Blog di Krugman

Tax Foundation ha qualche spiegazione da dare, (dal blog di Paul Krugman, 11 novembre 2017)

 

NOV 11 2:05 PM 

The Tax Foundation Has Some Explaining To Do

Paul Krugman

I’m hearing from various sources that the Tax Foundation’s assessment of the Senate plan, which purports to show huge growth effects and lots of revenue gains from this growth, is actually having an impact on debate in Washington. So we need to talk about TF’s model, and what they aren’t telling us.

The basic idea behind TF’s optimism is that the after-tax return on capital is set by global markets, so that if you cut the corporate tax rate, lots of capital comes flooding in, driving wages up and the pre-tax rate of return down, until you’re back at parity. That is indeed a possible outcome if you make the right assumptions.

But there are two necessary side implications of this story. First, during the process of large-scale capital inflow, you must have correspondingly large trade deficits (over and above baseline). And I mean large. If corporate tax cuts raise GDP by 30%, and the rate of return is 10%, this means cumulative current account deficits of 30% of GDP over the adjustment period. Say we’re talking about a decade: then we’re talking about adding an average of 3% of GDP to the trade deficit each year — around $600 billion a year, doubling the current deficit.

Second, all that foreign capital will earn a return — foreigners aren’t investing in America for their health. As I’ve tried to point out, this probably means that most of any gain in GDP accrues to foreigners, not U.S. national income.

So how does the TF model deal with these issues? They have never provided full documentation (which is in itself a bad sign), but the answer appears to be — it doesn’t. Judging from the description here, the current version of the model has no international sector at all — that is, it says nothing about trade balances. They say that they’re working on a model that

tracks the effects of rapidly increasing or decreasing desired capital stocks on international capital markets. The international sector captures the capital payments that leave the domestic economy to the foreign owners of domestic assets and adjusts the growth factors for the tax-return simulator to reflect the actual growth in incomes.

In other words, the model they’re using now doesn’t do any of that.

So while they’re peddling an analysis that implicitly predicts huge trade deficits and a large jump in income payments to foreigners, they’re using a model that has no way to assess these effects or take them into account.

Maybe they’ll eventually do this stuff. But what they appear to be doing now is fundamentally incapable of addressing key issues in the tax policy debate.

 

Tax Foundation ha qualche spiegazione da dare,

di Paul Krugman

Sto ascoltando da varie fonti che la valutazione di Tax Foundation sul progetto del Senato, che ritiene di dimostrare grandi effetti di crescita e grandi vantaggi da tale crescita per le entrate, sta effettivamente avendo un impatto sul dibattito a Washington. Abbiamo dunque bisogno di parlare del modello TF, e di che cosa essi ci stanno raccontando.

L’idea di base dietro l’ottimismo di TF è che il rendimento sul capitale dopo le tasse è stabilito dai mercati globali, cosicché se si tagliano le aliquote fiscali delle società, arrivano grandi quantità di capitali che vi inondano, spingendo in alto i salari e in basso il tasso di rendimento prima delle tasse, finché non si torna alla parità. Questo è in effetti un risultato possibile se si parte da assunti corretti.

Ma ci sono due necessarie implicazioni collaterali in questa storia. La prima, durante il processo di flussi in ingresso dei capitali su larga scala, si debbono avere in corrispondenza grandi deficit commerciali (in aggiunta alla base di riferimento). E intendo grandi. Se i tagli alle tasse delle società elevano il PIL del 30% e il tasso di rendimento è il 10%, questo significa deficit cumulativi di conto corrente del 30% del PIL nel corso del periodo di adeguamento. Diciamo che stiamo parlando di un decennio: conseguentemente stiamo parlando di aggiungere una media del 3% del PIL al deficit commerciale di ogni anno – circa 600 miliardi all’anno, che raddoppiano il deficit attuale.

La seconda, tutti i capitali stranieri otterranno un rendimento – gli stranieri non stanno investendo in America perché gli fa bene alla salute. Come ho cercato di mettere in evidenza [1], questo probabilmente comporta che la maggioranza di tutti gli avanzamenti del PIL matura a favore degli stranieri, non del reddito nazionale degli Stati Uniti.

Come si misura, dunque, il modello TF con questi temi? Essi non hanno mai fornito una documentazione completa (il che è di per sé un cattivo segno), ma la risposta sembra essere – non ci si misura. Giudicando da questa descrizione, l’attuale versione del modello non contiene per nulla un settore internazionale – ovvero non dice niente sulle bilance commerciali. Dicono che stanno lavorando su un modello che:

“segua gli effetti degli stock attesi in rapida crescita o decrescita sui mercati internazionali dei capitali. Il settore internazionale registra i pagamenti al capitale che lasciano l’economia nazionale per i proprietari stranieri di asset nazionali e corregge i fattori di crescita per il simulatore dei rendimenti fiscali in modo da riflettere la crescita effettiva nei redditi”.

In altre parole, il modello che stanno utilizzando adesso non fa niente del genere.

Dunque, nel mentre mettono in circolazione una analisi che implicitamente prevede vasti deficit commerciali e un forte salto nel sostegno del reddito degli stranieri, essi stanno usando un modello che in nessun modo valuta questi effetti o li mette nel conto.

Forse alla fine lo faranno. Ma quello che sembrano fare in questo momento è fondamentalmente incapace di affrontare temi cruciali nel dibattito sulla politica fiscale.

 

 

 

 

[1] Vedi il post “L’economia degli gnomi, con i numeri” del 9 novembre 2017.

 

 

 

 

 

 

L’economia degli gnomi, con i numeri (dal blog di Paul Krugman, 9 novembre 2017)

novembre 17, 2017

 

NOV 9 1:51 PM

Leprechaun Economics, With Numbers

By Paul Krugman

 

Yesterday I noted that most discussion of the growth effects of the Cut Cut Cut Act, such as they may be, focuses on the wrong measure. GDP might go up because lower corporate taxes will draw in foreign capital; but this capital will demand and receive returns, which mean that part of the gain in domestic production is offset by investment income received by foreigners. As a result, GNI – income of domestic residents – will rise less than GDP. And surely, as in Ireland with its leprechaun economy based on low corporate taxes, GNI is the measure you want to focus on.

Now, inspired by Greg Leiserson’s post on problems with the Tax Foundation model – the only one that shows significant growth effects from Cut Cut Cut – I think I can give an illustration of how much this might matter. It relies on a stylized version of the TF model, which is a model I don’t believe for a minute, so this isn’t a real estimate. But it’s a sort of proof of concept.

So, as Leiserson says, the TF model assumes that thanks to international capital mobility there’s a fixed after-tax rate of return capital must earn. Cut the corporate tax rate, and capital flows in, driving down the pre-tax rate of return by just enough to offset the tax cut.

The following figure shows the story. Here r* is the required rate of after-tax return, t is the initial tax rate, t’ the post Cut Cut Cut rate. MPK is the marginal product of capital curve. The tax cut leads to a capital inflow that moves the economy down that curve. The rise in GDP is the integral of all successive increments to capital, so it’s the area a+b+c.

zz 454

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

But the extra foreign capital, by assumption, receives the rate of return r*. So the area c is an addition to GDP but not to GNI; the true gain to the economy is only a+b.

Now let’s create some stylized numbers. It looks as if 8% is a reasonable number for after-tax required return; with a 35% tax rate, this means a pre-tax rate of 12.3%. Cut the tax rate to 20%, and the pre-tax return should fall to 10%. The increment of capital should have a rate of return roughly halfway between, 11.15%.

Tax Foundation asserts that capital inflows will be enough to raise GDP more than 3%, which is wildly implausible. But let’s go with it for the sake of argument. This means inflows of around 30 percent of pre-CCC GDP.

So how much does this raise foreign investment income? The answer is, 8% times 30%, or 2.4 percent of GDP out of a GDP rise of 3.45 percent in my example. In other words, the true gain to the US is 1.05%, not 3.45%. That’s a big difference, and not in a good way.

The point is that even if you believe the whole “we’re a small open economy so capital will come flooding in” argument, it buys you a lot less economic optimism than its proponents imagine.

 

L’economia degli gnomi [1], con i numeri

di Paul Krugman

Ieri osservavo che gran parte del dibattito sugli effetti possibili sulla crescita della Legge Taglia Taglia Taglia [2], si concentra su una misura sbagliata. Il PIL dovrebbe salire perché tasse più basse sulle società attrarranno capitali stranieri; ma questi capitali chiederanno e riceveranno rendimenti, il che significa che parte del guadagno nella produzione nazionale verrà bilanciata dal reddito di investimento ricevuto dagli stranieri. Di conseguenza, il Reddito Nazionale Lordo (GNI) – il reddito di coloro che risiedono nel paese – crescerà meno del PIL. E certamente, come in Irlanda con la sua economia degli gnomi basata su basse tasse sulle società, il GNI è la misura sulla quale ci si deve concentrare.

Ora, stimolato dal post di Greg Leiserson sui problemi posti dal modello di Tax Foundation (TF) – il solo che mostri significativi effetti di crescita a seguito del Taglia Taglia Taglia – credo di potere fornire una illustrazione sulla importanza della dimensione che questo potrebbe avere. Essa si basa su una versione stilizzata del modello TF, che è un modello al quale non credo assolutamente, cosicché questa non è una stima reale. È una sorta di simulazione concettuale.

Dunque, come dice Leiserson, il modello TF assume che grazie alla mobilità internazionale dei capitali, ci deve essere un tasso di rendimento fisso dopo le tasse che il capitale deve guadagnare. Tagliate le aliquote fiscali sulle società e il capitale e i flussi in ingresso dei capitali, spingono in basso il tasso di rendimento prima delle tasse proprio allo scopo di bilanciare il taglio fiscale.

La storia è mostrata dal seguente diagramma. Nel quale r* è il tasso di rendimento richiesto dopo le tasse, t è l’iniziale aliquota fiscale, t’ è l’aliquota successiva alla legge del Taglia Taglia Taglia.  MPK è il prodotto marginale della curva del capitale. Il taglio fiscale porta ad un flusso in ingresso del capitale che spinge verso il basso la curva dell’economia. La crescita del PIL è l’integrale di tutti i successivi incrementi di capitale, dunque è l’area a+b+c.

zz 454

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma il capitale straniero, sulla base dell’assunto, riceve il tasso di rendimento r*. Dunque l’area c è una aggiunta al PIL ma non al Reddito Nazionale Lordo; il vero guadagno dell’economia è soltanto a+b.

Consentitemi adesso di utilizzare alcuni numeri che uniformano e rendono più comprensibile il tutto. Mi pare che se l’8% è un numero ragionevole per il rendimento richiesto dopo le tasse, con una aliquota fiscale del 35%, questo significa una aliquota prima delle tasse del 12,3%. Tagliate l’aliquota fiscale al 20% e il rendimento prima delle tasse dovrebbe cadere al 10%. L’incremento del capitale dovrebbe avere un tasso di rendimento grosso modo della metà, 11,5%.

Tax Foundation sostiene che i flussi di capitale in ingresso sarebbero sufficienti ad innalzare il PIL di più del 3%, il che è assolutamente non plausibile. Ma per ipotesi accettiamolo. Questo significa flussi in ingresso di capitali pari circa al 30% del PIL prima della legge dei tagli.

Dunque, di quanto questo accresce il reddito degli investimenti stranieri? La risposta è, 8% per 30%, o 2,4% del PIL, da togliere all’aumento del PIL del 3,45% nel mio esempio. In altre parole, il vero guadagno è dell’1,05%, non del 3,45%. E questa è una grande differenza, non in senso positivo.

Il punto è che persino se si crede all’intero argomento “siamo una piccola economia aperta e dunque il capitale arriverà copiosamente”, esso vi offre molto meno ottimismo economico di quanto i suoi proponenti immaginano.

 

 

 

[1] Ovvero, l’economia irlandese. È noto che il “leprechaun” – il folletto, lo gnomo vestito di verde e con una pipa in mano – è una figura centrale della mitologia irlandese. Per capire in che senso si parla di una economia degli gnomi, può essere utile questo brano da un articolo apparso il 5 di ottobre sul Sole-24 Ore.

 

Il primo creditore è la Cina, colosso mondiale dell’export. Il secondo è il Giappone, patria di colossali fondi pensione e compagnie di assicurazioni vita che devono per forza coprirsi con titoli di Stato a lungo termine. Fin qui nessuna sorpresa. Ma è quando alziamo il velo sul terzo posto che entriamo a gamba tesa nella fantascienza: il terzo creditore degli Stati Uniti non è la Germania peso massimo industriale, o la Gran Bretagna regno della finanza, ma la minuscola e remota Irlanda. Sembra incredibile ma è vero: secondo i dati diffusi pochi giorni fa dal Treasury International Capital, Dublino detiene in portafoglio qualcosa come 310 miliardi di dollari di titoli di Stato Usa, una cifra superiore al suo stesso prodotto interno lordo.

[2] È il titolo che Trump avrebbe voluto dare alla legge sul fisco, anche se alla fine ha ricevuto un altro nome (Legge sul fisco e sui posti di lavoro).

 

 

 

 

 

L’economia degli gnomi e il neo-lafferismo, di Paul Krugman (dal blog di Krugman 8 novembre 2017)

novembre 10, 2017

 

Leprechaun Economics and Neo-Lafferism

 NOVEMBER 8, 2017 2:28 PM 

Paul Krugman

At one level, trying to have a serious discussion of the economic impacts of the Cut Cut Cut Act – sorry, the Tax Cuts and Jobs Act – is arguably a waste of time. Republicans who believe, or pretend to believe, that tax cuts will produce an economic miracle, who didn’t change their minds after the Clinton boom, the Bush debacle, the Kansas disaster, and the strength of the economy after 2013 aren’t going to be persuaded by further analytical discussion.

But some of us have spent our lives trying to understand such things, and there are some intellectually interesting aspects of the current tax debate even though the would-be reformers aren’t interested in a real discussion. So let me indulge myself.

The thing is, while Republicans always claim that tax cuts will produce miraculous growth, both the proposed tax cuts and the supposed sources of the miracle are a bit different this time. Instead of focusing on individual tax rates – aside from the estate tax – this time it’s mostly about corporate taxes. And instead of claiming huge increases in work effort from lower marginal rates, they’re mostly claiming that lower corporate taxes will bring huge capital inflows, raising wages and GDP.

There are multiple reasons to be skeptical about these claims; the actual magnitude of any positive effect on GDP is likely to be far smaller than anything Republicans say. The Penn-Wharton model says that GDP in 2027 would be between 0.3% and 0.8% higher with the tax cuts than without, i.e., basically an invisible effect against background noise; and this doesn’t even take into account the longer-run negative effects of discouraging higher education, slashing nutrition programs, and all the other things that will probably happen due to higher deficits.

But let me make a different point: GDP is actually the wrong measure. If you’re going to be pulling in foreign capital, you’re going to be paying more investment income to foreigners; so gross national income – income accruing to domestic residents – is going to go up by less. And surely that’s the measure we care about.

In fact, when you bear in mind the reduced taxes collected on foreign investors who are already here, GNI could actually go down, not up.

One way to say all of this is that Cut Cut Cut would be an attempt to bring a bit of leprechaun economics to the United States. Ireland, famously, is a country where GDP vastly exceeds national income, by a growing margin:

zz 441

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The reason is a low corporate tax rate, which attracts both real foreign investment in capital-intensive sectors – investment that raises GDP but does little for workers – and also creates an incentive to use transfer pricing to make profits appear in Ireland even though they have nothing much to do with Irish activity. Not incidentally, Kevin Hassett appears to be confused about the economics here, imagining that a paper reduction in the US trade deficit due to changes in transfer pricing would bring in real jobs. It wouldn’t.

There are really two bottom lines here. One is that the true growth impacts of Cut Cut Cut would be even more pathetic than the numbers you’ve been hearing. The other is that if you’re going to make international capital flows central to your arguments, you really need to think about the implications for future investment income.

 

L’economia degli gnomi e il neo-lafferismo [1] , di Paul Krugman

Da un parte, cercare di avere una discussione seria sugli impatti economici della Cut cut cut Act [2]scusate, la “Tax Cuts and Jobs Act” – è probabilmente una perdita di tempo. I repubblicani che credono, o fingono di credere, che i tagli al fisco produrranno un miracolo economico, che non cambiarono i loro convincimenti dopo il boom di Clinton, dopo la debacle di Bush, dopo il disastro del Kansas e la forza dell’economia dal 2013 non sono destinati ad essere persuasi da un ulteriore discussione analitica. Ma alcuni di noi hanno speso la loro esistenza a cercar di capire cose del genere, e ci sono alcuni aspetti intellettualmente interessanti dell’attuale dibattito fiscale, anche se i presunti riformatori non sono interessati ad un dibattito reale. Dunque, fatemi essere indulgente con me stesso.

Il punto è che questa volta, se i repubblicani sostengono sempre che gli sgravi fiscali produrranno una crescita miracolosa, sia i tagli proposti che le presunte fonti del miracolo sono un po’ diversi. Invece di concentrarsi sulle aliquote fiscali sulle persone – a parte la tassa sul patrimonio – questa volta si tratta soprattutto della tassazione sulle società. E anziché sostenere enormi incrementi nel tentativo di operare a seguito di aliquote marginali più basse, si sostiene soprattutto che tasse più basse sulle società comporterebbero grandi flussi in ingresso di capitali, aumentando i salari ed il PIL.

Ci sono varie ragioni per essere scettici su queste pretese; l’effettiva ampiezza di qualsiasi effetto positivo sul PIL è probabile che sia di gran lunga più modesta di tutto quello che dicono i repubblicani. Il Modello Penn-Wharton dice che il PIL nel 2027 sarebbe più alto con gli sgravi fiscali che senza, tra lo 0,3 e lo 0,8%, ovvero fondamentalmente un effetto invisibile rispetto a un rumore di fondo; e questo senza neppure mettere nel conto gli effetti negativi di lungo periodo derivanti dallo scoraggiare una istruzione superiore, dall’abbattere i programmi alimentari, e da tutte le altre cose che probabilmente accadranno a seguito di deficit più elevati.

Ma fatemi avanzare una considerazione diversa: il PIL è in effetti un metro di misura sbagliato. Se si intende far leva sul capitale straniero, si è destinati a pagare di più il reddito da investimenti agli stranieri; dunque il reddito nazionale lordo – quello che matura dai residenti nazionali – è destinato a salire di meno. Ed è certamente quella la misura di cui ci occupiamo.

Di fatto, quando si tengono a mente le minori tasse raccolte sugli investitori stranieri che già operano qua, il Reddito Nazionale Lordo potrebbe effettivamente scendere, non salire.

