Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Il Covid-19 mette in risalto tutti gli zombi consueti, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 28 marzo 2020)

 

March 28, 2020

Covid-19 Brings Out All the Usual Zombies

By Paul Krugman

zz 516

Let me summarize the Trump administration/right-wing media view on the coronavirus: It’s a hoax, or anyway no big deal. Besides, trying to do anything about it would destroy the economy. And it’s China’s fault, which is why we should call it the “Chinese virus.”

Oh, and epidemiologists who have been modeling the virus’s future spread have come under sustained attack, accused of being part of a “deep state” plot against Donald Trump, or maybe free markets.

Does all this give you a sense of déjà vu? It should. After all, it’s very similar to the Trump/right-wing line on climate change. Here’s what Trump tweeted back in 2012: “The concept of global warming was created by and for the Chinese in order to make U.S. manufacturing noncompetitive.” It’s all there: it’s a hoax, doing anything about it will destroy the economy, and let’s blame China.

And epidemiologists startled to find their best scientific efforts denounced as politically motivated fraud should have known what was coming. After all, exactly the same thing happened to climate scientists, who have faced constant harassment for decades.

So the right-wing response to Covid-19 has been almost identical to the right-wing response to climate change, albeit on a vastly accelerated time scale. But what lies behind this kind of denialism?

Well, I recently published a book about the prevalence in our politics of “zombie ideas” — ideas that have been proved wrong by overwhelming evidence and should be dead, but somehow keep shambling along, eating people’s brains. The most prevalent zombie in U.S. politics is the insistence that tax cuts for the rich produce economic miracles, indeed pay for themselves, but the most consequential zombie, the one that poses an existential threat, is climate change denial. And Covid-19 has brought out all the usual zombies.

But why, exactly, is the right treating a pandemic the same way it treats tax cuts and climate change?

The force that usually keeps zombie ideas shambling along is naked financial self-interest. Paeans to the virtues of tax cuts are more or less directly paid for by billionaires who benefit from these cuts. Climate denial is an industry supported almost entirely by fossil-fuel interests. As Upton Sinclair put it, “It is difficult to get a man to understand something when his salary depends on his not understanding it.”

However, it’s less obvious who gains from minimizing the dangers of a pandemic. Among other things, the time scale is vastly compressed compared with climate change: the consequences of global warming will take many decades to play out, giving fossil-fuel interests plenty of time to take the money and run, but we’re already seeing catastrophic consequences of virus denial after just a few weeks.

True, there are may be some billionaires who imagine that denying the crisis will work to their financial advantage. Just before Trump made his terrifying call for reopening the nation by Easter, he had a conference call with a group of money managers, who may have told him that ending social distancing would be good for the market. That’s insane, but you should never underestimate the cupidity of these people. Remember, Blackstone’s Steve Schwarzman, one of the men on the call, once compared proposals to close a tax loophole to Hitler’s invasion of Poland.

Also, billionaires have done very well by Trump’s tax cuts, and may fear that the economic damage from the coronavirus will bring about Trump’s defeat, and hence tax increases for people like them.

But I suspect that the disastrous response to Covid-19 has been shaped less by direct self-interest than by two indirect ways in which pandemic policy gets linked to the general prevalence of zombie ideas in right-wing thought.

First, when you have a political movement almost entirely built around assertions than any expert can tell you are false, you have to cultivate an attitude of disdain toward expertise, one that spills over into everything. Once you dismiss people who look at evidence on the effects of tax cuts and the effects of greenhouse gas emissions, you’re already primed to dismiss people who look at evidence on disease transmission.

This also helps explain the centrality of science-hating religious conservatives to modern conservatism, which has played an important role in Trump’s failure to respond.

Second, conservatives do hold one true belief: namely, that there is a kind of halo effect around successful government policies. If public intervention can be effective in one area, they fear — probably rightly — that voters might look more favorably on government intervention in other areas. In principle, public health measures to limit the spread of coronavirus needn’t have much implication for the future of social programs like Medicaid. In practice, the first tends to increase support for the second.

As a result, the right often opposes government interventions even when they clearly serve the public good and have nothing to do with redistributing income, simply because they don’t want voters to see government doing anything well.

The bottom line is that as with so many things Trump, the awfulness of the man in the White House isn’t the whole story behind terrible policy. Yes, he’s ignorant, incompetent, vindictive and utterly lacking in empathy. But his failures on pandemic policy owe as much to the nature of the movement he serves as they do to his personal inadequacies.

 

Il Covid-19 mette in risalto tutti gli zombi consueti,

di Paul Krugman

 

Fatemi riassumere il punto di vista della Amministrazione Trump e dei media della destra sul coronavirus: è una bufala, o comunque è una cosa di poco conto. Oltretutto, cercare di farci qualcosa distruggerebbe l’economia. Ed è colpa della Cina, che è la ragione per la quale dovremmo chiamarlo “virus cinese”.

Inoltre, gli epidemiologi che stanno modellando la diffusione futura del virus sono finiti sotto un attacco sostenuto, accusati di essere una componente di un complotto del “ventre molle dello Stato” contro Donald Trump, o magari contro i liberi mercati.

Avete la sensazione di aver già sentito cose del genere? Dovreste averla. Dopo tutto, sono molto simili alle posizioni di Trump e della destra sul cambiamento climatico. Ecco quello che Trump twittava nel 2012: “Il concetto di riscaldamento globale è stato creato dai cinesi nel loro stesso interesse allo scopo di rendere il settore manifatturiero statunitense non competitivo”. È tutto qua: è una bufala, farci qualcosa distruggerebbe l’economia, diamo la colpa alla Cina.

