Altri Economisti » Selezione della Settimana

Transitare indenni, di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 13 dicembre 2021)

 

Monday, 13 December 2021

Cutting through

 Simon Wren-Lewis

zzz 88

Legislation going through parliament at the moment is the most regressive and repressive that I can remember from a social liberal’s point of view. The right to peaceful protest without being arrested effectively endedCriminalising refugees, and those in lifeboats saving them in the channel. Those born overseas or dual nationals will soon be able to be deported at the will of Priti Patel, without notice, which affects 6 million UK citizens. The government also wants to have the ability to override any legal decision it doesn’t like.

With a new COVID variant about to lead to an explosion of UK cases, the government is once again being totally inept at preparing for it. Christmas parties are absolutely fine, says Boris Johnson, while the education secretary says he thinks masks in schools may harm learning (which is nonsense – what harms learning is being away from school after catching COVID). This government continues to do nothing about ventilation in schools.

But it wasn’t any of these things that shifted the polls dramatically in favour of Labour over the last week. Instead it was the year old video tape of the then press secretary to the Prime Minister nervously giggling about a recent Christmas party, a party that a year later the Prime Minister was denying the existence of to the Commons.

It’s not hard to see why this footage had such a big impact. People remember the hardships they suffered following the government’s rules last year as the Delta wave gathered steam, and some have relatives who died from that wave. Christmas parties were banned in London, and the idea that those in No.10 were ignoring the restrictions they themselves had imposed seemed outrageous (as it was). Seeing the press secretary laughing about how they would try and pretend it hadn’t happened illustrated the gulf between the people suffering (and people dying alone) and the apparent indifference to rule breaking in No.10.

It is also interesting that, like the Patterson case I wrote about here, it was the broadcast media that took the lead in making most people aware of this rather than the right wing press. Unlike Patterson it took the Mail (under a new editor) a day to put it on the front page, and then as part of the right wing newspapers’ ongoing moan about any COVID rules at all. In contrast the Sun decided it was a non-story.

Objectively, the issue of a Christmas party is trivial compared to the many tens of thousands of COVID deaths caused by Johnson’s ineptitude at handling the pandemic. But cut through about Conservative sins depends on what appears on the 6 or 10 o’clock news. You will not find anywhere in those news programmes a clear statement that Johnson is responsible for so many deaths. Nor, crucially, will you find much about the issues I listed in my first paragraph. Because the news programmes were not able to ‘balance’ the pictures of Johnson’s press secretary, and because partygate was an insult to everyone, that issue cut through.

Of course everyone reading this blog does not need the 10 o’clock news to alert them to what Johnson is doing. You read a newspaper like the Guardian, Mirror or Financial Times, and probably have many other sources of information. But you are in the minority among voters. Most Tory voters just have these peak time News programmes (probably the BBC) and their right wing newspaper which heavily filters the news. They needed proof that Johnson and those working for him believe they can do what they like, and now they have it.

This Christmas party episode is a perfect example of something I talked about here, The problem for figures like Trump and Johnson is that they get tripped up by their own excesses (in the eyes of the public) or the excesses they encourage in others. Trump encouraged a coup, and his supporters obliged. Johnson encouraged an attitude among those working at No.10 that they, like himself, didn’t need to follow the rules they were proscribing for the public, and they went ahead with parties that others got fined for holding.

Since Johnson became Prime Minister, he and those around him have behaved in an outrageous manner, and have survived only through Johnson’s charm and media bias. The government couldn’t help itself by allowing friends to profit from the PPE crisis its predecessors had created, and from the test and trace programme. Johnson couldn’t help himself regularly putting donors in the Lords, and keeping ministers in place who were found to have broken the ministerial code. It was very likely that one day something similar would break through the shield created by half the press and a timid BBC, such that the public would finally see what Johnson and his entourage were like.

Will this be a flash in the pan? In the short term certainly not. Johnson still hasn’t admitted one party took place, let alone the half dozen or more that happened. The more Johnson sacrifices some former employees to save his own skin, he risks creating individuals who will find the odd photograph to leak to the media. [This was written last Friday and Saturday, and by Sunday it had already happened.] Into the medium term, the task for Labour is to keep reminding voters how they felt when seeing that footage of the Prime Minister’s press secretary. Unlike the Conservatives, they will not have the help of half the media doing it for him.

