Altri Economisti » Selezione della Settimana

La forma della ripresa globale, di Michael Spence (da Project Syndicate, 17 marzo 2021)

 

Mar 17, 2021

The Shape of Global Recovery

MICHAEL SPENCE

zz 632

MILAN – COVID-19 vaccination programs are gaining momentum as production capacity ramps up, and as disorganized and tentative distribution and administration procedures are replaced by more robust systems. A task of this size will surely encounter additional bumps along the road. But it is now reasonable to expect that vaccines will have been made available to most people in North America by this summer, and to most Europeans by early fall.

As of March 15, Israel has administered more than 100 doses per 100 people, compared to 38 in the United Kingdom, 36 in Chile, 32 in the United States, and 11 in the European Union – and those numbers are rising fast. The rates are relatively lower in Asia and the Pacific, but these countries already largely contained the virus without mass vaccination programs, and their economies have since experienced a rapid recovery.

Meanwhile, lower-income countries on several continents are falling behind, pointing to the need for a more ambitious international effort to provide them with vaccines. As many have noted recently, in our interconnected world, no one is safe until everyone is safe.

Assuming that vaccination continues to pick up globally, the most likely scenario for the economy is a rapid recovery in the second half of this year and into 2022. We should see a partial but sharp reversal of the K-shaped growth patterns that have emerged in pandemic-hit economies.

Specifically, growth in highflying digital and digitally enabled sectors will subside, but not dramatically, because the forced adoption of their services will be tempered by the resumption of in-person activities. At the same time, the sectors that were partly or completely shut down will revive. Major service sectors like retail, hospitality, entertainment, sports, and travel will reopen for an eager public. Industries such as cruise lines will probably institute their own version of a vaccination certificate, with sales rebounding once customers are confident about safety.

All told, this return to previously closed consumption patterns, turbocharged by pent-up demand, will produce a burst of growth in depressed sectors, leading to improved economic performance overall. Unemployment will almost certainly fall, even if permanent changes in living and work patterns reduce employment in some areas. (For example, hybrid work models that lock in pandemic-era remote workplaces may reduce demand for restaurants in city centers.)

To be sure, while massive government programs have buffered the economic shock of the pandemic, hard-hit sectors have nonetheless faced significant losses. Between these transitory reductions on the supply side and the predictable surge in demand, a temporary bout of inflation is possible and perhaps likely. But that is no cause for great concern.

Financial markets are already anticipating these trends. After struggling before the pandemic and being hammered in the early stages of the contraction, many value stocks are staging a comeback. Growth stocks in the digital sector, meanwhile, have experienced a small correction. But this, too, should be temporary. While value stocks will continue to hover above their previous doldrums, digital growth stocks will benefit from the powerful long-term trend toward incremental value creation via intangible assets.

One matter of considerable importance is international travel. Businesses can function on digital platforms for a while, but eventually in-person contact will become essential. Moreover, many economies are heavily dependent on travel and especially tourism, which accounts for 10-11% of GDP in Spain and Italy and as much as 18% of GDP in Greece (and probably more if one counts multipliers).

Compared to many other sectors, travel faces additional headwinds, because it is non-local. The rapid recovery pattern that local service industries can expect once the virus is under control does not strictly apply to travel, especially at the international level. To allow for more travel between countries, both – origin and destination – will need to have made progress in vaccinating their populations and containing the virus. Those who are vaccinated and willing to travel will have to be acceptable to the destination country, perhaps by presenting some kind of certification or vaccine passport.

Complicating matters further, international travel is subject to multi-jurisdictional and somewhat uncoordinated regulation. This, together with imperfect cross-border knowledge about external conditions, will make adjusting to new realities on the ground more difficult.

The current trajectory of vaccination indicates that the global rollout will take considerably longer than the programs in advanced economies. The hope is that once these first movers are done, their leaders will turn their attention to bolstering international cooperation and accelerating vaccine production and deployment in developing countries and some emerging markets.

