Altri Economisti » Selezione della Settimana

La duplice recessione americana, di Laura Tyson e Lenny Mendonica (da Project Syndicate, 12 agosto 2020)

 

Aug 12, 2020

America’s Dual Recession

LAURA TYSONLENNY MENDONCA

zzz 32   zzz 33

 

 

 

 

 

BERKELEY – Americans heading into the fall and the new school year are grappling with interrelated upheavals in health, the economy, family life, and race relations. The COVID-19 crisis is falling hardest on the most vulnerable: people of color, people with disabilities, immigrants, women, the less educated, and other workers trapped in precarious, non-standard, and low-wage jobs without health insurance or benefits. Worse, the jobs susceptible to the pandemic-induced recession overlap with those that will be susceptible to accelerating digitization and automation as the economy recovers.

All of this points to a “dual” recession in which America’s “haves” suffer a much softer blow than its “have-nots.” At the beginning of 2020, workers earning less than the hourly median wage comprised an estimated 44% of all workers, despite record-low unemployment rates and rising wages at the bottom of the income distribution (owing largely to many states’ minimum-wage increases). Low-wage workers are twice as likely as middle- and high-wage workers to have no more than a high school diploma. Around 54% are women and 45% are people of color, who are overrepresented relative to their share of the total workforce.

Low-wage workers are concentrated in labor-intensive, in-person leisure, hospitality, retail services, and transportation, all of which have collapsed as a result of lockdowns and social distancing. At the same time, the pandemic has fueled the demand for digital services, which have mitigated job losses for those with a college education or higher. In June, the unemployment rate for those with a high-school education was 12.1% compared to 6.9% for those with a college education. Surveys from mid-April show that about half of all Americans who are usually employed are now working from home, but high-income workers are six times more likely than low-wage workers to be able to do so. Among low-wage workers who are still employed, many are in essential but high-risk sectors such as meatpacking and food processing.

The pandemic is not only further polarizing the US labor market, it is also imposing costs disproportionately on the most at-risk populations. According to one recent report, 56% of black families, compared to just 44% of white families, experienced job or income losses between March and May. Similarly, deaths from the virus itself have been disproportionately higher in black and brown communities.

Across the country, many workers are facing the impossible choice of caring for their children or showing up at their essential but low-paying jobs. And with fall school plans in flux, childcare is quickly falling back on women, threatening to set back decades of progress in closing gender pay and opportunity gaps.

Reversing the pandemic’s economic injustices and addressing the glaring structural inequalities it has exposed will require a sustainable and inclusive recovery based on good jobs for all workers. The first priority is to roll out an immediate COVID-19 containment and recovery plan that will restore demand for labor. Even optimistic forecasts do not foresee a return to 2019 employment levels until 2022. There is every reason to expect that many of the lost jobs – perhaps as many as 40% – will never come back. In the short to medium term, the tragic paradox is that employment opportunities are both too few and pay too little.

Second, the US desperately needs to strengthen its social safety net and improve the conditions for low-wage workers through a combination of higher minimum wages, Earned Income Tax Credits, and Medicaid expansion in all states. Third, training and active-labor-market policies are needed to connect workers to better future job opportunities. In an ideal world, former low-wage workers would re-enter the economy in high-wage skilled jobs.

To be sure, upskilling 44% of the American workforce cannot happen overnight. But we already know the core characteristics of successful training programs: strong links to local employers and communities; a focus on specific sectors and occupations; screening to match applicants with target occupations; and individualized services for program completion and job success. The task is to make these programs affordable while also including wrap-around assistance like counseling and childcare.

Many states and cities are already developing successful workforce training models. A total of 31 states participate in the Skillful State Network, and are increasing apprenticeships and skills-training programs based on local economic conditions. In San Antonio,Project QUEST helps under-skilled adults – 68% of whom are women, and 66% Latino – earn post-secondary credentials, and then connects them to well-paid job opportunities in strong sectors of the local economy (health care, manufacturing and trades, information technology). In 2018-19, program graduates increased their annual wage by 203%. And according to one recent study, participants’ wages continued to rise for nine years after finishing the program.

Similarly, the employer-led UpSkill Houston is combining skills training and community college programs to equip potential workers for employment in key local sectors including petrochemicals; industrial and commercial construction; health care; and the port, maritime, and logistics industries. Most of these jobs require technical skills training, not a four-year college degree.

Community colleges are by far the most important providers of such training. Already, 17 states (Republican- and Democratic-leaning alike) have introduced some form of “tuition-free” community college, and another 12 states have similar legislation pending. Former Vice President Joe Biden, the presumptive Democratic presidential nominee, has proposed a federal-state partnership to provide tuition-free community college for up to two years. He also wants to commit $50 billion to support workforce training programs; develop short-term degrees through industry, union, and community-college partnerships; and expand the Registered Apprenticeship Program.