Un modo per esprimere tutto questo è che il Cut Cut Cut sarebbe un tentativo di portare un po’ di economia degli gnomi [3] negli Stati Uniti. È noto che l’Irlanda è un paese nel quale il PIL eccede ampiamente il reddito nazionale, di un margine crescente:

zz 441

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[4]

La ragione è che un’aliquota fiscale per le società bassa, che attrae investimenti reali stranieri in settori ad alta intensità di capitale – investimenti che aumentano il PIL ma fanno poco per i lavoratori – e crea anche un incentivo ad usare il transfer pricing [5] per fare profitti, compare in Irlanda anche se non ha molto a che fare con l’attività irlandese. Non casualmente, Kevin Hassett sembra in questo caso far confusione tra due economie, immaginando che una riduzione cartacea del deficit commerciale degli Stati Uniti dovuta ai cambiamenti nel transfer pricing porti reali posti di lavoro. Non è così.

In realtà, in questa vicenda ci sono due morali. Una è che i veri impatti di crescita del Cut Cut Cut sarebbero persino più insignificanti dei numeri che sono in circolazione. L’altra è che se siete intenzionati a fare dei flussi in ingresso dei capitali internazionali il punto centrale dei vostri argomenti, avete davvero bisogno di ragionare sulle implicazioni del futuro reddito da investimenti.

 

 

 

 

[1] Arthur Betz Laffer (Youngstown, 14 agosto 1940) è un economista statunitense, sostenitore della Supply side economics. Divenne molto influente negli anni dell’amministrazione Reagan, tanto da esserne uno dei massimi consiglieri economici. Dunque, per “neolafferismo” si intende un ritorno alla economia reaganiana basata sulla pretesa che grandi sgravi fiscali sui più ricchi si sarebbero un po’ alla volta trasferiti sui ceti minori e medi.

[2] È il titolo che Trump avrebbe voluta per la proposta di legge sul fisco, significa “Legge del taglia taglia taglia”. Pare nvece che la chiamino Legge sui tagli alle tasse e sui posti di lavoro.

[3] È noto che il “leprechaun” – il folletto, lo gnomo vestito di verde e con una pipa in mano – è una figura centrale della mitologia irlandese. Per capire in che senso si parla di una economia degli gnomi, può essere utile questo brano da un articolo apparso il 5 di ottobre sul Sole-24 Ore.

“Il primo creditore è la Cina, colosso mondiale dell’export. Il secondo è il Giappone, patria di colossali fondi pensione e compagnie di assicurazioni vita che devono per forza coprirsi con titoli di Stato a lungo termine. Fin qui nessuna sorpresa. Ma è quando alziamo il velo sul terzo posto che entriamo a gamba tesa nella fantascienza: il terzo creditore degli Stati Uniti non è la Germania peso massimo industriale, o la Gran Bretagna regno della finanza, ma la minuscola e remota Irlanda. Sembra incredibile ma è vero: secondo i dati diffusi pochi giorni fa dal Treasury International Capital, Dublino detiene in portafoglio qualcosa come 310 miliardi di dollari di titoli di Stato Usa, una cifra superiore al suo stesso prodotto interno lordo.”

[4] Il diagramma mostra il rapporto percentuale tra il Reddito Nazionale Lordo e il PIL, che in un paese come l’Irlanda – linea rossa più grande – a partire dagli anni ’80 si colloca attorno al 120% del PIL.

[5] L’espressione transfer pricing identifica il procedimento per determinare il prezzo appropriato, in gergo transfer price, nel trasferimento della proprietà di beni/servizi/intangibili attraverso operazioni infra-gruppo. Il transfer pricing trova ampia applicazione nel determinare il valore normale dei prezzi o dei profitti relativi ad operazioni che intercorrono tra due imprese collegate residenti in paesi a fiscalità diverse (cross-border) come ad esempio due controparti di una multinazionale. Le transizioni infra-gruppo sono dette in gergo “controlled transactions” e sono distinte da quelle che si realizzano tra imprese che non sono collegate e che si assume operino indipendentemente nello stabilire termini e condizioni della transazione (ossia alle condizioni di libero mercato in gergo on an arm’s length basis).

Il transfer pricing interessa le Autorità fiscali a prescindere da livello di tassazione effettiva vigente nei Paesi in cui sono residenti o localizzate le imprese del gruppo coinvolte. La disciplina dei prezzi di trasferimento è infatti rivolta a proteggere l’erosione della base imponibile nazionale ed assicurare la corretta ripartizione impositiva tra Stati.

Ciò che l’Autorità fiscale rileva è la discrepanza tra il valore di vendita di un bene ad una società del gruppo e il valore di vendita dello stesso bene sul libero mercato. L’applicazione dei metodi di transfer pricing aiutano quindi ad assicurare che la transazione sia conforme o meno al valore normale (arm’s length standard). (Wikipedia)

 

 

 

 

 

 

 

 

Paul Ryan si sta strozzando con la sua stessa carne di incerta provenienza (dal blog di Krugman, 1 novembre 2017)

novembre 9, 2017

 

Paul Ryan Is Choking On His Own Mystery Meat

 NOVEMBER 1, 2017 9:27 AM 

Paul Krugman

House Republicans were supposed to unveil their tax proposal today, but it has been put off — and not, as you might imagine, because they’re a bit worried that their grand opening might be overshadowed by the indictment of Trump’s campaign manager and sworn testimony of collusion between campaign officials and Russia.

No, they’re delaying because on the verge of trying to pass a huge change in the U.S. tax system, they still haven’t settled on key parts of the proposal — specifically, how to pay for huge corporate tax cuts and large cuts to wealthy individuals.

But wait — how is this possible? Republicans, and specifically Paul Ryan, the speaker of the House, have been talking about tax “reform” and putting out white papers for years — actually, since 2010. How can basic things be up in the air at this late date?

The answer, of course, is that Ryan and friends have been faking it all these years. This was obvious from the beginning. I identified Ryan as a flimflam man more than 7 years ago. And the reason I knew he was a phony was that he was proposing large tax cuts while asserting that the lost revenue would be made up for by closing unspecified loopholes.

A couple of years later, Howard Gleckman of the Tax Policy Center complained about the “mystery meat” in Ryan’s budget — the huge revenue gains assumed from eliminating unspecified tax preferences:

Ryan proposes big, specific spending reductions such as cutting Medicaid in half and slashing other federal spending (except for Social Security, Medicare, and Medicaid) by nearly 75 percent from current levels by 2050. But his budget still can’t add up without eliminating or sharply scaling back those popular tax preferences. Which ones, it seems, remain a state secret.

And they’re still a state secret — on the day the House was supposed to release its plan, we still have no idea what will be used as “pay-fors”.

Now, a cynic might have expected Republicans to go for full-on cynicism: “What, you took it seriously when we talked about fiscal responsibility? The joke’s on you! Ha ha ha!” And to a certain extent that is what they’ve done: after all the deficit-hawk posturing, they’re openly admitting that their intention is to increase the deficit by $1.5 trillion.

But they apparently didn’t feel free to cut completely loose: they did set a deficit target, and as I understand the mechanics of reconciliation, the budgets passed by the House and Senate, while they don’t actually set policy, kind of leave them stuck with an upper limit on just how much they can blow up the deficit.

And they have no idea how to get there. Try to cut one set of deductions, and the homebuilders get mad at you. Try to cut another, and upper-middle-class suburbanites in blue states who still vote GOP get mad. And so on.

The point is that these problems were always predictable, which is why the Ryan budgets were always obviously fraudulent. Ryan’s fakery may have fooled his naive constituents — by which I mean practically the whole Beltway pundit class — but never fooled anyone who could do the math.

So will the GOP pass something? Probably — but it’s more likely to be a miniature Christmas tree of handouts to the wealthy than the grand tax reform they’ve been promising.

And let’s hope that whatever happens gets reported as the failure it is. Ryan and company promised big stuff, but never had any way to deliver. When it comes to big lies, Donald Trump is actually a very good, very normal Republican.

 

Paul Ryan si sta strozzando con la sua stessa carne di incerta origine,

di Paul Krugman

Si pensava che i repubblicani della Camera oggi avrebbero reso pubbliche le loro proposte sul fisco, ma l’evento è stato rimandato – e non, come potreste immaginare, perché fossero un po’ preoccupati che la loro superba inaugurazione potesse essere messa in ombra dal rinvio a giudizio del manager della campagna elettorale di Trump e dalla dichiarazione giurata della collusione tra i dirigenti di quella campagna e la Russia.

No, l’hanno rinviato perché sul punto di cercare di far approvare un grande cambiamento nel sistema fiscale degli Stati Uniti, essi non avevano ancora preso le decisioni su aspetti cruciali della proposta – in particolare, come pagare gli enormi sgravi sulle tasse delle società e i grandi tagli a favore delle persone ricche.

Ma, un momento; come è possibile tutto questo? È da anni che i repubblicani, e in particolare Paul Ryan, parlano della “riforma” delle tasse e mettono in circolazione libri bianchi – precisamente, dal 2010. Come è possibile che aspetti fondamentali restino indefiniti in questa estrema scadenza?

La risposta, naturalmente, è che Ryan e compagni in tutti questi anni hanno detto il falso. Era evidente sin dagli inizi. Più di 7 anni fa identificai Ryan come l’uomo della fandonia. E la ragione per la quale sapevo che era un imbroglione era che egli stava proponendo ampi sgravi fiscali nel mentre asseriva che le entrate perdute sarebbero state compensate dalla interruzione di non specificate forme di elusione.

Un paio d’anni più tardi, Howard Gleckman del Tax Policy Center si lamentò della “carne di incerta origine” nel bilancio di Ryan – i vasti incrementi nelle entrate ipotizzati dalla eliminazione di non specificati privilegi fiscali:

“Ryan propone grandi, specifiche riduzioni come il taglio della metà di Medicaid e l’abbattimento di altre spese federali (esclusa la Previdenza Sociale, Medicare e Medicaid) per circa il 75 per cento entro il 2050. Ma il suo bilancio ancora non può quadrare senza eliminare o ridurre bruscamente quei popolari privilegi fiscali. I quali, sembra, restano un segreto di Stato.”

Ed essi sono ancora un segreto di Stato –  il giorno in cui si riteneva che la Camera pubblicasse il suo progetto, noi non abbiamo ancora alcuna idea di cosa sarà utilizzato come ‘compenso’.

Ora, un cinico si poteva aspettare che i repubblicani quanto a cinismo avrebbero fatto il pieno: “Cosa, la prendevi sul serio quando parlavamo di responsabilità della finanza pubblica? Ci sei cascato! Ah ah ah!”. E in una certa misura è quello che hanno fatto: dopo tutto quell’atteggiarsi da falchi del deficit, stanno apertamente ammettendo che la loro intenzione è di aumentare il deficit di 1.500 miliardi di dollari.

Ma a quanto pare essi non si sentono liberi di fare tagli in completa scioltezza: hanno fissato un obbiettivo di deficit, e per quello che comprendo dei meccanismi della ‘riconciliazione’ [1], i bilanci approvati dalla Camera e dal Senato, se anche non fissano una politica, in un certo senso li lasciano bloccati entro un limite superiore proprio su quanto possono far salire il deficit.

E non hanno alcuna idea di come arrivarci. Si prova a tagliare un complesso di deduzioni, e quelli dell’edilizia diventano furiosi. Si prova a tagliare qualcosa d’altro, e i sobborghi delle classi medio alte degli Stati democratici che ancora votano per il Partito Repubblicano si infuriano. E così via.

Il punto è che questi problemi erano sempre stati prevedibili, che è la ragione per la quale le proposte di bilancio di Ryan erano evidentemente fraudolente. La falsità di Ryan può essersi presa gioco della sua ingenua base elettorale – nella quale io praticamente includo l’intera categoria dei commentatori della Capitale – ma non si è mai presa gioco di qualcuno che sapesse fare la matematica.

Dunque, il Partito Repubblicani approverà qualcosa? È probabile – ma è più probabile che si tratti di un albero di Natale in miniatura di sussidi ai ricchi, piuttosto che della grande riforma del fisco che hanno promesso.

E speriamo che qualsiasi cosa accada essa sia commentata per il fallimento che rappresenta. Ryan e soci hanno promesso grandi cose, ma non le hanno mai in alcun modo consegnate. Quando di ragiona di grandi bugie, Donald Trump è in effetti un ottimo e normalissimo repubblicano.

 

 

 

[1] È il nome che nella procedura di approvazione del Bilancio hanno le regole di compensazione tra il Senato e la Camera, che prevedono che uno dei due rami alla fine possa sciogliere nodi non risolti, sia pure con maggioranze qualificate,

 

 

 

 

 

Imbroglio sugli sgravi fiscali: i soliti sospetti (dal blog di Krugman, 29 ottobre 2017)

novembre 9, 2017

 

Tax Cut Fraudulence: The Usual Suspects

 OCTOBER 29, 2017 11:43

Paul Krugman

Stan Collender has a characteristically perceptive discussion of the ongoing budget farce, and invokes Casablanca: “round up the usual suspects.” That struck me as the perfect motto for what I’m seeing, although I’m focusing on somewhat different aspects of the farce.

You see, until a few days ago the Trump sales pitch was a bit different from past GOP arguments for tax cuts, involving (a) a novel invocation of the supposed benefits of massive capital inflows from corporate tax cuts, and (b) outright lies on an unprecedented scale.

But what I’ve been seeing lately is a revival of some more traditional, Bush-era fraudulence. Two items in particular. First, the claim that the rich pay practically all the taxes, so that of course they have to get the bulk of the tax cut. Second, claims of vast growth, because Reagan.

On the first: you might think there was some contradiction between the incessant claim that this is a middle-class tax cut and the claim that the rich deserve to get the lion’s share. But doublethink is central to the whole enterprise.

Anyway, the claim about who pays taxes is a very familiar one to us old hands: say “taxes” when what you really mean are “federal income taxes,” as if this was the only tax.

In reality, while the federal income tax is indeed mainly paid by people with high incomes, it’s far from being the only tax. At the federal level, most people pay more in payroll taxes than in income taxes, and the payroll tax is actually regressive. And state and local taxes are also a big deal, and they’re definitely regressive. Efforts to estimate the overall distribution of taxes find that the system isn’t especially progressive: the wealthy pay a lot in taxes, but they also receive a lot of income, and the shares aren’t much out of line:

zz 438

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1

Meanwhile, about Reagan: yes, he cut taxes, and presided over average growth of more than 3 percent. But you know who else presided over growth of >3%?

zz 439

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 2

Clinton you probably saw coming — and Clinton, of course, raised taxes yet presided over a boom that surpassed Reagan’s. Carter may be a surprise: what few realize is that overall performance under Carter was pretty good, but his timing was off: fast growth in the early years, a recession (and inflation) at the end.

In any case, holding up either Reagan or Clinton as a model, a reason to believe 3% growth is in easy reach, misses one huge factor: demography. Under Reagan the last of the baby boomers were just entering their prime working years; these days we’re on our way out the door. Jason Furman had a nice graph to illustrate just how much has changed:

zz 440

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 3

So anyone invoking Reagan-era growth to justify outlandish projections now is ignorant, dishonest, or both.

Actually, of course, I shouldn’t be surprised to see some of the good old bogus arguments make a reappearance alongside the new set of lies. My experience over the years has been that the right never gives up an argument, even if it’s in flat contradiction to some other argument they’re making. They throw everything they have at the wall, in the hope that some of it sticks. And so it is with the tax “debate.”

 

Imbroglio sugli sgravi fiscali: i soliti sospetti

Paul Krugman 

Stan Collender interviene come al solito in modo perspicace nel dibattito sulla perdurante farsa del bilancio, e si rifà a Casablanca: “raccogliete i soliti sospetti”. Mi colpisce come una espressione perfetta di quello cui stiamo assistendo, sebbene mi stia concentrando su aspetti diversi della farsa.

Vedete, sino a pochi giorni fa gli imbonimenti di Trump erano un po’ diversi dai passati argomenti del Partito Repubblicano sugli sgravi fiscali, riguardando: (a) una insolita invocazione dei supposti benefici dei flussi in ingresso dei capitali per effetto dei tagli alle tasse sulle società; (b) menzogne complete di dimensioni che non hanno precedenti.

Ma ciò a cui stiamo assistendo ultimamente è una ripresa di una sorta di imbroglio più tradizionale, dell’epoca di Bush. Due temi in particolare. Il primo, la pretesa che i ricchi paghino praticamente per intero le tasse, cosicché naturalmente è ad essi che tocca il grosso degli sgravi fiscali. La seconda, gli argomenti su una ampia crescita, sul modello di Reagan.

Sul primo: potreste pensare che esista una qualche contraddizione tra l’incessante pretesa che questo sia uno sgravio fiscale per le classi medie e l’argomento secondo il quale i ricchi si meritano di fare la parte del leone. Ma tutta l’impresa si basa su un pensiero duplice.

In ogni modo, la pretesa su chi paga le tasse è molto familiare per noi che siamo del mestiere: si dice “tasse” quando in realtà quello che si intende è “tasse federali sul reddito”, come se queste fossero l’unica tassazione.

In realtà, mentre la tassa federale sul reddito è in effetti principalmente pagata da persone con alti redditi, essa è tutt’altro che l’unica tassa. Al livello federale, la maggioranza delle persone paga di più per le tasse sugli stipendi che per quelle sui redditi, e le tasse sugli stipendi sono effettivamente regressive. E anche le tasse degli Stati e delle comunità locali sono una grande faccenda, e sono certamente regressive. I tentativi di stimare la distribuzione complessiva delle tasse arrivano alla conclusione che il sistema non è particolarmente progressivo: i ricchi pagano molto in tasse ma ricevono anche molto di reddito, e le quote sono abbastanza in proporzione:

zz 438

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1

Mentre, a proposito di Reagan: è vero, tagliò le tasse, e governò in un periodo con una crescita media superiore al 3 per cento. Ma sapete chi altri governò con una crescita superiore al 3 percento?

zz 439

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2

Clinton probabilmente ve l’aspettavate – e Clinton, come è noto, elevò le tasse e ciononostante fu Presidente in una espansione che superò quella di Reagan. Carter può essere una sorpresa: ciò che pochi comprendono è che la prestazione complessiva con Carter fu abbastanza buona, ma la sua tempistica fu negativa: rapida crescita nei primi anni, recessione (e inflazione) alla fine.

