Altri Economisti » Selezione della Settimana

Come Biden può creare buoni posti di lavoro, di Dani Rodrik (da Project Syndicate, 8 dicembre 2020)

 

Dec 8, 2020

How Biden Can Create Good Jobs

DANI RODRIK

zz 142

CAMBRIDGE – The COVID-19 pandemic will leave the US economy with a deeply scarred labor market. More than 20 million jobs have been lost during the crisis, and only half have been regained. Not surprisingly, job losses have hit disadvantaged and less educated workers especially hard.

This aggravates a pre-existing trend. Long before the pandemic, the US labor market was becoming increasingly polarized. Good, middle-class jobs had been disappearing for decades, owing to automation, deindustrialization, global competition, and the advent of the “gig economy.”

To restore the health of America’s economy, society, and polity, President-elect Joe Biden’s administration must answer a straightforward question: “Where will the good jobs come from?”

Good jobs require specific skills and can be created only by productive firms. Creating good jobs in ample quantities therefore requires addressing both the supply and the demand sides of the problem.

On the supply side, workers must be equipped with the hard and soft skills that productive firms require. On the demand side, there must be a large enough segment of smaller and medium-size firms that are both productive and able to expand employment.

The last few decades are proof that markets alone will not solve the problem. Governments at all levels must be actively involved. The good news is that we have accumulated considerable evidence about the type of programs that actually work.

On the skill-building front, so-called “sectoral training programs” have been especially successful. These programs go beyond traditional training: they are tightly coordinated with employers and provide skills customized to the needs of specific industries, such as health care or information technology. Workers enrolled in the programs receive a variety of “wrap-around” services, ranging from childcare to job placement, in addition to training and certification.

The best known of these programs is Project QUEST in San Antonio, Texas, which has been in operation since the 1990s. There are many others that operate on the same model, such as Per Scholas in the Bronx, New York, and JVS in Boston. Such sectoral training programs have been shown to increase disadvantaged workers’ earnings by more than 20% on average at a relatively low cost.

Likewise, we have considerable experience on the demand side to guide us. Tax incentives and open-ended investment subsidies can attract firms to lagging regions, but they are not particularly effective. They are expensive and often waste public resources on projects that would have been realized anyway.

What works much better, as Tim Bartik of the Upjohn Institute has shown, is to provide customized business or infrastructure services – such as management and technology advice, a skilled workforce, or local land development – to local firms. Tailored to the needs of specific firms, assistance of this kind can help them become more productive and expand employment capacity by overcoming the particular constraints they face. These programs require building relationships between local firms and prospective investors who understand their needs, as well as a capacity to respond quickly and effectively.

So much for the good news. The bad news is that these successful worker and firm-centered initiatives currently operate at very small scale. Sectoral training programs are typically operated by community groups or non-governmental agencies, and limited funding, as well as a lack of interest from state and federal agencies, prevents them from being scaled up. As a result, the workers they serve number in the thousands instead of the millions that need to be reached.

Similarly, customized business service programs are severely underfunded. Bartik estimates that firms receive $47 billion annually in state and federal tax incentives for investment. By contrast, total annual spending on customized training and manufacturing extension services, which is far more effective in terms of job creation, amounts to only around $1 billion.

A second problem is that programs that are centered on workers and firms are often not well coordinated. Even though sectoral training programs are built around a “dual-customer” approach that serves employers as well as employees, their ability to influence firms’ employment policies – including technology adoption and human-resources practices – remains limited. And firm-centered policies can overlook local employment needs if they focus too much on other objectives, such as innovation through new technologies and export competitiveness.

Effective programs to create good jobs are tailored to specific communities’ needs and must be driven by local leadership. But the federal government can also play a major role. It can underwrite a massive boost in funding for such programs and encourage states and localities to engage in more experimentation along the lines of successful programs elsewhere. There is thus a huge opportunity here for the Biden administration.

Biden has promised to raise the federal minimum wage and to encourage greater unionization. Beyond these important measures, his plans rely heavily on tax incentives. Under his proposals, companies that increase employment in the United States would get tax credits, while those that invest abroad and boost imports would face tax penalties. He also intends to increase federal spending on goods made domestically and boost spending on government research and development.

These tax incentive, procurement, and innovation plans are expected to cost several hundred billion dollars. A significant increase in locally developed and managed programs to create good jobs would be a pittance in comparison. The Biden administration should go further, by building on such programs’ demonstrated successes and making them the cornerstone of his strategy to rebuild America.

 

Come Biden può creare buoni posti di lavoro,

di Dani Rodrik

 

CAMBRIDGE – L’epidemia del Covid-19 lascerà l’economia statunitense con profonde ferite sul mercato del lavoro. Durante le crisi sono stati persi più di 20 milioni di posti di lavoro, e solo la metà sono stati riguadagnati. Non sorprendentemente, le perdite di posti di lavoro hanno colpito con particolare durezza i lavoratori più svantaggiati e meno istruiti.

Questo aggrava una tendenza preesistente. Molto prima della pandemia, il mercato del lavoro statunitense stava diventando sempre più polarizzato. I buoni posti di lavoro della classe media erano venuti scomparendo da decenni, a seguito dell’automazione, della deindustrializzazione, della competizione globale e dell’avvento dell’ “economia del precariato”.

Per ripristinare la salute dell’economia, della società e del sistema di governo americano, il Presidente eletto Joe Biden deve rispondere ad una semplice domanda: “Da dove verranno i buoni posti di lavoro?”

I buoni posti di lavoro richiedono competenze e possono essere creati solo da aziende produttive. Di conseguenza, creare buoni posti di lavoro in grandi dimensioni richiede di affrontare il problema sia dal lato dell’offerta che della domanda.

