Altri Economisti » Selezione della Settimana

La trappola di Biden, di Elizabeth Drew (da Project Syndicate, 16 ottobre 2021)

 

Oct 16, 2021

Biden’s Trap

ELIZABETH DREW.

zz 188

WASHINGTON, DC – When the election gods handed Joe Biden the presidency in 2020, they set a trap that he walked right into. The question – one that could define his presidency and affect the 2024 presidential election – is whether he can escape the trap formed by the narrow margins the Democratic Party has in both chambers of Congress. Along with the presidency, Biden was handed a 50-50 vote in the Senate, with the deciding vote to be cast by Vice President Kamala Harris, and an eight-vote margin in the House of Representatives. Thus, one Democratic Senator or four Democratic Representatives can block any Biden initiative.

Notwithstanding this, Biden proposed the expansion or initiation of numerous domestic programs, with improvements to the “social safety net” and environmental efforts, including:

  • expanded child tax credits;
    • child-care assistance;
    • expanded Medicaid coverage, and Medicareto include eye, hearing, and dental care;
    • allowing Medicare to negotiate prescription drug prices with drug companies;
    • home health-care coverage;
    • two tuition-free years of community college;
    • universal pre-kindergarten for three- and four-year-olds; and
    • aggressive efforts to combat climate change.

Most of these programs are popular. Combatting climate change has more Democratic than Republican support, and the White House wants it badly because Biden will attend the UN climate-change summit (COP26) in Glasgow on October 31. This may have been what led House Speaker Nancy Pelosi to set the October 31 deadline for Congress to pass the “human infrastructure/climate” bill.

The $3.5 trillion cost of programs on the scale Biden envisaged appeared to be high. Spread over ten years, it amounted to $350 billion annually, a less alarming amount (though the White House failed to communicate this effectively). Earlier estimated costs of the package had placed it at between $6 and $10 trillion, largely because Senator Bernie Sanders, the most left-leaning senator, is chairman of the Senate Budget Committee. Still, $3.5 trillion had the appearance of being a negotiable number.

But in settling on such an apparently high overall number, did Biden and his aides overlook the fact that, of the 50 Democratic senators, at least two couldn’t be counted upon to go along with such a sum? Joe Manchin, the Democratic senator from West Virginia, which has been turning Republican, is believed to be the only Democrat who can carry the state. He won it in 2018 by 3.3 percentage points. By contrast, Donald Trump won West Virginia in the 2016 presidential election by 42 points. Though Manchin is the most conservative Senate Democrat, his party has a strong interest in him winning re-election in 2024 if it is to maintain control of the Senate.

The other unreliable vote is that of Kyrsten Sinema, a Democrat from Arizona and a mystery to her Senate colleagues. Once a radical leftist, she’s now right of center. So far as is known, Sinema has resisted telling almost anyone how she wants the human infrastructure/climate provisions changed – though she says she’s told the president, who has met with Manchin and Sinema several times. Further vexing the Democrats’ leaders, the two rebels are understood to want different things. White House impatience with Sinema is growing.

Though Biden served as President Barack Obama’s vice president, he apparently failed to learn the lesson of Obama’s health-care initiative. Obama and his aides did a poor job of explaining what was in their proposal, which gave the Republicans an opportunity to speak of “socialized medicine” and “death panels.” Similarly, most of what the public now understands of Biden’s package is that it was to cost $3.5 trillion. The president maintains that the package can be paid for by raising taxes on the super-wealthy and businesses, but not everyone is convinced.

The social welfare-climate program is being considered as a “reconciliation” bill because it would be passed under a Senate procedure that requires a majority vote rather than the 60 votes needed to overcome a filibuster. This was necessary because there are not ten Republican votes to add to the 50 Democratic votes (or 49 plus Harris). So, if Manchin or Sinema opposes the proposed bill, it would fail, a crushing blow to Biden. Manchin, who represents a coal-mining state and has grown rich from holdings in coal mines, has reportedly vetoed the clean-air provisions, which will likely force a rewrite of the bill.