In ogni caso, mantenendo Reagan o Clinton come punti di riferimento, una ragione per credere che una crescita del 3% sia a portata di mano trascura in grande fattore: la demografia. Con Reagan le ultime generazioni del boom demografico stavano appena entrando nei loro primi anni lavorativi; oggi ne siamo fuori. Jason Furman ha un bel grafico per illustrare esattamente quanto sia stato grande il cambiamento:

zz 440

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 3 ([1])

Dunque, chiunque invochi oggi l’epoca di Reagan per giustificare stravaganti previsioni è ignorante, disonesto o entrambe le cose.

In realtà, ovviamente, non dovrei essere sorpreso di vedere alcuni dei consolidati vecchi argomenti fasulli ricomparire nel nuovo assortimento di bugie. La mia esperienza nel corso del tempo è stata che la destra non rinuncia mai ad un argomento, persino se esso è in patente contraddizione con altri argomenti che stanno avanzando. Tirano tutto quello ce hanno sulla parete, nella speranza che qualcosa ci resti attaccato. E così è con il “dibattito” sulle tasse.

 

 

 

[1] Il titolo del grafico significa: “Crescita della popolazione civile non istituzionalizzata in età lavorativa (25-54 anni)”. Ovvero, sono escluse le persone che operano nelle forze armate o che sono ospiti di istituzioni statali come le carceri, i manicomi o simili.

 

 

 

 

 

Il programma di aiuti di Trump agli stranieri di 700 miliardi di dollari Paul Krugman (dal blog di Krugman, 25 ottobre 2017)

ottobre 29, 2017

 

Trump’s $700 Billion Foreign Aid Program

 OCTOBER 25, 2017 10:56 AM 

Paul Krugman

OK, this analysis from Steven M. Rosenthal at the Tax Policy Center is revelatory. It makes a simple point, but one everyone — myself included — somehow missed: the Trump tax plan is a huge giveaway to foreigners. Among other things, this means that the tax plan almost certainly reduces U.S. welfare even if you ignore distributional issues. This observation should transform discussion of the whole issue, at least among economists, although my cynical guess is that Republican-leaning academics will ignore it.

Some of what follows is wonkish, but I’ve left off the label because the basic point doesn’t require the technical analysis.

So here goes: the core of the Trump tax plan, to the extent we know what’s in it, is a huge cut in corporate taxes — about $2 trillion over the next 10 years, according to TPC’s best estimates. The administration would like you to believe that all of that tax cut will be passed on to higher wages, but this is overwhelmingly unlikely, especially in the short to medium run. In fact, the bulk of that tax cut will almost surely accrue to stockholders.

And now Rosenthal’s point: unlike the situation in previous tax reforms, we now live in a world where investment holdings are diversified across countries. Specifically, around 35 percent of U.S. equity is owned by foreign residents. So of that $2 trillion windfall, $700 billion goes to foreigners. Make non-US investors great again!

Note that you can’t wave this away by insisting that international investment considerations are somehow secondary — supposed effects on global capital flows are the whole administration rationale for the tax cut! Nor can you say that you only care about global welfare, not U.S. parochial issues — not under an administration that has adopted America First as its slogan.

So this is, or certainly should be, a very big deal.

Now for the moderately wonkish part.

I continue to find a simple MPK diagram the clearest way to think about these issues. So Figure 1 is a slightly modified version of the diagrams I’ve been using in previous posts. MPK is the marginal product of capital, r the pre-tax rate of return, declining in the capital stock K because of diminishing returns. I ignore monopoly profits. I assume that t is the rate of profit taxation, with r(1-t) therefore the after-tax rate of return. I make no assumptions about global rates of return, except to assume that in the relevant time horizon there’s no reason to expect enough capital inflows to equalize such rates.

zz 434

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1

So Figure 1 shows what is, in effect, the conventional analysis. Suppose we cut the corporate tax rate. This will bring in some additional capital from abroad, but not enough, in practice, to keep the after-tax rate of return from rising. So there will be a direct revenue loss, some (although probably not much) being passed on to workers, but the rest showing up in higher corporate after-tax profits.

On the other hand, there will some inflow of foreign capital, and this new capital will pay taxes. These additional taxes represent an addition to overall U.S. national income, so that if you ignore distributional issues, the U.S. achieves a net gain.

But as Rosenthal points out, this misses an essential point of the situation: a lot — around 35 percent — of U.S. corporate profits actually accrue to foreign owners. This wouldn’t matter if all of the corporate tax cut were passed on to workers, but most of it won’t be, and the higher after-tax profits on foreign investments will — as shown in Figure 2 — be a windfall to foreign investors. And it’s one heck of a windfall: $700 billion over a decade.

zz 435

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 2

What this means, as I said, is that unless a lot of tax-paying capital comes in, the overall effect will be to make the U.S. as a whole poorer — even ignoring the fact that we’re cutting taxes for wealthy investors and will have to offset by, say, taking health care away from the poor.

Is it harsh to call the Trump tax plan a $700 billion foreign aid program? Yes. But it’s also completely fair.

 

Il programma di aiuti di Trump agli stranieri di 700 miliardi di dollari

Paul Krugman

Riconosco che questa analisi di Steven M. Rosenthal del Tax Policy Center è rivelatoria. Si occupa di un semplice aspetto, che tutti però – incluso il sottoscritto – s’erano persi: il piano fiscale di Trump è un grande regalo agli stranieri. Tra le altre cose, questo significa che il piano fiscale quasi certamente riduce il benessere degli Stati Uniti anche se si prescinde dalle tematiche distributive. Questa osservazione dovrebbe trasformare il dibattito sull’intera faccenda, almeno tra gli economisti, sebbene mi immagino scetticamente che gli accademici di tendenze repubblicane la ignoreranno.

Alcune delle cose che seguono sono per esperti, ma io ho trascurato di classificarla in tal modo perché l’aspetto principale non richiede analisi tecnica.

Dunque, ecco qua: il cuore del piano fiscale di Trump, nella misura in cui sappiamo cosa ci sia dentro, è una grande taglio fiscale alle imprese – circa due milia miliardi di dollari nei prossimi dieci anni, secondo le stime più favorevoli del Tax Policy Center. Alla Amministrazione piacerebbe farvi credere che quel taglio fiscale sarà trasferito su più alti salari, ma questo è grandemente improbabile, specialmente nel periodo breve e medio. Di fatto, il grosso di quel taglio fiscale sarà quasi certamente raccolto dagli azionisti.

E adesso l’argomento di Rosenthal: diversamente dalla situazione di precedenti riforme fiscali, viviamo oggi in un mondo nel quale la proprietà degli investimenti è diversificata tra i vari paesi. In particolare, circa il 35 per cento del capitale azionario degli Stati Uniti è posseduto da residenti stranieri. Dunque di quella manna di duemila miliardi di dollari, 700 miliardi vanno agli stranieri. Rendiamo di nuovo grandi gli investitori non-statunitensi!

Si noti che non ci si può liberare di questo argomento sostenendo che le considerazioni sugli investimenti internazionali in qualche modo sono secondarie – gli effetti supposti sui flussi internazionali dei capitali sono l’intero argomento della Amministrazione per i tagli al fisco! Neanche si può dire che ci si preoccupa soltanto del benessere globale, e non delle tematiche provinciali degli Stati Uniti – non con una Amministrazione che ha adottato come suo slogan lo “American first”.

Dunque questo è, o dovrebbe essere certamente, un affare davvero grande.

Ed ora la parte moderatamente per esperti.

Continuo a ritenere che un semplice diagramma MPK sia il modo più chiaro per ragionare di questi temi. Così la Figura 1 è una versione leggermente modificata dei diagrammi che ho usato nei post precedenti. MPK è il prodotto marginale del capitale r il tasso di rendimento prima delle tasse, che cala nello stock di capitale K a causa dei rendimenti decrescenti [1].  Qua si ignorano i profitti di monopolio. Assumo che t è l’aliquota della tassa sui profitti, con r(1-t) che è pertanto il tasso di rendimento dopo le tasse. Non faccio alcuna ipotesi sui tassi globali di rendimento, se non considerando che nell’orizzonte temporale rilevante non c’è alcuna ragione di aspettarsi che i flussi in entrata dei capitali eguaglino tali tassi.

zz 434

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1

Dunque, la Figura 1 mostra quello che è, in effetti, l’analisi convenzionale. Supponiamo di fare un taglio all’aliquota fiscale sulle imprese. Ci sarà così una perdita diretta delle entrate fiscali (sebbene probabilmente non grande), che in parte passerà sui lavoratori, ma per il resto si esprimerà in più elevati profitti delle imprese dopo le tasse.

D’altra parte ci saranno alcuni flussi in ingresso di capitali stranieri, e questo nuovo capitale pagherà le tasse. Queste tasse aggiuntive rappresentano una aggiunta al reddito nazionale complessivo degli Stati Uniti, cosicché se si ignorano i temi della distribuzione, gli Stati Uniti realizzeranno un guadagno netto.

Ma come mette in evidenza Rosenthal, in questo modo si perde un aspetto essenziale della situazione: un grande quantità dei profitti delle imprese statunitensi – attorno al 35 per cento – effettivamente matura a favore dei proprietari stranieri. Questo non sarebbe importante se tutto lo sgravio fiscale sulle imprese venisse trasferito sui lavoratori, ma in gran parte non sarà così e i profitti più elevati dopo le tasse – come mostrato nella Figura 2 – saranno una manna degli investitori stranieri. E che diavolo di manna: 700 miliardi in un decennio.

zz 435

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2

Quello che questo comporta, come ho detto, è che a meno che non intervenga una grande quantità di capitale che paga le tasse, l’effetto generale sarà quello di rendere gli Stati Uniti nel loro complesso più poveri – anche a prescindere dal fatto che stiamo tagliando le tasse per gli investitori ricchi e che dovremo bilanciarlo, ad esempio, rendendo l’assistenza sanitaria indisponibile per i poveri.

È severo definire il piano fiscale di Trump un programma di aiuti di 700 miliardi di dollari agli stranieri? Sì, ma è anche completamente corretto.

 

 

 

[1] MPK è un acronimo per “produttività marginale del capitale”.

In termini informali, la produttività marginale di un fattore può definirsi come l’aumento di produzione ricollegabile all’impiego di una unità aggiuntiva di un fattore produttivo, lasciando invariati tutti gli altri input. Così, ad esempio, si supponga un’impresa che produce in un giorno 100 paia di scarpe utilizzando vari macchinari e 20 lavoratori. Se l’assunzione di un lavoratore aggiuntivo porta la produzione giornaliera a 104 paia di scarpe, la produttività marginale del lavoro sarà pari a 4. Wikipedia)

Al concetto di produttività marginale risulta strettamente collegato l’assunto di produttività marginale decrescente. In pratica si assume che la produttività marginale di un fattore, dopo un certo livello di impiego del fattore stesso, tenda a diminuire al crescere del livello assoluto di impiego del fattore. (Wikipedia)

 

 

 

 

 

 

La semplice e fuorviante analitica di uno sgravio fiscale sulle società (più per esperti) (dal blog di Krugman, 24 ottobre 2017)

ottobre 28, 2017

 

OCT 24 2:03 PM 

The Simple and Misleading Analytics of a Corporate Tax Cut (More Wonkery)

Paul Krugman

Figure slightly corrected

I should probably not be wasting time on this. But it seems as if practically the whole wing of more or less respectable conservative economists weighing in on this subject has made a basic algebraic/conceptual error. In itself, this error isn’t at all crucial to the policy debate. Other issues matter much more, notably taxes on monopoly profits, the fact that the US isn’t a small open economy, and the near-irrelevance of long-run equilibrium conclusions given the slow pace of adjustment imposed by imperfect integration of goods markets.

But arguably what we’re seeing here is something like the famous Excel programming error in the austerity debate: it’s not so much the substantive importance of the error as the evidence it provides of sloppy thinking, of conclusions adopted without checking because they promote a political agenda.

So the claim here is that the wage gains from a corporate tax cut exceed the revenue loss by a ratio that depends only on the initial tax rate, not at all on the degree to which capital can be substituted for labor, which in turn should (in this model) determine how much additional capital is drawn in by the tax cut. This feels wrong – and it is.

I continue to think that the clearest way to do this is with a simple marginal product of capital diagram. Here MPK is the marginal product of capital, aka the demand for capital, and r* is the world rate of return.

zz 433

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

But I do a slight transformation of variables. With perfect capital mobility, and in the long run, we must have

r(1-t) = r*

where r is the domestic rate of return and t the corporate tax rate. But we can rearrange this to write

r = r* + tau

where tau = r*t/(1-t), and corresponds to the specific tax on capital – that is, the tax paid per unit of capital.

Doing this makes things linear: we can represent a small tax change as d tau , etc.

Now I’m ready for my closeup. In the figure, I show the small-open-economy-long-run (i.e., silly) results of a small corporate tax cut, which can be represented by the areas of the two shaded rectangles (the little white triangle is second-order and can be ignored). There is a direct revenue loss, which is also the wage gain, equal to the wide, short rectangle: K dtau. Some of this revenue loss is offset by taxes on the additional capital that comes in: dK tau.

How big these secondary effects are, and therefore the ratio of wage gains to revenue losses, obviously – obviously! – depends on how much capital comes in, which depends on the sensitivity of MPK to the quantity of capital – on the slope of the MPK curve. If it’s nearly vertical, as Brad notes, there is essentially no offset.

So the claim that only the initial tax rate matters can’t be right. How could anyone imagine otherwise? I guess it’s a case of a result too good to check.

As I said, none of this is what’s really wrong with Hassettnomics. But it’s a revealing moment.

 

La semplice e fuorviante analitica di uno sgravio fiscale sulle società (più per esperti)

Paul Krugman 

Tabella leggermente corretta

Probabilmente non dovrei sprecare il mio tempo su questo. Ma sembra che praticamente l’intero settore degli economisti conservatori più o meno rispettabili che sta intervenendo su questo tema abbia fatto un fondamentale errore algebrico/concettuale. In sé questo errore non è affatto fondamentale per il dibattito politico. Altri temi contano molto di più. In particolare le tasse sui profitti di monopolio, il fatto che gli Stati Uniti non siano una piccola economia aperta, e la quasi irrilevanza delle conclusioni dell’equilibrio di lungo periodo, dato il ritmo lento delle correzioni imposto dall’imperfetta integrazione dei mercati dei beni.

Ma probabilmente stiamo assistendo a qualcosa di simile al famoso errore di programmazione di Excel nel dibattito sull’austerità: non è tanto la sostanziale importanza dell’errore, quanto la prova che esso fornisce di un pensiero sciatto, di conclusioni adottate senza controllare, perché esse promuovono un’agenda politica.

In questo caso, dunque, la pretesa è che i vantaggi salariali derivanti da un taglio alle tasse sulle società siano superiori alla perdita di gettito fiscale che dipende soltanto dalla aliquota fiscale iniziale, e non affatto dal grado nel quale il capitale può essere sostituito dal lavoro, il che a sua volta (in questo modello) dovrebbe determinare quanto capitale aggiuntivo è attratto dal taglio fiscale. Questo sembra sbagliato, e in effetti lo è.

Continuo a pensare che il modo più chiaro per realizzarlo sia un semplice diagramma sul prodotto marginale del capitale. In questo caso MPK è il prodotto marginale del capitale, ovvero la domanda di capitale, e r* è il tasso di rendimento globale.

zz 433

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma faccio una leggera trasformazione delle variabili. Con una mobilità del capitale perfetta, e nel lungo periodo, dobbiamo avere

R(1-t) = r*

dove r è il tasso interno di rendimento e t l’aliquota fiscale sulle società. Ma possiamo rideterminarlo scrivendo

r = r* + tau

dove tau = r*t/(1-t), e corrisponde alla tassazione specifica sul capitale – ovvero, alla tassa pagata per unità di capitale.

Fare questo rende le cose lineari: possiamo rappresentare una piccola modifica alla tassa come d tau, etc.

Adesso sono pronto per il mio primo piano. Nella figura, mostro i risultati su una piccola-economia-aperta nel lungo periodo di un modesto sgravio fiscale sulle società (ovvero, una sciocchezza), che possono essere rappresentati dai due rettangoli sfumati (il piccolo rettangolo bianco è secondario e può essere ignorato). C’è una perdita diretta di entrate, che è anche il guadagno salariale, eguale al rettangolo largo e basso: K dtau. Una parte di questa perdita di entrate è bilanciata dal capitale aggiuntivo che interviene: dK tau.

Quanto siano grandi questi effetti secondari, e di conseguenza la percentuale degli incrementi salariali rispetto alle perdite di gettito, dipende ovviamente – ovviamente! – da quanto capitale viene attratto, che dipende dalla sensibilità di MPK alla quantità di capitale – dalla inclinazione della curva MPK. Se essa è quasi verticale, come osserva Brad DeLong, non c’è sostanzialmente bilanciamento.

Dunque, la pretesa che conti soltanto l’iniziale aliquota fiscale non può essere giusta. Come può qualcuno immaginare in modo diverso? Suppongo che si tratti di un caso di un risultato troppo buono da verificare.

Come ho detto, niente di tutto questo corrisponde a ciò che è davvero sbagliato nell’economia di Hassett. Ma è un passaggio rilevatore.

 

 

 

 

 

 

 

Un po’ di fuorviante geometria sulle tasse delle società (per esperti) (dal blog di Krugman, 21 ottobre 2017)

ottobre 27, 2017

 

Some Misleading Geometry on Corporate Taxes (Wonkish)

 OCTOBER 21, 2017 4:07

Paul Krugman 

zz 432

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1

I very much doubt that additional facts or analysis are going to matter much for the fate of the Trump tax cuts. It’s obvious to pretty much everyone – I suspect even those pushing the cuts – that they will confer huge benefits on the wealthy, do little if anything for the middle class, and greatly increase the deficit. Indeed, in some ways those are not only the likely results, but the goals: big benefits for the donor class, and future deficits that can be used to justify tearing new holes in the social safety net.

Still, there is a somewhat interesting discussion going on over the effects of corporate tax cuts in an open economy. This discussion is, however, made somewhat more confused – in my view – by putting it in the context of Ramsey models (for the uninitiated who ignored my warning and are still reading, these are models of optimal saving by immortal consumers.) Consumer saving doesn’t actually play the key role here; it’s all about international capital mobility and how it changes things.

And it seems to me that there’s a fairly simple geometric way to see where the optimistic view that cutting corporate taxes is great for wages comes from. Furthermore, once we have that picture straight, it becomes a lot easier to ask “What’s wrong with this picture?” (Answer: a lot).

So, envision a small open economy with a fixed labor force (because labor supply isn’t of the essence here) that can import from or export capital to the rest of the world. Let’s also ignore saving, which also isn’t of the essence: the stock of capital, we’ll assume, changes only through capital inflows or outflows.

