Altri Economisti » Selezione della Settimana

La cupa verità del “modello svedese”, di Hans Bergstrom (da Project Syndicate, 17 aprile 2020)

 

Apr 17, 2020

The Grim Truth About the “Swedish Model”

HANS BERGSTROM

zz 825

STOCKHOLM – Does Sweden’s decision to spurn a national lockdown offer a distinct way to fight COVID-19 while maintaining an open society? The country’s unorthodox response to the coronavirus is popular at home and has won praise in some quarters abroad. But it also has contributed to one of the world’s highest COVID-19 death rates, exceeding that of the United States.

In Stockholm, bars and restaurants are filled with people enjoying the spring sun after a long, dark winter. Schools and gyms are open. Swedish officials have offered public-health advice but have imposed few sanctions. No official guidelines recommend that people wear masks.

During the pandemic’s early stages, the government and most commentators proudly embraced this “Swedish model,” claiming that it was built on Swedes’ uniquely high levels of “trust” in institutions. Prime Minister Stefan Löfven made a point of appealing to Swedes’ self-discipline, expecting them to act responsibly without requiring orders from authorities.

According to the World Values Survey, Swedes do tend to display a unique combination of trust in public institutions and extreme individualism. As sociologist Lars Trägårdh has put it, every Swede carries his own policeman on his shoulder.

But let’s not turn causality on its head. The government did not consciously design a Swedish model for confronting the pandemic based on trust in the population’s ingrained sense of civic responsibility. Rather, actions were shaped by bureaucrats and then defended after the fact as a testament to Swedish virtue.

In practice, the core task of managing the outbreak fell to a single man: state epidemiologist Anders Tegnell at the National Institute of Public Health. Tegnell approached the crisis with his own set of strong convictions about the virus, believing that it would not spread from China, and later, that it would be enough to trace individual cases coming from abroad. Hence, the thousands of Swedish families returning from late-February skiing in the Italian Alps were strongly advised to return to work and school if not visibly sick, even if family members were infected. Tegnell argued that there were no signs of community transmission in Sweden, and therefore no need for more general mitigation measures. Despite Italy’s experience, Swedish ski resorts remained open for vacationing and partying Stockholmers.

Between the lines, Tegnell indicated that eschewing draconian policies to stop the spread of the virus would enable Sweden gradually to achieve herd immunity. This strategy, he stressed, would be more sustainable for society.

Through it all, Sweden’s government remained passive. That partly reflects a unique feature of the country’s political system: a strong separation of powers between central government ministries and independent agencies. And, in “the fog of war,” it was also convenient for Löfven to let Tegnell’s agency take charge. Its seeming confidence in what it was doing enabled the government to offload responsibility during weeks of uncertainty. Moreover, Löfven likely wanted to demonstrate his trust in “science and facts,” by not – like US President Donald Trump – challenging his experts.

It should be noted, though, that the state epidemiologist’s policy choice has been strongly criticized by independent experts in Sweden. Some 22 of the country’s most prominent professors in infectious diseases and epidemiology published a commentary in Dagens Nyheter calling on Tegnell to resign and appealing to the government to take a different course of action.

By mid-March, and with wide community spread, Löfven was forced to take a more active role. Since then, the government has been playing catch-up. From March 29, it prohibited public gatherings of more than 50 people, down from 500, and added sanctions for noncompliance. Then, from April 1, it barred visits to nursing homes, after it had become clear that the virus had hit around half of Stockholm’s facilities for the elderly.

Sweden’s approach turned out to be misguided for at least three reasons. However virtuous Swedes may be, there will always be free riders in any society, and when it comes to a highly contagious disease, it doesn’t take many to cause major harm. Moreover, Swedish authorities only gradually became aware of the possibility of asymptomatic transmission, and that infected individuals are most contagious before they start showing symptoms. And, third, the composition of the Swedish population has changed.

After years of extremely high immigration from Africa and the Middle East, 25% of Sweden’s population – 2.6 million of a total population of 10.2 million – is of recent non-Swedish descent. The share is even higher in the Stockholm region. Immigrants from Somalia, Iraq, Syria, and Afghanistan are highly overrepresented among COVID-19 deaths. This has been attributed partly to a lack of information in immigrants’ languages. But a more important factor seems to be the housing density in some immigrant-heavy suburbs, enhanced by closer physical proximity between generations.

