Altri Economisti » Selezione della Settimana

Liberazione, di Jeffrey d. Sachs (da Project Syndicate, 20 gennaio 2021)

 

Jan 20, 2021

Liberation

JEFFREY D. SACHS

Jeffrey Sachs, Professor of economics, leader in sustainable development, senior UN advisor, attends the second day of an international summit of Mayors on "Modern Slavery and Climate Change" on July 21, 2015 at the Vatican. Mayors from around the world have signed a declaration with Pope Francis stating that man-made climate change is real and humanity has a moral imperative to take action. At a two-day summit in the Vatican aimed at spurring efforts to fight global warming following the pope's environment encyclical denouncing the exploitation of the poor and the earth's resources, over 60 mayors pledged to do their part. AFP PHOTO / TIZIANA FABI

NEW YORK – In celebrating the liberation from Donald Trump’s misrule, we must not forget that Trump’s presidency embodied the raw politics of US white supremacy. He often spoke like a segregationist Southern governor of the 1960s, and, after losing the 2020 election, like a secessionist senator on the eve of the Civil War. To sustain the victory over Trump’s destructive politics, we must overcome the racism that brought him to power. That urgent challenge faces not only the United States, but many multiethnic societies around the world.

Trump sold a segment of American society – white, older, less educated, Southern and Western, suburban and rural, evangelical Christian – on the idea that they could reclaim America’s racist past. That group of voters, some 20-25% of American adults, became Trump’s ardent base in the 2016 election. That base was large enough for Trump to capture the Republican Party and then to squeak to victory in the Electoral College, despite losing the popular vote by three million.

Other quirks of American politics enabled Trump’s 2016 win. If a high proportion of Americans voted, as in countries where registration is automatic and voting is encouraged or even mandatory, Trump would not have come close to victory in 2016. But impediments to voting that burden African-Americans, the poor, and the young are a long-standing part of American politics, their purpose being to maintain the political and economic supremacy of wealthy white people. In short, their purpose is to enable the election of the likes of Trump.

Trump’s vulgar politics demonstrated the persistence of his racist appeal to older white evangelicals, and to some younger voters as well, such as those who stormed the Capitol on January 6 and threatened to lynch Vice President Mike Pence for not blocking the certification of Joe Biden’s victory in the Electoral College. Too few pundits emphasized the continuity of Trump’s racist nostalgia with the similar politics of Ronald Reagan, who used the nearly identical slogan – “Let’s Make America Great Again” – for the very same purpose.

Yet racist politics is not only an American problem, though America has been exceptionally affected by it since originating as a slaveholding society. Trump’s political style finds counterparts in other multiethnic countries where racism similarly shapes the structures of power.

Consider Israeli Prime Minister Binyamin Netanyahu, another corrupt and manipulative politician. Netanyahu has held on to power by denigrating Israeli Arabs and denying the most basic justice to the Palestinian people. American white evangelicals have held a deep kinship with the Israeli right, and Trump and Netanyahu have shared the same exclusionary politics.

Or consider Brazil’s Jair Bolsonaro, widely known as the “Trump of the Tropics.” Here, too, the connection with Trump is more than just style and temperament. US white evangelical groups saw in Bolsonaro one of their own and worked assiduously to help him win. Bolsonaro now governs by attacking Afro-Brazilian culture and Brazil’s indigenous populations.

Or consider Trump’s close relationship with Russian President Vladimir Putin. Some claim that Putin has kompromat (compromising material) on Trump. Others see shared financial interests. But another part of the story is obvious political affinity. A major ingredient of Putin’s success has been to remind ethnic Russians that they are the true leaders of Russia’s multiethnic society. Putin’s political embrace of Russian Orthodoxy mirrors Trump’s political embrace of white evangelicalism.

India’s Prime Minister Narendra Modi has been another fulsome admirer of Trump, and the two lavished praise on each other during Trump’s visit to India in 2020. Modi’s base includes far-right Hindu nationalists who preach hate against India’s Muslim-minority population. The Modi government’s military occupation of Muslim-majority Kashmir in 2019 generated little international concern, but offers a stark example of violent ethnic repression for domestic political gain.

Alas, ethnic chauvinism can be found in almost every multiethnic society. It is no accident that Trump actually praised China’s repression of the mainly Muslim Uighur population in Xinjiang province. Likewise, Myanmar’s violent expulsion of the Muslim Rohingya population elicited mainly silence from the Trump administration.

If there is one constant in racist politics around the world, it is this near-universal persecution of indigenous populations. Around the world, indigenous peoples have been robbed of their lands, forced into servitude, brutally killed, and pushed into poverty by late-arriving settlers. Yet this dispossession was never enough for the conquerors. In addition to the infliction of harm, and even genocide, the conquerors also blamed the indigenous peoples for their woes, maligning them as lazy, untrustworthy, and dangerous as their lands were being stolen.