By that point, the advanced economies will be experiencing a brisk recovery, like China and the other Asian economies that contained the virus early on. The return of high-employment service sectors will fuel a broad-based comeback, producing market shifts in relative value across sectors. Schools will resume full in-person learning, armed with complementary digital tools that may enhance the curriculum and provide resilience for the next shock.

In the second half of 2021 and into 2022, the K-shaped dynamic of the pandemic economy will give way to a multi-speed recovery, with the traditional high-contact sectors taking the lead. The two lingering areas of uncertainty for health and economic outcomes are the pace of the vaccine rollout in the developing world and international cooperation to accelerate the restoration of cross-border travel. But with forward-looking leadership, both issues should be fully manageable.

 

La forma della ripresa globale,

di Michael Spence

 

MILANO – I programmi dela vaccinazione per il Covid-19 stanno guadagnando slancio mentre aumenta la capacità di produzione, e mentre disorganizzate ed esitanti procedure di distribuzione e amministrative sono sostituite da modalità più solide. Un obbiettivo di queste dimensioni incontrerà certamente ulteriori sobbalzi per la strada. Ma a questo punto è ragionevole aspettarsi che i vaccini siano resi disponibili per la maggioranza delle persone del Nord America per questa estate, e per la maggioranza degli europei per gli inizi dell’autunno.

Al 15 marzo, Israele aveva somministrato più di 100 dosi per 100 persone, al confronto di 38 dosi nel Regno Unito, 36 in Cile, 32 negli Stati Uniti e 11 nell’Unione Europea e quei numeri stanno crescendo velocemente. I ritmi sono relativamente più bassi in Asia e nel Pacifico, ma questi paesi hanno già contenuto ampiamente il virus senza programmi di vaccinazione di massa, e le loro economie hanno da allora conosciuto una rapida ripresa.

Nel frattempo, paesi a più basso reddito in vari continenti sono in ritardo, mettendo in evidenza la necessità di uno sforzo internazionale più ambizioso per rifornirli di vaccini. Come hanno notato in molti di recente, nel nostro mondo interconnesso nessuno è sicuro finché tutti non sono sicuri.

Ipotizzando che la vaccinazione cresca globalmente, lo scenario più probabile per l’economia è una rapida ripresa nella seconda metà di quest’anno e nel 2022. Dovremmo vedere una parziale ma brusca inversione dei modelli di crescita a forma di K che sono emersi nelle economie colpite dalla pandemia [1].

In particolare, la crescita nei settori del successo digitale e digitalmente attrezzati calerà, ma non in modo spettacolare, perché l’adozione obbligata dei loro servizi sarà attenuata dalla ripresa delle attività in persona. Allo stesso tempo, i settori che sono stati in parte o in tutto chiusi, si rianimeranno. Saranno riaperti, per un pubblico impaziente, settori come il commercio al dettaglio, l’alberghiero, l’intrattenimento, gli sport e i viaggi. Attività come le linee di crociera probabilmente istituiranno loro proprie versioni dei certificati di vaccinazione, con le vendite che rimbalzeranno una volta che gli utenti saranno fiduciosi della sicurezza.

Ciò detto, questo ritorno a modelli di consumo precedentemente interdetti, con il turbo di una domanda latente, produrrà un esplosione di crescita nei settori depressi, portando ad una prestazione economica migliorata dell’economia nel complesso. La disoccupazione quasi certamente diminuirà, anche se in alcune aree i permanenti cambiamenti nei modi di vita e di lavoro ridurranno l’occupazione (ad esempio, i modelli di lavoro ibridi [2] che fissano posti di lavoro remoti in epoca pandemica possono ridurre la domanda per i ristoranti nei centri cittadini).

Di sicuro, mentre massicci programmi pubblici hanno attenuato il trauma economico della pandemia, nondimeno i settori colpiti duramente hanno fatto fronte a perdite significative. Tra queste transitorie riduzioni dal lato dell’offerta e la prevedibile crescita della domanda, un periodo temporaneo di inflazione è possibile e forse probabile. Ma non è motivo di grande preoccupazione.

