growing sense that measured unemployment is a problematic measure, that it’s better to look at prime-age employment. And by that measure Europe has done almost exactly as well as the U.S.:

zz 722

 

 

 

 

 

 

 

Jobs, jobs, jobs Federal Reserve of St. Louis

So Europe has done better than most Americans imagine. But it has done so only thanks to two things: incredibly low interest rates – literally negative for some assets; and a large trade surplus due to that undervalued euro.

Again, what if something goes wrong? America’s situation isn’t great, but in the face of a recession the Fed has some room to cut, and Congress might enact some fiscal stimulus. The ECB has no such room; the trade surplus probably can’t get bigger; Europe has no government to provide fiscal stimulus. There is some fiscal space for expansion in Germany, but it might as well be on the far side of the moon.

So what future for Europe after Draghi? The continent is doing OK right now, to an important extent thanks to Draghi’s actions. But there are no reserves of strength, no ammunition to fire, to deal with anything bad. And bad things happen.

 

 

Dopo Draghi (per esperti).

Di Paul Krugman

 

Il periodo di Mario Draghi come Presidente della Banca Centrale Europea scade ad ottobre. È stato un mandato tumultuoso: tra le altre cose fu molto chiaramente lui a salvare l’euro dal collasso nel 2012-2013, il che probabilmente lo rende il più grande bnchiere centrale dei tempi moderni.

Ma non mi accingo ad una celebrazione di Draghi, piuttosto a chiedermi la condizione dell’euro mentre il periodo di Draghi volge a termine. Questo non è una predica. Sono stato a lungo euroscettico, e c’è stata una immensa sofferenza in Grecia, e in minore misura in Spagna e Portogallo. Ma l’andamento complessivo dell’Europa dalla crisi del 2008 è stato migliore di quello che credo comprenda la maggioranza degli sosservatori statunitensi.

Direi che il grande problema, adesso, è l’estrema fragilità dell’Europa rispetto ad un qualche trauma del futuro. Negli anni dall’entrata in carica di Draghi, l’area euro ha fatto sorprendentemente bene nel ripristinare la crescita e riguadagnare l’occupazione perduta. Ma questo successo si basa su tassi di interesse estremamente bassi e su un euro sottovalutato.

Questo significa che l’Europa non ha sostanzialmente alcuno “spazio monetario” – non c’è nient’altro che essa possa fare se qualcosa va storto. Se c’è una recessione cinese, o se Trump applica all’improvviso le tariffe sulle auto tedesche, o qualcosa del genere, cosa può fare l’Europa? La BCE non può facilitare in modo significativo la politica monetaria. L’espansione della spesa pubblica potrebbe essere d’aiuto, ma dovrebbe essere guidata dalla Germania, il che non sembra plausibile.

Eppure, ha un qualche valore ragionare di come le cose siano andate sinora, ovvero meglio di quanto molti si immaginano.

Cominciamo con la crescita nell’area euro. Qua sotto mostro la crescita del PIL a partire dal 2007, a confronto con la crescita negli Stati Uniti:

zz 720

 

 

 

 

 

 

 

Salvare l’euro. Federal Reserve di St. Louis

[1]

Sembrano evidenti tre cose. La prima, l’Europa fece una importante scelta sbagliata nel 2011, in parte per la crisi del debito, in parte perché la BCE di Jean-Claude Trichet prese l’incredibile decisione negativa di rispondere ai prezzi crescenti delle materie prime elevando i tassi di interesse nonostante la alta disoccupazione. La seconda, la situazione si stabilizzò allorché Draghi disse le famose parole magiche – “tutto quello che serve” – e mise in atto una politica duratura di espansione monetaria. La terza, ciononostante la crescita complessiva si collocò assai indietro rispetto agli Stati Uniti.

L’ultimo punto, tuttavia, è in gran parte una illusione. L’Europa ha una crescita molto più lenta di quella degli Stati Uniti nella popolazione in età lavorativa, e una volta che si corregge la diversità nella demografia, gli andamenti delle due economie non appaiono così differenti:

zz 721

 

 

 

 

 

 

 

Demografia! Federal Reserve di St. Louis

Infine, mentre la disoccupazione europea è stabilmente più elevate di quella negli Stati Uniti, c’è la sensazione crescente che le statistiche della disoccupazione siano un metro di misura problematico, che sia meglio guardare alla occupazione nella principale età lavorativa [2]. E con quel metro di misura l’Europa si è comportata quasi altrettanto bene degli Stati Uniti:

zz 722

 

 

 

 

 

 

 

Posti di lavoro, posti di lavoro, posti di lavoro, Federal Reserve di St. Louis

[3]

Dunque l’Europa è andata meglio di quello che la maggioranza degli americani si immaginano. Ma ciò è accaduto solo grazie a due fattori: i tassi di interesse incredibilmente bassi – letteralmente negativi per alcuni asset, e un ampio surplus commerciale a seguito di quell’euro sottovalutato.

È ancora il caso di chiederci cosa accadrebbe se qualcosa andasse storto. La situazione dell’America non è confortevole, ma a fronte di una recessione l’America avrebbe qualche spazio per tagliare e il Congresso potrebbe varare qualche stimolazione sul lato della finanza pubblica. La BCE non avrebbe tale spazio: il surplus commerciale probabilmente non può crescere e l’Europa non ha alcun governo per fornire uno stimolo della finanza pubblica. C’è qualche spazio per l’espansione della finanza pubblica in Germania, ma sarebbe lo stesso che se fosse sull’altro versante della Luna.

Quale futuro, dunque, per l’Europa dopo Draghi? Il continente, in questo momento, sta facendo bene, in misura importante grazie alle iniziative di Draghi. Ma quanto a misurarsi con qualche evento negativo, non ci sono riserve di forza, o munizioni da sparare. E le cose negative succedono.

 

 

 

 

 

 

 

[1] La linea blu mostra l’andamento del PIL reale degli Stati Uniti, quella rossa l’andamento dei 19 paesi dell’area euro. Con riferimento alla linea rossa sono indicati due momenti: l’improvvida decisione di Trichet (Presidente della BCE prima di Draghi) sui tassi di interesse – che in sostanza impedì la ripresa europea – e la famosa espressione usata da Draghi (“faremo tutto quello che serve”) che riallineò l’andamento europeo a quello americano.

[2] Ovvero, dai 25 ai 54 anni.

[3] Anche qua, linea blu per gli Stati Uniti e linea rossa per l’Europa. È anche il caso di notare che la reazione alla crisi negli Stati Uniti fu assai peggiore di quella europea.

 

 

 

 

 

Dare il colpo di grazia alla Pax Americana, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 11 maggio 2019)

maggio 13, 2019

 

May 11, 2019

Killing the Pax Americana

By Paul Krugman

zz 516

O.K., they weren’t supposed to start the trade war until I got back from vacation. And I really have too many kilometers to cover and hills to climb to weigh in on a regular basis or at great length. But since I’m currently sitting in an outdoor cafe with my coffee and croissant, I thought I might take a few minutes to address two misconceptions that, I believe, are coloring discussion of the trade conflict.

By the way, I don’t mean Trump’s misconceptions. As far as I can tell, he isn’t getting a single thing about trade policy right. He doesn’t know how tariffs work, or who pays them. He doesn’t understand what bilateral trade imbalances mean, or what causes them. He has a zero-sum view of trade that flies in the face of everything we’ve learned over the past two centuries. And to the (small) extent that he is making any coherent demands on China, they’re demands China can’t/won’t meet.

But Trump’s critics, while vastly more accurate than he is, also, I think, get a few things wrong, or at least overstate some risks while understating others. On one side, the short-run costs of trade war tend to be overstated. On the other, the long-term consequences of what’s happening are bigger than most people seem to realize.

In the short run, a tariff is a tax. Period. The macroeconomic consequences of a tariff should therefore be seen as comparable to the macroeconomic consequences of any tax increase. True, this tax increase is more regressive than, say, a tax on high incomes, or a wealth tax. This means that it falls on people who will be forced to cut their spending, and is therefore likely to have a bigger negative bang per buck than the positive bang for buck from the 2017 tax cut. But we’re still talking, at least so far, about a tax hike that is only a fraction of a percent of GDP.

This means that it’s hard to justify claims that the trade war, at least what’s currently in the pipeline, will cause a global recession.

If the trade war expands not just to all imports from China but to imports from Europe and other parts of the world, we could get this up to a contractionary fiscal policy of a couple of points of GDP; $200 billion here, $200 billion there, and soon you’re talking about real money. And that certainly could happen: Trump imagines that he’s winning, and might well move on from China to European cars and so on. But we’re not there yet.

But doesn’t the prospect of foreign retaliation change the picture? Actually, what foreign retaliation does is prevent tariffs from being less bad than an ordinary tax increase. When a large country like the U.S. imposes tariffs, one effect — if we don’t face foreign retaliation — is a rise in the price of U.S. exports, either though a rise in the dollar or by drawing resources away from export to import-competing sectors. This price rise is, other things equal, a gain for America (although not for export-oriented sectors like agriculture.) And this “terms of trade” effect can mitigate or even reverse the overall losses as tariffs distort the economy.

If (when) foreigners retaliate, however, the terms of trade effect goes away, and we’re back to tariffs just being a tax on domestic consumers.

Maybe the larger point here is that there tends to be a certain amount of mysticism about trade policy, because the fact that it’s global and touches on one of the most famous insights in economics, the theory of comparative advantage, gives it an amount of mind space somewhat disproportionate to its actual economic importance. Yes, trade policy is important; but in terms of the strict economics it’s not more important than health policy, or fiscal policy, or policy in general.

I say this, by the way, as someone whose career as a professional economist was based mainly on research into international trade and finance. In general, people who actually work on these issues tend to assign them less importance than those who haven’t studied them closely.

All of this, however, is only about the strict economics of a trade war, which may be the least important aspect of what’s happening.

For trade policy isn’t just about economics. It’s also about democracy and peace.

This is obvious and explicit in Europe, where the origins of the European Union lie in the Coal and Steel Community of the early 1950s — an agreement whose economic benefits, while real, were in a way incidental to its real purpose, preventing any future wars between France and Germany. And membership of the E.U. has always been contingent on democratization — which is, by the way, why the E.U.’s limp reaction to the de facto collapse of democracy in Hungary and, it appears, Poland represents such moral failure.

It’s more implicit in the case of the United States. But the historical record is pretty clear: the postwar trading system grew out of the vision of Cordell Hull, FDR’s Secretary of State, who saw commercial links between nations as a way to promote peace. That system, with its multilateral agreements and rules to limit unilateral action, was from the beginning a crucial piece of the Pax Americana. It was as integral to the postwar order as the I.M.F., which was supposed to provide a safety net for nations having balance of payments trouble, or for that matter NATO.

And Trump’s trade war should correspondingly be seen as part and parcel of his embrace of foreign dictators, lack of respect for our allies, and evident contempt for democracy, at home as well as abroad.

But wait, you say: China is neither an ally nor a democracy, and it is in many ways a bad actor in world trade. Isn’t there a reasonable case for confronting China over its economic practices?

Yes, there is — or there would be if the tariffs on Chinese products were an isolated story, or better yet if Trump were assembling an alliance of nations to confront objectionable Chinese policies. But in fact Trump has been waging trade war against almost everyone, although at lower intensity. When you’re imposing tariffs on imports of Canadian steel, on the ludicrous pretense that they endanger national security, and are threatening to do the same to German autos, you’re not building a strategic coalition to deal with a misbehaving China.

What you’re doing, instead, is tearing down what’s left of the Pax Americana.

Wasn’t this inevitable in any case? I don’t think so. True, U.S. economic dominance has been eroding over time, not because we’re getting poorer, but because the rest of the world is getting richer. But there was reason to hope that a relatively peaceable international order could be sustained by an alliance of democratic powers. In fact, until a few years ago it seemed to me that we were seeing exactly that taking place for the world trading system, which was transitioning from largely benign U.S. hegemony to a comparably benign co-dominion by the U.S. and the E.U.

At this point, however, things look a lot bleaker. It’s not just Trump. And it’s not even just Trump plus Brexit. The Europeans are also turning out to be a big disappointment. As I said, if they can’t even deal with the likes of Viktor Orban within their own community, they’re definitely not up to providing the kind of leadership the world needs.

But where the Europeans are weak, Trump is malign. He’s working actively to make the world a more dangerous, less democratic place, with trade war just one manifestation of that drive. And the eventual negative consequences for America and the world will be much bigger than anything we can capture with economic modeling of the effects of tariffs.

 

Dare il colpo di grazia alla Pax Americana,

di Paul Krugman

 

È così, non si pensava che facessero partire la guerra commerciale finché non fossi tornato dalle vacanze. E io ho sul serio troppi chilometri da percorrere e colli da scalare per intervenire con regolarità o con adeguato dettaglio. Ma dal momento che adesso me ne sto seduto in un bar all’aperto con il mio caffè e la mia brioche, ho pensato che potevo prendermi pochi minuti per affrontare due equivoci che, penso, stiano influenzando il dibattito sul conflitto commerciale.

Per inciso, non mi riferisco a fraintendimenti da parte di Trump. Per quanto posso dire, egli non sta comprendendo niente in modo giusto sulla politica del commercio. Non sa come funzionino le tariffe, o chi le paghi. Non capisce cosa comportino gli squilibri commerciali bilaterali, né da cosa siano provocati. Ha una concezione a somma zero del commercio che contraddice completamente tutto quello che abbiamo imparato nei due secoli passati. E nella misura (piccola) nella quale sta avanzando qualche richiesta coerente alla Cina, sono richieste che la Cina non può e non vorrà assecondare.

Ma anche i critici di Trump, per quanto enormemente più scrupolosi di lui, penso che intendano alcune cose in modo sbagliato, o almeno sopravvalutino alcuni rischi mentre ne sottovalutano altri. Da una parte, tendono a sopravvalutare i costi nel breve termine di una guerra commerciale. Dall’altra, le conseguenze a lungo termine di cosa sta avvenendo sono più grandi di quanto molte persone sembrano comprendere.

Nel breve periodo una tariffa è una tassa. Punto e a capo. Le conseguenze macroeconomiche di una tariffa dovrebbero di conseguenza essere considerate paragonabili alle conseguenze macroeconomiche di ogni aumento fiscale. È vero, questo aumento delle tasse è più regressivo, ad esempio, di una tassa sui redditi alti o di una tassa sulla ricchezza. Questo significa che essa ricade su persone che saranno costrette a tagliare le loro spese, ed è di conseguenza probabile che siano un affare assai più negativo rispetto agli aspetti positivi del taglio delle tasse del 2017. Ma stiamo ancora parlando, almeno sino a questo punto, di un aumento delle tasse che è solo una frazione di un punto percentuale del PIL.

Questo significa che è difficile giustificare la pretesa che una guerra commerciale, almeno quella di prossima realizzazione, provochi una recessione globale.

Se la guerra commerciale si allarga non solo a tutte le importazioni dalla Cina ma alle importazioni dall’Europa e da altre parti del mondo, potremmo ottenere che questo cresca sino ad una politica restrittiva della finanza pubblica per un paio di punti di PIL; 200 miliardi di dollari qua, 200 miliardi di dollari là, e in breve tempo si arriva a ragionare di soldi veri. E questo certamente potrebbe accadere: Trump si immagina di essere vincente e potrebbe ben spostarsi dalla Cina alle automobili europee e oltre. Ma non ci siamo ancora arrivati.

Ma la prospettiva delle ritorsioni straniere non cambierebbe il quadro? Effettivamente, quello che le ritorsioni straniere fanno è evitare che le tariffe siano meno negative di un ordinario aumento delle tasse. Quando un grande paese come gli Stati Uniti impone tariffe, un effetto – se non ci troviamo di fronte a ritorsioni straniere – è una crescita del prezzo delle esportazioni statunitensi, sia attraverso una rivalutazione del dollaro sia sottraendo risorse dalle esportazioni a vantaggio dei settori che competono con le importazioni. L’aumento del prezzo è, a parità delle altre condizioni, un vantaggio per l’America (ma non lo è per i settori orientati all’esportazione come l’agricoltura). E questo effetto nei “rapporti di scambio” può mitigare o persino invertire le perdite complessive quando le tariffe distorcono l’economia.

