Altri Economisti » Selezione della Settimana

La Terza Ricostruzione dell’America, di Jeffrey D. Sachs (da Project Syndicate, 30 marzo 2021)

 

Mar 30, 2021

America’s Third Reconstruction

JEFFREY D. SACHS

Jeffrey Sachs, Professor of economics, leader in sustainable development, senior UN advisor, attends the second day of an international summit of Mayors on "Modern Slavery and Climate Change" on July 21, 2015 at the Vatican. Mayors from around the world have signed a declaration with Pope Francis stating that man-made climate change is real and humanity has a moral imperative to take action. At a two-day summit in the Vatican aimed at spurring efforts to fight global warming following the pope's environment encyclical denouncing the exploitation of the poor and the earth's resources, over 60 mayors pledged to do their part. AFP PHOTO / TIZIANA FABI

NEW YORK – America is two cultures in one nation. The first culture brought slavery, the genocide of Native Americans, “Jim Crow” laws enforcing white supremacy, and former President Donald Trump’s bullying, lying, and cruelty, which culminated in the January 6 insurrection at the Capitol. The second culture brought emancipation, the civil rights movement, President Barack Obama, and now the election of Joe Biden. The white supremacist culture – embraced by a shrinking minority in America – has always based its power on violence and voter suppression. This is why the current battle over voting rights is a battle for America’s future.

The battle of the two cultures is now playing out across the country and in Washington, DC. Biden’s victory has stirred white supremacists to double-down on voter suppression. The Republican Party knows that it cannot hold national power in a fair vote. Thus, Republican-controlled state legislatures are enacting new restrictions on voter participation that target non-whites. In Washington, on the other hand, the inclusive culture is advancing in Congress the most significant voting rights reforms since the 1960s, intended to ensure access to polls for all Americans.

Voter suppression is a long-standing instrument of white supremacy in America. The story has been told most vividly by W.E.B. Du Bois in Black Reconstruction in America, published in 1935. Du Bois describes in harrowing and comprehensive terms how African-Americans fought heroically for their freedom in the US Civil War (1861-65) and – through education and hard work – for full emancipation as citizens in the Reconstruction years (1865-77). Yet that emancipation was cruelly cut short by Southern whites’ violence and terrorism, together with the indifference or racism of many Northern whites. At the core of the South’s Jim Crow regime after Reconstruction was the suppression of African-American voting, in flagrant violation of the Constitution.

The civil rights movement of the 1960s gave rise to what is known as the Second Reconstruction, as it aimed once again to reconstruct American democracy by ending Jim Crow. But heroic advances, including the 1964 Civil Rights Act and the 1965 Voting Rights Act, provoked another racist backlash. When Northern Democrats in Congress bucked the opposition of Southern segregationist Democrats to pass the legislation, the Democratic Party split in two, and the Republican Party, led by Richard Nixon, adopted the infamous “Southern Strategy” to win over white racists in the 1968 election.

White Southerners switched from the Democratic to the Republican Party in droves, while the racism itself remained. The Southern Strategy was followed by new tactics for mass voter suppression, this time relying heavily on the mass incarceration of people of color for minor infractions, or often for no real infractions at all, thereby taking away their vote – often for life.

But the white supremacists’ hold on American power is in long-term decline. The 2008 election and 2012 re-election of Obama, and the 2020 election of Vice President Kamala Harris – the first woman and person of color to hold the post – prove the point. In response, Trump brazenly attempted to keep power by subverting the outcome, first by trying to convince state Republican officials to falsify their election tallies, and then by trying to prevent Congress from certifying the results.

As the Brennan Center for Justice at New York University Law School is carefully documenting, Trump’s defeat has led to a wave of voter suppression bills – more than 250 in 43 states – advanced by Republican legislators. The Brennan Center sums it up this way: “These proposed bills will make it harder to vote, target voters of color, and take aim at the very election changes – such as mail voting – that made the 2020 election,” conducted during a pandemic, “not only successful but possible.”

Biden has rightly called the new law by Georgia’s Republican-controlled legislature to restrict voting in the state a clear case of “Jim Crow in the twenty-first century.” Thus, exactly 160 years after southern slave states seceded to preserve and extend slavery and white supremacy, the United States now finds itself in its Third Reconstruction. The first was needed to end slavery; the second to end American apartheid; and the third to end voter suppression and mass incarceration. (One of the leaders of the Third Reconstruction, Reverend William J. Barber II, has written an eponymous book that vividly describes the challenges.)