It is too soon for a full reckoning of the effects of the “Swedish model.” The COVID-19 death rate is nine times higher than in Finland, nearly five times higher than in Norway, and more than twice as high as in Denmark. To some degree, the numbers might reflect Sweden’s much larger immigrant population, but the stark disparities with its Nordic neighbors are nonetheless striking. Denmark, Norway, and Finland all imposed rigid lockdown policies early on, with strong, active political leadership.

Now that COVID-19 is running rampant through nursing homes and other communities, the Swedish government has had to backpedal. Others who may be tempted by the “Swedish model” should understand that a defining feature of it is a higher death toll.

 

La cupa verità del “modello svedese”,

di Hans Bergstrom [1]

 

STOCCOLMA – La decisione della Svezia di rifiutare con sdegno un blocco della nazione offre un modo diverso di combattere il Covid-19, mantenendo la società aperta? La risposta non ortodossa al coronavirus è popolare nel paese e ha riscosso elogi in alcuni ambienti all’estero. Ma essa ha anche contribuito ad uno dei più alti tassi di mortalità del Covid-19 nel mondo, superando quello degli Stati Uniti.

A Stoccolma i bar e i ristoranti sono pieni di persone che si godono il sole primaverile dopo un inverno lungo e buio. Le scuole e le palestre sono aperte. Le autorità svedesi hanno offerto consigli di sanità pubblica ma hanno imposto poche sanzioni. Nessuna direttiva ufficiale raccomanda alla gente di indossare mascherine.

Durante i primi stadi della pandemia, il Governo e la maggioranza dei commentatori hanno abbracciato orgogliosamente questo “modello svedese”, sostenendo che esso si fondava sui livelli singolarmente alti di fiducia nelle istituzioni e l’uno nell’altro. Il Primo Ministro Stefan Löfven ha insistito nell’appellarsi alla “auto disciplina” degli svedesi, aspettandosi che essi agissero responsabilmente senza bisogno di ordini dalle autorità.

Secondo il Sondaggio sui Valori nel Mondo, in effetti gli svedesi tendono a manifestare una combinazione unica di fiducia nelle istituzioni pubbliche e di estremo individualismo. Come si è espresso il sociologo Lars Trägårdh, ogni svedese porta il proprio poliziotto sulla sua spalla.

Ma cerchiamo di non capovolgere il rapporto di causa ed effetto. Il Governo non ha volutamente concepito un modello svedese nel combattere la pandemia basandosi sulla fiducia nel radicato senso di responsabilità civica della popolazione. Piuttosto, le azioni sono state stabilite da burocrati e poi difese a cose fatte come una testimonianza della virtù svedese.

In pratica, l’intero compito di gestire l’epidemia è ricaduto su un solo uomo: l’epidemiologo dello stato presso l’Istituto Nazionale di Salute Pubblica Anders Tegnell. Tegnell ha affrontato la crisi con il suo personale complesso di convinzioni sul virus, credendo che esso non si sarebbe diffuso dalla Cina e, più tardi, che sarebbe stato sufficiente tracciare i casi individuali che provenivano dall’estero. Di conseguenza, le migliaia di famiglia svedesi di ritorno dallo sci sulle Alpi italiane alla fine di febbraio vennero fortemente consigliate di tornare al lavoro e a scuola se non visibilmente ammalate, anche se componenti della famiglia fossero infetti. Tegnell sosteneva che non c’era alcuni segno di trasmissione all’interno della comunità in Svezia, e di conseguenza nessun bisogno di misure di mitigazione più generali. Nonostante l’esperienza dell’Italia, i villaggi turistici svedesi dello sci rimasero aperti per le vacanze e per i festeggiamenti degli abitanti di Stoccolma.

Tra le righe, Tegnell indicava che rifuggendo da politiche draconiane per fermare la diffusione del virus avrebbe consentito agli svedesi di realizzare gradualmente la loro immunità di gregge. Questa strategia, sottolineava, sarebbe stata più sostenibile per la società.