Nel caso di ritorsioni straniere (quando esse avvengono), tuttavia, l’effetto dei rapporti di scambio scompare, e si torna semplicemente a tariffe che sono una tassa a carico dei consumatori nazionali.

Forse la conseguenza più ampia in questo caso è che tende ad esserci una discreta quantità di misticismo sulla politica commerciale, giacché il fatto che essa sia globale e tocchi una delle intuizioni più famose dell’economia, la teoria del vantaggio comparativo, le fornisce una quantità di suggestione intellettuale in qualche modo sproporzionata alla sua effettiva importanza economica. È vero, la politica commerciale è importante; ma in termini strettamente economici non è più importante della politica sanitaria, o della politica della finanza pubblica, o della politica in generale.

Lo dico, per inciso, come uno la cui carriera di economista di professione si è basata sulla ricerca sul commercio e sulla finanza internazionale. In generale, le persone che lavorano su questi temi tendono ad assegnare loro minore importanza rispetto a coloro che non li hanno studiati in modo ravvicinato.

Tutto questo, tuttavia, riguarda soltanto l’economia in senso stretto di una guerra commerciale, che può essere l’aspetto meno importante di quello che sta accadendo.

Perché la politica commerciale non riguarda solo l’economia. Riguarda anche la democrazia e la pace.

Questo è evidente ed esplicito in Europa, dove le origini dell’Unione Europea risiedono nella Comunità del Carbone e dell’Acciaio dei primi anni ’50 – un accordo i cui benefici economici, seppur reali, erano in un certo senso irrilevanti rispetto ai suoi propositi veri, quelli di impedire ogni guerra futura tra Francia e Germania. E la partecipazione all’Unione Europea è sempre stata subordinata alla democratizzazione – che è la ragione, per inciso, per la quale la fiacca reazione al collasso di fatto della democrazia in Ungheria e, a quanto sembra, in Polonia costituisce un fallimento morale così grave.

È più implicito nel caso degli Stati Uniti. Ma l’andamento della storia è abbastanza chiaro: il sistema commerciale postbellico derivò dalla visione di Cordell Hull, il Segretario di Stato di Roosevelt, che considerava le relazioni commerciali tra le nazioni come un modo per promuovere la pace. Quel sistema, con i suoi accordi multilaterali e le regole per evitare le iniziative unilaterali, fu dall’inizio una componente cruciale della Pax Americana. Esso fu essenziale all’ordine postbellico come il FMI, che si pensava fornisse una rete di sicurezza per le nazioni che avevano problemi di bilancia dei pagamenti, e peraltro alla NATO.

E la guerra commerciale di Trump dovrebbe corrispondentemente essere considerata come una componente e una parte integrante del suo abbraccio ai dittatori stranieri, alla mancanza di rispetto per i nostri alleati e all’evidente disprezzo per la democrazia, all’interno come all’estero.

Ma un momento, dite voi: la Cina non è né un alleato né una democrazia, e in molti modi ha un ruolo negativo nel commercio internazionale. Non c’è un argomento ragionevole per uno scontro con la Cina sulle sue pratiche economiche?

Si, c’è – o ci sarebbe se le tariffe sui prodotti cinesi fossero un aspetto isolato, o meglio ancora se Trump stesse mettendo assieme una alleanza di nazioni per scontrarsi con le eccepibili politiche cinesi. Ma di fatto Trump sta intraprendendo una guerra commerciale quasi con tutti, sebbene con minore intensità. Quando si impongono tariffe sulle importazioni di acciaio canadese, nella risibile pretesa che esse mettano in pericolo la sicurezza nazionale, e si minaccia di fare lo stesso con le automobili tedesche, non si costruisce una coalizione strategica per misurarsi con le male condotte cinesi.

Quello che, invece, si sta facendo è abbattere quello che resta della Pax Americana.

Non era in ogni caso inevitabile? Io non lo penso. È vero, il dominio economico degli Stati Uniti è stato eroso nel corso del tempo, non perché stiamo diventando più poveri, ma perché il resto del mondo sta diventando più ricco. Ma c’era un motivo per sperare che un ordine internazionale relativamente pacifico avrebbe potuto essere sostenuto da una alleanza di potenze democratiche. Di fatto, sino a pochi anni fa, a me sembrava che stessimo esattamente constatando che nel mondo si stava realizzando un sistema commerciale che si stava spostando da una ampiamente vantaggiosa egemonia degli Stati Uniti ad un paragonabile vantaggioso co-dominio degli Stati Uniti e dell’Unione Europea.

A questo punto, tuttavia, la situazione appare assai più cupa. Non si tratta solo di Trump, e non si tratta neppure soltanto di Trump e della Brexit. Anche gli europei si stanno rivelando una grande delusione. Come ho detto, essi non riescono neppure a misurarsi con individui come Viktor Orban all’interno della loro stessa comunità, in definitiva non sono all’altezza di fornire quel genere di guida di cui il mondo ha bisogno.

Ma dove gli europei sono deboli, Trump è malefico. Egli sta attivamente operando per rendere il mondo un posto più pericoloso e meno democratico, con il commercio che è solo un aspetto di quell’indirizzo. E le possibili conseguenze negative per l’America e per il mondo saranno molto maggiori di tutto quello che possiamo congetturare con la modellazione economica degli effetti delle tariffe.

 

 

 

 

 

 

 

Gli anni del sabotaggio, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 4 maggio 2019)

maggio 6, 2019

 

May 4, 2019

The Sabotage Years

By Paul Krugman

zz 516

Do you remember the great inflation scare of 2010-2011? The U.S. economy remained deeply depressed from the aftereffects of the burst housing bubble and the 2008 financial crisis. Unemployment was still above 9 percent; wage growth had slowed to a crawl, and measures of underlying inflation were well below the Federal Reserve’s targets. So the Fed was doing what it could to boost the economy — keeping short-term interest rates as low as possible, and buying long-term bonds in the hope of getting some extra traction.

But Republicans were up in arms, warning that the Fed’s policies would lead to runaway inflation. A Congressman named Mike Pence introduced a bill that would prohibit the Fed from even considering the state of the labor market in its actions. A who’s who of Republicans signed an open letter to Ben Bernanke demanding that he stop his monetary efforts, which they claimed would “risk currency debasement and inflation.”

And supposedly respectable Republicans engaged in conspiracy theorizing, suggesting that the Fed was secretly in league with the Obama administration. Paul Ryan and the economist John Taylor declared that the Fed’s policy “looks an awful lot like an attempt to bail out fiscal policy, and such attempts call the Fed’s independence into question.”

Of course, all these warnings were totally wrong. Inflation never took off. Although almost none of the people who waxed hysterical over inflation have so much as acknowledged having been wrong, Bernanke, Fed economists, and Keynesians in general were proved right: printing money isn’t inflationary in a depressed economy.

But what lay behind all these dire warnings about inflation? Well, they came at the same time that Republicans were warning about the terrible, horrible, no-good consequences of deficit spending.

And it was obvious even at the time that G.O.P. deficit posturing was hypocritical – obvious, that it, to everyone except the entire Beltway establishment. All you had to do was look at what was actually in Ryan’s budget proposals to realize that he wasn’t sincere, that he was using deficits as an excuse to bash social programs and hobble Obama. It was utterly predictable that Republicans would decide that deficits don’t matter as soon as they recaptured the White House.

But I thought that monetary policy was a bit different. Republicans have been the party of fiscal irresponsibility since Reagan, and there was no reason to believe that they had changed. But goldbuggery, hatred of fiat money, and abhorrence for the printing press did seem to be long-standing attitudes on the right. I imagined that Ryan, who once asserted that he had learned all he needed to know about monetary policy from Atlas Shrugged, might actually believe what he was saying about the Fed.

In light of recent events, however, it appears that I was wrong. Republican posturing on monetary policy was as insincere as the party’s posturing on fiscal policy. We now have to see the party’s 2010-2011 demands for tight monetary policy, like its demands for tight fiscal policy, as reflecting not economic principles, but rather a desire to sabotage Barack Obama.

You see, Donald Trump’s attempt to install Stephen Moore at the Fed failed for the wrong reason. Moore fell short because he turns out to be a loathsome individual. But he should have been rejected out of hand simply on the basis of his economic views. Not only was he wrong, again and again, during the financial crisis and its aftermath; not only did he refuse to admit error, or learn anything from his mistakes; but he turned on a dime as soon as Trump was in office, showing himself to be a purely political animal. He demanded higher interest rates when unemployment was above 9 percent; now he’s demanding lower rates with unemployment below 4 percent.

But as I said, that’s not why Moore fell short — because his whole party has followed the same path. Mike Pence, who demanded higher rates in the deeply depressed economy of 2010, wants lower rates now. No Republicans in Congress seem to have criticized Moore for his policy views, as opposed to his misogyny. Aside from Harvard’s Greg Mankiw, not one prominent Republican economist stepped up to oppose Moore, even though he clearly was engaged precisely in the kind of politicization of monetary policy Taylor and Ryan claimed to see in 2010.

I made a little chart to summarize the evolution of Republican positioning on monetary policy. It shows the employment rate of prime-age adults, widely seen as a better indicator of the state of the labor market than the unemployment rate, and the rate at which wages are increasing. Both measures hit low points in 2010-2011, making a strong case for expansionary monetary policy. That’s precisely when the G.O.P. was pressuring the Fed to stop trying to help the economy. Both measures are at post-crisis highs now, and sure enough, Republicans are advocating now the policies they opposed when they were most needed.

zz 714

 

 

 

 

 

 

 

 

Funny how this works. Federal Reserve of St. Louis

As Matt O’Brien points out, you don’t see the same thing on the Democratic side: center-left economists who have argued for years that the Fed was being too conservative are still saying the same thing with Trump in office.

What all this tells us is that Republican positioning on economic policy has been in bad faith all these years. They didn’t really believe that a debt crisis and hyperinflation were looming. They were just against anything that might help the economy while a Democrat was president.

 

Gli anni del sabotaggio,

di Paul Krugman

 

Vi ricordate il grande spavento per l’inflazione del 2010-2011? L’economia degli Stati Uniti rimase profondamente depressa per le conseguenze dello scoppio della bolla immobiliare e della crisi finanziaria del 2008. La disoccupazione era ancora sopra il 9 per cento; la crescita dei salari era ridotta al minimo e le misurazioni della inflazione di base erano ben al di sotto degli obbiettivi della Federal Reserve. Di conseguenza la Fed stava facendo quello che poteva per incoraggiare l’economia – manteneva i tassi di interesse a breve termine il più possibile bassi e acquistava obbligazioni a lungo termine nella speranza di ottenere una qualche spinta aggiuntiva.

Ma i repubblicani erano in rivolta, ammonivano che le politiche della Fed avrebbero portato ad una inflazione fuori controllo. Un congressista di nome Mike Spence presentò una proposta di legge che avrebbe impedito alla Fed persino di considerare nelle sue iniziative le condizioni del mercato del lavoro. Il Gotha dei repubblicani sottoscrisse una lettera aperta a Ben Bernanke chiedendo che fermasse i suoi sforzi monetari, che sostenevano avrebbero “rischiato la svalutazione del dollaro e l’inflazione”.

E i presunti rispettabili repubblicani si impegnarono nelle teorie della cospirazione, suggerendo che la Fed fosse segretamente in combutta con l’Amministrazione Obama. Paul Ryan e l’economista John Taylor dichiararono che la politica della Fed “assomiglia molto ad un salvataggio della politica deella finanza pubblica, e tali tentativi aprono un interrogativo sull’indipendenza della Fed”.

Ovviamente, tutti questi ammonimenti erano sbagliati. L’inflazione non decollò mai. Sebbene quasi nessuna delle persone che divennero isteriche con l’inflazione abbiano mai nemmeno riconosciuto di aver avuto torto, Bernanke, gli economisti della Fed e in generale i keynesiani si dimostrarono nel giusto: in una economia depressa, stampare denaro non è inflazionistico.

Ma che cosa c’era dietro questi terribili ammonimenti sull’inflazione? Ebbene, essi vennero nello stesso periodo nel quale i repubblicani mettevano in guardia sulle terribili, tremende conseguenze negative della spesa in deficit.

Ed era evidente in quel momento che l’atteggiamento del Partito Repubblicano era ipocrita – evidente, voglio dire, per tutti meno che per l’intero gruppo dirigente della Capitale. Tutto quello che si doveva fare per comprendere quanto egli fosse sincero, era osservare quello che c’era effettivamente nelle proposte di bilancio di Ryan, ovvero che stava utilizzando i deficit come una scusa per colpire i programmi sociali e azzoppare Obama. Era del tutto prevedibile che i repubblicani avrebbero deciso che i deficit non sono importanti appena avessero riconquistato la Casa Bianca.

Eppure, pensavo che la politica monetaria fosse un po’ diversa. I repubblicani sono stati il partito della irresponsabilità nelle finanze pubbliche sin dall’epoca di Reagan, e non c’era alcuna ragione per credere che fossero cambiati. Ma la fissazione aurea, l’odio per il denaro cartaceo e l’avversione per lo stampare i soldi sembravano essere inclinazioni di lunga data a destra. Mi immaginavo che Ryan, una volta che aveva dichiarato di aver appreso tutto quello che c’era da sapere sulla politica monetaria dalla favola Atlante alzò le spalle, potesse effettivamente credere in quello he diceva sulla Fed.

Alla luce degli eventi recenti, tuttavia, sembra che avessi torto. L’atteggiamento dei repubblicani sulla politica monetaria era altrettanto insincero del loro atteggiamento sulla politica della spesa pubblica. Adesso dobbiamo constatare che le richieste del partito negli anni 2010-2011 per una restrizione della politica monetaria, come le loro richieste per una restrizione della politica della spesa pubblica, non riflettevano principi economici, ma piuttosto il desiderio di sabotare Obama.

Vedete, il tentativo di Donald Trump di nominare Stephen Moore alla Fed è fallito per la ragione sbagliata. Moore non ce l’ha fatta perché si è scoperto che era un individuo disgustoso. Ma avrebbe dovuto essere respinto su due piedi semplicemente sulla base dei suoi punti di vista economici. Non solo aveva avuto torto a ripetizione durante la crisi finanziaria e le sue conseguenze; non solo aveva rifiutato di ammettere i suoi errori o di imparare alcunché da essi; ma appena Trump è entrato in carica, ha cambiato in un attimo indirizzo, mostrando di essere un semplice animale politico. Aveva richiesto tassi di interesse più elevati quando la disoccupazione era sopra il 9 per cento; ora sta chiedendo tassi più bassi con una disoccupazione al di sotto del 4 per cento.

Ma, come ho detto, non è questa la ragione per la quale Moore non ce l’ha fatta – giacchè l’intero partito aveva seguito il medesimo indirizzo. Mike Pence, che aveva richiesto tassi più alti nel contesto dell’economia profondamente depressa del 2010, adesso vuole tassi più bassi. Nessun repubblicano in Congresso sembra aver criticato Moore per i suoi punti di vista politici, anziché per la sua misoginia. Con l’eccezione di Greg Mankiw dell’Università di Harvard, nessun eminente economista repubblicano si è fatto avanti per opporsi a Moore, anche se si era precisamente impegnato in quella specie di politicizzazione della politica monetaria che Taylor e Ryan sostenevano di vedere nel 2010.

Ho fatto un piccolo diagramma per sintetizzare l’evoluzione delle posizioni repubblicane in materia di politica monetaria. Esso mostra il tasso di occupazione degli adulti nella principale età lavorativa, considerato generalmente un indicatore migliore delle condizioni del mercato del lavoro rispetto al tasso di disoccupazione, e il tasso al quale sono cresciuti i salari. Entrambe le misure toccano i punti più bassi nel 2010-2011, quando erano un forte argomento per una politica monetaria espansiva. Era precisamente il momento nel quale il Partito Repubblicano faceva pressioni perché la Fed smettesse di cercare di aiutare l’economia. Entrambi i valori si collocano adesso ai valori più alti successivi alla crisi, e, come era prevedibile, adesso i repubblicani stanno sostenendo le politiche alle quali si opponevano quando erano massimamente necessarie.

zz 714

 

 

 

 

 

 

 

 

Curioso come funziona. Dalla Federal Reserve di St. Louis

Come mette in evidenza Matt O’Brien, non si osserva la stessa cosa dalla parte dei democratici: gli economisti di centro-sinistra che avevano sostenuto per anni che la Fed si comportava in modo troppo conservatore, stanno ancora dicendo lo stesso con Trump in carica.