I mercati finanziari stanno già anticipando queste tendenze. Dopo aver avuto difficoltà prima della pandemia ed essere stati colpiti nei primi periodi della contrazione, molti titoli di valore stanno mostrando un ritorno. Le azioni in crescita nel settore digitale, nel frattempo hanno conosciuto una piccola correzione. Ma anche questa dovrebbe essere temporanea. Mentre i titoli di valore continueranno a mantenersi sopra la loro precedente depressione, la crescita delle azioni digitali trarrà beneficio dalla poderosa tendenza a lungo termine verso una creazione incrementale di valore con asset immateriali.

Un aspetto di considerevole importanza saranno i viaggi internazionali. Gli affari possono funzionare per un certo periodo su piattaforme digitali, ma alla fine i contatti di persona diventano essenziali. Inoltre, molte economie sono pesantemente dipendenti dai viaggi e in particolare dal turismo, che pesa per il 10-11% del PIL in Spagna e in Italia e per il 18% del PIL in Grecia (e probabilmente di più, se si considerano i moltiplicatori).

Al confronto di molti altri settori, i viaggi affrontano difficoltà aggiuntive, dato che non sono al livello locale. Il rapido schema di ripresa che i settori dei servizi locali possono aspettarsi una volta che il virus sia sotto controllo non si applica esattamente ai viaggi, specialmente al livello internazionale. Per consentire maggiori viaggi tra i paesi, sarà necessario – sia nei paesi di origine che di destinazione – aver fatto progressi nella vaccinazione delle loro popolazioni e nel contenimento del virus. Coloro che sono stati vaccinati e sono disponibili a viaggiare dovranno risultare accettabili al paese di destinazione, forse presentando un qualche genere di certificazione o di passaporto sanitario.

A complicare le cose ulteriormente, i viaggi internazionali sono soggetti a molteplici giurisdizioni e in qualche caso a regolamenti non coordinati. Questo, assieme alla conoscenza imperfetta transnazionale delle condizioni estere, renderà l’adeguamento alle nuove realtà più difficoltoso.

Le attuali tendenze della vaccinazione indicano che il lancio globale prenderà un tempo considerevolmente più lungo di quanto programmato nelle economie avanzate. La speranza è che una volta quelli che coloro che si sono mossi per primi avranno concluso, i loro dirigenti volgeranno la loro attenzione a sostenere la cooperazione internazionale e ad accelerare la produzione dei vaccini e la distribuzione nei paesi in via di sviluppo e in alcuni mercati emergenti.

A quel momento, le economie avanzate staranno sperimentando una ripresa rapida, come la Cina ed altre economie asiatiche che hanno contenuto il virus sin dagli inizi.  La rinascita dei settori dei servizi ad alta occupazione alimenterà un ritorno generalizzato, producendo spostamenti sui mercati dei valori relativi tra i settori. Le scuole riprenderanno l’insegnamento in persona, attrezzate con strumentazioni digitali complementari che possono accrescere l’offerta formativa e fornire resilienza per i prossimi shock.

Nella seconda metà del 2021 sino al 2022, la dinamica a forma di K della economia pandemica aprirà la strada ad una ripresa a molte velocità, con i tradizionali settori ad elevato contatto [3] che prenderanno la guida. Le due persistenti aree di incertezza per la salute e le produzioni economiche sono il ritmo del dispiegamento dei vaccini nel mondo sviluppato e la cooperazione internazionale per accelerare il ripristino dei viaggi transnazionali. Ma con una guida  lungimirante, entrambi i temi dovrebbero essere pienamente gestibili.

 

 

 

 

 

 

[1] Per ripresa a forma di K si intende una ripresa che si biforca in due diverse tendenze e velocità. Che rappresentano i poveri e i ricchi, oppure i settori informatizzati e quelli non informatizzati, o altro ancora.

[2] Ovvero modelli di lavoro che utilizzano in parte il lavoro remoto e in parte la presenza fisica sui luoghi di lavoro.  Pare che gli esperti del settore prevedano soprattutto una espansione di questi modelli misti; la presenza fisica in quanto spesso indispensabile, il lavoro a remoto come una opportunità dii innovazione ed anche di reclutamento di personale.

[3] Suppongo significhi ad elevata promiscuità delle persone fisiche.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"