Oh, and let’s provisionally assume perfect competition, so that factors of production are paid their marginal products.

Then we can represent the economy with Figure 1, which has the stock of capital on the horizontal axis and the rate of return on capital on the vertical axis. The curve MPK is the marginal product of capital, diminishing in the quantity of capital because of the fixed labor force. The area under MPK – the integral of the marginal products of successive units of capital – is the economy’s real GDP, its total output.

Initially we assume that the economy faces a given world rate of return r*. However, the government imposes a profits tax at a rate t, so that to achieve a post-tax return r* domestic capital must earn r*/(1-t). And in the initial equilibrium that requirement determines the size of the domestic capital stock.

We can read off the distribution of income in Figure 1 by looking at the areas of various rectangles. In the initial equilibrium real output is a+b+d. Of this, d is the after-tax return to capital, b is profit taxes, and a – the rest – is wages.

Now imagine eliminating the profits tax (we can also do a small cut, but that’s harder and this is already sufficiently wonky). In equilibrium, the capital stock rises by ∆K, and so does GDP, to a+b+c+d+e (of which, however, e is returns to foreign capital, so GNP doesn’t rise as much as GDP.) Profit taxes disappear: that’s a revenue loss of b. But wages rise to a+b+c, a gain of b+c – which is larger than the loss of revenue. Hurray for cutting corporate taxes!

OK, what’s wrong with this picture? Why shouldn’t we believe it? Four reasons I can think of.

First, a lot of what we tax with the corporate profits tax isn’t a return to capital; it’s monopoly profits and other kinds of rents. There is no reason to believe that these rents would be bid down by capital inflows, so the revenue loss on those taxes is just a revenue loss, not something shifted to wages.

Second, capital mobility is far from perfect.

Third, the US isn’t a small open economy – we can affect world rates of return. Between point #2 and this point, we surely face an upward-sloping supply curve of capital, which means that the wage gains from profit tax cuts are smaller.

Finally, a point I’ve been trying to make: what we’re showing here is long-run equilibrium, what happens after enough foreign capital has flowed in to equalize after-tax rates of return. How does that happen? You don’t roll factories across the border: capital inflows take place as the counterpart of trade deficits, which in turn have to be created by a temporarily overvalued real exchange rate.

And the kind of adjustment we’re talking about here would require moving a lot of capital, meaning very big trade deficits, meaning a strongly overvalued dollar, which would itself be a deterrent to capital inflows. So we’re talking about a slow process, taking place over many years. Long-run analysis is a very poor guide to the incidence of corporate taxes in any politically or policy-relevant time horizon. Over shorter horizons, you’d expect very little of the tax cut to be passed on to workers.

So that’s the story. As economic arguments go, it’s not even very hard.

 

Un po’ di fuorviante geometria sulle tasse delle società (per esperti)

Di Paul Krugman

zz 432

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1

Dubito davvero molto che fatti o analisi aggiuntive siano destinati a contare granché per il destino degli sgravi fiscali di Trump. È evidente per quasi tutti – sospetto persino per coloro che spingono per i tagli –  che essi porteranno grandi vantaggi ai ricchi, faranno poco se non nulla per le classi medie e aumenteranno grandemente il deficit. In effetti, da molti punti di vista questi non sono solo i probabili risultati, ma gli obbiettivi: grandi vantaggi per la categoria dei finanziatori della politica e deficit futuri che possono essere utilizzati per accelerare nuovi buchi nella rete della sicurezza sociale.

Eppure c’è qualcosa di interessante nel dibattito che va avanti sugli effetti dei tagli del fisco sulle società in un’economia aperta. Questo dibattito, tuttavia, secondo il mio punto di vista, viene condotto in un modo piuttosto più confuso collocandolo nel contesto dei modelli di Ramsey (per i non esperti che hanno ignorato la mia messa in guardia e continuano a leggere, questi sono modelli di risparmio ottimale da parte di consumatori eterni). In realtà, i risparmi dei consumatori non giocano qua un ruolo centrale; tutto è relativo alla mobilità internazionale dei capitali e a come essa cambia le cose.

E mi pare che ci sia un modo geometrico abbastanza semplice per vedere da cosa derivi il punto di vista ottimistico secondo il quale tagliare le tasse alle società è una gran cosa per i salari. Inoltre, una volta che abbiamo quel quadro in ordine, diventa molto più facile chiedersi “Cosa è sbagliato in questa rappresentazione?” (la risposta è: molto).

Dunque, consideriamo una piccola economia aperta con una forza lavoro fissa (perché l’offerta di lavoro in questo caso non è sostanziale) che può importare dal o esportare al resto del mondo capitali. Possiamo anche ignorare i risparmi, che anch’essi non sono la sostanza: lo stock di capitale, ipotizzeremo, cambia soltanto attraverso i flussi in ingresso e in uscita dei capitali.

Inoltre, assumiamo provvisoriamente una competizione perfetta, cosicché i fattori della produzione siano ripagati dai loro prodotti marginali.

Possiamo allora rappresentare l’economia con la Figura 1, che ha lo stock di capitale sull’asse orizzontale e il tasso di rendimento sul capitale sull’asse verticale. La curva MPK è il prodotto marginale del capitale, che si riduce nella quantità di capitale a causa della stabilità della forza lavoro. L’area al di sotto di MPK – l’integrale dei prodotti marginali delle successive unità di capitale – è il PIL reale dell’economia, il suo prodotto totale.

Assumiamo inizialmente che l’economia si misuri con un dato tasso di rendimento globale r*. Tuttavia il Governo impone una tassa sui profitti ad una aliquota t, in modo tale che per ottenere un rendimento dopo le tasse r*, il capitale nazionale deve guadagnare r*/(1-t). E nell’equilibrio iniziale questa condizione determina la dimensione dello stock di capitale interno.

Possiamo leggere la distribuzione del reddito nella Figura 1 osservando le aree dei vari rettangoli. Nell’equilibrio iniziale la produzione reale è a+b+d. Di questo, d è il rendimento del capitale dopo le tasse, b sono le tasse sui profitti e il restante a sono i salari.

Ora, immaginiamo di eliminare la tassa sui profitti (possiamo anche fare un piccolo taglio, ma è più difficile e questo quadro è già sufficientemente per esperti). In equilibrio lo stock di capitale cresce secondo ∆K, e lo stesso fa il PIL sino a a+b+c+d+e (del quale, tuttavia, e è il rendimento del capitale straniero, cosicché il PNL non cresce altrettanto del PIL). Le tasse sui profitti scompaiono: quella è la perdita di entrate di b. Ma i salari crescono a a+b+c, un guadagno di b+c – che è maggiore della perdita delle entrate. Evviva i tagli alle tasse sulle imprese!

Va bene, ma cosa c’è di sbagliato in questa rappresentazione? Perché non dovremmo crederci? Posso elencare quattro motivi.

Il primo, una buona parte di quello che tassiamo con la tassa sui profitti delle società non è rendimento del capitale; sono profitti di monopolio e altri tipi di rendite. Non c’è nessuna ragione per credere che queste rendite verrebbero inibite dai flussi di capitale, dunque la perdita di entrate su queste tasse è solo una perdita di entrate, non qualcosa che si sposta sui salari.

In secondo luogo, la mobilità dei capitali è lungi dall’essere perfetta.

In terzo luogo, gli Stati Uniti non sono una piccola economia aperta – noi possiamo influenzare i tassi di rendimento globali. Considerata questo punto e il punto 2, certamente siamo di fronte ad una curva dell’offerta di capitali tendente verso l’alto, il che significa che i vantaggi salariali dai tagli fiscali sui profitti sono minori.

Infine, un aspetto che ho cercato di segnalare: quello che qu stiamo mostrando è un equilibrio di lungo periodo, che avviene dopo che un sufficiente capitale straniero è affluito allo scopo di eguagliare i tassi di rendimento dopo le tasse. Come avviene ciò? Non si debbono spostare gli stabilimenti oltre il confine: i flussi di capitale hanno luogo come controparte dei deficit commerciali, il che a sua volta deve essere determinato da un tasso di cambio temporaneamente sopravvalutato.

E il genere di correzione di cui stiamo qua ragionando richiederebbe di muovere grandi quantità di capitali, comportando deficit commerciali molto elevati, un dollaro fortemente sopravvalutato, che per suo conto sarebbe un deterrente ai flussi di capitali. Stiamo dunque parlando di un processo lento, che ha luogo nel corso di molti anni. L’analisi di lungo periodo è una guida assai modesta ai fini dell’incidenza delle tasse sulle società in ogni orizzonte temporale della politica o rilevante per i programmi politici. Negli orizzonti più brevi, ci si dovrebbe attendere che una parte minima degli sgravi fiscali si trasferisca sui lavoratori.

Questa è dunque la storia. Per come procedono i temi dell’economia, non è neppure molto difficile.

 

 

 

 

 

 

Sussidi, dispetti e catene dell’offerta (dal blog di Krugman, 15 ottobre 2017)

ottobre 27, 2017

 

OCT 15 12:32 PM 

Subsidies, Spite, and Supply Chains

Paul Krugman

zz 431

 

 

 

 

 

 

 

 

As many people have been pointing out, Trump’s decision to cancel cost-sharing subsidies for health plans is a rare policy trifecta: it raises prices, reduces the number of people with insurance, and costs taxpayers money. Nor is there evidence of any political strategy worthy of the name. This is policy driven by sheer spite: Trump can’t get what he wants from Congress, so he’s going to punish innocent people.

There are many lessons to be drawn from this sorry spectacle, but here’s one point I haven’t seen people making: my estimation of the odds that Trump will blow up the North American Free Trade Agreement have just gone way up.

Until now, I’ve been fairly complacent about NAFTA’s fate. It’s not that I imagine that Trump, or for that matter any of his senior advisers, has any understanding of what NAFTA does or the foreign-policy implications of tearing it down. But I thought sheer interest-group pressure would keep the agreement mostly intact. Thirty years of US-Mexico economic integration — because the process began before NAFTA, with the big Salinas trade liberalization — have created a deeply integrated North American manufacturing system. The US imports a lot from Mexico, but it exports a lot too, and much of the trade is in intermediate goods — Mexican components assembled into U.S.-assembled cars, U.S. textiles used to produce Mexican garments, and so on.

Decades of investments, not to mention choices by workers about where to live and what skills to develop, have been based around the assumption that this system will continue. So breaking it up would be hugely disruptive, and the losers would include major industrial players who tend to have the ear of even Republican administrations. So I thought we’d likely get a few cosmetic changes to the agreement, allowing Trump to declare victory and walk away.

But look what just happened on health care. Never mind the millions who may lose coverage: Trump demonstrably doesn’t care about them. But his decision will also cost insurers and health care providers, the kind of people you might expect him to listen to, billions. And he did it anyway, evidently out of sheer spite — perhaps made more intense by his sense that his presidency is rapidly failing.

So is it safe to assume that he won’t screw over much of U.S. manufacturing in the same way? At this point, the answer has to be “no.”

Look, at this point reasonable people are worried, I think rightly, that Trump’s rage and spite might lead him to start a war. So why not worry that he’ll start a trade war instead (or as well)?

 

Sussidi, dispetti e catene dell’offerta,

di Paul Krugman

zz 431

 

 

 

 

 

 

 

 

[1]

Come molte persone hanno messo in evidenza, la decisione di Trump di cancellare i sussidi per la partecipazione ai costi dei programmi sanitari è una rara tripletta politica: alza i prezzi, riduce il numero degli assicurati e costa soldi ai contribuenti. Neanche c’è prova di una qualsiasi strategia politica degna di questo nome. Questa è una politica guidata da puri e semplici dispetti: Trump non può ottenere ciò che vuole dal Congresso e si appresta a punire persone innocenti.

Ci sono molte lezioni che si possono trarre da questo spiacevole spettacolo, ma c’è un aspetto che non ho visto segnalare: la mia stima sulle probabilità che Trump faccia saltare l’Accordo di Libero Commercio del Nord America è decisamente schizzata in alto.

Sino ad adesso, sono stato abbastanza ottimista sul destino del NAFTA. Non è che immaginassi che Trump, come del resto nessuno dei suoi consiglieri anziani, abbia una particolare comprensione della funzione del NAFTA o delle implicazioni di politica estera dell’abbatterlo. Ma pensavo che la pura e semplice spinta dei gruppi di interesse avrebbe lasciato intatto gran parte dell’accordo. Trent’anni di integrazione economica tra Stati Uniti e Messico – giacché il processo cominciò prima del NAFTA, con la grande liberalizzazione del commercio di Salinas – hanno creato un sistema manifatturiero nord-americano profondamente integrato. Gli Stati Uniti importano molto dal Messico, ma anche esportano molto, e molto del commercio è sui beni intermedi – componenti messicane assemblate negli Stati Uniti – autoveicoli assemblati, prodotti tessili statunitensi utilizzati per produrre indumenti messicani, e così via.

Decenni di investimenti, per non dire delle scelte dei lavoratori su dove vivere e su quali competenze sviluppare, si sono basati sull’assunto che questo sistema sarebbe continuato. Dunque interromperlo sarebbe largamente distruttivo, e tra i perdenti ci sarebbero protagonisti dell’industria che tendono ad esser ascoltati persino dalle Amministrazioni repubblicane. Dunque pensavo che avremmo probabilmente avuto alcune modifiche cosmetiche all’accordo, che consentissero a Trump di cantare vittoria e di mollare la presa.

Ma guardate che cosa è appena successo sulla assistenza sanitaria. Non sono importanti i milioni di persone che possono perdere la copertura assicurativa: è dimostrato che di loro Trump non si cura. Ma la sua decisione costerà miliardi anche agli assicuratori ed ai fornitori di assistenza sanitaria, il genere di persone che vi aspettereste che lui ascolti. E lo ha fatto comunque, evidentemente per puro e semplice dispetto – forse reso più intenso dalla sensazione che la sua Presidenza sia in caduta verticale.

Dunque, si può considerare con certezza che egli non vorrà fregare nello stesso modo gran parte del settore manifatturiero americano? A questo punto, la risposta deve essere negativa.

Si veda, al momento attuale persone ragionevoli sono preoccupate, penso giustamente, che la collera e il dispetto di Trump possano condurlo a avviare una guerra. Perché dunque non preoccuparsi che, invece, dia inizio ad una guerra commerciale (oppure, anche ad una guerra commerciale)?

 

 

 

[1] La tabella mostra gli andamenti del commercio statunitense con il Messico, importazioni ed esportazioni in percentuale del PIL.

 

 

 

 

 

Bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie (dal blog di Krugman, 14 ottobre 2017)

ottobre 26, 2017

 

Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies

OCTOBER 14, 2017 4:23 PM

Paul Krugman

Modern conservatives have been lying about taxes pretty much from the beginning of their movement. Made-up sob stories about family farms broken up to pay inheritance taxes, magical claims about self-financing tax cuts, and so on go all the way back to the 1970s. But the selling of tax cuts under Trump has taken things to a whole new level, both in terms of the brazenness of the lies and their sheer number. Both the depth and the breadth of the dishonesty make it hard even for those of us who do this for a living to keep track.

In fact, when I set out to make a list of the bigger lies, I thought there would be six or seven, and was surprised to come up with ten.

So I thought it might be useful, both for myself and for others, to put together a crib sheet: a fairly long-form description of ten big lies Trump and allies are telling, what they’ve said, and how we know that they are lies. I’m probably missing some stuff, and for all I know some new big lie will have been tweeted out by the time this is posted. But we do what we can. So here we go.

Lie #1: America is the most highly-taxed country in the world

This is a Trump special: he’s said it many, many times, most recently just this past week. Each time, fact-checkers have piled on to point out that it’s false. Here’s taxes as a percentage of GDP, from the OECD:

Taxes as % of GDPCredit OECD

zz 427

 

 

 

 

 

 

 

 

The blue bar is the US; the red bar the average for advanced countries.

Why does Trump keep repeating what even he has to know by now is a flat lie? I suspect it’s a power thing: he enjoys showing that he can lie repeatedly through his teeth, be caught red-handed in his lie again and again, and his followers will still believe him rather than the “fake news” media.

Lie #2: The estate tax is destroying farmers and truckers

Tales of struggling family farms disbanded because they can’t afford the taxes when the patriarch dies have flourished for decades, despite the absence of any examples. I don’t mean examples are rare: I mean that advocates of estate tax repeal haven’t been able to come up with a single example at least since the late 1970s, when exemption levels were raised to the equivalent of around $2 million in today’s dollars.

Lately Trump has added a new twist, portraying the estate tax as a terrible burden on hard-working truckers. For who among us doesn’t own an $11 million fleet of trucks?

The reality, as this graphic from the Center on Budget and Policy Priorities shows, is that only a small number of very large estates pay any tax at all, and only a tiny fraction of those tax-paying estates are small businesses or family farms:

zz 428

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In fact, since transportation and warehousing are only 3 percent of GDP and farming less than 1 percent, it seems quite possible that this year only 2 or 3 truckers and not a single farmer will pay any estate tax.

Lie #3: Taxation of pass-through entities is a burden on small business

Most businesses in the United States, at least for tax purposes, aren’t what we normally think of as corporations subject to profits taxes. Instead, they’re partnerships, sole proprietorships, and S corporations whose earnings are simply “passed through”: counted as part of their owners’ personal income and taxed accordingly.

Trump wants to change that, and let owners simply pay a  25 percent tax on the earnings of pass-through entities, with no further taxes owed. This is being billed as a reduction in the burden on hard-working small business owners.

But as the Tax Policy Center explains, many middle-income households who own pass-through entities aren’t running businesses; they generally derive only a small fraction of their income from these entities:

Rather, they may receive occasional income from the rental of a vacation home, or from the sale of odds and ends on eBay, that they report as business income.

High-income owners of such entities, by contrast, get a lot of money from them – but they’re not struggling small business people:

This high-income group is made up of doctors, lawyers, consultants, other professionals, and, at the very highest end, partners in hedge funds or other investment firms.

And these are, of course, the people who would gain massively from the Trump nelle loro socetà ‘pass-through’proposal. The vast majority of Americans are in a tax bracket of 15 percent or less, so even if they control a pass-through entity, the Trump tax break is worth nothing to them:

zz 429

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

High-income individuals, however, would gain a lot by paying 25 percent instead of the much higher rates they pay at the margin – 39.6 percent right now. And they’d also have a strong incentive to rearrange their affairs so that more of their income pops up in their pass-throughs. This wouldn’t be small-business creation; it wouldn’t add jobs; it would just be tax avoidance. That’s what happened when Kansas tried something similar, and played a big role in the state’s fiscal disaster.