The problem the Conservatives have beyond the next month is that this episode, along with continuing corruption stories, may have permanently tarnished Johnson’s image among the electorate. With plenty of scandal still in play, this will not go away. Johnson’s charm that took in a large number of the electorate may no longer work its magic. In addition, a broadcast media may be less deferential to a leader whose days seem numbered.

More and more Tory MPs may come to think that their best bet of getting a majority in the next election is to have a new leader who comes with a honeymoon period, and combine that with an early election. After all, many of them only voted for Johnson as leader because in 2019 they were in a Brexit/Farage sized hole and only he could get them out of it. His job done, he could easily be cast aside and everything bad that subsequently comes to the public’s attention can be laid at his door, as Johnson himself once did to those that came before him.

If partygate does prove to be the downfall of Johnson, I think there will be some poetic justice there. Of all the bad things that Johnson has done in such a short time, his complete failure over the pandemic is the worst in terms of lives lost. Not many national leaders are responsible for allowing nearly 100,000 of their own citizens to die outside wartime, and those that did are not remembered fondly. From embracing herd immunity to delayed lockdowns to ‘freedom day’, he has refused to learn from his mistakes or his scientific advisors because of his lifelong ego-libertarian views. Alas too many of his own MPs share similar views, so we will not return to sanity until some other group of parties govern this country.

 

Transitare indenni [1],

di Simon Wren-Lewis

 

Le leggi che in questo momento passano dal Parlamento sono, da un punto di vista social-liberale, le più regressive e repressive che io ricordi. Il diritto  manifestare pacificamente senza essere arrestati, di fatto non c’è più. Si criminalizzano i rifugiati e coloro che salvano loro la vita nel Canale con le scialuppe. Coloro che sono nati all’estero o hanno due nazionalità sarà presto possibile che siano deportati, senza preavviso, a piacimento di Priti Patel [2], la qual cosa interessa 6 milioni di cittadini del Regno Unito. Il Governo vuole anche avere il potere di annullare qualsiasi decisione legale non di suo gradimento.

Con una nuova variante Covid prossima a fare esplodere i casi nel Regno Unito, il Governo si sta ancora una volta mostrando inetto nel prepararsi. Boris Johnson dice che le feste di Natale non hanno assolutamente  alcun problema, mentre il Segretario all’Educazione dice di pensare che le mascherine nelle scuole possono essere dannose per l’apprendimento (il che è un nonsenso – quello che danneggia l’apprendimento è starsene fuori dalle scuole dopo aver preso il Covid). E questo Governo continua a non far niente sulla ventilazione nelle scuole.

Ma non è stato niente di questo che ha spostato in modo spettacolare i sondaggi a favore del Labour nel corso della settimana passata. Piuttosto è stata una video cassetta dell’anno scorso dell’allora addetto stampa  del Primo Ministro, che nervosamente ridacchiava su una recente festa natalizia, un festa della quale il Primo Ministro stava negando l’esistenza alla Camera dei Comuni un anno dopo.

Non è difficile vedere per quale motivo questo filmato abbia avuto un così grande impatto. Le persone si ricordano le sofferenze che hanno patito nel seguire l’anno passato le regole del Governo nel mentre la variante Delta accumulava energia, e alcuni hanno avuto parenti morti per quell’ondata. Le feste di Natale erano state messe al bando a Londra, e l’idea che gli inquilini del n. 10 [3] stessero ignorando le restrizioni che essi stessi avevano imposto sembra scandalosa (come in effetti è stata). Vedere l’addetto stampa che se la ride per come avrebbero cercato di far finta che niente fosse accaduto, ha mostrato l’abisso tra la sofferenza delle persone (e delle persone che muoiono da sole) e l’apparente indifferenza alla violazione delle regole al n. 10 di  Downing Street.

È anche interessante che, come nel caso Patterson del quale ho scritto in questa connessione [4], siano stati i media radiotelevisivi ad assumere l’iniziativa di mettere al corrente di tutto ciò la maggioranza dei cittadini, piuttosto che la stampa della destra. A differenza dal caso Patterson, al Mail c’è voluto un giorno (con un nuovo editore) per metterlo in prima pagina, per poi trasferirlo nella infinita lamentela della stampa della destra praticamente su tutte le regole per il Covid. All’opposto, il Sun ha deciso che era un storia da non raccontare.

