Altri Economisti » Selezione della Settimana

É inevitabile che il Labour all’opposizione non sarà un campione di liberalismo sociale, Di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Mcaro, 29 dicembre 2020)

 

Tuesday, 29 December 2020

It is inevitable that Labour in opposition will not be a champion of social liberalism

 Simon Wren-Lewis

z 700

Trump has been defeated, but only just. Trump, that most ludicrous and destructive of US presidents, still won 46.8% of the vote. More importantly, the number of votes between Biden and Trump in the Electoral College was very small. Voters still turned out for a Repubican party that backed Trump all the way. Perhaps worst of all, the aftermath of the election showed that the Republican party backed Trump’s attempts to overturn democracy. What Republicans do on a smaller scale with gerrymandering they are happy to do at a national level. The future of the US is still very uncertain when one of the two main parties does not respect democracy.

The Conservative party in the UK is only beginning down that particular route, with its plans for voter ID. Yet do they need to rig elections, having ruled for more than twice as many years as Labour since 1979? (To put it very simply, while in the UK the opposition to the right had just one election winner in Blair, in the US they had Clinton and Obama and now Biden.) More particularly, UK Conservatives by following the US strategy of right wing populism based on social conservatism seem to have a winning formula under the FPTP system.

Labour has two structural disadvantages in General Elections. First, it is one of three socially liberal UK wide parties and two socially liberal parties in Wales and Scotland. Second, social conservatives benefit significantly from the FPTP system, because social liberals are concentrated in the cities. The 2019 election was a clear demonstration of that structural disadvantage: when an election is fought on social issues Labour loses badly.

Many on the left dismiss this social conservatism, reflected particularly in dislike of immigration, as reflecting racism or xenophobia. However social conservatism is more general than that. It is in large part a reaction to the tremendous success social liberalism has enjoyed since the 1960s. I discussed this at length in this post from a year ago, and a recent tweet from @cakeylaura gives a personal illustration of what I mean. But my post had a title that was weakly justified by its contents. Is it really true that in all cases Labour should argue for social liberalism?

Socially conservative views reflect the left behind in the sense that they are out of tune with both the law and the broadcast media. Conservative MPs are far more socially liberal than their supporters, which is why we have socially liberal laws. The media is populated by younger university educated people who reflect today’s social liberal attitudes. This combination, over the last 60 years or so, has meant that social conservatives have been overwhelmed. As that earlier post pointed out aggregate attitudes have become more liberal. (Demographics help as well, of course.)

If that was the end of the story, then the resistance to socially liberal views expressed at the ballot box would be weak. However most of our newspapers reflect a different world, geared to the more socially conservative views of most of their readership. This socially conservative media both reinforces and organises social conservatives. Brexit is the exemplar of this, and is why views on Brexit were impervious to economic realities.

The left talked a lot about the left behind after the Brexit vote, but typically they meant the economically left behind. While undoubtedly there was an element of that, research suggests the left behind were more those who hadn’t kept pace with society’s social liberalism. Outside the cities, the south voted for Brexit as much as the North.

The key role played by the Brexit press in reinforcing and organising social conservatism makes it very hard for Labour to change minds. Perhaps for this reason the strategy that Labour has followed since Blair has involved appeasement rather than persuasion. The way to win elections, so this argument goes, is to make any election about economic (or more recently competence) issues, rather than social issues. The best thing Labour can therefore do is dodge alienating the Red Wall voter, and that seems to be Starmer’s strategy. On its own that is not enough, as Miliband’s defeat showed, so you need something positive to put to the electorate. Corbyn did that in 2017, but still lost. Can Starmer do better?

The alternative suggested by the title of my earlier post is for Labour to argue for social liberalism. The point I made in that post is that attitudes have changed over time, so it is possible to persuade on social liberal issues, particularly where they intersect with economics. More favourable public attitudes to immigration in the last few years is a clear example. Obviously social liberals would like to believe the main social liberal party can stand up for their beliefs, but how much of that is wishful thinking?

Again the role of the right wing press is crucial. The recent trend to more positive views on immigration will reflect in part the absence since 2016 of negative stories about immigrants in the press. The power of the right wing press to mobilise on particular issues when their government is in power should never be underestimated. Compared to articles in newspapers that are read every day, how can Labour politicians persuade on social issues when they get at best a soundbite on the main news?

I think it is important to distinguish between Labour in government and Labour in opposition. Governments get considerable exposure in the broadcast media, and so it is possible to believe that they can provide a counter-argument to the right wing press on social issues. In opposition it is much harder. While Labour should argue for social liberalism while in government, to do so in opposition would seem to be a recipe for worthy failure.

