Altri Economisti » Selezione della Settimana

Carneficina americana, di J. Bradford DeLong (da Project Syndicate, 29 aprile 2020)

 

Apr 29, 2020

American Carnage

BRADFORD DELONG

zz 533

BERKELEY – On April 23, 2020, the United States crossed the threshold of 50,000 confirmed COVID-19 deaths, making it the world’s worst-hit region. The US has half the population of continental Europe, but three-quarters as many daily deaths.

I am not an epidemiologist. But if I had to guess, I would say that after correcting for undercounting, the true number of US deaths that can be attributed to the coronavirus is closer to 75,000. Meanwhile, other countries have managed to put the daily number of new cases on a downward trajectory. If they keep it up, within a few months, they will reach the point where they can keep the virus more or less contained through vigilant testing, contact tracing, and isolation measures.

As of April 28, the daily COVID-19 death toll in Italy and Spain had fallen from above 700 to around 350. GermanyCanada, and Turkey appear to be turning the corner, with less than 200 deaths per day. Ireland’s daily toll looks unlikely to exceed 60 for now. Japan is at around 20 per day, Austria is at 12, and Denmark is at 10. Countries with single-digit daily death tolls include Norway and Greece (four), Australia (three), and New Zealand and South Korea. And no one is dying in Hong Kong.

As for the US, new confirmed cases per day have remained at around 30,000 for three weeks now, while COVID-19 tests administered per day have hovered at around 150,000 (with roughly 20% consistently coming back positive). The US thus appears to have stopped the epidemic’s acceleration within its borders: the average number of new cases stemming from each infected individual (R[t]) is no longer much greater than one.

But the ratio is not yet less than one. So, rather than fading away, the epidemic is chugging along at a steady pace.

In the absence of a vaccine, epidemiologists estimate that around 70% of Americans (230 million people) would need to be infected before the population has achieved herd immunity. If the virus turns out to have a 1% mortality rate, the eventual death toll would not be 50,000-75,000, but rather 2.3 million. And that is assuming that the US health-care system holds up under the strain of new cases. If it doesn’t, the death rate will rise from 1%, but to what? 2%? 3%? 5%? If it were 3%, the final nationwide death toll would be nearly seven million.

By contrast, if the epidemic was on the decline, we could begin to plan for what follows society-wide lockdowns: mass testing for the virus and its antibodies to determine who may already be immune. Those who are deemed resistant to the virus could perhaps receive green wristbands or some kind of digital token. They could be put to work doing essential jobs that involve human contact, while those who are still susceptible to infection would stay at home, wear face masks in public and keep six feet apart from others, wash their hands and wipe down surfaces frequently, and so on.

In this next stage, employment and the economy could begin to recover, and new cases would be kept down. The coronavirus will always represent a tragedy for the loved ones of the deceased, but in aggregate terms, it would become more of an annoyance – a risk to minimize until a vaccine arrives.

Unfortunately, America is nowhere near this more hopeful scenario. The epidemic in the US is not on the decline, and the Trump administration has given no indication that it will have the crisis under control within the foreseeable future. Instead, US President Donald Trump’s confidant and bagman, Rudy Giuliani, has dismissed the necessary testing-and-tracing protocol as “ridiculous.”

Worse, at a recent press conference, Trump himself suggested that the virus might by treated by injecting poisonous household chemicals, or by irradiating oneself with ultraviolet light (which happens to be how the behavior-altering parasites are killed in the 1967 Star Trek episode “Operation – Annihilate!”).

In response to these absurd utterances, mainstream media outlets such as the New York Times initially continued to abet Trump’s deadly rumor-mongering by implying that only “some experts” consider his quack musings to be dangerous. The Times later felt compelled to clarify that, in fact, no experts would argue otherwise.

Trump also reportedly greenlit a plan proposed by Georgia’s Republican governor to reopen that state’s economy. He has since backpedaled, arguing that it is “too soon” for a reopening, but the message to his political base has already sunk in.