Quello che deriva da tutto ciò è che le posizioni repubblicane nella politica economica in tutti questi anni sono state in malafede. Non credevano sul serio che una crisi da debito ed una iperinflazione fossero incombenti. Erano solo contrari a tutto quello che poteva aiutare l’economia durante la Presidenza di un democratico.

 

 

 

 

 

 

 

 

La sopravvivenza di quelli che sbagliano tutto, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 24 aprile 2019)

aprile 26, 2019

 

April 24, 2019

Survival of the Wrongest

By Paul Krugman

zz 516

Evidence has a well-known liberal bias. And that, presumably, is why conservatives prefer “experts” who not only consistently get things wrong, but refuse to admit or learn from their mistakes.

There has been a lot of commentary about Stephen Moore, the man Donald Trump wants to put on the Fed’s Board of Governors. It turns out that he has a lot of personal baggage: He was held in contempt of court for failing to pay alimony and child support, and his past writings show an extraordinary degree of misogyny. He misstates facts so much that one newspaper editor vowed never to publish him again, and he has been caught outright lying about his past support for a gold standard. Oh, and he has described the cities of the U.S. heartland as “armpits of America.”

But it’s also important to put Moore in context. Until he decided that the Fed should roll those printing presses to help Trump, he was part of a fairly broad group that advocated tight money in the aftermath of the global financial crisis. This group bitterly criticized both the Fed’s low interest rates and its efforts to boost the economy by buying bonds, so-called “quantitative easing.” Its members warned that these policies would lead to runaway inflation, and seized on a rise in commodity prices in 2011-12 as the harbinger of an inflationary surge.

Meanwhile, economists at the Fed and elsewhere argued that there was no inflationary risk given the depressed state of the economy, and that “core” inflation, which excludes volatile food and energy prices, was a much better indicator of inflationary pressure than commodity prices.

We now know what happened: The Fed was right and its hard-money critics were wrong. In fact, it’s hard to think of other events in economic history in which rival doctrines received such a clear test, and in which one of them emerged so decisively as the winner.

We can summarize how events went down with two charts. Figure 1 shows two numbers, both expressed as indexes with Dec. 2007 – the start of the Great Recession – set to 100.

zz 712

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1 Federal Reserve of St. Louis

The blue line shows the monetary base, the sum of currency in circulation and bank reserves; when we say that the Fed “prints money,” we mean that it increases the monetary base. As you can see, that base soared as the Fed fought the slump; critics warned, most famously in a 2010 open letter to Ben Bernanke, that this would lead to an inflationary explosion. But the red line shows what happened to consumer prices: basically nothing.

Figure 2 shows two more numbers. The blue line shows the rate of change in the prices of commodities – raw materials like copper and soybeans. Commodity prices surged in 2007-8, and right-wingers like Moore called for interest rate hikes to head off what they saw as looming inflation. In reality, the Great Recession was already underway. After plunging in the face of crisis, commodity prices rose again in 2010-12, and people like Paul Ryan berated Bernanke for policies that would “debase” the dollar.

zz 713

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 2 Federal Reserve of St. Louis

But the red line shows the number the Fed focused on, core inflation, which stayed low. Sure enough, the commodity price surge was a temporary blip, and runaway inflation never happened.

As I said, the Fed’s critics were decisively proved wrong. When it comes to evidence settling an economic dispute, the monetary events of 2009-2014 or so were as good as it gets.

But two funny things happened once the verdict of the evidence was in. First, aside from a vague mea culpa from Larry Kudlow, none – and I mean none – of the Fed’s critics were willing to admit that they were wrong. In 2014 Bloomberg contacted as many of the signatories of that open letter to Bernanke as it could, to ask what they thought given subdued inflation and a solid economic recovery. Not one was willing to admit that the letter’s warnings had proved incorrect.

Second, the people who got it wrong were if anything rewarded for their errors. Moore was wrong about everything during the financial crisis; he remained a fixture on the right-wing conference circuit, and in 2014 the Heritage Foundation appointed him as its chief economist. Kudlow, who dismissed those warning about the housing bubble as “bubbleheads,” and warned about looming inflation in the depths of recession, also remained a right-wing favorite – and is now the Trump administration’s chief economist.

So the attempt to install Moore at the Fed is right in character. And let’s be clear: The issue is not simply one of having made some bad forecasts. Everyone does that now and then. It’s about being consistently wrong about everything, and refusing to learn from error.

Recently Moore declared that the Fed is “filled with hundreds of economists who are worthless, who have the wrong model in their mind. They should all be, they should all be fired and they should be replaced by good economists.” Given the respective track records of the Moore and the Fed over the past decade and more, what he apparently means by the “wrong model” is a view of inflation that has repeatedly been proved right, as opposed to his own analysis, which has always been wrong.

But so far not a single Republican senator has questioned Moore’s qualifications. When it comes to right-wing economists, what we see is a clear pattern of survival of the wrongest.

 

La sopravvivenza di quelli che sbagliano tutto,

di Paul Krugman

 

I fatti hanno una ben nota tendenza progressista. E quella è la ragione per la quale, presumibilmente, i conservatori preferiscono “esperti” che non solo stabilmente intendono le cose in modo sbagliato, ma rifiutano di riconoscere o di imparare dai loro errori.

Ci sono stati molti commenti su Staphen Moore, l’uomo che Donald Trump vuole nominare nel Comitato dei Governatori della Fed. Si scopre che egli ha un bel po’ di bagaglio personale: è stato accusato per oltraggio ad un tribunale per non aver pagato gli alimenti e il sostegno ad un figlio, e i suoi scritti passati mostrano un livello straordinario di misoginia. Travisa i fatti a tal punto che un editore di un giornale ha giurato di non pubblicare più suoi scritti ed è stato sorpreso a mentire completamente a proposito del suo passato sostegno al gold standard. Inoltre ha descritto le città del cuore degli Stati Uniti come “fogne dell’America” [1].

Ma è anche importante collocare Moore nel suo contesto. Finchè non decise che la Fed doveva far girare le presse per stampare soldi per aiutare Trump, faceva parte di un ampio gruppo che sostenne una politica monetaria severa all’indomani della crisi finanziaria globale. Questo gruppo criticava aspramente sia i bassi tassi di interesse della Fed che i suoi sforzi per incoraggiare l’economia acquistando obbligazioni, la cosiddetta “facilitazione quantitativa”. I suoi componenti misero in guardia che queste politiche avrebbero portato ad un’inflazione fuori controllo, e classificarono la crescita nei prezzi delle materie prime nel 2011-2012 come il presagio di un picco di inflazione.

Nello stesso periodo, gli economisti alla Fed e dappertutto sostenevano che non c’era alcun rischio inflazionistico date le condizioni depresse dell’economia e che l’inflazione “sostanziale”, che esclude i prezzi volatili degli alimenti e dell’energia, fosse un indicatore molto migliore della pressione inflazionistica che non i prezzi delle materie prime.

Adesso sappiamo cosa accadde: la Fed aveva ragione e i suoi critici favorevoli ad una politica monetaria restrittiva avevano torto. Di fatto, è difficile pensare ad altri eventi nella storia economica nei quali dottrine rivali abbiano ricevuto un test così chiaro, e nei quali una di esse sia emersa così chiaramente come vincirice.

Possiamo sintetizzare come gli eventi passarono alla storia con due diagrammi. La Figura 1 mostra due dati, entrambi espressi come indici, con il dicembre del 2007 – l’inizio della Grande Recessione – fissato per entrambi a 100.

zz 712

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1. Federal Reserve di St. Louis

La linea blu mostra la base monetaria, la somma delle valute incircolazione e delle reserve bancarie; quando si dice che la Fed “stampa moneta” si intende che essa aumenta la base monetaria. Come si può notare tale base schizzò in alto quando la Fed si battè contro la recessione; i critici misero in guardia, resta nella storia una lettera aperta del 2010 a Ben Bernanke, che ciò avrebbe portato ad una esplosione inflazionistica. Ma la linea rossa mostra cosa accadde ai prezzi al consumo: fondamentalmente niente.

La Figura 2 mostra due altri dati. La linea blu mostra il tasso di cambo nei prezzi delle materie prime – materiali greggi come il rame e la soia. I prezzi delle materie prime salirono nel 2007-8, e personaggi della destra come Moore chiesero rialzi nei tassi di interesse per evitare quella che consideravano una inflazione incombente. Dopo esser crollati di fronte alla crisi, i prezzi delle materie prime salirono ancora nel 2010-12, e persone come Paul Ryan rimproverarono Bernanke per politiche che avrebbero “svalutato” il dollaro.

zz 713

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2. Federal Reserve di St. Louis

Ma la linea rossa mostra il dato su cui si concentrò la Fed, l’inflazione sostanziale, che rimase bassa. Di certo, la crescita del prezzo delle materie prime fu una deviazione temporanea, e di inflazione fuori controllo non ci fu alcuna traccia.

Come ho detto, i critici della Fed dimostrarono in modo definitivo di sbagliare. Quando, nella definizione di un dibattito economico, si arriva alle prove, gli eventi monetari del 2009-2014 si confermarono altrettanto positivi di quanto essa aveva compreso.

Ma accaddero due cose curiose una volta che intervenne il verdetto dei fatti. La prima, a parte una vaga mea culpa da parte di Larry Kudlow, nessuno tra i critici della Fed – e intendo nessuno – furono disponibili ad ammettere di aver avuto torto. Nel 2014 Bloomberg contattò quanti firmatari di quella lettera aperta a Bernanke riuscì a trovare, per chiedere cosa pensassero considerata la tenue inflazione e una solida ripresa economica. Nessuno fu disponibile ad ammettere che gli ammonimenti della lettera si fossero dimostrati scorretti.

La seconda fu che le persone che avevano sbagliato furono semmai premiate per i loro errori. Moore sbagliò tutto durante la crisi finanziaria: rimase un ospite fisso nel circuito delle conferenze della destra e nel 2014 la Fondazione Heritage lo nominò capoeconomista. Anche Kudlow, che aveva liquidato la bolla immobiliare alla stregua di un “pupazzetto” [2] e aveva messo in guardia dall’incombente inflazione nel pieno dellla recessione, rimase un favorito della destra – e adesso è il capoeconomista della Amministrazione Trump.

Dunque il tentativo di nominare Moore alla Fed è esattamente un classico. E siamo chiari: la questione non è semplicemente quella di aver fatto alcune previsioni sbagliate.  Prima o poi le fanno tutti. Riguarda lo sbagliare costantemente su tutto e il rifiutare di imparare dagli errori.

Di recente Moore ha dichiarato che la Fed è “zeppa di centinaia di economisti immeritevoli, che hanno in testa il modello sbagliato. Dovrebbero essere tutti, proprio tutti, licenziati e sostituiti da buoni economisti”. Considerati i rispettivi surricula di Moore e della Fed nel corso del decennio passato e più ancora, quello che egli sembra intendere per “modello sbagliato” è un punto di vista sull’inflazione che si è ripetutamente mostrato giusto, a fronte della sua stessa analisi, che è sempre stata sbagliata.

Ma sinora nessun singolo Senatore repubblicano ha messo in dubbio le competenze di Moore. Quando si arriva agli economisti della destra, quello che constatiamo è un chiaro modello di sopravvivenza di quelli che sbagliano tutto.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] “Armpit” significa propriamente “ascella”, ma colloquialmente anche “fogna” o “postaccio”.

[2] In inglese c’è un gioco di parole tra “bubble” (bolla) e “bobblehead” (pupazzo con la testa svitata).

 

 

 

 

L’incredibile boom di Trump all’esaurimento, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 30 marzo 2019)

aprile 1, 2019

 

March 30, 2019

The Incredible Shrinking Trump Boom

By Paul Krugman

zz 516

So far, Donald Trump has passed only one significant piece of legislation: the 2017 tax cut. It was, to be fair, a pretty big deal: corporations, the principal beneficiaries, have already saved more than $150 billion, and over the course of a decade the tax cut will probably increase the budget deficit by more than $2 trillion.

But the tax cut was supposed to do more than just give stockholders more money — or at least that’s what its proponents claimed. It was also supposed to lead to many years of high economic growth, 3 percent or more at an annual rate.

Independent observers were skeptical, to say the least. They conceded that the tax cut might lead to a brief sugar high, because that’s what big deficits do. But any favorable effects on growth, they argued, would soon fade out. And they always insisted that it would take some time to assess the tax cut’s actual effects.

Nonetheless, when the economy grew pretty fast in the second quarter of last year, Trump and his supporters cried vindication, and ridiculed the critics.

But a bit of time has passed since then. The chart shows the U.S. economy’s growth rate by quarter since the beginning of 2018. The last number isn’t official; but there are a number of independent observers, including both Federal Reserve banks and private financial institutions, who produce “nowcasts” that estimate growth based on early data. At this point all of these nowcasts show slowing growth, and most put the first quarter at around 1.5 percent.

zz 709

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sugar high fading Paul Krugman

So do the results so far look like the huge, sustained boom the Trump camp promised, or the brief sugar high predicted by the critics?

But Donald Trump is a special kind of leader. When things don’t go his way, when events fail to turn out as he planned and promised, he always knows exactly what to do: Blame someone else. Sure enough, he’s now asserting that we’d be having a yuge economic boom, 3 percent growth, all that, if only the Federal Reserve hadn’t raised interest rates.

  1. K., this is where you need to be able to hold two ideas in your head at the same time. Was the Fed wrong to raise rates? Probably yes. Does this account for the failure of the Trump tax cut? No.

The Fed was clearly overoptimistic about the economy’s prospects, as it has pretty consistently been for the past decade. It’s worth noting that throughout that whole period conservative critics of the Fed — the same people now backing Trump — attacked the institution for keeping interest rates too low, not too high. Still, it’s now clear that the attempt to normalize monetary policy was premature.

But the Fed’s premature rate hikes aren’t why the Trump tax cut is failing. How do we know that? Because all those boasts about why the tax cut would work miracles were based on a specific story about what is holding the U.S. economy back. And that story was and is all wrong.

The Trumpist theory — which was, I’m sorry to say, endorsed by conservative economists who should have known better — was that there was a huge pile of money sitting outside the U.S. that companies would bring back and invest productively if given the incentive of lower tax rates. But that pile of money was an accounting fiction. And the tax cut didn’t give corporations an incentive to build new factories and so on; all it did was induce them to shift their tax-avoidance strategies.

As Brad Setser of the Council on Foreign Relations points out, a casual glance at the data seems to suggest that American companies earn a lot of their profits at their overseas subsidiaries. But a closer look shows that the bulk of these reported profits are in a handful of small countries with low or zero tax rates, like Bermuda, Luxembourg and Ireland. The companies obviously aren’t earning huge profits in these tiny economies; they’re just using accounting gimmicks to assign profits earned elsewhere to subsidiaries that may have a few factories, but sometimes consist of little more than a small office, or even just a post-office box.

These basically phony profits then accumulate on the books of the overseas subsidiaries, rather than the home company. But this doesn’t affect their ability to invest in America: if Apple wants to spend a billion dollars here, it can always borrow the money using the assets of its Irish subsidiary as collateral. In other words, U.S. taxes weren’t having any significant effect in deterring real investment in the U.S. economy.

When Trump cut the tax rate, some companies “brought money home.” But for the most part this had no economic significance. Here’s how it works: Apple Ireland transfers some of its assets to Apple U.S.A. Officially, Apple Ireland has reduced its investment spending, while paying a dividend to U.S. investors. In reality, Apple as an entity has the same total profits and the same total assets it did before; it hasn’t devoted a single additional dollar to purchases of equipment, R&D, or anything else for its U.S. operations.