Yet there is also good news. Trump’s defeat, and the overwhelming US public opprobrium that met the Capitol insurrectionists, holds the lesson that we can move beyond our worst instincts, fears, and biases. White racists in America are losing their grip on power, and they know it. The times really are changing. The American people voted Trump out of power. The day before the insurrection, Georgia’s voters elected an African-American and a Jew as US senators – both firsts for the state that came at the expense of two pro-Trump incumbents.

Trump’s departure is therefore an opportunity for a new beginning, not only in the deeply wounded US society, but in multiethnic divided societies everywhere. There is no excuse anywhere to govern by racial hatred and ethnic chauvinism. In the post-Trump era, governments everywhere should expel the hatemongers.

The world should also look back in history to help us move forward. In 1948, in the shadow of the atrocities of World War II, all member states of the new United Nations adopted the Universal Declaration of Human Rights. This magnificent declaration is based on the principle of universal human dignity, “without distinction of any kind, such as race, color, sex, language, religion, political or other opinion, national or social origin, property, birth, or other status.”

The Universal Declaration must be our lodestar. Its 75th anniversary in 2023 is approaching, and we have the means to say no to the haters, the demagogues, and the dividers. Trump left America in a shambles, with 400,000 dead from COVID-19, asking his followers to dispense with face masks. Now that we have instead dispensed with Trump, we can get on with the task of ending the pandemic and healing our deeply divided societies.

 

Liberazione,

di Jeffrey d. Sachs

 

NEW YORK – Nel celebrare la liberazione dal malgoverno di Donald Trump, non dovremmo dimenticare che la Presidenza Trump ha incarnato la cruda politica del suprematismo bianco statunitense. Egli ha spesso parlato come un Governatore segregazionista degli anni ’60, e, dopo aver perso le elezioni del 2020, come un Senatore secessionista all’epoca della Guerra Civile. Per dare sostegno alla vittoria sulle politiche distruttive di Trump, dobbiamo andare oltre il razzismo che l’ha portato al potere. Questa sfida urgente non è solo di fronte agli Stati Uniti, ma a molte società multietniche in tutto il mondo.

Trump è riuscito a convincere un segmento della società americana – i bianchi, i più anziani, i meno istruiti, nel Sud e nell’Ovest, gli abitanti delle periferie e delle campagne, i cristiani evangelici – con l’idea che potevano rivendicare il passato razzista dell’America. Quel gruppo di elettori, qualcosa come il 20-25% degli adulti americani, divenne la base fervente di Trump nelle elezioni del 2016. Quella base è stata sufficientemente ampia per Trump per impadronirsi del Partito Repubblicano e poi per vincere di misura nel Collegio Elettorale, nonostante aver perso nel voto popolare per tre milioni di elettori.

Altre stravaganze della politica americana permisero a Trump di vincere nel 2016. Se una alta proporzione di americani avesse votato nel 2016 come nei paesi nei quali la registrazione è automatica e il voto è incoraggiato o persino obbligatorio, Trump non sarebbe arrivato neanche vicino  a vincere. Ma gli impedimenti al voto che pesano sugli afroamericani, sui poveri e sui giovani sono un aspetto di lunga data della politica americana, la loro funzione essendo quella di mantenere la supremazia politica ed economica dei bianchi ricchi. In breve, la loro funzione è rendere possibile l’elezione di individui come Trump.

La volgare politica di Trump ha dimostrato la persistenza dell’attrazione razzistica nei confronti degli evangelici binchi più anziani, ed anche verso qualche elettore più giovane,  come quelli che hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio ed hanno minacciato di linciare il Vicepresidente Mike Pence per non aver bloccato la certificazione della vittoria di Joe Biden nel Collegio Elettorale. Troppi pochi commentatori hanno messo in rilievo la continuità della nostalgia razzista di Trump con la politica simile di Ronald Reagan, che utilizzò lo slogan quasi identico – “Facciamo nuovamente grande l’America” – per scopi del tutto simili.

Tuttavia la politica razzista non è soltanto un problema americano, sebbene l’America ne sia stata eccezionalmente influenzata date le sue origini in una società schiavistica. Lo stile politico di Trump ha omologhi in altri paesi multietnici dove il razzismo conforma in modo simile le strutture del potere. Si consideri il Primo Ministro di Israele Binjamin Netanyahu, un altro politico corrotto e manipolatorio. Netanyahu si è mantenuto al potere denigrando gli arabi israeliani e negando la più elementare giustizia al popolo palestinese. Gli evangelici bianchi americani hanno stretto una profonda parentela con la destra israeliana, e Trump e Netanyahu hanno condiviso le stesse politiche di esclusione.