Obiettivamente, il tema del party natalizio è banale se confrontato alle molte decine di migliaia di morti da Covid provocate dalla inettitudine di Johnson nel gestire la pandemia. Ma che i conservatori transitino indenni attraverso i loro peccati dipende da quello che appare nei notiziari delle 18 o delle 20. Non troverete da nessuna parte in quei notiziari qualcosa che affermi che Johnson è responsabile di tante morti. Neppure troverete fondamentalmente granché sui temi che ho elencato nel mio primo paragrafo. Ma dato che i notiziari non erano capaci di “bilanciare” le immagini dell’addetto stampa di Johnson, e dato che il partygate [5] era un insulto per tutti, quel tema ha “bucato” l’informazione.

Ovviamente, chiunque legge questo blog non ha bisogno dei notiziari delle 20  per essere edotti su quello che sta facendo Johnson. Questi leggono giornali come il Guardian, il Mirror o il Financial Times, e probabilmente hanno molte altre fonti di informazione. Ma tra gli elettori sono una minoranza. La maggioranza degli elettori conservatori hanno questi notiziari dell’ora di punta (probabilmente la BBC) e i loro giornali della destra che filtrano pesantemente le informazioni. Avevano bisogno della prova che Johnson e quelli che lavorano per lui credono di poter fare quello che vogliono, e adesso ce l’hanno.

L’episodio della festa di Natale è un esempio perfetto di qualcosa di cui ho parlato in un’altra circostanza. Il problema in personaggi come Trump e Johnson è che essi finiscono con l’inciampare nei loro stessi eccessi (agli occhi dell’opinione pubblica) oppure negli eccessi che incoraggiano negli altri. Trump ha incoraggiato una rivolta e i suoi sostenitori l’hanno soddisfatto. Johnson ha incoraggiato una inclinazione tra coloro che lavorano al n. 10 secondo la quale essi, come lui stesso, non avevano bisogno di stare alle regole che stavano prescrivendo ai cittadini, e che potevano andare avanti con intrattenimenti per i quali gli altri venivano multati.

È da quando Johnson è diventato Primo Ministro che lui e quelli che gli stanno attorno si sono comportati in maniera scandalosa, e sono sopravvissuti soltanto per l’attrattiva che suscita Johnson e per la tendenziosità dei media. Il Governo non ha saputo resistere nel permettere ai suoi amici di trarre profitto dalla crisi del PPE [6] e dal programma dei test e dei tracciamenti   che i suoi predecessori avevano creato . Johnson non ha saputo resistere nel collocare regolarmente i propri donatori alla Camera dei Lord, e nel mantenere al proprio posto i ministri che si era scoperto avevano violato il codice etico ministeriale. Era molto probabile che un giorno qualcosa di simile avrebbe infranto lo scudo che metà della stampa e una timida BBC avevano creato, cosicché l’opinione pubblica alla fine si sarebbe accorta della vera natura di Johnson e del suo entourage.

Questo sarà un fuoco di paglia? Nel breve termine, sicuramente no. Johnson ancora non ha ammesso che ci fosse stata una festa, per non dire di mezza dozzina o più di cose che sono capitate. Più Johnson sacrifica alcuni suoi passati dipendenti per salvare la propria pelle, più egli rischia di generare soggetti che troveranno la foto giusta da far arrivare ai media [questo era stato scritto venerdì e sabato, e domenica era già successo]. Nel medio termine, l’obbiettivo per il Labour è di fare in modo che gli elettori non si scordino di come si sono sentiti quando hanno visto il filmato dell’addetto stampa del Primo Ministro. Diversamente i conservatori non avranno l’aiuto dei media nel farlo al suo posto.

Il problema che i conservatori avranno, passato il prossimo mese, è che questo episodio, assieme alle perduranti storie di corruzione, possono aver danneggiato in permanenza l’immagine di Johnson nell’elettorato. Con una quantità di scandali ancora in essere, tutto ciò non scomparirà. Il fascino che Johnson ha esercitato in un gran numero di elettori potrebbe non far più la sua magia. In aggiunta, un media radiotelevisivo potrebbe essere meno ossequioso verso un leader i cui giorni appaiano contati.