So this isn’t a tax break for small business, it’s a tax break for, surprise, wealthy individuals.

Lie #4: Cutting profits taxes really benefits workers

Tax incidence is a headache-inducing subject at best, and my sense is that even the tax policy experts have gotten behind the curve in thinking through the implications of global capital markets for the subject. But I think there’s a way to cut through at least some of the confusion.

Think about what happens if you cut the taxes on corporate profits. The immediate impact is that (duh) corporations have more money. Why would they spend that extra money on hiring more workers or increasing their wages?

Not, surely, out of the goodness of their hearts – and not in response to worker demands, because these days nobody cares what workers think.

Now, they might be inclined to invest more, increasing the demand for labor and therefore raising wages indirectly while competing pre-tax profits down. But there are a couple of major slippages in this story.

First, a lot of corporate profits aren’t a return on physical capital and won’t be competed down if capital gets cheaper. Apple, Google, Microsoft, and others derive their profits from technological advantages, brand name, and market power; cutting the taxes on those profits just leaves their owners with more money.

Second, to raise wages a tax cut must raise the overall stock of capital, which means it must lead to higher total investment spending. Where does the money for that increase in investment come from? The tax cuts are unlikely to raise national saving.

The money might come from abroad, via capital inflows. But the flip side of those capital inflows would be a bigger trade deficit – hardly what the proponents of tax cuts are advertising – and in any case running trade deficits on the required scale is a much more problematic thing than people seem to realize. The dollar would have to rise sharply – and the strength of the dollar would itself deter foreign investment, very much slowing the process of wage rise.

So for an extended period – at least 5 years, probably much more — cutting profits taxes is good for owners of corporations. Workers, not so much.

Lie #5: Repatriating overseas profits will create jobs

For tax reasons, corporations hold a lot of money in overseas tax shelters. Tax cutters always claim that lower rates and/or an amnesty will bring that money home and create a lot of jobs.

So, first of all, there isn’t really a Scrooge McDuck-type pile of cash hidden overseas, ready to be put to work if the taxman will let it. Those overseas accounts are just an accounting device, which have very little real effect. Many of the companies with big overseas hoards also have plenty of idle cash at home; what’s holding them back is a lack of perceived opportunities, not cash flow. And even those who don’t have surplus cash can easily borrow at near-record low interest rates; remember, they can always use the overseas cash to secure their loans.

And we have solid empirical evidence here. In 2004 the U.S. enacted the Homeland Investment Act, which offered a tax holiday for repatriation of foreign earnings by U.S. multinationals. Careful study of its effects tells us that

Repatriations did not lead to an increase in domestic investment, employment or R&D — even for the firms that lobbied for the tax holiday stating these intentions and for firms that appeared to be financially constrained. Instead, a $1 increase in repatriations was associated with an increase of almost $1 in payouts to shareholders.

Lie #6: This is not a tax cut for the rich

Trump says it isn’t, so that’s that, right? Oh, wait.

Actually, if you look at the major provisions of the Unified Framework, the big items are (i) Cuts in corporate taxes (ii) Pass-through tax cut (iii) elimination of the estate tax (iv) cut in top marginal rate. All these strongly favor very high incomes – and everything else is small change. Hence the Tax Policy Center estimate:

zz 430

 

 

 

 

 

 

 

 

Administration flacks and defenders are accusing TPC of reaching conclusions without adequate information; but the administration is making lots of assertions about what its plan will do, with apparently no more information than the center. Furthermore, given the general shape of the plan there’s no way it can fail to be very much a gift to the already very rich.

Lie #7: It’s a big tax cut for the middle class

See Lie #6 above. All the big provisions benefit the rich, not the middle class. What’s left is mostly small change – and some of it, like ending deductibility of state and local taxes and other deductions, actually raises taxes on a substantial number of middle-class Americans.

In total, by 2027, according to TPC, 80 percent of the tax cut goes to the top 1 percent; only 12 percent to the middle three quintiles.

Lie #8: It won’t increase the deficit

OK, we’re looking at big cuts in corporate taxes, elimination of the estate tax, lower rates on high-income individuals, and a massive new tax-avoidance loophole. How can this not increase the budget deficit?

The only answer would be if the tax proposal eliminated vast swathes of the existing set of tax deductions, massively broadening the tax base. It doesn’t. The only even halfway biggish thing here is the state and local deductibility end – and that is already in very big political trouble. This is a multi-trillion-dollar budget buster, unless it summons up deep voodoo. But …

Lie #9: Cutting taxes will jump-start rapid growth

Insistence in the magical power of tax cuts is the ultimate zombie lie of U.S. policy discussion; nothing can kill it. And we know why: there’s a lot of money behind the proposition that great things will happen if you cut the donors’ taxes. It’s difficult to get a man to understand something when his salary depends on his not understanding it.

Still, for the record: Reagan cut taxes, and although his administration began with a terrible recession, there was a fast recovery thereafter. Some of us think Paul Volcker had more to do with both the recession and the recovery than anything coming from the White House; but in any case we have more evidence.

For Bill Clinton raised taxes, amid cries from the right that he would destroy the economy. Instead he presided over a boom that surpassed Reagan in every dimension. For what it’s worth, I don’t think this boom was Clinton’s doing. But it certainly refuted the proposition that cutting taxes is both necessary and sufficient for prosperity.

Then Bush the younger cut taxes, and there were many hosannahs about the “Bush boom.” What he actually got was a lackluster recovery, followed by an epic crash.

Finally, Obama inherited the aftermath of that crash, and despite scorched-earth opposition from Republicans the economy gradually clawed its way back. Then in 2013 Obama first raised taxes substantially, then implemented the Affordable Care Act, again amid cries of disaster from the right. The economy did fine.

Oh, and there were the recent state-level experiments. Sam Brownback slashed taxes in Kansas, promising an economic miracle; all he got was a fiscal crisis. Jerry Brown raised taxes in California, amid predictions of – you guessed it – disaster; the economy boomed, and the main problem is a housing shortage.

There is nothing, nothing at all, in this history that would make any open-minded person believe that the Trump tax plan will cause dramatically accelerated growth.

Lie #10: Tax cuts will pay for themselves

If tax cuts don’t generate an economic miracle, it’s hard for them to generate a revenue surge that makes up for lower rates. True, some hidden money may come out of the woodwork and show up as taxable income, even if GDP doesn’t rise. But this effect hasn’t historically been anywhere big enough to offset the direct losses from lower taxes. Reagan’s tax cuts led to deficits, Clinton’s tax hike to surpluses; Jerry Brown presided over California’s fiscal revitalization, Sam Brownback over a fiscal crisis that eventually prompted the legislature to overrule him and raise taxes again.

So there we are: ten big tax-cut lies. That was pretty exhausting, actually – and as I said, I’ve probably missed a few, and/or Trump will invent some new ones. But I hope this ends up being a useful reference.

 

Bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie.

 di Paul Krugman

I conservatori moderni hanno detto bugie sulle tasse praticamente dagli inizi del loro movimento. Inventando racconti strappalacrime sulle aziende agricole familiari rovinate dal pagamento delle tasse di successione, pretese magiche sugli sgravi fiscali che si autofinanziano, e via di seguito sin dai lontani anni ’70. Ma rivendere gli sgravi fiscali sotto Trump ha portato le cose ad un livello interamente nuovo, sia in termini di sfrontatezza delle bugie che nei numeri nudi e crudi. La profondità e l’ampiezza della disonestà la rende ardua persino per quelli tra noi che si guadagnano il pane da una vita per tenerne traccia.

Di fatto, quando ho stabilito di fare una lista delle bugie più grandi, pensavo ce ne fossero sei o sette, e sono rimasto sorpreso di arrivare a dieci.

Dunque ho pensato che poteva risultare utile, per me e per gli altri, metterle assieme in un fogliettino: una descrizione in forma abbastanza estesa delle dieci grandi bugie che Trump e soci vengono raccontando, e del perché sappiamo che si tratta di bugie. Probabilmente mi sto dimenticando qualcosa, e per quanto ne so alcune nuove grandi bugie saranno twittate nel tempo nel quale questo articolo viene pubblicato. Ma facciamo quello che si può. Dunque arriviamo sino a questo punto.

Bugia Numero 1: l’America è il paese maggiormente tassato al mondo.

Questa è una specialità di Trump: l’ha detta moltissime volte, più recentemente soltanto nella settimana scorsa. Ogni volta, coloro che controllano la veridicità delle affermazioni hanno accumulato le loro obiezioni che mettevano in evidenza la sua falsità. Ecco, da fonte OCSE, le tasse come percentuale dei PIL:

zz 427

 

 

 

 

 

 

 

 

Tasse come percentuale dei PIL

La riga blu è quella degli Stati Uniti; quella rossa è la media dei paesi avanzati.

Perché Trump continua a ripetere quello che persino lui a questo punto sa essere una completa menzogna? Io sospetto che sia una questione di potere: trae godimento dal dimostrare che può mentire a ripetizione sapendo di mentire, che può essere colto in flagrante in continuazione, e che i suoi seguaci continueranno a credere a lui anziché ai media delle “false notizie”.

Bugia Numero 2: la tassa sugli immobili sta distruggendo agricoltori e camionisti.

Racconti di aziende agricole familiari in difficoltà che vengono smembrate perché non possono permettersi di pagare le tasse quando muore il capofamiglia sono prosperati per decenni, nonostante l’assenza di qualsiasi esempio. Non voglio dire che gli esempi sono rari: voglio dire che i sostenitori della abrogazione della tassa di successione non sono stati capaci di venirsene fuori con un solo esempio almeno dagli ultimi anni ’70, quando i livelli di esenzione vennero portati all’equivalente di circa 2 milioni di dollari nel loro valore odierno.

Ultimamente Trump ha aggiunto un nuovo colpo di scena, dipingendo la tassa di successione come un peso terribile a carico dei camionisti che lavorano duramente. Perché chi tra di noi non possiede un parco di automezzi del valore di 11 milioni di dollari?

La realtà, come mostra questo grafico del Centro sulle Priorità del Bilancio e della Politica, è che soltanto un piccolo numero di molto grandi patrimoni immobiliari paga una qualche tassa, e soltanto una minuscola frazione di coloro che pagano le tasse sui patrimoni immobiliari sono piccole imprese o aziende agricole familiari:

zz 428

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[1]

Di fatto, dal momento che i trasporti e gli stoccaggi costituiscono soltanto il 3 per cento del PIL e l’agricoltura meno dell’1 per cento, sembra del tutto possibile che quest’anno soltanto 2 o 3 camionisti e neppure un singolo agricoltore pagheranno alcuna tassa patrimoniale.

Bugia Numero 3: la tassazione delle persone giuridiche che si trasferisce sulle persone fisiche [2] è un peso per le piccole imprese.

Gran parte delle imprese negli Stati Uniti, almeno per gli scopi fiscali, non sono quello che normalmente si intende per una società soggetta al pagamento delle tasse sui profitti. Sono piuttosto forme di collaborazione, possibili soltanto per le proprietà, e società di tipo S [3] i cui profitti sono semplicemente “trasferiti”: contabilizzati come parte del reddito personale dei loro proprietari e tassate di conseguenza.

Trump vuole cambiare, e consentire che i proprietari paghino semplicemente una tassa una tassa del 15/25 per cento sui profitti delle società “pass-through”, senza tasse ulteriori dovute. Questa viene pubblicizzata come una riduzione dell’onere sui proprietari delle piccole imprese che lavorano duramente.

Ma come spiega Tax Policy Center, molte famiglie di medio reddito che possiedono società “pass through” non gestiscono imprese; esse derivano generalmente soltanto una piccola quota del loro reddito da tali società giuridiche: piuttosto possono ricevere redditi occasionali dall’affitto di una casa per vacanze, o dalla vendita di piccole cose su eBay, che essi certificano come redditi di impresa.

I possessori di redditi elevati di tali società giuridiche, all’opposto, possono ricevere da esse grandi quantità di denaro, ma essi non sono persone di piccole imprese che fanno sacrifici: il gruppo degli alti redditi è composto da dottori, avvocati, consulenti, altri professionisti, e, alle estremità più elevate, da collaboratori degli ‘hedge fund’ o di altre imprese di investimenti.

E queste sono, naturalmente, le persone che guadagnerebbero massicciamente dalla proposta di Trump. La grande maggioranza degli americani sono in fasce di reddito fiscali del 15 per cento o meno, dunque, anche se controllano una società giuridica ‘pass-through’, gli sgravi fiscali di Trump per loro non hanno alcun valore:

zz 429

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli individui con alti redditi, tuttavia, guadagnerebbero molto pagando un 15/25 per cento, anziché le aliquote molto più alte che pagano al margine – in questo momento il 39,6 per cento. Ed essi avrebbero anche un forte incentivo a riorganizzare i loro affari in modo tale che una parte maggiore del loro reddito appaia nelle loro società ‘pass-through’. Non ci sarebbe creazione di piccole imprese e non si aggiungerebbero posti di lavoro: sarebbe soltanto elusione del fisco. È quello che è successo quando il Kansas ha provato qualcosa di simile, e ha giocato una grande ruolo nel disastro finanziario di quello Stato.

Dunque, non si tratta di uno sgravio fiscale sulle piccole imprese, è uno sgravio fiscale, sorpresa!, per le persone ricche.

Bugia Numero 4: il taglio alle tasse sui profitti è davvero un vantaggio per i lavoratori.

Nel migliore dei casi l’incidenza del fisco è un tema che provoca mal di testa, e la mia sensazione è che persino gli esperti di politica fiscale siano rimasti indietro nel riflettere su quel tema nei termini dei mercati globali dei capitali. Ma penso ci sia un modo per eliminare almeno in parte la confusione.

Si pensi a quello che accade quando si tagliano le tasse sui profitti delle società. L’impatto immediato è che quelle (diciamo così) società hanno più soldi. Perché dovrebbero spendere quei soldi aggiuntivi per assumere più lavoratori o aumentare i loro salari?

Certamente, non per la loro bontà – e non in risposta alle richieste dei lavoratori, perché di questi tempi nessuno si cura di cosa pensano i lavoratori.

Ora, esse potrebbero essere tentate di investire maggiormente, aumentando la domanda di lavoro e quindi elevando indirettamente i salari mentre competono per abbassare i profitti prima delle tasse. Ma in questo racconto ci sono un paio di importanti inconvenienti.

Il primo, molti dei profitti delle società non sono un rendimento del capitale fisico e non ci sarà competizione al ribasso se il capitale diventa più conveniente. Apple, Google, Microsoft ed altri derivano i loro profitti dai vantaggi della tecnologia, dal nome del marchio e dal potere sul mercato; tagliare le tasse su quei profitti lascia soltanto più soldi in mano ai proprietari.

In secondo luogo, per elevare i salari un taglio delle tasse deve elevare lo stock complessivo di capitale, il che significa che deve condurre ad una spesa più alta di investimenti. Da dove vengono quei soldi per tale aumento degli investimenti? Gli sgravi fiscali è improbabile che innalzino il risparmio nazionale.

Il denaro potrebbe venire dall’estero, attraverso i flussi dei capitali. Ma l’altra faccia di quei flussi di capitali sarebbe un deficit commerciale maggiore – e in ogni caso gestire deficit commerciali della dimensione richiesta è una cosa molto più problematica di quanto la gente sembra comprendere. Il dollaro si rivaluterebbe bruscamente – e la forza del dollaro di per sé scoraggerebbe investimenti stranieri, rallentando di molto il processo degli aumenti di salario.

Per un periodo prolungato – almeno cinque anni, forse molto di più – tagliare le tasse sui profitti è una buona soluzione per i proprietari delle società. Non altrettanto per i lavoratori.

Bugia Numero 5: rimpatriar i profitti dall’estero creerà posti di lavoro.

Per ragioni fiscali, le società detengono grandi quantità di denaro nei rifugi fiscali all’estero. Coloro che si propongono di tagliare le tasse argomentano sempre che aliquote più basse e/o un’amnistia riporterebbero in patria denaro e creerebbero grandi quantità di posti di lavoro.

Dunque, prima di tutto, in realtà non ci sono pile di contanti del genere di quelle di Scrooge o di Paperone nascoste all’estero, pronte ad essere messe al lavoro se gli uomini del fisco lo consentiranno. Queste contabilità estere sono solo degli espedienti, che hanno effetti reali molto modesti. Molte delle società con grandi scorte di denaro all’estero hanno anche grandi quantità di contante inutilizzato all’interno; quello che li trattiene dal portarli indietro è una mancanza di opportunità percepite, non flussi di cassa. E persino coloro che non hanno avanzo di contante possono facilmente prenderli a prestito a tassi di interesse ai minimi storici; si ricordi che essi possono sempre utilizzare il contante all’estero per assicurare i loro prestiti.

E in questo caso abbiamo solide prove empiriche. Nel 2004 gli Stati Uniti approvarono la Legge sugli Investimenti in Patria, che offriva una sospensione fiscale per il rimpatrio di profitti all’estero da parte delle multinazionali statunitensi. Uno studio scrupoloso dei suoi effetti ci dice che i rimpatri non portarono ad un aumento di investimenti nazionali, in occupazione e in Ricerca&Sviluppo – persino le imprese che fecero attività lobbistica per la sospensione del fisco che dichiararono queste intenzioni e le imprese che sembravano essere costrette da ragioni finanziarie. Invece, ad un dollaro di rimpatri corrispose un aumento di quasi un dollaro di pagamenti agli azionisti.

Bugia Numero 6: questi non sono tagli fiscali per i ricchi.

Trump dice che non è così, dunque punto e basta. Ma aspettate.

Per la verità, se si guarda ai dati forniti della Schema Unificato, le voci principali sono: (i) tagli nelle tasse delle società, (ii) sgravi fiscali nel settore delle ‘pass-through’; (iii) eliminazione delle tasse sul patrimonio; (iv) tagli sull’aliquota marginale più alta. Tutte queste favoriscono fortemente i redditi molto elevati – e tutto il resto sono piccoli cambiamenti. Da ciò la stima di Tax Policy Center:

zz 430

 

 

 

 

 

 

 

 

[4]

Gli addetti stampa e coloro che sostengono l’Amministrazione stanno accusando Tax Policy Center di pervenire a conclusioni senza adeguate informazioni; ma l’Amministrazione sta avanzando una gran quantità di giudizi su quello che provocherà il suo piano, in apparenza senza nessuna informazione in più di quelle del Centro. Inoltre, data l’impostazione generale del piano, non c’è alcuna possibilità che esso non si risolva in modo preponderante in un regalo per coloro che sono già ricchissimi.