Not surprisingly, then, the investment boom Trump economists promised has never materialized. Companies didn’t use their tax breaks to invest more; mainly they used them to buy back their own stock. This in turn, put more money in the hands of investors, which gave the economy a temporary boost — although for 2018 as a whole, one of the biggest drivers of faster growth was, believe it or not, higher government spending.

So the theory supposedly behind the Trump tax cut has turned out to be a complete bust. Corporate accountants got to have some fun exploring new frontiers in tax avoidance; the rest of us just ended up saddled with an extra $2 trillion or so in debt.

Now, I’m not deeply worried about that debt. Given low borrowing costs, the costs and risks of federal debt are far less than the usual suspects — again, the same people who cheered on the Trump tax cut — have claimed. But think of all the other things we could have done with $2 trillion — all the infrastructure we could have built and repaired, all the people who could have been given essential health care.

What a colossal, corrupt waste.

 

 

L’incredibile boom di Trump all’esaurimento,

di Paul Krugman

Sinora, Donald Trump ha fatto approvare soltanto una legge significativa: il taglio delle tasse del 2017. È stata, per esser giusti, una faccenda assai cospicua: le società, i principali beneficiari, hanno già risparmiato più di 150 miliardi di dollari, e nel corso di un decennio il taglio delle tasse aumenterà probabilmente il deficit del bilancio per più di 2.000 miliardi di dollari.

Ma si presumeva che il taglio delle tasse facesse di più che soltanto consegnare più soldi agli azionisti – o almeno quello era quanto i suoi proponenti sostenevano. Si ipotizzava anche che portasse a molti anni di crescita economica, con un 3 per cento o più di tasso annuale.

Osservatori indipendenti erano, a dire il minimo, scettici. Ammettevano che il taglio delle tasse potesse comportare una breve euforia di zuccheri, dato che è quello che fanno i grandi deficit. Ma, sostenevano, ogni effetto favorevole sulla crescita sarebbe presto svanito. E ribadivano sempre che ci sarebbe voluto un po’ di tempo per valutare gli effetti veri dello sgravio fiscale.

Ciononostante, quando nel secondo trimestre dell’anno passato l’economia conobbe una crescita abbastanza rapida, Trump e i suoi sostenitori vantarono un risarcimento e ridicolizzarono i critici.

Ma da allora è passato un po’ di tempo. Il diagramma mostra il tasso di crescita dell’economia degli Stati Uniti per trimestre a partire dagli inizi del 2018. L’ultimo dato non è ufficiale; ma ci sono un certo numero di osservatori indipendeenti, incluse sia banche della Federal Reserve che istituti finanziari privati, che producono stime di crescita “in tempo reale” basate sui primi dati. A questo punto tutte queste stime mostrano una crescita che rallenta, e a maggioranza collocano il primo trimestre a circa l’1,5 per cento.

zz 709

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Euforia da zuccheri che svanisce. Paul Krugman

Dunque, i risultati sino a questo punto suggeriscono l’ampio, sostenuto boom che il fronte di Trump aveva promesso, o la breve euforia da zuccheri prevista dai critici?

Ma Donald Trump è una specie particolare di leader. Quando le cose non vanno per il loro verso, quando i fatti non risultano come egli aveva programmato e promesso, lui sa sempre cosa fare: dare la colpa a qualcun altro. Come previsto, egli sta ora sostenendo che avremmo avuto un vasto boom economico, il 3 per cento di crescita, non di meno, se la Federal Reserve non avesse aumentato i tassi di interesse.

Va bene, questo è il momento nel quale dovete essere capaci di mettervi in testa due idee contemporaneamente. Ha sbagliato la Fed ad aumentare i tassi? Probabilmente sì. Questo ha pesato nel fallimento del taglio delle tasse di Trump? No.

La Fed è stata chiaramente più che ottimistica sulle prospettive dell’economia, come lo è stata costantemente nel decennio passato. È il caso di notare che in tutto quel periodo i critici conservatori della Fed – le stesse persone che adesso sostengono Trump – hanno attaccato l’istituto per tenere i tassi di interesse troppo bassi, non troppo alti. Eppure, adesso è chiaro che quel tentativo di normalizzare la politica monetaria era prematuro.

Ma i rialzi prematuri dei tassi da parte della Fed non sono la ragione per la quale il taglio delle tasse di Trump ha fallito. Come lo sappiamo? Perché tutte quelle vanterie per le quali il taglio delle tasse avrebbe fatto miracoli erano basate su un particolare racconto che sta trattenendo indietro l’economia statunitense. E quel racconto era ed è tutto sbagliato.

La teoria trumpiana – che è stata appoggiata, spiacevole a dirsi, da economisti conservatori che avrebbero dovuto saperne di più – era che ci sarebbe stata una gran quantità di denaro in attesa fuori dagli Stati Uniti che le società avrebbero riportato indietro ed investito produttivamente, considerato l’incentivo delle aliquote fiscali più basse. Ma quella gran quantità era una finzione contabile. E il taglio delle tasse non ha fornito alle società alcun incentivo a costruire nuovi stabilimenti e tutto il resto; tutto quello che ha fatto è stato indurli a spostare le loro strategie di elusione fiscale.

Come Brad Setser del Council on Foreign Relations mette in evidenza, un’occhiata casuale ai dati sembra suggerire che le società americane guadagnino molti dei loro profitti presso le loro sussidiarie all’estero. Ma un’occhiata più attenta mostra che il grosso di questi presunti profitti sono in una manciata di piccoli paesi con aliquote fiscali basse o pari a zero, come Bermuda, Lussemburgo e Irlanda. È evidente che queste società non stanno guadagnando grandi profitti in queste minuscole economie; stanno solo giustificando trucchi per indirizzare altrove i profitti realizzati, verso sussidiarie che possono avere pochi stabilimenti, ma talora si tratta di poco più di un piccolo ufficio, o persino solo di una casella postale.

Questi profitti fondamentalmente fasulli poi si accumulano sui libri contabili delle sussidierie estere, anziché su quelli della società madre. Ma questo non influisce sulla loro capacità di investire in America: se Apple vuople spendere un miliardo di dollari qua, essa può sempre prendere a prestito il denaro utilizzando gli asset della sussidiaria irlandese come garanzia. In altre parole, le tasse degli Stati Uniti non avevano alcun effetto significativo nell’impedire investimenti reali nell’economia degli Stati Uniti.

Quando Trump tagliò l’aliquota fiscale, alcune società “riportarono i soldi a casa”. Ma in massima parte questo non ebbe alcun significato economico. Ecco come funziona: la Apple irlandese trasferisce alcuni dei suoi asset alla Apple in USA. Ufficialmente, la Apple irlandese ha ridotto la sua spesa per investimenti, di fatto sta pagando un dividendo agli investitori statunitensi. In realtà, Apple nel suo complesso ha gli stessi profitti totali e gli stessi asset totali che aveva prima; non ha dedicato un solo dollaro aggiuntivo ad acquisti per attrezzature, per ricerca e sviluppo o per niente altro delle sue operazioni negli Stati Uniti.

Non è sorprendente, dunque, che il boom degli investimenti che gli economisti di Trump avevano promesso non si sia mai materializzato. Le società non hanno utilizzato i loro sgravi fiscali per investire di più; principalmente li hanno utilizzati per riacquistare le loro azioni. Questo a sua volta ha messo più soldi nelle mani degli investitori, il che ha dato all’economia una spinta temporanea – sebbene per il 2018 nel suo complesso, uno dei maggiori fattori della crescita più veloce sia stato, ci crediate o meno, la più elevata spesa pubblica [1].

Dunque, la teoria che si supponeva reggesse il taglio delle tasse di Trump si è rivelata un fallimento completo. I commercialisti delle società si sono divertiti un po’ nell’esplorare nuove frontiere dell’elusione fiscale; a tutti gli altri sono stati rifilati circa 2.000 miliardi aggiuntivi di dollari di debito.

Ora, non sono profondamente preoccupato per quel debito. Dati i bassi costi dell’indebitamento, i costi e i rischi del debito federale sono molto minori di quelli che i soliti noti – ancora, le stesse persone che hanno elogiato il taglio delle tasse di Trump – hanno sostenuto. Ma pensate alle altre cose che avremmo potuto fare con 2.000 miliardi di dollari – a tutte le infrastrutture che avremmo potuto costruire e riparare, a tutta la gente alla quale si sarebbe potuto dare una assistenza sanitaria essenziale.

Che spreco colossale e immorale.    

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] La connessione è con un articolo di Katy Davidson sul Wall Street Journal, che spiega come la spesa pubblica nell’anno e mezzo passato sia stata, particolarmente nel settore delle spese miltari, più cospicua e più rapida, ed abbia da sola sostenuto una parte notevole della crescita del PIL.

 

 

 

 

 

I repubblicani odiano sul serio l’assistenza sanitaria, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 26 marzo 2019)

marzo 27, 2019

 

March 26, 2019

Republicans Really Hate Healthcare

By Paul Krugman

zz 516

Of all the political issues that divide us, health care is the one with the greatest impact on ordinary Americans’ lives. If Democrats hadn’t managed to pass the Affordable Care Act, around 20 million fewer Americans would have health insurance than currently do. If Republican-controlled states hadn’t refused to expand Medicaid and generally done as little as possible to support the act, national progress might have tracked progress in, say, California – so another 7 or 8 million people might have coverage.

You obviously know where I stand on this political divide. But I’m starting to believe that I misjudged Republican motives.

You see, I thought their behavior was cynical and strategic: They opposed Obamacare because they thought there was political mileage in scaring people about change, and also in denying Obama any successes. Oh, and their donors really hated the taxes on the rich that pay for the ACA’s subsidies. And right up through 2016 they could hope to convince voters that they had a secret plan for something much better than Obamacare.

Indeed, all of these things surely played a role in GOP health care strategy. But at this point they’ve clearly lost the political argument. In 2017, Republican attempts to repeal Obamacare made it clear to everyone that their party didn’t have any better ideas, and never did; everything they proposed would have devastated the lives of millions.

Then health care became the top issue in the 2018 midterms, and voters who considered it the most important issue went Democratic by a three to one margin.

So you might have expected Republicans to cut their losses. Maybe Trump could have done what he did with NAFTA: keep Obamacare basically intact, but make a few minor changes, give it a new name – the Yuge Maga Care Awesomeness, or something – and claim that it was totally different and better.

But no. Most Republican-controlled states are still refusing to expand Medicaid, even though Washington would bear the vast majority of the costs. Utah held a direct referendum on Medicaid expansion, which passed easily – so the will of the voters was clear, even in a very conservative state. Yet GOP legislators are blocking the expansion anyway.

And now the Trump administration, having failed to repeal the ACA when Republicans controlled Congress, is suing to have the whole thing declared unconstitutional in court – because what could be a better way to start off the 2020 campaign than taking insurance away from 20 million Americans?

As an aside, this latest Trump move completes his utter betrayal of the people who put him in office. Consider a place like West Virginia, where a lot of people gained health insurance thanks to Obamacare’s Medicaid expansion. The state went overwhelmingly for Trump anyway, because he promised not to cut health care, and also promised to bring back those good jobs in coal. So I made a little chart to show what he’s actually offering West Virginians:

zz 703

 

 

 

 

 

 

 

 

Betraying the base. BLS, Kaiser Family Foundation

The point is that it’s no longer possible to see any of this as part of a clever political strategy, even a nefariously cynical one. It has entered the realm of pathology instead. It’s now clear that Republicans just have a deep, unreasoning hatred of the idea that government policy may help some people get health care.

Why? The truth is that I don’t fully get it. Maybe it’s anger at the thought of anyone getting something they didn’t earn themselves, unless it’s an inheritance from daddy. Maybe it’s a sense that a lot of gratuitous suffering is or should be part of the human condition, or God’s plan, or something. I try to understand how others think, but in this case I really do find it hard.

Whatever the reason, however, the fact is that whatever they may claim, today’s Republicans hate the idea of poor and working-class Americans getting the health care they need.

 

I repubblicani odiano sul serio l’assistenza sanitaria,

di Paul Krugman

Di tutti i temi politici che ci dividono, l’assistenza sanitaria è quella con l’impatto più grande sulla vita degli americani comuni. Se i democratici non fossero riusciti ad approvare la Legge sulla Assistenza Sostenibile (ACA), circa 20 milioni di americani in meno avrebbero avuto l’assicurazione sanitaria che hanno attualmente. Se gli Stati controllati dai repubblicani non avessero rifiutato di espandere Medicaid [1] e in generale non avessero fatto il meno possibile per sostenere la legge, il progresso nazionale avrebbe seguito il progresso, ad esempio, della California – in tal modo 7 o 8 altri milioni di persone potrebbero avere l’assicurazione.

Ovviamente voi sapete da che parte io mi collochi in questa divisione politica. Ma sto cominciando a credere di aver frainteso le motivazioni dei repubblicani.

Vedete, io pensavo che il loro comportamento fosse cinico e strategico: si opponevano alla riforma di Obama perché pensavano che ci fosse una resa politica nello spaventare la gente sul cambiamento, ed anche nel negare ogni successo ad Obama. Inoltre, i loro finanziatori odiavano davvero le tasse sui ricchi che coprono la spesa per i sussidi della legge. E una volta superate le elezioni del 2016 potevano sperare di convincere gli elettori di avere un piano segreto per qualcosa di molto meglio della riforma di Obama.

In effetti, tutte queste cose hanno sicuramente avuto un ruolo nella strategia sulla assistenza sanitaria del Partito Repubblicano. Ma a questo punto essi hanno chiaramente perso l’argomentazione politica. Nel 2017, i tentativi repubblicani di abrogare la riforma di Obama hanno reso chiaro a tutti che il loro partito non aveva nessuna idea migliore, né l’aveva mai avuta; tutto quello che proposero avrebbe devastato l’esistenza di milioni di persone.

A quel punto, l’assistenza sanitaria divenne il tema più importante nelle elezioni di medio termine, e gli elettori che la consideravano la questione più importante passarono ai democratici con un margine di tre a uno.

Dunque ci si poteva aspettare che i repubblicani riducessero i loro danni. Forse Trump avrebbe potuto fare quello che fece con il NAFTA: lasciare fondamentalmente intatta la riforma di Obama, ma fare pochi cambiamenti minori, chiamarla in altro modo – l’Enorme Magico Splendore di Assistenza, o qualcosa del genere – e sostenere che essa era completamente diversa e migliore.

Ma no. La maggioranza degli Stati controllati dai repubblicani stanno ancora rifiutandosi di espandere Medicaid, anche se Washington si accollerebbe la grande maggioranza dei costi. Lo Utah ha tenuto direttamente un referendum sulla espansione di Medicaid, che è passato facilmente – dunque la volontà degli elettori era chiara, persino in uno Stato molto conservatore. Tuttavia, i legislatori del Partito Repubblicano stanno comunque bloccando l’espansione.

E adesso l’Amministrazione Trump, non essendo riuscita ad abrogare l’ACA quando i repubblicani controllavano il Congresso, sta intentando una causa perché tutta la faccenda sia dichiarata incostituzionale in tribunale – perché quale sarebbe un miglior modo di avviare la campagna elettorale del 2020 se non togliere l’assicurazione a 20 milioni di americani?

Per inciso, quest’ultima mossa di Trump porta a termine il suo completo tradimento della gente che lo ha messo in carica. Si consideri un posto come la Virginia Occidentale, dove una gran quantità di persone ha ottenuto l’assicurazione sanitaria grazie all’espansione di Medicaid prevista dalla riforma di Obama. Lo Stato si era espresso comunque in modo schiacciante a favore di Trump, giacché egli aveva promesso di non tagliare l’assistenza sanitaria, e aveva anche promesso di ripristinare quei buoni posti di lavoro nel carbone. Così io ho elaborato un piccolo diagramma che mostra cosa egli stia effettivamente offrendo ai virginiani del West:

zz 703

 

 

 

 

 

 

 

 

Il tradimento della base. BLS, Kaiser Family Foundation.

[2]

Il punto è che non è più possibile considerare tutto questo come una parte di una strategia politica intelligente, per quanto orribilmente cinica. Siamo invece entrati nel dominio di una patologia. Adesso è chiaro che i repubblicani hanno un odio profondo, irragionevole dell’idea che la politica pubblica possa aiutare alcune persone a ricevere assistenza sanitaria.

