Blog di Krugman » Selezione della Settimana

I danesi sono malinconici? Gli svedesi sono tristi? (dal blog di Paul Krugman, 27 ottobre 2018)

 

Oct. 27,2018

Are the Danes Melancholy? Are the Swedes Sad?

By Paul Krugman

zz 516

The recent report by the White House Council of Economic Advisers on the evils of socialism has drawn a great deal of ridicule, and rightly so. It boils down to something along the lines of “You want Medicare for All? But what about the terrible things that happened under Mao Zedong?” That’s barely a caricature.

However, one issue raised by the report has drawn some sympathetic appreciation even from liberals: the discussion of the Nordic economies, which are widely seen by U.S. progressives as role models. The report points out that real gross domestic product per capita in these economies is lower than in the U.S., and argues that this shows the costs of an expansive welfare state.

But is a negative assessment of the Nordic economies really right? That’s not at all clear. That lower G.D.P. number conceals two important points. First, by any measure people in the lower part of the income distribution are much better off in Nordic societies than their U.S. counterparts. That is, there is a lot less misery in Scandinavia — and because everyone has some chance of falling into low income, this reduces the risk of misery for a much larger share of the population.

Second, much of the gap in real G.D.P. represents a choice, not a cost. Nordic workers have much more vacation, much more time for family and leisure, than their counterparts in our “no vacation nation.”

So I thought it might be useful to put together some information on how the Nordic economies actually compare to the U.S.

First of all, the Nordics really have made drastically different choices in public policy. They aren’t “socialist,” if that means government control of the means of production. They are, however, quite strongly social-democratic: as Exhibit 1 shows, they have high taxes, which finance much more generous social benefits than we have here. They also have policies on wages, working hours, and more that tilt the balance toward workers in a number of dimensions.

zz 601

 

 

 

 

 

 

Exhibit 1 OECD

So how do these policy choices affect individual incomes? Exhibit 2, put together with the help of my Stone Center colleague Janet Gornick, shows how incomes at different percentiles of the income distribution in Denmark and Finland countries compare with the US. (These are “equivalized” household incomes adjusted for household size. Unfortunately, for bizarre legal reasons the LIS Center, the source of these data, doesn’t have recent numbers for Sweden, but they presumably look similar.) Clearly, the Nordic economies are better for lower-income families — roughly the bottom 30 percent of the population.

zz 602

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Exhibit 2 LIS data center

 

But this understates the case, because these data don’t include “in kind” benefits like health care and education. All of the Nordic countries have universal health care — not just single-payer, but for the most part direct government provision (a.k.a. “socialized medicine.”) This compares with the U.S. where — especially before the Affordable Care Act went into effect — lack of health insurance was common even for families near median income, and high deductibles are an obstacle to care even for many of the insured.

 

Nordic education also lacks the glaring inequality in quality all too characteristic of the U.S. system.

Once you take these benefits into account, it’s likely that at least half the Nordic population are better off materially than their U.S. counterparts. But what about the upper half?

As the CEA notes, real G.D.P. per capita is lower in the Nordics than in the U.S., and that’s reflected in those lower incomes for the upper half of the income distribution. But it’s worth looking at why G.D.P. is lower.

Exhibit 3 shows how real G.D.P. per capita in Denmark, Finland, and Sweden compares with the U.S., and the sources of that difference. It turns out that a large part of the difference — in the case of Denmark, more than all of it — comes from a lower number of hours worked annually per worker. This does not reflect mass underemployment. Instead, it reflects policy: all of the Nordic countries require that employers give workers a minimum of 25 days of paid vacation every year, while the U.S. has no leave policy at all.

zz 603

 

 

 

 

 

 

 

Exhibit 3 The Conference Board

Once you take vacations into account, Denmark and Sweden basically look comparable in performance to the U.S. Finland looks worse, but this is something of a special case: the Finnish economy has been ailing for a number of years, not because of socialism, but because its two premier exports — Nokia and wood pulp — were hit hard by technological change, and membership in the euro has made adjustment difficult.

The point for welfare comparisons is that while Nordic families at, say, the 60th percentile of the income distribution have lower purchasing power than their American counterparts, they also have much more free time and an arguably better work-life balance. Are they really worse off? You can make a good case that taking all of this into account, the majority of Nordic citizens are actually better off than Americans.

And for what it’s worth, they think so too. The O.E.C.D. publishes measures of self-reported “life satisfaction”; all of the Nordic nations rank above the U.S. Objective measures like life expectancy and mortality rates are also much better in Scandinavia.