Bugia Numero 7: è un grande sgravio fiscale per le classi medie.

Si torni alla Bugia Numero 6. Tutte le grandi misure vanno a beneficio dei ricchi, non delle classi medie. Quello che resta sono soprattutto modifiche minime – e alcune di esse, come la fine della deducibilità delle tasse degli Stati e locali ed altre deduzioni, effettivamente aumenta le tasse su una quota sostanziale di americani delle classi medie.

In totale, secondo il TPC, con il 2027 l’80 per cento degli sgravi fiscali va all’1 per cento dei più ricchi; soltanto il 12 per cento ai tre quintili intermedi.

Bugia Numero 8: non aumenterà il deficit.

Siamo seri: stiamo osservando grandi tagli nelle tasse sulle società, l’eliminazione delle tasse sui patrimoni, aliquote più basse sugli individui con redditi elevati, e una scappatoia per nuove elusioni del fisco. Come è possibile che tutto questo non aumenti il deficit del bilancio?

L’unica risposta sarebbe se la proposta fiscale eliminasse vasti varchi del complesso in essere di deduzioni fiscali, aumentando massicciamente la base dell’imponibile fiscale. Non è così. In questo caso, la sola cosa peraltro mediocremente piuttosto rilevante è la fine della deducibilità delle tasse degli Stati e delle comunità locali – e quella è già in guai politici assai grandi. Questo è un colpo al bilancio di molte migliaia di miliardi di dollari, a meno che non si voglia riportare a galla l’economa magica del profondo voodoo. Ma …

Bugia Numero 9: tagliare le tasse darà un nuovo impulso ad una crescita rapida.

L’insistenza sul potere magico degli sgravi fiscali è la bugia zombie decisiva del dibattito politico statunitense: nessuno può sopprimerla. E sappiamo perché: c’è una grande quantità di soldi dietro l’idea che accadranno grandi cose se si tagliano le tasse ai finanziatori della politica. È difficile ottenere che un uomo capisca una qualunque cosa, quando il suo salario dipende dal non capirla.

Eppure, per memoria: Reagan tagliò le tasse, e sebbene la sua Amministrazione cominciò con una terribile recessione, ci fu successivamente una rapida ripresa. Alcuni di noi pensano che Paul Volcker abbia avuto a che fare sia con la recessione che con la ripresa molto di più di tutto quello che proveniva dalla Casa Bianca; ma in ogni caso abbiamo maggiori testimonianze.

Perché Bill Clinton alzò le tasse, in mezzo agli strepiti della destra secondo i quali avrebbe distrutto l’economia. Invece egli fu Presidente nel corso di una espansione che superò Reagan da ogni punto di vista. Per quello che può valere, io non penso che quella espansione fosse opera di Clinton. Ma egli certamente confutò l’idea che tagliare le tasse sia necessario e sufficiente per la prosperità. Poi Bush figlio tagliò le tasse, e ci fu molta esaltazione per il “boom di Bush”. Quello che effettivamente avemmo fu una ripresa fiacca, seguita da un tracollo epico.

Infine, Obama ereditò le conseguenze di quel tracollo, e nonostante l’opposizione da terra bruciata dei repubblicani, l’economia gradualmente recuperò il suo passo. Poi nel 2013 Obama anzitutto alzò le tasse in modo sostanziale, poi mese in pratica la Legge sulla Assistenza Sostenibile, ancora nel mezzo di strepiti sul disastro da parte della destra. L’economia reagì bene.

Infine, ci sono stati i recenti esperimenti al livello degli Stati. Sam Brownback ha tagliato le tasse nel Kansas, promettendo un miracolo economico; tutto quello che ha ottenuto è stata una crisi delle finanze pubbliche. Jerry Brown ha elevato le tasse in California, in mezzo – come vi potete immaginare – a previsioni di disastro; l’economia ha fatto un salto, e il principale problema è una mancanza di alloggi [5].

In questa storia non c’è niente, assolutamente niente, che porterebbe una persona non dogmatica a credere che il piano fiscale di Trump possa provocare una crescita spettacolarmente accelerata.

Bugia Numero 10: gli sgravi fiscali si ripagheranno da soli.

Se gli sgravi fiscali non generano un miracolo economico, è difficile che essi generino una crescita delle entrate che rimedi ad aliquote più basse. È vero, un po’ di soldi nascosti possono saltar fuori e mettere in evidenza un reddito tassabile, anche se il PIL non cresce. Ma storicamente questo effetto non è stato da nessuna parte abbastanza grande da bilanciare le perdite dirette derivanti da tasse più basse. Gli sgravi fiscali di Reagan portarono ai deficit, i rialzi delle tasse di Clinton ai surplus; Jerry Brown ha governato una rivitalizzazione della finanza pubblica della California, Sam Brownback una crisi della finanza pubblica che alla fine ha indotto i legislatori a decidere contro di lui e ad alzare nuovamente le tasse.

Dunque siamo a questo punto: dieci grandi bugie sugli sgravi fiscali. Effettivamente, un quadro abbastanza esauriente – e come ho detto, probabilmente ne ho dimenticati alcuni, e/o Trump ne inventerà di nuovi. Ma spero che alla fine questo diventi un riferimento utile.

 

 

 

[1] La Tabella spiega che quest’anno soltanto 50 piccole imprese pagheranno una tassa patrimoniale. Si tratterà di 5.200 patrimoni sui 2 milioni e 700 mila patrimoni della nazione, pari allo 0,2 per cento del totale. La ragione di tale percentuale minuscola è che con il tempo i patrimoni di valore piccolo e medio sono stati esentati.

[2] Una “pass-through entity” (oppure “flow-through entity”) è una persona giuridica nella quale il reddito fluisce agli investitori o ai proprietari, che dunque pagano le tasse in una unica soluzione e non distintamente come persone fisiche e come società.

[3] È una categoria della legislazione fiscale americana.

[4] La tabella mostra le previsioni del Tax Policy Center sugli effetti del piano di Trump per il prossimo anno e per la fine del prossimo decennio. Come si vede per i redditi bassi e medi (i primi sei quintili) le differenze saranno minime, inferiori all’1 per cento (quando non saranno negative, nel corso del decennio), mentre per i redditi più elevati – in particolare per l’1 per cento dei più ricchi – ci saranno modifiche favorevoli dell’ordine del 10 per cento.

[5] Sam Brownback è il Governatore repubblicano del Kansas: convintissimo sostenitore dell’idea del cosiddetto “trickle-down” – ovvero degli effetti a cascata degli sgravi fiscali sui più ricchi – alla fine è stato contraddetto da parte dei suoi stessi colleghi di Partito, quando lo Stato è finito in una aperta crisi finanziaria. Jerry Brown è invece Governatore democratico della California; partita da condizioni molto problematiche, la California è poi entrata in una tendenza assai positiva.

 

 

 

 

 

Porto Rico, Trump e le tasse (dal blog di Krugman, 11 ottobre 2017)

ottobre 26, 2017

 

OCT 11 8:34 AM

Puerto Rico, Trump and Taxes

Paul Krugman

Brad Setser has a really interesting post on Puerto Rico’s balance of payments – unlike states, the territory keeps track of exports and imports both to the U.S. mainland and the rest of the world. As it happens, his analysis bears pretty much directly on Howard Gleckman’s critique of Kevin Hassett’s disgraceful performance at the Tax Policy Center.

As Setser notes, Puerto Rico used to be a major tax haven for manufacturing corporations. Much of this tax advantage has now ended, but its legacy is still visible in trade statistics. Specifically, PR runs, on paper, a huge trade surplus in pharmaceuticals – $30 billion a year, almost half the island’s GNP. Yes, “N” not “D” – very important in this case, as in Ireland.

But the pharma surplus is basically a phantom, driven by transfer pricing: pharma subsidiaries in Ireland charge themselves low prices on inputs they buy from their overseas subsidiaries, package them, then charge themselves high prices on the medicine they sell to, yes, their overseas subsidiaries. The result is that measured profits pop up in Puerto Rico – profits that are then paid out in investment income to non-PR residents. So this trade surplus does nothing for PR jobs or income.

What does this have to do with Hassett? Well, he told TPC – while insulting the institution and impugning its integrity – that transfer pricing driven by high nominal US corporate taxes is responsible for half the U.S. trade deficit, and that cutting these taxes would therefore be a big job creator. Never mind whether his estimate is right: even if it were, as Gleckman says, changing the transfer pricing would affect the accounting, but nothing real. It would be exactly like Puerto Rico’s pharma surplus: a phantom improvement, statistically impressive to the uninformed but signifying nothing.

 

Porto Rico, Trump e le tasse

di Paul Krugman

Brad Setser pubblica un post davvero interessante sulla bilancia dei pagamenti di Porto Rico – diversamente dagli altri Stati, quel territorio continua a tener traccia delle esportazioni e delle importazioni sia con la casa madre degli Stati Uniti che con il resto del mondo. Si dà il caso che la sua analisi si fondi abbastanza direttamente sulla critica di Howard Gleckman della prestazione disgraziata di Kevin Hassett al Tax Policy Center.

Come osserva Setser, Porto Rico era solito costituire un importante rifugio fiscale per le imprese manifatturiere. Buona parte di quel vantaggio fiscale è adesso terminata, ma la sua eredità è ancora visibile nelle statistiche commerciali. In particolare, Porto Rico gestisce, sulla carta, un vasto avanzo commerciale sui prodotti farmaceutici – 30 miliardi di dollari all’anno, quasi la metà del Prodotto Nazionale Lordo dell’isola. Sì, Prodotto Nazionale e non Prodotto Interno [1] – in questo caso la differenza è molto importante, come in Irlanda.

Ma il surplus farmaceutico è fondamentalmente un fantasma, provocato dal prezzo dei trasferimenti: le imprese sussidiarie farmaceutiche in Irlanda caricano su di sé i bassi prezzi sugli apporti che acquistano dalle loro sussidiarie oltreoceano, li impacchettano, poi caricano esse stesse alti prezzi sulle medicine che rivendono proprio alle loro sussidiarie oltreoceano. Il risultato è che i profitti accertati emergono a Porto Rico – profitti che vengono pagati in reddito di investimenti ai non residenti in Porto Rico. Dunque, questo avanzo commerciale non produce niente per i posti di lavoro i redditi di Porto Rico.

Che cosa ha a che fare tutto questo con Hasset? Ebbene, egli ha detto al Tax Policy Center – in mezzo a insulti a quell’Istituto e a obiezioni alla sua integrità morale – che il prezzo dei trasferimenti spinto da alte tasse nominali delle società statunitensi è responsabile per la metà del deficit commerciale, e che tagliare quelle tasse sarebbe di conseguenza una grande creazione di posti di lavoro. Non importa se questa stima sia giusta: anche se lo fosse, come dice Gleckman, modificare i prezzi di trasferimento influenzerebbe la contabilità, non la realtà. Sarebbe esattamente come l’avanzo sui prodotti farmaceutici: un miglioramento fantasma, statisticamente impressionante per coloro che non sono informati, ma di nessun significato.

 

 

 

[1] Il PNL è pari al PIL (il valore dei beni e servizi prodotti in un paese), più i flussi provenienti dagli asset all’estero dei cittadini di quel paese.

 

 

 

 

 

Il problema del trasferimento e l’incidenza del fisco (follemente per esperti) (dal blog di Krugman, 5 ottobre 2017)

ottobre 20, 2017

 

The Transfer Problem and Tax Incidence (Insanely Wonkish)

 OCTOBER 5, 2017 7:25 PM 

Paul Krugman

These days, what passes for policymaking in America manages to be simultaneously farcical and sinister, and the evil-clown aspects extend into the oddest places. Hence the tale of the Mnuchin Treasury’s incompetent attempt to suppress an internal analysis – to send it down the mnemory hole? — on the incidence of corporate taxation. This paper reached the inconvenient conclusion that most of the tax stays where it’s applied – with the owners of corporate capital – with only a small share falling indirectly on workers. In general, attempts to suppress stuff like this fail thanks to leaks. But in this case the paper has already been published in a peer-reviewed journal, so that even if the Treasury were locked down tight everyone could read it anyway.

But let’s leave that story on one side; I want to talk a bit about the actual economics of corporate tax incidence. This is not usually my subject, but there’s an intersection with international economics that seems relevant, and which – as far as I can tell, although I’m not as familiar as I should be with the literature – isn’t being appreciated in the current discussion. Specifically: while global capital markets should tend to equalize after-tax rates of return in the long run, the imperfect integration of goods markets implies that the long run is pretty darn long – not enough for us to be all dead, but long enough that return equalization should take decades.

Oh, and a warning: I try to tell readers when something is going to be wonkish and incomprehensible, but this is going to be really, really, really wonkish and incomprehensible, unless you spent years doing perfect-foresight dynamic models. Actually, maybe this is being written for Olivier Blanchard and three or four other people. Whatever.

Anyway, to set the stage: this whole literature goes back to Harberger, who envisaged a closed economy with a fixed stock of capital. He showed that in such an economy a tax on profits would fall on capital, basically because the supply of capital is inelastic.

The modern counterargument is that we now live in a world of internationally mobile capital; this means that for any individual country the supply of capital, far from being fixed, is highly elastic, because capital can move in or out. In fact, for a small economy facing perfect capital markets, the elasticity of capital supply is infinite. This means that the after-tax return on capital is fixed, so any changes in corporate tax rates must fall on other factors, i.e. labor.

Most analysis of tax incidence nonetheless allocates only a small fraction of the corporate tax to labor, for three reasons.

First, a lot of corporate profits aren’t a return to capital: they’re rents on monopoly power, brand value, technological advantages, and so on. Inflows of capital won’t compete those profits away, so the international capital market isn’t relevant to the incidence of taxes on those profits.

Second, America isn’t a small country. We are, instead, big enough to have a strong effect on worldwide rates of return.

Third, imperfect integration of both capital and goods markets is a reality. Rates of return probably aren’t equalized even in the long run; anyway, if a corporate tax cut brings in more capital, this will drive down the relative price of US products, which will limit the return on additional capital and hence keep workers from getting the full benefit of the tax cut.

I’m fine with all that. But I think it’s also important to ask exactly how inflows of capital that equalize rates of return are supposed to happen. Once you ask that question, you see that long run analysis may not be good enough for policy purposes.

Suppose the US were to cut corporate tax rates. This would initially raise the after-tax rate of return on capital, which would provide an incentive for foreign capital (or overseas assets of US firms) to move into the country. This would, in turn, drive the after-tax rate of return back down. How would it do this? By increasing the U.S. capital stock, reducing the marginal product of capital (and raising that of labor).

But how would the capital stock be increased? One does not simply  unbolt machines in other countries from the floor and roll them into America the next week. What we’re talking about is a process in which U.S. investment exceeds U.S. savings – that is, we run current account deficits – which increases our capital stock over time.

There’s an immediate irony here: the rhetoric calling for corporate tax cuts is all about “competitiveness”, yet the initial impact would be bigger trade deficits. But never mind that: think about what it takes to have a bigger trade deficit.

I’ve spent three decades pointing out the fallacy of the doctrine of immaculate transfer – the notion that international flows of capital translate directly into trade imbalances. Exporters and importers don’t know or care about S-I; they respond to signals from prices and costs. A capital inflow creates a trade deficit by driving up the real exchange rate, making your goods and services less competitive. And because markets for goods and services are still very imperfectly integrated – most of GDP isn’t tradable at all – it takes large signals, big moves in the real exchange rate, to cause significant changes in the current account balance.

So, a U.S. corporate tax cut should lead to a stronger dollar, which affects the current account deficit that is the counterpart of an inflow of capital. But how much stronger does the dollar get? The answer, familiar to international macroeconomists, is that the dollar rises above its long-run expected value, so that people expect it to decline in the future – and the extent of the rise is determined by how high the dollar has to go so that expected depreciation outweighs the rise in after-tax returns compared with other countries.

The point is that the knowledge that we’re looking at a one-time adjustment limits how high the dollar can go, which limits the size of the current account deficit, which limits the rate at which the U.S. capital stock can expand, which slows the process of return equalization. So the long run in which returns are equalized can be quite long indeed.

Suppose we assume rational expectations. (I know, I know – but for a benchmark it may be useful.) Then we can think of the adjustment process I’m describing as a little dynamic system in e, the exchange rate, and K, the capital stock. High K means a low rate of return compared with r*, the foreign rate of return, so e must be rising. High e means large trade deficits. The phase diagram looks like this:

zz 426

 

 

 

 

 

 

 

 

 

where the saddle path is the unique path along which expectations about the future exchange rate are fulfilled. You can solve for that path by linearizing around a steady state; the solutions to that system have two roots, one negative, one positive, and the negative root tells you the rate of convergence along the saddle path.

At any given time the capital stock K is given; the exchange rate e jumps to put the system on the saddle path, and then it converges over time to the long run equilibrium.

So the story of a corporate tax cut is as follows: initially we’re at a point like A. Then the tax cut raises the long-run equilibrium capital stock. But it takes time to get there: first we get a currency appreciation, as shown by the jump from A to B, and then over time we converge to C.

The question is, how fast is this convergence? And we do have enough information to put in some stylized-fact numbers. I assume Cobb-Douglas production, with a capital share of 0.3. The capital-output ratio is about 3, implying an initial rate of return of 0.1. And the modelers at the Fed tell us that the impact of the exchange rate on net exports is about 0.15 – that is, a 10 percent rise in the dollar widens the trade deficit by about 1.5 percent of GDP.

When I plug these numbers in, assuming I’ve done the algebra right, I get a rate of convergence of .059 – that is, about 6 percent of the deviation from the long run eliminated each year. That’s pretty slow: it will take a dozen years to achieve even half the adjustment to the long run.

What this says to me is that openness to world capital markets makes a lot less difference to tax incidence than people seem to think in the short run, and even in the medium run. If you’re trying to assess the effects of tax policies over the next decade, a closed-economy analysis is probably closer to the truth than one that assumes instant equalization of returns across nations.

 

Il problema del trasferimento e l’incidenza del fisco (follemente per esperti)

 di Paul Krugman

Di questi tempi, ciò che passa per azione politica in America riesce ad essere nello stesso momento farsesco e sinistro, e il clown malvagio ci si aspetta che si manifesti nei posti più diversi.