Perché? La verità è che non lo sanno esattamente. Forse è rabbia al pensiero che qualcuno stia ottenendo qualcosa che non si è guadagnato da solo, senza un’eredità da parte del paparino. Forse è la sensazione che molta sofferenza gratuita sia o debba essere parte della condizione umana, o di un piano divino, o qualcosa del genere. Mi sforzo di capire come ragionino gli altri, ma in questo caso lo trovo davvero difficile.

Qualsiasi sia la ragione, tuttavia, il fatto è che, comunque lo argomentino, i repubblicani odierni odiano l’idea che i poveri e la classe lavoratrice americana ottengano l’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno.

 

 

 

 

 

 

 

[1] L’espansione di Medicaid è stato uno strumento assai efficace nella attuazione della riforma di Obama. Come è noto essa si è basata su alcuni pilastri, tra i quali: il quasi-obbligo dell’acquisto di una assicurazione e i sussidi a chi non poteva permettersela. Ma a questa seconda possibilità se ne è aggiunta un’altra simile: la definizione di condizioni meno restrittive per avere accesso all’assistenza pubblica per i più bisognosi (Medicaid). In quel modo, molti americani non benestanti hanno potuto direttamente transitare ad un programma pubblico. Ma questo non è accaduto in molti Stati controllati dai repubblicani, che si sono rifiutati di ampliare Medicaid, nonostante che i costi fossero in gran parte a carico del Governo Federale.

[2] La tabella mostra (blu) i posti di lavoro nel settore del carbone da quando Trump è in carico e (rosso) le persone che perderebbero l’assistenza sanitaria se la causa giudiziaria eaperta da Trump avesse successo.

 

 

 

 

Santo Vudù, Batman! I supereroi, l’arsenico e l’economia di Trump. Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 20 marzo 2019)

marzo 21, 2019

 

March 20, 2019

Holy Voodoo, Batman!

Superheroes, arsenic, and Trump economics.

By Paul Krugman

zz 516

 

 

 

 

 

The 2019 Economic Report of the President is out, and everyone is having fun with the bit at the end that acknowledges the help of student interns – a list that includes Peter Parker, Aunt May, Bruce Wayne, and Jabba the Hutt:

zz 700

 

 

 

 

 

 

Super interns Economic Report of the President

The White House is passing this off as a deliberate joke. More likely, someone slipped superheroes in to see whether anyone in charge was actually paying attention, and proved that they weren’t.

But the bigger news from the report involves the supposed economic payoffs from the Trump tax cut. Even the White House now acknowledges that the tax cut won’t do all they said it would – their wildly optimistic economic projections depend on the claimed payoff to other economic policies that they themselves haven’t specified. So tax cuts will do wonders for growth, as long as you do a bunch of other stuff, details to come later.

This puts me in mind of what Voltaire said about witchcraft: “It is unquestionable that certain words and ceremonies will effectually destroy a flock of sheep, if administered with a sufficient portion of arsenic.”

But beyond that, even the claimed positive effects of the tax cut itself are things we can already see aren’t happening.

So this report is double voodoo, or voodoo squared: it relies on voodoo economics to make big claims for tax cuts, then adds a whole additional layer of magic to get the growth projections the administration wants to hear.

Here’s the chart everyone is talking about. It shows a baseline representing what growth would supposedly be under pre-Trump policies, then a higher line showing the claimed effect of the tax cut, then still higher lines representing the effects of things like the Trump infrastructure plan:

zz 701

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Killing sheep with arsenic Economic Report of the President

The first thing to say, then, is that there is no Trump infrastructure plan. He’s well past the midpoint of his term, and there has been not a hint of an actual proposal. In fact, his latest budget significantly cuts infrastructure spending. So his economists are claiming credit for something he hasn’t enacted, hasn’t proposed, and for that matter hasn’t made the slightest gesture toward making happen.

Actually, my Voltaire quote is unfair. Trump wants to pretend that he can kill sheep with magic while actually using arsenic, but without actually administering any arsenic, or even asking where he might get some.

But wait, there’s more. That red line supposedly representing the effects of the TCJA shows substantially elevated growth for the next few years, even without the arsenic. But that’s not what independent economists are seeing. For example, the New York Fed’s “nowcast” – early estimates based on partial data – shows only 1.5% growth for the first half of this year. And the NY Fed is relatively optimistic; other nowcasters like the Atlanta Fed and Goldman Sachs are showing much lower growth in the first quarter, less than half a percent.

 

The White House explains why it’s predicting such big growth: the TCJA will cause a surge in business investment by “substantially raising the target capital stock and attracting increased net capital inflows.” And this rise in the capital stock will cause a surge in productivity. Except that there’s no sign of a surge in business investment: the report cherry-picks a few numbers, but overall orders for capital goods, probably the best real-time indicator, are showing nothing much (that 2015-6 slump, by the way, was about fracking, which fell off for a while when world oil prices plunged):

zz 702

 

 

 

 

 

 

 

 

Where’s my investment boom? Federal Reserve of St. Louis

Nor has there been a huge increase in capital inflows – if there had been, we would, as a matter of sheer accounting, be seeing a huge rise in the trade deficit, not the modest increase we’ve actually witnessed.

In other words, the tax cut is a big fizzle – and even the White House is half-admitting as much.

Which then raises the question, why do people on the right keep insisting that cutting taxes on rich people and corporations will have magical positive effects on the economy? There have been no, repeat no, clear success stories for this doctrine – no, not even Reagan, who benefited from a severe Fed-generated recession early on his watch, followed by a Fed-generated recovery.

Yet the tax-cut zombie shambles on. Somehow, despite decades of practical failure, there’s a phalanx of billionaire-funded think tanks promoting trickle-down economics, and a loyal army of right-wing politicians supported by wealthy donors who keep insisting that they have faith that the next tax cut will do everything it promises. Really.

Why is that? Somehow, I suspect we know the answer.

 

 

Santo Voodoo, Batman!

I supereroi, l’arsenico e l’economia di Trump.

Di Paul Krugman

 

Il Rapporto Economico del Presidente del 2019 è in circolazione, e tutti si stanno divertendo per quella piccola sezione che sulla fine riconosce il contributo degli studenti tirocinanti – una lista che include Peter Parker, Aunt May, Bruce Wayne e Jabba the Hutt [1]:

zz 700

 

 

 

 

 

 

Super tirocinanti, dal Rapporto Economico del Presidente

La Casa Bianca lo sta facendo passare come uno scherzo deliberato. Più probabilmente, qualcuno ha fatto scivolare dentro il rapporto i supereroi per vedere se qualcuno in carica stesse effettivamente prestandoci qualche attenzione, e dimostrando che non lo stava facendo nessuno.

Ma la notizia più importante riguarda i presunti vantaggi economici del taglio delle tasse di Trump. Adesso anche la Casa Bianca riconosce che gli sgravi fiscali non hanno prodotto tutto quello che si sosteneva – le loro previsioni economiche forsennatamente ottimistiche derivano dal preteso vantaggio di altre politiche economiche, che loro stessi non specificano. In altre parole, i tagli delle tasse faranno miracoli per la crescita, alla condizione che si facciano un mucchio di altre cose, che saranno specificate in seguito.

Questo mi riporta alla mente quello che Voltaire disse a proposito della stregoneria: “È indubbio che certe parole e riti stermineranno con successo un gregge di pecore, se amministrate con una sufficiente dose di arsenico”.

Ma oltre a ciò, persino i pretesi effetti positivi dello stesso taglio delle tasse sono cose che si può già constatare non stiano avvenendo.

Dunque questo rapporto è un vudù doppio, o un vudù al quadrato: si basa sull’economia vudù per fare grandi rivendicazioni a favore degli sgravi fiscali, dopodiché aggiunge un intero strato di magia per ottenere le previsioni di crescita che l’Amministrazione vuole sentirsi dire.

Questo è il diagramma di cui tutti parlano. Esso mostra una linea di riferimento che indica quale crescita si suppone ci sarebbe stata con le politiche precedenti a Trump, poi linee più alte che rappresentano gli effetti di cose come il programma infrastrutturale di Trump:

zz 701

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ammazzare le pecore con l’arsenico. Dal Rapporto Economico del Presidente [2]

La prima cosa da dire, allora, è che non c’è alcun programma infrastrutturale. Trump è ben oltre la metà del suo mandato, e non c’è stato alcun cenno di una effettiva proposta. Di fatto, il suo ultimo bilancio taglia in modo significativo la spesa infrastrutturale. Dunque i suoi economisti stanno pretendendo credito per una cosa che non è stata deliberata, non è stato proposta e per la quale, per quanto conta, non è stata fatta la minima mossa per farla accadere.

In realtà, la mia citazione di Voltaire è ingiusta. Trump vuole fingere di poter ammazzare le pecore con la magia mentre sta effettivamente usando l’arsenico, ma senza somministrare davvero alcuna dose di arsenico, e senza neanche sapere dove possa ottenerne un po’.

Ma aspettate, c’è di più. Quella linea rossa che si suppone rappresenti gli effetti della legge sul taglio delle tasse mostra per i prossimi anni una crescita sostanzialmente elevata, anche senza l’arsenico. Ma non è quello che economisti indipendenti stanno constatando. Ad esempio, la “nowcast” [3] della Fed di New York – stime premature basate su dati parziali – mostra una crescita soltanto dell’1,5 per cento per la prima metà di quest’anno. E la Fed di New York è relativamente ottimistica; altre “nowcaster” come la Fed di Atlanta e Goldman Sachs stanno mostrando una crescita molto più bassa nel primo trimestre, inferiore a mezzo punto percentuale.

La casa Bianca spiega perché essa stia prevedendo tale cospicua crescita: la Legge sul taglio delle tasse provocherà una impennata negli investimenti delle imprese “elevando sostanzialmente l’obbiettivo delle riserve di capitale e attraendo flussi accresciuti di capitale netto”. E questa crescita nella riserva di capitale provocherà una crescita di produttività. Sennonché non c’è alcun segno di una crescita degli investimenti delle imprese: il rapporto sceglie selettivamente alcuni dati, ma gli ordini complessivi per i beni di capitale, probabilmente il miglior indicatore in tempo reale, non stanno mostrando niente di rilevante (per inciso, quella caduta del 2015-2016 era relativa al settore degli scisti bituminosi, che cadde per un certo periodo quando i prezzi mondiali del petrolio precipitarono):

zz 702

 

 

 

 

 

 

 

 

Dov’è finito il mio boom degli investimenti? Federal Reserve di St. Louis

Non c’è neppure stato un ampio incremento dei flussi di capitali – se ci fosse stato, per una faccenda di mera contabilità, staremmo osservando un’ampia crescita nel deficit commerciale, non l’incremento modesto cui stiamo assistendo.

In altre parole, il taglio delle tasse è stato un gran fiasco – e persino la Casa Bianca lo sta mezzo ammettendo.

Il che allora solleva la domanda: perché la gente della destra continua a ribadire che tagliare le tasse sui ricchi e sulle società avrà magici effetti positivi sull’economia? Non c’è stata alcuna, ripeto alcuna, chiara storia di successo per questa dottrina – nessuna, neppure con Reagan, che beneficiò di una recessione provocata dalla Fed agli inizi del suo mandato, seguita da una ripresa provocata dalla Fed.

Tuttavia, l’argomento del taglio delle tasse continua a camminare come uno zombi, in modo dinoccolato. Talvolta, nonostante decenni di pratici fallimenti, c’è una falange di gruppi di ricerca finanziati da miliardari che promuovono l’economia degli ‘effetti a cascata’, con una armata di politici di destra sostenuti da ricchi donatori che continuano a ribadire di aver fiducia che il prossimo taglio delle tasse manterrà tutto quello che promette. Per davvero.

Perché accade? In qualche modo, sospetto che conosciamo la risposta.

 

 

 

 

 

 

[1] L’elenco di nomi che copiamo nella traduzione contiene vari personaggi dell’universo dei supereroi. Peter Parker è la denominazione ‘in borghese’ dell’Uomo Ragno, Aunt May è anch’essa associata con l’Uomo Ragno nei cartoni della Mervel, Bruce Wayne è l’identità segreta di Batman e Jabba the Hutt è un personaggio immaginario della saga fantascientifica di George Lucas Guerre stellari (raffigurato come un grosso extraterrestresimile a una lumaca, dotato di braccia antropomorfe, privo di arti inferiori e con una lunga coda).  (da Wikipedia)

[2] La linea blu – in basso – relativa, come le restanti, ad un periodo che va dal 2018 a oltre il 2028 – mostra il tasso di crescita el PIL reale prevedibile prima della legge sul taglio delle tasse (TCJA), la linea rossa l’andamento prevedibile con la legislazione attuale, quella a trattini gialli le previsioni connesse con un nuovo taglio delle tasse, quella a trattini blu l’incremento prevedibile a seguito di nuove deregolamentazioni e di nuove politiche del lavoro.

[3] Una previsione basata su stime in tempo reale, del momento, ovvero premature rispetto alle previsioni fondate su dati più organici.

 

 

 

Il lutto per la perdita di Alan Krueger, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 19 marzo 2019)

marzo 20, 2019

 

March 19, 2019

Mourning the Loss of Alan Krueger

By Paul Krugman

zz 698

Normally this newsletter would be concerned with events in the wider world. But right now I just have to write about the shocking death — reportedly by suicide — of my former Princeton colleague, the economist Alan Krueger, at the age of 58.

I thought I knew Alan reasonably well and never saw a hint that something like this might be coming. But people’s lives often feel very different from the inside than they look on the outside.

What I can talk about is Alan’s work and why it mattered so much to other economists, myself very much included. For his research arguably did more to change how we view the economy than that of any other modern economist.

Alan’s most influential, paradigm-shifting work was his 1992 study with David Card on the effects of minimum-wage increases.

Before Card and Krueger, most economists just assumed that raising the minimum wage leads to lower employment. But Card and Krueger realized that this was a proposition you can test. Their initial study compared employment in New Jersey and Pennsylvania before and after New Jersey raised its minimum wage. And they found no adverse effect on employment — if anything, a small rise in New Jersey relative to its neighbor.

This study opened a new frontier in economic research. Economics is always bedeviled by the lack of controlled experiments; there are so many things going on in the economy that it’s hard to tell what’s causing what. But unilateral state wage hikes amount to natural experiments that tell you far more than standard economic methods.

Furthermore, this was a method that could be replicated many times, and has been over the years, right up to the recent round of minimum wage increases in a number of cities. And the preponderance of the results have confirmed Card and Krueger’s initial finding: raising minimum wages has far less negative impact on jobs than standard economics would have predicted.

This has implications that go far beyond minimum wages themselves. What Card, Krueger and the research that follows tell us is that labor markets are a lot more complicated than we thought, that market power matters a lot and that there may be much more room for public policy to raise wages in general than Econ 101 would have it.

This paper alone would secure Alan Krueger’s reputation as one of the greatest labor economists ever. But he did far more, on everything from growth and the environment to the effects of computers on wages — and he was a public servant too. He will be sorely missed.

 

Il lutto per la perdita di Alan Krueger,

di Paul Krugman

Normalmente questa newsletter dovrebbe occuparsi degli eventi nel mondo in generale. Ma in questo momento non ho altro da scrivere se non della sconvolgente morte all’età di 58 anni – secondo le notizie, un suicidio – del mio passato collega di Princeton, l’economista Alan Krueger.

Pensavo di conoscere Alan piuttosto bene e non avevo mai visto neanche un cenno che qualcosa del genere potesse succedere. Ma spesso le persone nella loro esistenza percepiscono da dentro cose molto diverse da quelle che mostrano all’esterno.

Quello di cui posso parlare è il lavoro di Alan e la ragione per la quale era così importante per altri economisti, in particolare per me stesso. Perché le sue ricerche probabilmente hanno modificato il nostro punto di vista sull’economia più di qualsiasi altro economista contemporaneo.

Il lavoro più influente di Alan, del genere di quelli che spostano i paradigmi, fu il suo studio con David Card del 1992 sugli effetti degli aumenti dei minimi salariali.