Republican Governor Kristi Noem of South Dakota, a state that is quickly rising in the rankings of COVID-19 cases per million, claims that social distancing does not work, because “99% of infections” are happening not in workplaces but in people’s homes. Noem has denounced those in other states who would “give up their liberties for just a little bit of security.”

Like the US political system, the American public sphere is broken. Sadly, with Senate Republicans having already decided this past February that Trump’s high crimes and misdemeanors do not warrant removal from office, the US lost the last chance it had for sound, rational policymaking.

For now, the epidemic will grind on, claiming around 4,000 lives per day and sending the unemployment rate up to an unprecedented 20%. With a 1% mortality rate, 4,000 deaths each day means 400,000 new people per day encounter the virus and begin developing at least temporary resistance to it, which means that we will come 0.2% closer to herd immunity each day. In the meantime, things could change, perhaps for the better, but more likely for the worse.

 

Carneficina americana,

di J. Bradford DeLong

 

BERKELEY – Il 23 aprile del 2020, gli Stati Uniti hanno oltrepassato la soglia delle 50.000 morti confermate per Covid-19, che li rende la regione maggiormente colpita al mondo. Gli Stati Uniti hanno la metà della popolazione dell’Europa continentale, ma tre quarti di morti giornaliere.

Io non sono un epidemiologo. Ma se dovessi fare una supposizione, direi che dopo aver corretto i calcoli sottostimati, il vero numero delle morti statunitensi che possono essere attribuite al coronavirus è più vicino ai 75.000. Nel frattempo, altri paesi sono riusciti a collocare il numero dei nuovi casi in una traiettoria discendente. Se continueranno così, in pochi mesi, arriveranno al punto in cui possono mantenere il virus più o meno contenuto attraverso una vigile attività di test, di tracciamento dei contatti e di misure di isolamento.

Il 28 aprile, il bilancio delle vittime giornaliere del Covid-19 in Italia e Spagna è sceso da più di 700 a circa 350 casi. La Germania, il Canada e la Turchia sembrano aver girato l’angolo, con meno di 200 morti al giorno. Il Giappone è a circa 20 al giorno, l’Austria a 12 e la Danimarca a 10. I paesi con un bilancio delle vittime giornaliero ad una cifra comprendono la Norvegia e la Grecia (quattro), l’Australia (tre), la Nuova Zelanda e la Corea del Sud. E ad Hong Kong non sta morendo nessuno.

Quanto agli Stati Uniti, i nuovi casi confermati ogni giorno restano attorno a 30.000 da tre settimane, mentre i test per il Covid-19 somministrati giornalmente sono stazionari a circa 150.000 (con grosso modo un 20% di casi che risultano stabilmente positivi). Sembra quindi che gli Stati Uniti abbiano fermato l’accelerazione dell’epidemia all’interno dei loro confini: il numero medio dei nuovi casi provocati da ciascun individuo infetto (R[t]) non è più molto superiore ad uno.

Ma il rapporto non è ancora inferiore a uno. Dunque, anziché affievolirsi, l’epidemia avanza lentamente con un passo regolare.

In assenza di un vaccino, gli epidemiologi stimano che sarebbe necessario che circa il 70% degli americani (230 milioni di persone) si infettino, prima che la popolazione realizzi una immunità di gregge. Se si scoprisse che il virus ha un tasso di mortalità dell’1%, il bilancio finale delle vittime non sarebbe di 50.000-75.000, ma circa di 2 milioni e 300 mila. E questo nell’ipotesi che il sistema della assistenza sanitaria statunitense regga alla tensione dei nuovi casi. Se non accadesse, il tasso di letalità crescerebbe dall’1% … ma sino a quanto? 2%? 3%? 5%? Se fosse al 3%, il bilancio finale delle vittime in tutta la nazione sarebbe di circa sette milioni.