Ne consegue il racconto del tentativo incompetente del Segretario al Tesoro Mnuchin di sopprimere una analisi interna sull’incidenza della tassa sulle società (per rinchiuderla in un buco della ‘mnemoria’) [1]? Questo saggio ha raggiunto la scomoda conclusione che la gran parte delle tasse stanno dove sono applicate – con i possessori del capitale societario – con solo una piccola quota che ricade indirettamente sui lavoratori. In generale, i tentativi di sopprimere cose come questa falliscono grazie a fughe di notizie. Ma in questo caso il saggio è già stato pubblicato su una pubblicazione scientifica, cosicché persino se il Tesoro fosse strettamente blindato, ognuno poteva comunque leggerlo.

Ma lasciamo stare quella storia; voglio parlare un po’ della effettiva economia della incidenza delle tasse delle società. Solitamente non è il mio tema, ma c’è una connessione con l’economia internazionale che sembra rilevante, e che – per quanto posso dire, sebbene non sia così familiare come dovrei essere con la letteratura di settore – non viene apprezzata nel dibattito in corso. In particolare: mentre i mercati globali dei capitali dovrebbero tendere nel lungo periodo ad omogeneizzare i tassi di rendimento dopo le tasse, l’integrazione imperfetta dei mercati dei prodotti implica che il lungo periodo è per davvero piuttosto lungo – non abbastanza perché si sia tutti morti, ma lungo abbastanza perché l’omogeneizzazione dovrebbe prendere decenni.

Inoltre, una messa in guardia: io cerco di avvertire i lettori quando qualcosa è destinato ad essere difficile e incomprensibile, ma questo post è destinato ad essere enormemente difficile e incomprensibile, se non si sono spesi anni a realizzare modelli dinamici di perfetta previsione. In realtà, forse lo sto scrivendo per Olivier Blanchard ed altre tre o quattro persone. Pazienza.

In ogni modo, fissiamo la scena: tutta la letteratura risale sino a Harberger, che si immaginava un’economia chiusa con uno stock di capitali fisso. Egli dimostrava che in una tale economia una tassa sui profitti sarebbe ricaduta sul capitale, fondamentalmente perché l’offerta di capitale è anelastica.

L’attuale obiezione è che adesso viviamo in un mondo di capitali mobile su scala internazionale; questo comporta che per ogni paese singolo l’offerta di capitale, lungi dall’essere fissa, è altamente elastica, giacché il capitale può entrare o uscire. Di fatto, per una piccola economia che si misura con mercati di capitali perfetti, l’elasticità dell’offerta di capitale è infinita. Questo comporta che il rendimento del capitale dopo le tasse è fisso, cosicché ogni cambiamento nelle aliquote fiscali societarie si scarica su altri fattori, ad esempio sul lavoro.

Cionondimeno, la maggioranza delle analisi sull’incidenza del fisco alloca soltanto una piccola frazione delle tasse delle società sul lavoro, per tre ragioni. La prima, gran parte dei profitti delle società non sono rendimenti del capitale: sono rendite sul potere di monopolio, valore dei marchi, progressi tecnologici e così via. I flussi di capitale non sono in concorrenza con quei profitti, dunque il mercato internazionale del capitale non è rilevante quanto all’incidenza del fisco su quei profitti.

La seconda, l’America non è un piccolo paese. Siamo abbastanza grandi, invece, da avere un forte effetto sui tassi di rendimento mondiali.

La terza, l’integrazione imperfetta sia dei mercati dei capitali che dei beni è una realtà. I tassi di rendimento probabilmente non saranno omogeneizzati neppure nel lungo termine; in ogni modo, se un taglio sulle tasse delle società introduce maggiore capitale, questo spingerà in basso i prezzi relativi dei prodotti statunitensi, e di conseguenza impedirà ai lavoratori di godere il pieno beneficio di quegli sgravi fiscali.

Con tutto questo sono d’accordo. Ma penso sia anche importante chiedersi come si ritiene che avvenga esattamente che i flussi di capitale omogeinizzino i tassi di rendimento. Una volta che vi ponete quella domanda, vi rendete conto che l’analisi di lungo periodo può non essere sufficientemente adatta per i propositi della politica.

Si supponga che gli Stati Uniti debbano tagliare le aliquote fiscali delle società. Questo inizialmente innalzerebbe le aliquote fiscali sui rendimenti del capitale, il che fornirebbe un incentivo ai capitali stranieri. Come avverrebbe?  Aumentando lo stock di capitale degli Stati Uniti e riducendo il prodotto marginale del capitale (ed elevando quello del lavoro).

Ma come sarebbe aumentato lo stock di capitale? Nessuno entra facilmente in Mordor [2] sbullona facilmente dal pavimento le macchine in altri paesi e le fa rotolare in America la settimana successiva. Quello di cui stiamo parlando è un processo nel quale gli investimenti degli Stati Uniti eccedono i risparmi di quel paese – vale a dire che noi amministriamo deficit di conto corrente – che nel corso del tempo incrementano il nostro stock di capitale.

In questo c’è anzitutto un aspetto ironico: la retorica che si pronuncia per sgravi fiscali sulle società riguarda tutta “la competitività”, però l’impatto iniziale sarebbero deficit commerciali maggiori. Ma non è quello l’aspetto importante: si pensi che cosa si richiede per avere un deficit commerciale più grande.

Ho speso tre decenni per sottolineare l’erroneità della dottrina dell’immacolato trasferimento [3] – il concetto che i flussi internazionali dei capitali si traducono direttamente in squilibri commerciali. Gli esportatori e gli importatori non conoscono e non si curano del rapporto tra risparmi ed investimenti; rispondono ai segnali che provengono dai prezzi e dai costi. E poiché i mercati per i beni e i servizi sono ancora integrati molto imperfettamente – gran parte del PIL non è affatto commerciabile – servono ampi segnali, grandi movimenti nel tasso di cambio reale, per provocare modifiche significative nell’equilibrio del conto corrente.

Dunque, un taglio alle tasse sulle società dovrebbe portare ad un dollaro più forte, che influenza il deficit di conto corrente che è la controparte di un flusso di capitali. Ma come diventa il dollaro molto più forte? La risposta, familiare agli esperti di macroeconomia internazionale, è che il dollaro cresce oltre il suo valore atteso di lungo periodo, cosicché la gente si aspetta che esso cali nel futuro – e la misura della crescita è determinata da quanto il dollaro deve salire in modo tale che l’attesa svalutazione bilanci la crescita nei rendimenti dopo le tasse al confronto con gli altri paesi.

Il punto è che la conoscenza di una correzione irripetibile che stiamo osservando limita il livello al quale il dollaro può arrivare, il che limita la dimensione del deficit di conto corrente, il che limita il tasso al quale lo stock di capitale degli Stati Uniti può espandersi, il che rallenta il processo di omogeneizzazione dei rendimenti. Dunque, il lungo periodo nel quale i rendimenti sono omogeneizzati può essere in effetti abbastanza lungo.

Supponiamo di assumere un contesto di aspettative razionali (so che non è così – ma come punto di riferimento può essere utile). Dunque possiamo riflettere sul processo di correzione che sto descrivendo come un piccolo processo dinamico in e, il tasso di cambio, e in K, lo stock di capitale. Un K elevato comporta un basso tasso di rendimento a confronto di r*, il tasso di rendimento all’estero, dunque e deve essere crescente. Un e elevato comporta ampi deficit commerciali. Il diagramma in sequenza assomiglia a questa simulazione:

zz 426

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dove il sentiero a forcella [4] è l’unico indirizzo lungo il quale le aspettative sul futuro tasso di cambio vengono soddisfatte. Per quel sentiero potete trovare una soluzione attraverso l’espressione di una tendenza lineare attorno ad uno stato stazionario: le soluzioni a quel sistema hanno due radici, una negativa ed una positiva, e la radice negativa vi dice il tasso di convergenza attorno all’indirizzo a forcella. In ogni momento lo stock di capitale K è dato; il tasso di cambio e saltella per collocare il sistema sul sentiero a forcella, e poi converge con il tempo su un equilibrio di lungo periodo.

Dunque la storia degli sgravi fiscali delle società appare la seguente: si parte da un punto come quello A. Poi gli sgravi fiscali aumentano l’equilibrio di lungo periodo dello stock di capitale. Ma ci vuole tempo per arrivarci: prima abbiamo una rivalutazione della valuta, come mostrato dal salto da A a B, e poi col tempo convergiamo su C.

La domanda è: quanto è rapida questa convergenza? E abbiamo sufficienti informazioni per collocare i dati in una vicenda stilizzata.  Considero una funzione di produzione Cobb-Douglas, con una quota di capitale dello 0,3. Il rapporto capitale-prodotto è attorno a 3, il che comporta un tasso iniziale di rendimento di 0,1. E i modellatori alla Fed ci dicono che l’impatto del tasso di cambio sulle esportazioni nette è circa 0,15 – ovvero, una crescita del 10 per cento del dollaro amplia il deficit commerciale di circa l’1,5 per cento del PIL.

Quando io collego questi numeri, ipotizzando di aver fatto correttamente l’algebra, ottengo un tasso di convergenza di 0,059 – ovvero, circa il 6 per cento della deviazione da ogni anno eliminato del lungo periodo. Tutto questo è abbastanza lento: ci vorranno una dozzina di anni per realizzare anche solo la metà della correzione nel lungo periodo.

Questo mi dice che l’apertura dei mercati mondiali dei capitali determina una differenza dell’incidenza delle tasse molto inferiore a quello che le persone sembrano credere, nel breve periodo e persino nel medio. Se state cercando di determinare gli effetti delle politiche fiscali nel prossimo decennio, una analisi di un’economia chiusa è probabilmente più vicina alla verità di quella che assume una omogeneizzazione istantanea dei rendimenti tra le nazioni.

 

 

[1] Sembra un gioco di parole con le due insolite consonanti con le quali comincia il cognome del Segretario al Tesoro.

[2] “One does not simply walk into Mordor” è una citazione memorabile del film “Lord of the Rings: The Fellowship of the Ring”. Nella versione italiana (“Il Signore degli Anelli: La compagnia dell’anello”) la frase è stata doppiata come “Non si entra con facilità a Mordor”. (Wikipedia)

[3] Si veda in questo blog la traduzione del post del 6 ottobre 2013, “Gli sbagli della ‘causalità immacolata’”.

[4] ‘Sentiero a sella o a forcella’ sono due traduzioni possibili. Ma cosa significano? Io interpreto che il percorso che si colloca all’opposto  dei movimenti A-B-C- è l’unico nel quale si possono dare, ma con molta lentezza, le correzioni necessarie per trovare il nuovo equilibrio. Come mi pare suggeriscano gli argomenti successivi del post.

 

 

 

 

 

La razionalità e le tane del coniglio, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 10 ottobre 2017)

ottobre 14, 2017

 

Rationality and Rabbit Holes

 OCTOBER 10, 2017 9:50

Paul Krugman

 

Like the vast majority of economists, I was delighted to see Richard Thaler get the Nobel. Anyone with a bit of sense – a group that, believe it or not, includes many economists – knows that people aren’t perfectly rational. But the assumption of hyperrationality still plays far too large a role in the field. And Thaler didn’t just document deviations from rationality, he showed that there are consistent, usable patterns in those deviations.

The question, however, is how much difference this should make to the practice of economics. And here you have a division between two camps. One says that imperfect rationality changes everything; the other that the assumption of rationality is still the best game out there, or at least sets a baseline from which departures must be justified at length.

Which camp is right? My thought: it depends on the field, for reasons not entirely clear to me. Let me talk about two fields I know reasonably well: macroeconomics, which I think I know pretty well, and finance, where I am much less well-informed in general but am pretty familiar with at least some international areas. What strikes me is that vaguely Thalerish reasoning is hugely important in one, in the other not so much.

Let me state two propositions derived from the proposition that people are perfectly rational:

1.Rational investors will build all available information into asset prices, so movements in these prices will be driven only by unanticipated events – that is, they’ll follow a random walk, with no patterns you can exploit to make money
2.Rational wage- and price-setters will take all available information into account when setting labor and goods prices, implying that demand shocks will have real effects only if they’re unanticipated – in particular, that monetary policy “works” only if it’s a surprise, and can’t play a stabilizing role

Now, (1) is basically efficient markets theory, which we know is wrong in detail – there are lots of anomalies. In international finance, for example, there is the well-known uncovered interest parity puzzle: differences in national interest rates should be unbiased predictors of future changes in exchange rates, but in fact turn out to have no predictive power at all. And anyone who believed that rationality of investors precluded the possibility of massive, obvious mispricing – say, of subprime-backed securities – has not had a happy decade.

Yet the broader proposition that asset price movements are unpredictable, that patterns are subtle, unstable, and hard to make money off of, seems to be right. On the whole, it seems to me that considering the implications of rational behavior has done more good than harm to the field of finance.

What about (2)? That’s where Robert Lucas came in: trying to rationalize the observed facts of business cycles with perfectly rational behavior in the face of imperfect information. This approach had a huge effect on the practice of macroeconomics, at least academic macroeconomics. But at this point we can safely say that it took the whole field down a rabbit hole. Wage- and price-setting does not reflect the best available information about future monetary policies; if it did, we’d be seeing wage contracts moving rapidly around as Kevin Warsh’s prospects on Predictit fluctuate. Everything we know suggests that there is a lot of nominal downward rigidity and a lot of money illusion in general.

And assertions that this might be true in practice, but can’t be true in theory, and must therefore be assumed away both in research and in policy have been hugely destructive.

So, rationality is a lie. But in some parts of economics it seems to be a bit of a noble lie, useful as a guide for thinking as long as you keep your tongue firmly in your cheek. In other parts, however, it’s just a disaster.

As I said, I can think of some reasons why. In financial markets, smart investors can, within limits, arbitrage against the irrationality of others. There’s no equivalent in labor and goods markets (or in consumer behavior!). But in general, the uneven applicability of behavioral thinking is surely – of course – a subject for future research.

 

La razionalità e le tane del coniglio,

di Paul Krugman

Come la grande maggioranza degli economisti, sono stato felicissimo per la decisione di dare il Nobel a Richard Thaler. Chiunque con un po’ di buon senso – un gruppo che, lo crediate o no, include molti economisti – sa che le persone non sono perfettamente razionali. Ma l’assunto della iper razionalità gioca ancora un ruolo troppo largo nella disciplina. E Thaler non ha soltanto documentato deviazioni dalla razionalità, ha anche mostrato che in tali deviazioni ci sono schemi coerenti e utilizzabili.

La domanda, tuttavia, è quanta differenza questo dovrebbe comportare nella pratica dell’economia. E in questo caso si ha una divisione tra due campi. Uno dice che l’imperfetta razionalità cambia tutto; l’altro che l’assunto della razionalità è ancora la migliore scommessa disponibile, o almeno definisce un punto di riferimento per allontanarsi dal quale ci deve essere una esauriente giustificazione.

Quale campo ha ragione? La mia opinione è che dipende dalla disciplina, per ragioni che non mi sono interamente chiare. Fatemi parlare di due campi che conosco ragionevolmente bene: la macroeconomia, che conosco abbastanza bene, e la finanza, dove in generale sono molto meno ben informato, pur essendo abbastanza familiare con almeno qualche area internazionale. Quello che mi colpisce è che in uno la riflessione thaleriana è molto importante, nell’altro non altrettanto.

Consentitemi di fissare due concetti derivati dall’idea che le persone sono perfettamente razionali:

1 – Gli investitori razionali incorporeranno tutte le informazioni disponibili nei prezzi di un asset, cosicché i movimenti in questi prezzi saranno guidati soltanto da eventi non anticipati –  cioè, essi seguiranno un indirizzo random, senza che si possa sfruttare alcuno schema per fare soldi

2 – Coloro che fissano il salario razionale – e i prezzi – metteranno in conto tutte le informazioni disponibili allorché stabiliscono i prezzi dei salari e dei beni, il che comporta che gli shock della domanda avranno effetti reali solo se non sono stati anticipati – in particolare, che la politica monetaria “funziona” solo se è una sorpresa, e non può giocare un ruolo di stabilizzazione.

Ora, il concetto numero 1 è fondamentalmente la teoria dei mercati efficienti, che noi sappiamo nel dettaglio essere sbagliata – ci sono molte anomalie. Nella finanza internazionale, ad esempio, c’è il ben noto mistero della parità non coperta dall’interesse: le differenze nei tassi di interesse nazionali dovrebbero essere fattori di previsione imparziali dei futuri cambiamenti dei tassi di cambio, ma di fatto si scopre che non hanno alcun potere previsionale. E chiunque abbia creduto che la razionalità degli investitori impediva massicce, evidenti errate determinazioni dei prezzi – ad esempio, i titoli garantiti dai subprime – non ha avuto un decennio tranquillo.

Eppure, il concetto più generale che i movimenti nei prezzi degli asset sono imprevedibili, che i modelli sono sottili, instabili ed è difficile trarne guadagni, sembra essere giusto. Nel complesso, mi pare che considerare le implicazioni del comportamento razionale, abbia fatto più bene che male alla disciplina della finanza.

Che dire del concetto numero 2? È quello nel quale è intervenuto Robert Lucas: cercare di razionalizzare i fatti osservabili dei cicli economici con un comportamento perfettamente razionale, a fronte di informazioni imperfette. Questo approccio ha avuto un vasto effetto nella pratica della macroeconomia, almeno di quella accademica. Ma a questo punto, possiamo con sicurezza affermare che essa ha ridotto l’intera disciplina ad una tana del coniglio [1]. La definizione dei salari – e dei prezzi – non riflette la migliore informazione disponibile sulle future politiche monetarie; se lo fa, noi staremmo osservando contrazioni salariali che si muovono rapidamente tutte le volte che le prospettive di Kevin Warsh [2] su Predictit fluttuano. Tutto quello che sappiamo è che c’è una gran quantità di rigidità nominale verso il basso (dei salari) e in generale una gran quantità di illusione monetaria.

E i giudizi secondo i quali questo potrebbe essere vero in pratica, ma non può essere vero in teoria, e di conseguenza debbano essere trascurate sia nella ricerca che nella azione politica, si sono rivelati altamente distruttivi.

Dunque la razionalità è una menzogna. Ma per alcuni aspetti dell’economia essa sembra essere un po’ come una menzogna a fin di bene, utile come una guida per ragionare finché si resta in un ambito decisamente scherzoso. Per altri aspetti, tuttavia, è solo un disastro.

Come ho detto, io posso ragionare di qualche spiegazione. Nei mercati finanziari, investitori intelligenti possono, entro certi limiti, usare l’arbitraggio basandosi sull’irrazionalità altrui. Sui mercati del lavoro e dei beni (o nel comportamento dei consumatori!) non c’è alcun equivalente. Ma in generale la incostante applicabilità del pensiero comportamentale è certamente – come è evidente – un tema per future ricerche.     