Prima di Card e Krueger, la maggioranza degli economisti riteneva che elevare il minimo salariale portasse ad una occupazione più bassa. Ma Card e Krueger compresero che questo era un concetto che si può verificare. Il loro studio iniziale confrontava la disoccupazione nel New Jersey e in Pennsylvania, prima e dopo che il New Jersey elevasse il suo minimo salariale. Ed essi scoprirono che non c’era stato nessun effetto negativo sull’occupazione – semmai, un piccolo avanzamento nel New Jersey a confronto con il suo vicino.

Lo studio aprì una nuova frontiera nella ricerca economica. L’economia è sempre stata tormentata dalla mancanza di esperimenti controllati; ci sono molte cose che vanno avanti nell’economia che è difficile dire da cosa siano provocate. Ma i rialzi unilaterali del salario in uno Stato corrispondono a esperimenti naturali che vi dicono assai di più dei normali metodi economici.

Inoltre, quello era un metodo che poteva essere replicato molte volte, e lo è stato nel corso degli anni, sino alla recente serie di aumenti salariali in un certo numero di città. E la grande maggioranza dei risultati hanno confermato la scoperta iniziale di Card e Krueger: aumentare i salari minimi ha un impatto molto meno negativo sui posti di lavoro di quanto la economia tradizionale avrebbe previsto.

Questo ha implicazioni che vanno ben oltre i salari minimi stessi. Quello che Card, Krueger e la ricerca che è seguita ci dicono è che i mercati del lavoro sono un bel po’ più complicati di quanto pensassimo, che il potere di mercato è assai importante e che ci può essere in generale molto più spazio per il potere pubblico per aumentare i salari di quanto avrebbe detto un testo universitario di economia.

Solo quello studio assicurerebbe ad Alan Krugere la reputazione di uno dei più grandi economisti del lavoro di sempre. Ma egli fece molto di più, su ogni cosa, dalla crescita all’ambiente agli effetti dei computer sui salari – e fu anche un prezioso dirigente al servizio dello Stato. Sarà una perdita dolorosa.

 

 

 

 

 

 

 

 

Come va la guerra commerciale? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 3 marzo 2019)

marzo 4, 2019

 

Mar. 3, 2019

How Goes the Trade War?

By Paul Krugman

zz 516

Say this for Donald Trump: He’s provided us with many iconic quotations, which will surely be repeated in histories and textbooks for decades if not generations to come. Unfortunately, they’ll be repeated because they are extremely clear examples of bad ideas.

In economics, the line you hear most is Trump’s declaration that “trade wars are good, and easy to win.” Coming in second is his assertion that “I am a Tariff Man,” coupled with the claim that foreigners pay the tariffs he has been imposing.

Now, that last claim is something you can test. Over the course of 2018 Trump imposed tariffs on about 12 percent of total U.S. imports, and many of those tariffs have been in effect long enough that we can get a first read on their consequences.

On Saturday economists from Columbia, Princeton, and the New York Federal Reserve released a paper, “The impact of the 2018 trade war on U.S. prices and welfare,” that used detailed import data to assess the tariffs’ impact. (The paper, by the way, is a beautiful piece of work.) The conclusion: to a first approximation, foreigners paid none of the bill, U.S. companies and consumers paid all of it. And the losses to U.S. consumers exceeded the revenue from the new tariffs, so the tariffs made America poorer overall.

How did they get this result? The U.S. government collects data on the prices and quantities of many categories of imports. Many of these categories faced new tariffs, but many others didn’t. So you can compare what happened to the tariffed imports to the de facto control group of untouched imports; this tells you the impact of the tariffs.

Under Trump’s vision, in which foreigners would have paid the tariffs, what you would have expected to see is falling prices for tariffed goods, offsetting the tariff, so that consumer prices didn’t change. What you actually see, however, is no visible effect of the tariffs on import prices. So foreign suppliers don’t seem to have absorbed any of the tariffs, which were fully passed on to consumers; tariff-inclusive prices (Figure 1) have risen by the full amounts of the tariffs.

zz 694

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1 Amiti et al (2019)

These price hikes led to substantial changes in behavior. Imports of the tariffed items fell sharply, partly because consumers turned to domestic products, but also in large part because importers shifted their sourcing to countries that aren’t currently facing Trump tariffs. For example, a number of companies already seem to have begun buying goods they previously bought from China from Vietnam or Mexico instead.

These changes in behavior are the key to the paper’s conclusion that the tariffs have made America poorer.

Consider the following example: pre-tariff, the U.S. imports some good from China that costs $100. Then the Trump administration imposes a 25% tariff, raising the price to consumers to $125. If we just keep importing that good from China, consumers lose $25 per unit purchased – but the government raises an extra $25 in taxes, leaving overall national income unchanged.

Suppose, however, that importers shift to a more expensive source that isn’t subject to the tariff; suppose, for example, that they can buy the good from Vietnam for $115. Then consumers only lose $15 – but there is no tariff revenue, so that $15 is a loss for the nation as a whole.

But what if they turn to a domestic supplier – say, a U.S. company that will sell the product for $120. How does this change the story?

Here the crucial thing is that producing a good domestically has an opportunity cost. The U.S. is near full employment, so the $120 in resources used to produce that good could and would have been employed producing something else in the absence of the tariff. Diverting them into producing what we used to import means a net loss of $20, with no revenue offset.

By the way, in practice any manufacturing jobs added by the Trump tariffs are probably offset by losses of other manufacturing jobs. Partly that’s because most of the tariffs are on intermediate goods – inputs into production, so that job gains in, say, steel are offset by losses in autos and other downstream sectors. Beyond that, the tariffs have probably contributed to a rising dollar, which makes U.S. exports less competitive.

Putting it all together, the Trump tariffs have raised consumer prices, rather than depressing foreign earnings. Some revenue has been gained, but there has also been what amounts to tax avoidance as consumers turn to other, untaxed sources of what we used to import. But this tax avoidance itself comes at a cost, so the U.S. as a whole is left poorer.

Now, the numbers aren’t that big. The new paper puts the net welfare loss at $1.4 billion a month, or $17 billion a year; that’s less than 0.1 percent of U.S. GDP. But winning it isn’t. And the numbers could get a lot bigger if the trade war expands, say with a “national security” tariff on European cars.

 

Come va la guerra commerciale?

Di Paul Krugman

Diciamo questo a beneficio di Donald Trump: ci ha fornito molte citazioni emblematiche, che sicuramente saranno ripetute nei racconti e nei libri di testo per decenni se non per generazioni a venire. Sfortunatamente, saranno ripetute perché sono esempi estremamente chiari di pessime idee.

Dal punto di vista economico, la frase che che si sente soprattutto ripetere è la dichiarazione di Trump secondo la quale “le guerre commerciali sono positive e facili da vincere”. Al secondo posto arriva la sua asserzione secondo la quale “Io sono l’uomo delle tariffe”, accoppiata con la pretesa che le tariffe che ha imposto siano pagate dagli stranieri.

Ora, quest’ultima affermazione è qualcosa che potete verificare. Nel corso del 2018 Trump ha imposto tariffe su circa il 12 per cento delle importazioni totali deegli Stati Uniti, e molte di quelle tariffe sono rimaste in funzione abbastanza a lungo da consentirci una prima lettura delle loro conseguenze.

Sabato alcuni economisti dell’Università di Princeton, Columbia, e della Federal Reserve di New York hanno pubblicato uno studio, “L’impatto della guerra commerciale del 2018 sui prezzi e sul welfare degli Stati Uniti” (per inciso, lo studio è proprio un bel lavoro). La conclusione: ad una prima approssimazione, gli stranieri non hanno pagato niente a seguito della legge, l’hanno pagata per intero le società e i consumatori statunitensi. E le perdite per i consumatori statunitensi sono superiori alle entrate delle nuove tariffe, cosicché le tariffe hanno reso l’America più povera in assoluto.

Come sono arrivati a questo risultato? Il Governo degli Stati Uniti raccoglie prezzi e quantità di molte categorie di importazione. Molte di queste categorie hanno fatto fronte a nuove tariffe, diversamente da molte altre. In questo modo si può confrontare quello che è accaduto per le importazioni sottoposte a tariffe a quello che nei fatti è il gruppo di controllo delle importazioni che sono rimaste intatte; è questo che vi dice l’impatto delle tariffe.

Sulla base dell’idea di Trump, per la quale gli stranieri avrebbero pagato le tariffe, quello che vi sareste dovuti aspettare di vedere è una caduta dei prezzi per i beni sottoposti a tariffe, a compenso delle tariffe, in modo tale che i prezzi al consumo non sarebbero mutati. In effetti, tuttavia, non si è constatato alcun effetto visibile sui prezzi all’importazione. Dunque i fornitori stranieri non sembra che abbiano assorbito niente delle tariffe, che sono passate per intero sui consumatori; i prezzi inclusivi delle tariffe (Figura 1) sono aumentati per la intera quantità delle tariffe.

zz 694

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1. Amiti ed altri (2019)

[1]

Questi rialzi nei prezzi hanno portato a cambiamenti sostanziali di comportamento. Le importazioni degli articoli sottoposti a tariffe sono cadute bruscamente, in parte perché i consumatori si sono spostati su prodotti nazionali, ma anche in larga parte perché gli importatori hanno spostato le loro fonti a paesi che attualmente non si misurano con le tariffe di Trump. Ad esempio, un certo numero di società sembra abbiano cominciato ad acquistare dal Vietnam o dal Messico prodotti che in precedenza acquistavano dalla Cina.

Questi cambiamenti nei comportamenti sono la chiave delle conclusioni dello studio, secondo la quale le tariffe hanno reso l’America più povera.

Si consideri l’esempio seguente: prima delle tariffe, gli Stati Uniti acquistavano un qualche prodotto dalla Cina al costo di 100 dollari. Poi l’Amministrazione Trump ha imposto una tariffa del 25%, elevando il prezzo al consumo a 125 dollari. Se avessimo solo continuato ad importare quel prodotto dalla Cina, i consumatori avrebbero perso 25 dollari per unità di prodotto acquistata – ma il Governo avrebbe raccolto 25 dollari aggiuntivi in tasse, lasciando il reddito nazionale complessivo immutato.

Supponiamo, tuttavia, che gli importatori si spostino verso una fonte più costosa che non è soggetta alla tariffa; supponiamo, ad esempio, che possano acquistare il prodotto dal Vietnam per 115 dollari. Allora i consumatori potranno perdere solo 15 dollari – ma non ci sarebbe alcuna entrata tariffaria, cosicché 15 dollari sarebbe la perdita per la nazione nel suo complesso.

Ma cosa accade se essi si spostano verso un offerente nazionale – ad esempio, una società statunitense che vende quel prodotto a 120 dollari? Cosa cambia nel racconto?

Il quel caso l’aspetto cruciale è che la produzione nazionale di un bene ha un “costo di opportunità” [2]. Gli Stati Uniti sono vicini alla piena occupazione, dunque 120 dollari di risorse usate per produrre quel prodotto avrebbero potuto essere occupate producendo qualcosaltro in assenza della tariffa. Distrarli per produrre quello che si era soliti importare comporta una perdita metta di 20 dollari, senza alcun bilanciamento nelle entrate.

Per inciso, in pratica ogni posto di lavoro manifatturiero aggiunto dalle tariffe di Trump è probabilmente bilanciato da perdite di altri posti di lavoro manifatturieri. In parte questo dipende dl fatto che la maggioranza delle teriffe operano su beni intermedi – gli input nella produzione, per i quali si guadagnano posti di lavoro, ad esempio, nell’acciaio, sono bilanciati da perdite nelle automobili o in altri settori a valle. Oltre a ciò, le tariffe hanno probabilmente contribuito a far crescere il valore del dollaro, il che rende le esportazioni degli Stati Uniti meno competitive.

Mettendo tutto assieme, le tariffe di Trump hanno accresciuto i prezzi al consumo, anziché deprimere i profitti stranieri. Sono state guadagnate alcune entrate, ma c’è anche stata quella che corrisponde alla elusione del fisco quando i consumatori si spostano verso fonti non tassate, diverse da quelle che si usavano importare. Ma questa elusione stessa comporta un costo, cosicché gli Stati Uniti nel loro complesso diventano più poveri.

Ora, i numeri non sono poi tanto grandi. Il nuovo studio colloca la perdita netta di welfare [3] a 1 miliardo e 400 milioni di dollari al mese, che è meno dello 0,1 per cento del PIL degli Stati Uniti. Ma non è una vittoria. E i numeri potrebbero diventare molto superiori se la guerra commerciale si espandesse, ad esempio con una tariffa di “sicurezza nazionale” [4] sulle automobili europee.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] La tabella mostra le conseguenze su 12 mesi sui prezzi all’ìimportazione di quelle che definisce “ondate tariffarie” (forse in riferimento ai vari blocchi di modifiche tariffarie imposte dalla Amministrazione americana). Suppongo che la linea 0 corrisponda alla entrata in funzione delle tariffe (si va da 35 mesi prima a 10 mesi dopo); gli unici casi nei quali non si hanno modiche sono rappresentati dalla linea nera che rappresenta i prodotti che non sono stati sottoposti a nuove tariffe.

[2] Ovvero, un costo legato alla scelta. I ‘costi di opportunità’ rappresentano i benefici ai quali un individuo, un investitore o una impresa rinuncia scegliendo una soluzione alternativa ad un’altra. Mentre i resoconti finanziari non mostrano il costo di opportunità, i proprietari di impresa possono utilizzarlo per prendere decisioni appropriate quando hanno dinanzi opzioni multiple (Investopedia).

[3] Ovvero, di entrate per lo Stato.

[4] La “sicurezza nazionale”, come è noto, è il singolare pretesto giuridico che consente a Trump di agire direttamente sulla politica tariffaria.

 

 

 

 

 

Proseguendo sulla Teoria Monetaria Moderna (per esperti), di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 25 febbraio 2019)

febbraio 28, 2019

 

Feb, 25, 2019

Running on MMT (Wonkish)

By Paul Krugman

zz 516

With everything else going on, I really don’t want to spend time arguing with the Modern Monetary Theory people; after all, we agree on basic policy issues right now, and they are never likely to have as much destructive influence as the deficit scolds. But the MMT people think they have an argument with conventional Keynesians like me, and as long as they’re out there claiming that standard macroeconomics is all wrong, I guess we need to respond.

Now, arguing with the MMTers generally feels like playing Calvinball, with the rules constantly changing: every time you think you’ve pinned them down on some proposition, they insist that you haven’t grasped their meaning. So I was glad to see Stephanie Kelton responding to my attempt to clarify my problems with the doctrine in a way that seems to make at least some key differences in view clear.

The problem is that I don’t understand her arguments at all. If she’s saying what I think she’s saying, it seems just obviously indefensible. If I try to explain that, will I be told again that I just don’t get it? Are we still playing Calvinball after all?

Well anyway, let me describe a bit more analytically one of my key problems with MMT, and what I understand to be Kelton’s response.

A key proposition of Abba Lerner’s doctrine of “functional finance,” which is in turn a large part of the MMT doctrine, is that the appropriate size of the budget deficit can be determined by how big it needs to be to ensure full employment. What I argued was that while this is true when monetary policy is constrained by the zero lower bound, it isn’t true when the central bank has room to move interest rates.

Figure 1 illustrates my point. Suppose that the Fed or its equivalent in another country can set interest rates, and that a lower interest rate leads, other things equal, to higher aggregate demand. Then at any given point in time there is a downward-sloping relationship between the interest rate and GDP, as shown by the lines IS1, IS2, IS3.

zz 693

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1 Paul Krugman

Suppose that the current aggregate demand schedule is IS3. Then the central bank can set the interest rate so as to achieve full employment, getting the economy to point C.

Now suppose that the government were to cut spending, shifting the aggregate demand schedule down to IS2. Need this create unemployment? No: the central bank can still get us there by cutting interest rates, getting the economy to point B.

So we’ve just refuted the claim that the required size of the budget deficit can be determined by the need to achieve full employment; as long as monetary policy is available, there is a range of possible deficits consistent with that goal. The question then becomes one of tradeoffs: would the things the government could buy with a higher deficit be worth the lost private investment due to a higher interest rate? Often the answer will be yes. But there is a tradeoff.