Sempre più parlamentari  conservatori possono arrivare a pensare che la loro migliore scommessa di ottenere una maggioranza nelle prossime elezioni sia avere un nuovo leader assieme ad un periodo di ‘luna di miele’, e accompagnarlo con elezioni anticipate. Dopo tutto, molti di loro avevano votato Johnson come leader solo perché nel 2019 erano in un buco delle dimensioni della Brexit e di Farage, e solo lui poteva tirarli fuori. Una volta fatto il suo lavoro, egli potrebbe facilmente essere scaricato e tutte le cose negative che conseguentemente arriveranno all’attenzione dell’opinione pubblica possono essere fatte ricadere su di lui, come lui un tempo fece con quelli che lo avevano preceduto.

Se il ‘partygate’ davvero si dimostra essere il tracollo di Johnson, penso che in quel caso ci sarà stata una qualche giustizia divina [7]. Di tutte le cose negative che Johnson ha fatto in un così breve tempo, il suo completo fallimento sulla pandemia è stato la peggiore in termini di vite perdute. Non molte autorità nazionali sono responsabili di aver permesso che quasi 100.000 loro cittadini morissero fuori da tempi di guerra, e coloro che l’anno fatto non sono ricordati con affetto. Dall’abbracciare l’immunità di gregge al posporre i lockdown al “giorno della libertà”, ha rifiutato di imparare dai suoi errori o dai suoi consiglieri scientifici, a favore dei suoi punti di vista da sempre ‘ego-libertariani’. Purtroppo troppi dei suoi parlamentari condividono punti di vista simili, cosicché non torneremo alla salute mentale finché un’altra coalizione di partiti non governerà questo paese.

 

 

 

 

 

[1] “Cut through” significa “attraversare qualcosa tagliandolo”, o anche semplicemente “darci un taglio” o “andare diretti passando attraverso qualcosa”. Nel contesto di questo articolo, “transitare indenni” mi pare una traduzione un po’ libera ma plausibile, nella misura i cui si intenda che il “tagliare attraverso” è un beneficio dei governanti conservatori, un vantaggio di cui essi godono per una informazione che manipola i fatti.

Quando invece si dice – come pochi paragrafi più avanti – che una particolare questione “cut through”, penso si intenda semplicemente dire che essa è ‘transitata attraverso’, ovvero che ha “bucato” le reti dell’informazione.

Quindi, il modo in cui scelgo di tradurre il titolo dell’articolo, dipende solo dal fatto che, in riferimento all’articolo nel suo complesso, mi pare prevalga il primo possibile significato sul secondo.

[2] Esponente del Partito Conservatore, dal luglio 2019 Segretaria di Stato per gli affari interni del Regno Unito.

[3] Il numero civico della residenza del Primo Ministro, in Downing Street.

[4] Ian Patterson è un chirurgo di 59 anni dell’area metropolitana di Manchester, che nella sua carriera ha operato migliaia di pazienti per tumori al seno. Nei confronti di 10 di questi pazienti è stato giudicato responsabile di patente esagerazione o invenzione dei rischi del cancro, allo scopo di convincerli ad operazioni chirurgiche inutili in una struttura privatistica, e condannato a 15 anni di carcere. Peraltro si sospetta che i danneggiati che ancora potrebbero richiedere un risarcimento possano essere stati centinaia. La connessione è nel testo inglese.

[5] Nel linguaggio politico statunitense, il termine “gate” – che significherebbe soltanto “cancello” – è diventato sinonimo di scandalo della politica a seguito della vicenda che alla fine provocò le dimissioni del Presidente Nixon, passata alla storia come  “Watergate”. In quel caso il “(Water) gate” era soltanto il toponimo di un complesso edilizio di Washington, ma da allora è una specie di suffisso che accompagna ogni clamorosa vicenda di malversazione politica (come, ad esempio, nel caso dell’Irangate, che coinvolse massimi dirigenti della Amministrazione Reagan in un traffico illegale di armi tra l’Iran ed i ‘contras’ del Nicaragua). In questo caso abbiamo il “partygate”, lo scandalo della festa natalizia.

[6] Acronimo per “Attrezzature di protezione personale”, che sembra abbiano provocato un altra vicenda scandalosa nei primi tempi della pandemia, a seguito di un contratto ‘pilotato’ dal Governo britannico a favore di un certo numero (47) imprese che hanno goduto di facilitazioni col pretesto dell’emergenza

[7] La soluzione viene suggerita in un lungo ‘forum’ sul dizionario Wordreference. In italiano “giustizia poetica” non avrebbe un gran senso.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"