 

 

 

[1] Suppongo che il senso (e l’origine) di questa espressione vada ricercato nel racconto di Carroll su Alice nel paese delle meraviglie. Quindi un luogo un po’ ambiguo: da una parte, seguire il Coniglio Bianco nella sua tana (come fece Alice) è una esperienza audace e illuminante, che rompe paradigmi ed abitudini; dall’altra, un luogo illusorio e interamente fantastico.

[2] Pare sia il più probabile candidato di Trump al futuro rinnovo del Presidente della Fed, un uomo di destra, non specialista, con una vasto curriculum di previsioni sbagliate.

 

 

 

 

 

La paccottiglia del nuovo (dal blog di Krugman, 8 ottobre 2017)

ottobre 10, 2017

 

The Schlock Of The New

 OCTOBER 8, 2017 12:41 PM 

Paul Krugman 

I’m still thinking about Kevin Hassett’s appearance at the Tax Policy Center, where he repaid his hosts’ graciousness by gratuitously impugning their integrity. But insults aside, he offered a new analysis of corporate tax incidence – an approach that is novel, innovative, and completely boneheaded. Oh, and it just happens to say what his political masters want to hear.

As I see it, this is part of a broader pattern.

When the financial crisis struck, there were many calls for new economic ideas – even an Institute for New Economic Thinking. The implicit story, pretty much taken for granted as true, was that the crisis proved the inadequacy of economic orthodoxy and the need for fundamental new concepts. Pretty obviously, too, supporters of calls for new thinking had a sort of Hollywood script version of how it would play out: daring innovators would propose radical ideas, would face resistance from old fuddy-duddies, but would eventually win out through their superior ability to predict events.

What actually happened was very different. True, nobody saw the crisis coming. But that wasn’t because orthodoxy had no room for such a thing – on the contrary, panics and bank runs are an old topic, discussed in every principles book. The reason nobody saw this coming was an empirical failure – few realized that the rise of shadow banking had done an end run around Depression-era bank safeguards.

The point was that only the dimmest of free-market ideologues reacted with utter bewilderment. The rest of us slapped our foreheads and said, “Diamond-Dybvig! How stupid of me! Diamond-Dybvig!”

And post-crisis, pretty standard macro worked pretty well. Both fiscal policy and monetary policy did what they were supposed to (or, in the case of money, didn’t do what they weren’t supposed to) at the zero lower bound. Plenty of room for refinement, lots of opportunities to use the mother of all natural experiments for empirical work, but no huge requirement for radical new thinking.

Nonetheless, there was a proliferation of radical new concepts: contractionary fiscal policy is actually expansionary, expansionary monetary policy is actually deflationary, terrible things happen to growth when debt crosses 90 percent of GDP. These ideas instantly got huge amounts of political traction – never mind the fuddy-duddies in the economics establishment, the policy establishment leaped at the chance to apply new ideas.

What did the ideas they leaped at have in common? All of them had, implicitly or explicitly, conservative ideological implications, whether the authors intended that or not. (I’m quite sure that Reinhart-Rogoff weren’t operating out of any political agenda. Not equally sure about others.) And all of them proved, quite quickly, to be dead wrong.

So new economic thinking since the crisis has proved, for the most part, to consist of bad ideas that serve a conservative political agenda. Not exactly the script we were promised, is it?

Once you think about it, it’s not too hard to see how that happened. First of all, conventional macro has worked pretty well, so you’d need really, really brilliant innovations to make a persuasive major break with that conventionality. And really, really brilliant innovations don’t come easy. Instead, the breaks with conventional wisdom came mainly from people who, far from transcending that wisdom, simply failed to understand it in the first place.

And while there are such people on both left and right, there’s a huge asymmetry in wealth and influence between the two sides. Confused views on the left get some followers, provoke a back-and-forth on a few blogs, and generate some nasty tweets. Confused views on the right get mainlined straight into policy pronouncements by the European Commission and the leadership of the Republican Party.

Which brings me back to Hassett. Tax incidence, like macroeconomics, is a technical subject with a mainstream consensus that faces challenges from left and right. But a lot of hard work went into creating that consensus; this doesn’t mean that it’s right, but you have to come up with a really good idea to challenge it effectively.

On the other hand, you can get a lot of political traction with a really bad idea challenging the consensus, as long as it serves the interests of big money and the political right. And that’s what just happened at TPC.

 

La paccottiglia del nuovo

di Paul Krugman

Sto ancora pensando alla apparizione di Kevin Hassett a Tax Policy Center, nella quale ha ripagato la cortesia dei suoi ospiti mettendo in discussione in modo gratuito la loro integrità morale. Ma, a parte gli insulti, ha offerto una nuova analisi sulla incidenza delle tasse delle società – un approccio che è inedito, innovativo e completamente sciocco. Inoltre, è appena il caso di dire che è quello che i suoi padroni politici vogliono sentir dire.

Per come la vedo, si tratta di un aspetto di uno schema più generale.

Quando esplose la crisi finanziaria, ci furono molti pronunciamenti per nuove idee economiche – persino quello di un Istituto per un Nuovo Pensiero Economico. La storia implicita, considerata abbastanza verosimile, fu che la crisi aveva dimostrato l’inadeguatezza dell’ortodossia economica e la necessità di concetti fondamentalmente nuovi. In modo altrettanto ovvio, i sostenitori dei pronunciamenti per un nuovo pensiero ebbero una sorta di versione da copione hollywoodiano di come sarebbe andata a finire: audaci innovatori avrebbero proposto idee radicali, si sarebbero misurati con la resistenza delle vecchie mummie, ma alla fine avrebbero prevalso per effetto della loro superiore capacità nel prevedere gli eventi.

Quello che accadde effettivamente fu assai diverso. È vero, nessuno vide la crisi in arrivo. Ma non dipese dal fatto che l’ortodossia non aveva spazio per cose del genere – al contrario, le crisi di panico e gli assalti agli sportelli erano vecchie tematiche, discusse in ogni libro di principi generali. La ragione per la quale nessuno la vide arrivare fu di natura empirica – in pochi compresero che l’ascesa di un sistema bancario ombra aveva prodotto una scappatoia alle misure di salvaguardia delle banche dell’epoca della Depressione.

La questione fu che soltanto i più ottusi degli ideologhi del libero mercato reagirono con totale perplessità. Gli altri si diedero uno schiaffo sulla fronte e dissero: “Diamnond-Dybvig [1]! Che stupido che sono! Diamond-Dybvig!”.

E nel dopo crisi, la macroeconomia abbastanza convenzionale funzionò piuttosto bene. Sia la politica della finanza pubblica che quella monetaria fecero quello che si supponeva facessero (oppure, nel caso del denaro non fecero quello che non si supponeva facessero) al livello del limite inferiore dello zero dei tassi di interesse. Grandi margini per miglioramenti, una gran quantità di opportunità per utilizzare la madre di tutti gli esperimenti naturali per le ricerche empiriche, ma nessun particolare bisogno di un nuovo pensiero radicale.

Nondimeno, ci fu una proliferazione di nuovi concetti radicali: la politica del consolidamento della finanza pubblica sarebbe in realtà espansiva, la politica monetaria espansiva sarebbe effettivamente deflazionistica, accadrebbero cose tremende alla crescita quando il debito supera il 90 per cento del PIL. All’improvviso, queste idee ebbero una gran quantità di presa sul piano politico – a prescindere da quanto fossero antiquate nel gruppo dirigente degli economisti, il gruppo dirigente degli uomini politici colse al volo l’occasione di applicare idee nuove.

Cosa avevano in comune le idee delle quali si impossessarono al volo? Avevano tutte, implicitamente o esplicitamente, implicazioni ideologiche conservatrici, che gli autori se ne rendessero o no conto (sono quasi certo che Reinhart-Rogoff non fossero estranei ad una qualche agenda politica. Non altrettanto certo nel caso di altri). E tutte si dimostrarono, abbastanza rapidamente, aver torto marcio.

Dunque, dal momento della crisi, il nuovo pensiero economico si dimostrò, per la parte principale, consistere in cattive idee che erano al servizio di una agenda politica conservatrice. Non esattamente il copione che ci era stato promesso, non è vero?

Se ci si riflette, non è così difficile capire cosa accadde. Prima di tutto, la macroeconomia convenzionale ha funzionato abbastanza bene, dunque c’era bisogno di innovazioni davvero brillanti per realizzare un’importante, persuasiva rottura con quelle convenzioni. E le innovazioni davvero brillanti non compaiono facilmente. Invece, le rotture con i punti di vista convenzionali sono venute principalmente da persone che, lungi dall’oltrepassare quella saggezza convenzionale, anzitutto semplicemente non riuscivano a comprenderla. E se persone del genere c’erano a destra come a sinistra, c’era una grande asimmetria di ricchezza e di influenza tra i due schieramenti. A sinistra, opinioni confuse hanno alcuni seguaci, vanno e vengono su pochi blog, e producono alcuni tweet sgradevoli. Punti di vista confusi sulla destra ottengono diretti accoglimenti nei pronunciamenti politici della Commissione Europea e del gruppo dirigente del Partito Repubblicano.

Il che mi riporta ad Hassett. L’incidenza delle tasse, in quanto macroeconomia, è un tema tecnico con un prevalente consenso, che viene sfidato dalla destra e dalla sinistra. Ma per creare tale consenso c’è voluto un lavoro duro; questo non significa che sia giusto, ma ci vogliono davvero buone idee per metterlo alla prova efficacemente.

D’altra parte, si può avere una grande presa politica con una idea pessima che sfida tale consenso, finché serve gli interessi del grande capitale e della destra politica.  Ed è proprio quello che è successo al Tax Policy Center.

 

 

 

[1] Il modello di Diamond-Dybvig (1983) è un modello teorico che si propone di spiegare le modalità attraverso cui si determina un fenomeno di run bancario (corsa agli sportelli), fornendo al contempo una rappresentazione teorica del meccanismo attraverso cui le banche creano liquidità. Il modello rappresenta ad oggi il punto di riferimento teorico per la spiegazione dei fenomeni considerati, e non a caso di esso sono state proposte varie riformulazioni successive. (Wikipedia)

 

 

 

 

 

Gli spostamenti diventano veri: per comprendere il pantano politico del Partito Repubblicano (dal blog di Krugman, 30 settembre 2017)

ottobre 2, 2017

 

Shifts Get Real: Understanding the GOP’s Policy Quagmire

 SEPTEMBER 30, 2017 11:39 AM 

Paul Krugman

 

zz 423

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tax Policy Center

Right now it looks as if tax “reform” — actually it’s just cuts — may go the way of Obamacare repeal. Initial assessments of the plan are brutal, and administration attempts to spin things in a positive direction will suffer from loss of credibility on multiple fronts, from obvious lies about the plan itself, to spreading corruption scandals, to the spectacle of the tweeter-in-chief golfing while Puerto Rico drowns.

Now, it ain’t over until the portly golfer sings. But still, it’s worth spending a few minutes on why a fresh debacle seems likely.

The important point is that there are crucial links between the health care faceplant and the bad news (for the GOP) on taxes — links both causal and, you might say, cultural.

Republicans took power in January determined to cut taxes on the wealthy, bigly. That has, after all, been the GOP establishment’s overriding priority for four decades; it’s what donors demand.

But they’re somewhat constrained by concerns about deficits. It’s not that they themselves care about red ink: nobody with influence in the GOP has ever cared about federal debt, least of all the deficit peacocks who preened and posed as apostles of fiscal responsibility. But all that posturing makes budget-busting tax cuts awkward. And procedural issues in the Senate also make it hard to do too much budget-busting without 60 seats.

One important goal of ACA repeal was to loosen those constraints, by repealing the high-end tax hikes that paid for Obamacare, hence giving a big break to the donor class. Having failed to do that, Rs are under even more pressure to deliver the goods to the wealthy through tax cuts.

But deficits are a constraint, even if not a hard one. Now, Republicans have always claimed that they can cut tax rates without losing revenue by closing loopholes. But they’ve always avoided saying anything about which loopholes they’d close; they promised to shift the tax burden away from their donors onto [TK], some mystery group. It was magic asterisk city; it was “Don’t tax you, don’t tax me, tax that fellow behind the tree” on steroids.

But as they sidle up toward actual legislation, they need to start getting specific: the shifts need to get real. So where will the money come from?

The bright answer in Trumpcuts is, end the deduction for state and local taxes (SALT). This probably sounded like a good idea: hey, it will punish blue states, which foolishly collect a lot of taxes to do things like feed people and treat their illnesses.

But there are a lot of Republican voters in blue states, and even a significant number of Republican Congressmen. And who are these voters? By and large, affluent but not super-rich households — hence with relatively high marginal tax rates — for whom deductibility of SALT is a big deal. As the details of the plan sink in, these people will scream bloody murder, and their representatives will become a big problem for the leadership.

So what were they thinking? My guess is that they weren’t thinking. What we learned from health care was that after 8 years, Republicans had never bothered to learn anything about the issues. There’s every reason to believe that the same is true for the distribution of tax changes, which Paul Ryan called a “ridiculous” issue and presumably nobody in his party ever tried to understand.

So now the lies and willful ignorance are catching up with them — again.

 

 

 

Gli spostamenti diventano veri: per comprendere il pantano politico del Partito Repubblicano

di Paul Krugman

zz 423

Tax Policy Center [1]

In questo momento sembra che la “riforma” del fisco – in realtà sono solo sgravi fiscali – possa ripetere l’esperienza della abrogazione della riforma sanitaria di Obama. Le indicazioni iniziali del progetto erano brutali, e i tentativi della Amministrazione di manipolare le cose in una direzione positiva pagheranno il prezzo di una perdita di credibilità su molti fronti, dalle evidenti menzogne sul progetto stesso, al diffondersi degli scandali della corruzione, allo spettacolo del twittatore-in-capo che gioca a golf mentre Porto Rico affoga.

Ora, tutto questo durerà finché il corpulento giocatore di golf se la canta da solo. Eppure, merita spendere alcuni minuti sulla ragione per la quale sembra probabile una nuova debacle.

Il punto importante è che ci sono collegamenti cruciali tra la perdita di faccia sulla assistenza sanitaria e le cattive notizie (per il Partito Repubblicano) sulle tasse – collegamenti sia sulle cause che, si potrebbe dire, culturali.

I repubblicani hanno preso il potere in gennaio, determinati a tagliare le tasse sui ricchi, alla grande. Era stata, dopo tutto, la priorità indiscutibile del gruppo dirigente del Partito Repubblicano per quattro decenni; è quello che viene chiesto dai finanziatori.

Ma essi erano in qualche modo condizionati dalle preoccupazioni sul deficit. Non si tratta del fatto che anche loro si preoccupano di andare in rosso: nessuno che abbia qualche influenza nel Partito Repubblicano si è mai preoccupato del debito federale, meno di tutti i pavoni del deficit che si davano arie e di atteggiavano ad apostoli della responsabilità in materia di finanza pubblica. Ma tutto questo atteggiarsi rende complicati gli sgravi fiscali che mandano in bancarotta i bilanci. Ed anche le questioni procedurali nel Senato rendono difficile manomettere troppo il bilancio, se non si hanno 60 seggi.

Un importante obbiettivo della abrogazione della legge sanitaria era quello di attenuare questi limiti, abrogando gli aumenti delle tasse sulle fasce alte con i quali si era coperto il costo della riforma di Obama, e quindi fornendo una grande pausa alla categoria dei finanziatori del Partito. Avendo fallito in questo, i repubblicani subiscono una pressione persino maggiore per consegnare i benefici ai ricchi attraverso i tagli al fisco.

Ma i deficit sono un condizionamento, sebbene non insuperabile. Ora, i repubblicani hanno sempre sostenuto di poter tagliare le aliquote fiscali senza perdite nelle entrate, interrompendo le elusioni del fisco. Ma avevano sempre evitato di dire alcunché su quali elusioni fiscali avrebbero interrotto; avevano promesso di spostare l’onere fiscale dai loro finanziatori a qualche … ‘fine del gioco’ [2], un qualche gruppo misterioso. Era la città dei magici asterischi; era una specie di “Non ti metto tasse, non le metto a me stesso, tasso quel tizio che è dietro l’albero” all’ennesima potenza.

Ma appena si avvicinano alla legislazione effettiva, devono cominciare ad entrare nello specifico: i cambiamenti debbono diventare reali. Dunque, da dove verranno i soldi?

La risposta brillante nei tagli di Trump è, interrompere la deduzione per le tasse degli Stati e degli Enti Locali (SALT). Questa probabilmente è sembrata una buona idea: come no, sarà una punizione per gli Stati democratici, che raccolgono pazzescamente una gran quantità di tasse per cose come l’alimentazione della gente e il trattamento delle loro malattie.

Ma ci sono una gran quantità di elettori repubblicani negli Stati democratici, e persino un numero significativo di congressisti repubblicani. E chi sono questi elettori? In generale sono famiglie benestanti ma non ricchissime – di conseguenza con aliquote fiscali marginali relativamente elevate – per le quali la deducibilità delle tasse statali e locali è una grande questione. Appena avranno compreso i dettagli del piano, queste persone si metteranno ad urlare all’assassinio efferato, e i loro congressisti diventeranno una gran problema per la dirigenza.

Cosa stavano pensando, dunque, quelle persone? La mia idea è che non stessero pensando. Quello che abbiamo imparato dalla assistenza sanitaria è stato che dopo 8 anni, i repubblicani non si erano mai degnati di imparare alcunché su questi temi. Ci sono tutte le ragioni per credere che lo stesso sia vero per la distribuzione dei cambiamenti fiscali, che Paul Ryan ha definito un tema “ridicolo” e presumibilmente nessuno nel suo partito ha mai pensato di comprendere.

Dunque, adesso le bugie e l’ostinata ignoranza si stanno ritorcendo contro di loro – nuovamente.

 

 

[1] La tabella, elaborata dalla Associazione Tax policy Center, mostra la distribuzione prevista degli aumenti fiscali all’anno 2017 per le varie categorie di reddito. Le tasse pagate dai redditi più bassi (il quintile più basso) e quelli più alti (lo 0,1 e l’1 per cento di più ricchi) crescerebbero circa del 10%; quelle delle classi medie – medio basse e medio alte – di percentuali dal 30 al 60 per cento.

[2] È solo una possibilità per tradurre TK, offerta da UrbanDictionary. Se capisco, una sorta di parola magica che in alcuni giochi mette nelle condizioni di liquidare i vostri compagni di gioco. Del resto, gli altri dizionari non traducono.

 

 

 

 

 

 

Pagina successiva »

Archivio