The bottom line is that real G.D.P. per capita isn’t everything, and you shouldn’t uncritically use that measure to judge how social democracy is working in Scandinavia.

 

 

 

 

I danesi sono malinconici? Gli svedesi sono tristi?

Di Paul Krugman

Il recente rapporto sui mali del socialismo del Consiglio dei Consulenti Economici della Casa Bianca ha attirato giustamente molta ironia. Il suo significato in pratica si riduce a queste frasi: “Volete Medicare per tutti? Ma cosa ne dite delle cose terribili che accaddero sotto Mao Tse Tung?” Ovvero, a malapena una caricatura.

Tuttavia, un tema sollevato dal rapporto ha attratto alcuni apprezzamenti favorevoli persino tra i progressisti: il dibattito sulle economie nordiche, che sono generalmente considerate modelli dai progressisti statunitensi. Il rapporto mette in evidenza che il reale prodotto interno lordo pro capite in queste economie è più basso che negli Stati Uniti, e sostiene che questo dimostra i costi di uno Stato assistenziale esteso.

Ma è davvero giusto un giudizio negativo sulle economie nordiche? Non è affatto scontato. Quel dato più basso del PIL nasconde due aspetti importanti. Il primo è che, secondo ogni parametro, la gente che sta più in basso nella distribuzione del reddito nelle società nordiche sta meglio dei loro omologhi statunitensi. Ovvero, c’è molta meno miseria in Scandinavia – e poiché chiunque ha qualche possibilità di cadere nel basso reddito, questo riduce il rischio di miseria per una quota molto più ampia di popolazione.

Il secondo: gran parte del divario nel PIL reale rappresenta una scelta, non un costo. I lavoratori del Nord hanno molte più vacanze, molto più tempo per la famiglia e per il tempo libero dei loro omologhi nella nostra “nazione senza vacanze”.

Ho dunque pensato che potrebbe essere utile mettere assieme qualche informazione su un confronto effettivo tra le economie nordiche e gli Stati Uniti.

Prima di tutto, i nordici hanno davvero fatto scelte diverse nella politica pubblica. Non sono “socialisti”, se con quello si intende il controllo governativo dei mezzi di produzione. Sono, tuttavia, abbastanza energicamente social-democratici: come la Prova 1 dimostra, hanno tasse elevate, che finanziano sussidi sociali molto più generosi che da noi. Hanno anche politiche sui salari, sui tempi di lavoro e su altro che fanno pendere la bilancia a favore dei lavoratori per un certo numero di aspetti.

zz 601

 

 

 

 

 

 

Prova 1. OCSE

[1]

 

Come dunque queste scelte politiche influenzano i redditi individuali? La Prova numero 2, che ho messo assieme con l’aiuto della mia collega Janet Gornik del Centro Stone [2], mostra come i redditi ai diversi percentili della loro distribuzione in Danimarca e in Finlandia si confrontino con quelli degli Stati Uniti (sono i redditi familiari “resi equivalenti” correggendoli sulla base delle dimensioni delle famiglie. Sfortunatamente, per strane ragioni legali, il LIS Center [3] , la fonte di questi dati, non ha quelli relativi alla Svezia, ma dovrebbero essere simili). Chiaramente, le economie dei paesi nordici sono migliori per le famiglie con redditi più bassi – circa il 30 per cento meno benestante della popolazione [4].

zz 602

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prova numero 2. Centro dati di LIS.

 

Ma questi dati sottovalutano il fenomeno, perché non includono sussidi “in natura” come l’assistenza sanitaria e l’istruzione. Tutti i paesi nordici hanno l’assistenza sanitaria universale – non solo i pagamenti centralizzati, ma per la maggior parte la fornitura diretta del servizio da parte del Governo (ovvero la “medicina socializzata”). Questo a confronto con gli Stati Uniti dove – specialmente prima che la Legge sulla Assistenza sostenibile entrasse in funzione – la mancanza di assicurazione sanitaria era comune persino per famiglie prossime a redditi medi, e l’alta deducibilità [5] era un ostacolo alle cure persino per molti assicurati.

Anche l’istruzione nei paesi del Nord non presenta le clamorose ineguaglianze qualitative anche troppo caratteristiche del sistema statunitense.

Una volta che si mettono nel conto questi benefici, è probabile che almeno la metà della popolazione nordica sia maggiormente benestante, da un punto di vista materiale, della parte omologa degli Stati Uniti. Ma cosa accade alla metà superiore?

Come osserva il Consiglio dei Consulenti Economici, il PIL procapite è più basso tra i nordici che negli Stati Uniti, e ciò si riflette in quei redditi più bassi della metà superiore della distribuzione del reddito. Ma è il caso di dare un’occhiata alle ragioni per le quali il PIL è più basso.