Sul lato dell’offerta, i lavoratori devono essere attrezzati delle competenze pesanti e leggere che le imprese produttive richiedono. Dal lato della domanda, ci deve essere un segmento sufficientemente largo di imprese di piccole e medie dimensioni che siano sia produttive che capaci di espandere l’occupazione.

Glu ultimi decenni sono la prova che i mercati da soli non risolveranno il problema. Devono essere coinvolti attivamente i Governi a tutti i livelli. La buona notiia è che abbiamo accumulato esperienze rilevanti sul genere di programmi che effettivamente funzionano.

Sul lato della costruzione delle competenze, i cosiddetti “programmi di formazione settoriale” hanno avuto particolare successo. Questi programmi vanno oltre la formazione tradizionale: sono strettamente coordinati con gli imprenditori e forniscono competenze su misura dei bisogni di specifici settori, come l’assistenza sanitaria o la tecnologia dell’informazione. I lavoratori iscritti ai programmi ricevono una varietà di servizi ‘multifunzionali’ che spaziano dalla assistenza ai bambini alla collocazione al lavoro, in aggiunta alla formazione ed alla certificazione.

Il più noto di questi programmi è il Progetto QUEST a San Antonio, Texas, che è stato in funzione sino dagli anni ’90. Ce ne sono molti altri che operano sullo stesso modello, come il Per Scholas nel Bronx, a New York, e il JVS a Boston. È stato dimostrato che tali programmi di formazione settoriale incrementano i guadagni dei lavoratori svantaggiati, in media, di più del 20% a costi relativamente bassi.

Analogamente, abbiamo una esperienza considerevole che ci guida sul lato della domanda. Gli incentivi fiscali e i sussidi senza restrizioni agli investimenti possono attrarre le imprese di regioni in ritardo, ma non sono particolarmente efficaci. Sono costosi e spesso sprecano risorse pubbliche su progetti che sarebbero stati realizzati in ogni caso.

Quello che funziona meglio, come ha dimostrato Tim Bartik dell’Upjohn Insistute, è fornire alle imprese locali attività personalizzate o servizi infrastrutturali – come una consulenza gestionale o tecnologica, una forza lavoro competente, oppure uno sviluppo territoriale locale. Adattata ai bisogni di specifiche imprese, una assistenza di questo tipo le può aiutare a divenire più produttive e ad espandere la capacità occupazionale superando le limitazioni particolari che esse affrontano. Questi programmi richiedono la costruzione di una cooperazione tra le imprese locali e gli investitori potenziali che capiscono i loro bisogni, così come la capacità di dare risposte rapide ed efficaci.

Tutto questo per quanto riguarda le buone notizie. La cattiva notizia è che queste iniziative di successo per i lavoratori e centrate sulle imprese attualmente operano su scala molto ridotta. I programmi di formazione settoriale sono tipicamente gestiti da gruppi di comunità o da agenzie non-governative, e i finanziamenti limitati, così come una mancanza di interesse da parte delle agenzie degli Stati e federali, impediscono che si amplino. Di conseguenza, sono al servizio di un numero di lavoratori nell’ordine delle migliaia, anziché dei milioni che è necessario raggiungere.

In modo simile, i programmi di servizio per attività su misura sono gravemente sotto finanziati. Bartik stima che le imprese ricevono annualmente 47 miliardi di dollari in incentivi fiscali degli Stati e federali per gli investimenti. All’opposto, la spesa annuale totale sulla formazione e l’ampliamento dei servizi personalizzati al settore manifatturiero, che sono di gran lunga più efficaci in termini di creazione di posti di lavoro, corrisponde in totale a solo 1 miliardo di dollari.

Un secondo problema è che i programmi che sono centrati sui lavoratori e sulle imprese spesso non sono ben coordinati. Anche se i programmi di formazione settoriale sono costruiti sulla base di un approccio da “doppio-cliente”, al servizio dei datori di lavoro come degli impiegati, la loro capacità di influenzare le politiche occupazionali delle imprese – includendo l’adozione di tecnologie e le pratiche di risorse umane – resta limitata. E le politiche centrate sulle imprese possono trascurare i bisogni della occupazione locale se si concentrano troppo su altri obbiettivi, come l’innovazione attraverso le tecnologie e la competitività nell’esportazione.

I programmi efficaci per creare buoni posti di lavoro sono fatti su misura di specifiche comunità e devono essere guidati da dirigenze locali. Ma anche il Governo federale può giocare un ruolo importante. Esso può coprire un incoraggiamento massiccio nel finanziamento di tali programmi e incoraggiare gli Stati e le comunità locali ad impegnarsi in una sperimentazione maggiore sulla base dei programmi di successo in altri luoghi. Quindi in questo caso c’è una vasta opportunità per la Amministrazione Biden.

Biden ha promesso di elevare il salario minimo federale e di incoraggiare una maggiore sindacalizzazione. Oltre queste misure importanti, i suoi programmi si basano grandemente su incentivi fiscali. Secondo le sue proposte, le società che aumentano l’occupazione negli Stati Uniti otterrebbero crediti fiscali, mentre coloro che investono all’estero e incoraggiano le importazioni si misurerebbero con penalizzazioni fiscali. Egli intende anche accrescere la spesa federale sui beni prodotti all’interno e incoraggiare la spesa governativa sulla ricerca e sviluppo.

Questi incentivi fiscali, approvvigionamenti e programmi di innovazione ci si aspetta che costino varie centinaia di miliardi di dollari. Un significativo aumento nei programmi promossi e gestiti localmente per creare buoni posti di lavoro sarebbe, al confronto, un’inezia. L’Amministrazione Biden dovrebbe andare oltre, investendo sui provati successi di tali programmi e facendo di essi il fondamento della strategia per ricostruire l’America.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"