All’opposto, se l’epidemia fosse in declino, potremmo cominciare a programmare quello che viene dopo le chiusure per l’intera società: test di massa per il virus e i suoi anticorpi per stabilire chi può già essere immune. Coloro che fossero ritenuti resistenti al virus forse potrebbero ricevere braccialetti verdi o qualche tipo di riconoscimento digitale. Potrebbero essere messi al lavoro svolgendo mansioni essenziali che comportano contatti umani, mentre coloro che fossero suscettibili di infezione starebbero a casa, indosserebbero in pubblico le mascherine e si terrebbero lontani dagli altri di due metri, si laverebbero le mani e pulirebbero le superfici frequentemente, e così via.

Nello stadio successivo, l’occupazione e l’economia potrebbero cominciare a ripartire, e i nuovi casi sarebbero tenuti bassi. Il coronavirus rappresenterà sempre una tragedia per le persone care dei deceduti, ma in termini aggregati, diventerebbe più che altro un fastidio – un rischio da minimizzare sino a che non arriva un vaccino.

Sfortunatamente, l’America è tutt’altro che vicina a questo auspicabile scenario. L’epidemia negli Stati Uniti non è in declino e l’Amministrazione Trump non ha dato alcun segno che avrà sotto controllo la crisi in un tempo prevedibile. Piuttosto, il confidente e portaborse di Donald Trump Rudy Giuliani, ha liquidato ha liquidato il necessario protocollo sui test e sui tracciamenti come “ridicolo”.

Peggio ancora, in una recente conferenza, Trump stesso ha suggerito che il virus potrebbe essere trattato iniettando comuni velenosi prodotti chimici, oppure irradiandosi con la luce ultravioletta (che si dà il caso sia il modo in cui i parassiti che modificano il comportamento vengono uccisi nell’episodio del 1967 di Star TrekOperazione – Annientamento!”).

In risposta a queste assurde affermazioni, agenzia mediatiche principali come il New York Times inizialmente hanno insistito a favorire il letale spargimento di dicerie da parte di Trump insinuando che soltanto “alcuni esperti” considerano che le sue riflessioni da ciarlatano siano pericolose. Successivamente il Times si è sentito costretto a chiarire che, di fatto, nessun esperto la pensa diversamente.

Secondo quanto si riferisce, Trump ha anche dato il via libera a un piano del Governatore repubblicano della Georgia per la riapertura delle attività economiche dello Stato. Dopodiché ha fatto marcia indietro, sostenendo che è “troppo presto” per una riapertura, ma il messaggio era già stato assorbito dalla sua base politica.

Il Governatore repubblicano del Sud Dakota Kristi Noem, uno Stato che sta rapidamente salendo nelle classifiche dei casi per milione del Covid-19, sostiene che il distanziamento sociale non funziona, perché il “99% delle infezioni” avvengono non nei luoghi di lavoro ma nelle case della gente. Noem ha denunciato coloro che negli altri Stati vorrebbero “rinunciare alle loro libertà soltanto per un briciolo di sicurezza”.

Come il sistema politico degli Stati Uniti, anche la sfera pubblica americana è guasta. Con i repubblicani del Senato che hanno già deciso nel passato febbraio che i gravi crimini e i reati minori di Trump non giustificano la rimozione dalla carica, gli Stati Uniti hanno tristemente perso l’ultima possibilità che avevano per una gestione della politica sana e razionale.

A questo punto, l’epidemia si trascinerà, pretendendo circa 4.000 vite al giorno e spedendo il tasso di disoccupazione ad un inedito 20%. Con un tasso di mortalità all’1%, 4.000 morti al giorno significano che ogni giorno 400.000 nuove persone si imbattono nel virus e cominciano a sviluppare una resistenza almeno temporanea ad esso, il che significa che ogni giorno ci avvicineremo dello 0,2% all’immunità di gregge. Nel frattempo, le cose potrebbero cambiare, forse in meglio, ma più probabilmente in peggio.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"