The upheaval in work caused by the pandemic is accelerating the transition from an industrial to a digital economy. That means digital skills training will be essential for most good jobs in the future. The United States therefore has a choice: it can go digital with even higher levels of inequality than it already has, resulting in a dysfunctional and unsustainable “dual” economy, or it can invest in its workers so that today’s “bad” jobs can become tomorrow’s good jobs.

 

 La duplice recessione americana,

di Laura Tyson e Lenny Mendonica

 BERKELEY – Gli americani che vanno verso l’autunno e il nuovo anno scolastico sono alle prese con sconvolgimenti interconnessi che riguardano la salute, l’economia, la vita familiare e le relazioni razziali. La crisi del Covid-19 sta precipitando con violenza sui più deboli: le persone di colore, quelle con disabilità, gli immigrati, le donne, i meno istruiti ed altri lavoratori intrappolati in posti di lavoro precari, irregolari e con bassi salari senza assicurazione o sussidi sanitari.  Peggio ancora, i posti di lavoro sensibili alla recessione indotta dalla pandemia si sovrappongono a quelli suscettibili di accelerare le digitalizzazione e l’automazione al momento in cui l’economia si riprenderà.

Tutto questo mette in evidenza una recessione “duale” nella quale gli “abbienti” dell’America patiscono un colpo molto più leggero dei “non abbienti”. Agli inizi del 2020, i lavoratori che guadagnano meno del salario orario mediano comprendevano un 44% stimato di tutti i lavoratori, nonostante tassi di disoccupazione da record e salari crescenti nelle zone più basse della distribuzione del reddito (dovuti in gran parte agli aumenti dei minimi salariali in molti Stati). I lavoratori con bassi salari è due volte più probabile che abbiano non più che un diploma di scuola superiore di quelli con salari medi o alti. Circa il 54% sono donne ed il 45% sono persone di colore, che in relazione alla loro quota della forza lavoro complessiva sono sovrarappresentati.

I lavoratori con bassi salari sono concentrati nei servizi ad alta intensità di lavoro, nel tempo libero personale, nell’accoglienza, nei servizi delle vendite al dettaglio e nei trasporti, che sono tutti crollati in conseguenza dei lockdown e del distanziamento sociale. Allo stesso tempo, la pandemia ha alimentato la domanda di servizi digitali, che hanno mitigato le perdite di posti di lavoro per coloro che hanno una istruzione di livello universitario o più elevata. A giugno, il tasso di disoccupazione per coloro con una istruzione da scuola superiore era al 12,1 per cento al confronto con un 6,9 per cento per coloro con un’istruzione universitaria. I sondaggi dalla metà di aprile mostrano che circa la metà di tutti gli americani che sono solitamente occupati stanno adesso lavorando da casa, ma i lavoratori con alti redditi è sei volte più probabile che lo facciano di quelli con salari bassi. Tra i lavoratori a basso reddito che sono ancora occupati, molti sono nei settori essenziali ma ad alto rischio come la lavorazione delle carni e la produzione di alimenti.

La pandemia non sta soltanto ulteriormente polarizzando il mercato del lavoro, sta anche imponendo costi sproporzionati alle popolazioni con rischi più elevati. Secondo un recente rapporto, il 55% delle famiglie di colore, al confronto con solo il 44% delle famiglie bianche, tra marzo e maggio hanno conosciuto perdite di posti di lavoro o di reddito. In modo simile, le morti per il virus sono state sproporzionatamente più elevate per le comunità nere e dalla pelle scura [1].

In tutto il paese, molti lavoratori sono di fronte ad una scelta impossibile tra la cura dei loro figli ed il presentarsi nei loro posti di lavoro essenziali ma scarsamente retribuiti. E con i programmi scolastici autunnali in divenire, la cura dei figli sta rapidamente ricadendo sulle donne, minacciando di riportare indietro di decenni il progresso nella interruzione delle paghe di genere e dei divari di opportunità.

Invertire le ingiustizie della economia pandemica ed affrontare le lampanti ineguaglianze strutturali che essa ha messo in evidenza richiederà una ripresa sostenibile ed inclusiva basata su buoni posti di lavoro per tutti i lavoratori. La prima priorità è presentare un immediato programma per il contenimento del Covid-19 e la ripresa che ripristini la domanda di lavoro. Anche le previsioni ottimistiche non immaginano un ritorno ai livelli di occupazione del 2019 sino al 2022. Ci sono tutte le ragioni per aspettarsi che molti dei posti di lavoro perduti – forse il 40% – non tornerà. Nel breve e nel medio termine, il tragico paradosso è che le opportunità di occupazione sono troppo poche e pagate troppo modestamente.