American racism dies hard, but it is dying. The US House of Representatives has just passed and sent to the Senate the most significant voting rights and political reform legislation since the Voting Rights Act. This legislation, S.1 in the Senate, would create national standards to facilitate voter registration and voting, including early voting and mail voting; enforce federal laws against voter discrimination; and restore voting rights in federal elections to convicted felons who are out of prison. The legislation would also take several important steps to reform campaign financing.

The Senate will soon take up S.1 and the Republican senators representing white supremacy will try to kill it through the filibuster, which requires a bill to win 60 votes rather than a simple majority of 51. This is the same tactic the segregationists used to thwart civil-rights bills until the 1960s, and tried unsuccessfully to use in the 1960s. Their attempt will likely fail again. The Democrats, in the quest to bury white supremacy once and for all, will not sit by idly while racists try again to suppress the votes of people of color. The Senate will most likely change the rules to prevent the filibuster of this crucial legislation in order to ensure that fair voting for all Americans is finally secured – more than 230 years after the adoption of the US Constitution.

 

La Terza Ricostruzione dell’America,

di Jeffrey D. Sachs

 

NEW YORK – L’America sono due culture in una nazione. La prima cultura portò la schiavitù, il genocidio degli americani nativi, le leggi di Jim Crow che rafforzarono la supremazia bianca, e le prepotenze, le bugie e la brutalità del passato Presidente Donald Trump, che sono culminate nell’assalto del 6 gennaio al Campidoglio. La seconda cultura portò l’emancipazione, il movimento dei diritti civili, il Presidente Barak Obama e ora l’elezione di Joe Biden. La cultura suprematista bianca – oggi fatta propria in America da una minoranza che diventa sempre più esigua – ha sempre fondato il suo potere sulla violenza e sulla limitazione dei diritti di voto. Questa è la ragione per la quale l’attuale battaglia sui diritti di voto è una battaglia per il futuro dell’America.

La battaglia tra le due culture si sta ora svolgendo nel paese e a Washington, DC. La vittoria di Biden ha infiammato i suprematisti bianchi nel senso di raddoppiare l’impegno per la limitazione dei diritti di voto. Il Partito Repubblicano sa che in votazioni oneste non può mantenere il potere.  Dunque, le assemblee legislative degli Stati controllati dai repubblicani stanno approvando nuove restrizioni sulla partecipazione degli elettori che sono presi di mira in quanto non-bianchi. D’altro canto, a Washington la cultura inclusiva sta promuovendo nel Congresso le riforme più significative sul diritto di voto dagli anni ’60, nell’obbiettivo di assicurare l’accesso ai seggi a tutti gli americani.

La limitazione del diritto di voto è uno strumento di lunga data della supremazia bianca in America. La storia venne raccontata nel modo più vivido da W.E.B. Du Bois in Ricostruzione nera in America, pubblicato nel 1935. Du Bois descrisse in termini strazianti ed esaurienti come gli afroamericani combatterono eroicamente per la loro libertà nella Guerra Civile statunitense (1861-65) e – attraverso l’istruzione e il lavoro duro – per la piena emancipazione come cittadini negli anni della Ricostruzione (1865-77). Tuttavia quella emancipazione venne crudelmente interrotta dalla violenza dei bianchi del Sud, assieme all’indifferenza o al razzismo di molti bianchi del Nord. Al centro del regime meridionale di Jim Crow [1] dopo la Ricostruzione c’era la limitazione del diritto di voto per gli afroamericani, in flagrante violazione della Costituzione.

Il movimento per i diritti civili degli anni ’60 diede vita a quella che è conosciuta come la Seconda Ricostruzione, dato che essa aveva ancora un volta l’obbiettivo di ricostruire la democrazia americana mettendo fine all’epoca di Jim Crow. Ma i progressi eroici, inclusa la Legge sui Diritti Civili del 1964 e la Legge sui Diritti Elettorali del 1965 provocarono un altro contraccolpo razzistico. Quando i democratici del Nord nel Congresso respinsero l’opposizione dei democratici segregazionisti del Sud alla approvazione della legge, il Partito Democratico si divise in due, e il Partito Repubblicano, guidato da Richard Nixon, adottò la famigerata “Strategia Sudista” per ottenere i voti dei razzisti bianchi nelle elezioni del 1968.