There is a third argument, in between persuasion and appeasement, which has been recently put by Timothy Garton Ash in a recent Prospect article. He writes

“What follows from this analysis is that, where possible, we need to slow down the rate of change to one that most human natures can bear, while preserving the overall liberal direction of travel…..This means, for example, limiting immigration, securing frontiers, and strengthening a sense of community, trust and reciprocity inside them.”

I have strong doubts about this. It might make sense with immigration, but is it tolerable when it comes to enforcing rights and tackling discrimination? Even with immigration, I continue to argue it was newspaper coverage of immigration rather than its scale that raised concerns about immigration.

So it seems inevitable that without a progressive alliance and with a FPTP system biased towards social conservatism, it is bound to be the case that Labour will be forced to appease the Red Wall voter. That is why the leadership will vote for the Brexit deal, and why it will dodge all the socially conservative traps that the Conservative government puts in its path. When the marginal voter is socially conservative, that is what you have to do.

While this strategy avoids an almost certain loss at the next election, it is fraught with danger. If Labour seems to be adopting Blue Labour ideas, that risks alienating its own supporters sufficiently for them to abstain or vote for other social liberal parties. Even if the leadership manages this difficult balancing act, the right wing press can still suggest that at its heart Labour is now the party of social liberals, which of course is true. Labour’s positive message on competence or the economy may fail to attract voters sufficiently to counteract voters socially conservative inclinations.

Just because the path is fraught with danger does not mean a better one exists. It may be the case that, with FPTP biased towards social conservative voters and competition for the social liberal vote, it is just highly unlikely that over the next decade or more that the Conservatives can be defeated. In the long run demographics are on Labour’s side, but that is not going to ride to the rescue anytime soon.

 

É inevitabile che il Labour all’opposizione non sarà un campione di liberalismo sociale,

Di Simon Wren-Lewis

 

Trump è stato sconfitto, ma solo di misura. Trump, tra i Presidenti degli Stati Uniti quello più più grottesco e distruttivo, si è tuttavia aggiudicato il 46,8% dei voti. Ancora più importante, il numero dei voti che separano Biden e Trump nel Collegio Elettorale è stato assai modesto. I votanti sono ancora finiti al Partito Repubblicano che ha appoggiato Trump in tutti i modi. Forse la cosa peggiore, l’indomani delle elezioni hanno mostrato che il Partito Repubblicano ha appoggiato i tentativi di Trump di sovvertire la democrazia. Quello che i repubblicani fanno su piccola scala con la definizione truffaldina dei distretti elettorali, sono ben lieti di farlo al livello nazionale. Il futuro degli Stati Uniti è ancora molto incerto quando uno dei due principali partiti non rispetta la democrazia.

Il Partito Conservatore del Regno Unito ha solo cominciato a incamminarsi su quel particolare indirizzo, con i suoi progetti per la carta d’identità dell’elettore. Tuttavia, hanno bisogno di manipolare le elezioni, avendo governato dal 1979 più del doppio degli anni del Labour (per dirla molto semplicemente, mentre nel Regno Unito l’opposizione alla destra ha vinto una sola elezione con Blair, negli Stati Uniti ha avuto Clinton, Obama e adesso Biden)? Più precisamente, i conservatori britannici con il sistema uninominale secco e seguendo la strategia statunitense del populismo di destra basato sul conservatorismo sociale, sembra abbiano la formula vincente.

Il Labour ha due svantaggi strutturali nelle elezioni generali. Il primo, esso è uno dei tre ampi partiti social liberali del Regno Unito e dei due partiti social liberali in Galles e in Scozia [1]. Il secondo, i conservatori sociali si avvantaggiano in modo significativo dal sistema uninominale secco, giacché i social liberali sono concentrate nelle città. Le elezioni del 2019 sono state una chiara dimostrazione di questo svantaggio strutturale: quando una elezione è combattuta sui temi sociali il Labour perde malamente.

Molti a sinistra liquidano il social conservatorismo, riflesso in particolare nella avversione all’immigrazione, che a sua volta riflette il razzismo o la xenofobia. Tuttavia il social conservatorismo è qualcosa di più generale. É in larga parte una reazione all’eccezionale successo di cui godette il social liberalismo a partire dagli anni ’90. Io discussi questo ampiamente in un post di un anno fa, e un recente tweet di @cakeylaura offre una illustrazione personale di quello che intendevo. Ma il mio post aveva un titolo poco giustificato per i suoi contenuti. È realmente vero che in tutti i casi il Labour dovrebbe sostenere il social liberalismo?