Almost simultaneously, another proposed bill, composed of “hard” infrastructure programs – building or repairing roads, bridges, tunnels, ports, levees and waterways, as well as the delivery of clean drinking water – was moving forward. The hard infrastructure program, costing a little over $1 trillion, has bipartisan support: nineteen Senate Republicans voted for it. Few politicians want to turn down such a boon to their constituents.

The coexistence of these two programs deepened divisions within both parties. Though moderate Republicans are nearly extinct, the Democrats are deeply divided, particularly in the House. Almost no right-wing Democrats remain nowadays, as members who held such views became Republicans. The Democratic caucus in each chamber is dominated by liberals – which led them to display little interest in negotiating with the moderates. But when Biden indicated that he would go for a smaller number out of necessity, they became more open to compromise. The liberal Democrats don’t trust the party’s moderates to keep their word about supposed agreements, such as whether they’d support the “human infrastructure/climate” program in certain circumstances.

One reason for the divide is that these two groups have different constituencies. Those on the left have little reason to worry about re-election as opposed to members from “swing” districts. The disagreements have prevented progress on the “human infrastructure/climate” bill as well as on the timing of congressional consideration of both bills. This stalemate has also contributed to an impression of a hapless president. Biden’s team is aware that his presidency may be at stake. So, too, is the Democrats’ tenuous control of Congress.

But something even more important is at risk. Though there were other factors, the sense – particularly among the middle class – that the government is incapable of acting in their interest is widely understood to have fueled Donald Trump’s 2016 victory. With Trump now hovering on the brink of another presidential race (unless his legal problems prove insurmountable), and likely obtaining almost unhindered power if he wins, something far more than two federal programs is riding on the legislative outcome. America’s democracy is also endangered.

 

La trappola di Biden,

di Elizabeth Drew

 

WASHINGTON, DC – Quando le divinità elettorali consegnarono a Joe Biden la Presidenza nel 2020, predisposero una trappola nella quale egli sarebbe finito diritto. La domanda – quella che potrebbe marcare la sua Presidenza ed influenzare le elezioni presidenziali del 2024 – è se potrà sfuggire alla trappola consistente nei margini stretti che il Partito Democratico ha in entrambi i rami del Congresso. Assieme alla Presidenza, a Biden è stato consegnato un rapporto 50 a 50 nei voti del Senato, con il voto decisivo assegnato alla Vice Presidente Kamala Harris, e un margine di otto voti alla Camera dei Rappresentanti. Quindi, un Senatore democratico o quattro Rappresentanti democratici possono bloccare ogni iniziativa di Biden.

Nonostante questo, Biden ha proposto l’espansione o l’avvio di molti programmi nazionali, con miglioramenti alle “reti della sicurezza sociale” e impegni ambientali, che includono:

– una espansione dei crediti di imposta per i figli,

– assistenza nei servizi all’infanzia:

– un ampliamento della copertura di Medicaid e di Medicare per includere la cura degli occhi, dell’udito ed odontoiatrica;

– la copertura della assistenza sanitaria domestica;

– due anni di centri di formazione professionale senza rette;

– scuole materne per tutti i bambini di tre e quattro anni;

– e un impegno aggressivo per combattere il riscaldamento climatico.

Per la maggior parte, questi programmi hanno ampio consenso. Combattere il riscaldamento climatico ha maggiore sostegno tra i democratici che tra i repubblicani, e la Casa Bianca lo vuole tantissimo perché Biden sarà presente al summit sul riscaldamento climatico delle Nazioni Unite (COP26) a Glasgow il 31 ottobre. Questo può aver spinto la Presidente della Camera Nancy Pelosi a fissare per il 31 ottobre la scadenza per la approvazione da parte del Congresso della proposta di legge su “le infrastrutture umane e il clima” [1].