In secondo luogo, gli Stati Uniti hanno disperatamente bisogno di rafforzare le proprie reti di sicurezza sociale e di migliorare le condizioni dei lavotatori con bassi salari attraverso una combinazione di più elevati minimi salariali, di crediti di imposta sui redditi da lavoro e di espansione di Medicaid in tutti gli Stati. In terzo luogo, sono necessarie politiche formative e di un mercato del lavoro attivo per mettere in collegamento i lavoratori con migliori opportunità di lavoro future. In uno scenario ideale, i precedenti lavoratori con bassi salari dovrebbero rientrare nell’economia in posti di lavoro qualificati con salari elevati.

Certamente, elevare la qualificazione del 44% della forza lavoro americana non potrà avvenire notte tempo. Eppure già oggi conosciamo le caratteristiche centrali dei programmi di formazione di successo: forti collegamenti con i datori di lavoro locali e con le comunità; una concentrazione su settori e su occupazioni specifiche; fare una selezione per abbinare i candidati con gli obbiettivi occupazionali e servizi individualizzati per il completamento dei programmi e buoni risultati nei posti di lavoro. L’obbiettivo è rendere questi programmi sostenibili mentre si includono anche una assistenza su più lati come la consulenza assistenziale e la cura dei bambini.

Molti Stati e città stanno già sviluppando modelli di formazione della forza lavoro di successo. Un complesso di 31 Stati partecipano alla Skillfull State Network [2], e stanno aumentando programmi di apprendistato e di formazione professionale basati sulle condizioni economiche locali. A San Antonio, il Progetto di Ricerca aiuta gli adulti con scarsa professionalità – il 68% dei quali sono donne e il 66% latinoamericani –  ad ottenere credenziali successive alle scuole secondarie, e poi li collega con opportunità di posti di lavoro ben pagati nei settori forti dell’economa locale (assistenza sanitaria, manifatture e commercio, tecnologie dell’informazione). Nel 2018-19, i laureati del programma hanno aumentato il loro salario annuale del 203%. E secondo uno studio recente, i salari dei partecipanti continueranno a crescere per nove anni dopo il termine del programma.

In modo simile, lo Houston UpSkill [3] sta combinando la formazione professionale ed i programmi della università pubblica per attrezzare lavoratori potenziali in settori locali cruciali inclusi quelli della petrolchimica; delle costruzioni industriali e commerciali; dell’assistenza sanitaria e delle attività portuali, marittime e logistiche. Molti di questi posti di lavoro richiedono formazione di competenze tecniche e non richiedono una laurea quadriennale.

Le università pubbliche sono tutt’altro che i fornitori più importanti di tale formazione. Già 17 Stati (di orientamento sia democratico che repubblicano) hanno introdotto alcune forme di corsi “senza rette universitarie” ed altri 12 Stati sono in attesa di una legislazione simile. Il passato Vice Presidente Joe Biden ha proposto una collaborazione federale e statale per fornire corsi universitari senza rette sino a due anni. Egli intende anche impegnare 50 miliardi di dollari di sostegno ai programmi della formazione della forza lavoro; per sviluppare lauree ‘brevi’ attraverso l’industria, il sindacato, e la collaborazione delle università pubbliche; ed ampliare il Programma dell’Apprendistato Professionale.

Lo sconvolgimento del lavoro provocato dalla pandemia sta accelerando la transizione da una economia industriale ad un’economia digitale. Questo comporta che la formazione alle competenze digitali sarà essenziale per la maggior parte dei buoni posti di lavoro del futuro. Di conseguenza gli Stati Uniti sono dinanzi ad una scelta: possono divenire digitali con livelli persino più elevati di ineguaglianza di quelli che già hanno, in conseguenza di una economia “duale” non funzionale e non sostenibile, oppure possono investire nei propri lavoratori in modo che i “cativi” posti di lavoro odierni possano divenire buoni nel domani.

 

 

 

 

 

 

[1] Come indicatore razziale la pelle semplicemente ‘scura’ – e non ‘nera’ – sembra sia indicativa di una grande area geografica che include popolazioni dall’Asia meridionale all’Africa settentrionale e dall’Oceano Atlantico al Pacifico. Wikipedia.

[2] Un traduzione letterale, mi pare, sarebbe: Sistema dello Stato Abile, nel senso di formato, sapiente.

[3] Traduzione: Miglioramento delle Competenze di Houston.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"