Oppure si consideri il brasiliano Jair Bolsonaro, generalmente noto come il “Trump dei Tropici”. Anche nel suo caso, la connessione con Trump non è solo una questione di stile o di temperamento. I gruppi evangelici bianchi degli Stati Uniti hanno visto in Bolsonaro uno di loro ed hanno lavorato assiduamente per aiutarlo a vincere. Adesso Bolsonaro governa attaccando la cultura afrobrasiliana e le popolazioni indigene del Brasile.

Oppure si consideri la stretta relazione di Trump con il Presidente russo Vladimir Putin. Alcuni sostengono che Putin abbia una compromissione materiale (kompromat) con Trump. Altri vedono interessi finanziari comuni. Ma un’altra faccia del racconto è l’evidente affinità politica. Un ingrediente importante del successo di Putin è stato ricordare ai russi etnici che essi sono i veri leader della società multietnica russa. L’abbraccio politico di Putin agli ortodossi russi rispecchia l’abbraccio politico di Trump agli evangelici bianchi.

Il Primo Ministro indiano Narendra Modi è stato un altro smaccato ammiratore di Trump, e i due si sono rivolti generosi elogi durante la visita di Trump in India nel 2020. La base di Modi comprende i nazionalisti indù di estrema destra che predicano l’odio contro la popolazione della minoranza musulmana in India. L’occupazione militare del Governo di Modi del Kashmir a maggioranza musulmana nel 2019 ha provocato poca preoccupazione internazionale, ma ha offerto un crudo esempio di violenta repressione etnica per vantaggi politici interni.

Purtroppo, lo sciovinismo etnico può essere trovato in quasi tutte le società multietniche. Non è una caso che Trump abbia elogiato la repressione cinese della popolazione uigura principalmente musulmana nella provincia del Xinjiang. In modo analogo, l’espulsione violenta nel Myanmar della popolazione musulmana Rohingya ha provocato silenzio da parte della Amministrazione Trump.

Se c’è una costante nella politica razzista in tutto il mondo, è la persecuzione quasi universale delle popolazioni indigene. In tutto il mondo i popoli indigeni sono stati espropriati delle loro terre, costretti alla servitù, brutalmente assassinati e spinti alla povertà dai coloni arrivati per ultimi. Tuttavia questa spoliazione non è mai stata sufficiente per i conquistatori. In aggiunta a provocare il male, e persino il genocidio, i conquistatori hanno anche incolpato le popolazioni indigene per le loro pene, calunniandole come pigre, inaffidabili e pericolose, quando le loro terre venivano espropriate.

Tuttavia c’è anche una buona notizia. La sconfitta di Trump e la schiacciante infamia presso l’opinione pubblica statunitense cui sono andati incontro i rivoltosi del Campidoglio, contiene la lezione che possiamo andare oltre i nostri peggiori istinti, paure e inclinazioni. I razzisti bianchi in America stanno perdendo la loro presa sul potere, e ne sono consapevoli. I tempi stanno realmente cambiando. Il popolo americano ha fatto cadere Trump con il voto. Il giorno prima dell’insurrezione, gli elettori della Georgia hanno eletto un afroamericano e un ebreo come Senatori degli Stati Uniti – entrambi i primi nello Stato che ci sono riusciti a spese dei due favorevoli a Trump che erano in carica.

L’uscita di scena di Trump è dunque un’opportunità per un nuvo inizio, non solo nella società americana profondamente ferita, ma nelle società multietniche divise dappertutto. Da nessuna parte ci possono essere scusanti per governare sulla base dell’odio razziale e dello sciovinismo etnico. Nell’epoca post trumpiana, in ogni luogo i governi dovrebbero espellere i seminatori di odio.

Il mondo dovrebbe ripensare alla storia per aiutarci a andare avanti. Nel 1948, nell’ombra delle atrocità della Seconda Guerra Mondiale, tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite adottarono la Dichiarazione Universale sui Diritti Umani. Questa splendida dichiarazione è basata sul principio della dignità umana universale, “senza distinzione di ogni genere, di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinioni politiche o di altro tipo, di origini nazionali e sociali, di proprietà, di nascita o di altro status”.

La Dichiarazione Universale dovrebbe essere la nostra stella polare. Il suo 75° anniversario nel 2023 si avvicina, e noi abbiamo i mezzi per dire no a coloro che si basano sull’odio e sulle divisioni, ai demagoghi. Trump ha lasciato l’America in un disastro, con 400.000 morti per il Covid-19, chiedendo ai suoi sostenitori di fare a meno delle mascherine. Ora che invece abbiamo fatto a meno di Trump, possiamo procedere con l’obbiettivo di porre fine alla pandemia e di guarire le nostre società profondamente divise.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"