I sudisti bianchi passarono in massa dal Partito Democratico a quello Repubblicano, mentre il razzismo restava immutato. La Strategia Sudista venne seguita da nuove tattiche per la limitazione massiccia dei diritti di voto, quasta volta basandosi  sulla incarcerazione di una moltitudine di persone di colore per reati minori, o spesso anche per nessun reato, di conseguenza togliendo loro il diritto di voto – spesso per la vita.

Ma nel lungo termine la presa dei suprematisti bianchi sul potere americano è in un declino. Lo dimostrano le elezioni del 2008 e la rielezione di Obama del 2012, e l’elezione del 2020 della Vicepresidente Kamala Harris – la prima donna e la prima persona di colore ad ottenere quella carica. In risposta, Trump ha tentato spudoratamente di conservare il potere sovvertendo l’esito, prima cercando di convincere i dirigenti degli Stati repubblicani a falsificare i loro conteggi elettorali, poi cercando di impedire al Congresso di certificare i risultati.

Come il Centro Brennan per la Giustizia della Scuola di Diritto dell’Università di New York sta scrupolosamente documentando, la sconfitta di Trump ha portato ad una ondata di proposte di legge per la limitazione del diritto di voto – più di 250 in 43 Stati – promosse da legislatori repubblicani. Il Centro Brennan lo sintetizza in questo modo: “Queste proposte di legge renderanno più difficile votare, prenderanno di mira gli elettori di colore e avranno l’intento di veri e propri cambiamenti nei sistemi elettorali – come il voto per posta – che hanno permesso che le elezioni del 2020”, svoltesi nel corso di una pandemia, “non solo avessero luogo ma fossero possibili”.

Biden ha giustamente definito la nuova legge della assemblea legislativa controllata dai repubblicani della Georgia per restringere il dirittto di voto nello Stato un chiaro caso di “Jim Crow nel ventunesimo secolo”. Quindi, esattamente 160 anni dopo che gli Stati schiavisti del Sud fecero la secessione per conservare ed estendere la schiavitù e la supremazia bianca, ora gli Stati Uniti si ritrovano nella Terza Ricostruzione. La prima fu necessaria per porre fine alla schiavitù; la seconda per porre fine all’apartheid americano e la terza per porre fine alla repressione del diritto di voto e alla incarcerazione di massa (uno dei leader della Terza Ricostruzione, il reverendo William J. Barber II, ha scritto con lo stesso titolo un libro che descrive tali sfide con intensità).

Il razzismo americano è duro a morire, ma sta morendo. La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha appena approvato e spedito al Senato la più significativa legislazione sui diritti elettorali e di riforma politica dalla Legge sui Diritti di Voto. Questa legge, codice S.1 al Senato, creerebbe standard nazionali per facilitare la registrazione degli elettori e dei voti, includendo i voti anticipati e quelli per posta; rafforzerebbe le leggi federali contro la discriminazione degli elettori e ripristinerebbe i diritti di voto nelle elezioni federali dei pregiudicati che sono fuori di prigione. La legislazione farebbe anche vari passi importanti nella riforma dei finanziamenti elettorali.

Il Senato presto prenderà in esame la proposta S.1 e i senatori repubblicani che rappresentano la supremazia bianca cercheranno di liquidarla con l’ostruzionismo, che richiede che una proposta di legge ottenga 60 voti anziché una maggioranza semplice di 51. È la stessa tattica che i segregazionisti usarono per impedire le leggi sui diritti civili sino agli anni ’60, e che provarono ad usare senza successo negli anni ’60. I democratici, alla ricerca di seppellire una volta per tutte la supremazia bianca, non resteranno con le mani in mano mentre i razzisti cercano ancora di reprimere i voti della gente di colore. Più probabilmente il Senato cambierà le regole per impedire l’ostruzionismo in questa legislazione cruciale allo scopo di assicurare che siano finalmente garantite per tutti gli americani elezioni oneste – più di 230 anni dalla adozione della Costituzione degli Stati Uniti.

 

 

 

 

 

 

[1] Jim Crow non fu un personaggio storico, nel senso che il nome – collegato con l’epoca della legislazione razzistica – derivava semplicemente da Jump Jim Crow, una canzone del 1832 che era una caricatura dei neri americani. Quindi, quando il termine “Jim Crow” viene usato senza altre specificazioni, esso indica un’epoca storica caratterizzata dalle ‘Leggi Jim Crow’. Alla fine del Secolo diciannovesimo, il termine Jim Crow era nell’uso comune; applicato alle Leggi della segregazione comparve per la prima volta nel 1904 nel Dizionario di Inglese Americano.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"