Il costo di 3.500 miliardi dei programmi nella dimensione immaginata da Biden è sembrato elevato. Distribuiti in dieci anni, esso corrisponde a 350 miliardi all’anno, una quantità meno allarmante (sebbene la Casa Bianca non sia riuscita a comunicarlo con efficacia). Le prime stime dei costi del pacchetto lo avevano collocato tra i 6 mila ed i 10 mila miliardi, in gran parte perché il Senatore Bernie Sanders, il Senatore maggiormente orientato a sinistra, è Presidente della Commissione Bilancio del Senato. Eppure, 3.500 miliardi sembravano essere un numero negoziabile.

Ma nel fissare un dato complessivo apparentemente elevato, Biden ed i suoi collaboratori potrebbero aver trascurato il fatto che, dei 50 Senatori democratici, almeno due non possano essere considerati disponibili ad aderire ad una somma del genere? Joe Manchin, il Senatore democratico della Virginia Occidentale, che è venuto orientandosi verso i repubblicani, si ritiene che sia l’unico democratico nella condizioni di conquistare lo Stato. Nel 2018 egli vinse per 3,3 punti percentuali. All’opposto, Donald Trump conquistò nelle elezioni presidenziali del 2016 la Virginia Occidentale per 42 punti [2]. Sebbene Manchin sia il democratico più conservatore del Senato, il suo partito ha un forte interesse che egli ottenga la rielezione nel 2024, se questo serve a mantenere il controllo del Senato.

Un altro voto su cui non si può contare è quello di Kristen Sinema, una democratica dell’Arizona ed un mistero per i suoi colleghi del Senato. Un tempo radicale di sinistra, adesso ella si colloca sulla destra del centro. Per quanto si sa sino ad ora, la Sinema ha evitato di dire quasi a tutti come voglia che siano cambiate le previsioni in materie di infrastrutture umane e clima – sebbene ella riferisca di averlo detto al Presidente, che si è incontrato con Manchin e la Sinema varie volte. Ulteriormente irritante per i dirigenti democratici, si è compreso che i due ribelli vogliono cose diverse. L’impazienza della Casa Bianca con la Sinema è crescente.

Sebbene Biden abbia collaborato col Presidente Barack Obama come Vice Presidente, sembra che egli non sia riuscito ad apprendere la lezione dell’iniziativa di Obama sull’assistenza sanitaria. Obama e i suoi collaboratori fecero un lavoro modesto di spiegazione di cosa conteneva la loro proposta, il che diede ai repubblicani una opportunità per parlare di “medicina socializzata” e di “giurie delle morte” [3]. In modo analogo, la maggior parte di quello che oggi l’opinione pubblica intende del pacchetto di Biden è che esso finirà col costare 3.500 miliardi. Il Presidente insiste che il pacchetto può essere pagato elevando le tasse sui super ricchi e sulle imprese, ma non tutti ne sono persuasi.

Il programma sull’assistenza e sul clima viene considerato come una proposta destinata all’istituto della “riconciliazione”, perché sarebbe approvato sulla base di una procedura del Senato che prevede un voto di maggioranza semplice anziché i 60 voti necessari per superare l’ostruzionismo. Questo è stato necessario perché non ci sono dieci voti repubblicani da aggiungere ai 50 voti democratici (ovvero, ai 49 voti più quello della Harris). Dunque, se Manchin o Sinema si oppongono alla proposta di legge, essa verrebbe bocciata, un colpo devastante per Biden. Manchin, che rappresenta uno Stato con attività estrattive dei carbone ed è diventato ricco col possesso di miniere di carbone, da quanto si sa ha messo il veto sulle misure ambientalistiche, il che probabilmente costringerà ad un riscrittura della proposta.

Quasi simultaneamente, un’altra proposta di legge, consistente di programmi infrastrutturali “materiali” – costruzione o riparazione di strade, di ponti, di tunnel, di porti, di dighe e di canali, così come la fornitura di acqua pulita potabile – stava procedendo. Il programma ‘materiale’ delle infrastrutture, con un costo un po’ superiore a mille miliardi di dollari, ha un sostegno bipartisan. Diciannove senatori repubblicani l’hanno votato. Pochi repubblicani sono disposti a respingere una tale manna per le loro basi elettorali.