Now, this breaks down when the interest rate required to achieve full employment goes negative. If fiscal policy is contractionary enough that it pushes the aggregate demand schedule down to IS1, we end up at point A, well short of full employment. And this case has been all too relevant over the past decade! But it’s not always the way things work.

OK, so this seems clear to me, and hard to argue with. But Kelton does argue with it, or at least I think she does.

First, she suggests that the neutral or natural interest rate – which is defined as the interest rate consistent with full employment given everything else – does not exist. What does she mean by that? I think she means that it’s hard to determine, or maybe that it’s unstable, which are defensible claims. But the analysis I’ve just given doesn’t depend on the natural rate being either easily estimated or stable over time. In fact, I never mentioned the natural rate in the previous post. All we need is that the central bank be able to move rates, and that these rates affect overall spending.

So what purpose does claiming that the natural rate is a meaningless concept serve? It looks to me like sophistry – word games intended to confuse what should be a simple issue. Maybe that’s uncharitable, but I truly don’t see the point otherwise.

Second, and more important, Kelton seems to claim that expansionary fiscal policy – in Figure 1, policy that pushes the IS curve out from IS2 to IS3 – will lead to lower, not higher interest rates. Why?

It seems as if she’s saying that deficits necessarily lead to an increase in the monetary base, that expansionary fiscal policy is automatically expansionary monetary policy. But that is so obviously untrue – think of the loose fiscal/tight money combination in the 1980s – that I hope she means something different. Yet I can’t figure out what that different thing might be.

Now, the fiscal-monetary tradeoff isn’t the only place where I have problems with MMT. But it’s a place where Kelton has laid down a very clear marker, saying something that I think I understand – and which also seems to be quite wrong.

So let’s be clear here: Are MMTers claiming, as Kelton seems to, that there is only one deficit level consistent with full employment, that there is no ability to substitute monetary for fiscal policy? Are they claiming that expansionary fiscal policy actually reduces interest rates? Yes or no answers, please, with explanations of how you got these answers and why the straightforward framework I laid out above is wrong. No more Calvinball.

 

Proseguendo sulla Teoria Monetaria Moderna (per esperti),

di Paul Krugman

Con tutte le cose che succedono, davvero non voglio sprecare tempo a litigare con le persone della Teoria Monetaria Moderna; dopotutto, in questo momento siamo d’accordo sui temi politici fondamentali, e loro non avranno mai una influenza altrettanto distruttiva di quella della Cassandre del deficit. Ma le persone della MMT pensano di avere una disputa con i keynesiani convenzionali come il sottoscritto, e finché vanno in giro a sostenere che la macroeconomia tradizionale è tutta sbagliata, suppongo che sia necessario rispondere.

Ora, in generale discutere con i sostenitori della MMT sembra assomigli a giocare a Calvinball  [1], con le regole in costante cambiamento: ogni volta che ritenete di averli incastrati su un qualche concetto, vi diranno che non avete afferrato il loro significato. Dunque, sono stato contento di vedere una risposta di Staphanie Kelton al mio tentativo di chiarire i miei problemi con la dottrina in un modo che almeno sembra chiarire alcune differenze principali.

Il problema è che non capisco affatto i suoi argomenti. Se sta dicendo quello che penso stia dicendo, pare proprio evidentemente indifendibile. Se cerco di spiegarlo, mi verrà detto che proprio non lo capisco? In fin dei conti, stiamo ancora giocando a Calvinball?

Bene, in ogni modo fatemi spiegare un po’ più analiticamente uno dei miei problemi fondamentali con la MMT, e quello che capisco della risposta della Kelton.

Un concetto chiave nella dottrina della “finanza funzionale” di Abba Lerner, che a sua volta è gran parte della dottrina della MMT, è che la dimensione appropriata del deficit di bilancio può essere determinata da quanto esso debba esser grande per assicurare la piena occupazione. Quello che io ho sostenuto è che mentre questo è vero quando la politica monetaria è condizionata dal limite inferiore dello zero (dei tassi di interesse), non è vero quando la banca centrale ha margini per muovere i tassi di interesse.

La Figura 1 illustra il mio argomento. Si supponga che la Fed o un istituto equivalente in un altro paese possa fissare i tassi di interesse, e che un tasso di interesse più basso porti, a parità delle altre condizioni, ad una domanda aggregata più elevata. Allora, in ogni dato momento nel tempo, ci sarà una relazione che tende verso il basso tra il tasso di interesse e il PIL, come mostrato dalle linee IS1, IS2, IS3.

zz 693

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1 Paul Krugman

Supponiamo che il modello attuale di domanda aggregata sia IS3. In quel caso la banca centrale può fissare il tasso di interesse in modo da realizzare la piena occupazione, portando l’economia al punto C.

Supponiamo adesso che il Governo debba tagliare la spesa, spostando il modello di domanda aggregata su IS2. È necessario che questo crei disoccupazione? No: la banca centrale può ancora riuscire a tenerci a quel punto tagliando i tassi di interesse, portando l’economia al punto B.

Così abbiamo appena confutato la pretesa che la dimensione del deficit di bilancio possa essere determinata dal bisogno di realizzare la piena occupazione; finché è disponibile la polirica monetaria, c’è una gamma di possibili deficit coerenti con tale obbiettivo. La questione allora diventa quella degli scambi: le cose che il Governo potrebbe acquistare con un deficit più alto meritano la perdita di investimento privato che consegue ad un più alto tasso di interesse? Spesso la risposta sarà positiva. Ma di uno scambio si tratta.

Ora, questo smette di funzionare quando il tasso di interesse richiesto per generare piena occupazione diventa negativo. Se la politica della finanza pubblica è sufficientemente restrittiva da spingere il modello della domanda aggregata a IS1, finiremo al punto A, ben al di sotto della piana occupazione. E questo caso è stato del tutto attinente al decennio trascorso! Ma non sempre le cose funzionano in quel modo.

Va bene, in tal modo questo mi sembra chiaro e mi sembra difficile litigarci sopra. Ma la Kelton in effetti lo mette in discussione, o almeno mi pare lo faccia.

Anzitutto, ella suggerisce che il tasso di interesse neutrale o naturale – che viene definito come il tasso di interesse coerente con la piena occupazione, una volta dato tutto il resto – non esista. Che cosa intende dire in questo modo? Io penso che intenda che è difficile da determinare, o forse che è instabile, che sono argomenti difendibili. Ma l’analisi che ho appena fornito non dipende dal fatto che il tasso di interesse naturale sia o facilmente stimabile o stabile nel tempo. Infatti, nel post precdente non ho mai fatto riferimento al tasso naturale. Tutto quello che ci serve è che la banca centrale sia capace di muovere i tassi, sono quei tassi che influenzano la spesa complessiva.

Dunque, a quale scopo serve sostenere che il tasso di interesse naturale è un concetto senza significato? Mi sembra un sofisma – un gioco di parole voluto per confondere una questione che dovrebbe essere semplice. Forse questo è ingeneroso, ma davvero altrimenti non vedo il senso.

In secondo luogo, e più importante, la Kelton sembra sostenere che la politica espansiva della finanza pubblica – nella Figura 1 la politica che spinge la curva IS da IS2 a IS3 – ci porterà a tassi di interesse più bassi, non più alti. Perché?

Pare che ella stia dicendo che i deficit conducono di necessità ad un incremento della base monetaria, in modo tale che una politica della finanza pubblica espansiva è automaticamente una politica monetaria espansiva. Ma questo sarebbe evidentemente falso – si pensi alla combinazione di una finanza pubblica permissiva e di una moneta sotto stretto controllo negli anni ’80 – al punto che io spero che ella intenda qualcosa di diverso. Tuttavia non so immaginare quale cosa diversa potrebbe essere.

Ora, lo scambio tra finanza pubblica e moneta non è il solo luogo nel quale ho problemi con la MMT. Ma è un luogo nel quale la Kelton ha collocato un indicatore molto chiaro, dicendo qualcosa che penso di comprendere – e che mi sembra anche abbastanza sbagliato.

Dunque, a questo punto possiamo essere chiari: i sostenitori della MMT stanno sostenendo, come sembra fare la Kelton, che c’è solo un livello del deficit coerente con la piena occupazione, che non esiste la possibilità di sostituire la politica monetaria con quella della finanza pubblica? Stanno sostenendo che la politica espansiva della finanza pubblica in realtà riduce i tassi di interesse? Per favore, una risposta positiva o negativa, con le spiegazioni di come si ottengono tali risposte e del motivo per il quale lo schema chiaro che ho esposto sopra sarebbe sbagliato. Non altri Calvinball.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Il gioco del Calvinball deriva da Calvin & Hobbes, una striscia a fumetti ideata e disegnata dal disegnatore statunitense Bill Watterson centrata sulle avventure di Calvin, un bambino di sei anni dall’immaginazione inarrestabile, e di Hobbes, la sua tigre di pezza. La striscia è stata pubblicata sui quotidiani statunitensi dal 18 novembre 1985 al 31 dicembre 1995 comparendo nel momento di massima popolarità su 2.400 pubblicazioni diverse. Alla pubblicazione di The Complete Calvin and Hobbes, i 17 volumi dedicati a questa striscia hanno venduto più di 30 milioni di copie. Ma, siccome la caratteristica del gioco consiste nel non avere regole, o forse nel poterle inventare in continuazione, non si può dire in cosa consista.

zz 692

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sui costi di un programma progressista, di Paul Krugman dal blog di Krugman, 19 febbraio 2019)

febbraio 21, 2019

 

Feb.19, 2019

On Paying for a Progressive Agenda

By Paul Krugman

zz 516

Whoever gets the Democratic nomination, she or he will run in part on proposals to increase government spending. And you know what that will mean: There will be demands that the candidate explain how all this will be paid for. Many of those demands will be made in bad faith, from people who never ask the same questions about tax cuts. But there are some real questions about the fiscal side of a progressive agenda.

Well, I have some thoughts about that, inspired in part by looking at Elizabeth Warren’s proposals on both the tax and spending side. By the way, I don’t know whether Warren will or even should get the nomination. But she’s a major intellectual figure, and is pushing her party toward serious policy discussion in a way that will have huge influence whatever her personal trajectory.

In particular, Warren’s latest proposal on child care – and the instant pushback from the usual suspects – has me thinking that we could use a rough typology of spending proposals, classified by how they might be paid for. Specifically, let me suggest that there are three broad categories of progressive expenditure: investment, benefits enhancement, and major system overhaul, which need to be thought about differently from a fiscal point of view.

So, first off, investment – typically spending on infrastructure or research, but there may be some room at the margin for including spending on things like childhood development in the same category. The defining characteristic here is that it’s spending that will enhance society’s future productivity. How should we pay for that kind of outlay?

The answer is, we shouldn’t. Think of all the people who say that the government should be run like a business. Actually it shouldn’t, but the two kinds of institution do have this in common: if you can raise funds cheaply and apply them to high-return projects, you should go ahead and borrow. And Federal borrowing costs are very low – less than 1 percent, adjusted for inflation – while we are desperately in need of public investment, i.e., it has a high social return. So we should just do it, without looking for pay-fors.

Much of what seems to be in the Green New Deal falls into that category. To the extent that it’s a public investment program, demands that its supporters show how they’ll pay for it show more about the critics’ bad economics than about the GND’s logic.

My second category is a bit harder to define, but what I’m thinking of are initiatives that either expand an existing public program or use subsidies to create incentives for expanding some kind of socially desirable private activity – in each case involving sums that are significant but not huge, say a fraction of a percent of GDP.

The Affordable Care Act falls into that category. It expanded Medicaid while using a combination of regulation and subsidies to make private insurance more available to families above the new Medicaid line. Warren’s childcare proposal, which reportedly will come in at around 1/3 of a percent of GDP, also fits. So would a “Medicare for All” proposal that involves allowing people to buy in to government insurance, rather than offering that insurance free of charge.

It’s harder to justify borrowing for this kind of initiative than borrowing for investment. True, with interest rates low and demand weak it makes some sense to run persistent deficits, but there are surely enough investment needs to use up that allowance. So you want some kind of pay-for. But the sums are small enough that the revenue involved could be raised by fairly narrow-gauge taxes – in particular, taxes that hit only high-income Americans.

That is, in fact, how Obamacare was financed: the revenue component came almost entirely from taxes on high incomes (there were some small items like the tax on tanning parlors.) And Warren has in fact proposed additional taxes on the wealthy – her proposed tax on fortunes over $50 million would yield something like four times the cost of her child care proposal.

So benefit enhancement can, I’d argue, be paid for with taxes on high incomes and large fortunes. It doesn’t have to impose on the middle class.

Finally, my third category is major system overhaul, of which the archetype would be replacing employer-based private health insurance with a tax-financed public program – the purist version of Medicare for all. A really major expansion of Social Security might fall into that category too, although smaller enhancements might not.

Proposals in this category are literally an order of magnitude more expensive than benefit enhancements: private health insurance currently amounts to 6 percent of GDP. To implement these proposals, then, we’d need a lot more revenue, which would have to come from things like payroll taxes and/or a value-added tax that hit the middle class.

You can argue that most middle-class families would be better off in the end, that the extra benefits would more than compensate for the higher taxes. And you’d probably be right. But this would be a much heavier political lift. You don’t have to be a neoliberal tool to wonder whether major system overhaul should be part of the Democratic platform right now, even if it’s something many progressives aspire to.

My main point now, however, is that when people ridicule progressive proposals as silly and unaffordable, they’re basically revealing their own biases and ignorance. Investment can and should be debt-financed; benefit enhancements can be largely paid for with high-end taxes. Howard Schultz won’t like it, but that’s his problem.

 

Sui costi di un programma progressista,

di Paul Krugman

Chiunque ottenga la candidatura dei democratici, lei o lui saranno in corsa in parte su proposte di aumento della spesa pubblica. E si sa cosa questo comporterà: ci saranno domande perché il candidato spieghi come tutto ciò sarà finanziato. Molte di quelle domande saranno avanzate in mala fede, da persone che non hanno mai posto le stesse domande sui tagli alle tasse. Eppure ci sono alcune questioni reali sugli aspetti finanziari di un programma progressista.

Ebbene, io ho qualche idea su questo, in parte ispirata dalla osservazione delle proposte di Elizabeth Warren sia sulle tasse che sul lato della spesa. Per inciso, io non so se la Warren sarà candidata, e neppure se dovrebbe esserlo. Ma ella è una importante figura di intellettuale, e sta spingendo il suo partito ad un serio dibattito politico in un modo che avrà una vasta influenza, a prescindere dalla sua traiettoria personale.

In particolare, l’ultima proposta della Warren sulla assistenza all’infanzia – e il subitaneo rigetto da parte dei soliti noti – mi fa riflettere su fatto che potremmo utilizzare una rozza tipologia delle proposte di spesa, classificandole per come potrebbero essere finanziate. In particolare, intendo suggerire che ci sono tre categorie generali della spesa dei progressisti: gli investimenti, il miglioramento dei sussidi e importanti riforme di sistema, che devono essere pensate, da un punto di vista finanziario, in modi diversi.

Dunque, prima di tutto gli investimenti – tipicamente spese sulle infrastrutture o sulla ricerca, ma ci può essere qualche spazio per includere nella stessa categoria cose come lo sviluppo dell’ìnfanzia. In questo caso, la caratteristica distintiva di queste spese è che esse miglioreranno la produttività futura della società. In che modo dovremmo pagare spese di quel genere?

La risposta è: non dovremmo. Si pensi a tutta la gente che sostiene che il Governo dovrebbe essere gestito come un’impresa. In realtà, non dovrebbe essere gestito in tal modo, ma i due tipi di istituzione hanno in comune proprio questo: se potete aumentare i finanziamenti in modo conveniente e adoperarli per progetti a elevati rendimenti, dovreste andare avanti e indebitarvi. E i costi dell’indebitamento federale sono molto bassi – meno dell’1 per cento, corretti per l’inflazione – mentre abbiamo un bisogno disperato di investimenti pubblici, vale a dire che essi avrebbero un elevato rendimento sociale. Dunque dovremmo proprio farli, senza cercare forme dirette di pagamento.