La Prova numero 3 mostra un confronto tra il PIL reale procapite in Danimarca, Finlandia e Svezia e quello degli Stati Uniti, e le origini di tale differenza. Si scopre che una larga parte della differenza – nel caso della Danimarca, una cifra maggiore dell’intera differenza – deriva da un numero più basso di ore lavorate annualmente per lavoratore. Questo non riflette una disoccupazione di massa. Piuttosto è conseguenza di disposizioni politiche: tutti i paesi del Nord impongono che i datori di lavoro diano ogni anno ai lavoratori un minimo di 25 giorni di vacanze pagate, mentre gli Stati Uniti non hanno alcuna disposizione legislativa per le ferie.

zz 603

 

 

 

 

 

 

 

Prova 3. Il Comitato della Conferenza

[6]

Una volta che si mette nel conto il periodo di ferie, la Danimarca e la Svezia appaiono fondamentalmente paragonabili agli Stati Uniti. I dati della Finlandia appaiono peggiori, ma questo è un caso piuttosto particolare: l’economia finnica è in sofferenza da un certo numero di anni, non a causa del socialismo, ma perché i suoi due principali esportatori – Nokia e cellulosa da legno – sono stati colpiti dal mutamento delle tecnologie, e la partecipazione all’euro ha reso difficile la correzione.

Il punto per i confronti di benessere è che mentre le famiglie nordiche, ad esempio al 60° percentile della distribuzione del reddito, hanno un potere di acquisto più basso dei loro omologhi americani, hanno anche molto più tempo libero e probabilmente un migliore equilibrio tra lavoro e vita. Stanno davvero peggio? Si può immaginare che mettendo tutto in conto, la maggioranza dei cittadini nordici stia effettivamente meglio degli americani.

E per quello che conta, ne sono anche persuasi. L’OCSE pubblica misurazioni della cosiddetta “soddisfazione della vita”; tutte le nazioni nordiche si collocano sopra gli Stati Uniti. Misurazioni oggettive come l’aspettativa di vita e i tassi di mortalità sono anch’esse molto migliori in Scandinavia.

La morale della favola è che il PIL reale procapite non è tutto, e non si dovrebbe usare in modo acritico quella misurazione per giudicare come stia funzionando la socialdemocrazia in Scandinavia.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] La Tabella – che viene presentata come un “Exhibit”, ovvero come una prova in un processo – mostra nella prima serie orizzontale le entrate fiscali in percentuale dei PIL (con percentuali vicine al doppio nei paesi scandinavi rispetto a quelle degli Stati Uniti), e nella seconda serie orizzontale la spesa sociale come percentuale del PIL.

[2] Il Centro Stone sulle Ineguaglianze dell’Università di New York City. Stone dal nome, credo, dei coniugi fondatori.

[3] LIS è acronimo di Luxembourg Income Study.

[4] La Tabella nostra mostra il reddito dei vari percentili – indicati nella linea orizzontale del diagramma – di Danimarca e Finlandia rispetto al corrispondente reddito statunitense (il rapporto è espresso in termini di percentuali nella linea verticale).  Come si vede, dal percentile 5 al percentile 70, ovvero le categorie di reddito basse e medie, i paesi del Nord sono chiaramente superiori agli Stati Uniti, mentre scendono a valori prossimi all’unità per i redditi più elevati.

[5] In questo caso, la ‘deducibilità’ si riferisce alla possibilità per le assicurazioni di offrire, al momento del rinnovo, nuovi contratti che escludevano in partenza alcune prestazioni di base. Per quanto ricordo non si tratta di farmaci per particolari rilevanti patologie (cioè, non ha a che fare con la diversa questione delle ‘patologie preesistenti’), ma di farmaci e di forme di assistenza semplici, sulle quali le assicurazioni risparmiano. Sono ‘deducibili’ nel senso che possono essere escluse.

[6] I numeri indicano per tutte le voci le differenze percentuali tra i vari paesi del Nord e gli Stati Uniti. Come si vede – a parte il caso della Finlandia che è spiegato di seguito nell’articolo – alla innegabile differenza di PIL (prima colonna) corrispondono differenze elevate nelle ore lavorate per lavoratore (quarta colonna), che dipendono dai periodi di ferie, mentre i valori dei tassi di popolazione occupata (seconda colonna) e della produttività in senso proprio (terza colonna) sono diversi ma paragonabili (ad una minore produttività, ma in particolare nel caso della Svezia, corrispondono tassi di occupazione più elevati nei paesi nordici).

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"