Letture e Pensieri sparsi, di Marco Marcucci

Bucharin e le NEP fallite. Novembre 2022.

bucharinBucharin e e NEP fallite

In alcuni interventi, Branko Milanovic ha posto l’interrogativo di quanto, nella storia russa, sia stato decisivo il rapido fallimento, nei primi anni ’20, della NEP (la Nuova Politica Economica) ed ha osservato come quel fallimento abbia segnato la diversità tra la storia dell’URSS e la storia cinese degli ultimi decenni. È un suggerimento che in apparenza può sembrare un po’ ardito: quanto significato può racchiudere il confronto tra alcuni anni drammatici della storia russa degli inizi del secolo scorso, con eventi successivi di circa cento anni, in un mondo completamente cambiato? La biografia politica di Nikolai Ivanovic Bucharin di Stephen F. Cohen – un libro pubblicato ormai mezzo secolo fa, nel 1971 - ci consente di studiare quel tema, forse anche di ‘viverlo’ con qualche emozione, considerato che fu quel rivoluzionario russo a concepire nel modo più conseguente quella svolta, a contribuire a determinarla ed a pagarne in seguito il prezzo con la vita, al momento del rovesciamento di quella politica sotto Stalin. In effetti, non si tratta soltanto di una ‘biografia politica’, ovvero non soltanto di una storia personale; è una storia impressionante di idee, del modo in cui si svilupparono in una contraddizione continua e di solito onestamente riflettuta con alcune delle loro premesse e con drammatici condizionamenti reali, finché non andarono a sbattere, peraltro con una dignità e coerenza quasi unica tra i molti che subirono la stessa sorte, contro un plotone di esecuzione staliniano. Il libro lo vedete qua accanto e, forse, lo si trova ancora, almeno sui mercati dell’usato. (prosegue nell'interno)

Selezione degli articoli dell’ultimo mese

Editoriali di Paul Krugman sul New York Times

Come i democratici possono combattere questo Partito Repubblicano, di Paul Krugman (New York Times, 21 novembre 2022)

Trump è debole, ma il Partito Repubblicano è più debole, di Paul Krugman (New York Times, 14 novembre 2022)

Due evviva per l’economia di Biden, di Paul Krugman (New York Times, 10 novembre 2022)

Una America del MAGA sarebbe preoccupante, di Paul Krugman (New York Times, 7 novembre 2022)

I prezzi della benzina segneranno il destino della democrazia? Di Paul Krugman (New York Times, 20 ottobre 2022)

Prepararsi al ricatto repubblicano sul debito, di Paul Krugman (New York Times, 17 ottobre 2022)

Quando il commercio diventa un’arma, di Paul Krugman (New York Times, 13 ottobre 2022)

Seguendo la tempesta economica in arrivo, di Paul Krugman (New York Times, 6 ottobre 2022)

Come Liz Truss ha fatto tanto danno in così pochi giorni, di Paul Krugman (New York Times, 3 ottobre 2022)

La Fed sta frenando con troppa forza? Di Paul Krugman (New York Times, 27 settembre 2022)

La guerra, l’inflazione e la credibilità dilapidata, di Paul Krugman (New York Times, 22 settembre 2022)

Chi ha paura dell’Indice dei Prezzi al Consumo? Di Paul Krugman (New York Times, 15 settembre 2022)

L’economia di guerra arriva in Europa, di Paul Krugman (New York Times, 8 settembre 2022)

Sui dittatori e sui surplus commerciali, di Paul Krugman (New York Times, 22 agosto 2022)

Finalmente, qualche buona notizia sull’inflazione, di Paul Krugman (New York Times, 11 agosto 2022)

I democratici hanno davvero salvato la civiltà? Di Paul Krugman (New York Times, 8 agosto 2022)

La riduzione dell’inflazione può salvare il pianeta? Di Paul Krugman (New York Times, 1 agosto 2022)

Perché i mercati sono tanto indifferenti alle cattive notizie sull’inflazione, di Paul Krugman (New York Times, 14 luglio 2022)

Le criptovalute stanno crollando. Dov’erano I regolatori? Di Paul Krugman (New York Times 11 luglio 2022)

Quella era la stagflazione che era, di Paul Krugman (New York Times, 7 luglio 2022)

Archivio Editoriali