Nonostante tutto, il Governo svedese è rimasto passivo. Questo in parte riflette una caratteristica unica del sistema politico del paese: una forte separazione di poteri tra i ministri del governo centrale e le agenzie indipendenti. E, nella “nebbia della guerra”, era anche conveniente da parte di Löfven consentire che l’agenzia di Tegnell se ne facesse carico. La sua apparente fiducia in quello che essa stava facendo consentiva al Governo di scaricarsi di responsabilità, durante settimane di incertezza. Inoltre, Löfven probabilmente voleva dimostrare la sua fiducia “nella scienza e nei fatti”, non sfidando – come il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump – i suoi esperti.

Tuttavia, si dovrebbe notare che la scelta politica dell’epidemiologo dello stato è stata fortemente criticata in Svezia da esperti indipendenti.  Qualcosa come 22 tra i più eminenti professori del paese in malattie infettive e in epidemiologia hanno pubblicato un commento su Dagens Nyheter chiedendo che Tegnell si dimettesse e appellandosi al governo perché prendesse un diverso indirizzo.

Verso la metà di marzo, e in presenza di una ampia diffusione nella comunità, Löfven è stato costretto ad assumere un ruolo più attivo. Da allora, il Governo ha cercato di rimettersi al passo. Dal 29 di marzo ha proibito assembramenti pubblici di più di 50 persone, dalle 500 precedenti, ed ha aggiunto sanzioni per gli inadempienti. Poi, dal primo di aprile, ha vietato le visite alle residenze per gli anziani, dopo che era diventato chiaro che il virus aveva colpito circa la metà delle strutture per gli anziani di Stoccolma.

L’approccio svedese è risultato sbagliato per almeno tre ragioni. Per quanto possano essere virtuosi gli svedesi, in ogni società ci saranno sempre coloro che se ne approfittano, e quando si arriva a malattie altamente contagiose, ciò non impedisce che si provochino gravi danni a molti. Inoltre, le autorità svedesi sono diventate solo gradualmente consapevoli della possibilità della trasmissione asintomatica, e che le persone infette erano maggiormente contagiose prima che cominciassero a mostrare sintomi. E, in terzo luogo, la composizione della popolazione svedese è mutata.

Dopo anni di immigrazione estremamente elevata dall’Africa e da Medio Oriente, il 25% della popolazione della Svezia – 2,6 milioni si un totale di popolazione di 10,2 milioni – è di recente discendenza non svedese. La quota è persino più elevata nella regione di Stoccolma. Gli immigrati dalla Somalia, dall’Iraq, dalla Siria e dall’Afghanistan sono ampiamente sovra rappresentati tra i morti per Covid-19. Questo in parte è stato attribuito ad una mancanza di informazione nelle lingue degli immigrati. Ma un fattore più importante sembra sia la densità negli alloggi in alcuni quartieri periferici con elevata immigrazione, accresciuto dalla più stretta prossimità fisica tra le generazioni.

È troppo presto per una stima completa degli effetti del “modello svedese”. Il tasso di mortalità del Covid-19 è nove volte più alto che in Finlandia, quasi cinque volte più alto che in Norvegia, e più del doppio della Danimarca. In qualche misura, i numeri potrebbero riflettere la molto più ampia popolazione immigrata, ma l’estrema disparità con i suoi vicini nordici è nondimeno impressionante. La Danimarca, la Norvegia e la Finlandia hanno tutte imposto dall’inizio rigide politiche di isolamento, assieme ad una energica, attiva direzione politica.

Ora che il Covid-19 sta correndo incontrollato nelle residenze per gli anziani e in altre comunità, il Governo svedese ha dovuto fare marcia indietro. Altri che potessero essere tentati dal “modello svedese” dovrebbero comprendere che il suo tratto distintivo è un bilancio delle vittime più elevato.

 

 

 

 

 

 

[1]Hans Bergstrom è professore di Scienze Politiche all’Università di Gothenburg e membro della Royal Swedish Academy di Scienze Ingegneristiche.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"