I punti di vista socialmente conservatori riflettono coloro che sono stati lasciati indietro nel senso che non sono in sintonia sia con le leggi che con i media radiotelevisivi. I parlamentari conservatori sono molto più social liberali dei loro sostenitori, che è la ragione per la quale abbiamo leggi socialmente liberali. I media sono frequentati da persone più giovani con una istruzione universitaria che riflettono le inclinazioni odierne social liberali. Questa combinazione, nel corso grosso modo degli ultimi 60 anni, ha comportato che i social conservatori sono stati sopraffatti. Come indicavo in quel primo post le inclinazioni complessive son diventate più liberali (ovviamente anche la demografia aiuta).

Se la storia finisse lì, allora la resistenza ai punti di vista social liberali espresse nelle urne sarebbe debole. Tuttavia la maggioranza dei nostri giornali riflettono un mondo diverso, orientato verso punti di vista più socialmente conservatori della maggioranza dei suoi lettori. I media social conservatori assieme rafforzano ed organizzano i social conservatori. La Brexit ne è l’esempio, ed è la ragione per la quale le opinioni sulla Brexit sono state impermeabili alle realtà economiche.

Dopo il voto sulla Brexit, a sinistra si è parlato molto di coloro che erano rimasti indietro, ma di solito si intendeva rimasti indietro economicamente. Mentre indubbiamente in parte c’è stato anche questo, gli approfondimenti mostrano che i trascurati erano coloro che non avevano retto il passo con il social liberalismo della società. Fuori dalle città, il Sud votò per la Brexit altrettanto del Nord.

Il ruolo centrale giocato dalla stampa favorevole alla Brexit nel rafforzare ed organizzare il social conservatorismo rende molto difficile al Labour cambiare mentalità. Forse per questa ragione la strategia che il Labour ha seguito a partire da Blair ha riguardato la riconciliazione piuttosto che la persuasione. Secondo tale logica, la strada per vincere le elezioni è fare in modo che ogni elezione riguardi i temi (o più recentemente la competenza) economici, piuttosto che i temi sociali. La cosa migliore che il Labour può di conseguenza fare  è evitare l’alienazione dei votanti della Muraglia Rossa [2], ed è quello che sembra essere la strategia di Starmer [3]. Questo, di per sé, non è sufficiente, come dimostrò a sconfitta di Miliband , dunque c’è bisogno di qualcosa di positivo da trasmettere all’elettorato. Corbyn lo fece nel 2017, ma perse anche in quel caso. Può far meglio Starmer?

L’alterntiva suggerita dal titolo del mio post precedente è che il Labour sostenga il social liberalismo. L’argomento che sostenevo in quel post era che nel corso del tempo gli orientamenti erano cambiati, dunque era possibile essere persuasivi su tematiche social liberali, in particolare quando esse si intersecano con l’economia. Un chiaro esempio sono gli orientamenti pubblici più favorevoli al’immigrazione negli ultimi anni. Ovviamente ai social liberal piacerebbe credere che il principale partito social liberale possa battersi per i loro convincimenti, ma quanto questo è ottimistico?

Ancora una volta il ruolo della stampa di destra è cruciale. La recente tendenza verso orientamenti più positivi sull’immigrazone è probabile rifletta in parte l’assenza dal 2016 di racconti negativi sugli immigrati nella stampa. Il potere della stampa di destra di mobilitare su temi particolari quando è al potere il loro Governo non dovrebbe essere sottovalutato. A confronto con articoli sui giornali che vengono letti ogni giorno, come possono i politici del Labour essere persuasivi sui temi sociali quando nel migliore dei casi ottengono una citazione sulla notizia principale?

Penso che sia importante distinguere tra il Labour al governo e il Labour all’opposizione. Il Governo ottiene una considerevole pubblicità nei media radiotelevisivi, e quindi è possibile credere che esso possa fornire una contro argomentazione sui temi sociali alla stampa della destra. Dall’opposizione è molto più difficile. Mentre il Labour dovrebbe usare argomenti per il social liberalismo quando è al Governo, farlo dall’opposizione pare una ricetta per un sicuro fallimento.

C’è un terzo argomento, una via di mezzo tra persuasione e atteggiamento conciliatorio, che è stato di recente avanzato da Timthy Garton Ash in un recente articolo su Prospect. Ha scritto: “Quello che deriva da questa analisi è che, laddove possibile, abbiamo bisogno di attenuare il tasso di cambiamento a quanto la maggior parte degli esseri umani possono sopportare, nel mentre si conserva un indirizzo complessivo del tragitto liberale … Questo significa, per esempio, limitare l’immigrazione, assicurare le frontiere e rafforzare un senso di comunità di fiducia e di reciprocità all’interno di esse”.