E gli epidemiologi che sono stati colti di sorpresa nel vedere i loro migliori sforzi scientifici trattati alla stregua di una frode con finalità politiche, dovevano sapere cosa stava arrivando. Dopo tutto, la stessa cosa era successa agli scienziati del clima, che hanno fatto fronte ad una aggressione costante per decenni.

Dunque la risposta della destra al Covid-19 è stata quasi identica alla risposta della destra al cambiamento climatico, sebbene in una dimensione temporale enormemente accelerata. Ma cosa c’è dietro questo genere di negazionismo?

Ebbene, ho recentemente pubblicato un libro sulla prevalenza nella nostra politica delle “idee zombi” – idee che si sono dimostrate sbagliate a seguito di prove schiaccianti e dovrebbero essere defunte, ma in qualche modo continuano a circolare come gli zombi e a mangiarsi il cervello della gente. Lo zombi più diffuso nella politica americana è l’insistenza secondo la quale tagliare le tasse ai ricchi genera miracoli economici, di fatto si ripaga da solo, ma lo zombi più significativo, quello che costituisce una minaccia all’esistenza, è la negazione del cambiamento climatico. E il Covid-19 ha tirato fuori il peggio degli zombi comuni.

Ma perché, più precisamente, la destra sta trattando una pandemia nello stesso modo in cui tratta i tagli alle tasse e il cambiamento climatico?

Il fattore che di solito mette in circolazione le idee zombi è il crudo interesse finanziario. Gli inni alle virtù dei tagli delle tasse sono più o meno pagati direttamente dai miliardari che beneficiano di quei tagli. Il negazionismo sul clima è una attività sostenuta quasi interamente dagli interessi del settore dei combustibili fossili. Come diceva Upton Sinclair: “È difficile far capire qualcosa ad una persona, quando il suo salario dipende dal non capirla”.

Tuttavia, è meno evidente chi ci guadagni dal minimizzare i pericoli di una pandemia. Tra le altre cose, la dimensione del tempo è enormemente compressa a confronto con il cambiamento climatico: le conseguenze del riscaldamento globale ci vorranno decenni perché entrino in scena, dando agli interessi dei combustibili fossili tutto il tempo per far soldi e scappare, mentre noi stiamo già vedendo dopo poche settimane le conseguenze catastrofiche del negazionismo del virus.

È vero, ci possono essere alcuni miliardari che si immaginano che negare la crisi giocherà a loro vantaggio finanziario. Appena prima che Trump avanzasse la sua terrificante richiesta di una riapertura della nazione a Pasqua, aveva avuto una teleconferenza con un gruppo di operatori finanziari, che gli avevano detto che porre fine al ‘distanziamento sociale’ sarebbe stato positivo per il mercato. È una cosa pazzesca, ma non si dovrebbe mai sottostimare la cupidigia di questa gente. Si ricordi, Steve Schwarzman di Blackstone, uno degli individui della teleconferenza, una volta paragonò le proposte di chiusura di una scappatoia fiscale all’invasione della Polonia da parte di Hitler.

Inoltre, i miliardari si sono trovati benissimo con i tagli delle tasse di Trump, e possono aver timore che il danno economico del coronavirus possa determinare una sconfitta di Trump, e quindi aumenti delle tasse per quelli come loro.

Eppure ho il sospetto che la risposta disastrosa al Covid-19 sia stata meno determinata dall’interesse diretto, e piuttosto da due modi indiretti nei quali la politica della pandemia finisce col collegarsi alla prevalenza generale delle idee zombi nel pensiero della destra.

Il primo, quando si ha un movimento politico quasi interamente costruito attorno ad affermazioni che ogni esperto può dirvi che sono false, si deve coltivare l’inclinazione al disprezzo verso la competenza, in un modo tale che si estenda su ogni aspetto. Una volta che rimuovete le persone che guardano alle prove sugli effetti dei tagli fiscali e sugli effetti delle emissioni dei gas serra, siete già pronti a scartare le persone che osservano le prove sulla trasmissione di una malattia.

Questo anche contribuisce a spiegare la centralità, nel conservatorismo attuale, dei conservatori religiosi che hanno in odio la scienza, che ha giocato un ruolo importante nella incapacità di Trump a dare una risposta.

Il secondo, i conservatori hanno davvero una radicata convinzione: precisamente, che ci sia una sorta di ‘effetto di alone’ nelle politiche pubbliche che hanno successo. Se l’intervento pubblico può essere efficace in un’area, temono – probabilmente a ragione – che gli elettori possano guardare con favore all’intervento del governo in altre aree. In linea di principio, le misure sanitarie pubbliche per limitare la diffusione del coronavirus non è necessario che abbiano molte implicazioni con il futuro dei programmi sociali come Medicaid. In pratica, le prime tendono ad aumentare il sostegno alle seconde.

Di conseguenza, la destra spesso si oppone agli interventi governativi anche quando essi servono chiaramente al bene pubblico e non hanno niente a che fare con la redistribuzione del reddito, semplicemente perché non vogliono che gli elettori constatino che il Governo sta facendo qualcosa di buono.

La morale della favola è che, come in molte cose. Trump e ciò che è terribile nell’uomo alla Casa Bianca non ci raccontano l’intera storia di ciò che sta dietro una politica terribile. È vero, è ignorante, incompetente, vendicativo e completamente sprovvisto di empatia. Ma i suoi fallimenti nella politica della pandemia sono molto dovuti, oltre che alla sua personale inadeguatezza, alla natura del movimento di cui è al servizio.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"