Gran parte di quello che sembra ricompreso nel New Deal Verde ricade in questa categoria. Nella misura in cui si tratta di un programma di investimenti pubblici, le richieste che i suoi sostenitori mostrino come pagheranno sono più indicative della pessima economia dei critici che non della logica del New Deal Verde.

La mia seconda categoria è più difficile da definire, ma quello a cui sto pensando sono iniziative che amplino esistenti programmi pubblici o che usino i sussidi per creare incentivi che amplino attività private di qualche genere socialmente auspicabili – in entrambi i casi impegnando finanziamenti che sono significativi ma non grandissimi, diciamo una frazione di un punto percentuale di PIL.

La Legge sulla Assistenza Sostenibile si colloca in questa categoria. Ha ampliato Medicaid mentre ha utilizzato una combinazione di regole e di sussidi per rendere più fruibile l’assicurazione privata alle famiglie che sono sopra il livello richiesto per Medicaid. La proposta della Warren per l’assistenza all’infanzia, che da quanto si apprende arriverà a costare circa un terzo di punto percentuale del PIL, si colloca anch’essa in tale categoria. Lo stesso farebbe una proposta di Medicare-per-tutti che comprende il permettere alle persone di acquistare una assicurazione pubblica, anziché offrir loro quella assicurazione gratis.

È più difficile giustificare l’indebitamento per questo genere di iniziative che non l’indebitamento per gli investimenti. È vero, con i tassi di interesse bassi e la domanda debole è sensato gestire deficit persistenti, ma ci sono certamente abbastanza investimenti per assorbire le disponibilità di tale procedura. Dunque c’è bisogno di una qualche forma di pagamento diretto. Ma le somme sono abbastanza modeste da consentire di raccogliere le entrate corrispondenti raccogliendo tasse di dimensioni abbastanza piccole – in particolare, tasse che colpiscano soltanto gli americani con redditi elevati.

Di fatto, questo fu il modo nel quale venne finanziata la riforma di Obama: le entrate che la componevano venivano quasi interamente da tasse sugli alti redditi (ci furono alcune piccole voci come la tassa sui saloni di bellezza). E la Warren di fatto ha proposto tasse aggiuntive sui ricchi – la sua tassa proposta sulle fortune che eccedono i 50 milioni di dollari avrebbe un gettito di qualcosa come quattro volte la sua proposta di assistenza all’infanzia.

Dunque, direi che il miglioramento dei sussidi può essere pagato con tasse sui redditi elevati e sulle grandi fortune. Non c’è necessità che sia posto a carico della classe media.

Infine, la mia terza categoria riguarda importanti riforme di sistema, il prototipo delle quali sarebbe la sostituzione delle assicurazioni sanitarie basate sui datori di lavoro con un programma pubblico finanziato con le tasse – la versione ‘purista’ di Medicare-per-tutti. Anche un ampliamento realmente importante del programma di Previdenza Sociale potrebbe ricadere in quella categoria, sebbene miglioramenti minori potrebbero non ricadervi.

Proposte di questa categoria sono di un ordine di grandezza più costoso dei miglioramenti ai sussidi: l’assicurazione sanitaria privata attualmente corrisponde al 6 per cento del PIL. Per realizzare queste proposte, allora, avremmo bisogno di maggiori entrate, che dovrebbero venire da oggetti come le tasse sugli stipendi e/o le tasse sul valore aggiunto che colpiscono la classe media.

Potete sostenere che la maggioranza delle famiglie di classe media alla fine andrebbero a star meglio, che i sussidi aggiuntivi sarebbero un risarcimento superiore alle tasse più elevate. Ed avreste probabilmente ragione. Ma questo avrebbe una portata politica assai più ardua. Non si deve essere per forza uno sciocco neoliberista per chiedersi se importanti riforme di sistema dovrebbero in questo momento far parte della piattaforma democratica, anche se è qualcosa a cui aspirano molti progressisti.

Tuttavia, il mio argomento principale a questo punto, è che quando le persone ridicolizzano le proposte progressiste come sciocche e insostenibili, fondamentalmente rivelano le loro inclinazioni e la loro ignoranza. Gli investimenti possono e debbono essere pagati con il debito; i miglioramenti nei sussidi possono in gran parte essere pagati con tasse sulle fasce alte. Ad Howard Schultz non piacerà, ma questo è un suo problema.

 

 

 

 

 

 

 

 

Quanto l’eterodossia aiuta i progressisti? (per esperti) (dal blog di Paul Krugman, 12 febbraio 2019)

febbraio 14, 2019

 

Feb.12, 2019

How Much Does Heterodoxy Help Progressives? (Wonkish)

By Paul Krugman

 zz 516The center-left is feeling ambitious these days, and it’s a heartening thing to see. Anything can happen politically, but it looks at least possible that in 2021 there won’t just be unified Democratic control of Congress and the White House, but control by a much more consistently progressive party than was the case in 2009. Maybe America can finally get truly universal health care, policies that really tackle inequality, and more.

But you don’t have to be a deficit scold to suggest that progressives should be thinking about how to pay for their policies. So it’s a source of mild concern that I keep hearing that heterodox economics – specifically Modern Monetary Theory – says that we don’t have to worry about where the money will come from, that because we have a printing press deficits don’t matter.

Now, I am not a fan of MMT, which is basically Abba Lerner’s “functional finance,” which while clever missed some possibly important things. I explained all of that in a previous post. But the truth is that none of this matters much for the issue at hand. Even if you’re a committed Lernerite, even if you think that debt never matters, the sheer scale of what progressives would like to accomplish means that there will have to be tax hikes to pay for most of it.

In other words, this isn’t mainly about theory; it’s about arithmetic.

To see what I mean, consider the biggest ticket on progressives’ wish-lists: Medicare for All. This could mean different things, and if it’s basically allowing private-sector buy-in then there’s no problem. But if it means replacing private insurance with free public coverage, you need offsetting revenue.

Why? In 2017, private insurance paid about a third of America’s medical bills — $1.2 trillion, or 6 percent of GDP. Having the government pay those bills directly, without a revenue offset, would therefore be a spending increase – a fiscal stimulus – of 6 percent of GDP.

Suppose – as MMTers tend to assume – that interest rates nonetheless didn’t rise. Then this stimulus would have a multiplier effect, probably raising GDP, other things equal, by 9 percent.

Unemployment would fall somewhat less than this, because tighter labor markets would pull more people into the work force. That’s why “Okun’s Law”, the relationship between growth and changes in unemployment, has a slope less than 1 – usually estimated at around 0.5, although when I run the regression on recent data I get around 0.8. But even so, to increase GDP by 9 percent we’d have to see the unemployment rate fall by more than 4 points, that is, go negative – which of course isn’t possible.

And don’t tell me that we can pull lots of people who were previously out of the work force into employment; Okun’s Law already takes that effect into account.

But if the economy can’t expand as much as a multiplier says it “should” after an unfunded introduction of Medicare for All, what would happen? Inflation. Big time. Either that or the Fed would have to raise interest rates by a lot, crowding out a lot of private investment. That might be justifiable if the public spending itself takes the form of investment, say infrastructure. It’s less defensible if it’s for social insurance, no matter how pressing the need.

And if you think that the magic of heterodox monetary thinking somehow means that deficit spending is never inflationary, or crowding out never happens, or something, you don’t understand the functional finance that MMT advocates themselves claim underlies their doctrine.

Now, I am not saying that we can’t afford Medicare for All, just that it would have to be paid for with new taxes. You can certainly argue that most people would come out ahead, because those taxes would end up being less than the insurance premiums they and/or their employers currently pay. In fact, that’s probably true. Whether you could convince people to trade their private coverage for public insurance is another question, but that gets into political judgment rather than economics.

The point for now, however, is that rejecting conventional concerns about debt doesn’t actually do very much, if anything, to make paying for progressive initiatives look easier. Even if you consider debt a meaningless number, the size of the things progressives are proposing means that pursuing those initiatives without an offsetting increase in revenue would create a lot of inflationary pressure. There needs to be new revenue to achieve what progressives, myself included, want to achieve.

Again, I’m not arguing against an ambitious agenda. But heterodox monetary theory won’t let you avoid the reality that this agenda will have to be tax-and-spend, not just spend.

 

Quanto l’eterodossia aiuta i progressisti? (per esperti)

Di Paul Krugman

Il centro-sinistra di questi tempi si sente ambizioso, e rincuora constatarlo. Sul piano politico può succedere di tutto, ma sembra almeno possibile che nel 2021 non solo ci sarà una direzione unificata dei democratici del Congresso e della Casa Bianca, ma anche una direzione da parte di un partito molto più uniformemente progressista dei quello che si ebbe nel 2009. Forse l’America potrà finalmente avere una vera assistenza sanitaria universalistica, politiche che davvero contrastino l’ineguaglianza, e altro ancora.

Ma non è necessario essere Cassandre del deficit per suggerire che i progressisti dovrebbero riflettere su come finanziare le loro politiche. Dunque è motivo di una leggera preoccupazione continuare a sentir dire che un’economia eterodossa – in specifico la Teoria Monetaria Moderna (MMT) –  afferma che non ci si deve preoccupare da dove verranno i soldi, che i deficit non sono importanti, visto che si dispone del potere di stampare denaro.

Ora, io non sono un seguace della MMT, che fondamentalmente è la “finanza funzionale” di Abba Lerner [1], che, per quanto intelligente, probabilmente ha trascurato alcune cose importanti. Ho spiegato tutto questo in un post precedente. Ma la verità è che tutto questo non è granché rilevante per il tema in questione. Persino se si fosse impegnati seguaci di Lerner, se si pensasse che il debito non è mai importante, la semplice dimensione di quello che i progressisti vorrebbero realizzare comporta che dovranno alzare le tasse per finanziare la maggior parte di quelle politiche.

In altre parole, non è una questione che riguarda principalmente la teoria; riguarda la matematica.

Per constatare quello che intendo, si consideri l’oggetto più costoso della lista dei desiderata dei progressisti: Medicare-per-tutti [2]. Questo potrebbe significare diverse cose, e se si trattasse fondamentalmente di consentire al settore privato di partecipare, allora non ci sarebbe problema.   Ma se significa sostituire l’assicurazione privata con una copertura pubblica gratuita, allora sarebbe necessario riequilibrare le entrate. [3]

Perché? Nel 2017, le assicurazioni private hanno pagato circa un terzo dei conti sanitari americani – 1.200 miliardi di dollari, pari al 6 per cento del PIL. Se il Governo dovesse pagare direttamente questi conti, senza un riequilibrio delle entrate, ci sarebbe di conseguenza un aumento della spesa – uno stimolo di finanza pubblica – pari al 6 per cento del PIL.

Supponiamo – come i sostenitori della MMT assumono – che ciononostante i tassi di interesse non crescano. Allora questo stimolo avrebbe un effetto moltiplicatore, probabilmente con un aumento del PIL, a parità delle altre condizioni, del 9 per cento.

La disoccupazione scenderebbe un po’ di meno, perché mercati del lavoro più ristretti attirerebbero più persone nelle forze di lavoro. È quella la ragione per la quale la “Legge di Okun” [4], la relazione tra la crescita e le modifiche nella disoccupazione, ha una inclinazione inferiore a 1 – di solito stimata attorno allo 0,5, sebbene quando opero la regressione sui dati recenti ottengo circa lo 0,8. Ma, anche così, per aumentare il PIL del 9 per cento dovremmo vedere il tasso di disoccupazione cadere per più di 4 punti, ovvero diventare negativo – il che ovviamente non è possibile.

E non ditemi che possiamo attrarre tra gli occupati molte persone che in precedenza erano fuori dalle forze di lavoro; la Legge di Okun mette già nel conto tale effetto. Ma se l’economia non può espandersi quanto il moltiplicatore dice che “dovrebbe” dopo una introduzione senza coperture finanziarie di Medicare-per-tutti, cosa accadrebbe? L’inflazione. Alla grande. O quella oppure la Fed dovrebbe innalzare i tassi di interesse di molto, spiazzando una gran quantità di investimento privato. Ciò sarebbe giustificabile le la stessa spesa pubblica prendesse la forma dell’investimento, ad esempio in infrastrutture. Meno difendibile se fosse per la sicurezza sociale, a prescindere da quanto sia pressante il bisogno.

E se pensate che la magia del pensiero monetario eterodosso comporti in qualche modo che la spesa in deficit non è mai inflazionistica, o che lo spiazzamento dell’investimento privato non avviene mai, o qualcosa del genere, non capite la finanza funzionale sulla quale gli stessi sostenitori della MMT sostengono si basi la loro dottrina.

Ora, non sto dicendo che non possiamo permetterci Medicare-per-tutti, solo che dovrebbe essere pagato con nuove tasse. Potete certamente sostenere che la maggioranza delle persone ne uscirebbero avvantaggiate, perché quelle tasse alla fine sarebbero minori dei premi assicurativi che esse o i loro datori di lavoro attualmente pagano. Di fatto, è probabile che sia così. Se saprete convincere la gente a scambiare la loro copertura privata con una assicurazione pubblica è un’altra questione, ma ciò appartiene ad un giudizio politico piuttosto che economico.

Al momento il punto, tuttavia, è che respingere le preoccupazioni convenzionali sul debito effettivamente non produce un particolare effetto, ammesso ne produca qualcuno, per far sembrare più semplice il finanziamento delle iniziative dei progressisti. Anche se considerate il debito come un numero senza significato, la dimensione delle cose che i progressisti vengono proponendo comporta che perseguire tali iniziative senza il riequilibrio di un aumento delle entrate creerebbe una forte spinta inflazionistica. Ci devono essere nuove entrate per realizzare quello che i progressisti, incluso il sottoscritto, vogliono realizzare.

Lo ripeto, il mio non è un argomento che si oppone ad una agenda aambiziosa. Ma la teoria monetaria eterodossa non ci consentirà di eludere la realtà, secondo la quale questa agenda dovrà riguardare la spesa e le tasse, non solo la spesa.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Su Abba Lerner, vedi la nota al post precedente di Krugman, qua tradotto.

[2] Medicare-per-tutti è l’espressione usata nel dibattito americano per definire una riforma della sanità basata sulla estensione a tutti del programma pubblico attualmente in vigore per la popolazione ultra sessantacinquenne. In sostanza, si abolirebbe il ruolo delle assicurazioni private – che in effetti è la causa principale dei costi elevatissimi della sanità americana – e forse si dovrebbe anche rimettere in discussione i sistemi assicurativi basati sulle contribuzioni dei datori di lavoro. Ma le forme per realizzare l’obbiettivo di Medicare-per-tutti possono essere varie e il dibattito è assai aperto.

[3] Nel post di Krugman compaiono queste tabelle, che scompongono la spesa sanitaria americana secondo i settori principali di attività e la provenienza dei finanziamenti. La ‘torta’ più piccola mostra che il peso della assistenza pubblica per gli anziani (Medicare) è il 20%; l’altra assistenza pubblica per i meno abbienti (Medicaid, nelle due componenti del Governo Federale e degli Stati e delle comunità locali) è il 10% + 6%; le assicurazioni sanitarie private sono il 34%. Se capisco bene la ‘torta’ più grande indica invece la provenienza dei finanziamenti, che per il 74% sembra provenire dal pagamento delle assicurazioni sanitarie e per il 10% direttamente da contrbuzioni degli utenti. Ma sembrerebbe che in quest’ultimo dato non sia compreso l’onere sul bilancio federale dei programmi pubblici, ad eccezione delle ‘attività sanitarie dei Governi’, che dovrebbero riguardare, ad esempio, gli interventi di pronto soccorso.

zz 689

 

 

 

 

 

 

 

 

[4] La Legge di Okun, che prende il nome dall’economista Arthur Melvin Okun (che la propose nel 1962) è una legge empirica che associa ad ogni punto aggiuntivo di disoccupazione ciclica (differenza tra tasso di disoccupazione naturale e disoccupazione totale), 2 punti percentuali nel divario di produzione.

 

 

 

 

Pagina successiva »

Archivio