Su questo ho forti dubbi. Potrebbe aver senso con l’immigrazione, ma è tollerabile quando si arriva ai temi di far rispettare i diritti e di contrastare le discriminazioni? Anche nel caso dell’immigrazione, io continuo a sostenere che sono stati i resoconti dei giornali sull’immigrazione, piuttosto che la sua dimensione che hanno fatto crescere le preoccupazioni sul fenomeno.

Dunque sembra inevitabile che senza una alleanza progressista e con un sistema elettorale uninominale secco che favorisce il social conservatorismo, sia inevitabile che il Labour sia costretto a riconciliarsi con gli elettori della Muraglia Rossa. Che questa sia la ragione per la quale il gruppo dirigente voterà a favore dell’accordo sulla Brexit, e per la quale scanserà tutte le trappole social conservatori che il Governo della destra collocherà sul suo cammino. Quando l’elettore marginale è social conservatore, è questo che si deve fare.

Se questa strategia evita una quasi certa perdita alle prossime elezioni, essa è densa di pericoli. Se il Labour sembra venga adottando idee  da Blue Labour [4], ciò rischia di alienargli gli stessi suoi sostenitori abbastanza da farli astenere o da votare per altri partiti social liberali. Anche se il gruppo dirigente gestisce questo difficile processo di bilanciamento, la stampa di destra suggerirà ancora che al suo cuore il Labour è oggi il partito dei social liberali, il che paraltro è vero. Il messaggio positivo del Labour sulla competenza sull’economia può non riuscire ad attrarre a sufficienza elettori per reagire alle inclinazioni social conservative dell’elettorato.

Solo perchè la strada è densa di pericoli non significa che ce ne sia un’altra migliore. Può accadere che, con il sistema uninominale secco che favorisce gli elettori social conservatori e con la competizione per il voto social liberale, sia solo altamente improbabile che nei prossimi dieci anni o più i conservatori possano essere sconfitti. Nel lungo periodo la demografia è dalla parte del Labour, ma la demografia non è destinata ad arrivare in soccorso in tempo breve.

 

 

 

 

 

[1] Suppongo significhi che l’orientamento sia sociale che liberale dei laburisti nel Regno Unito si affianca ad un analogo orientamento social liberale del Partito Liberal Democratico e dei Verdi, che nelle ultime elezioni europee del 2019 hanno rispettivamente raggiunto il 19,58% e l’11% dei voti. Ma non capisco perché questi partiti di ispirazione social liberale diventino solo due in Galles e Scozia, dove anche sono presenti tutti e tre i partiti (laburista, liberal democratico e verde).

[2] Nel linguaggio politico  inglese per Muraglia Rossa (“Red Wall”) si intende il ‘cuore’ elettorale del partito laburista, che ha le sue basi principali  nelle Midlands, nello Yorkshire, nel Nord Est del Galles e nell’Inghilterra del Nord.  Come si vede nella seguente cartina:

zzz 80

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[3] Sir Keir Rodney Starmer è un avvocato e politico britannico, deputato alla Camera dei Comuni dal 2015; dal 4 aprile 2020 è capo del Partito Laburista e leader dell’opposizione parlamentare. Wikipedia

zzz 81

 

 

 

 

 

 

 

[4] Il Blue Labour è una corrente del Partito Laburista, indicativa della natura piuttosto complicata degli orientamenti politici in quel partito e in quel paese. Venne lanciato nel 2009 da un professore dell’Università Metropolitana di Londra, Maruice Glasman. In pratica, esso si indirizza verso una ricetta maggiormente conservatrice rispetto alle tradizioni del Labour, ad esempio in materia di immigrazione e di politica internazionale (è favorevole ad una certa de-globalizzazione, per difendere i lavoratori britannici dalla concorrenza dei bassi salari asiatici, accompagnata da un atteggiamento critico verso il consumismo). Ma questo indirizzo si accompagna ad una sorta di nostalgia per le vecche tradizioni laburiste, di scetticismo sul mercato, di mutualismo e di volontariato. Una presa di distanza sia dal New Labour di Blair che dagli orientamenti anti neoliberisti di Gordon Brown. Quindi, tra l’altro, una forte cautela nei confronti dei diritti sessuali, ed anche una sostanziale approvazione di una linea di separazione dal ‘burocratismo’ europeo.

Da notare che di recente Glasman ha espresso elogi nei confronti nel nuovo segretario del partito laburista Keir Starmer.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"