La coesistenza di questi due programmi ha approfondito le divisioni all’interno dei due partiti. Per quanto i repubblicani moderati siano quasi estinti, i democratici sono profondamente divisi, particolarmente alla Camera. Al giorno d’oggi non resta quasi nessun democratico di destra, dato che i componenti che hanno opinioni del genere diventano repubblicani. Il raggruppamento democratico in ciascun ramo del Congresso è dominato dai progressisti – il che li porta a mostrare poco interesse nella negoziazione con i moderati. Ma quando Biden ha indicato che in caso di necessità egli avrebbe sarebbe stato disposto ad un numero più piccolo [4], sono diventati più aperti al compromesso. I democratici  progressisti non credono che i moderati del partito manterrebbero la loro parola su presunti accordi, quale quello per il quale avrebbero sostenuto in certe circostanze il programma delle “infrastrutture umane e del clima”.

Una ragione della divisione è che questi due gruppi hanno diverse basi elettorali. Quelli di sinistra hanno poche ragioni di preoccuparsi sulla rielezione, all’opposto dei componenti che vengono da distretti elettorali “oscillanti” [5]. I disaccordi hanno impedito ogni progresso sulla proposta di legge delle “infrastrutture umane e del clima” come sulla calendarizzazione della valutazione del Congresso su entrambe le proposte di legge. Questo stallo ha anche contribuito a dare una impressione di un Presidente poco fortunato. La squadra di Biden è consapevole che può essere in gioco la sua Presidenza.   Da ciò, anche, il modesto controllo del Congresso da parte dei democratici.

Ma c’è qualcosa di più importante a rischio. Per quanto ci siano stati altri fattori, è largamente riconosciuto che la sensazione che il Governo non sia capace di agire nel proprio interesse – particolarmente  tra le classi medie – abbia alimentato la vittoria di Donald Trump nel 2016. Con Trump che adesso si accinge ad un’altra competizione presidenziale (a meno che i suoi problemi legali si rivelino insormontabili), e la probabilità di ottenere in caso di vittoria un potere quasi privo di impedimenti, c’è qualcosa di molto superiore che è in gioco sul risultato legislativo, che non due programmi federali. Anche la democrazia americana è in pericolo.

 

 

 

 

 

[1] Il riferimento alla “infrastrutture umane” – in apparenza un po’ ostico – può essere facilmente compreso sulla base dei vari articoli che Krugman ha di recente pubblicato sul tema della importanza del considerare gli aiuti sociali – in particolare verso i bambini – come un aspetto della politica “infrastrutturale”, ovvero del potenziamento della  produttività e delle resilienza della società americana, in termini di diffusione dell’istruzione e della assistenza sanitaria. In questi mesi in America c’è stato un forte scontro su questi aspetti, con i repubblicani che hanno insistito per circoscrivere gli interventi infrastrutturali solo alle infrastrutture ‘materiali’ (“hard”).

[2] In effetti, per quanto possa sembrare incredibile, gli elettori della Virginia Occidentale nel 2016 – l’anno della vittoria di Trump su Hillary Clinton – conquistò i voti dei virginiani con un 68,63 per cento, contro un 26,48 per cento della Clinton. Gli stessi elettori, solo due anni dopo, diedero al democratico Manchin la vittoria col 49,6 per cento dei voti, contro il 46,3 per cento al repubblicano Patrick Morrisey.

[3] Anche qua, l’espressione è stata varie volte utilizzata e spiegata nelle nostre note su articoli di Krugman sulla riforma sanitaria di Obama.

[4] Suppongo che il “numero” si riferisca al costo complessivo del suo programma (sul quale, come si è visto, hanno circolato le congetture più varie).

[5] I distretti “swing” sono quelli perennemente variabili tra maggioranze democratiche o repubblicane.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"